Fibromialgia: sintomi, terapia e centri di cura

Ultimo Aggiornamento: 1030 giorni

Link sponsorizzati

Introduzione

La fibromialgia è una sindrome muscolo-scheletrica causa di dolore ed affaticamento. Solo negli ultimi 10-15 anni si è potuto approfondire la conoscenza di questa malattia che in Italia colpisce circa 1.5-2 milioni di persone, sopratutto di sesso femminile.

Ad essere colpiti sono sopratutto muscoli e tendini e, nonostante assomigli ad una patologia articolare, non si tratta di artrite e nemmeno causa deformità delle articolazioni.

Ricevo e pubblico volentieri da una lettrice colpita dalla fibromialgia:


Vorrei aiutare con alcuni fatti sulla fibromialgia.

Sono in Sud Africa e ne soffro da più di dieci anni. Non soffriamo di depressione, bensì di una frustrazione che ci porta alla tristezza, perchè la mente è molto attiva e il corpo non risponde e ci tradisce con dolori estremi e sintomi che i dottori non capiscono. L’esercizio aiuta solo all’inizio di questa patologia, ma poi contribuisce ancora di più a far star male.

Parlo da persona molto attiva, facevo yoga, mi piaceva ballare ed anzi lavoravo sul palcoscenico come cantante. Ora mi è difficile camminare in casa da una stanza all’altra.

Ho cercato di continuare con gli esercizi sino a che ho potuto, ma poi è subentrata la post-exertional fatigue, che menzionano in molti siti (nel mondo) per cui un minimo sforzo fisico provoca giorni di dolori e ricadute.

Vorrei poter aiutare, confermando i sintomi della fibromialgia e raccontando la mia storia personale, …

Ho avuto analisi praticamente di tutto e dovrei essere la persona più sana del mondo, anche come dieta. Eppure mi posso a malapena muovere. Riesco a guidare forse una volta ogni due settimane per andare al supermercato e poi sono completamente esausta. Questa malattia è avanzata gradualmente e vedo che peggiora con il tempo. Essendo da sola e senza aiuto mi preoccupo per il futuro naturalmente.

Non si guarisce da questo. Ho avuto sintomi di fibromialgia per un paio d’anni quando ero più giovane, poi è sparita per ritornare più grave dopo i quaranta.
[…]

Solo provando questo livello di dolore e di infermità si può davvero capire quello che soffriamo noi pazienti tutti i giorni. Gli antidolorifici e simili non aiutano e farmaci come Lyrica danno effetti collaterali (almeno a me) insopportabili.

Viviana C.


Diagnosi

La diagnosi prevede la presenza di dolore diffuso e particolarmente rilevante in punti specifici sollecitati dal reumatologo (tender points) simmetrici su entrambi i lati del corpo:

http://it.wikipedia.org/wiki/File:Puntos-sensibles-fibromialg.jpg

http://it.wikipedia.org/wiki/File:Puntos-sensibles-fibromialg.jpgEssi sono simmetrici su entrambi i lati del corpo:

  • alla base del cranio,
  • alla base del collo,
  • in cima alla spalla,
  • fra la clavicola e la spina dorsale,
  • sulla cassa toracica,
  • sul bordo esterno dell’avambraccio,
  • nella parte superiore dell’anca,
  • nella parte alta dei glutei,
  • sul ginocchio.

In caso di presenza di 11 su 18 punti sensibili si parla con ragionevole sicurezza di fibromialgia, anche se in realtà essendo la dolorabilità variabile da un giorno all’altro, talvolta si arriva alla diagnosi anche in assenza di 11 punti verificati.

Non esistono esami di laboratori specifici, ma vengono di norma richiesti per escludere altri tipi di patologie in grado di provocare disturbi simili (ad esempio l’ipotiroidismo).

Lo specialista d’elezione cui fare riferimento per la diagnosi di fibromialgia è il reumatologo.

In ultima analisi per diagnosticare la malattia si ricorre ad una semplice considerazione: le articolazioni fanno male, ma non si trova infiammazione come nel caso dell’artrite.

Cause

La causa è tuttora sconosciuta, al momento si ipotizza che sia legata a:

  • alterazioni a livello dei neurotrasmettitori,
  • disequilibri ormonali,
  • alterazioni del sonno,
  • stress.

Una delle ultime teorie ipotizza che una ridotta percezione del dolore sia causa di una maggiore sensibilità muscolare a ripetuti microtraumi; a questo punto malattie, traumi fisici, stress (per lavoro, lutti, famigliare, …), affaticamento, umidità e freddo, sindrome premestruale sono tutti fattori in grado di peggiorare il quadro clinico.

Sintomi

Il principale sintomo è il dolore, che si può concentrare in collo, spalle e braccia o coinvolgere tutto il corpo. La gravità del male può variare in base allo stress, clima, sonno e durante la giornata.

http://en.wikipedia.org/wiki/File:Symptoms_of_fibromyalgia.png

http://en.wikipedia.org/wiki/File:Symptoms_of_fibromyalgia.png

Fino al 90% dei malati di fibromialgia accusa affaticabilità, stanchezza e difficoltà nel dormire: difficoltà a prendere sonno, frequenti risvegli e sensazione di non aver riposato sono sintomi molto comuni, ricordiamo poi:

  • cefalea ed emicrania,
  • formicolii alle mani,
  • sensazioni dolorifiche simili a punture di spillo,
  • colon irritabile,
  • ansia,
  • depressione,
  • attacchi di panico
  • difficoltà di concentrazione,
  • scarsa attenzione,
  • diminuzione della forza muscolare in mani e braccia,
  • astenia,
  • rigidità e impaccio nel movimento al risveglio,
  • crampi notturni,
  • contrazioni muscolari incontrollate,
  • difficoltà di equilibrio,
  • confusione,
  • stordimento,
  • secchezza degli occhi, della bocca, della pelle,
  • visione sfocata,
  • temperatura alterata oppure alterata percezione di caldo e freddo,
  • intolleranza al freddo oppure al caldo-umido, o a tutti e due,
  • ipersensibilità della pelle, della vista, dell’olfatto, dell’udito,
  • intolleranza ai segnali luminosi come monitor del pc, televisione, forti luci, …
  • persistenza del dolore anche dopo il trattamento con antinfiammatori,
  • percezione di un dolore “diverso”,
  • metereopatia.

Questi sintomi sono tutti i possibili, ma non si riscontrano mai tutti quanti nello stesso paziente.

Pericoli

L’unica conseguenza a medio-lungo termine ipotizzata in seguito a fibromialgia è l’insorgenza della sindrome del colon irritabile.

Cura e terapia

Alla terapia farmacologica è indispensabile associare attività fisica ed una completa informazione ed educazione del paziente, per esempio all’igiene del sonno, in grado di migliorare od eliminare i fattori scatenanti e/o in grado di peggiorare la sintomatologia.

Per quanto riguarda i farmaci sono utilizzati paracetamolo (Tachipirina, Efferalgan, Acetamol), antinfiammatori, antidolorifici (ad esempio il tramadolo, nome commerciale Contramal).

Per migliorare la qualità del sonno si prescrivono spesso antidepressivi e miorilassanti (Flexiban, Lyseen, Muscoril).

Gabapentin (Neurontin) e pregabalin (Lyrica) danno risultati apprezzabili solo in una parte di pazienti.

Come detto non si può prescindere poi da una moderata ma periodica attività fisica: nonostante la riluttanza ad intraprendere del movimento fisico a causa del dolore, quest’ultimo migliora rapidamente donando sollievo al paziente. Negli ultimi anni, fra le attività consigliate, si è inserito per la sua efficacia anche lo Yoga.

Alcuni medici provano inizialmente un approccio naturale che prevede innanzi tutto riposo (però senza immobilizzazione, causa di peggioramento della sintomatologia); in seguito stretching ed un’attività fisica da aumentare gradatamente. E’ possibile poi ricorrere a massaggi rilassanti per migliorare la qualità del sonno.

Vengono talvolta prescritti integratori vitaminico-minerali, senza una reale prova di efficacia e con risultati contrastanti.

Centri di cura

Alcuni dei centri di cura per la fibromialgia in Italia sono reperibili al seguente collegamento: Centri Cura Fibromialgia, mentre segnalo in particolare che all’Istituto Gaetano Pini c’è dal 2005 un centro di riferimento regionale e nazionale per la fibromialgia, che per la ricerca si affida a un board di specialisti di tre Università: Milano, Bruxelles e Tel Aviv (Fonte: Fondazione Veronesi).


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. Anonimo

    Buongiorno.
    Ho la fibromialgia reumatica credo da diverso tempo, ma diagnosticata solo da qualche anno. Sono stata da più di un reumatologo e mi sono stati prescritti diversi farmaci, tra cui costantemente lyrica (che non voglio ancora prendere anche per altri problemi che mi impediscono di prendere questo tipo di farmaci), ma anche antidolorifici forti quali kolibrì e palexia, che però a mio avviso allevierebbero il problema al momento senza risolverlo. Il tutto anche per aiutarmi a dormire. Prendo comunque lo xanax a questo scopo e altri integratori che non mi hanno aiutato molto tranne – e qui arriva finalmente la mia domanda – il Nicetile, che mi sembra per il momento avere un buon effetto almeno su parestesie e formicolii che sono tra le frequenti cause dei miei risvegli notturni. Forse dovute anche ad altri problemi oggettivi relativi alla colonna.
    Il problema è il costo proibitivo del Nicetile. Mi chiedevo se le capsule di L-acetilcarnitina che si possono prendere in farmacia con la sostanza potrebbero essere equivalenti. Il mio dubbio è semplicemente relativo al fatto che le compresse di Nicetile sono gastroresistenti, mentre le capsule non lo sono. Mi chiedo se l’assorbimento in questo caso si modificherebbe – immagino che le capsule vengano assorbite in un tratto precedente (?) – e se andrebbe a influire sul beneficio.
    Inoltre mi chiedevo se a suo parere è possibile assumere la L-acetilcarnitina per lunghi periodi o se vi sono controindicazioni in tal senso. Purtroppo il prossimo controllo reumatologico è fissato tra diversi mesi.
    La ringrazio per l’attenzione e per la sua cortesia.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      In realtà di Nicetile esistono anche le bustine, quindi non è un grosso problema il passaggio nello stomaco.
      Non vedo problemi a procedere anche per lunghi periodi, soprattutto in casi come il suo quando i benefici sono tangibili.

  2. Mery

    Ho 47Anni sono sempre stanca e piena di dolori articolari, cervicalgia ,acufeni perché ho l’otosclerosi, e altro mi sapete indicare un reumatologo bravo perché vedo che sono sempre più limitata nelle attività, grazie

  3. antonio

    salve dottore
    non so se scrivo nella sezione corretta,nel caso mi scusi…volevo sapere se e vero che andare a letto molto tardi alla sera e svegliarsi al mattino altrettanto tardi puo portare a uno sconvolgimento nel ritmo dormi veglia del corpo… come per esempio un dolore frequente alle gambe?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, qualche problemino lo può dare, ma i dolori alle gambe vanno comunque indagate anche per altre possibili cause.

  4. Mirko

    Save dottore ho 29 anni, e da 6 mesi che mi e stata diagnosticata la fibromialgia dal reumatologo, dopo tante ricerche per vederre un po i sintomi,volevo chiederle i sintomi peggiorano con il brutto tempo,quando piove eccetera.??…ad esempio oggi cielo grigio e sto malissimo,mi sento debole e dolori braccia torace e stomaco pancia e mancanza di respiro..

  5. Cinzia p.

    Da maggio presento dolori alle gambe..tt e due..che stanno peggiorando…risonanza esami sangue elettromiografia..reumatologo…per tt sana come un pesce…in più da un po di tempo fastidio alla lingua…ormai la mia vita e limitata…Nn so più dove sbattere la testa….potete aiutarmi???..

  6. Anonimo

    Ho bruciore agli occhi, spalle, piedi , dietro la nuca e vampate di calore . Ho 66 anni seguo una terapia per ipertensione è una pillola di ritiro c per la tiroide.A Cosa devo attribuire questi disturbi? Se può mi dia una indicazione e a chi rivolgermi.

  7. Patrizia

    Per caso ho letto questo articolo sulla fibromialgia e stranamente ho riscontrato tutti i sintomi che ho e che non riesco a curare , girando tt i medici : neurologo,neurochirurgo , ortopedico,reumatologo,urologo,
    gastroenterologo , ma sto sempre peggio ,mi sento un burattino di legno x giunta con problemi gastroenterologici gravi . Ora chiedo : non esiste una diagnosi precisa con esami specifici e dove o da che.medico poter sapere ???. Grazie a voi

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Purtroppo no, non esiste un esame specifico che dia un responso certo.

  8. Ema

    Mi hanno diagnosticato FM , é morto mio fratello quando ero una ragazza e subito dopo ho iniziato i miei dolori alla schiena, poi collo, ginocchia, mani, piedi, occhi, i tendini, adesso ho 55 anni! Posso peggiorare ancora? Quali medicine prendere? Stare al mare fa bene? Grazie ema

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Se si tratta di fibromialgia potrebbe peggiorare, ma non è detto che succeda.
      2. Mi dispiace, ma non posso prescrivere farmaci.
      3. Sì, ma in generale fa bene tutto ciò che l’aiuta a rilassarsi.

  9. lella

    C.ssimo dr.sono 20anni che soffro di fibromialgia affermata curata con lyrica al giorno 175 mg più sindromw gambe stanche curate con mirapexin 0.18 per 2 al dì. Soffro di tiroide, formo noduli e prendo eutirox 75 al dì , tengo sotto controllo la pressione con micardis 4o al dì. Ho una gastrite controllata con pantopan da 40 al dì. Ho avuto un ictus a fine ottobre 2015risolto bene e sono in cura con lercanidipina sandoz 10mg al dì più atorvastatina da 80mg al dì più clopidogrel 75mg al dì. Sono una iperproduttrice d’insulina e qiundi trattata come diabetica con metformina 850mg 3 al dì. Ho un fegato steatosico non dovuto all’alcol trattato con deursil 45o mg 1 al dì. Soffro di diverse allergie e prendo ogni giorno 1 conpressa di aerius 5mg. E in puff al bisogno. Dormi molto poco max 4 ore a notte. Nonostante sia super controllata e curata soffro moltissimo e non so più cosa fare. Sei un essere vivente ma che non vive e delle volte mi chiedo se ne vale la pena di vivere così. La prego se lei ha qualche buon consiglio da darmi, la ringrazio tanto. Tenga presente che faccio passeggiate e se non esco uso tapin roulante, ho frequentato piscina termale con fidioterapista personale con nessun risultato, ricoverata ospedale per terapie personalizzate per un mese con nessun risultato. Non guidi più perché ho poca sensibilità alle gambe e pochissima forza. Mi sembra di essere un vegetale ed ho solo 57 anni. Grazie!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi perdoni la domanda, ma spero davvero di riuscire a farle vedere da un diverso punto di vista la situazione: se fossero suo figlio o suo marito a stare male, riterrebbe che averli accanto a lei sarebbe inutile?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Le garantisco che per chi le sta accanto è la stessa identica cosa; ho voluto farla riflettere su questo aspetto perchè quello che più ha colpito delle sue parole è stato

      “Sei un essere vivente ma che non vive e delle volte mi chiedo se ne vale la pena di vivere così.”

      La risposta è sì, ne vale la pena, perchè per chi le sta accanto lei può essere ugualmente preziosa.

      Purtroppo dal punto di vista pratico non esistono trucchi o segreti che possano aiutarla a stare meglio, ma è davvero indispensabile recuperare la serenità con l’accettazione dell’attuale condizione; diventare consapevoli che purtroppo il Destino ha deciso che dovesse affrontare tutto questo, ma fare il possibile per vivere comunque ogni giorno apprezzando ogni piccolo motivo di felicità.

      Lo so, è molto facile parlare senza viverlo personalmente, ma nei limiti della mia esperienza questo aspetto è davvero fondamentale (senza nulla togliere ai farmaci).

    2. lella

      La ringrazio della sua attenzione e sopratutto delle sue gentili e sottili parole. Io non ho raccontato tutto delle mie malattie ricoveri ed operazioni, ci vorrebbe un tomo e non è il caso. Dico questo per farle capire che il mio carattere,fortunatamente, è solare e cerca sempre il buono in tutto ciò che succede. Se fossi stata una pessimista a quest’ora sarei morta nonso da quanti anni. Continuo ad esserlo, ho scritto a lei per cercare qualcosa di più efficace per il dolore, che a volte è veramente insopportabile. Ringrazio ancora di avermi dedicato del suo gentile tempo. Buon lavoro.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Da questo punto di vista posso suggerirle di sentire eventualmente uno specialista di algologia (in genere si tratta di anestesisti), ma il suo carattere sarà fondamentale ed è una fortuna che sia solare.

    4. lella

      La ringrazio di ❤ per tutto, ma soprattutto per avermi dedicato il suo tempo, che ritengo prezioso. Grazie, ancora.

  10. anonimo

    Dottore buongiorno…all’inizio ho sentito dei dolori alle mani..sensazione di non riuscirli a muovere…poi dolori articolari non eccessivi in tutte le parti del corpo e sembra che per muovermi è un’impresa non svelto come prima più stanchezza…in attesa di una vostra risposta…grazie in anticipo…

  11. kikka

    Buongiorno Dottore …da qualke mese fa mi hanno diagnosticato la fibromialgia spero sia questa. …
    Volevo chiederle e possibile che causi forti dolori spalla scapola seno e costole? Da ieri nn mi do più pace dai forti dolori che mi ritrovo ….e penso sempre al peggio..
    La ringrazio aspetto la sua risposta

  12. sara

    Sono un atleta di mtb in passato ho fatto anke gare da un po di tempo mi fa male la colonna le mani Una coscia dovuto ad un affaticamento muscolare ed ho difficolta’ nel fare le salite da oltre tre mesi che esami Posso fare per escludere o nn grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Il primo passo è sempre la visita medica dal curante, che valuterà se inviarla ad un reumatologo.

  13. Domenico san severo

    salve dott. sono un ragazzo di 29 anni e sono quasi 8 anni che soffro di questi dolori al torace spalla sx braccio sx che sento addormentato ho fatto quasi tutti gli accertamenti esami di sangue tac raggi day hospital elettreocardiogramma ecocardio prova da sforzo holter tutto negativo all’inizio dicevano che erano dolori intercostali ,poi brachialgia mi hanno dato di tutto antinfiammatori senza avere nessun risultato non so piu cosa prendere per questi dolori che si presentano dalla mattina che mi alzo potete aiutarmi? A dimenticavo sono un ragazzo che soffro di ansia -depressiva e propio 2 giorni fa sono andato da un neurologo che a parte la solita terapia quotidiana che prendevo come lo xanax e zoloft mi a aggiunto un farmaco chiamato dobren da 50mg per questi dolori che mi fanno stare male tutti i giorni vorrei una risposta grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      La sindrome ansioso-depressiva potrebbe anche essere la causa del malessere.

    2. Domenico san severo

      dott. mi scuso di nuovo ma e possibile avere tutti i giorni dolori atroci che mi fanno stare male ,ho paura di avere un infarto non vivo piu vorrei tornare come una volta, molti dicono che l’ansia porta l’infarto e vero dottore mi spieghi grazie

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      No, l’ansia non le causerà l’infarto, ma sarebbe comunque da curare se la causa fosse realmente questa; sono fiducioso che Dobren le darà sollievo, ma serve un po’ di pazienza all’inizio.

  14. rossella

    Gentile Dottor Cimurro, sto assistendo al calvario di mia sorella che soffre di fibromialgia e altre problematiche ormai da 5 anni e non le nascondo che sono molto angosciata perché non può lavorare, è sola e senza sostentamento ed io non posso purtroppo mantenerla. Siamo in attesa della visita della commissione per la richiesta almeno dell’invalidità civile ma abbiamo poche speranze di avere un aiuto in quanto non è ancora riconosciuta come malattia invalidante in Lombardia dove viviamo. Comunque la disturbavo per chiederle un suo parere riguardo degli integratori che ho letto aiutano almeno in parte il problema del dolore e sono il Normast e il Nicetile. Lei quale pensa sia il più indicato e utile per questa patologia? Grazie infinite!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      In tutta onestà in genere si procede per tentativi, purtroppo i risultati sono molto soggettivi.

    2. Anonimo

      Grazie Dottore, il Normast l’ha provato e qualche piccolo risultato c’è stato per cui mi sento di suggerirlo a chi ha lo stesso problema tanto più che non dovrebbe avere controindicazioni. Mi incuriosiva sapere se i suoi pazienti o clienti avessero avuto esperienze positive con l’uno o con l’altro prodotto. La ringrazio per la sua disponibilità, buona serata.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Al momento no, li ho sempre visti prescrivere con altre indicazioni.

  15. lucia

    Ciao Kikka. .ho letto il tuo commento. .anch’io in passato mi hanno diagnosticato la fibromialgia. .come vanno i dolori?..anch io ho dolori spalle scapole e colonna…brucianti. .poi volevo chiedere a lei dott cimurro è normale avere nella fibromialgia questi dolori..solo in una parte del corpo..nel mio caso schiena alta..sento come i tendini tirare e bruciare da oltre un mese

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Purtroppo sì, può essere normale, verifichi comunque con il medico che non si tratti di una piccola ernia/protrusione.

  16. Viola

    Buonasera.Ho 41 anni e ho la fibromialgia.Vorrei sapere se è normale che (oltre ad un sacco di dolori) abbia tante piccole palline che mi fanno male se fanno parte dei sintomi.Grazie.

  17. Anonimo

    Salve dottore sono un ragazzo di 13 anni vorrei chiederle se la fibromialgia è grave??

  18. Lucy

    da 1anno prendo targi5e10 piû depalgos e. Lirica 3volte al giorno x dolori atroci10dopo un trauma successo 3anni fa taglio al polso motosega ho fatto vari interventi adesso sono in attesa di 1intervento x eliminare si spera un põ il dolore questi farmaci da terapia del dolore nn servono non ha 1 consiglio e poi posso prendere questi farmaci cosî a lungo?proverô a cambiare medico xchè nn vivo piû mi puô dare qualche consiglio?grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Può rivolgersi ad un algologo, lo specialista della terapia del dolore.

Lascia una risposta

IMPORTANTE: In nessun caso la figura del farmacista può sostituire quella del medico, unico professionista con le competenze e la possibilità legale di formulare diagnosi e prescrivere farmaci. Le considerazioni espresse hanno quindi come unica finalità quella di agevolare in ogni modo il rapporto medico-paziente, mai ed in nessun caso devono prenderne il posto.

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.