Extrasistole e cuore: sintomi, cause, rimedi

Ultimo Aggiornamento: 1152 giorni

Link sponsorizzati

Introduzione

L’extrasistole è un disturbo in cui il cuore batte in modo anomalo, avendo origine in una delle cavità inferiori del cuore (ventricoli). I battiti in eccesso alterano la normale frequenza cardiaca ed a volte possono far avvertire al paziente, a livello toracico, la sensazione di aver perso un battito. L’extrasistole è molto frequente: quasi tutti, prima o poi, ne soffriamo.

Se, di tanto in tanto, avete contrazioni ventricolari premature ma nel complesso siete sani, in generale non c’è motivo di preoccuparsi e non è necessaria alcuna terapia.

Se invece gli episodi di extrasistole sono frequenti, o soffrite di una patologia cardiaca a monte, probabilmente dovrete ricorrere a una terapia che vi aiuterà a sentirvi meglio e a curare i problemi cardiaci a monte.

Cause

Cuore ed extrasistole

Cuore ed extrasistole (http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Diagram_of_the_human_heart_%28cropped%29-it.png)

Il cuore è costituito da quattro cavità: due superiori (gli atri) e due inferiori (i ventricoli).

In condizioni normali il battito cardiaco è regolato dal nodo senoatriale, una zona di cellule specializzate che si trovano nell’atrio destro. Questo pacemaker naturale produce gli impulsi elettrici che causano il battito cardiaco. Dal nodo senoatriale, gli impulsi elettrici attraversano gli atri e arrivano ai ventricoli, facendoli contrarre e facendo loro pompare il sangue nei polmoni e nel resto dell’organismo.

L’extrasistole è un insieme di contrazioni premature che iniziano nei ventricoli. Le contrazioni anomale di solito anticipano il battito normale. Spesso interrompono l’ordine normale degli eventi, perché di solito gli atri battono prima dei ventricoli. I battiti cardiaci non sincronizzati e anomali di solito sono meno efficaci nella loro azione di pompaggio del sangue nell’organismo.

I motivi per cui si verifica l’extrasistole non sono sempre chiari: le cellule dei ventricoli possono perdere la loro stabilità elettrica a causa di diversi fattori scatenanti, patologie cardiache o alterazioni dell’organismo.

Anche le patologie cardiache o le lesioni possono alterare il percorso degli impulsi elettrici.

L’extrasistole può essere connessa a:

  • alterazioni o squilibri chimici dell’organismo,
  • disturbi dello stomaco come l’ernia iatale od il reflusso gastroesofageo,
  • determinati farmaci, come i diffusi farmaci anti-asma,
  • alcol o droghe,
  • aumento dei livelli di adrenalina nell’organismo, causato ad esempio dalla caffeina, dall’esercizio fisico o dall’ansia,
  • lesioni congenite e non del muscolo cardiaco, ipertensione o infezioni (miocardite).

Fattori di rischio

Il rischio di extrasistole può aumentare a causa di determinati fattori scatenanti, patologie e sostanze stimolanti:

  • caffeina,
  • alcol,
  • tabacco,
  • esercizio fisico,
  • ipertensione (pressione alta),
  • ansia,
  • patologie cardiache congenite e non, coronaropatie, infarto, miocardite e cardiomiopatia.

Sintomi

L’extrasistole spesso rimane asintomatica, ma il paziente può avvertire una sensazione strana nel torace, ad esempio:

  • battito che esita,
  • palpitazioni,
  • cuore che batte forte o che “salta in gola”,
  • cuore che salta un battito o più battiti,
  • maggior consapevolezza del proprio battito cardiaco..

Quando chiamare il medico

Se vi sembra che il cuore perda un battito, faccia fatica a battere oppure avvertite una sensazione strana al torace, andate dal medico per capire qual è la causa dei sintomi.

Il problema potrebbe essere causato dall’extrasistole ed in questo caso non ci sarebbero problemi, ma la causa potrebbe risiedere in altri disturbi, ad esempio:

Pericoli

Se gli episodi di extrasistole sono frequenti o se le contrazioni ventricolari premature si ripetono con una certa ricorrenza, probabilmente correte un rischio maggiore della norma di soffrire di aritmie.

In rari casi, se frequenti e connesse a patologie cardiache, le contrazioni premature possono causare aritmie pericolose e addirittura la morte cardiaca improvvisa.

Diagnosi

Se il medico sospetta che soffriate di extrasistole, probabilmente vi prescriverà un elettrocardiogramma (ECG). Quest’esame è in grado di scoprire se ci sono dei battiti anomali, di identificare la loro ricorrenza e la loro origine e di diagnosticare eventuali patologie cardiache a monte.

Elettrocardiogramma

Se gli episodi di extrasistole sono sporadici, può essere impossibile diagnosticarli durante l’elettrocardiogramma standard, che è un esame breve. Probabilmente dovrete usare un monitor Holter o un registratore di eventi per 24 ore o più per diagnosticare le eventuali aritmie.

  • Elettrocardiogramma standard. Durante l’elettrocardiogramma standard, vengono fissati diversi elettrodi (sensori) al torace e agli arti del paziente. L’elettrocardiogramma permette di registrare i segnali elettrici che attraversano il cuore. Di norma è eseguito in ambulatorio o in ospedale e dura solo pochi minuti.
  • Elettrocardiogramma da stress. Questo esame diagnostico usa l’elettrocardiogramma per registrare l’attività elettrica del cuore mentre il paziente cammina sul tapis roulant o fa la cyclette. Può essere utile per capire la gravità delle contrazioni ventricolari premature. Se l’extrasistole scompare o diminuisce durante l’esercizio fisico, di solito non è considerata grave. Viceversa, se l’esercizio fisico provoca l’extrasistole, ci può essere un rischio maggiore di problemi di aritmia gravi.
  • Monitor Holter. È un dispositivo portatile, che può essere messo in tasca oppure fissato al marsupio o alla cintura. Registra automaticamente l’attività elettrica del cuore su un periodo di 24 ore, quindi il medico può visualizzare il battito cardiaco su un periodo più lungo.
  • Registratore di eventi. Anche questo dispositivo per l’elettrocardiogramma portatile può essere messo in tasca oppure fissato alla cintura per controllare a domicilio l’attività del cuore. Quando si avvertono i sintomi si può premere un pulsante e il dispositivo stampa l’elettrocardiogramma. Il medico, quindi, può visualizzare l’andamento del battito nel momento esatto in cui si sono verificati i sintomi.

Il monitor Holter e il registratore di eventi possono essere utili per identificare la ricorrenza dell’extrasistole. Se ci sono più di tre battiti ventricolari prematuri di fila, il paziente soffre di tachicardia ventricolare, che può causare sintomi e può essere segno di una patologia grave.

Cura e terapia

La maggior parte dei pazienti affetti da extrasistole, ma ugualmente sani, non avrà bisogno di alcuna terapia.

In rari casi, se i sintomi sono frequenti e fastidiosi, dovrete sottoporvi alla terapia per poter stare meglio, tuttavia l’extrasistole di solito non è pericolosa.

In alcuni casi, se avete problemi cardiaci che potrebbero provocare aritmie più gravi, dovrete probabilmente fare qualche sforzo per evitare i fattori scatenanti e forse anche assumere farmaci.

Modifiche dello stile di vita.

Eliminare i fattori scatenanti frequenti dell’extrasistole, come la caffeina o il tabacco, può essere utile per diminuire la frequenza e la gravità dei sintomi.

Farmaci.

I betabloccanti (usati in molti casi per curare l’ipertensione e le patologie cardiache) possono far scomparire l’extrasistole. Altri farmaci, come i calcio antagonisti o gli antiaritmici, come l’amiodarone, possono essere usati se soffrite di tachicardia ventricolare o di extrasistole molto frequente che interferisce con la funzionalità del cuore causando sintomi gravi.

Se gli episodi di extrasistole sono molto frequenti e sono connessi con patologie cardiache e periodi di tachicardia ventricolare, il medico potrebbe consigliarvi una terapia per il disturbo a monte.

Prevenzione

I seguenti rimedi pratici vi aiuteranno a tenere sotto controllo l’extrasistole e a migliorare la salute del cuore:

  1. Tenete traccia dei fattori scatenanti. Se i sintomi sono frequenti, vi consigliamo di annotarli, insieme alle attività che svolgete. In questo modo probabilmente riuscirete a identificare le sostanze o le azioni in grado di provocare l’extrasistole.
  2. Modificate le vostre abitudini. La caffeina, l’alcol, il tabacco e altre droghe ricreative sono noti fattori scatenanti dell’extrasistole. Se diminuite l’assunzione di queste sostanze o le eliminate completamente, riuscirete a diminuire i sintomi.
  3. Tenete sotto controllo lo stress. L’ansia può provocare l’extrasistole. Se pensate che l’ansia possa contribuire al vostro disturbo, provate le tecniche di riduzione dello stress, come il biofeedback, la meditazione o l’esercizio fisico, oppure chiedete al medico se è opportuno assumere ansiolitici.

Fonte Principale: Mayo Clinic (traduzione ed integrazione a cura di Elisa Bruno)


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. enrico R

    buongiorno dottore…ho 24 anni…durante un elettrocardiogramma mi ahnno diagnosticato una aritmia sinusale….aggiungo inoltre che soffro molto di extrasistoli veramente molto fastidiose e debilitanti. sono finito in pronto soccorso 3 volte per il fastidio conseguente a questi episodi in aggiunta a mancanza di fiato..vertigini..offuscamento della vista..senso di compressione al petto..vorrei eseguire un holter 24h…è la via giusta?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Prima dell’holter si affidi ad un cardiologo, che possa seguirla personalmente.

    2. enrico R

      grazie per la gentilezza nel rispondere…nei miei 3 viaggetti al pronto soccorso i medici che mi hanno seguito mi hanno “sgridato” quando ho provato a chiedergli se dovevo farmi seguire da un cardiologo….mi hanno detto che l’elettrocardiogramma era a posto e che quell’aritmia sinusle non è altro che ansia e panico e che solo in rari casi è sintomo di gravi malattie congenite al cuore…e di smetterla di sentirmi male,come se potessi deciderlo,e vivere la mia vita…a me non sembra di soffrire di questi disturbi ansiogeni…come comportarmi?una visita dal cardiologo può servire come da suo consiglio per dissipare ogni dubbio??

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      In questo caso non ci sono dubbi, si dimentichi del cuore e rivolga l’attenzione solo e soltanto all’ansia.

    4. enrico R

      ma veramente l’ansia causa sintomi del genere?come può influire nella vita delle persone con sintomi fisici così evidenti??

    5. enrico R

      le aritmie sono comunque presenti e da ciò che ho letto in un enciclopedia medica che ho a casa è un problema elettrico del cuore… la mia “””paura””” è che sia un sintomo maligno….certamente l’ansia inciderà…però…

    6. Dr. Cimurro (farmacista)

      Purtroppo sì, l’ansia può essere somatizzata sotto forma di quasi qualunque sintomo.

  2. Rossella

    Buon pomeriggio. Negli ultimi 5 anni ho avuto svariati problemi cardiaci fatti di extrasistole, tachicardia e palpitazione. Da settembre scorso sto avendo gli stessi problemi. Alcune volte ho delle extrasistole così forte che avverto una debolezza al torace e ansia. Ho 32 anni e soffro di attacchi di panico, ansia generalizzata e agorafobia. Ho problemi di colon irritabile e gastrite, ho anche molta aria nella pancia. Dopo pranzo avverto una strana sensazione di angoscia e sembra che il cuore batta veloce e strano. Quando mi piego in avanti ho la stessa sensazione. Quando ho le extrasistole dopo 15-30 minuti erutto oppure mi viene dolore al collo. Domani farò una visita cardiologica e ho paura che abbia qualche problema cardiaco. È possibile che a 32 anni mi sia venuta qualche malattia cardiaca?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Tutto è possibile, ma problemi gastrici ed ansiosi sono una causa decisamente più probabile. Mi tenga al corrente.

    2. Rossella

      Grazie dottore. Comunque domani ho la visita cardiologica….speriamo bene. Sono due anni che assumo anche il mag2 e so che il magnesio fa bene al cuore e previene alcune patologie.

    3. Rossella

      Buongiorno dottore. La visita l’ho dovuta posticipare a causa della diarrea che ho ormai da 5 giorni. Comunque la terrò informata della visita.

    4. Rossella

      Buon pomeriggio dottore. Sono appena tornata dalla visita cardiologica. Niente extrasistole ma tachicardia che è arrivata a 140 durante l’ ECG. Per la cardiologa il cuore sta bene ma 140 battiti le sono sembrati troppi per essere solo ansia. La pressione era 110/70. Comunque mi ha segnato delle compresse naturali per l’ansia è una cura per lo stomaco. Se dopo alcuni mesi non avrò miglioramenti dovrò fare un eco doppler. Comunque dopo l’ ECG i battiti sono tornati normali. Secondo lei questa tachicardia elevata è stata causata dall’ansia?

    5. Dr. Cimurro (farmacista)

      Tutto è possibile, ma ansia e problemi di stomaco potrebbero da soli spiegare i disturbi.

      Mi tenga al corrente.

  3. Silvia

    Salve Dottori,
    ogni tanto per rassicurami ritorno a scriverle.
    Ho 25 anni e ultimamente dopo il pranzo o la cena mi capita di avvertire dopo un oretta delle extrasistole. Sento questa piccola sensazione come se il cuore si fermasse e ripartisse di colpo. Con una lieve tachicardia che dopo 5 minuti si placa. Lo domandai anche mesi fa al mio medico ma mi disse di non dargli peso.
    L inverno scorso per via di attacchi di panico e fastidi al petto, ho fatto anche un ecodoppler dove mi hanno trovato una lieve insufficienza mitrale e tricuspidale congenite.
    Soffro anche di reflusso gastrico che fortuna è tenuto a bada da gastro-protettore. Ed è anche un periodo di stress per via di un operazione al ginocchio ancora non terminata del tutto. Posso stare serena rispetto a queste extrasistole che vanno e vengono?
    la ringrazio

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      A mio parere sì, poi ovviamente ne chieda conferma anche al medico.

    2. Silvia

      La ringrazio Dottore,
      senza meno appena ho modo di vedere il mio medico lo farò presente. Potrebbe anche dipendere alcuni cibi? stasera ho mangiato riso, formaggio e verdure. Magari dovrei alleggerirmi un po di più?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, i cibi che sono causa di iperacidità/reflusso possono in effetti peggiorare la situazione.

  4. gabriella

    Buon pomeriggio dottore ho 33 anni sono un carattere molto ansiosa soffro con la gastrite fino a quindici giorni fa avevo la fissa della pressione la controllato ogni giorno ora sento tutto il giorno il battito senza come una sensazione di vuoto al petto e poi il battito accelerare non riesco a rilassarmi sono sempre molto tesa mi fermo smetto di fare qualcosa per controllare il battito ho fatto l elettrocardiogramma qualche mese fa a causa di fitte sotto il seno sinistro ed era tutto ok era problema di stomaco ma oggi ho ancora dolore sotto il seno sx alle volte non riesco a stare messa di lato perché ho sensazioni di fastidio e la mia testa e sempre al battito non riesco a controllarlmi

  5. gabriella

    Dimenticavo di dirgli che alle volte sento stringere la gola e mi sento come confusa, e ho la fissa quando faccio qualcosa di controllare se ho le labbra nere

  6. gabriella

    Sa ho due bambini di 10 e 6 anni e ho paura che rimangano senza di me e un pensiero che mi tormenta

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Ritengo assolutamente indispensabile agire da subito e con decisione su quella che sembra essere una sindrome ansioso-depressiva; ha mai fatto qualcosa in proposito?

  7. gabriella

    No mi consigli che fare non mi sono mai trovato in questa brutta situazione

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Ne parli con fiducia al medico, per decidere se agire con farmaci e/o supporto psicologico.

  8. Cristina

    Io soffro di extrasistole ho fatto un elettrocardiogramma un ecografia al cuore e l holter nell ecc sono uscite le extrasistole il cardiologo mimha fatto assumere il cardicor per tre mesi mimsono sentita bene homripetuto l ecc e il dottore mi ha detto di interrompere le compresse ma le exrasistole sono comparse di nuovo che mi consiglia di fare devo ritornare dal cardiologomo riprendere dimniovo le compresse

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Potrebbe essere sufficiente contattarlo telefonicamente per valutare se riprendere il farmaco.

  9. Anonimo

    Dottor cimurro provo a spiegarle il problema.. da giorni ho freguenti battiti irregolari di che batte normale di che da battiti forti e lentissimi e sento senso di svenimento sono stato al pronto soccorso ieri e mi hanno detto che saranno extrasistole.. ora qualche giorno fa ho fagto un HOLTER delle 24ore e tra 15 giorni mi daranno il referto.. ora gli chiedo ma e pericoloso quello extrasistoli? L’anno scorso ho ftt un ecografia al cuore che ora non ricordo bene mi aveva detto che avevo una valvola di nascita cosi e non si poteva fare niente e non fa niente.. quest anno invece mi succedono queste cose dovrei farmi degli analisi specifici? X favore mi dia soddisfazioni .. nn credo che sia ansia perchè quando succede o sto cantando o sennò mi succede la sera lavoro faccio il parrucchiere.. puo darsi lo stress mi lascia queste cose? Bho.. se ci sono degli analisi me li elenca dottore..

  10. Anonimo

    Non so se centri qualcosa il fatto della lingua che a da anni che ho afte e lingua bianca.. cosa dovrei fare dottore? Oea a da due giorni che sto prendendo arvenum 500 mg
    perchè mi esce sangue dal naso che ho una varice e l’otorino mi ha pescritto quelli due all mattino due pranzo e due cena per due giorni poi una al giorno per un mese non credo che mi peggiorano queste extrasistole con queste pillole? Prima mi succedeva ma ora a da due giorni che mi succede piu di 3 volte al giorno .. ma piu quando butto il respiro non so dottore mi dia qualche info o qualcosa da fare.. oltre l holter che sto aspettando il referto non so..

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Aspettiamo di vedere l’esito dell’holter, ho speranza che possa essere solo un po’ di stress. Il dubbio di un po’ di reflusso e/o ernia iatale onestamente mi rimane.

  11. Anonimo

    Ora di nuovo mi sta succedendo.. cosa devo fare? Mi faccio ricoverare dottore? Non posso nemmeno fare respiri profondi m viene anche takicardia …

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Contatti il medico o, se ritiene che la situazione sia grave, il PS.

  12. Anonimo

    Ora sto meglio.. . Pero mi sento come una pressione al petto come un po di affanno

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Senta telefonicamente il medico, per avere conferma che possa essere stato un attacco di panico.

  13. Anonimo

    Dottore sono andato da un cardiologo a pagamento mi ha fatto un ecografia al cuore e un electrocardiogramma mentre che mi succedeva mi ha detto che ho il cuore alterato e di non dare tanta importanza o il cuore sano e mi ha dato una pillola al mattino per sempre per l’extrasistole… cosa ne pensa lei?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non ho modo di giudicare, ma nemmeno motivi per dubitare.

  14. Anonimo

    buon pomeriggio dottore io faccio sport sto bene solo che alcune volte se mi metto la mano sul petto sento il cuore che alcune volte manca un battito ho fatto un visita cardiologa 1 anno fa ed era tutto apposto

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Lo segnali al medico per le necessarie verifiche, ma probabilmente saranno considerate extrasistole benigne. Mi tenga al corrente.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Come detto sopra questo lo stabilirà il medico con la visita.

  15. Anonimo

    Dottore io gioco a calcio e non avverto niente durante la partita solo che io soffro di ansia può essere anche questo che me lo provoca

  16. Anonimo

    Dottore ho 18 anni i miei battiti a riposo sono tra i 70 e 75 sono buoni?

Lascia una risposta

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.