La cuffia dei rotatori e la spalla

Ultimo Aggiornamento: 1337 giorni

Link sponsorizzati

Introduzione

Le lesioni alla spalla sono molto frequenti, soprattutto per le persone che fanno molto esercizio o praticano qualche sport; una delle lesioni più frequenti è chiamata lesione alla “cuffia dei rotatori”.

L’articolazione della spalla serve ad unire il braccio con la parte superiore del corpo, le ossa che vi prendono parte sono:

  • scapola (da parte del tronco),
  • omero (l’osso del braccio).

Le ossa delle spalle sono coperte da un tessuto chiamato cartilagine, le superfici liscie della cartilagine consentono un movimento fluido ed indolore per la spalla. I legamenti servono invece a collegare le ossa e contribuiscono a mantenere la spalla in posizione. Questa conformazione permette alla muscolatura coinvolta di muovere la spalla in tutte le direzioni.

La combinazione dei muscoli e dei legamenti della spalla è chiamato cuffia dei rotatori e si trova sotto la scapola.

Cause

Le lesioni alla cuffia dei rotatori si possono verificare a causa di:

  • Una caduta o un trauma specifico alla spalla,
  • Stress ripetitivo alla spalla.

Atleti e lavoratori edili che utilizzano molto le spalle spesso manifestano un’infiammazione alla cuffia dei rotatori a causa della natura fisica della loro attività. I fattori che aumentano il rischio di una lesione della cuffia dei rotatori sono:

  • Vecchiaia,
  • Posture scorrette,
  • Muscoli della spalla deboli.

Sintomi

I principali sintomi degli infortuni alla cuffia dei rotatori sono:

  • Dolore alla spalla, soprattutto quando si muove o si dorme su di essa.
  • Mollezza nella spalla,
  • Debolezza nella spalla,
  • Non essere in grado di muovere la spalla come normale.

I sintomi delle lesioni alla cuffia dei rotatori si possono verificare da soli o possono essere notati dopo una caduta o un infortunio, o viceversa possono anche apparire gradualmente, nell’arco di un periodo di tempo più ampio.

A volte la cuffia dei rotatori viene pizzicata tra l’articolazione della spalla e del sovrastante osso, provocando dolore e infiammazione.

Diagnosi

La diagnosi di una lesione della cuffia dei rotatori è fatta solitamente dopo una buona anamnesi ed un approfondito esame fisico. Possono essere necessarie prove come i raggi X alle spalle e risonanza magnetica. A volte può essere necessaria un’artrografia, durante la quale del colorante è iniettato nella spalla e successivamente questa viene sottoposta ai raggi X. Il colorante aiuta la spalla a mostrare più chiaramente eventuali danni presenti.

Cura e terapia

La maggior parte delle lesioni alla cuffia dei rotatori sono trattate con successo con la terapia fisica ed esercizi che possono essere fatti a casa, con l’obiettivo di rinforzare i muscoli e aumentare la gamma di movimenti della spalla.

La terapia fisica può durare da poche settimane a pochi mesi, possono essere necessari anche farmaci anti-infiammatori come per esempio l’ibuprofene (Brufen®, Moment®, Spidifen®, …). Di tanto in tanto le infiltrazioni di cortisone possono contribuire a ridurre l’infiammazione e il dolore, oltra ad aumentare la mobilità dell’articolazione della spalla.

Se gli altri trattamenti non hanno avuto successo può essere valutata la chirurgia per limare ogni sperone osseo che può pizzicare la cuffia dei rotatori, un intervento può anche essere utile nella riparazione dei tendini e dei muscoli lacerati.

Prevenzione

Come per qualsiasi altra malattia è meglio prevenire una condizione piuttosto che cercare di risolvere il problema dopo; nel caso della spalla può rivelarsi decisamente utile praticare regolari esercizi fisici con l’obiettivo di rinforzare la muscolatura ed i tendini.

Nel caso di lavori che impegnino fisicamente la spalla è fondamentale prendersi frequenti pause in modo che l’articolazione possa riposare ed evitare di infiammarsi.

Esercizi

(fonte: http://askthetrainer.com/rotator-cuff-exercises.html)

Anche se le vostre spalle non hanno problemi, potrebbe comunque essere utile rinforzare la cuffia dei rotatori. Alcune persone sostengono che, lavorando sulla cuffia dei rotatori, sono riuscite ad eseguire più facilmente gli esercizi di sollevamento, ad esempio quelli alla panca, e le distensioni allo shoulder press.

Se invece avete problemi alle spalle vi consigliamo di consultare un fisioterapista o un medico sportivo certificato per risolverli prima di iniziare a eseguire gli esercizi per la cuffia dei rotatori.

È fondamentale eseguire questi esercizi con attenzione. Affiché gli esercizi per la cuffia dei rotatori siano efficaci, dovete eseguire ciascun insieme di movimenti con lentezza ed estremo controllo.

Rotazione esterna con elastico

La rotazione esterna con fascia elastica fa lavorare il muscolo piccolo rotondo e l’infraspinato. È uno degli esercizi per la cuffia dei rotatori prescritti con maggior frequenza.

La rotazione esterna è uno di quegli esercizi che la maggior parte delle persone esegue con poca forza, quindi è opportuno usare un elastico.

  1. Partenza. Posizionate un elastico alcuni centimetri sopra la vita. L’altezza giusta è quella del gomito quando il braccio è lasciato libero e parallelo al fianco.
  2. Afferrate l’estremità dell’elastico e spostatela lateralmente, allontanandola dall’origine della resistenza. Impugnate la maniglia all’altezza dell’ombelico. Rimanete in piedi, nella posizione in cui la mano sull’ombelico avverte una leggera resistenza dell’elastico.
  3. Inizio del movimento. Tenete rilassato l’avambraccio superiore. Il gomito non deve contrarsi né allontanarsi dal vostro fianco per tutta la durata del movimento. Ruotate il braccio verso l’esterno, lentamente.

Rotazione esterna sdraiata con manubrio

Prima dell’avvento degli elastici i fisioterapisti spesso prescrivevano esercizi con i manubri per uno dei movimenti più delicati che coinvolgono la parte superiore del nostro corpo.

La rotazione esterna sdraiata con manubrio è un esercizio di rafforzamento delle spalle che lavora sui deltoidi posteriori, ma anche un esercizio di rafforzamento per la cuffia dei rotatori e in particolare per il piccolo rotondo e l’infraspinato, il secondo muscolo più suscettibile di danni all’interno della cuffia dei rotatori.

  1. Partenza. Sdraiatevi sul pavimento o su una panca, tenendo l’avambraccio superiore parallelo al fianco. Il gomito dovrebbe rimanere appoggiato sul fianco, in linea con la spalla.
  2. Inizio del movimento. Tenete il gomito aderente al fianco, in modo che i deltoidi siano più rilassati possibile e lentamente ruotate il manubrio verso l’esterno, finché riuscite.
  3. Fermatevi per un istante, poi riabbassate il manubrio lentamente verso la posizione iniziale e infine ripetete.

Rotazione interna con elastico

La rotazione interna con elastico, eseguita in posizione eretta, è il modo migliore per isolare il muscolo subscapolare. Anche i pettorali, infatti, hanno un ruolo chiave nella rotazione interna dell’omero, quindi è fondamentale eseguire questo tipo di esercizio per la cuffia dei rotatori in modo corretto.

  1. Partenza. Posizionate un elastico o una fascia elastica più o meno all’altezza dell’ombelico.
  2. Impugnate la maniglia e allontanatevi finché sentite che l’elastico è abbastanza teso. Il gomito dovrebbe essere appoggiato contro il fianco, con il braccio leggermente rivolto verso l’esterno.
  3. Inizio del movimento. Ruotate lentamente il braccio verso l’interno, finché il palmo della mano tocca l’ombelico. Ruotate lentamente il braccio verso l’esterno nella posizione originaria, rimanendo sempre sotto resistenza.
  4. Se avete scelto un elastico poco teso e volete aumentare la resistenza potete spostarvi per tenderlo di più. Fate circa 20 ripetizioni.

Rotazione interna sdraiata con manubrio

Se non avete né un elastico né una fascia elastica, potete eseguire una rotazione interna con manubrio, sdraiandovi su una panca.

Gli esercizi di rotazione interna per la cuffia dei rotatori servono per rinforzare la spalla,e soprattutto il muscolo subscapolare. Quest’esercizio di rafforzamento della spalla è anche utile per il deltoide anteriore.

  1. Partenza. Sdraiatevi su un fianco su una panca. Posizionate l’avambraccio superiore leggermente davanti al corpo e impugnate un manubrio leggero.
  2. Inizio del movimento. cercate di tenere il gomito rilassato sulla panca e fate ruotare il braccio verso l’esterno fino a quando riuscite, sollevando il manubrio.
  3. Ruotate lentamente il braccio verso l’interno e alzate il manubrio finché il braccio è più o meno perpendicolare al pavimento.

Fate attenzione a riabbassare il manubrio molto lentamente nella posizione di partenza, e ripetete il movimento.


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. Franco

    Salve, circa 1 anno fa ho subito un incidente stradale ( ero trasportato ) e successivamente, a seguito di diagnosi, sono stato operato per la lesione alla cuffia dei rotatori. Il medico dell’assicurazione si ostina a dichiarare che avevo già. prima del sinistro, delle micro fratture e quindi non vè alcun nesso con l’incidente. Ma se una persona ad delle micro fratture alla cuffia dei rotatori e mai possibile che se li “trascinare” per vari anni senza soffrirne e senza curarsi?
    Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Purtroppo non la so aiutare, proverei invece a sentire un medico ortopedico.

  2. gianni

    salve avverto dolore quando sollevo il braccio destro o quando dormendo faccio l esatto contrario alla spalla credo sia dovuto a infiammazione praticando continue flessioni a terra con le mani il dolore si manifesta anche quando pratico il nuoto desidero un suo parere e come risolverlo grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Consiglio senza dubbio, per quanto possibile, riposo; in questi problemi sono dell’idea che sia preferibile sentire il medico prima di assumere antinfiammatori al buio, senza una diagnosi precisa.

      Il ghiaccio la sera non ha invece controindicazioni (a cicli di 10 minuti alla volta).

  3. gigi

    Dopo una caduta accidentale, giocando a calcetto, ho subito come da accertamenti clinici effettuati, la lesione della cuffia, tumefazione del sovraspinato e una tenosinovite lieve del capo lungo. Può darmi qualche consiglio per uscire fuori da questa situazione. grazie.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Appoggiarsi ad un fisioterapista potrebbe essere un modo per velocizzare la guarigione.

  4. vincenzo

    mi sono ritrovato dopo aver per lungo tenpo sfruttato la mia spalla destra, senza poterla
    muovere . cosa mi consiglia ?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Visita ortopedia appena possibile, nel frattempo riposo e ghiaccio.

  5. anonimo

    carissimo dottore ho preso uno strappo muscolare all omero del braccio destro nn so cm….sn 3 giorni sabato o massaggiato cn il borotalco me l ho anno consigliato ma è peggiorato nn posso neanche alzarlo e mi sento il nervo bloccato….ho inziato cn la pomata e tachipirina mi passa un po poi di nuovo….ieri sn sndata al dottore mi ha visitata e ha detto ke c è un infiammazzione forte i raggi adesso nn posso farli mi ha dato la cura devo prendere x 7 giorni 2 volte al giono e poi altre 7 una volta al giorno artrotec e lamattina x 10 giorni muscoril ke dite cos altro posso fare il braccio posso muoverlo?devo preoccuparmi?e normale questo dolre ke ho?dp quando fa effetto la cura x vedere risultati?alle 10.20 ho preso muscoril ma nn sento miglioramentiperchè?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Serve qualche giorno per vedere i primi risultati.
      2. Per quanto possibile mantenga il braccio a riposo.

    2. anonimo

      carissimo dottore ieri dopo pranzo presi artrotec e tutto apposto il braccio posso muoverlo di più ieri sera nn lo preso perchè nn mi trovavo x l orario…stamattina ho chiamato il dottore x poter chiedere se potevo prenderla la mattina dp colazione mi ha detto si basta fare una buona colazione lo presa alle 8….però adesso mi sento tachicardia e mancamenti ho misurato la pressione io la poto sempre 90×60 oggi era 117×75 può essere cm mi sn agitata e 109 i battiti …..io ho sempre avuto paura delle medicine e quando prendo qualcosa ho la sensazione di sentirmi male….nn so può una mia fissazione o e la compressa troppo forte x me mi sento anche il tremore dentro….ae è il medicinale dp quando finisce effetto?scusatemi!

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Con tutta probabilità si tratta di una reazione ansiosa, in ogni caso senta anche il parere del medico.

  6. violetta11

    mi è successo che quando alzo il braccio destro mi si alza un osso sotto il collo cosa vuol dire infatti a basket credo che mi sia uscita la spalla dal braccio cosa vuol dire e cosa devo fare?

    1. violetta11

      no ma credo che sia la clavicola cosa mi suggerisce? devo operarmi? però il braccio riesco a muoverlo benissimo

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Senta il medico per conferma, ma se non c’è dolore e muove tutto perfettamente potrebbe solo essere un’impressione.

  7. Andrea111

    Salve lunedì sono caduto in motorino sul fianco più precisamente sulla spalla, ho dolore se mi metto sulla parte interessata e facendo alcuni movimenti con il braccio.
    Cosa mi consiglia di fare?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Visita medica, nell’attesa impacchi con il ghiaccio e limiti gli sforzi.

    2. Andrea111

      Comunque non credo sia rotto o cose del genere perché non mi si è gonfiato, dovrei aver preso solo una botta, sa non so, qualche esercizio per questo tipo di cose? Se è una botta il cui dolore persiste da 2 giorni anche se oggi un poco si è alleviato si può prendere una pomata?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, si possono valutare rimedi locali, ma in linea di principio sarebbe sempre meglio avere prima una diagnosi.

  8. elvis

    Buongiorno,
    cinque anni fa in seguito ad una caduta (ero portiere di calcio) ho subìto una leggera lesione alla cuffia dei rotatori e, a distanza di anni, alcune volte, ho avuto ancora qualche fastidio dovuto, a parere dei medici, al fatto che i tendini si infiammano. Ora vorrei iscrivermi ad un corso di nuoto 3 volte la settimana ma ho il timore di “risvegliare” quel dolore a dover abbandonare il corso.. Secondo lei, praticare nuoto può comportarmi ancora problemi alla spalla?
    Grazie

    1. elvis

      Per l’esattezza mi è stato diagnosticata la presenza di minuti focolai calcifici in corrispondenza del trochite omerale. Tenga conto comunque che, per un periodo, i dolori non mi facevano dormire la notte.

      Grazie

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Forse partirei più gradualmente e non subito con tre allenamenti alla settimana.

  9. Luca

    Salve dottore Cimurro, volevo chiederle se per caso ha già trattato un caso come il mio: sono caduto un anno fà tenendo il braccio rivolto verso il basso, per un anno ho fatto attività sportiva e sono caduto altrettante volte sentendo sempre un dolore “forte” ma che passava con i minuti nella zona della cuffia dei rotatori, dopo diversi esami, hanno riscontrato una flogosi a carico del capo lungo bicipite bacciale, dalle immagini si vede che un pezzo di cartilagine è lesionato quasi spezzato direi, dopo 3 mesi di fiseoterapia il dolore è riconparso e precedentemente mi avevano prenotato per un operazione in androscopia, nel caso servisse la soturazione , la mia domanda è serve o no l’operazione nonostante mi hanno detto che non eliminerà del tutto il dolore ma lo diminuierà in parte, aspetto una sua risposta. Luca.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma non ho l’esperienza clinica per esprimere un giudizio.

  10. Giulia

    Buon giorno , da un po’ di tempo quando alzo il braccio sinistro arrivato perpendicolare al terreno sento una pressione sotto la clavicola e scatta in fuori un ossicino , mi crea dolore e non riesco a ruotare il braccio , cosa devo fare ?

  11. Pasquale

    Gentile dottore buona sera,

    sono un uomo di 35 anni molto attivo nello sport , faccio box thailandese e brazilian jiu jitsu e 3 volte a settimana mi alleno in palestra un po’ di muscolatura.

    Ecco qualche mese fa ho avvertito un fastidio quando facevo dello stretching con il braccio dietro la spalla, ma ero in fastidio molto innoquo che però mi porto lo stesso dal dottore per capire di che si trattasse, il dottore mi siete degli esercizi per la cuffia dei rotatori .

    Il problema era sempre li è decisi di andare da un terapista per consultare, e lo stesso giorno me fece una terapia con ultra suoni e degli anelli elettrici intorno al braccio con un massaggio molto profondo che ancora mi fa male il braccio. Da allora ho iniziato ad avere fastidi continui alla spalla quando sollevo il braccio e faccio il cross arm test , ovvero sollevo il braccio sopra la testa e lo stendo direzione l altra spalla. Così mi fa male .

    Ho fatto una risonanza magnetica ma non risulta nulla.

    Ora mercoledì ho l appuntamento dall ortopedico perché il dolore gradualmente inizia ad aumentare.

    Volevo sapere cosa ne pensasse e cosa mi consiglia.

    Nel ringraziarla anticipatamente per il tempo e l attenzione posta nel leggere e rispondere alla mia domanda le auguro una buona serata.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Purtroppo non sono in grado di formulare ipotesi, anche se l’ipotesi del medico è assolutamente plausibile.
      Condivido la scelta di rivolgersi ad un ortopedico, raccomando fino ad allora di astenersi dall’attività e la sera potrebbe aiutare fare impacchi di ghiaccio.

  12. roberto

    salve da diversi mesi non posso alzare le braccia sia sinistro che destro, mi compromette il vestire e il svestirsi,non posso lavarmi la schiena e per giunta ho dei dolori anche durante la notte a seconda come mi giro nel letto cosa potrebbe essere un saluto roberto

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      A distanza temo che sia impossibile una diagnosi, mi dispiace.

  13. Alex

    Egreggio dottore..3 settimane fa..facendo extrarotazioni con manubri per scaldarmi…forse fatti troppo in fretta e male..ho sentito dolore alla spalla destra..ora ogni esercizio che riguardi il petto mi è difficile farlo per questo questo dolore che dopo pocchissime serie ricompare a distanza di 2/3 settimane..e come nell articolo ho un indebolimento pazzesco alla spalla..quasi come non aver forza..durante le giornate..cosa mi consiglia?

  14. Alex

    Non ho sopspeso la palestra…e sicccome gli allenamenti solitamente sono dorso gambe e petto, sento dolore solo in quest ultimo…paradossalmente riesco a fare spalle e non sento fastidio…ma quando mi sdraio e spingo in su, facendo petto, è li che sento il fastidio…inoltre sento meno forza nell braccio destro…la Prego dottore di dirmi cosa potrei fare e/o prendere? GRAZIE

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Al suo posto sospenderei l’attività per rivolgermi ad un medico, perchè temo che lavorandoci sopra non dia tempo e modo all’organismo di risolvere; non posso prescrivere farmaci (ma gli antinfiammatori al buio, senza una diagnosi, non sono sempre una scelta adatta), ma è sicuramente utile l’applicazione di ghiaccio.

  15. Alessandro

    Dottore da una settimana mi sento la spalla indolenzita, riesco a muovere il braccio benissimo, però sento come un senso di debolezzaalla spalla dopo un po che la uso. Premetto che pratico arti marziali e temo di aver stressato troppo la spalla. La cosa che mi preoccupa è che in seguito ad alcuni movimenti sento uno scroscio all interno dell articolazione, a cui segue spesso il senso di debolezza.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Ghiaccio la sera e riposo per l’articolazione interessata.

  16. Sabrina

    Buon pomeriggio Dott. Cimurro,
    sono un atleta di pallavolo ed ho ripreso l’attività fisica dopo circa 4 anni di stop. Dopo vari allenamenti sento un dolore fastidiosissimo al braccio destro (presumo al deltoide), non permettendomi di alzarlo perfettamente. Dopo ogni allemanento applico il ghiaccio. Le è capitato un caso simile? Quali sono secondo lei gli eventuali rimedi? Dopo ogni allemanento applico il ghiaccio.
    Attendo suoi consigli

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente sarebbe opportuno il riposo dell’arto e, se il dolore non passasse, una visita medica.

  17. Emanuele

    Gentile dottore mi capita più volte a settimana che quando faccio movimenti circolatori con le braccia esempio.girando lo sterzo della macchina mi viene un dolore forte tra la spalla e il braccio… e ogni volta che faccio il movimento mi viene il dolore…. e Per di più se muovo il collo o faccio movimento con le spalle mi sento le stesse sempre indolenzite

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Ha praticato intenso esercizio fisico nei giorni scorsi?

    2. Anonimo

      No dottore questo indolenzimento lo sento da appena mi alzo tutto i santi giorni

  18. Anonimo

    No…. però posso aggiungere che il dolore lo sento sempre facendo movimenti circolatori con le spalle… e mi.prende anche un dolore fastidio sul pettorale sinistro… ci faccio caso che quando stringo il rubinetto Dell acqua con la mano sinistra mi prende questo dolore fastidio a fitte nel pettorale sinistro

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente un leggero risentimento muscolare, dovrebbe passare a giorni.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      In questo caso è decisamente ora di sentire il medico,

    2. Anonimo

      Il mio.l medico. Dice che non é nulla… a volte ho.parti del torace che sono doloranti al tatto tra le ossa

  19. franco

    10 anni fa mi sono sottoposto ad un intervento alla cuffia dei rotatori con
    applicazioni di tre ancorette, circo 8 mesi fa sollevando un peso mi sono strappato, e che sento un formicolio alle dita della mano e sono costanti, e che o anche operato la destra con dei distaccamenti dei tendini per essere troppo lesi.
    cosa si potrebbe fare

Lascia un Commento

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.