Iperglicemia e ipoglicemia nel diabete: sintomi, cause e valori

Ultimo Aggiornamento: 356 giorni

Link sponsorizzati

Quando si cerca di tenere sotto controllo il diabete la glicemia (la quantità di zucchero nel sangue) può alzarsi o abbassarsi troppo: questa situazione non deve essere sottovalutata, ma fortunatamente è facile riportare la glicemia nei limiti.

Studi su un grosso numero di bambini e giovani adulti sani sembrano confermare che è molto raro che la glicemia resti stabilmente sotto i 60 mg/dl o sopra i 100 mg/dl, anche se in realtà esistono casi di questo tipo che non presentano alcun tipo di sintomo.

Nella prima infanzia la glicemia può essere un po’ più bassa, sebbene in genere sopra i 60 mg/dl dopo il periodo neonatale (in cui non è raro rilevare valori da neonati perfettamente in salute addirittura fino a 27 mg/dl fin dal primo giorno di vita).

Iperglicemia

Quando c’è troppo glucosio nel sangue, si ha la cosiddetta iperglicemia. Iperglicemia è una parola formata dal prefisso di origine latina “iper” che significa “più del normale”, mentre la parola glicemia è anch’essa di origine latina e significa “zucchero presente nel sangue”.

I valori indicativi minimi per parlare di iperglicemia sono

  • 110 milligrammi su decilitro (mg/dl) di sangue a digiuno,
  • 140 milligrammi su decilitro dopo due ore da un carico di glucosio.

Questi sono valori pericolosi sul lungo periodo ma, purtroppo, spesso non legati a sintomi specifici, che compaiono per valori molto più elevati.

L’iperglicemia è causata da:

  • alimentazione smodata,
  • consumo di dolci,
  • mancata assunzione dei farmaci,
  • somministrazione insufficiente di insulina,
  • malattie,
  • stress,
  • scarso esercizio fisico.

Se non viene curata può sfociare nel coma.

Tra i sintomi dell’iperglicemia ricordiamo:

  • secchezza delle fauci,
  • sete,
  • minzione (bisogno di fare pipì) frequente,
  • visione offuscata,
  • affaticamento o sonnolenza,
  • dimagrimento,
  • sensazione di malessere,
  • mancanza di appetito,
  • alti valori di chetoni nelle urine.

In caso di iperglicemia:

  • bevete acqua o altre bevande non zuccherate a volontà,
  • controllate la glicemia,
  • attenetevi scrupolosamente alla dieta.

Se la glicemia continua a essere alta andate dal medico, che vi dirà qual è la soglia massima da non superare nel vostro caso. Se la glicemia è troppo alta, però, potrebbe essere necessario il ricovero in ospedale.

Ipoglicemia

L’ipoglicemia si verifica quando non c’è abbastanza glucosio nel sangue. Il prefisso “ipo” di ipoglicemia è un prefisso di origine latina e significa “meno del normale”.

L’ipoglicemia di solito si verifica nei pazienti in terapia con l’insulina o con altri farmaci, può essere causata da:

  • un eccesso di insulina, in questo caso è anche definita shock insulinico,
  • scarsa alimentazione,
  • ritardo nell’assunzione del pasto,
  • lavoro fisico eccessivo,
  • stress,
  • alcool e farmaci.

I sintomi dell’ipoglicemia, che possono verificarsi anche solo in parte, invece sono:

  • sudorazione,
  • tremore,
  • nervosismo,
  • tachicardia,
  • fame eccessiva ed improvvisa,
  • pallore,
  • capogiro,
  • senso di stanchezza e svenimento,
  • cambiamenti dell’umore,
  • confusione,
  • impazienza,
  • instabilità caratteriale,
  • intorpidimento delle labbra e della lingua,
  • mal di testa,
  • vista offuscata,
  • improvvisi problemi di parola.

Ricerche sperimentali su adulti sani hanno dimostrato che la capacità mentale cala in modo rilevabile se i valori di glicemia scendono al di sotto dei 65 mg/dl; valori inferiori ai 54 mg/dl scatenano meccanismi ormonali di difesa (adrenalina e glucagone).

Se non viene curata, l’ipoglicemia può causare perdita di conoscenza o convulsioni. I pazienti diabetici riferiscono sintomi di diversa natura quando la glicemia si abbassa, dovreste imparare a riconoscere i sintomi e le sensazioni che caratterizzano nel vostro caso l’ipoglicemia.

Alcuni pazienti, invece, non avvertono alcun sintomo: in questi casi devono basarsi unicamente sull’esame della glicemia per scoprire se soffrono di ipoglicemia.

Se avete la glicemia bassa bevete o mangiate subito qualcosa che contenga zuccheri immediatamente disponibili, ad esempio:

  • mezzo bicchiere di succo di frutta o di bevanda gassata dolce,
  • dieci caramelle,
  • due cucchiai di zucchero o di miele.

Se i sintomi non scompaiono nel giro di un quarto d’ora o se la glicemia continua a rimanere inferiore agli 80 mg/dl assumete un’altra dose di zuccheri ad assorbimento rapido. Ripetete a intervalli di dieci, quindici minuti, finché la glicemia non supererà il valore indicato.

Se manca meno di mezz’ora al pasto successivo iniziate a mangiare, se invece mancano più di 30 minuti fate uno spuntino, ad esempio con mezzo panino o con tre crackers.

Fate il pasto o lo spuntino dopo aver assunto una dose di zuccheri ad assorbimento rapido, non sottraete lo spuntino dal successivo pasto in programma. Non guidate e non usate macchinari se sentite di avere la glicemia bassa.

Comunicate ai vostri famigliari e agli amici che siete diabetici, così, se per caso vi troveranno privo di sensi o in difficoltà, potranno portarvi immediatamente al pronto soccorso o chiamare un’ambulanza.

Traduzione ed integrazione a cura di Elisa Bruno


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. Anonimo

    dottore ho effettuato le analisi del sangue e la glicemia era un pò bassa a 55 il valore minimo era a 60.ho la pressione bassa meno di 100.sto seguendo una dieta senza glutine quindi non mangio più come prima,potrebbe essere questo?perchè prima di iniziarla era nella norma la glicemia a 84.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Accusa sintomi di stanchezza, capogiri, …?
      La dieta senza glutine prevede il consumo di alimenti specifici per celiaci od ha eliminato del tutto ogni forma di farinaceo?
      Esame in ospedale o sul dito?

    2. Anonimo

      si accuso quei sintomi ma capogiri no,non ho eliminato pane e pasta ma ho molto ridotto la quantità prima mangiavo pane in continuazione ora solo un pò la sera quello senza glutine..gli esami sul dito no non li ho fatti ,erano esami generici visto che ho carenza di ferro e invece è risultato un pò bassa la glicemia

    3. Anonimo

      si si la pasta è sempre la stessa quantità ho ridotto drasticamente il pane e niente più pizze

    4. Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente è una reazione al cambiamento di alimentazione ed alla diminuzione di carboidrati; mi aspetto che che torni ad aumentare almeno leggermente nelle prossime settimane.
      Senta in ogni caso anche il parere del medico.

  2. francesco

    ho chiesto una cura sicura contro l’iperglicemia non ho riscontrato una risposta soddisfacente

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi perdoni ma non capisco a quale domanda lei faccia riferimento.

  3. francesca

    salve dottor volevo chiedere com’è possibile che misurando la glicemia e quasi ai livelli da 56 a 60mg naturalmente con senzo di svenimento e mal di testa ecc ecc ?il medico dice di mangiare un pò di cose più zuccherate e tutto si aggiusta premetto che ho 34 anni e non ho mai avuto di questi problemi solo adesso cioè qualche mese,
    cosa posso fare?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Assume farmaci per il diabete?
      Soffre di ovaio policistico?

    2. francesca

      buonasera,no niente di tutto ciò non soffro ne di ovaio policistico e non assumo farmaci per il diabete.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi rivolgerei ad un endocrinologo per qualche verifica (per esempio la curva glicemica ed insulinemica).

  4. luca

    vorrei sapere se i valori della glicemia più attendibili sono quelli a stomaco vuoto o 2 ore dopo i pasti…grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sono attendibili entrambi, vanno semplicemente valutati in modo diverso.

  5. luca

    valutati in modo diverso in che senso…io la mattina a stomaco vuoto ho 160 … due ore dopo i pasti 132..

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Spaventa molto di più il 160 a digiuno, mentre il 132 due ore dopo i pasti sembrerebbe praticamente nella norma.

    2. gina

      Buona sera Dr. Mio figlio di 3anni e mezzo ha la glicemia alta 166 a stomaco vuoto il colesterolo basso e una forte anemia. Lui non mangia carne ne verdure.

  6. luca

    di solito la mattina faccio esercizi tipo corsa , bicicletta e pesi…dopo mi misuro , forse dovrei evitare di fare esercizi ?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Al contrario, gli esercizi sono utilissimi, ma provi a misurarla prima e mi faccia sapere (e, soprattutto lo faccia sapere al suo medico).

  7. maria

    salve dottore, sono diabetica da 15 anni (tipo 2 ). i farmaci purtroppo non riescono ad abbassare la glicemia ai valori ottimali , quindi x l’ennesima volta, ieri sera sono andata al prontosoccorso per un’iperglicemia ( val. 460) e per un’ennesima volta ancora, mi sono sentita dire che devo ritornare di nuovo all’ insulina.. chiedo sempre alla diabetologa se ci fossero farmaci alternativi, e non sto parlando di metformine, le quali mi fanno stare male e non riesco a tollerale nemmeno a basse somministrazioni , ma di farmaci comeSTARLIX oppure PRANDIN…ma la risposta è sempre vaga. ora chiederei gentilmente un suo parere, io non vorrei tornare all’ insulina, prendo peso a dismisura quando sono in terapia, ed anche psicologicamente per me è stressate, faccio un lavoro che mi tiene lontana da casa nelle ore dei pasti, quindi spesse volte ho saltato l’iniezione, oppure avuto delle ipoglicemie per averla fatta.. insomma, un po un casotto…. spero di essre stata abbastanza chiara. grazie anticipatamente!

  8. tiziana

    Buongiorno dottore, volevo qualche delucidazione da Lei, venerdi notte mio figlio di 3 anni ha iniziato a fare la pipì a letto, un episodio al quale io non avevo dato peso, poi la mattina beveva e non riusciva a mantenere la pipì e se la faceva addosso, questi episodi sono stati circa 5 o 6, cosi a quel punto mi sono preoccupata dato che lui soffre di fimosi fisiologica avevo pensato a qualche infiammazione, e così l’ho portato al pronto soccorso perchè poi c’era un’altra cosa che per me sembrava un campanello d’allarme per il diabete, ma una volta li gli hanno misurato la glicemia dopo 3 ore dal pasto e l’aveva a 94, poi mi hanno dato l’antibiotico presumendo una cistite o comunque un’infiammazione delle vie urinarie, ora ha smesso di farsi la pipì addosso ma la fa spesso e beve tanto secondo lei dovrei fargli qualche analisi o mi sto preoccupando inutilmente. Grazie mille della cortesia spero in una sua risposta.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      In PS hanno fatto esami sulle urine per diagnosticare la cistite?

    2. tiziana

      Buonasera Dottore, al Ps gli hanno fatto l’esame delle urine ma non è risultato nulla, ma gli hanno dato lo stesso l’Augumentin e mi hanno detto di fargli l’urinocoltura di prelevargli la pipì la domenica e farle analizzare, ma comunque hanno detto che l’esito me lo avrebbero dato lunedì prossimo ma l’antibiotico devo comunque continuare a darglielo, anche se non si sa il genere di infezione?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, credo che abbiano ritenuto indispensabile una copertura cautelativa.

    4. tiziana

      Mi scusi ancora, ma volevo ancora sapere ma mica questi sono campanelli d’allarme per il diabete? Grazie mille e scusi ancora il disturbo.

    5. Dr. Cimurro (farmacista)

      A mio avviso no, in ogni caso senta anche il parere del pediatra.

  9. Elisa

    Salve dottore. Da quando ho circa 9 anni ho degli svenimenti, ad intervalli di qualche anno. Da piccola mi dicevano che era la crescita, poi dopo lo sviluppo è stata data la colpa alla mia pressione quasi sempre troppo bassa. Negli ultimi mesi (ho 22 anni) mi capita più spesso di avere i sintomi che precedono lo svenimento, che ormai ho imparato a conoscere: giramenti, offuscamento della vista, fischio nelle orecchie; fortunatamente ho sempre con me caramelle o bustine di zucchero, poi prendo un po’ d’aria e mi siedo e mi passa. Mi sono recata dal medico per un suo parere e mi è stato detto che probabilmente soffro di attacchi di panico. Secondo lei è possibile? Quando svengo mi hanno detto che giro gli occhi (non si vede la pupilla) e ho specie di convulsioni per un 10-20 secondi e poi mi riprendo ma con un forte mal di testa, sudorazione fredda, muscoli tesi e resto in uno stato confusionale per circa una ventina di minuti. Secondo lei possono essere sintomi di ipogliecemia? Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non credo molto all’ipotesi ipoglicemia; ne ha già parlato con un neurologo?

  10. Valeria

    Salve, il mio medico mi ha fatto fare le analisi della tiroide perché sono ingrassata di 7 kg in 3 mesi.
    Sono risultate nella norma e l’unica analisi sballata é il glucosio, a 67 (il valore di riferimento normale era 70)
    Secondo lei é grave? Ero a digiuno, l’ultimo pasto(croissant) risaliva alle 22 della sera prima.
    Ho 21 anni e l’altra ipotesi che mi avevano fatto era l’ovaio policistico, ma per ora nulla di certo
    Sono un Po’ preoccupata.
    Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non è da considerare un problema.

      Acne? Peli superflui? Capelli grassi? Ciclo irregolare?

    2. Valeria

      Salve, acne non molta, peli superflui non mi pare, anche se ho sempre avuto una crescita molto lenta, ora forse crescono più velocemente. I capelli si, sono più grassi.. solitamente dopo 3 giorni dal lavaggio erano leggermente sporchi, ora invece già dopo un giorno sono unti e in alcune zone con dermatite. Il ciclo é irregolare. Solitamente ero di 32. Poi ha iniziato a sballare con 34-38-40 giorni, ma ho avuto episodi di “anticipi” ovvero dopo 20-25 giorni.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Alcuni sono segnali che potrebbe essere proprio ovaio policistico.

  11. stefano

    Buongiorno dottore , il mio controllo della glicemia al mattino a digiuno è sempre tra i 140 e i 169 , mentre dopo o prima dei pasti tra i 132 e i 150…devo preoccuparmi ?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Serve senza dubbio attenzione medica, 140 a digiuno è diabete.

    2. simona

      Caro dottore, in seguito ad una pacreosectomia parziale ho problemi di controllo della glicemia. Fino ad oggi una dieta equilibrata e tanto sport mi hanno permesso di tenere i valori nella norma, ma recentemente non mi è concesso mangiare nemmeno un pezzo di pane, che “sballo”. I miei valori da autocontrollo sono: a digiuno 140 circa e dopo i pasti… senza farinacei 100/120, con farinacei 150/170. Crede sia il caso di cominciare un trattamento farmacologico? Ho 45 anni e non sono in menopausa. Grazie e buona giornata.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Emoglobina glicata?
      Per farinacei intende integrali o raffinati?
      Altezza e peso?

    4. Simona

      Emoglobina glicata 6.4 (è il risultato di un esame recentissimo ed è solo da quando ho scoperto questo valore che ho iniziato l’autocontrollo della glicemia); altezza cm 170; peso 56 kg. Per farinacei intendo TUTTI. Non mangio pasta e riso, ma pane e ho provato di tutto: integrale, di segale, bianco…. La situazione non cambia. Approfitto per chiarire che 140 di glicemia a digiuno la rilevo quando la sera prima ho mangiato -in aggiunta alla solita insalata non condita e al petto di pollo ai ferri- un panino! Se escludo totalmente i carboidrati, il valore si abbassa aggirandosi intorno a 120…. Fra l’altro (da sempre) il pane (di cui peraltro sono ghiotta), mi provoca un fastidioso senso di pesantezza, al punto che evito di mangiarlo prima di fare sport…. Devo rassegnarmi ad eliminarlo? Quando lo evito non sento cali di energia, anzi, sto realmente meglio, ma mi manca… P.S. l’oculista mi ha già trovato segni di retinopatia e cataratta….

    5. Dr. Cimurro (farmacista)

      Temo che sia proprio necessario intervenire con farmaci, mentre per il discorso carboidrati ne parli con il dietologo perchè in genere la dieta del paziente diabetico prevede un normale apporto di farinacei.

  12. alessandro

    Salve dottore ho 39 anni e da circa 4 mesi sto soffrendo di sintomi mai avuti prima del tipo capogiri, vertigini e attacchi sporadici di panico che come per altre persone spariscono prendendo aria fresca o fermandomi per qualche minuto. Il mio dottore mi ha prescritto delle analisi del sangue generali e della glicemia, compresa la curva glicemica per capire se ho il diabete ( in famiglia ne soffriva solo mio nonno materno di tipo mellito ) secondo lei sn sintomi legati all’ipoglicemia? quindi valori troppo bassi di glucosio nel sangue? Grazie per la sua risposta.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      A mio avviso no, ma è corretto verificarlo insieme ad altre ipotesi quando non ci sono indizi.

  13. Paola

    Buongiorno, se prima di un pasto la glicemia e’ 191 come mi devo comportare con il cibo ,si può mangiare e cosa. Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      È una condizione che prima ancora di accorgimenti dietetici richiede attenzione medica, fino a quel momento eviti dolci e zucchero in genere e consumi carboidrati da alimenti integrali.

  14. Vani

    Salve Dottore,
    alcuni mesi fa’ mi sono sottoposta a esami del sangue ed è risultata una glicemia di 65 mg/dL a digiuno (intervallo di riferimento 70-110). Ho successivamente ripetuto le analisi a distanza di due ore dal pasto e la glicemia è risultata di 136 mg/dl. Il mio medico dice che non è nulla di preoccupante. Ogni tanto (quando resto a digiuno troppo a lungo) sento una specie di tremore interno, calo di forze molto marcato e mente offuscata. Ho 33 anni e sono normopeso.
    Puo’ trattarsi di ipoglicemia in fase iniziale? Cosa mi consiglia di fare? La ringrazio anticipatamente.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Stia tranquillo, non vedo problemi particolari, ma è sicuramente utile abituarsi a fare 5-6 spuntini al giorno, anzichè solo due pasti.

  15. Gianluca

    Gentile volevo dirle che stamane alle 8 ho misurato la glicemia e avevo un valore pari a 99. Verso le 9.30 ho mangiato al bar un cornetto con marmellata e subito dopo ho rimisurato il valore di glicemia e avevo 147. a due ore di distanza ho rimisurato la glicemia e avevo 133. Passate le due ore e mezza avevo 133. Ora alle 12.35 ho come valore 115. Volevo chiedere se sono normali queste variazioni e se il caffe’ con un cornetto alla marmellata alzano di botto i valori glicemici. Grazie.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non sono ancora valori da diabetico, ma la mia sensazione è che siano leggermente superiori a quanto dovrebbero essere: sicuramente lo è il 99 a digiuno, così come il 133 a due ore e mezzo di distanza.

  16. sonia

    Buonasera dottore mio padre ha 56 anni e da poco le e venuto il diabete. Le hanno dato da fare l insulina ma tutte le volte che la fa, le viene un mal di testa esagerato come mai?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Ha provato a verificare la glicemia durante la comparsa del mal di testa?

    2. Anonimo

      Sinceramente no non ha mai provato, la glicemia se la misura prima di fare l insulina.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Proverei a verificarla anche nel momento del mal di testa, per verificare che non si tratti di leggera ipoglicemia.

  17. Anonimo

    Salve. Ho i sintomi del diabete (poliuria, polidipsia, stanchezza cronica e pelle secca). Dagli esami di laboratorio a digiuno la glicemia è nella norma e l’insulina è bassa. Bisogna fare esami approfonditi per escludere il diabete? Grazie.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Può eventualmente anche valutare di fare l’emoglobina glicata.

    2. Anonimo

      Perché può esserci diabete anche con la glicemia nella norma? Come si associa all’insulina bassa?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Può essere che la basale sia nella norma, ma durante il giorno dopo i pasti raggiunga livelli eccessivi.

    4. Anonimo

      Grazie infinite. Mi hanno detto che in caso di diabete l’insulina dovrebbe risultare più alta del normale, ma visto che io invece ho carenza di questa era escluso il diabete. Lei può darmi consigli anche su questo?

    5. Dr. Cimurro (farmacista)

      In realtà dipende, ma le suggerisco di fare il punto con un medico e non procedere autonomamente.

  18. Livio

    Buona sera da pocco a mia figlia che a 2ani hanno diagnosticato il diabete mellito tipo pediatrico dovrà fare insulina per sempre la mia domanda e se pur facendo la terapia con l’insulina ii valori della glicemia sono tropo sbalzati di notte va anche a 320 e anche di giorno pur seguendo la diretta prescritta……..

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Se possibile inizierei a sentire telefonicamente il diabetologo per avvertirlo di questi picchi notturni, ma è possibile che le suggerisca comunque di aspettare la visita.

  19. damiano 1972

    Caro dottore ls mia glicemia basale a digiuno è 136, 118, oppure 95 . Dopo colazione mi gira la testa e con il glucometro la glicemia e a 157. Ho perso 10 chili in un mese e mezzo complice anche influenza e bronchite curata con cortisone per 10 giorni cosa devo fare ? La curva da carico di glucosio non me l’hanno fatta perché la glicemia basale era quella mattina 131 grazie in anticipo e a risentirci

    1. damiano 1972

      Egregio dottore sono andato all’asl e un dottoressa mi ha prescritto la curva da carico io sono preoccupato perché non me l’hanno fatta e noto che dopo mangiato la glicemia e nella norma secondo lei si può parlare di intolleranza al glucosio ? Perché solo la mattina e dopo aver mangiato mi capitano i giramenti di testa

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Un 157 a digiuno può bastare per la diagnosi di diabete se rilevato in almeno due occasioni.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Chiedo scusa, avevo capito male, ma non ho tuttora capito cosa le abbia detto la diabetologa: 131 è comunque oltre i limiti.

    2. damiano 1972

      Ci devo ancora andare ma io sono un po’ confuso perchè con il glucometro i valori al mattino sono regolari ma a un laboratorio privato si sono rivelati oltre alla norma. Si possono verificare che le analisi del laboratorio (valore 131 a digiuno) siano alterate tanto rispetto alla misurazione con il glucometro (valore 95 a digiuno) nella stessa giornata?. La ringrazio per tanta bontà e pazienza.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Per confrontare i due valori dovrebbe prelevare il sangue nello stesso istante, anche se piccole differenze rimangono perchè in laboratorio si usa sangue venoso mentre a casa il sangue capillare (poi i glucometri da usare a casa hanno una tolleranza che può arrivare al 15%).

      La mia sensazione è che si trovi i una condizione border-line, ossia una sorta di pre-diabete.

  20. antonella

    OBuongiorno, io è da 2-3 giorni che soffro di frequenti giramenti di testa.. premetto che mio padre soffre di diabete.. ma la mia glicemia di 2 anni fa era apposto.. intanto adesso oltre a soffrire di capogiri, sono sempre stanca, mangio in modo incontrollato soprattutto dolci e carboidrati.. e ho 21 anni.. la mia pressione è perfetta.. secondo lei potrei avere la glicemia alta?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Suo padre soffre di diabete di tipo 1 o 2? Il suo peso-altezza?

  21. rosangela

    buongiorno. Sono mamma di un bimbo che a luglio compirà 3 anni. Ha sempre bevuto molto sin da quando aveva un anno ed ha iniziato a bere. Da qualche mese stiamo tentando di togliere il pannolino, anche se spesso il bimbo fa la pipì addosso. Di notte, se si sveglia, cerca l’acqua e ne beve qualche sorso “di fretta”. (non si sveglia per bere, ma se si sveglia beve) Durante il giorno, a volte la chiede, a volte se non gliela offriamo se ne dimentica. Ultimamente mi sembrava che bevesse più del solito e che le quantità di urine fossero aumentate (bagna anche 3 pantaloni nel giro d un’ora con abbondanti quantità di urine, specialmente se guarda la TV). Ammetto che gli abbiamo lasciato bere liberamente the zuccherato solubile, trinketti dolci, succhi di frutta industriali, caramelle zuccherate e qualche dolce, non pensando che potessero avere un effetto così dannoso. L’altro giorno, ho esposto il problema alla pediatra di base che ha misurato la glicemia con il glucometro, a digiuno, (anche se il giorno prima mio figlio aveva pasticciato coi dolci, caramelle e succhi di frutta).Il risultato, con grande stupore della pediatra, è stato 144. La pediatra dice che è molto strano perché il bimbo a dicembre quando l’aveva visto pesava 13,8 kg, mentre ora pesa 16 kg, quindi cresce bene. Non è stanco, anzi decisamente iperattivo, non sta mai fermo e non ha sonnolenza (anzi! si addormenta tardissimo!). Abbiamo quindi eseguito il giorno dopo prelievi ematici di emocromo, glicemia, emoglobina glicata ed urine. L’emocromo è tutto nella norma, la glicemia è risultata 61 mg/dl (range 70-110), Hb glicata 28 mmol/mol (range 20-38), urine: giallo paglierino, aspetto torbido, ph 5,5, proteine 10 (range minore di 20), glucosio assente, chetoni 30 (range assente), urobiligeno 0,2, emoglobina ed esterasi assenti. Specifico che il giorno prima del prelievo non ho dato cibi zuccherati al bimbo. A volte ha l’alito cattivo (ma non mi sembra fruttato) e le urine odorose. abbiamo monitorato quanto beve in 24 ore ed il risultato, il giorno in cui il glucometro ha segnato 144, è stato 490 ml di acqua tra giorno e notte, con pannolino notturno piuttosto bagnato. Non capisco se la notte il bimbo beve perché ha sete o perché dorme a bocca aperta (ha spesso bocca asciutta di notte). Secondo Voi il mio bimbo visti i valori può essere diabetico (familiarità da parte di mio marito per diabete 2 in età senile, bisnonna di mio figlio)? I chetoni cosa indicano? possono essere dovuti al digiuno ed al fatto che mio figlio è iperattivo e non gli ho dato zuccheri il giorno prima? come mai così grossa differenza tra glicemia su siero e glucometro? ho provato la chetonuria a casa con le striscioline il giorno dopo esami ospedalieri ed è negativa. La pediatra di base ha consigliato la ripetizione di glicemia e urine in laboratorio per maggiore scrupolo. cosa pensa della situazione? grazie di cuore

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sono ragionevolmente tranquillo sull’ipotesi diabete, ma serve sicuramente attenzione sui cibi dolci.
      Sembra invece esserci un po’ di “acetone”, ma non è nulla di preoccupante.

      Condivido in ogni caso la necessità di ripetere il controllo della glicemia tra qualche tempo.

    2. rosangela

      La ringrazio per la gentile e tempestiva risposta. Questa glicemia alterata potrebbe essere quindi frutto delle cattive abitudini alimentari oppure ci sono altre patologie che potrebbero averla provocata? Mi lascia molto perplessa il risultato addirittura iPoglicemico del giorno dopo..

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente è causata dalla cattiva alimentazione (ipotesi avvalorata dalla condizione di chetosi).

  22. Anonimo

    Dottore La ringrazio infinitamente x avermi tranquillizzata e dato spiegazioni semplici da capire. Le auguro buone feste e di continuare sempre a lavorare così, con il cuore.

    1. rosangelazin

      Non mancherò. A fine mese ripeteremo gli esami. Speriamo bene. Scusi l ultima domanda: navigando su internet ho letto che nei bimbi diabetici si associa iperglicemia e chetosi. Sono rimasta un po perplessa.. gli esami di mio figlio che non rivelano presenza glucosio urinario, emoglobina glicata e glicemia leggermente bassa, possono già far escludere diabete, sebbene beva molto la notte? Grazie

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Le confermo che i chetoni alti hanno fatto venire anche a me il dubbio, ma il fatto che glicata e glicemia fossero nella norma mi fa essere piuttosto ottimista.

    3. rosangela

      Stamattina ho fatto le striscioline di chetoni da farmacia ed erano negativi. Ho comprato in farmacia glucometro e stamattina alle 11 e mezza, dopo una brioche mangiata alle 10 e 15 la sua glicemia era 62. Che dice? Grazie ps la pediatra di base dice che i chetoni sono probabilmente dovuti al digiuno prolungato..

    4. Dr. Cimurro (farmacista)

      Penso sempre di più che non ci siano problemi di diabete.

Lascia un Commento

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.