Mal di gola da streptococco: sintomi, prevenzione, …

Ultimo Aggiornamento: 1155 giorni

Link sponsorizzati

Introduzione

Chiunque è potenzialmente soggetto allo streptocco, tuttavia bambini ed adolescenti che frequentano la scuola sono sicuramente i soggetti più a rischio, anche e sopratutto per la facilità di contagio tipica degli ambienti affollati e chiusi come le aule scolastiche.

E’ bene specificare che non tutti i mal di gola sono dovuti allo streptococco, la maggior parte degli episodi, accompagnati magari da naso che cola, tosse, raucedine ed occhi rossi, sono causati da virus e di norma non richiedono alcuna terapia.

Foto

http://en.wikipedia.org/wiki/File:Streptococcal_pharyngitis.jpg

http://en.wikipedia.org/wiki/File:Streptococcal_pharyngitis.jpg

http://es.wikipedia.org/wiki/Archivo:Tonsillitis.jpg

http://es.wikipedia.org/wiki/Archivo:Tonsillitis.jpg

Cause

Il batterio responsabile è lo Streptococco Betaemolitico A, che durante l’infezione si concentra nel naso ed in gola, quindi è sufficiente uno starnuto od un colpo di tosse per esporre al contagio chi è accanto.

Sintomi

Un bambino colpito da streptococco svilupperà nel giro di circa 3 giorni alcuni o tutti i sintomi indicativi della natura dell’infezione:

  • Gola rossa,
  • placche in gola,
  • difficoltà a deglutire,
  • gonfiore dei linfonodi del collo,
  • tonsille gonfie e rosse,
  • mal di testa (spesso in anticipo su altri sintomi),
  • dolore alla pancia,
  • febbre,
  • sensazione di malessere e brividi,
  • perdita di appetito e nausea,
  • eruzione cutanea,
  • alitosi,
  • dolore alle orecchie.

Possono eventualmente manifestarsi sinusiti, vaginiti ed impetigine se il batterio riesce ad infettare anche i relativi distretti dell’organismo.

Trasmissione

La trasmissione avviene per passaggio del batterio da un organismo all’altro attraverso l’aria, tipicamente per uno starnuto, un colpo di tosse, una risata, …

Il pericolo maggiore di contagio si ha quando il paziente è all’apice della sintomatologia, tuttavia può essere contagioso fino a 21 giorni dalla comparsa se non curato.

Il periodo di incubazione è di 2-4 giorni.

Pericoli

Se non trattato, o in caso di abbandono precoce della terapia, ci si espone al rischio di gravi conseguenze:

Durata

Se trattata con antibiotici (di norma per 10 giorni), passato il primo giorno la febbre si sarà abbassata e, dopo ulteriori 2-3 giorni anche gli altri sintomi passeranno.

Un paziente non trattato è contagioso fino a 21 giorni, anche se i sintomi principali si fossero già risolti.

Cura e terapia

Nella maggior parte dei casi il pediatra od il medico prescriverà una terapia antibiotica per 10 giorni, da seguire scrupolosamente nei modi e nei tempi, pena pericolose ricadute.

24 ore dopo la prima somministrazione la febbre tenderà a risolversi ed il paziente non sarà più infetto, nei 2 o 3 giorni successivi lentamente spariranno anche gli altri sintomi.

L’infezione non lascia immunità permanente: è possibile ammalarsi più di una volta.

Diagnosi

Il metodo più sicuro per diagnosticare un mal di gola da streptococco è attraverso un tampone faringeo, ossia il prelievo indolore attraverso una bacchetta dei liquidi presenti in gola per verificare la presenza del batterio.

Prevenzione

Si rivela utile mantenere separati durante il periodo dell’infezione stoviglie ed altri oggetti simili del paziente, possibili vettori del batterio. Allo stesso modo è bene non condividere cibo, piatti, tovaglioli, bevande, …

E’ importante coprirsi bocca e naso durante uno starnuto per limitare la diffusione dello streptococco A e potrebbe valer la pena di cambiare spazzolino da denti passati i primi giorni di antibiotico.


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. Erminia

    Dottore sono una madre di un bambino soggetto a streptococco, le volevo chiedere, questo battere quanto dura all’esterno del corpo umano? Visto che il mio bimbo (10 anni) ha le manie di mettere alcuni oggetti in bocca, volevo sapere è possibile che poi lui prenda infezione da questi?
    C’è qualche prodotto x debbelarlo dagli oggetti?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Non conosco i tempi.
      2. Sì, è possibile contrarlo.
      3. Disinfettanti come Napisan, candeggina, …

  2. Salvo

    Salve dottore da giovedì scorso è iniziato un mal di gola..infatti avevo tonsille rosse..ho chiamato il mio medico. .è mi ha subito detto di iniziare zimox antibiotico. .fino a domenica i dolori sono aumentati infatti ho placche ..il dottore mi ha fatto sospendere zimox e mi ha prescritto cefaxolina punture..oggi è martedì ma io sto ancora male..non posso deglutire e ingoiare..neanche bere..anche deglutire la mia saliva mi da dolori..stasera farò la 4 puntura..perché non mi passano..non ho febbre..solo naso chiuso..cosa posso fare dottore..sto malissimo. .ho 30 anni

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Se domani ancora non vedesse miglioramenti senta nuovamente il medico.

  3. anna

    mia nipote a fatto tampone farige e la piediatra a detto che tiene lo streptoccoco si infette con un bacio mio figlio a 20 anni e possibile che la contagiato come faccio a saperrlo grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Con un bacio sulla guancia è poco probabile che contagi un adulto.

  4. nadia

    Buona sera dott ., sabato mattina mio figlio si è svegliato con il mal di gola e le ghiandole del collo dolenti non ha avuto febbree la gola non è particolarmente arrossata con la tachipirina a trovato sollievo però cio che mi preoccupa sono come le dicevo le ghiandole sotto il mento che se gliele tocco mi dice che fanno male. Puo trattarsi di un infezione da streptococco?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Anche se possibile, lo ritengo poco probabile. Se persistesse il dolore lo segnali comunque al medico.

  5. marcela

    buon giorno!per favore dottore mi puo aiutare?mio figlio 3 anni e5 mesi ha avuto il stretococco cca.3 settimane fa , ha preso l’antibiotico per sette giorni,da ieri che gli vedo le tonsili un po grandi e rosse e mentre dorme si sente un rumore forte tipo cataro alla gola.e posibile che e ritornato lo stretococco’Grazie mille!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Febbre? Lui si lamenta di male alla gola (magari rifiutandosi di mangiare)?

  6. Domenico

    Buonasera dottore sonoun ragazzo di 34 anni ho avuto la febbre con placche alla gola per 3 volte in un mese curata con cicli di amoxicillina da 5 giorni, infine dopo 15 giorni dall ultimo ciclo di antibiotici ancora mal di gola ma senza placche e febbre, il mio medico curante mi ha prescritto il tampone e mi hanno riscontrato il streptococco pyogenes, in questo momento il mio medico è fuori città per un congresso, io sto bene e non ho più mal di gola, mi devo preoccupare? ??

  7. Domenico

    Mi correggo 3 volte la febbre in due mesi e adesso che non sto prendendo antibiotici sto bene

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Se sta bene non assumerei nulla per ora, faccia il punto con il medico al suo ritorno.

  8. giada luna

    Buongiorno dottore, dopo due mesi di tosse tra antibiotici cortisoni ed antinfiammatori ….ora tramite tampone scopro di aver contratto lo streptococco …mi sto curando con la claritromicina. ..lavoro all’asilo, posso tornare a lavorare tranquillamente??grazie mille!!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Dopo 24-48 ore dall’inizio della terapia antibiotica non dovrebbe più esserci rischio di contagio.

Lascia una risposta

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.