Lividi ed ematomi: cause, sintomi, pericoli, rimedi

Ultimo Aggiornamento: 1420 giorni

Link sponsorizzati

Introduzione

I lividi, anche definiti contusioni o ecchimosi (ematoma nel caso di situazioni più severe), si formano quando una parte del corpo viene colpita e le fibre muscolari ed il tessuto connettivo sottopelle vengono schiacciati senza che la pelle si laceri.

Il sangue proveniente dai capillari (i più piccoli vasi sanguigni dell’organismo) sottocutanei lesionati si riversa sottopelle e, non potendo uscire, rimane intrappolato e forma una macchia rossastra o violacea dolorante al tatto, cioè un livido.

I lividi possono formarsi per diversi motivi, ma per la maggior parte sono la conseguenza di urti, più o meno accidentali. Fortunatamente, come ben sa chiunque si procuri un occhio nero, i lividi non sono permanenti.

Cause

I lividi possono colpire chiunque, ma se alcune persone se li procurano con maggior facilità, altre sono relativamente immuni dai lividi. Perché?

La formazione dei lividi dipende da diversi fattori, tra cui ricordiamo:

  • spessore della pelle,
  • presenza di determinati disturbi o patologie,
  • assunzione di farmaci.

I vasi sanguigni, inoltre, tendono a diventare più fragili man mano che si invecchia, quindi gli anziani di solito si procurano lividi con maggior facilità.

Sintomi

Lividi

Evoluzione di un livido (http://www.flickr.com/photos/corrieb/3438241030/sizes/z/in/photostream/)

I lividi cambiano colore con il passare del tempo, il cambiamento è causato dall’attività dell’organismo che disgrega e riassorbe il sangue: il livido cambia diversi colori e alla fine scompare. È quasi possibile indovinare da quanto tempo c’è il livido soltanto guardando di che colore è.

All’inizio, quando il sangue si è appena sparso sottopelle, il livido è rossastro.

Dopo uno o due giorni l’emoglobina (la sostanza presente nel sangue che contiene ferro e trasporta l’ossigeno) cambia: il livido diventa bluastro o violaceo e il suo colore può tendere al nero.

Dopo un periodo variabile tra 5 e 10 giorni il livido vira ad un colore giallo-verde, per poi diventare giallo-oro dopo ulteriori 10-14 giorni (mentre se l’ecchimosi è di piccola dimensione il passaggio dal colore verde potrebbe non essere rilevabile).

Infine, dopo circa due settimane, il livido scompare.

Quando chiamare il medico

I lividi più piccoli possono essere curati con facilità, tuttavia è consigliabile andare dal medico se:

  • Un livido non scompare nel giro di due settimane.
  • Vi procurate lividi con facilità anche in assenza di urti.
  • Compaiono lividi improvvisi senza alcun motivo apparente.
  • Un livido inizia a fare più male del solito.
  • Il livido si gonfia.
  • Non riuscite a muovere un’articolazione.
  • Il livido è nelle vicinanze dell’occhio

Lividi e leucemia

Molto spesso in caso di frequenti, improvvisi ed inspiegabili lividi si teme di essere malati di leucemia; in realtà nel 99% dei casi la paura è del tutto immotivata e la tendenza allo sviluppo di frequenti ecchimosi è spiegabile attraverso una marcata fragilità capillare.

Nel caso di leucemia, al contrario, la drastica diminuzione delle piastrine provocherebbe la comparsa di emorragie più importanti, oltre naturalmente a diversi altri sintomi.

Cura e terapia

Prevenire i lividi non è semplice, però è possibile velocizzare il processo di guarigione. Quando ci si procura un livido si può prendere qualcosa dal freezer e applicarla sull’ecchimosi per aiutarlo a scomparire più velocemente.

Usare un impacco freddo o una borsa del ghiaccio immediatamente dopo l’urto serve per diminuire le dimensioni del livido, perché rallenta il flusso del sangue sottopelle e quindi fa sì che una minore quantità si riversi nei tessuti. La borsa del ghiaccio, inoltre, serve per calmare l’infiammazione, il gonfiore ed il dolore. È sufficiente applicarla ad intervalli di circa 15 minuti dopo il trauma, ed eventualmente ripetere l’applicazione per i successivi 1-2 giorni.

Non è necessario comprare una borsa del ghiaccio apposita, anche se è comunque una buona idea tenerne una sempre a portata di mano nel congelatore. Basta prendere un po’ di ghiaccio, metterlo in un sacchetto di plastica e avvolgere il sacchetto in un asciugamano prima di metterlo sul livido (non è consigliabile mettere il ghiaccio direttamente a contatto con la pelle per il rischio di ustioni da freddo).

Un’altra soluzione è quella di usare un sacchetto di frutta o verdura congelate, dove ovviamente il tipo di frutta o di verdura non ha importanza: è sufficiente che arrivino dal freezer. Il sacchetto di verdura congelata è facile da applicare sul livido perché la sua forma si può adattare a quella della zona colpita (scegliete la verdura che vi piace di meno, non è una buona idea sgelare e ricongelare più volte un alimento, che quindi non andrà più usato per l’alimentazione).

Un altro modo per far guarire più in fretta il livido è quello di alzare la zona colpita sopra il livello del cuore; se il livido è all’altezza dello stinco, ad esempio, sdraiatevi su un divano o sul letto ed alzate le gambe.

In questo modo il flusso di globuli rossi diretti al livido diminuirà, perché una maggior quantità di sangue presente nella gamba rifluirà nel resto dell’organismo anziché ristagnare nei tessuti della gamba. Se continuate a stare in piedi, scorrerà più sangue sottopelle e il livido crescerà più velocemente.

Sono infine presenti in commercio diverse preparazioni topiche (creme, unguenti, gel) in grado di velocizzarne la guarigione, senza obbligo di ricetta ricordiamo per esempio:

  • Lioton Trauma,
  • Momendol Gel,
  • Voltatrauma.

Prevenzione

È molto difficile riuscire a prevenire completamente i lividi, però se fate sport, andate in bicicletta, andate sui pattini o praticate attività che vi rendono soggetti agli urti, è consigliabile indossare un equipaggiamento protettivo, ad esempio imbottiture, parastinchi e casco.

Impiegare due secondi in più per indossare le protezioni può risparmiarvi due settimane di male e fastidio (per non parlare della protezione decisiva in caso di incidenti gravi!)

Traduzione ed integrazione a cura di Elisa Bruno


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. angela

    Salve Dottore ho un bambino di 5 anni gioca a calcio gli sono comparsi lividi sulle gambe ho fatto le analisi del sangue tutto bene adesso a distanza di mesi gli sono ricomparsa come mai? Sono piccoli lividi grazie mille

    1. angela

      Non penso poi sembra che ogni tanto si gratta sono piccoli lividi questo è successo da quando gioca a calcio che dice lei

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Rimango dell’idea che siano piccoli traumi, ma ovviamente senta il parere del medico.

    3. Anonimo

      Mi ha fatto fare le analisi tutto bene adesso sono passati 4 mesi e ci sono di nuovo ma piccoli lunedì la sento adesso.si gratta anche nella pancia booo secondo lei

    4. Dr. Cimurro (farmacista)

      Il mio parere lo conosce, ma ovviamente quello che conta è quello del pediatra; mi tenga al corrente.

    5. Anonimo

      L importante che la analisi sono andate bene giusto quindi non è nulla di grave

  2. andrea

    Salve dottore stamattina mi è uscito un livido sul braccio di colore giallo oro non ricordo urti che ho preso che sarà sono preoccupato età 29

  3. diana

    Ciao dottore. Mi e uscito un tipo di brufolo sulla coscia poi intorno e diventato blu, sto brufolo cia bolle di acqua che li o spacati e ora e asciuto ma il blu e rimasto e mi prude poi su altra coscia mi sono usciti tanti altri lividi che prude senza brufoli e nella zona intima sopra mi e uscito un simile brufolo come sulla coscia, io non o medico dove mi sono trasferita ora. O paura di non aver presso qualche malatia di sangue. Lei che ne pensa? Grazie mille

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Senza vedere temo sia impossibile esprimere giudizi, ma può rivolgersi con fiducia alla guardia medica.

  4. ToShira

    Salve dottore, la scorsa settimana ho fatto una brutta caduta e oltre ad aver preso l’ennesima storta al piede, sono volata sull’asfalto causandomi dolore alla mano, ke ho ancora un po, e una botta al lato destro della pancia(dove avevo più dolore ) .
    È uscito il livido dopo 3 giorni e ora si sta dissolvendo.. però ho ancora un po male e sotto sento un bozzetto duro… è normale?

  5. Emilio

    Un mio amico mi ha sgambettato, e sono caduto a terra violentemente col ginocchio
    Leggermente sbucciato, subito disinfettato
    ma ho un dolore tremendo, ho paura si possa essere rotto qualcosa all interno tipo vene, è pericoloso? ho un male su tutta la gamba

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Se fa molto male il parere di un medico è consigliabile.

  6. Sergio

    Salve qualche giorno fa ho preso una botta sul naso ma solo stamattina mi è comparso sotto un occhio gonfiore e colore bluastro tendente al nero, premetto che non ho fatto nessun trattamento e ora chiedo se è possibile attenuarlo o farlo passare, nell’occhio non ho nessun dolore.
    Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Purtroppo si può fare poco, solo aspettare; alcune creme potrebbero velocizzare la guarigione, ma sotto l’occhio non mi piace mai molto applicarle.

  7. Lilia

    Buonasera dottore,
    Da circa due mesi e mezzo mi sono comparsi lei lividi sui piedi, appena sopra le dita, in corrispondenza delle giunture, a lato e a giorni anche sul resto del piede, che non scompaiono, su entrambe i piedi.
    Ho provato a guardare se potessero essere le scarpe, ma non sono quelle, perché anche con le ciabatte questo problema non si risolve. Sembra che la mia pelle sia diventata più sensibile agli ematomi, non riesco proprio a capire quale sia il problema.
    Cordialmente, la ringrazio.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Se il problema è limitato ai piedi viene anche a me da pensare che sia causato dalla scarpe, considerando anche che un ematoma può richiedere fino a 2-3 settimane per essere assorbito.

  8. lily

    Buongiorno Dottore,
    qualche settimana fa ho preso una botta altezza stinco, il livido è sparito ma ora ho un ” bozzetto ” sotto pelle, non ho mai messo creme per far sparire livido, sto applicando da ieri voltaren gel per bozzetto, sembra andare meglio meno gonfio e duro , è tutto nella norma?
    Grazie molte.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Purtroppo a volte serve tempo per un completo riassorbimento, in ogni caso senta anche il parere del suo medico.

    2. Anonimo

      Ma è normale che si formi questo bozzetto sottocutaneo? cosa può essere altrimenti?

    3. Anonimo

      Grazie mille, per la Sua cortesia e rapidità.
      Con i migliori saluti.

    4. Anonimo

      Salve, spero mi possa tranquillizzare la mia ansia. Da qualche settimana che ho dei piccoli lividi sulle gambe sparse. Io Nn ricordo di aver preso botte e ce n’è uno che sembra persistere. Mi devo preoccupare? L’anno scorso le mie analisi uscirono tutte normali, occorre ripetere per escludere ”forse una leucemia”? Se sono i capillari fragili che esame dovrei fare? Grazie

    5. Dr. Cimurro (farmacista)

      Una visita medica dal curante è più che sufficiente, in casi dubbi viene prescritto l’emocromo.

  9. Andrea

    Salve…oggi giocando a pallone ho avuto uno scontro testa contro il mio naso Abbastanza violenta…volevo sapere più o meno qnt un ematoma/colore potrebbe rimanere e Se qst potrebbe causarmi problemi all’aereoporto considerando ke in 5 giorni devo prendere un volo…

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Fino a qualche settimana?
      2. Verificherei con una visita che non ci siano danni che possano disturbare la respirazione.

  10. Vale

    Buonasera Dottore, da qualche giorno ,all’incirca una settimana, mi stanno uscendo dei piccoli lividi molto vicini tra loro principalmente sullo stinco della gamba sinistra, sui malleoli esterni di entrambe le gambe e due o tre sulla gamba destra. Mi danno l’impressione di aumentare ogni giorno, fanno male leggero prurito e per ora sembrano sul rosso tendente al viola. Non ho preso urti da ciò che ricordi. Cosa potrebbe essere? So che comunque devo fare le analisi , ma quali sarebbero le possibili cause?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Forse una leggera fragilità capillare, ma come primo passo suggerirei una visita medica.

  11. Alfonso

    Gentile Dottore;
    Un mese fa ho fatto un prelievo per esami del sangue e il giorno successivo è venuto un livido durato qualche giorno.7 giorni addietro ho fatto altro prelievo per lo stesso motivo e solo dopo due giorno è comparso altro livido che non riesco a far assorbire applicando, come suggeritomi, pomata Arnica.
    Grazie per qual che mi può riferire.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Più che altro serve pazienza, possono servire fino a 2-3 settimane.

  12. Betty gambitta

    Mia madre ha avuto un intervento chirurgico per ematoma subdurale cronico emisferico sinistro è affetta da epilessia e dopo un mese e mezzo ancora non cammina ed è senza forze

  13. sara

    Dopo un incontro di k1 in cui ho preso diverse ginocchiate sulla pancia , mi sono usciti dei lividi sopra l’ombelico e sullo stomaco. Nei giorni a seguire avevo sempre nausea e mi faceva mal di stomaco quando mangio. È normale?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Potrebbe essere solo conseguenza dei traumi, ma onestamente qualche verifica la farei.

  14. vito

    Salve, mia figlia di 16 anni ha iniziato da poco a praticare belly punch, uno sport in cui si colpisce solo l’addome. E ogni volta che fa una gara o un combattimento gli escono quasi sempre dei lividi e ematomi, sia sulla pancia che all’altezza di stomaco fegato ecc…
    Oltre a questo mi dice spesso di avere nausea e conati di vomito nei giorni a seguire.
    Le mie domande sono: Questi sintomi sono normali dopo aver ricevuto dei colpi in quelle zone?
    E secondo lei questo sport può essere pericoloso per la salute di mia figlia visto che si colpiscono zone come stomaco, pancia,fegato, e costole con pugni calci e ginocchiate?
    Chiedo questo perché mi preoccupo per mia figlia e non vorrei che a lungo termine avesse dei problemi di salute.
    Grazie in anticipo per le risposte.

    1. vito

      Sono sempre io, quello sport è più o meno pericoloso di un’altro sport da combattimento tipo box secondo lei?

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non lo conosco, ma se i colpi sono portati a contatto pieno direi che è pericoloso come la boxe, quantomeno per quanto concerne l’addome (ovviamente non c’è rischio di parkinson, per esempio, che caratterizza i pugili).

    3. vito

      Si, i colpi sono portati a contatto pieno , tanto che durante l’ultimo incontro mia figlia dopo aver ricevuto delle ginocchiate e diversi calci consecutivi è rimasta a terra senza fiato raggomitolata su se stessa per quasi 10 minuti. E per tutta la sera dopo l’incontro si lamentava del dolore alla pancia, tanto che camminava sempre un po piegata su se stessa e il giorno dopo sono usciti lividi su tutto l’addome.

    4. vito

      Grazie mille dottore per le risposte, avrei ancora delle domande, spero di non seccarla troppo.
      Questo sport ( da quello che mi ha spiegato mia figlia) consente di colpireda sopra la cintura ( che come misura standard deve essere 10 cm sotto l’ombelico ) fino al plesso solare e in tutta la zona dei fianchi e del costato ,e ovviamente non devono esserci protezioni in queste zone. Detto questo mia figlia dice gli addominali ben sviluppati e abbastanza forti da reggere i colpi ( o la maggior parte ) e mi ha riferito che quando ne riceve li sente ” schiacciare/perforare” la pancia fino a sentirli sulla schiena. Questo puo essere una causa ulteriore di danni?
      Puo essere questo fatto a causare i lividi? E il fatto che si possa colpire cosi in basso può causare danni alle zone genitali?
      mi scuso di essere così insistente e la ringrazio per la sua cortesia nel rispondermi.

    5. vito

      Dimenticavo di dirle che i colpi sono continuativi, nel senso che anche se uno dei due lottatori e a terra e a gia ricevuto dei colpi si può continuare a colpirlo anche se mostra segni di non riuscire a reagire . fino a che l’arbitro non interrompere.
      Volevo fare questa precisazione nel caso potesse essre d’aiuto per le sue risposte. Grazie mille ancora per la cortesia.

    6. Dr. Cimurro (farmacista)

      Purtroppo confermo quanto sopra, il rischio esiste, anche se probabilmente solo per gli organi presenti nella fascia colpita.

  15. chiara

    Buon giorno dottore, sono una ragazza di 17 anni e pratico anch’io il belly punch, e durante alcuni incontri, l’ultimo una settimana fa, mi è capitato di incassare a mie spese circa 40 colpi in tutta la zona dell’addome (principalmente concentrati su stomaco e plesso solare).
    Purtroppo non ho gli addominali ben sviluppati e dopo i primi 5-6 coloi non sono più riuscita a ” attutire” i colpi con gli addominali e il resto dei colpi gli ho incassati tutti a muscoli rilassati. A distanza di una settimana ho ancora gli ematomi sulla pancia.
    Potrebbe indicarmi alcuni problemi sia lievi e riscontrabili normalmente dovuti a questo sport? E potrebbe indicarmi anche alcuni problemi gravi dovuti a questo sport?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Danni agli organi interni, presenti a livello addominale.

  16. chiara

    Sono ancora io, gli ematomi che ho sulla pancia sono di un color violaceo e ho notato un rigonfiamento sulle zone interessate, è normale?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, potrebbero servire anche 1-2 settimane o più per un completo riassorbimento.

  17. sharon

    Buona sera dottore, l’altro giorno ho partecipato ad un torneo di lotta mista. Come protezioni ho usato solo il paradenti, e non c’erano limiti nel colpire ( pugni calci ginocchiate ovunque). A mio malgrado al primo incontro e alla fine dell’incontro (quinto round ) dopo aver ricevuto violenti colpi in tutto il corpo sono svenuta.
    Mi hanno portata all’ospedale dove il medico mi ha diagnosticato : echimosi al viso , ematomi sul costato addome e inguine, trauma ad un rene e 2 costole rotte e 1 incrinata.
    i fianchi e l’addome essendo completamente viola a causa dei calci fanno molto male, il dottore ha detto che nelle zone dell’addome, inguine ho degli ematomi profondi.
    precisamente cosa sono degli ematomi profondi?

    1. Anonimo

      Mi scusi, è stato un errore con l’inserimento automatico del nome.
      può dirmi cosa significa ematoma profondo?

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      L’ematoma è una raccolta di sangue uscita da un vaso danneggiato (per esempio il blu che si forma sulla pelle dopo un trauma), “profondo” significa che non è visibile, ma si trova fra gli organi e può diventare pericoloso.

  18. Serena

    Salve dottore, da un po’ di mesi mi escono sulle gambe e sulle braccia diversi lividi che non sono dovuti in nessun modo a urti, sono andata dal mio edico che mi ha prescritto gli esami del sangue per controllare la coaugulazione, il ferro e le urine, i valori che sono usciti fuori dai valori di riferimento sono Neutro% 39,6 [40,0-75,0], Linfo% 51,5 [20,0-50,0] e Corpi Chetonici 10,00 [Assenti]. Non riesco a capire se questi valori sono la causa di questi lividi improvvisi, la ringrazio in anticipo

  19. Elisabetta

    Salve dottore, ho 20 anni e sto notando di avere sulle gambe lividi gialli senza motivo.. ho interrotto l’assunzione della pillola da 4 mesi, ho anche notato sopra la caviglia sinistra una pallina che sparisce appena mi siedo, solo quando sto in piedi esce, è simile ad una puntura di insetto ma si sarebbe vista anche da seduta.. consulterò il mio medico appena tornerà dalle ferie. Grazie!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non mi sembra nulla di allarmante, ma è senza dubbio consigliabile verificare con il medico.

Lascia una risposta

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.