Herpes Simplex Genitale: sintomi, foto, cura, prevenzione

Ultimo Aggiornamento: 1487 giorni

Introduzione

L’herpes genitale è un infezione sessualmente trasmessa; secondo il Centro per il Controllo e la Prevenzione delle malattie, negli Stati Uniti, una persona su cinque viene infettato da herpes genitale. Di solito le donne vengono infettate maggiormente rispetto agli uomini e si stima che una donna su quattro abbia l’herpes.

L’herpes genitale è un virus abbastanza comune che spesso si manifesta in forma molto lieve o non si manifesta affatto; anche nelle infezioni più severe è sufficiente seguire con scrupolo la cura per gestire efficacemente il problema.

  • La probabilità per le donne di avere il virus è doppia rispetto agli uomini.
  • Circa l’80% delle persone infettate dall’herpes genitale non sanno di avere il virus.
  • Non esiste una cura definitva per l’herpes, ma esistono efficaci trattamenti antivirali per contenere l’infezione.
  • Di solito il virus è trasmesso quando non ci sono sintomi visibili.
  • L’uso del preservativo riduce il rischio di trasmettere l’herpes genitale ma non lo elimina completamente.

Foto

Per non urtare la sensibilità di visitatori giovani o non interessati a vedere foto di herpes genitali vengono riportati esclusivamente link testuali.

Cause

L’herpes genitale è causato dal virus herpes simplex, che esiste in 2 forme:

  • tipo 1 che infetta più comunemente la bocca e le labbra, causando piaghe conosciute come febbre o semplicemente herpes.
  • tipo 2 che di solito è la causa dell’herpes genitale, ma può anche infettare la mucosa della bocca.
http://en.wikipedia.org/wiki/File:Cold_sore.jpg

http://en.wikipedia.org/wiki/File:Cold_sore.jpg

A causa delle mutate abitudini sessuali, una maggior diffusione dei rapporti orali sta eliminando questa differenza di casi.

Sintomi

La prima insorgenza dei sintomi è la peggiore, si verifica nel giro di 2 settimane dopo il contagio e può durare diverse settimane.

Ogni manifestazione potrebbe essere preceduta da prurito, formicolio e dolori muscolari.

I sintomi classici di herpes genitale sono bolle e vesciche (simili a quelle che compaiono sulle labbra) che si spaccano lasciando dolorose ulcerazioni che richiedono circa 10 giorni per seccarsi, incrostarsi e guarire. Queste vescicole compaiono vicino all’area di contagio, come l’area genitale o rettale, sulle natiche o sulle cosce. Da un punto di vista diagnostico questa manifestazione è facilmente riconoscibile, ma spesso i sintomi sono più sfumati:

  • minuscole vescichette,
  • piccole screpolature nella cute,
  • desquamazione localizzata della pelle,
  • vago arrossamento,
  • una distinta eruzione cutanea.

A volte c’è qualche area ferita o scorticata, con rossore indolore, pruriginosa o che pizzica. Altri sintomi che possono accompagnare la prima insorgenza (meno spesso in seguito) di herpes genitale sono febbre, mal di testa, dolore ai muscoli, dolore o difficoltà ad urinare, perdite urinarie e ghiandole gonfie nell’area dell’inguine.

Spesso purtroppo la prima o le successive insorgenze non vengono riconosciute, sopratutto quando i sintomi sono leggeri. I sintomi del primo attacco possono durare fino a 20 giorni.

Nel caso di una prima manifestazione leggera, quelle successive saranno quasi impercettibili.

Nella maggior parte delle persone il virus può diventare attivo e causare insorgenze diverse volte all’anno (in media 4 volte l’anno). Il ciclo più tipico è 6-10 ricorrenze nel primo anno, e meno negli anni successivi.

Il virus dell’herpes rimane latente in alcune cellule nervose del corpo per tutta la vita. Quando il virus inizia ad essere attivo, viaggia lungo i nervi della pelle, si moltiplica ed a volte produce nuove piaghe vicino all’area della prima insorgenza. Le ricadute sono generalmente più lievi rispetto alla prima insorgenza. Le ricadute diventano meno frequenti col passar del tempo.

Sintomi delle ricadute possono essere prurito, pizzicore, perdite vaginali, e sensazione di bruciore o dolore nell’area genitale o anale. Possono esserci anche piaghe durante una ricaduta, ma a volte sono piccole e difficilmente individuabili.

A volte il virus, anche se diventa attivo, non causa nessuna piaga visibile o nessun sintomo. In questo periodo piccole quantità di virus possono essere presenti vicino alle zone della prima infezione, in bocca, sul pene, sulla vagina o su piaghe appena visibili. Questa fase è chiamata diffusione asintomatica. Sebbene non si sia consapevoli della diffusione è possibile infettare il partner durante un rapporto sessuale. Lo spargimento asintomatico è un importante fattore nella diffusione dell’herpes.

Fattori scatenanti delle ricorrenze

Pur soggettive, spesso i seguenti fattori sono responsabili di nuove manifestazioni:

  • Luce solare
  • Ciclo mestruale
  • Rapporti vigorosi
  • Stanchezza
  • Stress

Trasmissione

Se si ha l’herpes genitale, si può facilmente trasmettere il virus ad un partner non infetto durante un rapporto sessuale. La maggior parte delle persone contrae l’herpes genitale attraverso rapporti non protetti con partner infetti, sia durante il periodo d’insorgenza sia durante il periodo asintomatico (senza sintomi). Le persone che non sanno di avere un herpes hanno un ruolo importante nella trasmissione perchè sono inconsapevoli del fatto che potrebbero infettare il partner durante un rapporto sessuale.

L’herpes si può trasmettere, oltre che attraverso il rapporto sessuale, anche attraverso il sesso orale o semplicemente per sfregamento delle mucose. Quest’ultima situazione si verifica più raramente perchè il virus beneficia del microambiente ricco di calore e umidità (sudore e liquidi organici) che si viene a creare durante il rapporto vero e proprio.

Il virus viene diffuso molto raramente attraverso gli oggetti come ad esempio la seduta del wc o una vasca da bagno.

Pericoli

Le infezioni da herpes genitale di solito non causano gravi problemi di salute negli adulti sani, ma in alcune persone il cui sistema immunitario non funziona correttamente le insorgenze di herpes genitale possono essere insolitamente gravi e durature.

http://en.wikipedia.org/wiki/File:Herpes2.JPG

Occasionalmente le persone con un normale sistema immunitario possono contrarre l’infezione da herpes all’occhio, chiamata herpes oculare: questa manifestazione è particolarmente pericolosa e potrebbe essere causa di cecità permanente.

Una donna incinta con l’herpes può trasmettere l’infezione al suo bambino. Un bambino nato con l’herpes potrebbe morire o avere gravi problemi al cervello, alla pelle o all’occhio.

L’herpes genitale, come altre malattie genitali che causano piaghe, svolgono un ruolo importante nella diffusione dell’HIV. Una persona infetta da herpes potrebbe essere esposta ad un più alto rischio di contrarre l’HIV. Questo sembra essere dovuto alle piaghe aperte causate dall’infezione da herpes o da altri fattori nel sistema immunitario. Inoltre le persone HIV- positive potrebbero essere più facilmente contagiate dall’herpes.

Diagnosi

Il medico curante può diagnosticare herpes genitali esaminando le piaghe, tuttavia alcuni casi sono più difficili da diagnosticare.

A volte, ma non sempre, il virus può essere individuato attraverso un test di laboratorio in seguito ad un tampone. Una coltura viene fatta quando il medico preleva un campione da una piaga sospettata di herpes.

Il tampone diagnostico potrebbe non raccogliere il virus, perciò un risultato negativo non garantisce con assoluta certezza l’assenza di herpes genitale.

In passato si ricorreva anche ad esami del sangue, ma oggi si dimostrano meno efficaci del tampone.

Cura e terapia

Una diagnosi di herpes genitale può avere notevoli effetti emotivi su paziente e partner, che ci siano o no dei sintomi. Una giusta terapia può aiutare ad imparare ad affrontare la malattia, episodi ricorrenti, rapporti personali, e questioni riguardanti la fertilità.

Sebbene non ci sia una cura per l’herpes genitale, il medico potrebbe prescrivere un antivirale per curare i sintomi e aiutare a prevenire future insorgenze. Questo può diminuire il rischio di trasmettere l’herpes al partner. I farmaci per curare l’herpes genitale sono:

  • Aciclovir (Zovirax)
  • Famciclovir (Famvir)
  • Valaciclovir (Talavir)

Molte persone che soffrono di sintomi gravi d’herpes genitale possono assumere quotidianamente gli antivirali per prevenire ulteriori eruzioni e rendere meno severi i pochi episodi che ricorrono ugualmente. Oltre al bloccare lo sviluppo di sintomi un trattamento quotidiano è in grado di ridurre sensibilmente il rischio di trasmettere ad altri il virus.

L’alternativa è curare l’episodio, tenendo conto che tanto più precoce è l’inizio dell’assunzione di antivirali e tanto minore sarà la gravità della sintomatologia.

In caso di sintomi dolorosi alle volte è possibile trovare sollievo nei seguenti modi:

  • L’aspirina o il paracetamolo (Tachipirina, Efferalgan, …) dovrebbero aiutare ad alleviare il dolore (e febbre se presente),
  • applicare del ghiaccio direttamente sulle vesciche fornisce un sollievo più immediato.
  • Creme che contengono sostanze anestetiche possono essere d’aiuto, ma tendono a rallentare il processo di guarigione delle piaghe.
  • Bagnare l’area infettata con acqua salata può accelerare la guarigione delle piaghe come anche alleviare il dolore. E’ sufficiente un cucchiaino di sale in 600 ml di acqua, o una manciata di sale in una vasca da bagno con poca acqua.
  • Qualcuno trova molto doloroso urinare quando ha delle piaghe. Un modo di rendere il processo meno doloroso è di sedersi in un bagno di acqua fresca per urinare. Bere di meno concentra maggiormente l’urina che pungerà ancor di più.
  • Molte persone con piaghe dolorose trovano sollievo nel far scorrere su di loro dell’acqua calda.
  • L’uso di biancheria intima che sta larga, preferibilmente di cotone invece che di nylon, risulterà più confortevole e permetterà una guarigione più rapida.

Prevenzione

Le persone che hanno l’herpes dovrebbero seguire pochi semplici passi per evitare la diffusione dell’infezione in altre parti del loro corpo o quello di altri.

  • Evitare di toccare la zona infetta durante la manifestazione e lavare sempre le mani dopo il contatto con quella parte.
  • Evitare rapporti sessuali (vaginali, orali, o anali) anche se protetti dal momento dei primi sintomi genitali fino a che i sintomi siano scomparsi completamente.

Gravidanza

L’herpes genitale non diminuisce le possibilità per una coppia di concepire un bambino, ma ci sono dei rischi associati alla gravidanza. Esiste una piccola possibilità che durante il parto il virus dell’herpes simplex possa essere trasmesso al neonato: circa una donna su 5 ha l’herpes genitale, ma solo 8 su 100.000 neonati sono colpiti dal virus. I pochi casi di herpes neonatale che accadono possono però essere mortali.

Per ridurre il rischio di contagio è innanzi tutto importante informare ginecologo ed ostetrica, ancora più importante è non tenere comportamenti a rischio durante la gravidanza se non si è portatrici del virus.

Diversi studi hanno mostrato che durante la gravidanza si può ricorrere al trattamento antivirale per ridurre il rischio di eruzioni, ma in alcuni casi si preferisce optare direttamente per un parto cesareo.

Fonte: NIH.gov e thefacts

Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. Roberto

    Ho avuto dei rapporti orali non protetti la settimana scorsa e questo inizio di settimana mi ritrovo con pruriti al meato urinario con anche delle piccolissime abrasioni/vescichette.
    All’inizio pensavo di avere una prostatite o cistite ed infatti mi sono sono somministrato del Cistalgan ma ieri quando o visto le abrasioni/vescichette ho messo della pomata di Aciclovir pensando ad un herpes.
    Adesso sono un po’ confuso che mi consiglia cortesemente con quale terapia continuare e dai sintomi descritti riesca a diagnosticarmi di cosa si tratta.

    Grazie

    Cistalgan

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Visita dermatologica, serve il prima possibile una diagnosi esatta e certa.

  2. Leo

    Salve , ho avuto rapporti non protetti solo con la mia ragazza ( di cui soffre della malattia “Lupus” che le ha colpito un rene ) stiamo insieme da circa un mese .. Solo ieri le è comparso , vicino alla zona anale , una piccola macchia rossa con puntini bianchi .. Al momento dice che nn le dà alcun fastidio e pensa che potrebbe essere un irritazione .. ma siamo entrambi molto preoccupati ,domani andremo subito da uno specialista ma tranquillizzerebbe sentire il parere di un altro dottore i anticipo.. Si può trattare di herpes genitale ? Se così fosse , ci sarebbe la certezza anche l’ avrei anche io ? Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Se fosse herpes le darebbe sicuramente fastidio, quindi tenderei a escludere questa ipotesi.

    2. anonimo 02

      salve…ho avuto dei rapporti con la mia ragazza una settimana fa …io in passato ho avuto herpes genitale pero da tanto che non avevo una ricaduta e non ho avuto nessun sintoma…solo che dopo ho visto che io avevo un piccolo taglio e si era un po gonfiato.. due giorni dopo a la mia ragazza gli e uscita nella sua parte una macchia rosa con puntini bianchi ..non li da nessun fastidio solo cuando si lava con acqua calda li brucia un po pero non li gratta e non si sono formate nessuna vescica… poi e cosi da 4 giorni e non cambia niente..ho tanta paura perche non era mai successo.. la mia domanda è si c’è il rischio che io la abbia contagiata…?? per la sua risposta grazie…

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Poco probabile dalla descrizione dei sintomi, ma raccomando di verificare con il medico.

    4. anonimo 02

      aggiungo che l’esteso giorno le sono arrivate le sue mestruazioni e che la macchia rosa con i puntini bianchi e sempre lo esteso senza bollicine ne prurito o dolori…questa settimana abbiamo la visita con il dermatologo.. grazie per la sua risposta..

    5. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi tenga al corrente, ma non credo che sia herpes in assenza di altri sintomi.

  3. Anonimo

    Salve, mi si sono comparse 2 piccole bollicine sul Asta del pene simile a 2 brufoli da peli incarnati .. Alcune volte mi succede dopo che mi depilo ma 2 così vicini non ci sono mai stati .. E quando le ho schiacciate nn si sono rotte molto facilmente .. Non mi hanno dato non mi danno ora nessun fastidio e nessun dolore c’è una possibilità che si possa trattare di un inizio di herpes genitale ? anche se non si hanno dolori o fastidi ? La cosa mi preoccupa parecchio .. Spero in una vostra risposta ..

    1. Anonimo

      Questa mia paura è per il primo pezzo scritto in Cima a questa pagina “L’herpes genitale è un virus abbastanza comune che spesso si manifesta in forma molto lieve”.. È possibile che si sia manifestato in forma lieve ? Con solo 2 bolle ?

    2. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, si è possibile, dipende anche da evenutali esposizioni e situazioni a rischio eventualmente vissute; ci sono però altre ipotesi diagnostiche da considerare, è necessaria una visita medica.

    3. Leo/anonimo

      Salve , dopo aver rotto queste 2 piccole bollicine nn ho avuto dolori o pruriti come in precedenza, ma mi è sembrato di vedere dei rossori nel zona nel glande .. Sempre indolori e senza fastidi .. Oggi credo di aver avuto un po di febbre o comunque mi son sentito molto debole .. e la cosa mi convince fortemente a pensare all herpes genitale .. Ho fatto già la vista dal medico e sto aspettando risultati ..quello che mi chiedevo .. C’è una possibilità che non si tratti di herpes genitale ? Mi aiuterebbe molto una vostra opinione ,Sono molto spaventato e non saprei come gestire la cosa :( , ringrazio in anticipo per il tempo dedicatomi .

    4. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, si è possibile che non lo sia, ma la presentazione descritta non ci fa pensare a qualcosa di specifico, non senza visitarla almeno, per cui l’unica è attendere l’esito delle analisi. CI tenga aggiornati, saluti.

    5. leo/anonimo

      salve,

      vorrei ricordare che ho fatto il tampone il giorno dopo che ho rotto le 2 bollicine bianche.. il test delle analisi sono risultate negative la cosa mi rallegra parecchio, il medico mi ha detto di stare tranquillo, ma pur troppo ho ancora paura dal momento che sento dei formicoli lievi nella zona del glande..
      confrontando i sintomi e le apparizioni di piccolissime macchioline rosse che vanno e vengono nella zona del glande, ho visto che coincidono fortemente con la ” Blanopostite ” anche se i sintomi sono molto lievi al momento e se vado ora dal medico e i rossori non sono ben visibile ,conoscedo il mio medico mi dirà di aspettare e tornare quando ci saranno dei sintomi più maracati.. ho visto che la blanopostite potrebbe essere una causa dell herpes simplex oltre che altre MST.. le mie domande ora sono
      1) quante sono le possibilità che si tratti ancora dell hereps genitale ?
      2) dovrei aspettare che i sintomi diventino un po più marcati per fare una diagnosi corretta ?

      Grazie per il vostro tempo !

    6. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, anche la balanopostite ha diverse cause; non si possono esprimere giudizi sulla possibilità/percentuale che sia o non sia herpes; se vuole un altro parere può consultare uno specialista urologo. Saluti.

    7. Leo/anonimo

      Salve, prima di tutto ,grazie per il supporto , apprezzo tantissimo L’aiuto Che sto ricevendo , seguiro il suo consiglio è prenderò un Appuntamento con un urologo trovo sia il modo migliore per verificare il tutto per poi elimare queste mie paranoie .. Una cosa che non riesco a spiegarmi .. E che tutto il giorno che sento il glande e la pelle che lo ricopre , leggerissimamente infiammato e questi puntini o rossori molto simili alla blanopostite si notano sempre meno .. Però come ho già detto vanno e vengono ( tutto ciò sta accadendo da circa un paio di giorni , i primi rossori, rari e spesso di durata presenza molto corta , erano senza sensazione di formicoli ..) Avrebbe per caso un idea di cosa si potrebbe trattare ? Sento sempre dei formicoli costanti ma molto lievi .. Queste informazioni da me date le possono farle credere ad una blanopostite ? È possibile che si manifesti così lentamente questa malattia ? Grazie ancora, saluti

    8. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      L’ipotesi di balanopostite resta plausibile, ma in questi casi senza una valutazione visita è purtroppo impossibile esserne certi.

    9. Leo

      Trova necessaria una altra visita medica ? O potrebbe guarire da sola col tempo ? Grazie

    10. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, senza visitarla non si possono fare ipotesi. Ma se questo problema la infastidisce già da un pò di tempo, è corretto fare una visita e sentire l’opinione di uno specialista. Saluti

  4. Miriiam

    Salve ieri mi e arrivato il ciclo e comparso un gonfiore nelle labbra interne pero nn m.porta bruciore solo dolore e fastidio nn ho idea d cosa. Sia

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente un po’ di infiammazione.
      Usi assorbenti 100% cotone e, se non passasse, senta il medico.

    2. Ade

      Buonasera,io con il mio ragazzo lo abbiamo entrambi.lo ha avuto prima lui e non sapevo cosa era.li uscivano le bolle quasi ogni mese,ed a me circa 8 mesi dopo.a usato una crema ma invece di guarire peggiorava lasciando i cicatrici.la nostra domanda e come possiamo curarlo?

    3. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Buonasera, mi dispiace ma senza valutare con una visita medica non potrei suggerire farmaci o posologie adatte, consiglio una visita per entrambi al fine di valutare la situazione per bene. Saluti.

  5. Nicoletta

    Salve, ho 50 anni e non ho mai sofferto di herpes in vita mia, ne labiale ne vaginale, ma da circa una settimana ho qualche bollicina fastidiosa sulle labbra esterne della vagina (due ravvicinate in particolare) che danno prurito e dolore. Premetto che sono leggermente incontinente e quindi faccio uso continuo di assorbenti di cotone. Non sembrano vescicole e non sembrano piene di nulla, anche perché credo che dopo una settimana sarebbero esplose…o no?
    Semplice irritazione cutanea o herpes?
    Altra domanda, se uso una crema antivirale tipo zovirax e non dovesse essere un herpes faccio danni?
    E visto che un tampone non da una risposta certa, devo fidarmi di un’esame visivo di un dermatologo (o infettologo?)
    Grazie per una risposta

    1. Anonimo

      Aggiungo che ho avuto in precedenza una faringite e ho saputo che esistono faringiti causate da herpes… E io che mu dicevo che fumavo troppo…
      Alla fine che visita dovrei fare e che analisi?

    2. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Visita dermatologica (o ginecologica), in genere è più che sufficiente per la diagnosi; in caso di dubbi si possono dosare gli anticorpi specifici.

      Non applichi nulla se non prescritto.

  6. Anonimo

    Salve , mi sono comparse ( ho almeno mai non notate fino ad ora ) 2 piccolissime macchioline bianche sul glande , indolori e non fastidiose al momento , ho già fatto una volta il test sull herpes genitale con il tampone su un altra parte del pene ma so che non è sicuro al 100 % potrebbe trattarsi di herpes genitale ? Sono preoccupato ..

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Improbabile che sia herpes, ma vanno fatte valutare da un dermatologo per capire di cosa si tratti.

  7. Alessandra

    Mi e’ stata da poco diagnosticata un’herpes vaginale e prescritta una cura di un farmaco americano per via orale (vivo in California) che dovrebbe corrispondere ad un Acyclovir.
    La cura e’ durata 10 giorni ma sento che anche se non ho piaghe, ho costanti fastidi nell’aria vaginale da diverso tempo. Ho avuto anche un’infezione batterica per la quale ho fatto una cura di antibiotico. Non so se le due cose sono connesse ma entrambe sono avvenute piu o meno nello stesso periodo. In ogni caso l’odore forte dovuto all’infezione batterica sembra essere andato via ma il bruciore vaginale e dolori muscolare nella pancia sono piuttosto costanti. Consiglia di ricominciare la cura di Acyclovir?E soprattutto questi cicli di 10 giorni ogni quanto consiglia di farli? Grazie mille

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Buongiorno. Il bruciore potrebbe essere un sintomo di herpes che può perdurare anche dopo la scomparsa delle lesioni cutanee.
      Ma è il primo episodio di herpes genitale che ha avuto? o lo ha cronicamente. Perchè se lo ha cronicamente (> 6 episodi anno) si serve fare cura cronica, altrimenti no non serve ripetere la cura senza lesioni cutanee. Se continua il bruciore comunque si rifaccia valutare dal medico. saluti

  8. Anonimo

    Salve , dopo che mi sono comparse 2 piccole bollicine sul asta del pene simile ai dei brufoli con dentro del liquido bianco (indolori e senza prurito) una volta che le ho rotte ho fatto il tampone ed è risultato negativo , nel giro di pochi giorni La piccola ferita che avevo è guarita subito .. So che con il tampone nn si può essere certi del risultato .. La cosa che mi continuo a domandare è .. Che cos altro potrebbe essere stato ? Dato che il mio dottore non mi ha detto che cosa altro potrebbe essere .. Mi è comparso anche da circa un mese un piccolo neo sul glande.. Sarebbe da fare controllare ? Nel caso si .. Sarebbe meglio un dermatologo o un urologo ? Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Probabilmente solo un normale “brufolo”.
      2. Dermatologo.

    2. Anonimo

      Il fatto che dei brufoli in quelle zone ne ho Già avuti parecchi, dovuti al estrazione di peli .. Ma quei 2 “brufoli” erano nuovi .. Mai avuti così vicini, e alla rottura nn si sono rotti come tutti gli altri brufoli con una piccola esplosione ma faceva quasi fatica ad uscire il bianco nonostante sembravano due brufoli molto maturi .. Avrebbe qualche idea di cosa si potesse trattare ? ( nessun prurito o dolore, prima ,durante e dopo la comparsa ) grazie per il suo tempo.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Come detto probabilmente nulla di più di piccole e temporanee infezioni locali, ma ovviamente è solo un’ipotesi.

  9. Anonimo

    Salve , propio oggi ho avuto un rapporto sessuale (come sempre ) protetto ! con una nuova persona , solo che L verso la fine mi sono accorto che il profilattico si era rotto !.. Lei mi ha detto di essere sana al 100% però non la conosco per fidarmi ciecamente .. Mi chiedevo ..ma se avesse avuto L’ herpes genitale nella fase asintomatica .. Dopo quanto posso essere sicuro che nn me L’abbia trasmesso e poter stare tranquillo ?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      A seconda delle fonti ci sono indicazioni differenti, ma in genere 1-2 settimane danno una buona indicazione, fino a 45 giorni per escluderlo al 100%.

  10. Anonimo

    Salve, È possibile avere i sintomi visibili sulla pelle ma senza dolore e senza alcun fastidio ?

    1. Anonimo

      ok, perché ho già scritto in precedenza per il fatto delle 2 piccole bolle bianche simili a 2 brufoli , li avevo rotte e poi sono andato a farmi vedere il giorno dopo, abbiamo fatto il tampone.. ed al test é risultato negativo, nel giro di pochi giorni non si vedeva già più niente.. è passato circa un mese e oggi ho notato un altro piccolo “brufolo ” più piccolo dell’ ultima volta ,che brufolo proprio non sembrava perché si é rotto stranamente come l’ ultima volta. Ed ora e già quasi non più visibile.. la cosa che mi spaventa è che si é creato nella stessa zona.. Ho appena preso appuntamento col dottore ma sono MOLTO spaventato …

    2. Anonimo

      Perché sapevo che il tampone /striscio non è sicuro al 100% , lei escluderebbe L herpes genitale ?

    3. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve , se il tampone è risultato negativo verosimilmente lo è oppure non è stato fatto in modo corretto. Per sapere se ha avuto herpes genitale potrebbe fare le analisi anticorpali ma anche se fosse non mi sembra un problema particolarmente preoccupante. Saluti.

    4. Anonimo

      Salve , ma se si viene a toccare/ rompere una piccola ferita che potrebbe essere erpetica (asintomatica ) e si fa il test il giorno dopo con il tampone , potrebbe influenzare di molto sul risultato del test ?

  11. anomina

    salve, l’herpes vaginale si può manifestare già dopo tre giorni dal contagio?

  12. Lilli

    Salve ho portato mia figlia di 15 anni al P.S. dove le hanno diagnosticato un herpes vaginale. Circa tre giorni prima mi ha confessato che il ragazzo le ha praticato un rapporto orale. Volevo sapere se potesse essere questa la causa o se fosse lei stessa ad avere l’herpes che poi si è manifestato con un severo sfogo cutaneo molto doloroso proprio quando le sono venute le mestruazioni. la mia domanda è: l’Herpes si può contrarre solo da contatto o lo possiamo avere anche noi internamente? Lei prima non aveva mai sofferto di herpes

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, l’herpes è un virus che rimane latente nell’organismo e si riattiva, provocando l’infiammazione, in vari casi, stress, mestruazioni…per cui l’ipotesi è plausibile, dipende anche dal tipo di virus.

    2. Anonimo

      Salve, ho contratto un herpes genitale. Circa 40 giorni prima ho avuto un rapporto orale. Volevo sapere se posso averlo contratto in quell’occasione e se si poteva essere manifestato a così lunga distanza. Si è manifestato durante le mestruazioni.
      Grazie

    3. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, difficile il rapporto orale sia la causa, sono due virus differenti (labiale e genitale).

    4. Anonimo

      Salve! ho letto nella risposta precedente che è difficile contrarre un herpes genitale con un rapporto orale perchè sono due herpes differenti. Io non ho ancora avuto rapporti completi con il mio ragazzo, ma lui con me ha avuto rapporti orali ed io ho avuto un episodio di herpes genitale. Mi può aiutare a capire come posso averlo preso? Non abbiamo neanche avuto contatti tra gli organi sessuali.
      Grazie mille

    5. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Difficile, ma non impossibile; negli ultimi anni si è infatti assistito a un progressivo aumento dei casi di HSV-1 (labiale) che si manifesta a livello genitale, a causa di un cambiamento nelle abitudini sessuali della popolazione (ossia un aumento dei rapporti oro-genitali). Come ha detto la Dr.ssa Fabiani è comunque poco probabile, nel suo caso oltretutto il periodo di incubazione rende questa ipotesi ancora meno plausibile.

      In passato non ne aveva mai sofferto?

      Ulteriore possibilità è un contagio attraverso fomiti (bagno pubblico, palestra, indumenti usati, …), anche se sono vie di contagio rare.

  13. Tony

    Buona sera.
    6 giorni fa ho avuto un rapporto con una ragazza che non conoscevo e durante l’atto sessuale si è rotto il condom che ho subito sostituito con uno nuovo essendomene accorto quasi subito. Il giorno dopo ho iniziato a sentire sul lato del glande come la sensazione di un taglietto ma non gli ho dato nessuna importanza e non ho controllato. passati due giorni invece sentendo ancora la stessa sensazione ho controllato e ho notato una lesione piccola rossastra. Non mi dava nessun fastidio particolare se non quando magari la zona era si strofinava contro la biancheria e se toccato. Durante la notte non sono stato molto bene con sintomi tipici dell’influenza sudorazione etc.
    Ho cosi visto il giorno dopo il mio medico di famiglia che mi prescritto un visita con un dermatologo. Alla visita il dermatologo dopo aver ispezionato l’area ha riferito che poteva trattarsi di herpes genitale e mi ha dato una serie di esami del sangue da fare per confermare la cosa. In più mi ha prescritto la crema Vectavir. Ho però letto che è per l’herpes labiale e che non è raccomandato l’applicazione sui genitali.
    Qual’è il vostro parare in merito? Lo posso comunque usare in tranquillità?
    Il dermatologo dice che va bene comunque.

    Inoltre la comparsa di fastidi già a partire dal giorno seguente il rapporto sessuale è normale in caso di herpes ?

    Grazie

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, la diagnosi sembra plausibile, confermo che la crema può essere applicata.

    2. Anonimo

      Salve , alcuni giorni fà ho notato due piccole bollicine con della punta bianca, molto vicine sul asta del pene circa a metà , mi era nuova la cosa ma siccome non ho avuto fastidi nn sono andato da un medico , dopo alcuni giorni era già passato tutto .. Ora però mi sorge il dubbio se si possa trattare di herpes genitale siccome ho letto che si può manifestare anche in maniera molto lieve, la cosa le fà pensare che si possa trattare di herpes genitale? Nel caso io abbia avuto questo sintomo molto lieve quando mi potrebbe ricapitare (circa) una recidiva ? In modo da poter fare un analisi coretta e togliermi questo pensiero ?

    3. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, potrebbe essere stato herpes ma avrebbe probabilmente avuto un seguito; se dovesse ripresentarsi si faccia visitare direttamente.

    4. Anonimo

      La ringrazio per la risposta, lo farò certamente anche perché rimanere nel dubbio mi tormenta davvero tanto , credo di avere avuto un po di balanopostite , anche quella molto lieve .. saprebbe gentilmente dirmi quando è possibile avere una recidiva di herpes genitale nel mio caso ? Sopratutto come e quando potermi togliermi questo dubbio ? Se non sbaglio il test più sicuro è quello del tampone.. Ma appunto so che si dovrebbe avere qualche segno sulla pelle..

    5. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Ci sono stati rapporti non protetti recentemente?
      Ritengo poco probabile l’ipotesi di herpes, ma in ogni caso è impossibile prevedere i tempi della recidiva.

  14. Anonimo

    Si molto frequenti , con la mia compagna , quello che mi ha fatto principalmente pensare ad un herpes genitale è che lei ha avuto per prima delle piccole macchie o bollicine distanziate di qualche millimetro vicino la zona anale, con del prurito ma niente che le ha da troppe preoccupazioni con un utilizzo di una crema è passato nel giro di pochi giorni .. Gli è poi stata poi diagnosticata , “sindrome nefrotica” quindi pensavamo possa essere stato un rush dovuto a ciò..

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Considero sempre più improbabile che si tratti di herpes, ma dovesse succedere nuovamente si rivolga con tempestività al medico per una diagnosi certa.

    2. Anonimo

      Salve , oltre al test dello striscio/tampone, esiste un modo per fare delle analisi in modo da poter essere certi di capire se si abbia il virus oppure no ?

    3. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, potrebbe essere utile dosare la presenza di anticorpi anti herpes 1 – 2 nel sangue, ma la cosa migliore è sempre far vedere le lesioni al medico per cercare di valutare al meglio il disturbo. saluti

  15. Rox

    Salve, sono un ragazzo di 35 anni e soffro di herpes genitale. Volevo chiedere cortesemente un consiglio su qual’e’ la migliore crema da applicare tra le varie con suffisso “vir” contando che spesso, su queste creme, leggo sul bugiardino che sono indicate per herpes labiale e non genitale. Grazie 1000, cordiali saluti.

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, qualsiasi crema a base di aciclovir al 5% va bene. Spesso l’indicazione scritta è solo per herpes labiale ma va bene ugualmente. Inoltre spesso si ricorre a terapia orale in casi recidivanti. saluti

Lascia una risposta

IMPORTANTE: In nessun caso la figura del farmacista può sostituire quella del medico, unico professionista con le competenze e la possibilità legale di formulare diagnosi e prescrivere farmaci. Le considerazioni espresse hanno quindi come unica finalità quella di agevolare in ogni modo il rapporto medico-paziente, mai ed in nessun caso devono prenderne il posto.

Gli interventi inviati potrebbero richiedere fino a 15 minuti per essere visibili sul sito.

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.