Malattia di Lyme e zecche: foto, sintomi, durata e cura

Ultimo Aggiornamento: 1819 giorni

Link sponsorizzati

Introduzione

La malattia di Lyme è un’infezione provocata dal batterio Borrelia burgdorferi. Questo batterio usualmente si trova negli animali come topi e cervi. Le zecche Ixodes possono infettarsi con i batteri quando mordono un animale infetto, per poi trasmetterlo ad una persona che può così contrarre la malattia di Lyme.

Le zecche vivono nell’erba e negli arbusti e si ancorano a un habitat accogliente quando lo attraversano. Le zecche sono piccole e difficili da vedere, le più piccole o le più giovani hanno la stessa dimensione di un seme.

La maggior parte dei casi di malattia di Lyme segnalati riguarda il Nord Est, il Midwest superiore, le zone costiere e del Pacifico degli Stati Uniti perché dette regioni sono quelle in cui le zecche tendono a vivere.

Foto

Photo Credit:

  • http://en.wikipedia.org/wiki/File:Bullseye_Lyme_Disease_Rash.jpg
  • http://nl.wikipedia.org/wiki/Bestand:Erythema_migrans_-_erythematous_rash_in_Lyme_disease_-_PHIL_9875.jpg
  • http://en.wikipedia.org/wiki/File:Lymebite.png

Sintomi

La malattia di Lyme può interessare la pelle, le giunture, il sistema nervoso ed altri apparati. I sintomi e la loro gravità variano da persona a persona. I sintomi della malattia di Lyme si presentano in tre stadi, sebbene non tutti i pazienti li attraversino tutti:

  1. Di solito il primo sintomo dell’infezione è un’eruzione di forma circolare, chiamata erythema migrans (vedi la prima e la seconda foto), che appare entro 1-2 settimane dall’infezione, ma si può manifestare fino a 30 dopo giorni dal morso della zecca. Questa eruzione ha spesso una forma simile ad un bersaglio, un’ombra centrale rossa circondata da pelle di colore chiaro che è attorniata da uno sfogo rosso esteso. Può anche manifestarsi come un cerchio esteso di un intenso rossore, visibile nella terza foto. Potrebbe essere caldo al tatto e solitamente non è doloroso e non prude. L’eruzione a forma di bersaglio si potrebbe notare difficilmente in persone con una pelle scura, dove potrebbe essere scambiato per un livido. L’eruzione usualmente scompare nell’arco di un mese. Anche se questo sfogo è considerato tipico della malattia di Lyme, molti pazienti non lo presentano mai.
  2. Accanto all’eruzione cutanea, una persona potrebbe accusare sintomi simili a quelli influenzali come linfonodi ingrossati, fatica, mal di testa e dolori muscolari. Sintomi trascurati, sintomi di una malattia allo stadio iniziale che possono scomparire da soli, ma in alcune persone, l’infezione può diffondersi in altre parti del corpo. I sintomi di questo stadio della malattia di Lyme di solito appaiono entro poche settimane dopo il morso di zecca, anche in chi non ha manifestato l’eruzione cutanea dello stadio iniziale. La persona infettata può sentirsi molto stanca e accusare un malessere, oppure può avere più aree, diverse da quella del morso, ove si ha uno sfogo cutaneo. La malattia di Lyme può coinvolgere il cuore, causando un battito cardiaco irregolare o un dolore al petto. Si può irradiare al sistema nervoso, provocando una paralisi facciale (paralisi di Bell), intorpidimento e formicolio alle braccia e alle gambe. Può iniziare a provocare mal di testa e rigidità al collo, che può essere un’avvisaglia di meningite. Possono anche manifestarsi gonfiori e dolori alle articolazioni.
  3. L’ultimo stadio della malattia di Lyme potrebbe presentarsi se la malattia non viene diagnosticata tempestivamente o è trattata in modo inappropriato. Sintomi successivi della malattia di Lyme possono insorgere in qualsiasi momento nell’arco di un paio di settimane ad anni dopo il morso infettivo di una zecca e comprendono l’artrosi, particolarmente localizzata alle ginocchia e, soprattutto negli adulti, il deterioramento cognitivo.

Il sintomo più conosciuto della malattia di Lyme è l’eruzione cutanea a forma di bersaglio, perché è uno sfogo caratteristico, una persona con l’eruzione può essere immediatamente soggetta ad una diagnosi della malattia di Lyme e gli esami del sangue non sono necessari. Siccome l’eruzione può scomparire rapidamente, prendete in considerazione l’idea di fare alcune foto a qualsiasi sfogo sospetto sul corpo del vostro bambino se non avete la possibilità di recarvi immediatamente dal dottore.

In alcuni casi, l’eruzione a forma di bersaglio non si forma mai. In assenza dello sfogo, i medici devono fare affidamento su altri sintomi combinati con una valutazione della probabilità di esposizione ad una infezione da zecche. Gli esami del sangue possono aiutare a diagnosticare la malattia di Lyme individuando la presenza di anticorpi relativi alla Borrelia burgdorferi nel sangue del paziente. Gli esami del sangue possono tuttavia dare risultati inesatti se effettuati entro un mese dopo l’infezione iniziale, poiché ci vuole tempo per sviluppare gli anticorpi. La malattia di Lyme può essere difficile da diagnosticare perché può assomigliare a molte altre patologie mediche. Il medico può aiutarvi a decidere se vostro figlio ha bisogno di un esame del sangue per rilevare se ha contratto la malattia di Lyme.

Trasmissione

La malattia di Lyme non si trasmette da persona a persona. Il rischio di sviluppare la malattia di Lyme dipende dall’esposizione dell’individuo alle zecche. I bambini e gli adulti che sono per molto tempo all’aperto, in modo particolare in prossimità di aree boschive, sono molto soggetti a contrarre la malattia di Lyme.

In rari casi la malattia di Lyme contratta durante la gravidanza può infettare il feto. Se sei incinta e sei preoccupata per questo, parlane con il tuo medico.

Animali domestici, come cani e gatti, possono essere infettati dai batteri della malattia di Lyme e possono portare zecche nelle zone in cui vivono gli esseri umani. Se possedete un cane o un gatto, parlate con il vostro veterinario per valutare l’utilizzo di un repellente per zecche e altre misure protettive che potete adottare per proteggere il vostro animale domestico.

Pericoli

Fino al 20 per cento dei pazienti che non ricevono cure sviluppano l’artrite cronica. Più raramente, la malattia può influire sul sistema nervoso(neuroborreliosi) e provocare problemi cardiaci.

Cura e terapia

Il trattamento della malattia di Lyme localizzata precocemente comporta generalmente un ciclo di antibiotici somministrati per 3-4 settimane.

Se diagnosticata in modo rapido e trattata con antibiotici, la malattia di Lyme nei bambini è quasi sempre curabile. L’eruzione cutanea di solito scompare dopo qualche giorno dopo l’inizio del trattamento, ma altri segni e sintomi possono persistere per diverse settimane.

Prevenzione

Le zecche spesso vivono all’interno di alberi ombrosi, terra umida e si aggrappano anche all’erba alta, a cespugli, ad arbusti e alberi e rami bassi. I prati e i giardini possono essere un habitat ideale per le zecche, specialmente ai bordi dei boschi e delle foreste o nei pressi di vecchi muri in pietra (aree in cui cervi e topi, il principale habitat della zecca è il cervo, prosperano).

Per prevenire la malattia di Lyme, evitare il contatto con il suolo, le foglie e la vegetazione per quanto possibile, soprattutto nel mese di maggio, giugno e luglio, quando le zecche non sono ancora pericolose e sono più difficili da scoprire.

Quando si eseguono lavori in grandi spazi aperti, seguire questi suggerimenti:

  • Indossare scarpe e stivali chiusi, camicie a maniche lunghe e pantaloni lunghi. Pantaloni inseriti negli stivali o nelle scarpe al fine di proteggere le gambe dall’attacco delle zecche.
  • Indossare abiti color pastello che vi aiuteranno a vedere facilmente le zecche.
  • Tenere i capelli lunghi raccolti o tirati indietro in un cappello per una maggiore protezione.
  • Quando siete all’esterno, non sedetevi sull’erba.
  • Quando siete all’esterno, verificate che sul vostro corpo e su quello dei vostri figli non ci siano zecche.
  • Lavate tutti gli abiti prima di abbandonare le zone infestate dalle zecche e lavate la testa e il corpo dei vostri figli al fine di eliminare qualche zecca nascosta.

I repellenti per insetti che contengono DEET (guardate N, N-dietil-meta-toluamide) possono aiutare ad allontanare le zecche. Sceglietene uno con una concentrazione di DEET fra il 10% e il 30%. Generalmente, il DEET non dovrebbe essere applicato più di una volta al giorno e non è consigliato ai bambini di età inferiore ai 2 mesi. Il DEET può essere usato su pelle esposta, così come vestiti, calzini e scarpe, ma non deve essere usato sul viso, sotto i vestiti o sulle mani di bambini piccoli.

Le zecche possono mordere ovunque ma preferiscono certe aree corporee come:

  • dietro le orecchie
  • la parte posteriore del collo
  • le ascelle
  • l’inguine
  • dietro le ginocchia

Se trovate una zecca sul corpo di vostro figlio, chiamate il vostro medico, che potrebbe salvare la zecca prima della sua rimozione (potrete metterla in un batuffolo imbevuto di alcool per ucciderla).

Si può tenere le zecche lontane da casa, falciando e disinfettando i prati, le foglie secche e l’erba alta e separando le cataste di legna dal terreno. Inoltre, potete chiedere ad un professionista di spruzzare sul vostro terreno un insetticida a Maggio e a Settembre per prevenire il moltiplicarsi delle zecche.

Non esiste alcun vaccino per la malattia di Lyme attualmente sul mercato.

Quando chiamare il medico

Se vostro figlio ha un’eruzione cutanea a forma di bersaglio o altri sintomi che possono insorgere nella malattia di Lyme, come gonfiore delle ghiandole linfatiche in prossimità di un morso di zecca, stanchezza generale, mal di testa e febbre, contattate immediatamente il vostro medico.


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. Frangesco

    L’Anno scorso a settembre mi trovavo in un campo pieno di erba alta e cespugli tutto ad un tratto mi sono sentito un lieve prurito all’inguine li per li non ciò dato tanta retta adesso mi trovo sotto la pelle un piccolo nodo a forma di un chicco di grano? Oggi mi ritrovo con i muscoli delle gambe tutte pieni di dolore avrei bisogno di sapere cosa vado incontro. La ringrazio con tutto il cuore.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi perdoni ma non ho capito, l’ha punta una zecca ed è stata diagnosticata la Lyme?

  2. Andrea

    Buongiorno dottore,
    Sono stato in Sudafrica e sono rientrato settimana scorsa. A partire da qualche giorno ho iniziato a riscontrare sintomi molto simili alla malattia di Lyme (febbre, brividi, mal di testa). Ho una pustola in prossimita’ della caviglia e ritengo sia proprio dovuta ad una puntura di zecca.
    Il mio medico mi ha consigliato di prendere antiinfiammatori ed ho iniziato una terapia antibiotica (Velamox).
    Gradirei sentire il Suo parere. Grazie in anticipo.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Se ha fondati motivi per pensare ad una puntura di zecca potrebbe forse valere la pena verificare con esami del sangue, in quanto la terapia di eradicazione dovrebbe essere fatta con scrupolo.

  3. Carina

    Buon giorno, le rivolgo una domanda. Sono stata punta da ben due zecche, all’età di sei mesi. Mio padre le tolse, erano alloggiate nella nuca e so per certo che non mi fu praticata nessuna profilassi. Ora, a distanza di molti anni, ho il morbo di basedow, soffro di dolori diffusi alla schiena e ai muscoli, tremori, tachicardia ecc. tutti i problemi che può comportare un ipertiroidismo con tsh a 00,00 da oltre un anno. E’ possibile che tutti i miei mal di testa, e la tachicardia (che ho già da prima del basedow) siano dovuti a quel morso di zecche? La ringrazio per l’attenzione.

  4. Mirko

    Buongiorno dottore volevo avere un informazione le scrivo dalla Spagna (Palma de mallorca) e starò qua fino a Lunedì mattina.
    2Giorni fa mi è spuntato un eritema sulla coscia vicino all’inguine e poi mettendoci varie creme e coprendolo è scomparso non so se sia dovuto a una zecca ma io pensavo che potrebbe essere il costume che sfrega sulla coscia perché mi è arrivata anche nell’altra coscia l’eritema.
    Attendo la risposta. SALUTI!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non c’è motivo di pensare ad una zecca se non l’ha vista; non pasticci con mille creme diverse e valuti un rimedio più mirato con un farmacista/medico.

  5. Anna

    Dodici anni fa sono stata punta a un polpaccio da una zecca in una zona dell’appennino ove ci sono animali selvatici, comparve l’eritema migrante, ma la cosa fu sottovalutata, in quanto si riteneva che in quella zona le zecche non fossero portatrici di borellia e mi fu negata ogni analisi e cura. In seguito mi sono comparsi in quella gamba dolori che ho sempre ritenuto artosici, e che ho cercato – inutilmente- di curare con terapie del tipo. Due anni fa mi sono spuntati due noduli simmetrici sulle dita delle mani ed ho iniziato ad avere dolori simmetrici alle ginocchia, tanto forti da non stare in piedi, e un attacco cardiaco; anche le ghiandole erano ingrossate. Dagli esami è emerso che non c’era alcuna artite reumatoide, mentre rispondevo molto bene alle tetracicline, come il bassado. Dopo alcuni mesi mi è poi venuto un dolore continuativo ed acuto al polpaccio ove un tempo ero stata punta dalla zecca e da una ecografia è emerso che dentro, in quella posizione, c’era una sorta di residuo. Mi sono fatta fare gli esami sierologici per vedere se avevo la borellia, ma sono tutti risultati negativi , mentre un esame istologico dei tessuti dei noduli delle dita ha evidenziato una borelliosi cronica. Due mesi fa mi sono fatta operare al polpaccio e da quando mi hanno tolto quella fibrosi sto notevolmente meglio, pur continuando ad avere alla gamba dolore da neuropatia, ma sono almeno sei mesi che prendo continuativamente 200 mg di bassado al giorno + 3 ananase, e quando, venti giorni fa, ho provato a dimezzare la terapia, dopo pochi giorni ho avuto un netto peggioramento. Ovviamente ho cercato di farmi curare da un infettivologo, ma non è cosa così semplice, in quanto il fatto che gli esami del sangue siano risultati negativi, li porta a pensare che il mio caso non sia chiaro… e comunque di casi come il mio non ne hanno visti. Cosa posso fare ? Da chi andare? Posso prendere dosi così massicce di Bassado ancora per quanto tempo ?
    Grazie, a volte penso che non potrò farcela…

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma temo che sia una situazione al di là delle mie competenze; proverei a rivolgersi ad un ospedale specializzato in Lyme (cercherei nelle zone endemiche).

    2. Anna

      Genova o comunque la Liguria sarebbe per me il luogo più vicino, potrebbe indicarmi a chi (ente, istit. , ecc,) rivolgermi ?

  6. bianca

    Buongiorno per favore da poco mi sono trovata una zecca sulla gamba per caso non ho sentito nessuna puntura.me la sono fatta togliere da un mio vicino con la pinzetta.stamattina credo si sia attaccata quando probabilmente ho accarezzato i miei gattini che vivono nel giardino.ora ho molta paura cosa devo fare?sono sola con mio figlio piccolo in casa e mi sta venendo il panico.la zecca era piccola di quelle che si gonfiano.grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Niente panico, senta il medico per decidere se applicare/assumere un antibiotico di copertura, che spesso non è comunque necessario.

      Vive in Friuli?

      Più importante è invece applicare un antiparassitario specifico per i gattini, ma questo lo dico per il loro benessere, non per i rischi di salute remoti che ci sono per l’uomo.

  7. bianca

    Grazie.io mi sento normale ho solo paura.non vivo in Friuli. Vivo nelle campagne in provincia di Caserta. Grazie.ho paura perché a volte ho sentito di persone che hanno avuto problemi successivamente alla puntura di zecche.febbre a quaranta.coma eccetera.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Nella maggior parte dei casi non succede nulla, non si preoccupi e si limiti a segnalare telefonicamente l’accaduto al medico.

  8. bianca

    Gentile Dottore ho comprato un prodotto repellente antizanzare che va bene anche per le zecche ma leggendo il foglio illustrativo ho letto che non va applicato ai bambini di età inferiore ai 12 anni e siccome lo vorrei usare su anche su mio figlio di sei vorrei sapere se corro davvero dei rischi. Ai cani e ai gatti ho messo il frontline e disinfestato l ambiente esterno .Il medico mi ha consigliato di assumere antibiotico per sette giorni.grazie.

Lascia una risposta

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.