Mal di gola da streptococco: sintomi, prevenzione, …

Ultimo Aggiornamento: 1556 giorni

Introduzione

Chiunque è potenzialmente soggetto allo streptocco, tuttavia bambini ed adolescenti che frequentano la scuola sono sicuramente i soggetti più a rischio, anche e sopratutto per la facilità di contagio tipica degli ambienti affollati e chiusi come le aule scolastiche.

E’ bene specificare che non tutti i mal di gola sono dovuti allo streptococco, la maggior parte degli episodi, accompagnati magari da naso che cola, tosse, raucedine ed occhi rossi, sono causati da virus e di norma non richiedono alcuna terapia.

Foto

http://en.wikipedia.org/wiki/File:Streptococcal_pharyngitis.jpg

http://en.wikipedia.org/wiki/File:Streptococcal_pharyngitis.jpg

http://es.wikipedia.org/wiki/Archivo:Tonsillitis.jpg

http://es.wikipedia.org/wiki/Archivo:Tonsillitis.jpg

Cause

Il batterio responsabile è lo Streptococco Betaemolitico A, che durante l’infezione si concentra nel naso ed in gola, quindi è sufficiente uno starnuto od un colpo di tosse per esporre al contagio chi è accanto.

Sintomi

Un bambino colpito da streptococco svilupperà nel giro di circa 3 giorni alcuni o tutti i sintomi indicativi della natura dell’infezione:

  • Gola rossa,
  • placche in gola,
  • difficoltà a deglutire,
  • gonfiore dei linfonodi del collo,
  • tonsille gonfie e rosse,
  • mal di testa (spesso in anticipo su altri sintomi),
  • dolore alla pancia,
  • febbre,
  • sensazione di malessere e brividi,
  • perdita di appetito e nausea,
  • eruzione cutanea,
  • alitosi,
  • dolore alle orecchie.

Possono eventualmente manifestarsi sinusiti, vaginiti ed impetigine se il batterio riesce ad infettare anche i relativi distretti dell’organismo.

Trasmissione

La trasmissione avviene per passaggio del batterio da un organismo all’altro attraverso l’aria, tipicamente per uno starnuto, un colpo di tosse, una risata, …

Il pericolo maggiore di contagio si ha quando il paziente è all’apice della sintomatologia, tuttavia può essere contagioso fino a 21 giorni dalla comparsa se non curato.

Il periodo di incubazione è di 2-4 giorni.

Pericoli

Se non trattato, o in caso di abbandono precoce della terapia, ci si espone al rischio di gravi conseguenze:

Durata

Se trattata con antibiotici (di norma per 10 giorni), passato il primo giorno la febbre si sarà abbassata e, dopo ulteriori 2-3 giorni anche gli altri sintomi passeranno.

Un paziente non trattato è contagioso fino a 21 giorni, anche se i sintomi principali si fossero già risolti.

Cura e terapia

Nella maggior parte dei casi il pediatra od il medico prescriverà una terapia antibiotica per 10 giorni, da seguire scrupolosamente nei modi e nei tempi, pena pericolose ricadute.

24 ore dopo la prima somministrazione la febbre tenderà a risolversi ed il paziente non sarà più infetto, nei 2 o 3 giorni successivi lentamente spariranno anche gli altri sintomi.

L’infezione non lascia immunità permanente: è possibile ammalarsi più di una volta.

Diagnosi

Il metodo più sicuro per diagnosticare un mal di gola da streptococco è attraverso un tampone faringeo, ossia il prelievo indolore attraverso una bacchetta dei liquidi presenti in gola per verificare la presenza del batterio.

Prevenzione

Si rivela utile mantenere separati durante il periodo dell’infezione stoviglie ed altri oggetti simili del paziente, possibili vettori del batterio. Allo stesso modo è bene non condividere cibo, piatti, tovaglioli, bevande, …

E’ importante coprirsi bocca e naso durante uno starnuto per limitare la diffusione dello streptococco A e potrebbe valer la pena di cambiare spazzolino da denti passati i primi giorni di antibiotico.

Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. Anonimo

    Salve dottore mercoledi ho preso un colpo d’aria da sudato dopo essere sceso dall’autobus e puntualmente il mal di gola è arrivato. Il fatto è che ho cominciato a non sentirmi molto bene gia da mercoledi sera quando il colpo d’aria l’ho preso mercoledi pomeriggio. Non è che il colpo d’aria non centra e mi sono preso qualcosa prima? Cmq i miei sintomi sono mal di gola abbastanza forte, ieri e stamattina un po’ di spossatezza, e anche tosse secchissima che mi gratta la gola. Oggi cmq sembra che vada gia meglio rispetto a ieri…è normale? E soprattutto devo o non devo pensare allo streptococco?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Indipendentemente dalla causa se sta già migliorando è un ottimo segno.

    2. jonny

      salve dottore mio figlio e la 2 volta che e ricoverato in ospedale x questo virus e fra laltro fa la pipi molto scura e rossa quindi il batterio a gia preso il rene ,ora fa la terapia ma e una cosa un po seria. . con il rene non si scherza

  2. Anonimo

    mia figlia prese lo streptococco una prima volta , terminati i 10 giorni di cura rientro all asilo …dopo soli 4 giorni si ammalo’ nuovamente. Le feci di nuovo la cura ma la tenni a casa per sicurezza oltre un mese. tornata all asilo dopo solo 9 giorni si ammala di nuovo! stessa cosa per la sua compagna , riammalata dopo 3 giorni dal rientro! a questo o punto mi chiedo se nn ci sia qualche compagno che lo abbia e glielo passi. vista la situazione ho ragione o sbaglio ? grazie

    1. Anonimo

      scusi e’ possibile anche che il batterio stia resistendo sulle superfici? e che sia per quello che le bimbe lo riprendono subito ?

  3. Anonimo

    Salve vorrei sapere se il rischio ,che una bambina di 4 anni con streptococco, contagi la sorellina di 13 mesi e’ alto ? grazie .

  4. Anonima99

    Salve dottore! Ho 17 anni e ho questo problema: quando avevo 15 anni mi è venuta per la prima volta la tonsillite. Da quella volta come mi ammalo mi vengono sempre le placche alla gola. Quest anno sta capitando che ogni mese mi vengono e devo prendere l antibiotico. Proprio ieri che sentivo un leggerero fastidio alle tonsille senza che mi facesse male la gola mi sono accorta di avere placche e gola arrossatissima. Non so piu cosa fare:mi fa leggermente male la testa e mi sento spossata. Puo essere il virus dello streptococco che mi ha attaccato e nn mi lascia ?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, è possibile che non riesca mai a guarire definitivamente.

  5. Anonimo

    Buongiorno , e’ vero che dopo un primo ciclo di antibiotico per streptococco , non vanno ripetuti altri cicli? e se si in tal caso cosa occorre fare ??grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      No, non è vero, poi ovviamente si valuta caso per caso.

  6. Anonimo

    E’ possibile che in alcuni casi lo streptococco non esca negli esami del sangue?

  7. ines

    buona sera dottore,
    sono la mamma di un bambino di tre anni, che l’11 aprile ha iniziato la cura di antibiotico per lo streptococco . purtroppo non siamo riusciti a dargli in nessun modo la dose di sciroppo che avrebbe dovuto prendere. naturalmente i sintomi sono scomparsi e tra l’altro ho fatto ripetere 2 giorni fa il tampone e il risultato è negativo.secondo lei mio figlio è a rischio delle conseguenze che lei ha elencato? e se si cosa mi consiglierebbe di fare.
    grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Lo segnali al pediatra per decidere se verificare con esami del sangue; il tampone negativo è già un ottimo punto di partenza.

  8. Anonimo

    Salve, mia figlia ha terminato i 10 giorni di cura per lo streptococco …se questo non fosse stato debellato del tutto , in questi giorni senza antibiotico sarebbero ricomparsi i sintomi ? grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, è possibile, ma rimanga vigile ancora per qualche giorno.

  9. Anonimo

    Salve , ho ritirato gli esami del tampone e dell antibiogramma …in attesa della pediatra vorrei un consiglio. il risultato e’ il seguente :
    crescita di streptococco alfa emolitico
    negativo per streptococco. beta emolitico.
    non capisco se e’ guarita o no….l alfa emolitico va trattato? Ad oggi il bambino sta bene ma ha un nuovo ponfo sul viso.

  10. Sissibuano

    Ciao ho 14 anni ho avuto 4 volte la febbre in un mese di seguito ovviamente a causa di streptococco ora sono passati una settimana che vado a scuola e per ora è tutto a posto ma mi sento un leggero mal di gola e ho paura di riammalarmi per la 5 volta
    il mio medico mi aveva prescritto gli antibiotici (amoxilina) per 6 giorni e non 10 che cosa mi consiglia di fare ?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non ci pensi troppo, probabilmente ha risolto e è rimasta un po’ di suggestione; chiaramente in caso di comparsa di nuovi sintomi lo segnali immediatamente al medico.

    2. Sissibuano

      Non tanto riesco a mangiare e tutto solo che se lascio la gola secca c’è non la idrato mi diventa forte

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Lo segnali telefonicamente al medico, le suggerirà cosa assumere.

  11. carlita

    A 6 anni ho contratto lo streptococco che dopo 2 anni ho guarito definitivamente. Sono sempre stato un soggetto delicato con la gola ma mai come quest’anno che ho contratto l’epstein barr. A febbraio antibiotico per tonsillite, ora a maggio di nuovo. Ho terminato da martedì il veclam ma a causa di questo clima maledetto mi brucia già la gola, dottore ma perché, cosa posso fare? A gennaio ho effettuato il tampone faringeo ed è tutto nella norma. Non fanno male tutti questi antibiotici? Qualche mese fa ho sofferto di reflusso da nervosismo. Mi aiuti, ho 21 anni.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non si preoccupi, 2-3 episodi in un anno possono capitare; faccia il punto con il medico e non si preoccupi s dovesse essere ancora necessario l’antibiotico.

    2. carlita

      Va bene caro dottore, mi suggerisce qualche efficace rimedio naturale nel caso?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Gargarismi con il bicarbonato e attenzione al reflusso, può favorire la comparsa del mal di gola.

    4. carlita

      Ok sarà fatto, quindi non mi conviene con lo sciroppo? Aspetto che l’effetto del veclam faccia effetto visto che non è passata nemmeno una settimana? Sarebbe eccessivo consultare un otorinolaringoiatria? Ho paura di esofago di Barret e tutte queste cose qua :(

    5. Dr. Cimurro (farmacista)

      Procederei facendo domani il punto con il medico (ovviamente se avvertisse ancora male).

  12. Anonimo

    Salve dottore sono preoccupata in quanto mio figlio è stato a contatto per due ore con un familiare con streptococco sotto cura con cortisone,il bimbo ha 8 mesi..è stato contagiato?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Onestamente mi sembra strano che un’infezione venga curata con del cortisone, comunque sì, il contagio è possibile, ma questo non significa che sia per forza avvenuto.

  13. annarita b.

    Salve rotore
    Mia figlia sette giorni fa ha avuto mal di gola da streptococco con lingua fragola ora con la l antibiotico sta meglio .
    Vorrei sapere se questo si può trasmettere anche a noi adulti ?grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      A partire da 24-48 ore dopo l’inizio dell’antibiotico la bimba non è più contagiosa.

Lascia una risposta

IMPORTANTE: In nessun caso la figura del farmacista può sostituire quella del medico, unico professionista con le competenze e la possibilità legale di formulare diagnosi e prescrivere farmaci. Le considerazioni espresse hanno quindi come unica finalità quella di agevolare in ogni modo il rapporto medico-paziente, mai ed in nessun caso devono prenderne il posto.

Gli interventi inviati potrebbero richiedere fino a 15 minuti per essere visibili sul sito.

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.