Extrasistole e cuore: sintomi, cause, rimedi

Ultimo Aggiornamento: 1078 giorni

Link sponsorizzati

Introduzione

L’extrasistole è un disturbo in cui il cuore batte in modo anomalo, avendo origine in una delle cavità inferiori del cuore (ventricoli). I battiti in eccesso alterano la normale frequenza cardiaca ed a volte possono far avvertire al paziente, a livello toracico, la sensazione di aver perso un battito. L’extrasistole è molto frequente: quasi tutti, prima o poi, ne soffriamo.

Se, di tanto in tanto, avete contrazioni ventricolari premature ma nel complesso siete sani, in generale non c’è motivo di preoccuparsi e non è necessaria alcuna terapia.

Se invece gli episodi di extrasistole sono frequenti, o soffrite di una patologia cardiaca a monte, probabilmente dovrete ricorrere a una terapia che vi aiuterà a sentirvi meglio e a curare i problemi cardiaci a monte.

Cause

Cuore ed extrasistole

Cuore ed extrasistole (http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Diagram_of_the_human_heart_%28cropped%29-it.png)

Il cuore è costituito da quattro cavità: due superiori (gli atri) e due inferiori (i ventricoli).

In condizioni normali il battito cardiaco è regolato dal nodo senoatriale, una zona di cellule specializzate che si trovano nell’atrio destro. Questo pacemaker naturale produce gli impulsi elettrici che causano il battito cardiaco. Dal nodo senoatriale, gli impulsi elettrici attraversano gli atri e arrivano ai ventricoli, facendoli contrarre e facendo loro pompare il sangue nei polmoni e nel resto dell’organismo.

L’extrasistole è un insieme di contrazioni premature che iniziano nei ventricoli. Le contrazioni anomale di solito anticipano il battito normale. Spesso interrompono l’ordine normale degli eventi, perché di solito gli atri battono prima dei ventricoli. I battiti cardiaci non sincronizzati e anomali di solito sono meno efficaci nella loro azione di pompaggio del sangue nell’organismo.

I motivi per cui si verifica l’extrasistole non sono sempre chiari: le cellule dei ventricoli possono perdere la loro stabilità elettrica a causa di diversi fattori scatenanti, patologie cardiache o alterazioni dell’organismo.

Anche le patologie cardiache o le lesioni possono alterare il percorso degli impulsi elettrici.

L’extrasistole può essere connessa a:

  • alterazioni o squilibri chimici dell’organismo,
  • disturbi dello stomaco come l’ernia iatale od il reflusso gastroesofageo,
  • determinati farmaci, come i diffusi farmaci anti-asma,
  • alcol o droghe,
  • aumento dei livelli di adrenalina nell’organismo, causato ad esempio dalla caffeina, dall’esercizio fisico o dall’ansia,
  • lesioni congenite e non del muscolo cardiaco, ipertensione o infezioni (miocardite).

Fattori di rischio

Il rischio di extrasistole può aumentare a causa di determinati fattori scatenanti, patologie e sostanze stimolanti:

  • caffeina,
  • alcol,
  • tabacco,
  • esercizio fisico,
  • ipertensione (pressione alta),
  • ansia,
  • patologie cardiache congenite e non, coronaropatie, infarto, miocardite e cardiomiopatia.

Sintomi

L’extrasistole spesso rimane asintomatica, ma il paziente può avvertire una sensazione strana nel torace, ad esempio:

  • battito che esita,
  • palpitazioni,
  • cuore che batte forte o che “salta in gola”,
  • cuore che salta un battito o più battiti,
  • maggior consapevolezza del proprio battito cardiaco..

Quando chiamare il medico

Se vi sembra che il cuore perda un battito, faccia fatica a battere oppure avvertite una sensazione strana al torace, andate dal medico per capire qual è la causa dei sintomi.

Il problema potrebbe essere causato dall’extrasistole ed in questo caso non ci sarebbero problemi, ma la causa potrebbe risiedere in altri disturbi, ad esempio:

Pericoli

Se gli episodi di extrasistole sono frequenti o se le contrazioni ventricolari premature si ripetono con una certa ricorrenza, probabilmente correte un rischio maggiore della norma di soffrire di aritmie.

In rari casi, se frequenti e connesse a patologie cardiache, le contrazioni premature possono causare aritmie pericolose e addirittura la morte cardiaca improvvisa.

Diagnosi

Se il medico sospetta che soffriate di extrasistole, probabilmente vi prescriverà un elettrocardiogramma (ECG). Quest’esame è in grado di scoprire se ci sono dei battiti anomali, di identificare la loro ricorrenza e la loro origine e di diagnosticare eventuali patologie cardiache a monte.

Elettrocardiogramma

Se gli episodi di extrasistole sono sporadici, può essere impossibile diagnosticarli durante l’elettrocardiogramma standard, che è un esame breve. Probabilmente dovrete usare un monitor Holter o un registratore di eventi per 24 ore o più per diagnosticare le eventuali aritmie.

  • Elettrocardiogramma standard. Durante l’elettrocardiogramma standard, vengono fissati diversi elettrodi (sensori) al torace e agli arti del paziente. L’elettrocardiogramma permette di registrare i segnali elettrici che attraversano il cuore. Di norma è eseguito in ambulatorio o in ospedale e dura solo pochi minuti.
  • Elettrocardiogramma da stress. Questo esame diagnostico usa l’elettrocardiogramma per registrare l’attività elettrica del cuore mentre il paziente cammina sul tapis roulant o fa la cyclette. Può essere utile per capire la gravità delle contrazioni ventricolari premature. Se l’extrasistole scompare o diminuisce durante l’esercizio fisico, di solito non è considerata grave. Viceversa, se l’esercizio fisico provoca l’extrasistole, ci può essere un rischio maggiore di problemi di aritmia gravi.
  • Monitor Holter. È un dispositivo portatile, che può essere messo in tasca oppure fissato al marsupio o alla cintura. Registra automaticamente l’attività elettrica del cuore su un periodo di 24 ore, quindi il medico può visualizzare il battito cardiaco su un periodo più lungo.
  • Registratore di eventi. Anche questo dispositivo per l’elettrocardiogramma portatile può essere messo in tasca oppure fissato alla cintura per controllare a domicilio l’attività del cuore. Quando si avvertono i sintomi si può premere un pulsante e il dispositivo stampa l’elettrocardiogramma. Il medico, quindi, può visualizzare l’andamento del battito nel momento esatto in cui si sono verificati i sintomi.

Il monitor Holter e il registratore di eventi possono essere utili per identificare la ricorrenza dell’extrasistole. Se ci sono più di tre battiti ventricolari prematuri di fila, il paziente soffre di tachicardia ventricolare, che può causare sintomi e può essere segno di una patologia grave.

Cura e terapia

La maggior parte dei pazienti affetti da extrasistole, ma ugualmente sani, non avrà bisogno di alcuna terapia.

In rari casi, se i sintomi sono frequenti e fastidiosi, dovrete sottoporvi alla terapia per poter stare meglio, tuttavia l’extrasistole di solito non è pericolosa.

In alcuni casi, se avete problemi cardiaci che potrebbero provocare aritmie più gravi, dovrete probabilmente fare qualche sforzo per evitare i fattori scatenanti e forse anche assumere farmaci.

Modifiche dello stile di vita.

Eliminare i fattori scatenanti frequenti dell’extrasistole, come la caffeina o il tabacco, può essere utile per diminuire la frequenza e la gravità dei sintomi.

Farmaci.

I betabloccanti (usati in molti casi per curare l’ipertensione e le patologie cardiache) possono far scomparire l’extrasistole. Altri farmaci, come i calcio antagonisti o gli antiaritmici, come l’amiodarone, possono essere usati se soffrite di tachicardia ventricolare o di extrasistole molto frequente che interferisce con la funzionalità del cuore causando sintomi gravi.

Se gli episodi di extrasistole sono molto frequenti e sono connessi con patologie cardiache e periodi di tachicardia ventricolare, il medico potrebbe consigliarvi una terapia per il disturbo a monte.

Prevenzione

I seguenti rimedi pratici vi aiuteranno a tenere sotto controllo l’extrasistole e a migliorare la salute del cuore:

  1. Tenete traccia dei fattori scatenanti. Se i sintomi sono frequenti, vi consigliamo di annotarli, insieme alle attività che svolgete. In questo modo probabilmente riuscirete a identificare le sostanze o le azioni in grado di provocare l’extrasistole.
  2. Modificate le vostre abitudini. La caffeina, l’alcol, il tabacco e altre droghe ricreative sono noti fattori scatenanti dell’extrasistole. Se diminuite l’assunzione di queste sostanze o le eliminate completamente, riuscirete a diminuire i sintomi.
  3. Tenete sotto controllo lo stress. L’ansia può provocare l’extrasistole. Se pensate che l’ansia possa contribuire al vostro disturbo, provate le tecniche di riduzione dello stress, come il biofeedback, la meditazione o l’esercizio fisico, oppure chiedete al medico se è opportuno assumere ansiolitici.

Fonte Principale: Mayo Clinic (traduzione ed integrazione a cura di Elisa Bruno)


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. Nando

    Buona sera dottor cimurro.
    prima mentre stavo a letto, ho avuto una leggerissima tachicardia e poi ho sentito un battito fortissimo non veloce ma forte come un colpo di pistola.
    ho 13anni soffro di una leggera ansia e ipocondria ma sono in cura.
    ho mangiato parecchio stasera, perché oggi ho saltato il pranzo x la scuola.
    Cosa dice c’è da preoccuparsi?
    Il battito era tipotipio uno sparo ma non ho avvertito nw vertigini ne altri sintomi successivamente ma solo tachicaedia ma precedentemente.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente avendo mangiato tanto c’è stato un po’ di reflusso e questo ha scatenato l’extrasistole, insomma non sembra nulla di preoccupante; senti comunque anche il parere del medico.

    2. Nando

      Papà che è infermiere dice che è come al solito ansia lavorava anche in psichiatria quindi mi sa che conosce i suoi polli.
      il medico mi misura la pressione di tanto im tanto visto che la mia Famiglia ha una storia di pressione alta ma è sempre ok
      oscilla di solito sui 75-80 minima 120-130 massima e dice ok sei sano

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      A mio avviso puoi davvero fidarti della valutazione del tuo papà.

  2. EMY76

    Buongiorno Dottore!
    Mio figlio ha 10 anni e ha fatto una ecg per attività sportiva non agonistica con risultato riscontro besv. Il dottore ha fatto una impegnativa per un elettrocardiogramma. Volevo sapere da lei se è pericolosa questa cosa e che rischi corre mio figlio? Oggi lui ha calcio e il medico ha detto che puo andare lo stesso

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      In genere sono un disturbo non legato a particolari rischi, ma ovviamente si attenga alle indicazioni del suo medico.

  3. alessio

    Dottore sono un sogetto ansioso da anni ma da qualche mese avverto cuore in gola ed il cuore e come saltasse un battito e poi riparte sentendo un battito piu forte puo essere ansia ? Quando faccio sport non lo avverto puo rispondermi?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sembra ansia, tanta ansia, ma ovviamente l’ultima parola spetta al medico dopo la visita.

  4. Roberto

    Buon giorno Dottore volevo chiederti e normale che mi batte il cuore 150 al minuto ? quando camino in salita normale mi batte forte il cuore ?

  5. minnie

    Salve
    È da tanto che soffro di extrasistole.. Avevo fatto 2 anni fa sia un eco cuore che un ecg. Il mio dodottore non mi ha detto niente. Ora c’è ho Tutto i giorni e sembra che il cuore mi salti fuori dal petto, il battito cardiaco è aumentato. Certe volte sento delle fitte, pizzico al petto quando respiro. Cosa devo fare? Purtroppo ho la visita a luglio e non so più cosa fare.. Avevo pensato di andare al pronto soccorso.. Mi aiuti. Grazie di cuore.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Soffre d’ansia?
      Di stomaco?
      Ne ha parlato recentemente con il medico?

    2. minnie

      No non soffro particolarmente di ansia.
      Adesso tutto il giorno ho questo battito irregolare e da molto fastidio.
      Poi sto facendo dei test per vedere se ho qualcosa. Ho fatto gli ANA e sono risultata positiva. Gli ENA e anti-DNA NEGATIVI. Ho fattoria riguardo alla celiachia. Anti- diminiosio NEGATIVO ma le Anti- gluta. sono a 10 (dubbio)
      Ora sto aspettando di fare altre analisi in riguardo ad altri anticorpi.
      Non so ma se sono celiaca è possibile che prende anche il cuore? Io ho altri disturbi, mal di testa, problemi gastrointestinali, stanchezza, insonni, dolori articolari, muscolari.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Bene verificare la celiachia, ma sarei dubbioso sul legame con le extrasistole.

    4. Dr. Cimurro (farmacista)

      Tra i disturbi gastrointestinali che cita c’è anche bruciore?

    5. Dr. Cimurro (farmacista)

      La causa potrebbe essere proprio questa, anche se al momento non ci fossero altri sintomi. È comunque solo un’ipotesi.

  6. gabriele cesena

    Anni addietro un cardiologo mi ha detto che le mie extrasistole (probabilmente di carattere ansioso ) non sono pericolose. E’ possibile avere dei chiarimenti su quelle ansiose e quelle non? Le mie extra. si presentano ogni 2 o 3 settimane e vanno avanti per qualche giorno (un ritardo ogni 4 o 5 battiti ) ma non con continuità. In queste circostanze assumo circa 15 gocce di ansiolitico e mi pare di andare meglio. E’ corretto? Un cardiologo mi faceva assumere un regolatore di aritmie poi è andato in pensione e cambiando cardiologo mi ha consigliato di sospendere tale farmaco. E’ giusto quanto consigliato da quest’ultimo? Grazie per la risposta.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non sono cardiologo, quindi prenda le mie parole come tentativo di spiegare l’approccio dei due specialisti, ma non ho la pretesa di dire cosa sia giusto e cosa sbagliato.

      Chi la cura con ansiolitico ritiene che essendo il cuore sano vada trattata la causa che scatena le extrasistole, che di per sè non sono quindi pericolose.

      Il “vecchio” cardiologo preferiva invece andare ad agire sul sintomo, cercando di prevenire qualsiasi manifestazione cardiaca a prescindere dalla causa.

  7. Pasquale

    Dottore ho fatto una visita dal cardiologo e mi dice che ho una tachicardia sinsuale mi ha prescritto una camomilla la sera( sono un po’ ansioso) e mi ha detto che devo fare un ecografia al cuore… Mi devo preoccupare?

  8. Laura

    Buonasera dottore, pochi giorni fa un medico misurandomi la pressione ha riscontrato 4 extrasistole in circa 30 secondi, mi ha consigliato di fare il prima possibile una visita cardiologica poichè sono un’atleta e non l’ho mai fatta (si,purtroppo è così). Premetto che soffro di compressione ipofisaria e il medico ritiene che questo problema sia collegato al cuore. Potrebbe dirmi di più?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma non mi sento di esprimere giudizi.

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Oltre a non avere competenze sufficiente per farlo (non sono cardiologo), serviranno probabilmente esami strumentali per chiarire la situazione.

  9. Laura

    Va bene, sa dirmi almeno se 4 extrasistole in meno di un minuto è un numero così eccessivo da dover fare una visita cardiologica tempestiva? Non volevo preoccuparmi inutilmente

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Va sicuramente verificato, ma in alcuni casi le extrasistole non sono pericolose; il cardiologo dovrà prima di tutto stabilire questo.

  10. rossano

    Dott buongiono! Mi capita che quando,da seduto, col busto in avanti comprino lo stomaco. E li che iniziano le extrasistole. Oppure quando da sdraiato accavallo le gambe. Non sono impressionabile ma da fastidio. Puo’ gentilmente spiegarmi? Grazie.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Ha mai sofferto di stomaco? Penso ad una possibile ernia iatale.

  11. Anonimo

    Buon pomeriggio dottore. Sono una ragazza e spesso durante la giornata sento una sorta d brontolii e crampi all altezza sinistra del cuore …
    All inizio pensavo ad extra sistoli , ma ascoltando il polso il battito è sempre regolare anche quando sento i sintomi.
    Volevo aggiungere che ho appena fatto un ecg anche sotto sforzo e non ha dato anomalie.
    Può essere che quello che sento sia un po’ di tensione a livello muscolare o c’entra col cuore ?? Grazie mille

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, possibile che sia muscolare/ansiosa; il medico cosa ne pensa?

    2. Anonimo

      Che il cuore é ok.
      Infatti non l ho detto ma sto passando un periodo di ansia ed attacchi di panico ..

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Lo immaginavo e la causa può essere proprio questa.

  12. Umberto

    Salve dottore,
    Premetto che vivo un periodo molto stressante viaggiando di continuo e lavorando al computer.
    Da diversi mesi avverto battiti anomali ed accelerazioni del battito, ma ora la cosa è molto frequente e fastidiosa.
    La sensazione è di “sentire il cuore”, sentire che accelera e contemporaneamente sentirmi un po’ tirare/stringere in petto o verso la spalla sinistra, oppure sentirmi pulsare in altre zone tipo la gola o la pancia. Tenendo la mano sul cuore ho l’impressione che a volte il battito alterni un veloce/lento o abbia periodi irregolari, oppure semplicemente che non sia uniforme. Poi gli episodi sono spontanei, nel senso che spesso si verificano mentre sono impegnato in altre cose, non mentre “ci penso”.
    Premessa 2: fatto ecocardiogramma circa 1 mese fa, nulla. Analisi del sangue, tutto ok. Ho sempre somatizzato molto a livello di stomaco, quindi di tanto in tanto ho problematiche “in zona”.

    Cosa mi suggerisce di fare? Devo vedere l’ennesimo medico?

    Grazie…

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Viaggiando molto probabilmente ha un’alimentazione poco curata, giusto?

    2. Anonimo

      Invece no. Ho eliminato il caffè, bevo solo poco vino, mangio prevalentemente senza carne, evito i prodotti troppo elaborati…

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Avrei giurato che fosse un po’ di reflusso… sentirei in ogni caso semplicemente il medico di base, lo stress ed i frequenti spostamenti possono spiegare i sintomi.

    4. Anonimo

      Beh si, ho sofferto di reflusso in passato, credo di avere ancora una certa sensibilità. In effetti mi sento tirare e pulsare non solo nella zona del cuore ma spesso anche la pancia (una sorta di spasmi) o punti più strani tipo braccia e gambe. Il fatto è che in zona cuore in genere mi arrivano all’improvviso questi “colpetti”…non saprei… Vorrei solo capire quali sono gli eventuali sintomi che dovrebbero farmi preoccupare…

    5. Dr. Cimurro (farmacista)

      Il reflusso può essere causa di extrasistole ed altri sintomi cardiaci, in tutto e per tutto uguali (o parzialmente uguali) a condizioni più pericolose; in questi casi si verifica quindi a prescindere dalle ipotesi che si possono fare.

  13. filippo

    Dottore ho 15anni e sono spaventatissimo
    soffro di panico e ansia
    Ho avuto un litigio nolto duro a telefono con mio amico e pochi secondi dopo aver attaccato
    ho avuto un battito che mi è capitato si o no 2 volte nella vita
    anticipato e fortissimo non veloce ma potentissimo
    poi il cuore ha accelerato e mi sonp sentito debole
    ero già sull olro di un attacco d ansia
    poi chiaramente attacco di panico
    devo preoccuparmi?
    pensavo si fermasse il cuore.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      A mio parere no, ma lo segnali anche al medico di base.

Lascia una risposta

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.