Mal di stomaco, congestione od indigestione: sintomi, cause e cura

Ultimo Aggiornamento: 2217 giorni

Introduzione

Mal di stomaco ed indigestione (http://www.flickr.com/photos/absolutely_loverly/2382936241/)

Il termine mal di stomaco (o indigestione) si usa spesso per indicare diversi tipi di disturbo, che hanno tra loro in comune una localizzazione nella parte superiore dell’addome, e sono chiamati talvolta cattiva digestione o anche dispepsia. Il mal di stomaco non è quindi una malattia, ma un insieme di sintomi come il gonfiore, l’eruttazione e la nausea. È un disturbo comune, ma i sintomi possono essere diversi a seconda del paziente e comparire di rado oppure con frequenza giornaliera.

Fortunatamente i sintomi possono essere prevenuti e curati.

Cause

Le cause del mal di stomaco sono molteplici, alcune sono collegate allo stile di vita e a ciò che si mangia e si beve. Il mal di stomaco, però, può anche essere provocato da altre patologie dell’apparato digerente.

Tra le cause più comuni troviamo:

  • Alimentazione eccessiva,
  • Pasti consumati troppo in fretta,
  • Alimenti grassi o unti,
  • Alimenti speziati,
  • Abuso di caffeina,
  • Abuso di alcool,
  • Abuso di cioccolato,
  • Eccessiva assunzione di bevande gasate,
  • Fumo,
  • Nervosismo,
  • Traumi emotivi,
  • Assunzione di farmaci come gli antibiotici, l’aspirina e gli antinfiammatori non steroidei (FANS),
  • Infiammazione dello stomaco (gastrite),
  • Infiammazione del pancreas (pancreatite),
  • Ulcera peptica,
  • Calcoli biliari,
  • Tumore allo stomaco.

Se, dopo un attento esame non si riesce a scoprire la causa del mal di stomaco, il paziente potrebbe essere affetto da dispepsia funzionale, una forma di mal di stomaco che può invalidare la capacità dello stomaco di accettare e di digerire gli alimenti e di farli poi passare nell’intestino tenue.

Sintomi

Chi soffre di mal di stomaco può soffrire di uno o più dei sintomi seguenti:

  • Sensazione di pancia piena già durante il pasto. Anche se non avete mangiato molto, vi sentite sazi e non riuscite a finire quel che avete nel piatto.
  • Disagio e sensazione di pancia piena dopo il pasto. La sensazione di pancia piena dura di più di quanto dovrebbe.
  • Mal di stomaco. Avvertite dolore, lieve o molto intenso, nella zona dell’addome superiore, tra lo sterno e l’ombelico.
  • Bruciore di stomaco. Avvertite una sensazione di calore o di bruciore nella zona dell’addome superiore, tra lo sterno e l’ombelico.

Tra i sintomi meno frequenti che accompagnano il mal di stomaco troviamo:

  • Nausea. Avete la sensazione di vomito imminente.
  • Gonfiore. Sentite lo stomaco gonfio, teso e dolorante.

Spesso chi soffre di mal di stomaco soffre anche di acidità di stomaco, però si tratta di due disturbi diversi e non collegati. L’acidità di stomaco è la sensazione di dolore o di bruciore che dopo i pasti può irradiarsi verso il collo o la schiena, partendo dal centro del petto.

Quando chiamare il medico

Il mal di stomaco lieve di solito non deve suscitare preoccupazioni. Consultate il medico se il disturbo continua per più di due settimane o se il dolore è molto intenso o accompagnato da:

  • Dimagrimento o perdita di appetito,
  • Vomito,
  • Feci nere e catramose,
  • Ittero, o colorazione giallastra della pelle e degli occhi,

Recatevi immediatamente al pronto soccorso se:

  • Avete difficoltà a respirare, sudate molto o soffrite di dolore al petto che si irradia verso la mascella, il collo o il braccio,
  • Il dolore al petto si presenta quando fate esercizio fisico o nei periodi di stress.

Pericoli

Il mal di stomaco di solito non ha complicazioni gravi, ma può incidere negativamente sulla qualità della vita facendovi sentire a disagio e spingendovi a mangiare di meno. Se la difficoltà di digestione è provocata da un’altra patologia, questa può presentare le proprie complicazioni distintive.

Diagnosi

Se soffrite di mal di stomaco probabilmente il primo medico che vi visiterà sarà il medico di famiglia o un medico generico, Tuttavia, in alcuni casi, quando prenderete l’appuntamento, vi sarà subito consigliato di prendere un appuntamento da un gastroenterologo.

Le visite possono essere brevi e spesso gli argomenti da affrontare sono molti: vi consigliamo di prepararvi in anticipo per la visita. Ecco alcune informazioni che vi aiuteranno a prepararvi e vi daranno un’idea delle domande che il medico potrà rivolgervi.

  • Ricordate che potrebbero esserci delle restrizioni da osservare prima della visita, quando prendete l’appuntamento ricordatevi di chiedere se dovrete fare qualcosa di particolare prima della visita, come ad esempio osservare delle regole speciali per l’alimentazione.
  • Scrivete tutti i sintomi di cui soffrite, inclusi quelli che apparentemente non hanno nulla a che vedere con il motivo della visita.
  • Scrivete tutte le informazioni personali più importanti, come ad esempio i motivi di stress principali o i cambiamenti recenti nella vostra vita.
  • Fate un elenco di tutti i farmaci e di tutti gli integratori e farmaci erboristici che state assumendo.
  • Se possibile, fatevi accompagnare da un famigliare o da un amico. A volte può essere difficile ricordare tutte le informazioni che vi vengono fornite durante la visita. Chi vi accompagna potrebbe ricordare qualcosa che voi non avete sentito o avete dimenticato.
  • Preparate un elenco di domande da porre al medico.

Il tempo della visita è limitato, quindi preparare in anticipo un elenco di domande vi aiuterà a sfruttare al meglio il tempo disponibile. Elencatele dalla più importante alla meno importante, nel caso il tempo non fosse sufficiente. Per il mal di stomaco, tra le domande fondamentali da porre al medico troviamo:

  • Da che cosa sono provocati i miei sintomi?
  • Oltre alla causa più probabile, quali sono le altre cause possibili per i miei sintomi o per il mio disturbo?
  • A quali esami mi devo sottoporre?
  • Qual è la terapia più indicata?
  • Quali sono le alternative all’approccio che lei mi consiglia?
  • Ho questi altri problemi di salute. Qual è il modo migliore per gestirli se soffro anche di mal di stomaco?
  • Devo attenermi a qualche restrizione specifica?
  • Devo andare da uno specialista? Quanto mi costerà? Le visite sono mutuabili?
  • C’è un’alternativa generica al farmaco che mi ha prescritto?
  • Ha dei depliant o del materiale che posso consultare? Ci sono dei siti web che mi consiglia di consultare?

Oltre alle domande che vi siete preparati, non esitate a porne altre durante la visita quando non qualcosa non vi è chiaro.

Probabilmente il medico vi porrà molte domande e rispondere potrà occupare il tempo che avevate pensato di dedicare a punti per voi più importanti. Il medico potrà chiedervi:

  • Quando si sono presentati i sintomi per la prima volta?
  • I sintomi sono continui o intermittenti?
  • Qual è la gravità dei sintomi?
  • C’è qualcosa in grado di alleviare i sintomi?
  • C’è qualcosa in grado di peggiorare i sintomi?
  • Che cosa mangia e beve di solito?
  • Come si sente dal punto di vista emotivo?
  • Fa uso di alcool? In quale quantità?
  • Fuma? Quanto?
  • A stomaco vuoto i sintomi migliorano o peggiorano?
  • Ha vomitato sangue o materiale di colore nerastro?
  • Le feci sono di colore nero?
  • Quali farmaci (anche senza obbligo di ricetta) assume di solito?

Esami

Per capire meglio i segni e i sintomi del mal di stomaco, il medico probabilmente indagherà sulle malattie precedenti e vi visiterà. Per escludere la presenza di altre patologie in grado di provocare il mal di stomaco, il medico può prescrivervi degli esami, tra cui:

  • Radiografia dell’esofago, dello stomaco e dell’intestino tenue. Definito anche esofago-stomaco-duodeno dc, questo esame usa i raggi X per creare delle immagini dell’interno dell’organismo.
  • Esami del sangue, esame delle feci o test del respiro. Questi esami aiutano a scoprire se la causa dei sintomi è l’ulcera peptica.
  • Endoscopia del tratto gastrointestinale superiore (gastroscopia). Dopo che il paziente è stato sedato, gli viene inserito in bocca un tubicino lungo e sottile, con una videocamera posta all’estremità. Il tubicino viene fatto scendere nell’esofago e nello stomaco. Il medico ricerca eventuali anomalie e può rimuovere piccole porzioni di tessuto (biopsia) da inviare in laboratorio per ulteriori analisi.
  • Ecografia addominale. Usando onde sonore ad alta frequenza, l’ecografia riesce a produrre immagini che mostrano il movimento, la struttura degli organi e il flusso sanguigno. Uno speciale gel viene applicato sulla pancia, poi un piccolo apparecchio che emette onde sonore viene premuto contro la pelle.
  • TAC addominale. Per ottenere immagini più dettagliate dell’interno del vostro organismo, probabilmente vi verrà iniettato un mezzo di contrasto. Poi, mentre sarete distesi su un lettino, lo scanner girerà intorno a voi, scattando immagini radiografiche del vostro corpo.

Cura e terapia

Se i cambiamenti dello stile di vita, e in particolar modo l’astensione dagli alimenti dannosi, sono inefficaci per combattere il mal di stomaco, potete farvi dare una mano dai farmaci. La maggior parte di essi aiuta a ridurre l’acidità di stomaco oppure facilità il transito degli alimenti dallo stomaco all’intestino tenue.

Tra i farmaci contro il mal di stomaco troviamo:

  • Antiacidi. L’alka-seltzer®, il Maalox®, il Gaviscon® e altri sono farmaci disponibili in farmacia senza ricetta che neutralizzano l’acidità dello stomaco. Tra gli effetti collaterali troviamo diarrea e costipazione. Questi farmaci spesso sono i primi consigliati dai medici.
  • Gli antagonisti dei recettori H2, ad esempio il Tagamet®, il Ranidil® e lo Zantac® (ranitidina) sono disponibili in farmacia, con o senza ricetta. Riducono l’acidità di stomaco e funzionano per un tempo maggiore rispetto agli antiacidi, ma non così velocemente come questi ultimi. Tra gli effetti collaterali possiamo avere mal di testa, nausea, vomito, costipazione, diarrea, ulcere e sanguinamento gastrico.
  • Gli inibitori della pompa protonica, come il Nexium®, il Mepral®, il lansoprazolo e il Peptazol® sono più efficaci per i pazienti che soffrono anche di reflusso gastroesofageo (MRGE). Questi farmaci riducono l’acidità di stomaco e sono più potenti degli antagonisti dei recettori H2. Sono tutti disponibili dietro presentazione di ricetta. Tra i possibili effetti collaterali troviamo: mal di schiena, tosse, mal di testa, vertigini, dolore addominale, flatulenza, nausea, vomito, costipazione e diarrea. L’uso sul lungo periodo in rari casi è associato con una maggiore incidenza delle fratture ossee.
  • Procinetici. I farmaci come il Peridon® possono essere efficaci quando lo stomaco fatica a svuotarsi. Chi assume questo tipo di farmaci spesso soffre di effetti collaterali, come affaticamento, sonnolenza, depressione, ansia e spasmi muscolari involontari.
  • Antibiotici. Se il mal di stomaco è provocato dal batterio che causa l’ulcera peptica (Helicobacter pylori), il medico potrebbe prescrivervi un antibiotico. Tra gli effetti collaterali potreste avere problemi di stomaco, infezioni da funghi e diarrea.
  • Antidepressivi. Se dopo un esame approfondito la causa dei sintomi non è ancora nota e le terapie convenzionali che abbiamo elencato non funzionano, il medico potrebbe consigliarvi un antidepressivo. Questi farmaci con obbligo di ricetta possono contribuire ad alleviare i disturbi causati dal mal di stomaco diminuendo la sensazione di dolore. Tra gli effetti collaterali possiamo avere mal di testa, nausea, sudorazione notturna, agitazione e costipazione.

Terapie alternative

Molte persone riescono ad alleviare i sintomi del mal di stomaco con i metodi seguenti, la cui efficacia, però, non è ancora stata dimostrata scientificamente:

  • Tisane alla menta
  • Metodi psicologici, come le tecniche di rilassamento, la terapia cognitiva e l’ipnoterapia.
  • Preparazioni erboristiche a base di menta e cumino. Ricordate che, se non sono approvate, le preparazioni erboristiche possono essere rischiose.

Prevenzione

Per prevenire il mal di stomaco frequente e di lieve intensità è possibile seguire uno stile di vita più sano.

  • Fate pasti frequenti e meno abbondanti. Masticate lentamente, cercando di assaporare gli alimenti.
  • Evitate i fattori scatenanti. Gli alimenti grassi e speziati, le bevande gasate, la caffeina, l’alcool e il fumo possono causare il mal di stomaco.
  • Non allontanatevi troppo dal peso forma. I chili in eccesso premono sull’addome, spingendo lo stomaco verso l’alto e favorendo la risalita dei succhi gastrici acidi verso l’esofago.
  • Fate esercizio fisico regolare. Con il permesso del medico, cercate di fare attività fisica per almeno mezz’ora, un’ora quasi tutti i giorni. L’attività fisica può essere una semplice passeggiata, ma non subito dopo i pasti. Muovendovi di più, eviterete di ingrassare e migliorerete la digestione.
  • Tenete sotto controllo lo stress. Create un ambiente tranquillo al momento dei pasti. Praticate le tecniche di rilassamento, come la respirazione profonda, la meditazione o lo yoga. Dedicate del tempo a qualche attività che vi piace. Cercate di riposare il più possibile.
  • Rivalutate l’uso dei farmaci. Con l’approvazione del vostro medico, smettete di assumere i farmaci abituali o diminuitene le dosi. Il discorso vale soprattutto per l’aspirina e per gli altri antinfiammatori in grado di irritare le pareti dello stomaco. Se questa via non è praticabile, cercate di assumere questi farmaci durante i pasti.

Traduzione ed integrazione a cura di Elisa Bruno

Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. anonimo

    Salve dottore… vorrei qualche chiarezza su i miei sintomi… ho avuto un ciclo normale ke mi é durato ssolo tre giorni invece di cinque come sempre solo che da tre giorni hoo un forte mal di stomaco bruciore acodità e diarrea secondo lei da cosa sia dovuto? grazie mille

    1. stefj

      salve dottore stanotte mi sono svegliato con un dolore sordo alla bocca dello stomaco come la sensazione che non potessi ingerire nemmeno acqua e la prima cosa che mi è venuta in mente ho preso un cucchiaino di bicarbonato e 1 pasticca di pantoprazzolo dopo mi sono fatta una tisana digestiva la causa puo essere stata il vento freddo che subito dopo avere mangiato ho preso una sensazione quasi d,impotenza nonsapevo cosa fare ora dopo 5 minuti ho iniziato a fare dei rutti e sto un pochino meglio ma io non soffro di mal di stomaco cosa puo essere?

  2. Loredana

    Buona sera dottore le volevo chiedere un parere x quanto riguarda fermenti lattici dovrei comprare x le vacanze un po di medicinali e fermenti lattici x i miei ragazzi lei mi puo consigliare qualcosa di buono anche x mal di pancia a me mi hanno consigliato humana,neo vaxitiol,lei mi mi consiglia qualcosa grazie

  3. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
    Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

    Buongiorno, sembra essere stata una indigestione. Potrebbe aver mangiato qualcosa particolarmente pesante oppure ha preso freddo durante la digestione. Saluti

  4. Anonimo

    Salve non so se sia la sezione giusta o meno… Ma volevo chiedervi e normale sentire il battito credo del cuore nella pancia??? Quando sono coricata o dipende la postura di piu…. Sono magra nn so se possa centrare

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Verifichi ovviamente con il medico, ma nei soggetti molto magri è normale avvertire le pulsazioni dell’aorta; raccomando comunque di verificare con il medico per escludere alcune (rare) spiegazioni patologiche.

  5. Anonimo

    Cosi mi mette in panico .. Posso avere qualcosa??? Naturalmente due anni fa visita cardiologica completa.. E qualche mese fa elettrocardiogrammma nella norma…
    Con la
    Visita
    Si sarebbe visto? Comunque domani andro dal medico non penso che mi succeda qualcosa oggi?

  6. Anonimo

    Anche eco addome lo fatta l ultima un anno fa e tutto ok! Devo seriamente preoccuparmi? Adesso sto in ansia fino a domani .. Posso aspettare o vado al ps?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Come le ho detto nei soggetti magri è molto comune; consiglio di verificare per scrupolo, ma sono sicuro che non emergerà nulla di problematico.

  7. Anonimo

    Va bene ma posso aspettare a domani??? Andro domani dal medico… Io ho paura su internet leggo di tutto!!!

  8. Anonimo

    Oggi sono stata alla grigliata coi parenti, premetto che non ho mangiato esagerato, mi sono limitata ad 1 fetta di torta salata; 2 costine; 2 fettine di pollo; 1 fettina di manzo; 1 fetta di crostata; 1 piccola porzione di tiramisù. Considerando che avremo terminato intorno alle 14:30, ora sono ancora dietro a “digerire” ma non ho particolari sintomi se non “fiato corto” con lunghi respiri finali come se non si riempissero i polmoni a sufficienza; sbadigli e sonnolenza nelle successive ore al termine del pranzo che ora sono scomparsi; eruttazioni al sapore del pranzo. E’ normale per un pranzo forse un po’ carico di proteine o si tratta di una piccola indigestione?

  9. emy

    Salve dottore, stasera sono andata a mangiare la pizza con gli amici e quando arrivai iniziai ad avere un po di bruciore allo stomaco e stomaco molto gonfio. Quando finii di mangiare il bruciore divenne fortissimo e improvvisamente cessò e mi venne una forte nausea con senso di vomito. Ebbi nausea per tutta la sera, tutto accompagnato da una fortissima ansia perché sono estremamente emetofobica, e avevo un po d’ansia già prima di partire , perché ho pensieri di stare male in pubblico frequenti. Quando tornai a casa misurai la febbre ed era 37.2, ma dopo 5 minuti che mi rilassai divenne 36.8 e tutto passò perché non ci pensai. Cosa può essere stato dottore? Dei problemi d’ansia che portano a disturbi intestinali o un indigestione o altri problemi. Questo episodio è già successo un po di volte. Grazie per la risposta

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, se soffre di questi disturbi da molto tempo potrebbe trattarsi di gastrite e/o reflusso e, alcuni cibi e l’ansia, possono peggiorare il quadro. Ne parli con il suo medico. Saluti

    2. Emy

      Mi scusi ancora una cosa, ma se fosse gastrite tra i sintomi può esserci lieve febbricola e senso di vomito?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Senso di vomito sì, febbricola è meno probabile (tuttavia quel 37.2 potrebbe essere stato dovuto all’ansia).

Lascia una risposta

IMPORTANTE: In nessun caso la figura del farmacista può sostituire quella del medico, unico professionista con le competenze e la possibilità legale di formulare diagnosi e prescrivere farmaci. Le considerazioni espresse hanno quindi come unica finalità quella di agevolare in ogni modo il rapporto medico-paziente, mai ed in nessun caso devono prenderne il posto.

Gli interventi inviati potrebbero richiedere fino a 15 minuti per essere visibili sul sito.

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.