Lebbra: sintomi, foto, cura, situazione in Italia

Ultimo Aggiornamento: 707 giorni

Link sponsorizzati

Introduzione

La lebbra è una malattia infettiva cronica causata dal batterio Mycobacterium leprae. Può colpire la pelle ed i nervi delle mani e dei piedi, ma anche gli occhi e le mucose nasali. In alcuni casi, inoltre, può colpire anche altri organi, ad esempio i reni e i testicoli. Se non viene curata la lebbra può causare deformità delle mani e dei piedi, cecità ed insufficienza renale.

In Italia sono stati presenti fino pochi anni fa alcuni focolai nel Sud, ma attualmente la quasi totalità dei casi riscontrati sono relativi a pazienti immigrati.

La lebbra è anche definita morbo di Hansen.

Lebbra, in Italia è scomparsa

Lebbra, in Italia è scomparsa (http://it.wikipedia.org/wiki/File:Neuf%C3%A4lle_Lepra_2003..PNG)

Trasmissione

Non si conosce con esattezza quale sia il meccanismo di contagio della lebbra che, tra l’altro, non è molto contagiosa. Il contagio non avviene tramite semplice contatto occasionale con i malati, ma la maggior parte dei casi si verifica dopo un contatto protratto. I ricercatori ritengono che si possa essere contagiati dalla lebbra respirando le minuscole goccioline rilasciate nell’aria dal malato che tossisce o starnutisce. La stragrande maggioranza delle persone che entrano in contatto con il Mycobacterium leprae non si ammala, tuttavia i pazienti con difese immunitarie indebolite da disturbi cronici (diabete, HIV, AIDS o patologie cardiache) presentano un maggior rischio di contagio, perché i loro sistemi immunitari non sono abbastanza forti per combattere il batterio.

I bambini sono maggiormente a rischio rispetto agli adulti.

Sintomi

Lebbra, immagine delle dita

Lebbra, immagine delle dita (http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Leprosy_hand_affected_fourth_digit.jpg)

Il decorso della lebbra è molto lento, la maggior parte dei pazienti affetti dalla malattia non presenta alcun sintomo per almeno un anno dopo l’infezione. Nella quasi totalità dei casi occorrono da 5 a 7 anni perché i sintomi si sviluppino. La lebbra danneggia i nervi e i muscoli e può causare piaghe, lesioni, gonfiori e protuberanze sulla pelle.

Esistono due forme di lebbra, quella tubercoloide e quella lepromatosa.

  1. La lebbra tubercoloide è la forma meno grave e contagiosa,
  2. mentre la lebbra lepromatosa è più grave e generalizzata, nonché maggiormente contagiosa. Questa seconda forma di lebbra può colpire diversi organi, ad esempio i reni, i testicoli, gli occhi e il naso.

La lebbra può avere diversi sintomi, a seconda della forma con cui si presenta. Tra di essi ricordiamo:

  • lesioni e piaghe cutanee che non guariscono nemmeno dopo mesi. Le lesioni sono piatte o leggermente in rilievo, di colore chiaro o leggermente arrossato,
  • gonfiori e protuberanze che deturpano la pelle,
  • perdita di sensibilità della pelle, perché i nervi sottocutanei sono danneggiati,
  • debolezza muscolare.

Pericoli

Se non viene curata, la lebbra può causare danni permanenti ai nervi delle mani e dei piedi. Il paziente può avere problemi a percepire il dolore e la temperatura in queste zone. Se le dita delle mani o dei piedi perdono sensibilità, ci si può bruciare, tagliare o far male accidentalmente. Le lesioni e i danni ripetuti ai nervi possono causare debolezza muscolare, deformità e persino la perdita delle dita. La lebbra non curata, inoltre, può causare gonfiore, piaghe e lesioni cutanee più gravi.

Se la lebbra danneggia le mucose nasali, può causare sanguinamenti nasali frequenti e sensazione continua di naso chiuso. Se invece colpisce gli occhi, può provocare il glaucoma e addirittura la cecità. La lebbra lepromatosa è in grado di diminuire la quantità di testosterone e il numero degli spermatozoi, con conseguente disfunzione erettile e sterilità. Nei casi più gravi la lebbra può arrivare a danneggiare i reni, con conseguente insufficienza renale.

Diagnosi

Lebbra, foto delle lesioni

Lebbra, foto delle lesioni (http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Leprosy_thigh_demarcated_cutaneous_lesions.jpg)

Il medico vi rivolgerà diverse domande relative al vostro stato di salute presente e passato e ai sintomi che avvertite. Con ogni probabilità, inoltre, eseguirà una biopsia, cioè preleverà un campione di pelle infetta per controllare se è presente il batterio Mycobacterium leprae.

Cura e terapia

Per curare la lebbra si usano antibiotici appositi, in grado di eliminare il Mycobacterium leprae dall’organismo ma non di curare le lesioni ai nervi né le deformità causate dalla malattia. Proprio per questo è fondamentale iniziare la terapia il prima possibile. Potrà essere necessario assumere gli antibiotici per sei mesi o più, a seconda della gravità dell’infezione.

Prevenzione

Anche se il rischio di contagio è trascurabile, è comunque possibile diminuirlo. Il modo migliore per prevenire la lebbra è evitare il contatto con le secrezioni e con le lesioni cutanee dei pazienti ammalati.

Traduzione ed integrazione a cura di Elisa Bruno


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

    1. Anonimo

      Da Anna Cararetto
      Ciao scusa ti devo chiedere una cosa ? Se mi sai rispondere potresti scrivere in questo si sito .
      Domanda : ma la Lebbra si può’ curare , ma la si possono possono prendere solo i grandi cioè’ gli adulti oppure anche gli animali ??
      A presto Anna Cararetto

  1. Alen

    Io e una mia amica stiamo facendo una ricerca per scuola su questa malattia. Potrebbe per favore spiegarci le conseguenze della lebbra?

  2. mmpi

    dottore o in famiglia un caso simile o paura che i miei figli si infettano e o anche mia figlia in gravidanza che e anche stata molto vicino all’ammalato come faccio perche o paura

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Si limiti semplicemente ad evitare contatti tra il paziente e la donna incinta.

  3. lorenzo

    Io non ho capito la nostra prof dice che per la lebbra non c’é cura
    In fatti ha detto che i lebbrosi venivano isolati raggruppati

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Una volta era così, prima di scoprire gli antibiotici; ad oggi purtroppo non possono ancora essere curate le deformità.

  4. felicia ziino

    ho a mia mamma con un problema al polpaccio della gamba e con piaga puo essere che avendo la febrite e ha sbatutto e si formata con la piaga

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, potrebbe esserci un legame dovuto ai problemi di circolazione.

  5. Niko

    Dottore , sto facendo una ricerca personale .. Chiedevo se era possibile avere notizie sulla lebbra presente in Basilicata .. In questa regione ci sono stati lebbrosi , lebbrosari o colonie hanseniane ? Dove venivano curati i malati della Basilicata ? Grazie..

Lascia un Commento

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.