Fibromialgia: sintomi, terapia e centri di cura

Ultimo Aggiornamento: 609 giorni

Link sponsorizzati

Introduzione

La fibromialgia è una sindrome muscolo-scheletrica causa di dolore ed affaticamento. Solo negli ultimi 10-15 anni si è potuto approfondire la conoscenza di questa malattia che in Italia colpisce circa 1.5-2 milioni di persone, sopratutto di sesso femminile.

Ad essere colpiti sono sopratutto muscoli e tendini e, nonostante assomigli ad una patologia articolare, non si tratta di artrite e nemmeno causa deformità delle articolazioni.

Ricevo e pubblico volentieri da una lettrice colpita dalla fibromialgia:


Vorrei aiutare con alcuni fatti sulla fibromialgia.

Sono in Sud Africa e ne soffro da più di dieci anni. Non soffriamo di depressione, bensì di una frustrazione che ci porta alla tristezza, perchè la mente è molto attiva e il corpo non risponde e ci tradisce con dolori estremi e sintomi che i dottori non capiscono. L’esercizio aiuta solo all’inizio di questa patologia, ma poi contribuisce ancora di più a far star male.

Parlo da persona molto attiva, facevo yoga, mi piaceva ballare ed anzi lavoravo sul palcoscenico come cantante. Ora mi è difficile camminare in casa da una stanza all’altra.

Ho cercato di continuare con gli esercizi sino a che ho potuto, ma poi è subentrata la post-exertional fatigue, che menzionano in molti siti (nel mondo) per cui un minimo sforzo fisico provoca giorni di dolori e ricadute.

Vorrei poter aiutare, confermando i sintomi della fibromialgia e raccontando la mia storia personale, …

Ho avuto analisi praticamente di tutto e dovrei essere la persona più sana del mondo, anche come dieta. Eppure mi posso a malapena muovere. Riesco a guidare forse una volta ogni due settimane per andare al supermercato e poi sono completamente esausta. Questa malattia è avanzata gradualmente e vedo che peggiora con il tempo. Essendo da sola e senza aiuto mi preoccupo per il futuro naturalmente.

Non si guarisce da questo. Ho avuto sintomi di fibromialgia per un paio d’anni quando ero più giovane, poi è sparita per ritornare più grave dopo i quaranta.
[…]

Solo provando questo livello di dolore e di infermità si può davvero capire quello che soffriamo noi pazienti tutti i giorni. Gli antidolorifici e simili non aiutano e farmaci come Lyrica danno effetti collaterali (almeno a me) insopportabili.

Viviana C.


Diagnosi

La diagnosi prevede la presenza di dolore diffuso e particolarmente rilevante in punti specifici sollecitati dal reumatologo (tender points) simmetrici su entrambi i lati del corpo:

http://it.wikipedia.org/wiki/File:Puntos-sensibles-fibromialg.jpg

http://it.wikipedia.org/wiki/File:Puntos-sensibles-fibromialg.jpgEssi sono simmetrici su entrambi i lati del corpo:

  • alla base del cranio,
  • alla base del collo,
  • in cima alla spalla,
  • fra la clavicola e la spina dorsale,
  • sulla cassa toracica,
  • sul bordo esterno dell’avambraccio,
  • nella parte superiore dell’anca,
  • nella parte alta dei glutei,
  • sul ginocchio.

In caso di presenza di 11 su 18 punti sensibili si parla con ragionevole sicurezza di fibromialgia, anche se in realtà essendo la dolorabilità variabile da un giorno all’altro, talvolta si arriva alla diagnosi anche in assenza di 11 punti verificati.

Non esistono esami di laboratori specifici, ma vengono di norma richiesti per escludere altri tipi di patologie in grado di provocare disturbi simili (ad esempio l’ipotiroidismo).

Lo specialista d’elezione cui fare riferimento per la diagnosi di fibromialgia è il reumatologo.

In ultima analisi per diagnosticare la malattia si ricorre ad una semplice considerazione: le articolazioni fanno male, ma non si trova infiammazione come nel caso dell’artrite.

Cause

La causa è tuttora sconosciuta, al momento si ipotizza che sia legata a:

  • alterazioni a livello dei neurotrasmettitori,
  • disequilibri ormonali,
  • alterazioni del sonno,
  • stress.

Una delle ultime teorie ipotizza che una ridotta percezione del dolore sia causa di una maggiore sensibilità muscolare a ripetuti microtraumi; a questo punto malattie, traumi fisici, stress (per lavoro, lutti, famigliare, …), affaticamento, umidità e freddo, sindrome premestruale sono tutti fattori in grado di peggiorare il quadro clinico.

Sintomi

Il principale sintomo è il dolore, che si può concentrare in collo, spalle e braccia o coinvolgere tutto il corpo. La gravità del male può variare in base allo stress, clima, sonno e durante la giornata.

http://en.wikipedia.org/wiki/File:Symptoms_of_fibromyalgia.png

http://en.wikipedia.org/wiki/File:Symptoms_of_fibromyalgia.png

Fino al 90% dei malati di fibromialgia accusa affaticabilità, stanchezza e difficoltà nel dormire: difficoltà a prendere sonno, frequenti risvegli e sensazione di non aver riposato sono sintomi molto comuni, ricordiamo poi:

  • cefalea ed emicrania,
  • formicolii alle mani,
  • sensazioni dolorifiche simili a punture di spillo,
  • colon irritabile,
  • ansia,
  • depressione,
  • attacchi di panico
  • difficoltà di concentrazione,
  • scarsa attenzione,
  • diminuzione della forza muscolare in mani e braccia,
  • astenia,
  • rigidità e impaccio nel movimento al risveglio,
  • crampi notturni,
  • contrazioni muscolari incontrollate,
  • difficoltà di equilibrio,
  • confusione,
  • stordimento,
  • secchezza degli occhi, della bocca, della pelle,
  • visione sfocata,
  • temperatura alterata oppure alterata percezione di caldo e freddo,
  • intolleranza al freddo oppure al caldo-umido, o a tutti e due,
  • ipersensibilità della pelle, della vista, dell’olfatto, dell’udito,
  • intolleranza ai segnali luminosi come monitor del pc, televisione, forti luci, …
  • persistenza del dolore anche dopo il trattamento con antinfiammatori,
  • percezione di un dolore “diverso”,
  • metereopatia.

Questi sintomi sono tutti i possibili, ma non si riscontrano mai tutti quanti nello stesso paziente.

Pericoli

L’unica conseguenza a medio-lungo termine ipotizzata in seguito a fibromialgia è l’insorgenza della sindrome del colon irritabile.

Cura e terapia

Alla terapia farmacologica è indispensabile associare attività fisica ed una completa informazione ed educazione del paziente, per esempio all’igiene del sonno, in grado di migliorare od eliminare i fattori scatenanti e/o in grado di peggiorare la sintomatologia.

Per quanto riguarda i farmaci sono utilizzati paracetamolo (Tachipirina, Efferalgan, Acetamol), antinfiammatori, antidolorifici (ad esempio il tramadolo, nome commerciale Contramal).

Per migliorare la qualità del sonno si prescrivono spesso antidepressivi e miorilassanti (Flexiban, Lyseen, Muscoril).

Gabapentin (Neurontin) e pregabalin (Lyrica) danno risultati apprezzabili solo in una parte di pazienti.

Come detto non si può prescindere poi da una moderata ma periodica attività fisica: nonostante la riluttanza ad intraprendere del movimento fisico a causa del dolore, quest’ultimo migliora rapidamente donando sollievo al paziente. Negli ultimi anni, fra le attività consigliate, si è inserito per la sua efficacia anche lo Yoga.

Alcuni medici provano inizialmente un approccio naturale che prevede innanzi tutto riposo (però senza immobilizzazione, causa di peggioramento della sintomatologia); in seguito stretching ed un’attività fisica da aumentare gradatamente. E’ possibile poi ricorrere a massaggi rilassanti per migliorare la qualità del sonno.

Vengono talvolta prescritti integratori vitaminico-minerali, senza una reale prova di efficacia e con risultati contrastanti.

Centri di cura

Alcuni dei centri di cura per la fibromialgia in Italia sono reperibili al seguente collegamento: Centri Cura Fibromialgia, mentre segnalo in particolare che all’Istituto Gaetano Pini c’è dal 2005 un centro di riferimento regionale e nazionale per la fibromialgia, che per la ricerca si affida a un board di specialisti di tre Università: Milano, Bruxelles e Tel Aviv (Fonte: Fondazione Veronesi).


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. samy

    Già fatto dott…io fatto anche cura antibiotica ma niente ecco perché volevo sapere se la fibromialgia può dare questi sintomi. ..

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Ha fatto l’urinocoltura?
      In prima battuta tenderei ad escludere che siano sintomi legati alla fibr.

  2. Anonimo

    No dottore perché sto continuando con cura antibiotica. .il fatto che non senta bruciore ho pensato fosse legato fibromialgia

  3. cristina

    Salve dottore sicuramente non si ricorda di me ma le avevo scritto per dei dolori che avevo dapertutto. .. Lei mi aveva consigliato un reumatologo e così o fatto. . Mi è stata diagnosticata la fibromialgia e per adesso sto prendendo rivotr 5 gocce prima di dormire. ..la domanda ché volevo farle e se posso associare qualche attività fisica! Siccome il dottore mi aveva prescritto altre analisi prima di fare altro ma fortunatamente sono negative e non so come mettermi in contatto con lui. . Grazie per un eventuale risposta. . .

  4. cristina

    Le premetto che il dottore mi aveva detto di aspettare le analisi prima di fare altre attività. Solo le gocce non anno efficacia

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Se lo specialista le aveva suggerito di aspettare non posso che consigliarle di attenersi all’indicazione.

  5. cristina

    Io dovevo aspettare le analisi e siccome sono negative quindi posso fare qualche attivita! Mi a fatto fare le analisi per escludere altre patologie ma non o nulla a parte la fibromalgia

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      In questo caso non vedo problemi, ma sarebbe comunque opportuno fare il punto della situazione con lo specialista, anche alla luce del fatto che le gocce non la stanno aiutando.

  6. Luca

    B.giorno dottore,le scrivo perche mi trovo qui a leggere i sintomi della fibromialgia,sto facendo un sacco di ricerche riguardo ai miei sintomi.
    sono andato al P.S. per paura di problemi al cuore(tutto negativo) e dal medico curante,che mi ha escluso la FM perche ha detto che puo colpire solo le donne e le persone piu avanzate con l’eta. allora io ho 28 anni e soffro da 5 mesi di solori articolari(collo,spalla,scapole,torace,sterno,braccia,mano,ginocchia e piede) maggioranza lato sinistro,e qualche volta destro, mi porta dolore bruciore e prurito specie alle scapole e al torace questo prurito fastidioso,la notte questi disturbi sembrano scomparire tranne il prurito, soffro anche di battiti del cuore accelerati,specie quando faccio movimenti,e bruciore di stomaco. il medico curante mi ha dato una cura per il reflusso,e ibuprofene e paracetemolo per i dolori…ma niente da fare tutti questi sintomi non vanno via.non so piu a chi rivolgermi,puo essere la FM dottore o altro? a chi devo rivolgermi? non voglio sempre andare in ospedale o medico curante,mi ridicono le stesse cose

    1. Luca

      Si,il dottore mi disse che ho 5 dei 7 sintomi del disturbo ansioso.ma puo essere che tutti questi disturbi siano legati all’ansia e che durano da oltre 5 mesi? e poi perchè la sera peggiorano,appena dopo cena?

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      In effetti la spiegazione è assolutamente plausibile; il peggioramento dopo cena può essere spiegato o dal rilascio della tensione della giornata, oppure in parte al reflusso (alcuni dei sintomi sono sicuramente collegati).

      Al suo posto credo che sentirei ancora un reumatologo, per essere sicuro di non aver tralasciato nulla.

  7. mia

    Salve dottore o la fibromialgia o iniziato una cura con laroxil diluito il 50/ di acqua depurata e il rivotril in caso di dolore , ma continuo a non stare bene o preso 2 gocce per 2 settimane ma continuo con i , dolori o provato con 3 gocce ma mi sento molto debole , non so come devo fare. L’Istituto di gaetano pini e una visita privata? abito a Reggio Emilia o letto che c’è un centro anche qui , lei tra i due quali mi consiglia?la ringrazio per una sua risposta Arrivederci

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Prima provi a rivolgersi a quello più vicino a casa, anche la distanza conta nella gestione di questi casi.

  8. Roberto

    Buongiorno dottore

    Mi è stata diagnosticata fibromialgia dal prof xxxxxxx di jesi e come cura lyrica samyr400 per un mese mag2 ma non trovo benefici….
    Avrei da farle due domande..
    Primi di questa diagnosi prendevo daparox e i dolori erano quasi inesistente… Non potrei tornarlo a prendere al posto di lirica?
    Cosa ne pensa dell’esame olistico fatto con macchinario di nome scio ?
    Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Questo deve valutarlo con un medico, io non posso consigliare/avvallare terapie.
      2. Non conosco questo esame, come si è svolto?

  9. giusi

    mi e stata diagnosticata dall’ universita di verona che ho la fibromialgia sono in cura da circa 6anni .ogni volta che mando un certificato medico mi sento cosi umiliata che i medici di controllo nn sanno che cosè, ti fanno sentire più male di come stai .Come cura mi viene cambiata a ogni controllo si sta un po meglio ma guariremo….

  10. giusy

    Salve dottore a mia madre hanno detto che ha la fibromialgia. Io ho letto un po” è un bel problema. Volevo sapere se conosce o sa qlcsa del dott. xxxxxxxx

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Onestamente sono un po’ scettico sugli approcci senza evidenze scientifiche.

  11. Margherita

    Gent.le Dott. ho 35 anni e dopo 2 anni di ricerche e 4 reumatologi, mi è stata diagnosticata la fibromialgia, ora sono in cura con un miorilassante (Flexiban) ed un anticolergico associato con psicolettico (Debrum) solitamente il medico me li fa interrompere per un mese dopo ca. 45gg di somministrazione, purtroppo in quel mese ricompaiono prepotentemente tutti i sintomi che i farmaci attenuano. In particolare, sento da subito la mancanza del miorilassante in quanto dopo 5/6 gg ricominciano tutte le contratture, i forti mal di testa, l’incapacità di farmi una intera notte di sonno e sento sempre più i muscoli indolenziti. Cerco di resistere il più possibile, devo essere sincera, non amo prendere farmaci, ma alcune volte il dolore è così forte che sono costretta a ricominciare prima del tempo. Non voglio essere così dipendente da una “pasticchina”. Secondo la sua esperienza, c’è qualche integratore od altro che io possa prendere/fare per attenuare questi forti dolori in quel mese di interruzione? Per maggior completezza ho provato con il mag 2 che è stato quasi come bere un bicchiere di acqua fresca, ora, io non sono un medico, ma credo che da solo non basti. La ringrazio anticipatamente per il suo interesse.

  12. Anna

    Io ho problemi affini. Mi hanno diagnosticato la parasonnia tramite polisonnogramma, quando mi arrabbio mi si tende il collo e mi viene mal di testa e mal di schiena. Mi so facilitano i formicolii (nel senso che appena piego il braccio dopo un po mi si informicola e nei caso peggiori, quando sto sotto il condizionatore in ufficio, ho anche contrazioni alle braccia e dolori a braccia e gambe. Però il dolore più che punture di spillo sembra sordo. Potrebbe essere fibromialgia? Mi sveglio sempre stanchissima ma potrebbe essere la parasonnia

  13. fombretta

    Ho un figlio con tutti questi sintomi sono quindici anni che cerchiamo le cause di tutto questo psichiatri e neurologi piu famosi per uno dei sintomi piu vostanti il mal di testaprende una terapia come il larexil prima di dormire srtralina depakim kromo300
    Dimemnticavo mio figlio ha treta anni un caratteraccio ma e buono e troppo nrvosoil neurologo dice che ha disturbo della personalita e inspddisfatto e non porta teone niente e un intellettualescrive libri questo pet fargli capire che nonostante sia intelligente non riesce ad accettare le cose negatibe per questp e spre scontroso irascibile e spre piemo di dplori e cosyantemente invazzato ce l ha cpm il mondo e con noi come fossimo i responsabili cpsa devo fare cpme lo posso aiutare se fosse questa mioalgia oltre al reumatologo e al neurologo che a mio avviso e nravissimo primarip di un centro cefalee a roma e poi si giarisce cpn cure azzrccate la prego mi aiuti ad aoutateip figlio a volte ho paura che faccia una stupidaggine e anche e molto peticolosa ci so pio morire?GRAZIE TANTE OMBETTA GRECO

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma purtroppo non posso prescrivere farmaci o trattamenti.

  14. Giuseppe

    Salve dottore ho 27anni e ho dei dolori da diversi mesi,diciamo 6-7 prima dell’ estate diffusi un tutto il corpo maggiormente lato sinistro e le zone piu colpite sono torace e braccia. Sono andato all’ospedale per la paura che ci poteva essere qualche problema cardiaco ma l’hanno escluso,il medico di famiglia mi ha escluso la fibromialgia perché colpisce maggiormente le donne e grandi di età. Come devo fare per capire se si tratta di fibromialgia e a chi rivolgermi neurologo o reumatologo?

  15. vincenzo

    Buongiorno dottore,e da qualche mese che soffro di dolori,bruciori e formicolii in tutto il corpo,sia lato destro che sinistro anche se piu colpito il sinistro,dolori formicolii che dalla testa,faccia ,spalle,torace a braccia arrivano fino ai piedi(tallone e pianta del piede) passando per le ginocchia.mi sento sempre stanco e nervoso,mal di testa e stomaco,nausea e senso di vomito.poi sembra che quando mangio anche una piccola cosa i sintomi peggiorano.solo la notte sto bene e se mi capita di svegliarmi non ho nulla.sono andato un paio di volte dal medico,una volta influenza,una volta ansia,poi reflusso,tante cose ma non ho niente di queste cose qui,lui mi esclude la fibro,ma potrebbe essere quest’ultima? Grazie,buona giornata

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Dalla descrizione mi sembra ansia, ma può togliersi ogni dubbio con l’aiuto di un reumatologo.

    2. vincenzo

      quindi mi consiglia una visita dal reumatologo? dottore un’altra cosa,posso stare tranquillo anche per quanto riguarda un problema cardiaco?facendo altre ricerche su questi sintomi,si associano o alla fibromialgia o infarto e problematiche cardiache.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      A mio parere può stare tranquillo con il parere del suo medico, ma se desidera approfondire il reumatologo è lo specialista di riferimento per questi problemi; non vedo rischi cardiaci.

  16. amonima

    Buongiorno sto male ho dolori da per tutto quando dormo mi si blocca il respiro sono debole nelle braccia e gambe mi hanno detto fibromialgia sto male a chi posso rivolgermi ho paura di avere qualcosa
    di piu grave.

  17. franco

    buongiorno sofro da circa 5 anni di epicondilite bilaterale idolenzimento cervicale credo infiammazione ginochio dx ,ora per contenere una facilità a presunte tendiniti faccio infiltrazioni cortisone ,provato laser,tens lyrica onde d urto tutto inefficace visto penso ogni tipo di medico .lavorando il dolore aumenta ,la massa muscolare e la forza notevolmete diminuiti ,seguo un alimentazione senza carni rosse alcol formaggi grassi e similari ,non o mai mangiato verdure .o avuto rapporti con persona aimè affeta da epatite .non vedo vie d uscita che centro o specialisa può aiutarmi ? oltre al problema son stanco di spendere soldi inutilmente .grazie .

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Gli specialisti sono l’ortopedico e, non escluderei, il reumatologo.

  18. Lory

    Buongiorno dottore,
    Da un po di anni (ho 38 anni) ho diversi disturbi che mi rendono difficile la vita di tutti i giorni e quando il dottore mi prescrive degli accertamenti, questi non riescono mai a giustificare i miei problemi di salute.
    Da anni soffro di cistite interstiziale senza che ci sia alcuna infezione, ho sempre sofferto di mal di testa, ho dolori agli arti, ultimamente ho dei dolori riconducibili al tunnel carpale al braccio sinistro, lo scorso inverno ho avuto febbre senza apparente motivo, ho dolori alla schiena e alla sciatica, ho problemi a salire le scale di casa per affaticamento e mancanza di fiato, crampi notturni, tutti questi disturbi non fanno altro che innervosirmi proprio perché mi sento impedita a fare le cose più normali.
    Sono stanca di fare esami che non portano a niente e il mio medico di base mi ha chiaramente detto che non sa più fare.
    Mi è capitato di leggere della fibromialgia, mi dica sinceramente se è possibile secondo lei che io ne soffra, la ringrazio di cuore.
    Lory

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Dalla descrizione non credo, ma al suo posto sentirei comunque un reumatologo ed eventualmente un internista.

  19. cristina

    Salve dottore. . Mi è stata diagnosticata la fibromialgia circa 2 mesi fa e o iniziato la cura con rivotril. che mi a solo peggiorato i sintomi così il reumatologia mi a ricoverato per sospetta sfondi lite ma dalle analisi non è risultato nulla. .devo aspettare di fare la risonanza al bacino. Poi bo eseguito un tampone vagonate dove è emerso streptococco e candida .. il dottore mi a detto che poteva dipendere da questo quindi la fibromialgia rimane secondaria. .il problema è che o iniziato la cura da 5 giorni con levoroxin ma da stamattina a mala pena riesco a muovermi . schiena e gamba sinistra scosse dolore e non riesco a camminare. . Cosa mi consiglia sono davvero esausta!

    1. cristina

      Dimenticavo dottore. . Un forte dolore alla spalla e braccio sempre sinistra.. .alla destra meno dolori

  20. cristina

    Mi scusi dottore ma con il Tel o sbagliato a scrivere. .sospetta spondilite e streptococco in cura da 5 giorni, scoperto con tampone vaginale

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma temo che sia una situazione al di là delle mie competenze.

Lascia una risposta

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.