Iperglicemia e ipoglicemia nel diabete: sintomi, cause e valori

Ultimo Aggiornamento: 307 giorni

Link sponsorizzati

Quando si cerca di tenere sotto controllo il diabete la glicemia (la quantità di zucchero nel sangue) può alzarsi o abbassarsi troppo: questa situazione non deve essere sottovalutata, ma fortunatamente è facile riportare la glicemia nei limiti.

Studi su un grosso numero di bambini e giovani adulti sani sembrano confermare che è molto raro che la glicemia resti stabilmente sotto i 60 mg/dl o sopra i 100 mg/dl, anche se in realtà esistono casi di questo tipo che non presentano alcun tipo di sintomo.

Nella prima infanzia la glicemia può essere un po’ più bassa, sebbene in genere sopra i 60 mg/dl dopo il periodo neonatale (in cui non è raro rilevare valori da neonati perfettamente in salute addirittura fino a 27 mg/dl fin dal primo giorno di vita).

Iperglicemia

Quando c’è troppo glucosio nel sangue, si ha la cosiddetta iperglicemia. Iperglicemia è una parola formata dal prefisso di origine greca “iper” (ὑπέρ) che significa semplicemente “sopra”, mentre “glicemia” deriva dai termini “γλυκύς” e “αἷμα”, significanti rispettivamente “dolce” (perciò “zucchero”) e “sangue”, sempre dal greco.

I valori indicativi minimi per parlare di iperglicemia sono

  • 110 milligrammi su decilitro (mg/dl) di sangue a digiuno,
  • 140 milligrammi su decilitro dopo due ore da un carico di glucosio.

Questi sono valori pericolosi sul lungo periodo ma, purtroppo, spesso non legati a sintomi specifici, che compaiono per valori molto più elevati.

L’iperglicemia è causata da:

  • alimentazione smodata,
  • consumo di dolci,
  • mancata assunzione dei farmaci,
  • somministrazione insufficiente di insulina,
  • malattie,
  • stress,
  • scarso esercizio fisico.

Se non viene curata può sfociare nel coma.

Tra i sintomi dell’iperglicemia ricordiamo:

  • secchezza delle fauci,
  • sete,
  • minzione (bisogno di fare pipì) frequente,
  • visione offuscata,
  • affaticamento o sonnolenza,
  • dimagrimento,
  • sensazione di malessere,
  • mancanza di appetito,
  • alti valori di chetoni nelle urine.

In caso di iperglicemia:

  • bevete acqua o altre bevande non zuccherate a volontà,
  • controllate la glicemia,
  • attenetevi scrupolosamente alla dieta.

Se la glicemia continua a essere alta andate dal medico, che vi dirà qual è la soglia massima da non superare nel vostro caso. Se la glicemia è troppo alta, però, potrebbe essere necessario il ricovero in ospedale.

Ipoglicemia

L’ipoglicemia si verifica quando non c’è abbastanza glucosio nel sangue. Il prefisso “ipo” di ipoglicemia è un prefisso di origine greca e significa “sotto”.

L’ipoglicemia di solito si verifica nei pazienti in terapia con l’insulina o con altri farmaci, può essere causata da:

  • un eccesso di insulina, in questo caso è anche definita shock insulinico,
  • scarsa alimentazione,
  • ritardo nell’assunzione del pasto,
  • lavoro fisico eccessivo,
  • stress,
  • alcool e farmaci.

I sintomi dell’ipoglicemia, che possono verificarsi anche solo in parte, invece sono:

  • sudorazione,
  • tremore,
  • nervosismo,
  • tachicardia,
  • fame eccessiva ed improvvisa,
  • pallore,
  • capogiro,
  • senso di stanchezza e svenimento,
  • cambiamenti dell’umore,
  • confusione,
  • impazienza,
  • instabilità caratteriale,
  • intorpidimento delle labbra e della lingua,
  • mal di testa,
  • vista offuscata,
  • improvvisi problemi di parola.

Ricerche sperimentali su adulti sani hanno dimostrato che la capacità mentale cala in modo rilevabile se i valori di glicemia scendono al di sotto dei 65 mg/dl; valori inferiori ai 54 mg/dl scatenano meccanismi ormonali di difesa (adrenalina e glucagone).

Se non viene curata, l’ipoglicemia può causare perdita di conoscenza o convulsioni. I pazienti diabetici riferiscono sintomi di diversa natura quando la glicemia si abbassa, dovreste imparare a riconoscere i sintomi e le sensazioni che caratterizzano nel vostro caso l’ipoglicemia.

Alcuni pazienti, invece, non avvertono alcun sintomo: in questi casi devono basarsi unicamente sull’esame della glicemia per scoprire se soffrono di ipoglicemia.

Se avete la glicemia bassa bevete o mangiate subito qualcosa che contenga zuccheri immediatamente disponibili, ad esempio:

  • mezzo bicchiere di succo di frutta o di bevanda gassata dolce,
  • dieci caramelle,
  • due cucchiai di zucchero o di miele.

Se i sintomi non scompaiono nel giro di un quarto d’ora o se la glicemia continua a rimanere inferiore agli 80 mg/dl assumete un’altra dose di zuccheri ad assorbimento rapido. Ripetete a intervalli di dieci, quindici minuti, finché la glicemia non supererà il valore indicato.

Se manca meno di mezz’ora al pasto successivo iniziate a mangiare, se invece mancano più di 30 minuti fate uno spuntino, ad esempio con mezzo panino o con tre crackers.

Fate il pasto o lo spuntino dopo aver assunto una dose di zuccheri ad assorbimento rapido, non sottraete lo spuntino dal successivo pasto in programma. Non guidate e non usate macchinari se sentite di avere la glicemia bassa.

Comunicate ai vostri famigliari e agli amici che siete diabetici, così, se per caso vi troveranno privo di sensi o in difficoltà, potranno portarvi immediatamente al pronto soccorso o chiamare un’ambulanza.

Traduzione ed integrazione a cura di Elisa Bruno


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. LaVerne

    “Iper” e “glicemia” non derivano affatto dal latino; “iper” (ὑπέρ) deriva dal greco e significa semplicemente “sopra”, mentre “glicemia” deriva dai termini “γλυκύς” e “αἷμα”, significanti rispettivamente “dolce” (perciò “zucchero”) e “sangue”, sempre dal greco. So che sono dettagli insignificanti, però se vogliamo fare informazione dobbiamo farlo correttamente. :)

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non lo considero affatto insignificante, anzi, tengo molto agli aspetti linguistici e la ringrazio di cuore per la correzione, ho appena provveduto ad aggiornare l’articolo.

    2. Efisio Delogu, Provincia MD.

      Un presunto medico divulgazionista, che non distingue termini
      greci e latini: perfino io, autodidatta, con terza media presa
      nel 1972, sono rimasto basito…
      Questo post poi, è agghiacciante: si arriva ad affermare
      che si và in Iperglicemia per mancanza di medicinali:
      allora, via! Tutti a riempirsi le saccocce di medicine…
      Ipoglicemia: come evitarla: caramelle, medicine, succhi di frutta
      (confezionati, si capisce…), mai che si dica ‘Un frutto fresco, come ad esempio banana (zuccherina ma naturale), una
      bella arancia, perfino una mela…
      Bah…

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      “si arriva ad affermare che si va in iperglicemia per mancanza di medicinali”

      Purtroppo per un diabetico è proprio così…

      “Ipoglicemia: come evitarla: caramelle, medicine, succhi di frutta”

      Purtroppo quando la glicemia è troppo bassa il paziente diabetico ha la necessità di un immediato aumento, che viene garantito solo da zucchero a rapidissimo assorbimento.

  2. DAMIANO 1972

    IN DATA 18/04/2014 HO FATTO IL TEST DA CARICO DI GLUCOSIO DA 75 gr.:
    glicemia basale =108; dopo 30′ = 169; dopo 60′ = 205; dopo 90′ = 170; dopo 120′ =119 mg/dl.
    Insulinemia base = 7,7; dopo 30′ = 35,6; dopo 60′ = 69,6; dopo 90′ = 122,7; dopo 120′ =132,5. uU/mll

    Il diabetologo ha refertato normotolleranza glucidica.
    La domanda è la seguente: avendo familiarità (padre diabete mellito 2 in età avanzata) devo preoccuparmi avendo la glicemia basale 108 anche che in considerazione che negli ultimi anni ho avuto la glicemia basale sempre alta.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, presterei sicuramente attenzione allo stile di vita in considerazione di quel valore.

  3. DAMIANO 1972

    LA RINGRAZIO TANTISSIMO DOTTORE.
    PRECISO CHE A FEBBRAIO 2014 PESAVO 86Kg E ADESSO PESO 77 Kg CON UNA RIDUZIONE SIGNIFICATIVA DEL GRASSO VISCERALE.
    UN’ULTIMA DOMANDA MI CAPITA DI AVERE SULLE GUANCE ROSSORE E NORMALE OPPURE NO.

  4. DAMIANO 1972

    no alcun fastidio apparentemente. Qualche volta mi sembra di avere come un dolore fastidio nella fronte dopo mangiato ma ripeto non sempre

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      A sensazione mi sembra che sia tutto normale, ma senza vedere è difficile giudicare.

  5. Buongiorno dottore
    Ho diabete di tipo 2 il medico mi ha prescritto due dosi da 850 mg di metformina. Ho iniziato 7 giorni
    con mezza pastiglia, altri 7 giorni con una pastiglia la sera e la glicemia restava intorno 80/100 due ore dopo i pasti, ora ho iniziato la cura che mi aveva prescritto e ho notato giramenti di testa, dissenteria, forse dovuta anche dal caldo, e la glicemia resta dopo due ore dai pasti 70 e arriva rare volte, solo se mangio tanto a 80. Non crede che la dose sia eccessiva per me? Ho chiamato lui e mi ha detto che è normale, ma non è un diabetologo ma endocrinologo. Non crede che sia troppo bassa la glicemia dopo neanche due ore dai pasti visto che comunque dopo si abbassa ancora? Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      I diabetologi sono endocrinologi, quindi si fidi del suo giudizio.

  6. Martino

    Salve dottore, ho 60 anni, ho avuto problemi di ipoglicemia con valori alti 280 dopo una terapia con cortisone, adesso si è’ stabilizzata poco sopra al limite 113 a digiuno.
    Cosa mi consigli di fare?

    Grazie mille
    Martino

    1. Vanessa

      Salve dottore.Ho 30 anni , ieri verso le 12:00 ho misurato la glicemia ed era a 65.La mattina avevo preso un caffe’ con due cucchiaini di zucchero( lo prendo sempre cosi ) :-) MI SEMBRA STRANO QUESTO ABBASSAMENTO.Cmq ho sempre sonno , mi succede da un periodo…ieri sera l honrimisurata ed era a 90.. Cosa posso fare?

  7. Donato

    Buonasera vorrei sapere dopo che mi sono operato alle emorroidi il mio diabete mellito di tipo 2di familiarità si è alzato a 200 alla mattina a digiuno io non faccio insulina l ho sempre tenuto sotto controllo con le pastiglie secondo lei e stato lo stress della operazione dovrò iniziare con l insulina

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, è possibile che sia legato allo stress; da quanti giorni si è operato?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Anche se probabilmente legato all’operazione è comunque necessario segnalarlo al medico ed intervenire.

  8. giuaeppe

    Salve a me succede di avere fame improvvisa e tremore e confusione pero j valori di. Clicemia sono tra 90 e 110 a stomaco vuoto ho paura se sia diabete

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sembra di no; 110 in laboratorio o con dispositivi personali?

  9. Anna

    buongiorno dottore. Ho 34 anni. Ho sempre sofferto di strani disturbi come tremore, fame improvvisa, debolezza, capo giri e sudorazione eccessiva che, passa solo se mangio qualcosa. Premetto che sono in sovrappeso da 2 anni e nonostante intensa attività fisica e dieta ipocalorica, a mala pena perdo mezzo chilo, che riprendo senza motivo 2 giorni dopo. L’endocrinologo mi ha dato un apparecchio per misurare la glicemia nel momento della crisi. In effetti, al momento della crisi, l’apparecchio segnava la glicemia inferiore ai 70 e mi chiedeva di agire subito. Il prossimo appuntamento con l’endocrinologo è per metà febbraio, per questo le chiedo un suo parere. Cosa c’è da fare ora? Che problema potrei avere? La metformina è indicata per l’ipoglicemia oppure solo per l’iper? grazie, a presto e buona giornata.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      La metformina si usa solo in caso di iperglicemia, ma probabilmente nel suo caso verranno richiesti ulteriori approfondimenti (come la curva insulinemica); soffre per caso di ovaio policistico?

    2. Anna

      Ho fatto un ecografia interna e risultano entrambe le ovaie ingrandite con la presenza di vari follicoli, ho anche la tiroide leggermente ingradita. Grazie per l’attenzione, molto gentile.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Nel frattempo proverei a fare numerosi piccoli spuntini anzichè 2-3 pasti classici, ma ovviamente le raccomando di scegliere con grande attenzione cosa consumare perchè l’obiettivo rimane sempre la perdita di peso; per quanto riguarda i farinacei, che NON devono essere eliminati dalla dieta, cerchi di passare a pane/pasta/riso integrale, questi avranno minor impatto sulla glicemia e, di riflesso, sulla produzione di insulina.
      Dolci vietati.

  10. Giovanni

    Premetto che in famiglia mia madre è diabetica con trattamento insulinico. Ho 44 anni e sono leggermente sovrappeso.
    Da un po’ di giorni avverto vista offuscata, formicolii su tutto il corpo, addormentamento frequente dei polpastrelli delle dita delle mani, minzione frequente, pelle secca, bruciore agli occhi, tachicardia, tremori, fame e sete eccessive e difficoltà di concentrazione.
    Non ho ancora effettuato le analisi del sangue per il controllo del livello della glicemia, ma i sintomi che Le ho appena descritto possono essere dei segnali di diabete?
    Grazie per l’attenzione.
    La saluto distintamente.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, quindi condivido la necessità di approfondire con esami del sangue appena possibile.

  11. Anonimo

    Salve,
    misuro spesso la glicemia, ed è altamente variabile, una volta 94, un’altra 86, 88 e 83, una volta addirittura 78, e questa volta 91, so che rientra nel range 60-110, ma mi hanno detto comunque che a digiuno 91 sia alta. Ho 34 anni, altezza 1,70, peso 68. Grazie.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi sembrano comunque valori accettabili, un occasionale 94 non rappresenta un problema; diciamo che mi avrebbe allarmato di più se mi avesse detto che i valori sono sempre andati in crescendo

      78
      83
      86
      88
      91
      94

      in questo preciso ordine, ma delle fluttuazioni occasionali invece sono del tutto normali.

  12. Giovanni

    Salve dottore,
    stamane a digiuno ho effettuato il controllo del livello della glicemia con la macchinetta ed avevo 101. Secondo Lei è un valore elevato?
    Grazie.
    La saluto cordialmente.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Un pochino troppo, anche se gli strumenti domiciliari hanno una tolleranza elevata.

  13. luca

    spesse volte in palestra mi capita una strana sensazione come di lingua ferrosa e che si intropidisce, è strano da spiegare. in quel momento mi sale un senso di ansia a volte seguito da tachicardia e confusione.
    ho fatto diverse analisi l’ultima 3-4 mesi fa, ma glicemia ecc erano sempre nella norma… potrebbero essere cali glicemici? non ho nessuno in famiglia con questa patologia.

  14. luca

    mi è capitato in diverse occasioni, anche senza sforzi particolari, ma a volte in modi piu tangibili ho potuto constatare che mi capita in palestra, motivo per cui ho abbandonato per un periodo di tempo, ora sono ritornato ma oggi è risuccesso, non so piu a che santo votarmi, ho fatto anche molti controlli cardiaci (color doppler, holter, vari ecg da sforzo ecc) ma in questi momenti sento questa stranissima sensazione alla lingua e sale uno strano senso d’ansia

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Provi a portarsi durante l’attività un integratore salino con zuccheri (Gatorade, Powerade, Polase Sport, …) da bere durante l’attività, ho speranza che possa prevenire l’insorgere del problema.

    2. luca

      ma potrebbero essere davvero cali glicemici?
      in passato non ho mai avuto di questo problemi, mi sembra strano, non sarebbe poi emerso attraverso gli innumerevoli esami sanguigni che ho effettuato?
      grazie per le risposte

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non ne sono troppo convinto, ma lo ritengo un tentativo utile insieme all’integrazione dei sali minerali e dei liquidi.

    4. luca

      ma è una cosa di cui devo preoccuparmi? in questi momenti rischio qualcosa? ictus, problemi neurologici ecc? l’ansia che mi assale in quei momenti è motivata?

    5. Dr. Cimurro (farmacista)

      No, a mio parere non rischia nulla e l’ansia peggiora i sintomi (non escludo che possa essere la vera causa).

  15. Vale

    Salve. Sono alla 17 settimana di gravidanza. Stamattina ho misurato la glicemia a digiuno ed era 69. Ieri l’ho misurata due ore dopo colazione, avevo mangiato 4 biscotti integrali, ed era 66. Due ore dopo pranzo 84. Cosa ne dice? Di solito a digiuno è 72 o 75 max 80!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Tutto OK, anzi, c’è quasi una tendenza all’iperinsulinemia.

  16. Sara

    Salve dottore! Ho 25 anni, alta 1.60 e sono in leggero sovrappeso (65kg)…. E sono in sovrappeso perché mangio, sono golosissima, e non rinuncio a niente (ci tengo a precisare). Questa mattina ho mangiato soltanto una caramella club prima di uscire,e mi sono recata dai miei genitori, dove ho bevuto un caffè completamente amaro(lo preferisco così). Mio padre soffre di diabete molto alto, e dunque lo misura spesso,così come stamattina. Per “gioco” l’ho misurato anche io…. E la macchinetta mi ha segnalato 140!….. Ci sono rimasta un po’ male ovviamente. Voi cosa mi dite in merito? È normale secondo voi? Grazie anticipatamente

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      C’è famigliarità (il suo papà), c’è almeno un fattore di rischio (sovrappeso) e c’è stata una caramella poco prima, purtroppo non stupisce il valore trovare; serve sicuramente fare ordine nello stile di vita e farei comunque il punto della situazione con il medico.

    2. Sara

      So per certo di avere 10kg di sovrappeso, mi rendo conto.. In effetti ancor prima della caramella di stamattina, credo che faccia cumulo anche la cena di ieri sera, ricca di ogni Ben di Dio. La ringrazio, prenderò i dovuti provvedimenti, cercherò di cambiare la mia alimentazione.. È gentile da parte sua rispondere ad ogni domanda che le si rivolge…Le auguro buona serata

  17. Francy

    Mio figlio età’ dodici anni ha avuto due episodi in una settimana quasi di collasso, sudore freddo , freddo in faccia e pallidissimo. Stasera prima di cena ho misurato la glicemia ed era a 101. È’ alta per un bambino di 12 anni che pesa soli 29 chili? Grazie anticipatamente di una sua risposta. Saluti

  18. isabella

    Buongiorno Dr Cimurro, volevo chiederle un parere su un fatto strano che mi sta capitando.
    Sono alla 28esima settimana di gravidanza, pare che tutto proceda bene e non so perché anche con analisi del sangue precedenti regolari, la scorsa settimana mi hanno fatto fare l’esame per la curva glicemica, al di là dell’esame poco piacevole per via di quel beverone di glucosio misto ad aromi disgustosi, un’ora dopo l’uscita dall’ospedale ho avuto un calo glicemico, tremori alle mani con senso di intorpidimento, vampate di calore e sensazione di mancamento. Al ritiro delle analisi (nella norma nonostante mi fossi scordata di presentarmi a digiuno quella mattina) mi hanno detto che era un caso di ipoglocemia ma niente di preoccupante. Le scrivo perche poco fa, dopo un’abbondante colazione con cereali ed uno spuntino delle undici con una mela… a mezzogiorno mi sono sentita di nuovo mancare con vampate di calore e tremore alle mani. Mi sa dire come mai mi capita questo guarda caso dopo fatto questo esame (che non ritenevo necessario)

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Potrebbe esserci un problema di iperinsulinemia, ma a mio avviso l’esame andrebbe rifatto presentandosi a digiuno.

    2. Isabella

      Grazie x la tempestiva risposta, spero nn sia nulla di grave vero? Per ora non me la sento di fare di nuovo lo stesso esame.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      No, non sembra nulla di grave, ma va comunque descritto tutto l’accaduto al ginecologo.

  19. nik

    HO questa patologia da qualche anno e per esperienza non solo personale posso dire che rimane tra le patologie più strane .Ma riflettendo assai perchè se in futuro l informazione Dott cimurro perchè queste patologie non possano essere debellate , l alimentazione rimane sempre un bisogno primario e socialmente utile ma gli stili di vita uno se li sceglie?? Quindi eterni nella vita non si è magari se si potesse trovare il modo per soffrire di meno o evitare queste strane patologie la vita non sarebbe migliore …..il dna come la carta d identità sarebbe possibile ?? grazie anticipatamente……

  20. CRICCHIO

    Salve Dottore, vorrei una informazione…è possibile secondo lei che la frequente “bocca salata” e i brividi siano indice di problematiche legate alla glicemia?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Poco probabile, ma se ci sono dei fattori di rischio o se comunque ha il dubbio con un esame del sangue si toglie ogni dubbio.

  21. Anonimo

    Ho sempre avuto la glicia perfetta 70 75 ma ora ho notato 125. Negli ultimi mesi ho abusato di dolciumi e caramelle che ho terminato da 1 settimana definitivamente per disintossicarmi e ho fatto le analisi lunedì. Ho spesso testa che gira. Potrebbe essere un segno di diabete o solo alterato per i troppi dolci? In casa non ho nessuno con diabete

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Siamo davvero ai limiti della diagnosi di diabete, è importate rimodulare il proprio stile di vita fin da questo momento; senta comunque anche il parere del medico.

  22. Anonimo

    Scusi dottore potrebbe quindi darsi che mi abbia scatenato il diabete improvvisamente? Il diabete incomincia per un abuso e smettendo di mangiare dolci potrò tornare alla normalità?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Può cominciare per uno stile di vita errato, non sempre si riesce a recuperare, quindi è importante non perdere nemmeno un giorno.

  23. Anonimo

    Ma l chiedo è possibile sia partito per soli 6 mesi o può darsi fosse una cosa da prima in viaggio la glicemia? Le ultime analisi precedenti risalivano al 2013 ok 78

  24. Anonimo

    No non ho quel valore. Ho l’esito dell’esame sulle urine e non vi è presenza di zuccheri.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      OK, contatti comunque il medico appena possibile.
      Mi tenga al corrente.

  25. zorro

    Buona sera dott. Cimurro avrei bisogno di alcune delucidazioni in merito a un mio parente, precisamente lo zio di mio marito, che attualmente fa la nutrizione via sondino naso gastrico per un problema di mughetto alla gola,alla dimissione dall’ospedale come farmacoterapia oltre gli antibiotici, coumadi gli e’ stata prescritta l’insulina che dovrebbe coprire la glicemia per la notte.Il medico di famiglia mi ha detto che lo stick glicemico (per sapere l’eventuale dosaggio dell’insulina),lo devo fare 1 volta la settimana la mattina prima di metterlo in infusione, a pranzo e a cena vedere i valori glicemici e comunicarli al suo studio; e comunque proseguire la terapia che ha dato l’ospedale di 20 ui.Stanotte ha cominciato ad essere agitato a vedere cose che non c’erano,anche la guardia medica non ci ha saputo dare adeguate informazioni in merito a quello che stava succedendo.Verso la mattina era assente non mi rispondeva e ho deciso di provare la glicemia che era a 35 con lo zucchero si è ripreso ,ma non sono convinta del parere del medico di famiglia inquanto io l’insulina la devo fare tutte le sere, come faccio a sapere il valore glicemico e conseguentemente dosare l’insulina se lo stik non lo faccio tutte le sere? ho proposto di andare ad un centro diabetologico ma il medico di famiglia si è rifiutato di farmi la richista perchè ci pensa lui a dirmi le dosi insuliniche con le prove che faccio 1 volta la settimana, ma è corretto gestire il diabete cosi?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Onestamente anch’io nutro qualche dubbio in proposito, una glicemia a 35 è pericolosa per la vita.

Lascia una risposta

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.