Helicobacter Pylori: sintomi, terapia e diagnosi

Ultimo Aggiornamento: 1478 giorni

Link sponsorizzati

Il batterio Helicobacter Pylori (si legge elicobacter pilori) di solito non è causa di problemi nell’infanzia ma, se trascurata, un’eventuale infezione si rende responsabile di malattie digestive come la gastrite (l’irritazione e infiammazione del rivestimento interno dello stomaco), l’ulcera peptica (caratterizzata da piaghe che si formano nello stomaco e nella parte iniziale dell’intestino tenue, chiamata duodeno) fino al cancro allo stomaco in tarda età.

Questi batteri si possono trovare ovunque nel mondo, ma soprattutto nei paesi in via di sviluppo, dove fino al 10% dei bambini e all’80% degli adulti possono rivelare un’infezione da Helicobacter Pylori tramite prove di laboratorio, spesso senza avere sintomi.

Helycobacter, i sintomi

Tutti potrebbero avere un’infezione da Helicobacter Pylori senza saperlo, poiché la maggior parte  sono silenti e del tutto asintomatiche. Quando presenti, i sintomi principali sono gastrite o ulcera peptica.

I sintomi di gastrite comprendono:

  • nausea,
  • vomito,
  • dolore all’addome,
  • raramente anche febbre.

L’Helicobacter Pylori può anche causare ulcere peptiche (comunemente conosciute come ulcere gastriche o duodenali a seconda della localizzazione): nei bambini più grandi e negli adulti il sintomo più comune di ulcera peptica è dolore e bruciore allo stomaco, di solito nell’area sotto le costole e sopra l’ombelico. Questo dolore spesso peggiora a stomaco vuoto e migliora non appena si mangia qualcosa, si beve latte, o si assumono degli antiacidi.

Le ulcere peptiche possono arrivare a sanguinare causando ematemesi (vomito di sangue) o melena (feci nere con sangue o che sembrano pece).

Trasmissione

Si sospetta che l’infezione da Helicobacter Pylori possa essere contagiosa, poiché sembra trasmettersi in famiglia ed è più comune dove le persone vivono in ambienti affollati e non igienici.

Sebbene la ricerca suggerisca che l’infezione venga trasmessa da persona a persona, non si conosce ancora precisamente il modo in cui viene trasmessa.

Diagnosi

I medici possono fare una diagnosi dell’infezione da Helicobacter Pylori usando svariati tipi di esami, alcuni invasivi ed altri meno:

  • Esaminare direttamente il rivestimento interno dello stomaco. Questo tipo di esame viene eseguito sotto l’azione di un sedativo e comporta l’introduzione di un endoscopio, un piccolo tubo flessibile con una minuscola telecamera all’estremità, in fondo alla gola fin nello stomaco e nel duodeno. Il dottore potrebbe poi prelevare un campione del rivestimento interno per essere esaminato in laboratorio al fine di verificare la presenza di microscopici segni di infezione e dell’Helicobacter Pylori. Questo rimane l’esame d’elezione per la ricerca del batterio.
  • Fare un esame del sangue, che può rivelare la presenza di anticorpi dell’Helicobacter Pylori. Gli esami del sangue sono comuni, sebbene non siano tipicamente cosi accurati per i bambini cosi come lo sono per gli adulti.
  • Fare delle prove del palloncino che potrebbero rivelare del carbonio distrutto dall’Helicobacter Pylori, dopo che il paziente ha bevuto una specifica soluzione. Le prove del palloncino sono usate prevalentemente per gli adulti.
  • Un’alternativa consiste nella ricerca dell’antigene nelle feci: in questo caso il paziente deve semplicemente consegnare al laboratorio analisi un campione delle proprie feci sul quale verrà condotto il test specifico. Lo svantaggio di questo metodo è che non consente di distinguere tra infezione in corso ed infezione passata.

Terapia

La terapia d’elezione per l’Helicobacter Pylori prevede l’uso di antibiotici: è stato dimostrato che un singolo antibiotico non può eliminare interamente l’infezione, quindi si abbinano di norma 2 diversi antibiotici (amoxicillina e claritromicina per esempio) associati ad un protettore dello stomaco (spesso omeprazolo).

E’ di fondamentale importanza seguire scrupolosamente la cura, nel modo e nel tempo, per la buona riuscita della cura.

Un modo per aiutare ad alleviare il dolore addominale è seguire una dieta regolare. Questo significa programmare i pasti in modo che lo stomaco non rimanga vuoto troppo a lungo. Fare cinque o sei pasti più piccoli ogni giorno potrebbe migliorare la sintomatologia.

E’ anche importante evitare di assumere aspirina, ibuprofene (per esempio Moment®) od farmaci antinfiammatori, perché questi possono irritare lo stomaco o causarne emorragia.

Prevenzione

In questo momento non esiste ancora vaccino contro l’Helicobacter Pylori e, poiché la modalità di trasmissione non è chiaramente conosciuta, le linee direttive di prevenzione non sono disponibili.

Fonte: Kidshealth.org


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. Anonimo

    Buona sera ho fatto il palloncino e risultato negativo e ho fatto le feci e positivo a chi devo credere

  2. Rosa

    Risposta esame istopatologica : gastrite cronica. Mucosa gastrica di tipo:antro. Infiltr. Infiammatorio mononucleato: lieve. Infiltr.granolocitario neutrofilo: lieve. Helicobacter Pylori: rari. ( colorazione giemsa+). Atrofia:assente. Metaplasia intestinale :presente microfocolaio di tipo. Incompleto. Sono stata operata all’intestino 5 anni fa non ho avuto bisogno di alcuna terapia .ora con i controlli che devo effettuare ho avuto questi esiti.sono confusa. Cosa è helicobacter Pylori non so dove posso averlo contratto perchè sono maniaca dell’igene e vorrei sapere se potrei averlo trasmesso ai miei familiari che accertamenti dovremmo fare. Come posso combatterlo. Attendo risposta e la ringrazio

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Trova tutto descritto nell’articolo, rimango a disposizione per dubbi più specifici.

  3. Rosa

    Dopo aver contattato lei e riletto l’articolo sono stata da un medico e gastrointerologo ,non mi ha prescritto alcuna cura ,dicendomi che questo germe è molto comune. Secondo lei in riferimento all’esito dell’esame che le ho inviato oggi non dandomi alcuna cura posso stare tranquilla ?Perchè ho letto che con il tempo potrebbe sfociare in tumore. Grazie per la sua disponibilità.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Avendolo sottoposto ad uno specialista può stare tranquilla.

  4. salvatore

    ho fatto la endogastroscopia mi hanno trovato un’ulcera duodenale di circa 10 cm fra 1 mese ripetero’ l’esame. il medico mi ha dato lansoprazolo eg 15mg 2 volte al giorno a stomaco vuoto. bastera’ come cura? grazie x la risposta.

    1. salvatore

      innanzitutto grazie x la risposta.mi consiglia lei una dieta appropriata? grazie

  5. brigida

    I sui consigli sono perfettamente alla situazione che attualmente e in atto ,leggero altre notizie auguri e buone ferie

  6. Giordano

    Parlo per esperienza: il batterio H.P. si è diversificato nel tempo; esistono attualmente 24 ceppi diversi. I sintomi possono essere lievemente diversi da persona a persona e dipende dal grado di infettività in atto. Può accadere che dopo alcuni tentativi di eradicazione, il batterio rimanga ancora presente e latente, pronto a manifestarsi non appena le difese immunitarie vengono compromesse.
    Il test delle immunoglobuline ovvero anticorpi nel sangue (principalmente IgA-IgG-IgM) segnalano il funzionamento del sistema immunitario di fronte all’infezione.
    Sintomi comuni: dolori con tensione addominale; bruciore di stomaco; comparsa di brufoli; erpes; glossite-stomatite; difficoltà digestive; febbricola 37°; ecc….
    giordy47@alice.it

  7. Lucia

    mi sento gonfia dopo mangiato sempre e specialmento al mattino alito cattivo e fatico a digerire

  8. eli

    buona sera le scrivo per farle sapere che dopo tre terapie per hp. ho fatto l urea test ed e uscito negativo ho ancora male allo stomaco potrei prendere i fermenti. oppure omoprazol dopo le terapie consegutive la gastro spero di aver risolto il problema la ringrazio per avermi ascoltato tutte le volte che le ho scritto grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sono felice di sapere che ha risolto! Purtroppo non posso prescrivere od avvallare farmaci, ma se contatta telefonicamente il medico le suggerirà cosa fare.

  9. eli

    buona sera sono ancata dal medico mi ha prescritto omoprazen piu peridon per un mese. speriamo bene.

  10. federico

    sono la mamma di federico 19 anni non riusciamo a venire a capo di che cosa possa avere no celiachia portato da gastroenterologo responso nn ha nulla , sintomi sensazione di gonfiore diarrea subito dopo aver consumato i pasti borbottii pancia a volte eruttazioni, la cosa preoccupante per me la perdita di peso a fasi alterne ma di 7/ 9 kg nel giro di pochi mesi , abbiamo fatto anche esami alla tiroide con ecografia perche aveva un solo valore ft4 leggermente elevato, addirittura il periodon prima degli esami di maturità siccome oltre a questi sintomi aveva avuto tachicardie abbiamo fatto esami vari dal cardiologo nulla di fatto sembrava ansia, più che dolori a bisogno di andare spesso al bagno e rumori in pancia abbiamo fato anche esami varie delle feci ,questo helicobacter può causare anche la perdita di peso? grazie e mi perdoni se mi sono dilungata troppo.
    una mamma preoccupata

    1. Anonimo

      sinceramente no ..perche l’esito della celiachia era negativo lei mi consiglia di provare ad eliminare il glutine , anche perchè in effetti ho una cugina carnale che da poco ha scoperto di avere la celiachia , grazie per la coertese attenzione dottore, saprebbe consigliarmi , dove rivolgermi io abito a 50 km dalla capitale grazie di nuovo

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Purtroppo non conosco i centri di riferimento della sua zona, mi dispiace.

  11. alexander

    Buongiorno mi risveglio tutte le notti verso le5 con forti dolori alla schiena e allo stomaco … potrebbe essere l helicobacter …é possible che mi dia dolori anche alla schiena?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, è possibile, ma altrettanto possibile è una più semplice gastrite. Va comunque segnalata al medico.

  12. nadia

    salve dottore. Ho una helicobacter pylori (3+). Cpsa vuoldire e come sara la cura?? E grazie!

  13. nadia

    grazie mille pensavo che che ci sarebbe stato un ricovero per la cura. Anche xke ho appena preso l’esame e vedendo grave attivita e mi ero spaventata. Grazie ancora

  14. riccardo

    salve! da molti anni ho scoperto di essere positivo al hp, a distanza di2,3, anni per 4 volte ho fatto le terapie antibiotiche anche diversi per variare, ma dopo tutto e sempre li, anche se dal punto di vista di disturbi negli ultimi anni non ne’ho’. cosa ne pensa? grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Purtroppo fa parte di quel 30-40% della popolazione in cui non si riesce ad eradicare; se non le dà disturbi non è un problema conviverci.

  15. luca

    Salve io ho la gastrite cronica e helicobacter pylori ..sn stata dal medico e mi ha fatto prendere dei antibiotici ..pero dopo aver preso amoxacillina e cloritromicina ho avuto un dolore pazzesco allo stomaco e un sapore molto amaro nella bocca . Cosa devo fare ? E normale che succeda cosi ?? O devo cambiare i antibiotici ? Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sta assumendo anche la protezione per lo stomaco?
      I fermenti?

  16. luca

    Il pantopan (pantoprazolo) ! Cosa devo fare li prendo ancora i antibiotici ? Il dottore curante nn mi risponde al telefono e non so cosa fare !

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Per ora continui con gli antibiotici, ma nel frattempo insista nella ricerca del medico.

  17. luca

    Grazie !! Li ho presi ancora poci fa e nn sento piu mal di stomaco ma solo amaro in bocca. Mi ha chiamato anche il dottore e domani vado da lui per prescrizione dei altri antibiotici. Grazie mille !

  18. lina

    Ho una bimba di 8anni che gli fa male lo stomaco da 3mesi e stata ricoverata x 20 giorni x accertamenti e gli hanno trovato hp, ho fatto la triplice terapia ma il mal di stomaco e ancora presente e così, le ho fatto fare il breach test e de negativo però a ancora mal di stomaco… Che posso fare???

    1. lina

      No la castroscopia non hanno ritenuto opportuno fargliela, gli hanno fatto l’esame delle feci e, è risultato positivo al hp.adesso non so più cosa fare mi può aiutare grazie mille

  19. lina

    A mi scusi e attendibile il breach test? Ho gli devo ripetere l’esame delle feci?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente il breath test è più attendibile; in ogni caso è seguito da uno specialista? Da un ospedale pediatrico specializzato?

  20. lina

    E stato effettuato in ospedale. E allora xche gli fa male ancora lo stomaco? Mia figlia non ha mai sofferto con lo stomaco. Che posso fare?

    1. lina

      Niente mi hanno detto che non c’è l’ha più,e che quindi adesso sarebbe gastrite….. Ma io non penso proprio io penso che lei Cia ancora l’hp e non so come fare x dimostrarlo, io penso che gli ripeterò l’esame delle feci. La ringrazio x le risposte

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Se ha piacere lo ripeta, ma se come penso verrà nuovamente negativo si faccia guidare dal pediatra dell’ospedale per la cura della gastrite.

  21. jess

    Buona sera, volevo chiederle un consiglio : ho 62 anni soffro di diverticolite e ho il morbo di Cron. Sei anni fa mi trovarono nelle feci helicobacter,che curai con doppio antibiotico. Da allora, ogni tanto rifaccio l’esame e l’ultimo esame eseguito ha dato esito positivo. Ho chiamato il mio gastroenterologo ,che mi dice di fare una gastroscopia. Mi chiedo se sia necessaria ,si tratta sempre di un esame invasivo. Non posso curarlo con antibiotico ?grazie per l’attenzione

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma non mi sento di esprimere giudizi non sapendo il ragionamento alla base della scelta dello specialista.

  22. fiorella

    Volevo portare a conoscere ultima scoperta di un ricercatore di bologna riguardo a come si trasmette il contagio credevo che una scoperta del genere fosse divulgata a livello nazionale e non solo.sembra che la mamma affetta da hp contagi il bambino mente assaggia il cibo e lo da al bambino.comunque il ricercatore si raccomanda che la cura con due tipi di antibiotici più protettore della mucosa e fermenti duri non meno di xieci giorni altrimenti non viene debellato. Spero tanto che possa essere stata di aiuto.

    1. fiorella

      Questa notizia è stata confermata quasi un mese fa a radio 24 in un intervista al ricercatore di cui non ricordo il nome

Lascia un Commento

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.