Lividi ed ematomi: cause, sintomi, pericoli, rimedi

Ultimo Aggiornamento: 1837 giorni

Introduzione

I lividi, anche definiti contusioni o ecchimosi (ematoma nel caso di situazioni più severe), si formano quando una parte del corpo viene colpita e le fibre muscolari ed il tessuto connettivo sottopelle vengono schiacciati senza che la pelle si laceri.

Il sangue proveniente dai capillari (i più piccoli vasi sanguigni dell’organismo) sottocutanei lesionati si riversa sottopelle e, non potendo uscire, rimane intrappolato e forma una macchia rossastra o violacea dolorante al tatto, cioè un livido.

I lividi possono formarsi per diversi motivi, ma per la maggior parte sono la conseguenza di urti, più o meno accidentali. Fortunatamente, come ben sa chiunque si procuri un occhio nero, i lividi non sono permanenti.

Cause

I lividi possono colpire chiunque, ma se alcune persone se li procurano con maggior facilità, altre sono relativamente immuni dai lividi. Perché?

La formazione dei lividi dipende da diversi fattori, tra cui ricordiamo:

  • spessore della pelle,
  • presenza di determinati disturbi o patologie,
  • assunzione di farmaci.

I vasi sanguigni, inoltre, tendono a diventare più fragili man mano che si invecchia, quindi gli anziani di solito si procurano lividi con maggior facilità.

Sintomi

Lividi

Evoluzione di un livido (http://www.flickr.com/photos/corrieb/3438241030/sizes/z/in/photostream/)

I lividi cambiano colore con il passare del tempo, il cambiamento è causato dall’attività dell’organismo che disgrega e riassorbe il sangue: il livido cambia diversi colori e alla fine scompare. È quasi possibile indovinare da quanto tempo c’è il livido soltanto guardando di che colore è.

All’inizio, quando il sangue si è appena sparso sottopelle, il livido è rossastro.

Dopo uno o due giorni l’emoglobina (la sostanza presente nel sangue che contiene ferro e trasporta l’ossigeno) cambia: il livido diventa bluastro o violaceo e il suo colore può tendere al nero.

Dopo un periodo variabile tra 5 e 10 giorni il livido vira ad un colore giallo-verde, per poi diventare giallo-oro dopo ulteriori 10-14 giorni (mentre se l’ecchimosi è di piccola dimensione il passaggio dal colore verde potrebbe non essere rilevabile).

Infine, dopo circa due settimane, il livido scompare.

Quando chiamare il medico

I lividi più piccoli possono essere curati con facilità, tuttavia è consigliabile andare dal medico se:

  • Un livido non scompare nel giro di due settimane.
  • Vi procurate lividi con facilità anche in assenza di urti.
  • Compaiono lividi improvvisi senza alcun motivo apparente.
  • Un livido inizia a fare più male del solito.
  • Il livido si gonfia.
  • Non riuscite a muovere un’articolazione.
  • Il livido è nelle vicinanze dell’occhio

Lividi e leucemia

Molto spesso in caso di frequenti, improvvisi ed inspiegabili lividi si teme di essere malati di leucemia; in realtà nel 99% dei casi la paura è del tutto immotivata e la tendenza allo sviluppo di frequenti ecchimosi è spiegabile attraverso una marcata fragilità capillare.

Nel caso di leucemia, al contrario, la drastica diminuzione delle piastrine provocherebbe la comparsa di emorragie più importanti, oltre naturalmente a diversi altri sintomi.

Cura e terapia

Prevenire i lividi non è semplice, però è possibile velocizzare il processo di guarigione. Quando ci si procura un livido si può prendere qualcosa dal freezer e applicarla sull’ecchimosi per aiutarlo a scomparire più velocemente.

Usare un impacco freddo o una borsa del ghiaccio immediatamente dopo l’urto serve per diminuire le dimensioni del livido, perché rallenta il flusso del sangue sottopelle e quindi fa sì che una minore quantità si riversi nei tessuti. La borsa del ghiaccio, inoltre, serve per calmare l’infiammazione, il gonfiore ed il dolore. È sufficiente applicarla ad intervalli di circa 15 minuti dopo il trauma, ed eventualmente ripetere l’applicazione per i successivi 1-2 giorni.

Non è necessario comprare una borsa del ghiaccio apposita, anche se è comunque una buona idea tenerne una sempre a portata di mano nel congelatore. Basta prendere un po’ di ghiaccio, metterlo in un sacchetto di plastica e avvolgere il sacchetto in un asciugamano prima di metterlo sul livido (non è consigliabile mettere il ghiaccio direttamente a contatto con la pelle per il rischio di ustioni da freddo).

Un’altra soluzione è quella di usare un sacchetto di frutta o verdura congelate, dove ovviamente il tipo di frutta o di verdura non ha importanza: è sufficiente che arrivino dal freezer. Il sacchetto di verdura congelata è facile da applicare sul livido perché la sua forma si può adattare a quella della zona colpita (scegliete la verdura che vi piace di meno, non è una buona idea sgelare e ricongelare più volte un alimento, che quindi non andrà più usato per l’alimentazione).

Un altro modo per far guarire più in fretta il livido è quello di alzare la zona colpita sopra il livello del cuore; se il livido è all’altezza dello stinco, ad esempio, sdraiatevi su un divano o sul letto ed alzate le gambe.

In questo modo il flusso di globuli rossi diretti al livido diminuirà, perché una maggior quantità di sangue presente nella gamba rifluirà nel resto dell’organismo anziché ristagnare nei tessuti della gamba. Se continuate a stare in piedi, scorrerà più sangue sottopelle e il livido crescerà più velocemente.

Sono infine presenti in commercio diverse preparazioni topiche (creme, unguenti, gel) in grado di velocizzarne la guarigione, senza obbligo di ricetta ricordiamo per esempio:

  • Lioton Trauma,
  • Momendol Gel,
  • Voltatrauma.

Prevenzione

È molto difficile riuscire a prevenire completamente i lividi, però se fate sport, andate in bicicletta, andate sui pattini o praticate attività che vi rendono soggetti agli urti, è consigliabile indossare un equipaggiamento protettivo, ad esempio imbottiture, parastinchi e casco.

Impiegare due secondi in più per indossare le protezioni può risparmiarvi due settimane di male e fastidio (per non parlare della protezione decisiva in caso di incidenti gravi!)

Traduzione ed integrazione a cura di Elisa Bruno

Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. Franco

    Cinque mesi fa ho preso una botta all’interno coscia, il livido era esteso ma colore chiaro (verdastro-giallastro) ed è passato nel giro di due settimane, dolore compreso.. rimase una piccola pallina, grumo di sangue credo, che poi è sparita totalmente nel giro di un mese.. adesso però è uscito sempre nel punto della zona contusa, è rimasta una piccola cicatrice, tipo un piccolo semino, a volte leggermente doloroso, tipo un linfonodo,c’è da preoccuparsi? Preciso che non ci sono altri sintomi o dolori associati e che sono un po ipocondriaco, avrò avuto i sintomi di un centinaio di patologie diverse 😀

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Non mi sembra nulla di preoccupante, ma in questi casi per esprimere un giudizio certo è indispensabile valutare di persona e raccomando quindi di verificare con il medico.

  2. ada

    Continua a comparirmi lo stesso livido nel avambraccio, ha piccole dimensioni, circa 1-2 centimetri di diametro, ma compare sempre nello stesso punto e non in seguito a urti, non mi fa particolarmente male ma il fatto che non scompare mai sta cominciando a preoccuparmi. (Sono già alcuni mesi che è lì)

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Non posso che consigliarle di verificare con il medico, ma non si spaventi, può essere anche solo un po’ di fragilità capillare.

  3. Gianna

    Buongiorno Dottore, ho prenotato da tempo un doppler agli arti inferiori e domani è il giorno in cui dovrò farlo. Ora mi è venuto un dubbio in quanto circa una settimana fa ho urtato il polpaccio allo spigolo di un mobile e ancora oggi è presente un livido in via di guarigione che ho trattato con reparyl gel per qualche giorno.La mia domanda è:posso effettuare lo stesso questo esame anche se è presente questo livido e anche se fino a tre giorni fa ho usato sulla parte il reparyl? Secondo Lei devo spostare l’appuntamento perchè possono esserci delle controindicazioni?Grazie mille

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      A mio avviso può procedere regolarmente, in ogni caso segnali il tutto al medico domani.

  4. Anonimo

    Buona sera dottore. Una domanda: ho notato che sulle gambe m sono usciti diversi lividi. Nn ricordo di avere preso così tante botte. Va bene che al lavoro sono distratta ma nn così tanto. Ne sono comparse anche alcuni sulle braccia. Nn violacei ma già giallognoli. Ho il bimbo di 17kg che m salta spesso addosso a peso morto e negli ultimi mesi ho perso 8kg. Lei che ne pensa????

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Non si lasci spaventare, ci sono mille spiegazioni a quanto descritto, ma raccomando senza dubbio di verificare con il medico per togliersi ogni dubbio e capire la causa dei lividi e della perdita di peso.

  5. Anonimo

    Buonasera Dottore. Ieri sera mi sono accorto di avere un piccolo livido vicino al piede, ma non era violaceo, bensì verdognolo.
    Il fatto è che non mi ricordo come possa essermelo procurato, e siccome sono abbastanza ipocondriaco ho paura che possa essere qualcosa di grave… per il resto non ho altri sintomi. Solo una lieve tonsillite batterica (domani prenderò l’appuntamento dal medico per l’antibiotico)

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Verifichi con il medico, ma vedrà che non c’è alcun motivo di preoccupazione.

  6. Gloria53

    Appena premo un punto nero ovunque sia mi ci rimane una chiazza di sangue rosso vivo,appena striscio con la pelle uguale,queste emorragie sottocutanee sono diventate un disagio effettivo….ho girato dappertutto,nessuna diagnosi.Molti medici mi hanno consigliato di non dar peso eccessivo….visto che tutte le indagini hanno dato esito negativo a tutte le eventuali malattie che potrebbero portare questi sintomi….
    Ma è possibile mai che con tutte le ricerche mediche non esista un farmaco che mi eviti questo inconveniente? Per prevenzione ho addirittura cambiato la mia postura,cammino e mi muovo in un modo che mi eviti di sbattere strusciare ,non ho mai più fatto tutto quello che una donna ritiene che faccia parte della cura personale del proprio corpo(ceretta,pulizia viso,ecc.) Per favore ditemi qualcosa.Ringrazio e aspetto con ansia una vostra risposta
    Saluti

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Immagino che farmaci capillaroprotettori siano già stati provati, giusto?

    2. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, purtroppo senza una diagnosi non si può pensare a un’eventuale terapia e se le ricerche varie hanno dato tutte esito negativo questi sintomi potrebbero dipendere da una predisposizione costituzionale, una fragilità capillare ad esempio su base genetica, difficile da studiare e da curare in quanto tale. Ha provato a consultare un dermatologo o un reumatologo? Potrebbe essere utile. A presto!

  7. Naty

    Salve, da una settimana ho un livido verde-giallastro sul braccio, poco sopra al polso, non ricordo di aver preso nessuna botta che possa averlo causato, e toccandolo si sente una piccola “pallina” all’interno. Non ci ho fatto particolarmente caso anche perchè non mi fa male, e ho quindi pensato passasse da solo in qualche giorno. Ieri però è apparsa una specie di piccola “macchia” violacea, il livido è diventato più giallastro e ho cominciato a sentire il braccio pesante, oltre a un certo fastidio generale sempre al braccio. Stamattina mi sono recata dal medico per un controllo, ma ha detto che è un semplice trauma e mi ha prescritto una pomata. Potrebbe essere veramente un semplice trauma? (anche se appunto non so per cosa visto che non ricordo di aver preso nessuna botta). Non vorrei fosse qualcosa di più grave..grazie

    1. Naty

      Grazie per la risposta, ma allora cos’è la “pallina” che sento? È quella che mi fa preoccupare di più..oltre al fatto di non capire il formarsi del livido senza aver preso nessuna botta

    2. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Probabilmente è l’ematoma.
      2. Magari si è rotto un capillare, oppure il trauma c’è stato senza che se ne sia accorta.

  8. angelo

    Gentile dottore, il mio problema e’ che ogni volta che faccio un prelievo, una flebo ecc.le braccia mi diventano nere per un mese. Di recente sono stato operato di protesi al ginocchio – un disastro. Braccia, polsi, gamba e coscia nere da semrare un marocchino per meta’. Cosa potrei fare? Dimenticavo…ho 74 anni.

    fare? Grazie e mi scusi. Dimenticavo… ho 74 anni. Grazie ancora.

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, ma assume farmaci anticoagulanti? se no potrebbe essere dovuto a fragilità capillare, ma occorre valutare la funzionalità coagulativa e le piastrine. Ne parli con suo medico? Saluti

    2. Bibita 71

      Salve dottore Sono caduta dalle scale di marmo e ho un enorme livido che parte dalla coscia al ginocchio in quanto tempo sparirà e cosa devo usare per ora ho usato fastum gel grazie mille

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Servirà qualche settimana.
      2. Fastum toglie il dolore, ma non aiuta il riassorbimento.

    4. Bibita 71

      E cosa dovrei usare mi può dire la pomata o gel che potrei usare grazie mille

  9. Anonimo

    Buonasera dottore.
    Ho notato che da un periodo a questa parte ho dei lividi in diverse parti del corpo: cosce e glutei. Ma cosa sarà mai? Io ho paura che sia un tumore

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Buonasera, non è certo la prima cosa a cui andrei a pensare; ne parli col medico, magari sarà utile valutare con delle prove coagulative. Saluti.

  10. margherita

    buongiorno dottore,sono diversi giorni che mi trovo ematomi sul tronco e arti,mi portano pruditoe diventano piu’ grandi nei giorni a seguire,ho fatto le analisi e ho le piastrine molto basse poiche’ prendo vari medicinali tra cui pressac e congiscor gradirei mi desse un consiglio su come agire,la ringrazio e la saluto.

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, le piastrine basse possono influire sulle sue manifestazioni. Ma prende anche aspirina o farmaci anticoagulanti? Dovrebbe essere studiata anche la funzionalità coagulativa per cercare di capire la causa. Ne parli con il suo medico. Saluti

  11. Anonimo

    Salve 4 giorni fa scherzando con amici mi hanno strattonato il braccio e si è formato un livido, attualmente giallo..
    Si può velocizzare la scomparsa con qualche crema? Non usando rimedi quanto ci metterebbe a scomparire?
    Graz

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, il tempo di riassorbimento può essere soggettivo; esistono comunque delle creme che aiutano il riassorbimento dell’ecchimosi, ma essendo giallo è già in via di guarigione. Saluti.

  12. Anonimo

    salve io ho un livido sul braccio da tipo 6 giorni causato da impatto volevo sapere perchè prude, grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente per il processo di cicatrizzazione interna.

  13. Francesco

    Buongiorno dottore, ieri sera a lavoro, di mestiere monto i palchi, facendo su e giù questa mattina mi sono ritrovato un bel livido rosso, c’è anche un po’ fi fastidi se lo tocco, ora, lo so che non bisogna pensare assolutamente al peggio, ma, se fosse causato da da malattie più serie, il dolore c’è?
    La ringrazio per un eventuale risposta

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Non ci poniamo il dubbio a prescindere, un livido da solo non significa nulla in termini di malattie gravi.

  14. Versary

    Salve stamattinai sono svegliata con un lucido ematoma nella coscia ma io non ricordo di aver sbattuto la cosa strana e come è formato questo livido di puntini di sangue staccati fra di loro ma molto vicini e sembra un unico ematoma!cosa potrebbe essere??

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma senza vedere temo che sia davvero impossibile fare ipotesi.

  15. Lidia

    Buon giorno mia mamma di 67 anni da qualche giorno ha notato un piccolo rigonfiamento sulla spalla dove l anno scorso è stata operata con l inserimento di una protesi. È stata in ps le hanno fatto i raggi e la protesi risulta essere a posto. Aveva un piccolo livido lei non ricorda di aver urtato. Ora quel livido si è esteso fino al gomito .oggi andrà dal dottore ma cosa può essere sono in pensiero. Grazie mille

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Potrebbe essersi rotto un piccolo vaso; raccomandabile verificare, ma niente panico perchè potrebbe essere qualcosa di banale.

      Mi tenga al corrente.

  16. Silvia98

    Salve, un paio di giorni fa sono andata al lago e tuffandomi da un punto alto tre/quattro metri, in procinto del tuffo sono scivolate e ho avuto un brutto impatto con l’acqua. Ho un dolore fortissimo sulla schiena, collocato circa un po’ piu sotto la scapola destra. Il dolore si espande per un’ampiezza pari alla grandezza di una mano e in questi giorni non posso proprio andare dal mio medico di base perchè a breve dovrei partire. Sono due giorni che ci sto applicando una crema apposita per i dolori, avrebbe qualche altro consiglio per un rimedio casalingo che possa quanto meno alleviare il dolore? Grazie per un eventuale risposta, salve e buona giornpata.

  17. Anonimo

    Buonasera dottore, quattro giorni fa (giovedì’ mattina)nell’aiutare una bimba che stava cadendo da una giostra sono andata a sbattere con il piede sinistro vicino ad essa, lì per lì non sembrava niente di che, dolore si ma sopportabile, ma dopo un po’ ho notato che il secondo di dito e’ diventato violaceo e il dolore si è fatto più intenso. Ho chiesto consiglio al farmacista il quale mi ha dato una crema neo mercurocromo bianco da mettere tre volte al giorno. Ho notato che il piede tende a gonfiarsi se sto in piedi a lungo ma lo sento anche non so come definirlo indolenzito, all’attacutura con la piatta del piede si è fatto più scuro. C’ e ‘ da dire che ho fatto un viaggio lungo in macchina due giorni dopo. Che cosa debbo fare? Continuo con la crema? Posso aspettare domani per andare dal medico? Mi sento strana, anche perché si leggono tante cose su internet e sono entrata un po’ nella paura.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Può tranquillamente aspettare domani, ma è a mio avviso da sottoporre al medico.

  18. Lucia

    Salve dottore sono una persona molto ansiosa volevo chiederle da cosa può dipendere che mi procurò lividi alle gambe con facilità ho la pelle molto chiara inoltre circa un mese fa per una colica all ospedale mi fecero l emocromo e mi dissero che era tutto ok mentre un anno fa mi feci anche il PT e PTT e pure era nella norma mi aiuti può essere qualcosa di grave ho 29 anni

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente solo un po’ di fragilità capillare, ma ovviamente verifichi anche con il suo medico.

  19. iris

    Buonasera Dottore vorrei chiederle un parere…
    Circa un mese fa mi sono sottoposta ad un intervento all’alluce valgo per 10 giorni subito dopo l’intervento ho fatto delle punture nella pancia di eparina per prevenire la trombosi. Dal quinto giorno dopo l’intervento ho iniziato a notare dei lividi bluastri sulle gambe ho chiesto subito al mio chirurgo e mi ha detto che si trattava di fragilità capillare nonostante sia passato un mese dall’intervento continuo ad avere questi episodi di lividi agli arti inferiori però molto più grandi circa del doppio su cosce e polpacci mi devo preoccupare devo andare da un angiologo.
    Premetto che mia mamma soffre di trombosi agli arti inferiori da circa vent’anni.
    Grazie per la Sua cortese attenzione

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, no nulla di preoccupante, è un effetto della terapia eparinica che rendendo più fluido il sangue tende a creare i lividi, che possono persistere anche dopo qualche tempo dalla sospensione della terapia in corso; non è sicuramente sintomo di trombosi, stia tranquilla, la situazione migliorerà alla sospensione dell’eparina. Saluti.

  20. Lisa

    Salve dottore buonasera.sono in gravidanza al 6mese…stamattina ho notato 2piccoli lividi sotto l ombellico nella stessa direzione…le cosa mi dice,può essere che la pelle si sta dilatando e i capillari si rompono?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, è assolutamente possibile, ma ovviamente verifichi anche con il medico.

  21. Diana

    Buonasera ,Dottore
    Sono due giorni che ho una macchia viola, di forma irregorlare, sulla gamba che sembra come un grumo di sangue con puntini violacei. Ho notato anche che, vicino a questa “macchia” ,c’è un piccolissimo livido di colore verde chiarissimo. Quando faccio pressione con le dita, sento un po’ di dolore, lo stesso dolore che si sente palpando un livido. Sono preoccupata e ho paura che si tratti di qualcosa di più grave ….
    La ringrazio in anticipo per la risposta.

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Buonasera, sembra assolutamente un ematoma, un banale livido, dalla descrizione; l’evoluzione naturale prevede lo schiarimento graduale nei prossimi giorni, se così non fosse si faccia vedere dal medico. Saluti.

    2. Daiana

      La ringrazio per l’immediata risposta,Dottoressa, è stata gentilissima.

      Comunque, poco fa, mi sono accorta della presenza di un altro piccolo livido,di colore rosso, sulla guancia.

      Non so se centra qualcosa, ma sono due giorni che faccio la cura con Rocefin e Bentalan (siringhe ) per curare un infezione alle orecchie, ma gia dopo la prima iniezione, a parte un piccolo livido,avevo anche male alla gamba, stessa gamba dove si trova questo “ematoma “.
      Potrebbe essere un effetto collaterale della Rocefin ?

    3. Diana

      D’accordo, la ringrazio per la risposta.

      Ho pensato di aspettare qualche giorno, sperando che la situazione migliori,prima di rivolgermi al mio medico curante e fare ulteriori accertamenti o è il caso di rivolgermi immediatamente al mio medico curante ? Intanto ho provato ad applicare del ghiaccio sul presunto ematoma che ho sulla gamba, non se se faccio bene o se peggioro le cose

    4. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, se si tratta di un ematoma, in pochi giorni scomparirà con o senza ghiaccio . Se invece dovesse notare la formazione di altre macchie simili o se non si dovessero risolvere nei tempi normali , ne parli con il suo medico. Saluti

    5. Diana

      Vi ringrazio per la vostra disponibilità, cortesia e pazienza.

      Comunque, la macchia sembra che sta iniziando a sbiadire, è passata da un colore violaceo a un rosa chiaro …sembra stia iniziando a sparire.

  22. teresa

    Salve sono teresa ogni tanto mi compaiono dei piccolissimi lividi su una parte del corpo a volte alla gamba e a volte al braccio ma sto mettendo E matonil plus e scompare subito cosa può essere?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Forse un po’ di fragilità capillare, ma raccomando di verificare con il medico.

    2. maria

      Con la fragilità capillare datosi che io soffro posso andare al mare fa bene il mare il sole so che non è buoni mi dia un consiglio

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Il mare può aiutare, ma va evitata l’esposizione al sole (e al caldo in genere).

      Sottolineo che la mia è un’ipotesi, non una diagnosi, quindi prima di privarsi del sole ne parli con il medico.

    4. Anonimo

      Senza trauma i lvidi che si formano in un corpo sono sempre ovuti a fragilità capillare?grazie

    5. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      È la spiegazione più comune, ma va sempre verificato con il medico.

  23. anonima

    Io ho diversi lividi senza trauma posso mettere E matonil o lasonil e volevo sapere se i lividi senza trauma possono essere dovuto ancheva fragilità capillare grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Lasonil ha azione antinfiammatoria, non è più la formulazione che si usava in passato per gli ematomi.

  24. roberto

    da tempo sugli avambracci compaiono tanti ematomi di diverse misure e senza motivo scompaiono ma poi ritornano anche più grossi. la ringrazio per l’aiuto e cordialmente la saluto

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Spesso si tratta di fragilità capillare (disturbo comune in estate e non preoccupante), ma è indispensabile verificare con il medico.

  25. giada

    Buongiorno dottore mi sono accorta che dal ginocchio in giù ogni tanto mi ritrovo dei lividi (2 / 3) senza però ricordarmi di aver preso botte poi però scompaiono sono anche soggetta a fragilità capillare visto che specialmente sui piedi ho dei vasi capillari rotti però sono anche un tipo ansioso e sto pensando a brutte malattie di cosa pensa che si possa trattare grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      La fragilità capillare può spiegare il disturbo, ma verifichi comunque con il medico.

Lascia una risposta

IMPORTANTE: In nessun caso la figura del farmacista può sostituire quella del medico, unico professionista con le competenze e la possibilità legale di formulare diagnosi e prescrivere farmaci. Le considerazioni espresse hanno quindi come unica finalità quella di agevolare in ogni modo il rapporto medico-paziente, mai ed in nessun caso devono prenderne il posto.

Gli interventi inviati potrebbero richiedere fino a 15 minuti per essere visibili sul sito.

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.