Herpes Simplex Genitale: sintomi, foto, cura, prevenzione

Ultimo Aggiornamento: 1097 giorni

Link sponsorizzati

Introduzione

L’herpes genitale è un infezione sessualmente trasmessa; secondo il Centro per il Controllo e la Prevenzione delle malattie, negli Stati Uniti, una persona su cinque viene infettato da herpes genitale. Di solito le donne vengono infettate maggiormente rispetto agli uomini e si stima che una donna su quattro abbia l’herpes.

L’herpes genitale è un virus abbastanza comune che spesso si manifesta in forma molto lieve o non si manifesta affatto; anche nelle infezioni più severe è sufficiente seguire con scrupolo la cura per gestire efficacemente il problema.

  • La probabilità per le donne di avere il virus è doppia rispetto agli uomini.
  • Circa l’80% delle persone infettate dall’herpes genitale non sanno di avere il virus.
  • Non esiste una cura definitva per l’herpes, ma esistono efficaci trattamenti antivirali per contenere l’infezione.
  • Di solito il virus è trasmesso quando non ci sono sintomi visibili.
  • L’uso del preservativo riduce il rischio di trasmettere l’herpes genitale ma non lo elimina completamente.

Foto

Per non urtare la sensibilità di visitatori giovani o non interessati a vedere foto di herpes genitali vengono riportati esclusivamente link testuali.

Cause

L’herpes genitale è causato dal virus herpes simplex, che esiste in 2 forme:

  • tipo 1 che infetta più comunemente la bocca e le labbra, causando piaghe conosciute come febbre o semplicemente herpes.
  • tipo 2 che di solito è la causa dell’herpes genitale, ma può anche infettare la mucosa della bocca.
http://en.wikipedia.org/wiki/File:Cold_sore.jpg

http://en.wikipedia.org/wiki/File:Cold_sore.jpg

A causa delle mutate abitudini sessuali, una maggior diffusione dei rapporti orali sta eliminando questa differenza di casi.

Sintomi

La prima insorgenza dei sintomi è la peggiore, si verifica nel giro di 2 settimane dopo il contagio e può durare diverse settimane.

Ogni manifestazione potrebbe essere preceduta da prurito, formicolio e dolori muscolari.

I sintomi classici di herpes genitale sono bolle e vesciche (simili a quelle che compaiono sulle labbra) che si spaccano lasciando dolorose ulcerazioni che richiedono circa 10 giorni per seccarsi, incrostarsi e guarire. Queste vescicole compaiono vicino all’area di contagio, come l’area genitale o rettale, sulle natiche o sulle cosce. Da un punto di vista diagnostico questa manifestazione è facilmente riconoscibile, ma spesso i sintomi sono più sfumati:

  • minuscole vescichette,
  • piccole screpolature nella cute,
  • desquamazione localizzata della pelle,
  • vago arrossamento,
  • una distinta eruzione cutanea.

A volte c’è qualche area ferita o scorticata, con rossore indolore, pruriginosa o che pizzica. Altri sintomi che possono accompagnare la prima insorgenza (meno spesso in seguito) di herpes genitale sono febbre, mal di testa, dolore ai muscoli, dolore o difficoltà ad urinare, perdite urinarie e ghiandole gonfie nell’area dell’inguine.

Spesso purtroppo la prima o le successive insorgenze non vengono riconosciute, sopratutto quando i sintomi sono leggeri. I sintomi del primo attacco possono durare fino a 20 giorni.

Nel caso di una prima manifestazione leggera, quelle successive saranno quasi impercettibili.

Nella maggior parte delle persone il virus può diventare attivo e causare insorgenze diverse volte all’anno (in media 4 volte l’anno). Il ciclo più tipico è 6-10 ricorrenze nel primo anno, e meno negli anni successivi.

Il virus dell’herpes rimane latente in alcune cellule nervose del corpo per tutta la vita. Quando il virus inizia ad essere attivo, viaggia lungo i nervi della pelle, si moltiplica ed a volte produce nuove piaghe vicino all’area della prima insorgenza. Le ricadute sono generalmente più lievi rispetto alla prima insorgenza. Le ricadute diventano meno frequenti col passar del tempo.

Sintomi delle ricadute possono essere prurito, pizzicore, perdite vaginali, e sensazione di bruciore o dolore nell’area genitale o anale. Possono esserci anche piaghe durante una ricaduta, ma a volte sono piccole e difficilmente individuabili.

A volte il virus, anche se diventa attivo, non causa nessuna piaga visibile o nessun sintomo. In questo periodo piccole quantità di virus possono essere presenti vicino alle zone della prima infezione, in bocca, sul pene, sulla vagina o su piaghe appena visibili. Questa fase è chiamata diffusione asintomatica. Sebbene non si sia consapevoli della diffusione è possibile infettare il partner durante un rapporto sessuale. Lo spargimento asintomatico è un importante fattore nella diffusione dell’herpes.

Fattori scatenanti delle ricorrenze

Pur soggettive, spesso i seguenti fattori sono responsabili di nuove manifestazioni:

  • Luce solare
  • Ciclo mestruale
  • Rapporti vigorosi
  • Stanchezza
  • Stress

Trasmissione

Se si ha l’herpes genitale, si può facilmente trasmettere il virus ad un partner non infetto durante un rapporto sessuale. La maggior parte delle persone contrae l’herpes genitale attraverso rapporti non protetti con partner infetti, sia durante il periodo d’insorgenza sia durante il periodo asintomatico (senza sintomi). Le persone che non sanno di avere un herpes hanno un ruolo importante nella trasmissione perchè sono inconsapevoli del fatto che potrebbero infettare il partner durante un rapporto sessuale.

L’herpes si può trasmettere, oltre che attraverso il rapporto sessuale, anche attraverso il sesso orale o semplicemente per sfregamento delle mucose. Quest’ultima situazione si verifica più raramente perchè il virus beneficia del microambiente ricco di calore e umidità (sudore e liquidi organici) che si viene a creare durante il rapporto vero e proprio.

Il virus viene diffuso molto raramente attraverso gli oggetti come ad esempio la seduta del wc o una vasca da bagno.

Pericoli

Le infezioni da herpes genitale di solito non causano gravi problemi di salute negli adulti sani, ma in alcune persone il cui sistema immunitario non funziona correttamente le insorgenze di herpes genitale possono essere insolitamente gravi e durature.

http://en.wikipedia.org/wiki/File:Herpes2.JPG

Occasionalmente le persone con un normale sistema immunitario possono contrarre l’infezione da herpes all’occhio, chiamata herpes oculare: questa manifestazione è particolarmente pericolosa e potrebbe essere causa di cecità permanente.

Una donna incinta con l’herpes può trasmettere l’infezione al suo bambino. Un bambino nato con l’herpes potrebbe morire o avere gravi problemi al cervello, alla pelle o all’occhio.

L’herpes genitale, come altre malattie genitali che causano piaghe, svolgono un ruolo importante nella diffusione dell’HIV. Una persona infetta da herpes potrebbe essere esposta ad un più alto rischio di contrarre l’HIV. Questo sembra essere dovuto alle piaghe aperte causate dall’infezione da herpes o da altri fattori nel sistema immunitario. Inoltre le persone HIV- positive potrebbero essere più facilmente contagiate dall’herpes.

Diagnosi

Il medico curante può diagnosticare herpes genitali esaminando le piaghe, tuttavia alcuni casi sono più difficili da diagnosticare.

A volte, ma non sempre, il virus può essere individuato attraverso un test di laboratorio in seguito ad un tampone. Una coltura viene fatta quando il medico preleva un campione da una piaga sospettata di herpes.

Il tampone diagnostico potrebbe non raccogliere il virus, perciò un risultato negativo non garantisce con assoluta certezza l’assenza di herpes genitale.

In passato si ricorreva anche ad esami del sangue, ma oggi si dimostrano meno efficaci del tampone.

Cura e terapia

Una diagnosi di herpes genitale può avere notevoli effetti emotivi su paziente e partner, che ci siano o no dei sintomi. Una giusta terapia può aiutare ad imparare ad affrontare la malattia, episodi ricorrenti, rapporti personali, e questioni riguardanti la fertilità.

Sebbene non ci sia una cura per l’herpes genitale, il medico potrebbe prescrivere un antivirale per curare i sintomi e aiutare a prevenire future insorgenze. Questo può diminuire il rischio di trasmettere l’herpes al partner. I farmaci per curare l’herpes genitale sono:

  • Aciclovir (Zovirax)
  • Famciclovir (Famvir)
  • Valaciclovir (Talavir)

Molte persone che soffrono di sintomi gravi d’herpes genitale possono assumere quotidianamente gli antivirali per prevenire ulteriori eruzioni e rendere meno severi i pochi episodi che ricorrono ugualmente. Oltre al bloccare lo sviluppo di sintomi un trattamento quotidiano è in grado di ridurre sensibilmente il rischio di trasmettere ad altri il virus.

L’alternativa è curare l’episodio, tenendo conto che tanto più precoce è l’inizio dell’assunzione di antivirali e tanto minore sarà la gravità della sintomatologia.

In caso di sintomi dolorosi alle volte è possibile trovare sollievo nei seguenti modi:

  • L’aspirina o il paracetamolo (Tachipirina, Efferalgan, …) dovrebbero aiutare ad alleviare il dolore (e febbre se presente),
  • applicare del ghiaccio direttamente sulle vesciche fornisce un sollievo più immediato.
  • Creme che contengono sostanze anestetiche possono essere d’aiuto, ma tendono a rallentare il processo di guarigione delle piaghe.
  • Bagnare l’area infettata con acqua salata può accelerare la guarigione delle piaghe come anche alleviare il dolore. E’ sufficiente un cucchiaino di sale in 600 ml di acqua, o una manciata di sale in una vasca da bagno con poca acqua.
  • Qualcuno trova molto doloroso urinare quando ha delle piaghe. Un modo di rendere il processo meno doloroso è di sedersi in un bagno di acqua fresca per urinare. Bere di meno concentra maggiormente l’urina che pungerà ancor di più.
  • Molte persone con piaghe dolorose trovano sollievo nel far scorrere su di loro dell’acqua calda.
  • L’uso di biancheria intima che sta larga, preferibilmente di cotone invece che di nylon, risulterà più confortevole e permetterà una guarigione più rapida.

Prevenzione

Le persone che hanno l’herpes dovrebbero seguire pochi semplici passi per evitare la diffusione dell’infezione in altre parti del loro corpo o quello di altri.

  • Evitare di toccare la zona infetta durante la manifestazione e lavare sempre le mani dopo il contatto con quella parte.
  • Evitare rapporti sessuali (vaginali, orali, o anali) anche se protetti dal momento dei primi sintomi genitali fino a che i sintomi siano scomparsi completamente.

Gravidanza

L’herpes genitale non diminuisce le possibilità per una coppia di concepire un bambino, ma ci sono dei rischi associati alla gravidanza. Esiste una piccola possibilità che durante il parto il virus dell’herpes simplex possa essere trasmesso al neonato: circa una donna su 5 ha l’herpes genitale, ma solo 8 su 100.000 neonati sono colpiti dal virus. I pochi casi di herpes neonatale che accadono possono però essere mortali.

Per ridurre il rischio di contagio è innanzi tutto importante informare ginecologo ed ostetrica, ancora più importante è non tenere comportamenti a rischio durante la gravidanza se non si è portatrici del virus.

Diversi studi hanno mostrato che durante la gravidanza si può ricorrere al trattamento antivirale per ridurre il rischio di eruzioni, ma in alcuni casi si preferisce optare direttamente per un parto cesareo.

Fonte: NIH.gov e thefacts


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. itnec54

    Buonasera Dottore, ho le idee molto confuse in materia anche perché 2 specialisti mi hanno diagnosticato 2 cose differenti nell’arco di poco tempo. Il primo un’infezione da streptococco (3 mesi di antibiotici) ed il secondo herpes genitale (inizio questa sera ad assumere FAMVIR 250mg (2/dì x 10 gg) . Tutto è iniziato ai primi di dicembre scorso con manifestazioni in 4 punti del pube scomparsi poi in un paio di mesi mentre ora il problema si ripropone nuovamente in un solo stesso punto del pube dove a dicembre si era manifestato il problema. Nel dubbio ho anche fatto in autonomia un esame con tampone del liquido contenuto in una vescicola con il risultato di essere positivo (13mcg/ml su minimo 10,8) all’analisi “dos. immunocomplessi circolanti” ma non so cosa voglia dire. Nel caso volessi ripetere le analisi, quali mi consiglierebbe e in quale momento ? in ultimo, vorrei sapere se è normale per l’herpes genitale la comparsa di vescicolette grigiastre a grappolo che nell’arco di un paio di giorni si trasformano in unica vescica di liquame purulento giallastro. La ringrazio anticipatamente per la risposta. Cordialità

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Non farei autonomamente esami, anche perchè come nel suo caso probabilmente non è stato richiesto quello corretto.
      2. Sì, potrebbe essere herpes.

    2. Itnec54

      Se fosse realmente herpes non saprei spiegarmi come possa avere contratto la malattia. Il secondo specialista sosterrebbe che sia stato contagiato decine di anni fa e che il virus sia rimasto dormiente sino a quando non ho assunto pillole vasodilatatorie (forse anche esagerando) per aumentare le prestazioni sessuali che avrebbero indotto il virus a manifestarsi come in effetti è accaduto. Sono teorie plausibili ? Grazie ancora per la cortesia della sua risposta veramente apprezzata.

    3. Iori

      Salve dottore. Durante un rapporto la mia ragazza sentiva dolore ma comonque lo abbiamo avuto. Dopo qualche giorno e andata dal medico e gli ha diagnosticato l herpes. volevo sapere quanto era probabile che io sia stato contaggiato oppure quali analisi debba fare per saperlo. Ho 20 anni e per ora non ho niente e sono sempre stato sano aparte il fatto che l anno scorso ho avuto la scabbia.

    4. Dr. Cimurro (farmacista)

      Il rischio esiste, ma può provare a verificare tra qualche tempo con gli IgG HSV 1/2.

  2. Bruno

    salve dottore ho notato delle bollicine rosa 4/5 nella parte interna delle cosce e sotto l ombellico e nel pube. In queste settimane ho effettuato la coltura tramite massaggio prostatico e non c’erano infezione se non una sola infezione ma dovuta allo stomaco. L altro gg per sbaglio pensando si trattasse di un foruncolo ho schiacciato questa bollicina che è diventata subito rossa sangue senza però nessuna fuoriuscita di liquido ne sangue. GG ho effettuato l HPV DNA test in quanto sul pene ho delle piccole bollicine simili ai condilomi acuminati e quindi ho effettuato il test. Ma gg vedendo queste bollicine mi è sorto il dubbio che si possa trattare dell erpes sopra da lei citato. Mi potrebbe dire se gli esami effettuati per il controlo di eventuali miceti ( risultato negativo) avrebbero in caso di presenta di erpes dato u riscontro positivo? non è la prima volta che mi si presentano queste “bollicine”. anni fa andai dal dermatologo xk le avevo nella zona del quadricipite femorale solo che prudevano tantissimo invece queste di ora niente… grazie in anticipo

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Le analisi fatte non avrebbero evidenziato un herpes, ma dalla descrizione non mi sembra che sia questo il caso.

    2. Anonimo

      E mi scusi nella parte tra pube ed asta, e nella parte tra testicoli ed asta, mi si forma una chiazza rossa cm una bruciatura che prude tantissimo xo questo fastidio e questa chiazza é visibile in alcuni casi qnd il prurito è eccessivo . Siccome nn è sempre visibile , non so come fare x effettuare una visita xk senza la visibilità ogni volta mi vien detto di nn aver nulla ( da vedere)

    3. Bruno

      neanche 2 giorni basta non grattarmi e va via subito. xo ogni tanto ritorna ma lavo bene la parte x 2 gg senza strovinare in caso di prurito e va via

    4. bruno

      e noto che li dove esce questa macchia rossa sembra come se la pelle se ne andasse diventando leggermente bianca ( tipo i funghi di mare se nn erro) nella zona pube/asta , mentre nella parte sotto tra testicoli e asta sento una pallina come un brufoletto e da li scaturisce il prurito che poi diventa come una chiazza lunga xo, rossa e rialzata

    5. Dr. Cimurro (farmacista)

      Proverei a fare una foto della manifestazione, per sottoporla al medico, anche se ovviamente sarebbe trovare la disponibilità di uno specialista a vederla nel momento in cui dovesse comparire.

    6. Bruno

      lunedi avrò la visita spero di poter far vedere la parte anche se c’è solo quella specie di brufoletto

  3. kili

    Salve dottore;ho domanda da mesetto k mi sono uscito delle bollicine non sono qll tipo k i poi schiacciare sembrano di carne biance su pene mi sto preoccupando sta cosa secondo lei cosa posso essere un virus o una allergia o se mi potete dire dove posso andare a fa un controllo qua a Roma grz

  4. Zaza

    Ciao dottor il virus herpes vieni dalla famiglia del aids o devers e perioloso sto virus del herpes per la salute e possono criare le farmaci definitivamenti per herpes

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Labbra o genitale?

      In ogni caso non c’entra nulla con l’AIDS.

  5. Zaza

    Grazie dottore digono ki nn ce le medicini per curare difinitivamente herpes , ma inamerica ce il farmaco ki si elimina herpes dal corpo.
    si nn esiste il farmaco, ma le scensiate ho copano per herpes in futuro possono trovare farmaco difinitivamente.
    Grazie mille dottor

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Purtroppo al momento non esiste nulla di definitivo, nemmeno negli USA.

  6. Caterina

    Salve Dottore. Da qualche giorno nell’area vaginale e dell’ano mi sono spuntate delle puntine molto dolorose. Al pronto soccorso la ginecologa semplicemente guardando ha detto essere herpes e come cura mi ha prescritto il Famvir per cinque giorni, aggiungendo poi che il contagio di fatto può avvenire solo quando si presentano queste vescicole e fino alla loro guarigione. Volevo inoltre chiederle se chi ha l’herpes debba totalmente astenersi dal praticare e dal ricevere sesso orale, no vero? Grazie anticipatamente

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Come le ha detto la ginecologa si è contagiosi solo in determinate condizioni e, in questi casi, va evitato ogni rapporto.

    2. Caterina

      Quindi in linea di massima nelle altre occasioni senza preservativo non dovrebbero esserci problemi?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Al 99% è così, ma:

      1. Durante gli episodi acuti bisogna proprio astenersi, il preservativo non basta.
      2. Talvolta purtroppo si è contagiosi già da qualche giorno prima della comparsa, quindi quando avverte sensazioni dubbie si astenga anche se non vede ancora bollicine.

  7. Maria

    Buongiorno dottore, da qualche giorno mi è stata diagnosticata l’herpes ed ho appena iniziato la cura. Oggi aspetto il ciclo ed ho paura che il sangue possa farmi bruciare ancora di più le ferite! L’urina per esempio mi provoca fortissimi bruciori tanto da dovermi lavare sotto il getto dell’acqua fresca ogni qualvolta urino. Posso usare come in passato gli assorbenti interni? I frequenti lavaggi per lenire il bruciore possono far tardare la guarigione?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Sì.
      2. Sì e no, li limiti all’indispensabile anche per non rischiare un’altra infezione vaginale (un’eccessiva igiene intima è causa di squilibrio nella flora batterica vaginale).

  8. gio

    Salve dottore da quando ero piccola soffro di herpes nell occhio ..da un paio di giorni ce l ho in un occhio ho comprato delle goccine da mettere dentro l occhio si chiamano virgan xche ho l occhio arrossato..io e mio marito stiamo provando ha concepire ..volevo sapere se puo essere pericolosa una futura gravidanza se uso questo farmaco ..grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Conviene saltare il mese per sicurezza, come da indicazioni sul foglietto illustrativo.

  9. Gigi

    Salve dottore, da alcune settimane nella zona del glande mi stanno comparendo alcune “bollicine” con una leggerissima punta bianca e che man mano si stanno diffondendo sullo stesso, non danno alcun tipo di fastidio, ma il rossore continua ad aumentare e mi preoccupa un po’.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Potrebbero comunque essere papule perlacee e, nel caso, non sarebbero nulla di patologico, ma raccomando una visita medica per escludere altre possibili cause (come i condilomi).

  10. Carola

    Salve dottore, dopo circa sette giorni dalla comparsa dei sintomi ho iniziato la cura con Famciclovir. Adesso sono al quinto giorno del farmaco ed avverto una specie di prurito che neanche prima avevo, è normale? Il fatto che al di là delle vescicole che di fatto stanno regredendo è normale che nella zona anale fra le natiche abbia ancora una chiazza rossa che brucia? In quanto tempo devo aspettarmi che passi del tutto visto che sono già all’ultimo giorno del farmaco ed ho ancora qualche fastidio? Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Tutto normale, ma valuti con il medico di usare qualcosa per il prurito; i sintomi cutanei dovrebbero migliorare a breve, ma prurito e dolore potrebbero persistere più a lungo se presenti.

  11. Federica

    Buongiorno dottore. Leggendo su internet l’esposizione al sole sembra essere una causa della riattivazione dell’herpes genitale. Vista la stagione estiva come bisogna comportarsi? Ed in che modo anche i rapporti sessuali vigorosi possono sollecitare l’herpes?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. L’uso di creme solari di buona qualità è più che sufficiente.
      2. Per stress meccanico.

  12. Gino

    Salve dottore. Volevo sapere se possibile, se una volta che le vescicole sono scomparse io possa essere contagiato lo stesso dalla mia partner che ieri ha finito il ciclo di aciclovir e le sono completamente scomparse queste vesciche. Possiamoavere un rrapporto? Usalmente non usiamo nessuna protezione quindi volevo sapere se sia il caso di utilizzarle. Grazie per la sua cortesia

  13. Michela

    Per la seconda volta.ho il.problema del erpes genitale anche se meno agresivo.Dottore mi può dire se il Gentalyn crema va bene?Sennò. mi può consigliare.qualcosa altro?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Assolutamente no, il cortisone peggiorerebbe la situazione e l’antibiotico sarebbe inutile.
      2. Mi dispiace, ma non posso prescrivere farmaci, le raccomando invece di rivolgersi rapidamente al medico per impostare la cura (prima si inizia e meno lunga sarà la terapia).

  14. Giuseppe

    Buonasera dottore….per la seconda volta mi ricapita la stessa cosa…mi spiego..ho tutto arrossato sia sullo scroto che nelle due pareti adiacenti (dove va a finire l’elastico dello slip per intendrci) con forte secrezione di un liquido giallastro…..la prima volta si è risolta in una settimana circa ma ora persiste già da una decina di giorni e non sembra fermarsi….può essere herpes?? da premettere che qualche giorno fa mi è venuta anche l’herpes sulla bocca quindi quel virus abita e convive dentro me…..
    la ringrazio anticipatamente per la sua cordiale risposta e la saluto cordialmente

    1. giuseppe

      si…cioe sono tante che fanno sembrare un unico bozzo…come dei gonfiori da arrossamento…..dimenticavo di dire che ho anche mloto prurito al quale è difficile resistere

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Se fosse solo sullo scroto sarei propenso ad ipotizzare un herpes, ma essendo anche sulle cosce viene più da pensare ad una micosi; raccomando di non aspettare oltre in ogni caso e rivolgersi ad un medico.

  15. Anonimo

    Buonasera dottore. Un paio di mesi fà ho avuto l’herpes genitale e l’ho curato con famvir 250. Volevo tenerne una confezione in casa per precauzione ma in farmacia in questo periodo hanno trovato solo il generico famciclovir mylan. Fa differenza? Del precedente famvir mi sono rimaste compresse per un paio di giorni di terapia, posso in caso continuare con il generico o i due farmaci non vanno mischiati? Tra l’altro ho appena notato di avere una sorta di brufolo leggermente dolente nell’inguine, come posso distinguerlo da un normale brufolo così da capire se iniziare subito la terapia?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non credo che sia herpes, ma sottoponendolo al medico potrà averne conferma.

  16. Beatrice

    Salve dottore, volevo chiederle un consiglio dato che sono in vacanza e non posso andare dal ginecologo. Mi sono apparse delle puntine rosse alcune piccole altre più grandi nelle grandi e piccole labbra, vicino al clitoride e all’ingresso della vagina. Proprio quest’ultime mi danno prurito. Quelle nelle piccole labbra ogni tanto sanguinano leggermente e quando faccio pipi sento bruciore. Ora mi chiedo potrebbe essere herpes?? Il problema è che i miei rapporti sessuali sono molto sporadici e sempre con lo stesso partner che però non ha alcun problema. In caso secondo lei cosa potrebbe essere? Vorrei aggiungere che non è la prima volta che succede in quel caso il problema è passato da solo.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Se si tratta di bollicine sì, potrebbe essere herpes, ma in questi casi è spesso indispensabile una visita medica per una diagnosi esatta.

    2. Beatrice

      Grazie mille, comunque no, non sono bollicine, solo puntine rosse per intenderci come le punture di insetto. Comunque tornato dalla vacanza provvederò ad andare dal medico.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Se aumentasse il prurito valuti di sentire già ora la guardia medica.

  17. Sergio

    Gentile dottore, scrivo qui pur non essendo sicuro che il mio problema sia riconducibile ad herpes. Tra l’altro purtroppo mi trovo all’estero e non rientrero’ prima di 15 giorni, quindi mi e’ impossibile recarmi da un medico, anche per questo chiedo il suo supporto. Da una decina di giorni ho iniziato ad avvertire un lieve e sporadico prurito al testicolo sinistro, poco distante dalla base del pene, ma essendo appunto lieve non gli ho dato peso. Purtroppo invece la situazione tre giorni fa e’ peggiorata: il prurito si e’ fatto improvvisamente piu’ intenso, a tratti quasi insopportabile, e costante per tutto il giorno, spostandosi dal punto originario anche al resto del testicolo, in particolare nella partr esterna adiacenta all’inguine (ed infatti il prurito si estende anche all’inguine) e nella patte sottostante, fino a creare fastidio anche alla zona perineale. Inoltre i punti da cui si propaga maggior prurito si presentano arrossate e al tatto leggermente indurite; una sorta di vesciche, o qualcosa che puo’ ricordarle, si presentano nella zona originaria vicino al pene e in quella sottostante, ma non hanno assolutamente ne’ pus ne’ particolare estensione. Altra caratteristica, nella parte inferiore del testicolo la pelle si presenta un po’ raggrinzita, per intenderci come quando si lascia una parte di pelle a mollo in acqua per molto tempo. A questo punto, come puo’ immaginare, la preoccupazione non e’ poca, oltre all’enorme fastidio di dover sopportare questo prurito. Le chiedo, pur sapendo che online non sono possibili diagnosi, di cosa potrebbe trattarsi, e cosa fare per alleviare l’insopportabile prurito. Inoltre, di qualsiasi cosa possa trattarsi, mi premerebbe sapere se rischio io stesso di trasportare un’eventuale infezione in altri punti, magari durantr il lavaggio toccando prima la partr interessata e poi altre. Premetto che non ho mai avuto manifestazioni di questo tipo ne’ problemi dermatologici in quelle zone (a parte una sudorazione spesso un po’ eccessiva) e che l’ultimo rapporto sessuale, a onor del vero occasionale seppur protetto, risale a un mese prima rispetto all’insorgere dei primi sintomi. La ringrazio anticipatamente per l’aiuto

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Sì, potrebbe essere herpes, ma è quasi come tirare ad indovinare.
      2. Sarebbe davvero importante una visita.
      3. Senza sapere di cosa si tratti è impossibile consigliare cosa applicare, per esempio se fosse herpes il cortisone sarebbe controindicato; al limite impacchi di ghiaccio (avvolto in un panno).

    2. Sergio

      Grazie, in effetti avevo gia’ notato come sciacquare la parte con acqua fredda fosse l’unico motivo di sollievo, provero’ anche con il ghiaccio. Quindi e’ plausibile si tratti di herpes nonostante sia passato un mese prima di accusare i primi sintomi? Con caratteristiche simili e’ possibile possa trattarsi anche di qualcosa non trasmesso sessualmente, oppure non sussiste questa “speranza”? Chiedo scusa per l’insistenza ma come spiegavo ieri il fatto di essere all’estero aumenta purtroppo l’apprensione.. Aggiungo, a completamento, che oggi sono comparse sull’inguine alcune piccole bollicine rosse, prima la zona dava solo prurito senza bollicine.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, anche se normalmente l’incubazione è più breve si può arrivare a tempi di 40 giorni circa.

      Possiamo ancora sperare che non sia una MST, ma con la comparsa delle bollicine non posso che invitarla a rivolgersi ad un medico per una diagnosi.

  18. Katia

    Salve Dottore. Sono in dubbio se a distanza di qualche mese dal primo episodio di herpes si sia ripresentato. Capisco che l’ideale sarebbe farmi vedere dal medico, ma la ginecologa quando mi confermò l’herpes mi consigliò per il futuro ai primissimi segni di pizzicore di prendere l’antivirale. Allo stato attuale ho un po’ di prurito, sensibilizzazione dell’area vaginale ed un brufoletto che non riesco ben a distinguere. Mi chiedevo a questo punto se per caso iniziassi comunque la terapia col famciclovir e non fosse herpes questo può arrecare qualche problema? ed anche l’inverso ovvero se fosse herpes e non la curassi con l’antivirale cosa succede? Tra le altre cose per gli episodi successivi mi consigliava la medesima terapia, ovvero famciclovir 250 tre volte al giorno per cinque giorni, mentre mi pare di aver letto sul bugiardino che per le ricadute va assunto due volte per cinque giorni. Grazie dottote

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Non ci sarebbero rischi particolari.
      2. Se non lo curasse da subito e se fosse herpes rischierebbe di trascinarlo più a lungo ed in modo più severo.
      3. Tre volte al giorno al primo episodio, due volte al giorno per gli episodi successivi.

  19. Katia

    Grazie mille per la sua risposta. Volevo approfittarne per chiederle visto che sto prendendo diversi farmaci in questo periodo se possono avere interazioni l’uno con l’altro. Nello specifico la yasminelle, l’alprazolam, il difmetrè all’occorrenza ed infine a questo punto il famciclovir. Tra le altre cose dovrei fare degli esami del sangue, questi farmaci possono alterarli?

Lascia una risposta

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.