Iperglicemia e ipoglicemia nel diabete: sintomi, cause e valori

Ultimo Aggiornamento: 624 giorni

Link sponsorizzati

Quando si cerca di tenere sotto controllo il diabete la glicemia (la quantità di zucchero nel sangue) può alzarsi o abbassarsi troppo: questa situazione non deve essere sottovalutata, ma fortunatamente è facile riportare la glicemia nei limiti.

Studi su un grosso numero di bambini e giovani adulti sani sembrano confermare che è molto raro che la glicemia resti stabilmente sotto i 60 mg/dl o sopra i 100 mg/dl, anche se in realtà esistono casi di questo tipo che non presentano alcun tipo di sintomo.

Nella prima infanzia la glicemia può essere un po’ più bassa, sebbene in genere sopra i 60 mg/dl dopo il periodo neonatale (in cui non è raro rilevare valori da neonati perfettamente in salute addirittura fino a 27 mg/dl fin dal primo giorno di vita).

Iperglicemia

Quando c’è troppo glucosio nel sangue, si ha la cosiddetta iperglicemia. Iperglicemia è una parola formata dal prefisso di origine greca “iper” (ὑπέρ) che significa semplicemente “sopra”, mentre “glicemia” deriva dai termini “γλυκύς” e “αἷμα”, significanti rispettivamente “dolce” (perciò “zucchero”) e “sangue”, sempre dal greco.

I valori indicativi minimi per parlare di iperglicemia sono

  • 110 milligrammi su decilitro (mg/dl) di sangue a digiuno,
  • 140 milligrammi su decilitro dopo due ore da un carico di glucosio.

Questi sono valori pericolosi sul lungo periodo ma, purtroppo, spesso non legati a sintomi specifici, che compaiono per valori molto più elevati.

L’iperglicemia è causata da:

  • alimentazione smodata,
  • consumo di dolci,
  • mancata assunzione dei farmaci,
  • somministrazione insufficiente di insulina,
  • malattie,
  • stress,
  • scarso esercizio fisico.

Se non viene curata può sfociare nel coma.

Tra i sintomi dell’iperglicemia ricordiamo:

  • secchezza delle fauci,
  • sete,
  • minzione (bisogno di fare pipì) frequente,
  • visione offuscata,
  • affaticamento o sonnolenza,
  • dimagrimento,
  • sensazione di malessere,
  • mancanza di appetito,
  • alti valori di chetoni nelle urine.

In caso di iperglicemia:

  • bevete acqua o altre bevande non zuccherate a volontà,
  • controllate la glicemia,
  • attenetevi scrupolosamente alla dieta.

Se la glicemia continua a essere alta andate dal medico, che vi dirà qual è la soglia massima da non superare nel vostro caso. Se la glicemia è troppo alta, però, potrebbe essere necessario il ricovero in ospedale.

Ipoglicemia

L’ipoglicemia si verifica quando non c’è abbastanza glucosio nel sangue. Il prefisso “ipo” di ipoglicemia è un prefisso di origine greca e significa “sotto”.

L’ipoglicemia di solito si verifica nei pazienti in terapia con l’insulina o con altri farmaci, può essere causata da:

  • un eccesso di insulina, in questo caso è anche definita shock insulinico,
  • scarsa alimentazione,
  • ritardo nell’assunzione del pasto,
  • lavoro fisico eccessivo,
  • stress,
  • alcool e farmaci.

I sintomi dell’ipoglicemia, che possono verificarsi anche solo in parte, invece sono:

  • sudorazione,
  • tremore,
  • nervosismo,
  • tachicardia,
  • fame eccessiva ed improvvisa,
  • pallore,
  • capogiro,
  • senso di stanchezza e svenimento,
  • cambiamenti dell’umore,
  • confusione,
  • impazienza,
  • instabilità caratteriale,
  • intorpidimento delle labbra e della lingua,
  • mal di testa,
  • vista offuscata,
  • improvvisi problemi di parola.

Ricerche sperimentali su adulti sani hanno dimostrato che la capacità mentale cala in modo rilevabile se i valori di glicemia scendono al di sotto dei 65 mg/dl; valori inferiori ai 54 mg/dl scatenano meccanismi ormonali di difesa (adrenalina e glucagone).

Se non viene curata, l’ipoglicemia può causare perdita di conoscenza o convulsioni. I pazienti diabetici riferiscono sintomi di diversa natura quando la glicemia si abbassa, dovreste imparare a riconoscere i sintomi e le sensazioni che caratterizzano nel vostro caso l’ipoglicemia.

Alcuni pazienti, invece, non avvertono alcun sintomo: in questi casi devono basarsi unicamente sull’esame della glicemia per scoprire se soffrono di ipoglicemia.

Se avete la glicemia bassa bevete o mangiate subito qualcosa che contenga zuccheri immediatamente disponibili, ad esempio:

  • mezzo bicchiere di succo di frutta o di bevanda gassata dolce,
  • dieci caramelle,
  • due cucchiai di zucchero o di miele.

Se i sintomi non scompaiono nel giro di un quarto d’ora o se la glicemia continua a rimanere inferiore agli 80 mg/dl assumete un’altra dose di zuccheri ad assorbimento rapido. Ripetete a intervalli di dieci, quindici minuti, finché la glicemia non supererà il valore indicato.

Se manca meno di mezz’ora al pasto successivo iniziate a mangiare, se invece mancano più di 30 minuti fate uno spuntino, ad esempio con mezzo panino o con tre crackers.

Fate il pasto o lo spuntino dopo aver assunto una dose di zuccheri ad assorbimento rapido, non sottraete lo spuntino dal successivo pasto in programma. Non guidate e non usate macchinari se sentite di avere la glicemia bassa.

Comunicate ai vostri famigliari e agli amici che siete diabetici, così, se per caso vi troveranno privo di sensi o in difficoltà, potranno portarvi immediatamente al pronto soccorso o chiamare un’ambulanza.

Traduzione ed integrazione a cura di Elisa Bruno


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. Anonimo

    Non so è una sensazione strana. Dopo pranzo sono stata bene x 2 ore poi è ritornata in forma più lieve. Ho mangiato un biscotto e una banana. Mi sono sentita meglio x 1 ora ma sento che sta ricomparendo. Non so se è una questione di testa (almeno ora che magari ci sto pensando). Se per lei era poco probabile per l’episodio di stamattina, può centrare anche il fatto del caffè amaro + cappuccino a distanza di 2 ore? Prima stavo bene, e infatti dopo 1 ora dall’aver bevuto sono comparsi i sintomi sopracitati.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      L’ansia è una causa plausibile, ma vale comunque la pena verificare con un prelievo e magari con la pressione.

  2. sonia

    Salve da poco ho fatto le anilisi perche ho spesso la testa confusa mi gira,sento
    .,caldo,ho un senso di irrequietezza e avvolte l ansia, e ho l’insulinemia alta, e dovuto a questo il mio senso di malessere?

  3. sonia

    Si,specialmente il senso di irrequietezza e l ansia avvolte il pomerigio anke dopo un caffe zuccherato ke prendo perche pare ke abbia un calo di zuccheri Sembra darmi sollievo all istante ma dopo poco mi capita di stare male

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      L’iperinsulinemia può essere causa di un calo di zuccheri, che potrebbe spiegare i sintomi descritti.

    2. Anonimo

      Il dott mi ha dato Metforal 500 nezza dopo pranzo e cena,ma nn ha parlato di alimentazione. ..ha consigli da darmi? E importante seguire una dieta se si hal insulina alta?

  4. LUCA

    BUONGIORNO PREGIATISSIMO APETTABILISSIMO SAGGIO DOTT PROF CIMURRO IO IN LEI PONGO PIENA FIDUCIA ALLORA LE SPIEGO TUTTO DA CIRCA 1 ANNO SENTO SENSAZIONE DI CALORE SULLE BRACCIA E SULLE COSCIE E A VOLTE SULLE SPALLE TUTTI I GIORNI A VOLTE DI PIU” A VOLTE DI MENO E POI SEMPRE MAL DI TESTA DA UN ANNO MALE AGLI OCCHI CON LACRIME LA GLICEMIA E 112 PESO 80 KG ALTEZZA 170 ANNI 65 PROFESSIONE EX INSEGNANTE COSA POTREBBE ESSERE DOTTORE MIO PADRE MORI” DI COMA DIABETICA A 72 ANNI IO SPERO CHE NON SIA SCLEROSI MULTIPLA MI SONO DOCUMENTATO SU” INTERNET STO” PREGANDO DIO CHE NON SIA QUESTA MALATTIA LEI COSA NE PENSA LA MIA DOTTORESSA E IN AMERICA FINO A 10 GENNAIO 2016 LA SOSTITUISCE UN DOTTORINO. GIOVANISSIMO CHE” IO NON HO” FIDUCIA INVECE IN LEI HO” PIENA FIDUCIA PERCHE” GIA” IN PASSATO MI HA” DATO SODDISFAZIONE LA RINGRAZIO DI CUORE DOTTORE PER LA SUA ATTENZIONE LA SALUTO CON TANTA STIMA E SIMPATIA ARRIVEDERCI E GRAZIE ANCORA ASPETTO CON ANSIA

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      La ringrazio per la fiducia, ma non sono medico ed il mio parere non deve sostituire quello del suo curante (anche se sostituto); la mia sensazione è che si tratti di un po’ di stress, la glicemia è un pochino troppo alta e va seguita, ma non è così elevata da determinare sintomi.

    2. Anonimo

      BUONA SERA DOTT..CIMURRO VOLEVO RINGRAZIARLA PER LA SUA GENTILISSIMA E CORTESE DISPONIBILITA’ E SEGUIRO” IL SUO CONSIGLIO LA SALUTO CON CORDIALITA’ E STIMA ARRIVEDERCI E TANTE GRAZIE ANCORA VORREI CHE GLI ALTRI SUOI COLLEGHI FOSSERO TUTTI SAGGI UMILI EDUCATI E SENSIBILI COME LEI CHE DIO LA BENEDICA SEMPRE …….A RISENTIRCI BUONA SERATA

  5. Andrea

    Salve Dott.Cimurro mi chiamo Andrea…le chiedo delle informazioni in merito alla iperglicemia. Ho mio padre che soffre di insufficienza epatica anzi x dirla breve ha proprio una malattia che la porta dietro da alcuni anni, hanno fatto anche un bipass sul fegato chiamato tips che ogni tanto fa salire ammonio, ma la cosa strana che ha sempre la glicemia perché diabetico, sempre altissima livelli improponibili, ed infatti e sempre nervoso sconnesso fa fatica a parlare a volte quando gli diciamo una cosa non la capisce ???? A livello di alimentazione come possiamo qnt meno rivitalizzarlo, perché non dorme mai cerca in continuo il bagno x urinare ha sempre fame…cosa possiamo fare siamo disperati perchè anke noi non stiamo vivendo..grazie in anticipo

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Vanno ovviamente eliminati i dolci, ma ritengo che dal punto di vista dietetico si possa fare poco di più; è seguito da un diabetologo? Fa insulina?

  6. miomao

    Egr Dr mio padre 83 enne dell’età di 38 ha scoperto di essere diabetico. Si e sempre curato in maniera attenta e scrupolosa . Assume 2 dosi da 14 u e 12 u a pranzo e cena di insulina e fa 12u serali di insulina la sera prima di dormire a lungo rilascio.Da una settimana però la misurazione del mattino è crescente 125/136/188/226/321/334 e oggi 444. Come si spiega?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      La dose va rivista, purtroppo può succedere negli anni; contatti urgentemente il diabetologo.

  7. ROSA

    Buongiorno dottore oggi sono andata in farmacia e ho fatto l’esame per la glicemia, essendo ansiosa mi era venuta la paura del diabete, solo che un 15 minuti prima avevo fatto colazione mezza brioche e un caffè macchiato , il risultato è stato 119 , la farmacista mi ha detto che era a posto ma guardando i valori su internet non mi sembra anzi sono ancora più nel panico!!!!!!!!!!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Appunto… troppo poco per apprezzare l’effetto sul sangue? Troppo poco perchè sia nuovamente in discesa? A mio avviso è scarsamente utile in questi casi.

  8. ROSA

    Quindi non è in buo valore , la mia paira e scaturita dal fatto che ho ol morbo di depuytren e la spalla congelata e su internet è sempre carrellata a diabete, ora sono spaventata!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      119 non è affatto un brutto valore con una colazione alle spalle, quello che sto dicendo che è poco interpretabile, dà poche sicurezze.

  9. linda

    mia amica di 20 anni ha fatto gli analisi e il resultato è 270mg/100.subito dopo è andata in ospedale dove è da 1 settimana riccoverata.i medici gli hanno dato l’insulina 2 volte al giorno pero i valori sono sempre alti 212 mg/100.hanno provato con la dose minima dell’insulina ma anche la dose massima sempre uguale.ha fatto anche altri analisi tutto è ok .anche la visita cardiologica e andata bene.i medici dicono che questo caso nn li è mai capitato.vi prego cosa puo essere

  10. luca

    a che valori la glicemia alta inizia a dare problemi a occhi di solito , buon giorno

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Occasionali valori di iperglicemia è improbabile che siano causa di sintomi, è soprattutto la cronicità di un valore alto a causare nel tempo danni permanenti alla visione.

    2. luca

      certo ma a che valore cronico comincia dare problemi a vista pelle che pruda sete ecc

  11. antonietta

    salve mi piacerebbe sapere cosa fare se dopo aver mangiato una fettina di panettone mi ha girato la testa pero prima ho sudato molto dopo un ora mi ha cominciato a girare la testa non sapevo cosa fare meno male che e passato ma vorrei sapere cosa fare se dovesse succedere ancora sono diabetica tipo 2 ho 73 anni la ringrazio molto le avevo gia scritto un paio di anni fa e stato molto gentile dopo non sono piy riuscita a trovare il suo sito adesso finalmente ho trovato grazie e buon anno

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      L’ha mangiato a stomaco vuoto?
      Fa insulina od assume solo farmaci per bocca?

  12. antonietta

    buonasera dottore si prendo
    due pillole al giorno metamorfin 500mg con i pasti ho cenato alle sei di pomeriggio e dopo a mezzanotte ho mangiato il panettone con una goccia di spumante la ringrazio anticipamente

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non sono così convinto che il giramento di testa fosse legato alla glicemia, magari la stanchezza od altro.

  13. antonietta

    buonasera gentilissimo dottore ha ragione lei forse la stanchezza e la tensione di quelle giornate stressanti mi ha fatto questo scherzo .la ringrazio sentitamente

  14. Rosaria

    Mio figlio ha 20 anni, ha perso 10 kg perchè colpito da forte ipocondria.
    Gli esami ematici sono tutti ok; tuttavia continua ad urinare molto solo dopo i pasti.
    A tal proposito il medico gli ha proposto esame urinario e glicemia a digiuno.
    Ho paura che abbia il diabete, supponiamo fosse cosi..Se controllato può condurre una vita normale oppure no?…
    Inoltre il valore della glicemia a digiuno può essere utile nel caso si decida di effettuare o meno la curva di carico?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Assolutamente sì.
      2. Il valore a digiuno è il punto di partenza di qualsiasi curva.

    2. Rosaria

      Sentivo di persone che si erano abbattute perchè credono di non riuscire a mangiare più nulla..
      Diciamo che leggevo le complicanze del diabete, però credo che una regolare attività fisica con assunzione di farmaci, possa migliorare la condizione e evitare tali problematiche?
      Lui gioca a calcio ed è abbastanza camminatore.

      Se il valore al digiuno è ottimale si può gia escludere glicemia?
      Ottimale intendo al di sotto dei 100.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Nei casi di diabete di tipo 1 con un po’ di esperienza nella gestione dell’insulina si può mangiare quello che si vuole, le lamentele in genere provengono dai casi di diabete di tipo 2 (che non dovrebbe essere il caso di suo figlio).
      2. È sicuramente un ottimo punto di partenza.

    4. Rosaria

      So che il diabete di tipo 2 sopraggiunge con l’eta e sovrappreso
      Mio figlio è alto 186, prima era 85 kg, ora è sui 76-77.
      Mangia abbastanza, non beve moltissimo, di notte non urina..
      Ma non mette peso e urina molto dopo i pasti, la mattina è normalissimo.

      Se si tratta di una patologia controllabile…Allora sono contenta visto che ci sono malattia piu gravi al mondo.
      Le posso far sapere i risultati domani? Anche se andrà dal medico appena li riceverà, quindi stesso domani.

      Ps : Sono necessarie sempre le siringhe o esiste anche qualche pillola?

    5. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Sì, se mi tiene al corrente mi fa piacere.
      2. Il paziente affetto da diabete di tipo 1 in genere si cura con iniezioni di insulina.

  15. antonio

    Questa mattina ho misurato la glicemia e avevo 254 dopo aver preso un caffe senza zucchero le faccio presente che prendo solosa la mattina e metformina dopo pranzo e dopo cena cosa devo fare?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Lo segnali al medico per una rivalutazione della terapia.

Lascia una risposta

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.