Extrasistole e cuore: sintomi, cause, rimedi

Ultimo Aggiornamento: 901 giorni

Link sponsorizzati

Introduzione

L’extrasistole è un disturbo in cui il cuore batte in modo anomalo, avendo origine in una delle cavità inferiori del cuore (ventricoli). I battiti in eccesso alterano la normale frequenza cardiaca ed a volte possono far avvertire al paziente, a livello toracico, la sensazione di aver perso un battito. L’extrasistole è molto frequente: quasi tutti, prima o poi, ne soffriamo.

Se, di tanto in tanto, avete contrazioni ventricolari premature ma nel complesso siete sani, in generale non c’è motivo di preoccuparsi e non è necessaria alcuna terapia.

Se invece gli episodi di extrasistole sono frequenti, o soffrite di una patologia cardiaca a monte, probabilmente dovrete ricorrere a una terapia che vi aiuterà a sentirvi meglio e a curare i problemi cardiaci a monte.

Cause

Cuore ed extrasistole

Cuore ed extrasistole (http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Diagram_of_the_human_heart_%28cropped%29-it.png)

Il cuore è costituito da quattro cavità: due superiori (gli atri) e due inferiori (i ventricoli).

In condizioni normali il battito cardiaco è regolato dal nodo senoatriale, una zona di cellule specializzate che si trovano nell’atrio destro. Questo pacemaker naturale produce gli impulsi elettrici che causano il battito cardiaco. Dal nodo senoatriale, gli impulsi elettrici attraversano gli atri e arrivano ai ventricoli, facendoli contrarre e facendo loro pompare il sangue nei polmoni e nel resto dell’organismo.

L’extrasistole è un insieme di contrazioni premature che iniziano nei ventricoli. Le contrazioni anomale di solito anticipano il battito normale. Spesso interrompono l’ordine normale degli eventi, perché di solito gli atri battono prima dei ventricoli. I battiti cardiaci non sincronizzati e anomali di solito sono meno efficaci nella loro azione di pompaggio del sangue nell’organismo.

I motivi per cui si verifica l’extrasistole non sono sempre chiari: le cellule dei ventricoli possono perdere la loro stabilità elettrica a causa di diversi fattori scatenanti, patologie cardiache o alterazioni dell’organismo.

Anche le patologie cardiache o le lesioni possono alterare il percorso degli impulsi elettrici.

L’extrasistole può essere connessa a:

  • alterazioni o squilibri chimici dell’organismo,
  • disturbi dello stomaco come l’ernia iatale od il reflusso gastroesofageo,
  • determinati farmaci, come i diffusi farmaci anti-asma,
  • alcol o droghe,
  • aumento dei livelli di adrenalina nell’organismo, causato ad esempio dalla caffeina, dall’esercizio fisico o dall’ansia,
  • lesioni congenite e non del muscolo cardiaco, ipertensione o infezioni (miocardite).

Fattori di rischio

Il rischio di extrasistole può aumentare a causa di determinati fattori scatenanti, patologie e sostanze stimolanti:

  • caffeina,
  • alcol,
  • tabacco,
  • esercizio fisico,
  • ipertensione (pressione alta),
  • ansia,
  • patologie cardiache congenite e non, coronaropatie, infarto, miocardite e cardiomiopatia.

Sintomi

L’extrasistole spesso rimane asintomatica, ma il paziente può avvertire una sensazione strana nel torace, ad esempio:

  • battito che esita,
  • palpitazioni,
  • cuore che batte forte o che “salta in gola”,
  • cuore che salta un battito o più battiti,
  • maggior consapevolezza del proprio battito cardiaco..

Quando chiamare il medico

Se vi sembra che il cuore perda un battito, faccia fatica a battere oppure avvertite una sensazione strana al torace, andate dal medico per capire qual è la causa dei sintomi.

Il problema potrebbe essere causato dall’extrasistole ed in questo caso non ci sarebbero problemi, ma la causa potrebbe risiedere in altri disturbi, ad esempio:

Pericoli

Se gli episodi di extrasistole sono frequenti o se le contrazioni ventricolari premature si ripetono con una certa ricorrenza, probabilmente correte un rischio maggiore della norma di soffrire di aritmie.

In rari casi, se frequenti e connesse a patologie cardiache, le contrazioni premature possono causare aritmie pericolose e addirittura la morte cardiaca improvvisa.

Diagnosi

Se il medico sospetta che soffriate di extrasistole, probabilmente vi prescriverà un elettrocardiogramma (ECG). Quest’esame è in grado di scoprire se ci sono dei battiti anomali, di identificare la loro ricorrenza e la loro origine e di diagnosticare eventuali patologie cardiache a monte.

Elettrocardiogramma

Se gli episodi di extrasistole sono sporadici, può essere impossibile diagnosticarli durante l’elettrocardiogramma standard, che è un esame breve. Probabilmente dovrete usare un monitor Holter o un registratore di eventi per 24 ore o più per diagnosticare le eventuali aritmie.

  • Elettrocardiogramma standard. Durante l’elettrocardiogramma standard, vengono fissati diversi elettrodi (sensori) al torace e agli arti del paziente. L’elettrocardiogramma permette di registrare i segnali elettrici che attraversano il cuore. Di norma è eseguito in ambulatorio o in ospedale e dura solo pochi minuti.
  • Elettrocardiogramma da stress. Questo esame diagnostico usa l’elettrocardiogramma per registrare l’attività elettrica del cuore mentre il paziente cammina sul tapis roulant o fa la cyclette. Può essere utile per capire la gravità delle contrazioni ventricolari premature. Se l’extrasistole scompare o diminuisce durante l’esercizio fisico, di solito non è considerata grave. Viceversa, se l’esercizio fisico provoca l’extrasistole, ci può essere un rischio maggiore di problemi di aritmia gravi.
  • Monitor Holter. È un dispositivo portatile, che può essere messo in tasca oppure fissato al marsupio o alla cintura. Registra automaticamente l’attività elettrica del cuore su un periodo di 24 ore, quindi il medico può visualizzare il battito cardiaco su un periodo più lungo.
  • Registratore di eventi. Anche questo dispositivo per l’elettrocardiogramma portatile può essere messo in tasca oppure fissato alla cintura per controllare a domicilio l’attività del cuore. Quando si avvertono i sintomi si può premere un pulsante e il dispositivo stampa l’elettrocardiogramma. Il medico, quindi, può visualizzare l’andamento del battito nel momento esatto in cui si sono verificati i sintomi.

Il monitor Holter e il registratore di eventi possono essere utili per identificare la ricorrenza dell’extrasistole. Se ci sono più di tre battiti ventricolari prematuri di fila, il paziente soffre di tachicardia ventricolare, che può causare sintomi e può essere segno di una patologia grave.

Cura e terapia

La maggior parte dei pazienti affetti da extrasistole, ma ugualmente sani, non avrà bisogno di alcuna terapia.

In rari casi, se i sintomi sono frequenti e fastidiosi, dovrete sottoporvi alla terapia per poter stare meglio, tuttavia l’extrasistole di solito non è pericolosa.

In alcuni casi, se avete problemi cardiaci che potrebbero provocare aritmie più gravi, dovrete probabilmente fare qualche sforzo per evitare i fattori scatenanti e forse anche assumere farmaci.

Modifiche dello stile di vita.

Eliminare i fattori scatenanti frequenti dell’extrasistole, come la caffeina o il tabacco, può essere utile per diminuire la frequenza e la gravità dei sintomi.

Farmaci.

I betabloccanti (usati in molti casi per curare l’ipertensione e le patologie cardiache) possono far scomparire l’extrasistole. Altri farmaci, come i calcio antagonisti o gli antiaritmici, come l’amiodarone, possono essere usati se soffrite di tachicardia ventricolare o di extrasistole molto frequente che interferisce con la funzionalità del cuore causando sintomi gravi.

Se gli episodi di extrasistole sono molto frequenti e sono connessi con patologie cardiache e periodi di tachicardia ventricolare, il medico potrebbe consigliarvi una terapia per il disturbo a monte.

Prevenzione

I seguenti rimedi pratici vi aiuteranno a tenere sotto controllo l’extrasistole e a migliorare la salute del cuore:

  1. Tenete traccia dei fattori scatenanti. Se i sintomi sono frequenti, vi consigliamo di annotarli, insieme alle attività che svolgete. In questo modo probabilmente riuscirete a identificare le sostanze o le azioni in grado di provocare l’extrasistole.
  2. Modificate le vostre abitudini. La caffeina, l’alcol, il tabacco e altre droghe ricreative sono noti fattori scatenanti dell’extrasistole. Se diminuite l’assunzione di queste sostanze o le eliminate completamente, riuscirete a diminuire i sintomi.
  3. Tenete sotto controllo lo stress. L’ansia può provocare l’extrasistole. Se pensate che l’ansia possa contribuire al vostro disturbo, provate le tecniche di riduzione dello stress, come il biofeedback, la meditazione o l’esercizio fisico, oppure chiedete al medico se è opportuno assumere ansiolitici.

Fonte Principale: Mayo Clinic (traduzione ed integrazione a cura di Elisa Bruno)


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. Sara

    Salve dottore io credo di soffrire di extrasistole anche se l holter nn ne ha rilevata nemmeno una ma quel giorno nn le ho avvertite!! Io sento improvvisamente un vuoto al petto ed alla testa..mi sento morire..sento che sto per svenire!alle volte avverto il fastidio in gola altre volte no solo questa bruttissima sensazione che sto per morire..testa vuota e vuoto al petto per qualche secondo!!secondo lei potrebbero essere extrasistoli anche se nn avverto sempre il tuffo al petto??

  2. pietro

    Dottore sono Pietro ho 23 anni e 2 mesi fa mentre correvo ho avuto una strana sensazione al petto..dopo aver fatto un elettrocardiogramma,un eecotorace e holter mi hanno detto che e tutto normale e che avevo delle extrasistole dovute a stress…..ora pero mi vengo spesso quasi ogni sera e mi sento strano come se sto collassando e palpitazioni che durano un minuto…penso sempre di avere un infarto e ho anche vertigini,dolore al petto,mal di testa,senso di debolezza ,tremori e tic…Penso che sia ansia,ultimamente sono molto ansioso…ma è possibile che la ansia mi da tutti questi sintomi??posso escludere problemi al cuore dopo aver fatto questi esami ee anche gli esami del sangue che sono risultati normali

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, purtroppo è possibile, ed anche l’ansia deve essere curata; in linea di massima con gli esami fatti possiamo escludere problemi cardiaci.

      Il fastidio compare dopo cena?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      In alcuni casi sono causati da reflusso gastroesofageo e/o ernia iatale.

  3. Rita

    Anch’io soffro di extrasistole (almeno penso) sentendo i sintomi delle altre persone. Sono abbastanza frequenti nel senso che a volte mi durano una settimana e si ripetono più volte in una giornata. La mia sensazione quando succede e’ come se avessi dell’aria in gola e devo tossire per riprendere il ritmo. Soffro di ipertensione i ipotiroidismo prendo i farmaci x entrambe le patologie: cardura, tenormin e eutirox. Mi devo preoccupare? Ringrazio chi mi darà un consiglio.

  4. shy

    Buongiorno dottore,
    Le scrivo perché saranno unA ventina di giorni che avverto queste Extrasistole, più volte al giorno. Ormai sono di abitudine nella mia giornata. Mi vengono anke una quindicina di volte al di.
    Quando mi viene sembra ke il cuore si fermi, pou fa più battiti insieme e mi viene da tossire.
    Sono una ragazza di 22 anni, in sovrappeso, fumo circa 10 sigarette al giorno e bevo circa 4 tazzine di caffè.
    Ho una lieve microcitemia.assumo da 2 anni il cipralex xpproblemi di forte ansia ke ho avuto tempo fa.
    Secondo lei come dovrei procedere? Devo preoccuparmi? Cosa può essere. .

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Via le sigarette, via il caffè (nessun problema con qualche decaffeinato) e dovrebbe migliorare di molto la situazione; utile la perdita di peso ed indispensabile un’alimentazione corretta (in alcuni casi sono dovute a problemi di stomaco).

  5. shy

    Grazie mille per la risposta.
    Sono sincera, nn credo di riuscire a togliere del tutto le sigarette. Dimezzarle può già andare bene? Togliendo gia tutti i caffè… e per la dieta ho qualche problema. .. quando mi viene fame nella giornata nn riesco a resistere.. qualche consiglio? ?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Per iniziare va benissimo, con il tempo l’ideale sarebbe riuscire a smettere.
      2. Si tenga a portata di mano snack sani e poco calorici, anche in questo caso può essere un inizio; utile aumentare la fibra ai pasti, prolunga il senso di sazietà.

    2. shy

      La ringrazio davvero tanto. Ero proprio preoccupata. Ad esempio oggi mentre camminavo mi è preso 4- 5 volte di seguito. Poi automaticamente mi agito perché sono sola e allora penso ke peggioro solo il tutto. Quindi un ecg non è da fare x adesso?
      Comunque è anche vero ke da 15 giorni a sta parte il mio ritmo di vita e cambiato.
      Da dormire fino a tardi tutte le mattine e andare a dormire tardi ora mi sveglio presto e ho degli orari. Sarà anche una specie di stress x il cambiamento drastico.. dormivo fino le 13 prima e andavo a letto verso le 4.. ora mi alzo alle 7e vvado a dormire verso l’una..

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, sicuramente lo stress influisce moltissimo; l’ultima parola spetta ovviamente al suo medico, ma probabilmente non verrà richiesto l’ECG.

  6. Sara

    Buonasera Dottore.
    Sono una ragazza di 31 anni e soffro di ansia.
    Circa un anno fa ho iniziato ad avere problemi di forte tachicardia. Ho fatto 2 ecg con ecocuore da 2 cardiologi diversi
    Entrambi mi hanno detto che ho un lieve rigurgito alla valvola mitrale ma che non provoca problemi.
    Per un po sono stata bene e da qualche mese riecco la tachicardia che si alterna a forti extrasistole.
    Secondo lei potrebbe trattarsi di ansia o sarebbe il caso di ripetere la visita cardiologica?
    Ho fatto tutte le dovute analisi del sangue ed è tutto nella norma.
    Non assumo nessun farmaco neanche per l’ansia perché sono farmaco fobica.
    Grazie e buona serata

  7. vittorio

    Salve doc, io soffro di extrasistole e dopo un elettrocardiogramma senza alcun riscontro mi è stato fatto curate il reflusso gastrointestinale,la mia dott presume che siano dovute alla cura con sertralina le extrasistole potrebbe aver ragione? La cura per il reflusso ha migliorato lo stomaco ma non le extrasistole…grazie

  8. vittorio

    Da una settimana ma l’ ho interrotta perché non ho sentito miglioramenti per le extrasistole…interrotta sabato non da molto.. prendevo omeprazen.

  9. vittorio

    Quindi meglio che la riprendo e finisco la scatola? Perché la mia dott ha detto che valutiamo dopo 10 giorni ed è per quello che l’ho interrotta…dice che non avrei già avuto riscontro per le extrasistole in una settimana?

  10. Roberto

    Buona sera Dottore,
    Ho 50 anni, pratico un po’ di sport e penso di avere frequenti extrasistole.
    ho fatto un ecg ed il referto è stato: bradicardia sinusale
    battiti ventricolari prematuri asse orizzontale.
    Soffro, ultimamente direi raramente, di reflusso gastroesofageo (quindi direi che non dovrebbe essere questa la causa).
    Mi interesserebe sapere se quanto sopra indicato può causare debolezza fisica eccessiva (mi stanco facilmente e fatico a recuperare), gambe pesanti e fiato corto, o se devo cercare un’altra causa per questi disturbi.
    ringrazio anticipatamente

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma per scelta non giudico mai questo tipo di referti; mi permetto solo di sottolineare che il fatto che avverta reflusso solo occasionalmente non significa che non sia presente sempre.

  11. Roberto

    capisco, intendevo solo chiedere genericamente se bradicardia ed extrasistole ventricolari posso causare stanchezza e fiato corto.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      A questo punto deve discutere l’esito dell’esame con il medico che gliel’ha chiesto; se invece è stata un’iniziativa personale il medico di base è il professionista più indicato per una prima valutazione.

  12. vittorio

    No il cardiologo dice che è colpa del reflusso allora la mia dott mi ha dato la cura per il reflusso fermo restando che se non migliorasse sarebbe da valutare di sospendere la sertralina e cambiarla con altro…l’unica iniziativa personale che ho preso è stata di sospendere con l’omeprazen perché non ho visto miglioramenti per le extrasistole…ammetto che soffro ancora in momenti di stress di ansia…

  13. vittorio

    La mia dott di base…su richiesta mia per extrasistole cioè tonfi allo stomaco ecc..

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Bene, l’esito lo porti con fiducia alla sua dottoressa e saprà aiutarla; se servisse verrà inviato ad un cardiologo.

  14. valentina

    Salve dottore. Penso anch’io di soffrire di extrasistole…. sono incinta di quattro mesi e in questo periodo le avverto di più. Fino all’anno scorso ho fatto l elettrocardiogramma ed era tutto ok. Premetto che in passato ho sofferto di attacchi di panico e l’ansia mi perseguita sempre. Oggi ad esempio… a pranzo ho sentito il cuore balzare nel petto per almeno 4 volte…. devo fare ulteriori accertamenti o è normale? ( i miei genitori ne soffrono entrambi… nn so se può essere ereditaria) grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      È normale che con la gravidanza peggiori, soprattutto se legata allo stomaco; lo segnali comunque al ginecologo/medico.

    2. Anonimo

      Grazie mille per la risposta. .. venerdì devo andare dal ginecologo. .. lo segnalero sicuramente. Ma nel frattempo posso stare tranquilla? Se non ho dolori non è nulla di grave giusto?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, soprattutto se ne ha sempre sofferto (anche l’ansia incide moltissimo).

    4. valentina

      Sempre no… sarà un paio d’anni che mi capita! Prima più di rado. ..ora più frequentemente!

    5. Dr. Cimurro (farmacista)

      Credo sia proprio la gravidanza, che può essere causa di questi sintomi.

  15. simone

    Salve dott.Cimurro,
    ho 34 anni e faccio sport.
    in questi giorni sto avvertendo una sensazione strana ovvero un salto del battito cardiaco mi devo preoccupare??
    proprio lunedi ho fatto la visita medica sportiva e ho fatto E.C. sottosforzo ed è tutto nella norma dicendomi che il cuore va bene e la pressione a riposo era 120/80.
    mi devo preoccupare secondo lei??
    grazie

  16. PAOLO

    Buongiorno,
    scrivo un post simile a quello scritto da Simone.
    le extrasistole non sono pericolose vero?? il mio medico ha detto che sono spiacevoli ma innocue e provocate da ansia e stato fisico intenso.
    io gioco a pallavolo da ormai 20 anni ed accuso le extrasistole e mi spavento, normalmente ho 48-50 battiti cardiaci al minuto.
    ho anche sostenuto una visita medica sportiva masono uscito idoneo.
    che devo fare secondo lei??
    grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Se sono causate dall’ansia deve agire su questa per ridurle.

  17. Vilma

    Salve dottor cimurro oggi in auto in tangenziale mi è successo che ho avvertito la sensazione che il cuore sifosse fermato (soffro di extra da almeno 40 anni) erano probabilmente doppiette o triplette ma lontane e senza il successivo battito più forte al termine sta’ di fatto che all istante ho avuto alla testa come una specie di leggero sbandamento e subito dopo ho avvertito dal bacino sono ai piedi come avessi le gambe intorpidite e fredde nel giro di pochissimo tutto è tornato normale solo che poi sudavo caldo ma poi passato! Guardi che ricordo che forse poche volte mi ha fatto così tra l altro stavo guidando!! Sono stata a luglio dal cardiologo che mi ha detto che il cuore va bene e che le extra sono dovute all ernia istale e alla gastrite cronica nonché all helycopter bactris!! Ma che cmq il cuore e’ sano ho fatto l holter anni fa con esito ” extra monomorfe quindi innoque ! Lei pensa che stamattina mi è accaduto tutto il seguito per ansia e panico dopo avere sentito che mancavano battiti e quindi i disturbi sopra descritti? Grazie in attesa di risposta cordiali saluti Vilma!

    1. Anonimo

      Ma cos era quella sensazione d improvviso formicolio dal bacino in giù e il freddo più il sudore?

    2. Anonimo

      Sa’ che ancora ci sto’ pensando? Ma secondo lei c e’ da preoccuparsi? Non era principio di ictus o altro tipo? Grazie Dr ma ho provato molto spavento anche se il tutto è durato nemmeno 5 min anche meno!! Sono ancora un po’ agitata che ci penso??

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non ci dia peso, vedrà che i sintomi passeranno; se così non fosse ovviamente senta anche il suo medico.

    4. Anonimo

      Grazie mille ad oggi non è più capitato !! Lei è semore così solerte nel rispondere con mia grande e successiva tranquillità che con i suoi consigli infonde subito in me grazie x questo a risentirla!! Vilma

  18. Matty

    Buon Giorno dottore,
    Da un po’ sento che il mio cuore salta un battito, la sensazione è alquanto spiacevole mettendo il dito al polso si sente proprio la mancanza del battito anche se sento comunque delle micro pulsazioni veloci proprio in quel momento non so come spiegarle, la cosa che posso dirle è che sono molto evidenti dopo i pasti più dopo colazione e sera avvolte il mio battito cardiaco e pressione sono regolari pratico un po’ di sport e nel mio lavoro sono sempre in movimento in quanto massaggio tutto il giorno.
    Ho un dubbio potrebbe essere il nervo vago o disturbo dello stomaco ? Faccio regolarmente corsa ma non sento niente durante l’attività..! la mia pressione è di 120/70 battiti 65
    Grazie.

    1. Anonimo

      Infatti ho spesso areofagia e ho notato una certa reattività al latte, cosa mi consiglia?

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Valuti con il medico di provare a verificare l’intolleranza al lattosio.

  19. Giovanni

    Salve dottore, ho 46 anni e da un paio soffro anche io di extrasistoli, intese come salto di battito, a volte e soprattutto a riposo e di sera sul divano si manifestano con conseguente spavento. Ho fatto ECG, Holter ed ECG sotto sforzo ma nessun riscontro, analisi del sangue ok a parte Gamma gt molto alta, può centrare? Premetto che fumo 10 sig. al giorno e un bicchiere e mezzo di vino ai pasti oltre al caffè corretto. Il cardiologo mi ha detto (visto il non riscontro con gli esami) di recarmi al pronto al manifestarsi di essi. Seguo il consiglio? La ringrazio anticipatamente.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      No, la GGT non dovrebbe centrare.
      Sì, segua sicuramente il consiglio dello specialista.

      Ha mai avuto problemi di stomaco?

Lascia un Commento

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.