Mal di schiena: dolore, esercizi e prevenzione

Ultimo Aggiornamento: 93 giorni

Introduzione

Anatomia della schiena, colonna vertebrale (http://it.wikipedia.org/wiki/File:Gray_111_-_Vertebral_column.png)

Anatomia della schiena, colonna vertebrale (http://it.wikipedia.org/wiki/File:Gray_111_-_Vertebral_column.png)

Il mal di schiena è uno dei problemi di salute più comuni e colpisce fino a 8 persone su 10 almeno una volta nella vita; in particolare ad esser colpita più spesso è la parte lombare, quella più bassa, ma di fatto il dolore può comparire in ogni punto della schiena.

È una delle più frequenti conseguenze di disabilità professionale ed è frequentemente causa di assenza dal lavoro.

Uomini e donne vengono ugualmente interessati dal mal di schiena, che può variare sensibilmente in quando ad intensità, da un dolore sordo e persistente ad una sensazione improvvisa e acuta che lascia la persona incapace di muoversi.

Il dolore può comparire bruscamente a causa di un incidente o sollevando qualcosa di pesante, oppure può svilupparsi nel tempo a causa di cambiamenti legati all’età della colonna vertebrale. Gli stili di vita sedentari possono favorire la comparsa del mal di schiena, soprattutto quando una spiccata sedentarietà nei giorni lavorativi è interrotta da un eccesso di esercizio fisico nel fine settimana.

La maggior parte dei mal di schiena è acuta, ossia dura da pochi giorni a poche settimane; tende a risolversi spontaneamente attraverso una blanda automedicazione e non si rileva perdita di funzione.

Il dolore subacuto è invece caratterizzato da una durata che va da 4 a 12 settimane.

Il dolore cronico della schiena è infine definito come dolore che persiste per 12 settimane o più; indicativamente 1 persona su 5 che manifesti dolore acuto del mal di schiena svilupperà dolore cronico con sintomi persistenti fino ad un anno.

Anatomia

La schiena è costituita da due parti principali

  1. colonna vertebrale,
  2. muscoli.

I muscoli sono attaccati alla colonna vertebrale, che è costituita da ossa chiamate vertebre.

Le vertebre sono unite fra loro grazie alle faccette articolari, separate da dischi più morbidi che permettono la curvatura e la flessione della colonna vertebrale, oltre a fare da cuscinetti tra le vertebre assorbendo urti e vibrazioni che si producono quando si cammina e si corre.

I nervi che connettono il cervello al resto dell’organismo formano il midollo spinale e le vertebre servono anche a proteggere il midollo spinale: i nervi si dipartono dal midollo spinale e raggiungono diversi organi e muscoli, compresi quelli delle braccia e delle gambe. I nervi trasmettono le istruzioni impartite dal cervello ai muscoli, agli organi e agli arti; fanno inoltre pervenire al cervello le informazioni sensoriali (come il dolore) percepite dalle diverse parti dell’organismo.

La colonna vertebrale è collegata alla pelvi, o bacino, dall‘articolazione sacro-iliaca.

Cause

È importante capire che il dolore alla schiena è un sintomo di una condizione medica, non una patologia in sè. Le cause alla base del sintomo possono essere di vario tipo, prima di vedere le più comuni ricordiamo che, anche se le cause del dolore alla schiena sono solitamente fisiche, lo stress emotivo può svolgere un ruolo determinante sulla severità e sulla durata del dolore.

Lo stress può infatti influenzare il corpo in molti modi, anche causando uan dolorosa e persistente contrazione delle fasce muscolari della schiena e del collo.

Problemi meccanici

Schiena (http://commons.wikimedia.org/wiki/File:432px-Gray-back.PNG)

Schiena (http://commons.wikimedia.org/wiki/File:432px-Gray-back.PNG)

Un problema meccanico è un disturbo legato al modo in cui si muove la spina dorsale e la causa più frequente è la degenerazione del disco intervertebrale, in cui i dischi situati tra le vertebre della colonna vertebrale vedono ridursi le proprietà elastiche che li caratterizzano. Deteriorandosi perdono la loro capacità di ammortizzazione e questo può portare a dolore se la schiena viene sottoposta a stress o sforzi. Fra le altre cause meccaniche alla base del mal di schiena troviamo spasmi, tensioni muscolari e naturalmente l’ernia del disco.

Lesioni

Le lesioni della schiena, da banali distorsioni a gravi fratture, possono causare dolori acuti o cronici. Le distorsioni sono infiammazioni dei legamenti che sostengono la colonna vertebrale e possono verificarsi in caso di torsione o di sollevamento di pesi effettuati in modo improprio. La frattura delle vertebre sono invece spesso il risultato di osteoporosi. Meno comunemente il dolore alla schiena può essere causato da traumi più gravi legati a incidenti o cadute.

Condizioni e patologie acquisite

Sono numerose le patologie in grado di causare o contribuire al dolore alla schiena, ricordiamo per esempio:

  • scoliosi, una curvatura della colonna vertebrale che dopo una certa età può iniziare a causare dolore,
  • spondilolistesi (ossia lo spostamento in avanti di una vertebra rispetto alla vertebra sottostante);
  • diverse forme di artrite, tra cui l’artrosi, l’artrite reumatoide e la spondilite anchilosante;
  • stenosi spinale, un restringimento della colonna vertebrale causa di pressione sul midollo spinale e sui nervi.

Anche se l’osteoporosi di per sé non è dolorosa, può portare a fratture dolorose delle vertebre.

Tra le altre condizioni causa di mal di schiena ricordiamo:

  • gravidanza;
  • calcoli renali o infezioni delle vie urinarie;
  • endometriosi (accumulo di tessuto uterino in zone al di fuori dell’utero);
  • fibromialgia, una condizione di dolore muscolare diffuso e stanchezza.

Infezioni e tumori

Anche se non sono cause comuni, le infezioni possono causare dolore quando coinvolgono le vertebre, una condizione chiamata osteomielite, o quando coinvolgono i dischi che ammorbidiscono le vertebre (discite).

I tumori sono cause altrettanto rare di di mal di schiena; solo occasionalmente nascono a livello della schiena, mentre più spesso sono il risultato di una metastatizzazione (diffusione) di un tumore nato in altra parte anatomica.

Fattori di rischio

Anche se il mal di schiena può colpire chiunque, è possibile individuare alcune fasce di popolazione che corrono un rischio maggiore.

  • Il primo attacco di mal di schiena si verifica in genere tra i 30 e i 40 anni e la frequenza aumenta con l’età.
  • Il dolore è molto più comune nelle persone sedentarie, in cui i muscoli addominali e dorsali non sono sufficientemente forti e allenati.
  • Allo stesso modo è però doveroso iniziare un programma di allenamento con gradualità, per non incorrere in leggeri ma fastidiosi infortuni.
  • Una dieta eccessivamente ricca di grassi e di calorie può condurre a una condizione di obesità, che è un importante fattore di stress per la schiena.
  • Famigliarità per malattie osteoarticolari (come l’artrite reumatoide).
  • Alcune etnie (per esempio le donne afro-americane) hanno un rischio maggiore di sviluppare problemi di schiena.
  • In caso di lavoro fisicamente impegnativo aumenta il rischio di sintomi e dolori, ma anche un lavoro d’ufficio condotto con posture errate può essere causa di mal di schiena.
  • Anche se il fumo da solo non può causare direttamente mal di schiena, aumenta il rischio di sviluppare dolori lombari e sciatalgia, un dolore alla schiena che irradia all’anca e / o alle gambe a causa della pressione su un nervo). Inoltre il fumo può rallentare la guarigione, prolungando il dolore in soggetti con lesioni alla schiena o che hanno subito interventi chirurgici.

Sintomi

Ci sono alcune situazioni che mettono in guardia su alcuni movimenti “errati” che si stanno compiendo rappresentando quindi dei veri e propri campanelli d’allarme. Facciamo alcuni esempi:

  1. alzandosi da una posizione seduta o entrando/uscendo dall’automobile si accusa dolore o fastidio alla parte inferiore della schiena,
  2. girando il collo di quasi 180°, per esempio quando si effettua una retromarcia in auto, si percepisce dolore al collo che corre lungo il braccio,
  3. alzando la testa per prendere un oggetto si sente male alla nuca,eventualmente con nausea e vertigini,
  4. frequente mal di testa, con sensazione di peso su collo e spalle
  5. starnutendo e tossendo si sente una fitta di dolore,
  6. respirando profondamente si avverte un dolore alla schiena,
  7. portando pesi o raccogliendo oggetti in terra si sente una sensazione di affaticamento nella zona inferiore della schiena o addirittura dolore,
  8. tornando in posizione eretta dopo essersi lavati denti o viso al mattino la schiena è rigida nel tornare in posizione eretta.

(Fonte: Angelini.it)

Quando contattare il medico

Nella maggior parte dei casi non è necessario farsi visitare dal curante per il dolore alla schiena, perché destinato spesso a risolversi spontaneamente con o senza trattamento; è invece assolutamente necessario rivolgersi al medico in caso di:

  • intorpidimento o formicolio,
  • dolore grave e/o che non migliora con rimedi da automedicazione,
  • dolore a seguito di caduta o un infortunio.

È anche altrettanto importante rivolgersi immediatamente al medico in caso di:

  • disturbi urinari,
  • debolezza, dolore o intorpidimento nelle gambe;
  • febbre;
  • perdita di peso involontaria e inspiegabile.

Tali sintomi potrebbero segnalare un problema più serio da individuare il più precocemente possibile.

Diagnosi

La diagnosi richiede in genere anamnesi (raccolta dei dati del pazienti, comprensivi di fattori di rischio, sintomi, stato di salute, …) e visita medica; occasionalmente potranno essere necessari esami di approfondimento come:

  • raggi X,
  • risonanza magnetica,
  • TAC,
  • esami del sangue (per escludere patologie alla base del sintomo).

Rimedi e cura

Curare il mal di schiena significa ridurre il dolore più rapidamente e più a lungo possibile; per raggiungere questo obiettivo le strategie sono diverse e, se per alcune cause si riconosce una terapia d’elezione, molte volte si rende necessario sperimentare personalmente varie alternative per trovare la più soddisfacente:

  • Freddo e Calore: classico rimedio della tradizione popolare, l’applicazione di calore può essere di sollievo in alcune forme, ma in caso di infiammazione potrebbe diventare causa di peggioramento del dolore alla schiena. In generale si consiglia l’applicazione di ghiaccio alla comparsa del dolore, il caldo eventualmente a partire dal 3-4 giorno con l’obiettivo di rilassare la muscolatura. Si consiglia in ogni caso un consiglio medico in caso di dubbi.
  • Farmaci: antinfiammatori, antidolorifici e miorilassanti (farmaci che rilassano la muscolatura prevenendone la dolorosa contrazione) sono i rimedi d’elezione per ogni mal di schiena, almeno nelle fasi iniziali.
  • Esercizi: l’esercizio fisico, individuale o sotto la supervisione di uno fisioterapista, permette di norma di donare sollievo alle forme croniche, mentre sembrerebbe meno efficace nei dolori acuti (Hayden J, van Tulder M, Malmivaara A, Koes B. Exercise therapy for treatment of non-specific low back pain. . Cochrane Database Syst Rev: CD000335)
  • Massaggi: se eseguiti da personale qualificato (fisioterapisti) in genere sono un valido aiuto.
  • Chirurgia: in alcuni casi si rivela necessario ricorrere ad un intervento chirurgico.

Da notare che è in genere consigliabile astenersi dal riposo assoluto, in quanto è stato dimostrato che continuare a occuparsi delle normali attività quotidiane ed eventualmente praticare blande forme di attività fisica può essere di aiuto nella risoluzione del disturbo. Il riposo assoluto, al contrario, è controproducente.

Prevenzione

Esercizi per la schiena (http://it.wikipedia.org/wiki/File:Vertebration.jpg)

Esercizi per la schiena (http://it.wikipedia.org/wiki/File:Vertebration.jpg)

Il miglior modo per prevenire il male alla schiena e alle gambe è quello di allenare la schiena con regolarità.

L’attività fisica che permette di aumentare la forza dei muscoli addominali e della schiena risulta particolarmente utile, ma anche gli esercizi che aumentano l’equilibrio possono ridurre il rischio di cadere con tutte le conseguenze del caso.

Tai chi, yoga e pilates si sono dimostrati ottimi percorsi per mantenersi in salute, con un occhio particolare alla schiena.

Attenersi a una dieta sana è altrettanto importante, per varie ragioni:

  • recuperare o mantenere il peso forma ed evitare che un peso eccessivo gravi eccessivamente sulla schiena,
  • garantire un corretto apporto di micro e macronutrienti, tra cui per esempio calcio e vitamina D per prevenire l’osteoporosi, che è responsabile di molte delle fratture ossee che causano mal di schiena.

Mantenere sempre una buona postura, sostenendo correttamente la schiena ed evitando il sollevamento di pesi eccessivi quando possibile, può aiutare a prevenire lesioni muscolo-articolari.

Infine

  1. per sollevare oggetti pesanti non piegate la schiena, ma usate la forza delle gambe,
  2. non piegate la schiena per allacciarvi le scarpe o vestirvi, ma piegate sempre le ginocchia od il bacino.

Conclusione

(Ricevo in data 03 gennaio 2013 e pubblico con estremo piacere la seguente riflessione a cura del Dott. Giacomo Bellotti, che ringrazio di cuore)

Scrivo queste righe per chiarire un punto importante in merito ai problemi di mal di schiena: è molto difficile diagnosticare un disordine posturale o valutare un paziente attraverso una descrizione postata sul web.

La valutazione e la diagnosi del paziente, infatti, sono atti delicati che prevedono l’analisi di molte componenti differenti:

  • esame fisico,
  • psicologico,
  • posturale,
  • valutazione delle abitudini quotidiane e lavorative,

In quest’ottica, quindi, è importante stabilire un contatto personale con il paziente e analizzare le possibili cause del problema che affligge la sua colonna vertebrale.

Come giustamente riportato dal Dott. Cimurro in calce all’articolo, il mio consiglio è di rivolgersi al proprio medico di famiglia che saprà sicuramente aiutarvi e, nel caso lo ritenga necessario, indirizzarvi dal più competente specialista in materia.

Tengo a ricordare come il mal di schiena e il dolore cervicale non siano problemi irrisolvibili ma necessitano, però, di un approccio globale alla persona.

Non si può pretendere, ad esempio, che una seduta di fisioterapia, un farmaco antidolorifico o una manipolazione spinale ci “rimettano in sesto”. Al contrario c’è bisogno di indagare le cause del problema e cercare una possibile soluzione.

In quest’ottica è necessario il costante impegno nel tempo del paziente, il quale dovrà imparare a comportarsi e muoversi in maniera coerente con il proprio problema.

Dott. Giacomo Bellotti

Fonte principale: Handout on Health: Back Pain

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

Gentile utente, per garantire maggiormente la tua privacy i tuoi contributi potrebbero essere mostrati sul sito in forma anonima.

Leggi le condizioni d'uso dei commenti.

  1. Anonimo

    Ah e tra l’altro il dolore si allevia un po’ anche se mi curvo, cosa che io trovo strana…sono una che cerca sempre di star dritta, anche stando davanti al computer. Anche se magari nell’ultimo periodo sono stata molto sui libri e magari non ci ho dato peso…non saprei proprio, ma forse questo dettaglio può aiutare a capire meglio la situazione.

  2. Anonimo

    Salve dottore io circa 10 anni fa ho avuto un incidente stradale riportando un poli trauma importante ,frattura di nove costole a dx ,frattura scomposta femore sn ,frattura l5 frattura clavicole e scapole pneumotorace emirati e bilaterale ..ovvia bere non le dico i postumi ce li ho tutti ,vorrei sapere se posso fare piscina perché mi creda a soli 42 anni non riesco più a muovermi ,dolori fortissimi ma soprattutto alle gambe .graIe

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      A mio avviso assolutamente sì, ma raccomando il preventivo parere del medico.

  3. Anonimo

    Dottore giorni fa mi sono bloccato con la schiena facendo i raggi mi hanno diagnosticato una riduzione dello spazio intersomatico l5 s1 volevo chiederle dopo una cura di toradol intramuscolare e normale avvertire ancora lievi dolori alla zona lombare ? Ho paura che i forti dolori tornino il mio medico ha detto ti tornare lunedì a lavoro come farmacista il toradol elimina l infiammazione?

  4. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
    Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

    Salve, è normale avvertire ancora qualche dolorino dopo una fase acuta infiammatoria. Il toradol è un antiinfiammatorio per cui ha risolto l’episodio, ma, letto il dato radiologico, credo che in futuro potrà averne altri. saluti

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, ha una riduzione di uno spazio intervertebrale (L5-S1) non c’è una terapia o cura specifica .Deve conviverci. Saluti

    2. Anonimo

      La ringrazio spero solo di poter lavorare come prima magari evitando sforzi eccessivi grazie dottore comunque ora sto prendendo dei miorilassanti che mi ha prescritto il medico e mi ha detto di tornare al lavoro con cautela

    3. Anonimo

      Posso tornare a lavoro con cautela come mi ha consigliato il medico? E nel caso posso usare qualche antidolorifico in compresse

    4. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Se il medico ha dato l’OK proceda tranquillamente; se dovesse assumere farmaci attenzione a non forzare sotto l’effetto antidolorifico.

  5. Anonimo

    Dottore sono tornato a lavoro dopo aver fatto una cura di punture toradol sei punture in tre giorni ora sto prendendo dei mio rilassanti a seguito di un blocco alla schiena con diagnosi riduzione ampiezza stato intersonatico l5 s1 la mia domanda e questa e normale avere ancora dei piccoli dolori alla zona lombare dopo aver fatto questa cura perché sto lavorando con un po di paura visto l esperienza dolorosa e nel caso visto il dolore moderato posso prendere oki in bustina anche se la sera prendo miorilassanti prima di dormire aspetto vostra risposta con ansia e vi ringrazio in anticipo

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, normale che persista il fastidio/dolore (raccomando di non forzare troppo per evitare peggioramenti); se prescritto può tranquillamente associare Oki al miorilassante.

  6. Anonimo

    Salve dottore volevo chiederle un consiglio da più di tre settimane avverto dolori alla spina dorsale al tatto mi fanno male 2 vertebre e se stiro le braccia verso dietro mi fanno male i muscoli a fianco alle vertebre e anche quando mi piego in avanti sento dolore io faccio un lavoro che sto in piedi e non riesco,a stare sempre dritta scelgo sempre la posizione più comoda quindi con le spalle cadute poi carico anche tanti pasi al lavoro molto probabilmente in modo scorretto non riesco mai a fare il peso sulle ginocchia quindi mi piego sempre in avanti!sono andata dal mio medico di base che mi ha prescritto Tachipirina 1000 2 volte al dì per 5 giorni ho notato il miglioramento ma non del tutto .purtroppo non ha potuto prescrive altro perché sto programmando una gravidanza e avendo avuto già un aborto spontaneo 3mesi fa non si è sentita di prescrivere il muscoril perché potrebbe causare aborti !!ieri sono tornata e Mi ha consigliato di prendere ancora qualche giorno la Tachipirina e magari rivolgermi a un fisioterapista lei che ne pensa dottore riuscirò a risolvere !! La ringrazio anticipatamente dottor cimurro

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, sono fiducioso che possa risolvere; per quanto possibile cerchi di non forzare troppo sul lavoro.

    2. Anonimo

      Grazie mille dottore domani mi metterò in contatto con il fisioterapista le farò sapere come andrà

  7. Anonimo

    e da un po’ che ho mal di schiena e a volte fatico a respirare con il mal di schiena ho anche un po di dolore nelle parti genitali

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      In alcuni casi si tratta di dolore riflesso, per un problema che in realtà è proprio solo della schiena (per esempio una piccola ernia); raccomando comunque di verificare con il medico.

    2. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      La ringrazio per la fiducia, ma non è una diagnosi, solo un’ipotesi.

  8. Anonimo

    Salve dottore, sono un insegnante di scuola dell’infanzia, mercoledì mentre ero seduta e leggevo una storia ai bambini, ho sentito un dolore lombare forte, che piano piano si irradiava, da lì mi sono bloccata. Ho continuato ad andare al lavoro, stando un po’ più attenta, mi piegavo meno, nn sollevavo i bimbi, io sono allergica a tantisismi medicinali quindi Il massimo che ho preso è stata la tachipirina , il voltaren pomata borse dell acqua calda e sciattoni caldi legati in vita, fino a ieri i miglioramenti erano nulli, ho preso artrosilene in schiuma e un micro miglioramento si è verificato, ora ho ancora male al fondo schiena, mi si irradia alla natica sinistra, e probabilmente (continuando ad andare al lavoro) sento dolore anche ai lati destro e sinistro della colonna vertebrale, cosa posso fare? Sono preoccupata ho appena cambiato medico e nonostante la mia allergia mi ha prescritto il brufen ma non mi fido ho paura di stare male

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace davvero, ma non posso consigliare farmaci; se per caso avesse mai preso Moment/Nurofen/Buscofen, può prendere tranquillamente Brufen (è la stessa sostanza).

    2. Anonimo

      Ok grazie,secondo lei potrei avere una patologia più seria di una contrattura?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Non c’è motivo di dubitare della diagnosi del medico se è stata visitata.

  9. Anonimo

    Salve Dottore, avrei bisogno di un suo parere se cortesemente volesse aiutarmi!? Sono una donna di 42 anni, da 2/3 messi soffro di uno strano dolore nell’effettuare la torsione della coscia, non succede sempre, ma ogni tanto ruotando a destra la gamba sinistra sento un forte dolore al centro della gamba all’altezza dell’inguine…non capisco di cosa si tratta, mi può aiutare lei per favore???? Grazie

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, non saprei cosa dirle senza una visita, probabilmente la causa è muscolare, ma è solo un’ipotesi; non penso a nulla di grave, farei comunque valutare al medico direttamente.

  10. Anonimo

    Salve e un periodo che ho sempre mal di schiena parte bassa …mi fanno male pure le gambe…mi alzò già così al mattino..soffro anche di cervicale…e ogni tanto formicolio nella gamba sinistra…ho 37 anni e gioco a calcio…e soffro anche di cervicale con dolori collo e inrercostali…prendo tachipirina ma nn mi fa niente…cosa potrei prendere…per il dolore alla schiena salve grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma non posso prescrivere farmaci; raccomando in ogni caso una visita medica, quello che le serve adesso è una diagnosi certa.

  11. Anonimo

    A distanza di due mesi dove mi sono bloccato con la schiena a causa di una riduzione dello spazio intersomatico l5 s1 oggi a lavoro ho avvertito una fitta nella stessa zona dove mi bloccai con dolori atroci per sicurezza ho assunto un diclireum 150 per precauzione a stomaco pieno riesco a camminare tranquillamente ma ho quel senso di fastidio alla zona lombare ce il rischio che possa bloccarmi da un momento all altro o e solo un fastidio causato da questo problema che ho?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Difficile dirlo, in attesa di sentire il medico raccomando riposo.

  12. Anonimo

    Buongiorno, sono Pino, potreste aiutarmi?In un anno mi capita di rimanere bloccato 3-4 volte. Non so più come cautelarmi. Ho 53anni. Vi scrivo il referto:
    Conservata la lordosi lombare. segni di spondiloartrosi osteofitosica con alterazioni osteocondrosiche delle limitanti somatiche ed ipertofia dei ligamenti gialli al passaggio L2-L4.
    I reperti indicati determinano riduzione in ampiezza dei forami di coniugazione bilateralmente.
    Discopatia degenerativa con riduzione del tono idrico e dell’altezza dei dischi intersomatici da L2 a S1.
    Protusione posteriore ad ampio raggio con interessamento forominale bilaterale al passaggio L2-L3;L3-L4;L4-L5.
    Regolare il canale vertebrale ed il segnale del con midollare.
    L1,L2 ed L4 presantano alterazioni strutturali riferibili ad angioma.

  13. Anonimo

    E un periodo che ho sempre mal di schiena..cervicale..anche a stare seduto mi da fastidio….sarà anche il materasso…gioco a calcio e faccio sport..cervicale curata con agopuntura..con dolori anche toracico…fatto esam8 su esami per il cuore e cervicale ed è tutto apposto per il cuore…invece cervicale c6 c5 e c7…ma adesso mi fa male la schiena a livello lombare…e anche un po sopra…mentre gioco no…ma dopo si..salve grazie…

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Che tipo di problema ha a livello del rachide cervicale? E’ verosimile che siano dolori legati all’attività sportiva, ai traumatismi ripetuti e a risentimenti muscolari. Utile riposo e antidolorifici per qualche giorno. saluti

    2. Anonimo

      Che antidolorifici posso prendere??..sto prendendo tachipirina ma fa poco…ho fatto agopuntura per 2 mesi…ma ora fa di nuovo fastidio ..in più la schiena…che ogni tanto prende i muscoli sotto il sedere nelle gambe…spero che passi…anche mi alleno con regolarità da anni…sarà anche l umidità…salve

    3. Anonimo

      Scusi ma il dottore ha detto antidolorifici…quindi volevo sapere quali…salve

    4. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, lo chieda direttare al suo medico, saprà consigliarle l’antidolorifico più utile al suo caso.

    5. Anonimo

      Ok va bene…io prendo tachipirina e Brufene …sotto va un po meglio ma ora il dolore e più sopra ..dietro e un po sul costato…speriamo passi..salve..

  14. Anonimo

    Salve ho appena letto che un ragazzo aveva mal si schiena e gli è venuto un aneurisma cerebrale…ora ho paura e mi preoccupo..perché anche io avverto qualche dolore addominale i di pancia…perché soffro d ansia…e penso sempre al peggio..e poi ho fatto esami ecg ecg da sforzo e ecocardiogramma edi e tutto apposto….salve grazie

    1. Anonimo

      Ho anche giocato oggi un tempo …tutto bene…qualche dolorino..dietro in alto e sul costato …ma niente di che …sotto meglio…a caldo sento poco dolore dopo di più…salve..

    2. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Stia tranquillo, gli antidolorifici mensionati sono ottimi farmaci; non c’è motivo di pensare ad un aneurisma, specie con le visite che ha fatto che hanno dato esito negativo.

  15. Anonimo

    Salve dottore da ieri sera avverto un dolore basso schiena sopra all osso sacro è si irradia sul gluteo destro premetto che questo dolore si accentua durante i movimenti è quando mi muovo con il busto giù è su quando prendo un oggetto da terra,nel letto nella posizione giusta sto bene che sarà ?

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, sembra avere una lombalgia con verosimile risentimento dei muscoli paravertebrali. Ha subito traumi o ha fatto qualche sforzo fisico insolito nei giorni scorsi?

    2. Anonimo

      No dottore solo 2 giorni fà sono stato 2 3 ore all area aperta causa lavoro con un po’ di vento che penetrava dietro alla schiena sarà quello ??

  16. Anonimo

    buonasera
    stupidamente ieri ho sollevato un materasso assieme ad un altra persona per spostarlo e da quel momento avverto un dolore dietro(non lancinante) come se si spostasse qualcosa nella spina dorsale….
    adesso per esempio mi sento di camminare storta e cerco di fare piano il più possibile per non sentire più dolore; premetto che un anno fa sono stata operata per rottura delle vertebre causata da osteoporosi…..potrei aver risvegliato qualcosa che non dovevo? grazie

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, si credo che nelle sue condizioni abbia fatto una cosa veramente poco raccomandabile. E’ necessario fare una visita medica ed eventuale radiografia del rachide. saluti

    2. Anonimo

      salve dottore, dopo un pò di giorni il dolore si è calmato sotto a livello lombare ma si è irradiato al livello di spalla e collo, sentodoli estremamente rigidi; quindi dubito sia un colassamento vertebrale…..potrebbe trattarsi di una contrattura a livello muscolare? grazie

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Può essere, ma non aspetterei oltre per una visita medica.

  17. Anonimo

    Buongiorno Dottori il 20 di agosto ho avuto la brillante idea di caricarecon mio fratello 4 porte facendo 3 piani di scale da premettere che non faccio mai lavori pesanti be e dal 30 di agosto che mi bloccai che pur migliorando con delle punture voltaren muscorill più massaggi il mal di schiena non passa ho fatto radiografia solo a sx ma mi fa male tutta la schiena vi era a sx una protrusione s è un numero l è un numero possibile che è presente anche sul altro lato o è meglio farla anche a dx? Ho già chiesto visita ad un ortopedico grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      In attesa della visita ortopedica non farei ulteriori esami.

  18. Anonimo

    Buonasera, ieri mattina ho sentita una fitta a livello lombare, con dolore duando mi alzo dalla sedia, essendo sabato ho comprato i cerotti, trans act ogni 12 h. Ma senza risultati. Pensa dott. Che in attesa della visita medica di domani sia meglio prendere muscoril compresse , visto che ne ho una scatola in casa? La ringrazio anticipatamente.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma non posso avallare l’uso di farmaci; se comunque domani sarà possibile farsi visitare non farei troppi tentativi senza una diagnosi certa.

    2. Anonimo

      Volevo chiederle se dopo due cerotti ogni 12 h la sintomatologia non ha nessun miglioramento , in genere dopo quanto tempo si puo’ ottenere un miglioramento, in quanto domani non psso mancare dal lavoro?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Purtroppo dipende dalla causa, se con i prossimi 1-2 non dovesse avere alcun beneficio potrebbero non essere sufficienti.

  19. Anonimo

    buongiorno dottore o un dolore alla schiena che quanto vado in dietro con la testa mi tira al centro della schiena mi sono svegliato cosi cosa posso fare?

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Stia a riposo e non sollevi carichi, probabilmente è una contrattura dovuta a errata postura o uso di carichi eccessivi; se non migliora chieda consiglio al medico per un’eventuale terapia.

  20. Anonimo

    Salve dottore sono una decina di giorni che avverto dolore alla schiena zona bassa lombare sx…che a sua volta aumenta stando seduto…ho fatto radiografia sembra tt ok…ma alla voce la spondilosi e’frustra cosa significa?grazie

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      La spondilosi descrive un deterioramento delle vertebre, dischi interverterbrali e dei tessuti molli adiacenti della colonna vertebrale in generale, con conseguente irrigidimento delle articolazioni vertebrali e riduzione dei movimenti articolari. Dovrebbe far valutare ovviamente al medico curante, forse può essere utile della fisioterapia.

  21. Anonimo

    Buongiorno dottore , da circa 6 giorni mi alzo da letto con dolore ( più fastidio che dolore ) alla schiena anche durante il sonno quando mi giro nel letto mi da fastidio e due volte mi ha dato due foroni da togliere momentaneamente il respiro .. poi durante il giorno se non ci penso mi sembra di stare bene , non è un dolore levar ma tra le dice scapole. È un po’ di stanchezza alle spalle .. ma durante il giorno sto bene sol alla mattina mi succede . A volte se da sdraiati respiro un po’ forse senso fastidio alle costole posteriori ( come da colpo d’aria) .
    Può essere la stagione ?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, oppure uno sforzo, ma è sicuramente ora di verificare con il medico.

    2. Anonimo

      Ci tornerò , ‘ma mi ha congedato dicendomi che non era nulla . Solo che poi leggendo in internet mi sono fatto prendere dal ansia

    3. Anonimo

      Buongiorno Dottore , sono andati dal
      Mio medico e dice che è un problema muscolare di stare tranquillo . Ma siccome è da quasi 3 settimane che durante la notte mi vengono questi fastidi e leggendo in internet che potrebbe essere una cosa brutta sono molto preoccupato .

    4. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Non deve leggere su internet, ciò che va considerato è la sua situazione che è stata valutata dal medico.

    5. Anonimo

      GraIe dottoressa lo spero, mi ha detto la stessa cosa il dottore ma non mi era mai capitato un acciacco per così tanto tenoo

  22. Anonimo

    Soffro terribilmente di un dolore fisso sulla gamba sx,all’aitezza poco sotto il ginocchio con fitte smaniose sul gluteo sx,Tutto cio’ implica un cedimento quando salgo o scendo i gradini delle scale,vado a letto con dolori durante la notte io muovo benissimo sia la gamba e piego senza nessun dolore il ginocchio stesso.Dopo circa 15 minuti che resto in piedi cominciano i dolori che mi impedisce la normale deambulazione.Il medico curante mi ha prescitto Brufen 800 gr.con risultati zero Gradirei sapere il suo pensiero in merito.Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Il medico ha ipotizzato sciatica? Se così fosse servirà pazienza, ma il dolore andrà gradualmente a sparire. Se così non fosse lo segnali al medico per valutare antidolorifici di tipo diverso.

La sezione commenti è attualmente chiusa.