Dolore al petto: infarto od altro?

Ultimo Aggiornamento: 1383 giorni

Introduzione

Il dolore toracico è un fastidio od un dolore che colpisce la parte anteriore alta dell’organismo, tra il collo e l’addome inferiore.

Molti di coloro che soffrono di male al torace temono un infarto, tuttavia il dolore toracico può avere molte cause diverse: alcune di esse non sono pericolose, mentre altre sono molto gravi o addirittura letali.

La causa del dolore può essere fatta risalire a tutti gli organi della zona toracica: il cuore, i polmoni, l’esofago, i muscoli, le costole, i tendini o i nervi. Il dolore può irradiarsi nel torace dal collo, dall’addome e dalla schiena.

Cause

Tra i problemi cardiaci in grado di provocare il dolore toracico ricordiamo:

  • L’angina o l’infarto sono disturbi causati dall’afflusso insufficiente di sangue e di ossigeno al cuore. Il sintomo più frequente è il dolore toracico che può presentarsi come una sorta di stretta oppure come una pressione forte, di tipo compressivo o schiacciante. Il dolore può irradiarsi verso il braccio, la spalla, la mascella o la schiena.
  • La dissecazione aortica è una lacerazione della parete dell’aorta, la grande arteria che trasporta il sangue dal cuore al resto dell’organismo: questo disturbo provoca un dolore improvviso e molto intenso nella zona del torace e nella parte alta della schiena.
  • La pericardite è un’infiammazione (rigonfiamento) della membrana che circonda il cuore: causa un forte dolore al centro del torace.

Tra i problemi polmonari in grado di provocare il dolore toracico ricordiamo:

  • l’embolia polmonare (embolo nei polmoni),
  • lo pneumotorace (collasso del polmone),
  • la pleurite (infiammazione della membrana che circonda il polmone) può provocare un dolore toracico acuto, che in molti casi si aggrava quando si fa un respiro profondo o si tossisce,
  • la polmonite causa un forte dolore toracico che in molti casi si aggrava quando si fa un respiro profondo o si tossisce.

Tra le altre cause del dolore toracico ricordiamo:

  • gli attacchi di panico, che spesso si manifestano con un’improvvisa accelerazione del respiro,
  • la costocondrite (cioè l’infiammazione del punto di congiunzione tra le costole e lo sterno),
  • il fuoco di Sant’Antonio, che provoca un dolore acuto e bruciante nella fascia che va dal torace alla schiena e può causare un’eruzione cutanea,
  • gli strappi o l’infiammazione dei muscoli e dei tendini intercostali.

Il dolore toracico può anche essere provocato da alcuni problemi dell’apparato digerente:

  • gli spasmi o restringimento dell’esofago (il tubicino che fa passare gli alimenti dalla bocca allo stomaco),
  • i calcoli biliari causano un dolore che si aggrava dopo i pasti (nella maggior parte dei casi dopo un pasto ricco di grassi),
  • bruciore di stomaco o reflusso gastroesofageo (GERD),
  • ulcera gastrica o gastrite (il bruciore si presenta a stomaco vuoto e tende a migliorare a stomaco pieno).

Nei bambini, la maggior parte degli episodi di dolore al torace non è causata da problemi cardiaci.

Sintomi: infarto o stomaco?

Il bruciore di stomaco e il dolore al torace sono due disturbi completamente diversi che spesso, però, vengono confusi.

Avete appena fatto un pasto abbondante e iniziate ad avvertire un fastidioso bruciore di stomaco. Siete proprio sicuri che si tratti di un semplice bruciore di stomaco e non di uno dei primi sintomi di un infarto?

Imparare le differenze tra il bruciore di stomaco e i disturbi più gravi può essere questione di vita o di morte, cerchiamo quindi di capire come distinguerli.

Che cos’è il bruciore di stomaco?

Il bruciore di stomaco non è una malattia, ma un sintomo. Tra le caratteristiche del bruciore di stomaco ricordiamo:

  • Si presenta dopo i pasti oppure quando si sta sdraiati o chinati.
  • Può durare da poco tempo ad alcune ore.
  • La sensazione di bruciore di stomaco può iniziare nella parte alta dell’addome e irradiarsi verso il collo.
  • Gli acidi gastrici che refluiscono nell’esofago possono lasciarvi un gusto acido in bocca, soprattutto se siete sdraiati.

In condizioni normali gli acidi gastrici non refluiscono nello stomaco, grazie al cardias o sfintere esofageo inferiore. Quest’anello muscolare è una specie di valvola, che si apre solo quando si deglutisce. In alcuni casi, tuttavia, la valvola si rilassa o si indebolisce, e così gli acidi gastrici iniziano a refluire nell’esofago.

La valvola si può aprire leggermente perché il paziente è troppo pesante, perché si consumano pasti troppo abbondanti o ci si sdraia dopo poco tempo dal pasto. Alcuni alimenti, nonché l’eccesso di alcool o di caffeina, possono far rilassare la valvola o aumentare la produzione di acidi gastrici.

Se il bruciore di stomaco è frequente e continuo probabilmente è un sintomo di un disturbo più grave, detto reflusso acido o reflusso gastroesofageo (GERD), che causa il rigurgito cronico degli acidi dallo stomaco nella parte inferiore dell’esofago. Se il GERD diventa cronico, può causare l’esofago di Barrett, un disturbo in cui il colore e la composizione delle cellule della parte inferiore dell’esofago cambiano a causa dell’esposizione ripetuta agli acidi gastrici. L’esofago di Barrett è un fattore di rischio per il tumore all’esofago.

Il bruciore di stomaco può anche essere provocato dall’infiammazione della mucosa gastrica (gastrite), dall’ulcera peptica o da un’ernia iatale, disturbi in cui parte dello stomaco preme sul diaframma e fuoriesce nel torace.

Il dolore al torace può essere causato da altri disturbi dell’apparato digerente?

Il bruciore di stomaco non è l’unico sintomo che può causare il dolore al torace: anche gli spasmi muscolari dell’esofago possono avere lo stesso effetto. Anche il dolore provocato dai calcoli alla cistifellea può irradiarsi verso il torace. Probabilmente avvertirete nausea e un dolore intenso nella parte alta dell’addome, nel mezzo o sulla destra, soprattutto dopo un pranzo abbondante e ricco di grassi. Il dolore, poi, può irradiarsi verso le spalle, il collo o le braccia.

Come si fa a distinguere un infarto?

Può essere difficile o addirittura impossibile capire quali sono le cause del dolore al torace. I sintomi dell’infarto variano considerevolmente da paziente a paziente, e rendono molto difficile o impossibile capire se il disturbo è causato da un infarto o da qualche altro disturbo.

Chi ha avuto un infarto in passato può non rendersi conto che è in corso un altro infarto, perché i sintomi potrebbero essere completamente diversi. In generale, tuttavia, occorre fare attenzione a questi segnale d’allarme che potrebbero preludere a un infarto:

  • Improvvisa sensazione di pressione, di stretta, di compressione o di schiacciamento al centro del torace, che dura per diversi minuti.
  • Lieve dolore o fastidio nella parte superiore dell’addome o del torace: la maggior parte dei sintomi dell’infarto si manifesta con gradualità.
  • Dolore o fastidio che si irradiano verso la schiena, il collo, la mascella, lo stomaco, le spalle o le braccia, soprattutto nel braccio sinistro.
  • Fiato corto e difficoltà respiratorie, con o senza fastidio al torace
  • Fastidio al torace, accompagnato da sudorazione, capogiri, vertigini o nausea
  • Pressione o sensazione di stretta al torace durante l’attività fisica o quando si è sotto stress emotivo

Il sintomo più frequente dell’infarto, sia per gli uomini sia per le donne, è il dolore o il fastidio al torace. Le donne hanno più probabilità di avvertire alcuni degli altri sintomi, come il dolore alla mascella, il mal di schiena, le difficoltà respiratorie, la nausea o il vomito.

Quando chiamare il medico

Gli episodi occasionali di bruciore di stomaco sono molto frequenti. Se invece soffrite spesso di bruciore di stomaco o dovete ricorrere agli antiacidi quasi tutti i giorni, vi consigliamo di andare dal medico. Il bruciore di stomaco, infatti, potrebbe essere sintomo del reflusso gastroesofageo o di un altro disturbo.

Se il bruciore di stomaco sembra peggiore del solito oppure diverso dal solito, e soprattutto se si verifica durante l’attività fisica o è accompagnato da problemi respiratori, sudorazione, capogiro, nausea o dolore che si irradia verso la spalla e il braccio, andate IMMEDIATAMENTE al pronto soccorso.

Questi sintomi, infatti, potrebbero indicare un infarto.

Recatevi anche immediatamente al pronto soccorso se avvertite un dolore al torace diverso dal solito e in passato avete avuto un infarto, soffrite di problemi cardiaci o siete diabetici, siete in sovrappeso o avete il colesterolo alto. Cercate di chiamare l’ambulanza il prima possibile perché la diagnosi immediata e una terapia tempestiva potrebbero salvarvi la vita.

Chiamate quindi il 118 od andate al Pronto Soccorso se:

  • all’improvviso avvertite una stretta al petto, un dolore schiacciante o una sensazione di forte pressione al torace.
  • Il dolore si irradia (si diffonde) verso la mascella, il braccio sinistro o tra le scapole.
  • Avete la nausea o le vertigini, iniziate a sudare, avete il cuore che batte forte o avete problemi a respirare.
  • Già sapete di soffrire di angina e il dolore toracico si intensifica, anche dopo attività fisiche leggere, oppure dura più a lungo del solito.
  • I sintomi dell’angina si verificano quando siete a riposo.
  • Avvertite un dolore acuto e improvviso al torace, accompagnato da difficoltà respiratorie, soprattutto dopo un lungo viaggio, dopo un periodo di inattività forzata (ad esempio dopo un intervento chirurgico), in particolar modo se una gamba è gonfia o più gonfia dell’altra. In questo caso potrebbe trattarsi di un embolo.

Il rischio di infarto aumenta se:

Chiamate il medico se:

  • avete la febbre o se, quando tossite, producete catarro di colore giallastro o verdastro,
  • Avvertite un dolore al torace molto intenso che non scompare,
  • Avete problemi di deglutizione,
  • Il dolore toracico dura più di 3-5 giorni.

Diagnosi

Se pensate di essere in una situazione di emergenza, andate immediatamente al pronto soccorso: è necessario andare al pronto soccorso se il problema al cuore è molto grave, o se la causa del problema è sconosciuta.

Il medico vi visiterà e controllerà i parametri vitali (temperatura, battito cardiaco, frequenza respiratoria, pressione). La visita si concentrerà sul torace, sui polmoni e sul cuore. Il medico vi rivolgerà domande di questo genere:

  • Ha male tra le scapole? Ha male sotto lo sterno? Il dolore si sposta? È da un solo lato?
  • Come descriverebbe il dolore (Dolore grave, strappo, dolore acuto, pugnalata, bruciore, compressione, stretta, pressione, dolore schiacciante, dolore persistente, dolore sordo, dolore forte)?
  • Il dolore si è presentato all’improvviso? Compare tutti i giorni alla stessa ora?
  • Il dolore peggiora con il passare del tempo? Quanto dura?
  • Il dolore si irradia verso la spalla, il braccio, il collo, la mascella o la schiena?
  • Il dolore peggiora quando fa un respiro profondo, tossisce, mangia o si china?
  • Il dolore peggiora dopo l’esercizio fisico? Tende a migliorare dopo il riposo? Sparisce completamente o si attenua soltanto?
  • Il dolore migliora dopo aver assunto la nitroglicerina? Migliora dopo aver bevuto del latte, assunto gli antiacidi o aver ruttato?
  • Soffre anche di altri sintomi?

Gli esami da effettuare dipendono dalla causa presunta del dolore. In molti casi, per prima cosa, saranno eseguiti uno o più degli esami seguenti:

  • esame della troponina, per escludere l’infarto,
  • elettrocardiogramma,
  • ecocardiografia,
  • TAC toracica,
  • radiografia toracica.

Cura e terapia

In caso di dolore toracico, indipendentemente dalla causa, è consigliabile rivolgersi al medico prima di ricorrere a qualsiasi rimedio pratico.

Se avete uno strappo muscolare causato da un trauma, dal sovraccarico o dalla tosse, il torace è dolorante al tatto se premete con un dito sulla zona di origine del dolore. La cura degli strappi muscolari è molto semplice, e prevede il riposo, l’assunzione di paracetamolo o ibuprofene, la borsa dell’acqua calda o del ghiaccio.

Se sapete di avere l’asma o l’angina, seguite le istruzioni del vostro medico e assumete i farmaci con regolarità, per evitare che i disturbi si riacutizzino.

Fonte Principale: NIH (traduzione ed integrazione a cura di Elisa Bruno)

Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. Vale

    Mi scusi ma da circa un ora avverto delle fitte che vanno e vengono sopra seno sinistro che durano qualche secondo e vanno via mi devo preoccupare??stamani ho preso freddo e pioggia puo essere questo o qualcosa di grave ? Puo esdere sintomo infarto??sono molto preoccupata grazie x la sua cortese attenzione

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Il freddo di questa mattina potrebbe spiegare il fastidio, ma ovviamente non posso darle garanzie; nel dubbio senta telefonicamente il suo medico.

    2. Vale

      Ho capito pultroppo il mio dottore no risponde mi scusi queste fitte ci sono ancora sempre uguali non sono ne aumentate ne diminuite ma possono essere sintomi d infarto??durano giusto qualche secondo e vanno via sono molto in ansia

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      A mio avviso no, ma come detto non posso darle le garanzie che solo un medico può fornire.

  2. Anonimo

    Salve ho 17 anni…da due giorni é dei dolori al petto che vanno e vengono…inizialmente al centro, dove si uniscono le costole, se le schiacciavo li sentivo il bruciore…ieri notte il dolore si é spostato sul costato destro…respirando e tossendo il dolore non cambia…un mese fa il dottore mi aveva sentito i polmoni per una visita medica ed era tutto ok. Puó essere legato alla crescita o un infiammazione dei muscoli (magari per aver preso un po di freddo uscendo senza giacca) o é qualcosa di più serio ?

    1. Anonimo

      Un paio di giorni prima che iniziasse il tutto, contraendo gli addominali sentivo dolore al centro del petto dove si uniscono le costole

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Magari un piccolo fastidio muscolare, oppure dolori intercostali, in ogni caso domani senta anche il parere del medico.

    3. Olga

      Può essere d’aiuto sapere che ho il TSH A 4.73? in ospedale hanno detto che è un valore molto basso per la mia età.
      Comunque la ringrazio.

  3. giorgio

    Anche io da qualche tempo ho dolore nella parte destra superiore ,in concomitanza ho il colesterolo alto 260 (misura in farmacia) trigli 132 hdl 45 ldl 107 che vuol dire?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Il dolore ha probabilmente causa diversa, ma va segnalato al medico ed indagato.
      I valori trovati a mio avviso non sono coerenti, sembra esserci un qualche errore.

  4. Anonimo

    Salve ho 25 anni,sei anni fa ho fatto l hotel dove la diagnosi è stata cardiopalmo extrasistole benigne e tachicardia da ansia…sono sempre stata un tipo ansiosa con attacchi di panico…un anno e mezzo fa ho avuto un incidente brutto dove arrivando all ospedale il dottore mi controlla e mi dice che sono tachicardica e mi da 20 gocce per farmi calmare,volevo chiedere se era qualche tachicardia pericolosa me l avrebbe detto?non faccio che pensare quelle parole e poi avvolte tipo oggi fino adesso (forse perché ci penso)sento come dolore al cuore e in corrispondenza alla spalla io mi fisso e non riesco a non pensarci,io ho problemi anche di stomaco e ultimamente che sono andata a farmi visitare da un dott (maggio)mi ha controllato anche il petto e i lati del collo…siccome in questi giorni aspetto il ciclo e le ghiandole del seno sembra che stiano gonfiando,volevo chiedere può essere che sia una ghiandola appoggiata li che mi da fastidio?od ho qualcosa che non và?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Tra esami e visite fatte se ci fosse stato un problema al cuore sarebbe emerso (ed il medico glielo avrebbe segnalato nel referto); può essere che la sindrome premestruale sia causa di dolore, ma ovviamente verifichi con il medico.

    2. Anonimo

      Quindi non cambia niente anche se ho fatto l holter e elettrocardiogramma 6 anni fa?si mi fido del mio dottore,una volta mi ha detto che ho un cavallino per cuore e l ultima volta che mi ha controllato stomaco petto e controllato anche i battiti nel collo non mi ha mai detto niente.Solo che soffro di cattiva digestione e colite perché sono sempre nervosa

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sarebbe sicuramente emerso in 6 anni, stia tranquilla.

  5. Anonimo

    Salve dottore ho 22 anni, ho un dolore al centro del torace, non è tanto un dolore ma una sensazione di freddo, ultimamente sono sempre ansioso e non riesco nemmeno ad andare in bagno, il medico un po’ di giorni fa mi ha diagnosticato una colite. devo dire che prima ho fatto uso di magnesio e potassio per più di un mese. 1 anno e mezzo fa ho fatto un eltettrocardiogramma perchè giocavo a calcio ed è risultato tutto ok, ultimamente sono sempre molto agitato e misurando la pressione la scorsa notte è risultata: 152, 92 con 94 battiti cardiaci…questo dolore può essere collegato alla colite ?
    sono molto preoccupato.
    Il dolore è simile a quando mangio una caramella alla menta, tipo una Golia.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Potrebbe essere un po’ di reflusso, ma il fastidio va comunque segnalato al medico.

    2. Anonimo

      Dottore oggi sono stato all’ ospedale e ho fatto l’ elettrocardiogramma con vari analisi e i medici mi hanno detto che è tutto ok.
      Mi hanno detto che è il reflusso gastrico che crea quel problema, è collegato anch’ esso alla colite e alla difficoltà nella defecazione ?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non è collegato, ma può essere comunque presente.

  6. Carmela

    Ho dolore al braccio destro, allo sterno e mal di testa. Mi devo preoccupare ?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non posso che consigliare di rivolgersi immediatamente al PS.

  7. salvy

    Salve,ho da tempo dolori al petto sinistro,ultimamente in particolare mi sento tirare il braccio sinistro fino alla mano,anche nel respirare avviso fastidio al petto.spesso mi sento anche pungere la schiena sempre a sinistra. Come posso fare?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Visita medica, serve prima di tutto una diagnosi esatta.

  8. Olga

    Buon giorno Dottore..sono una ragazza di 17 anni..da circa 4 anni soffro di ipotiroidismo e prendo il Tirosint. Ma è ormai da due anni che ho sempre grande tachicardia e difficoltà a respirare. Di recente ( a Natale) sono andata in ospedale perché stavo soffocando, il cuore era troppo veloce . In ospedale dissero che si trattava di un attacco di panico.. e che dovevano cambiare la dosi del Tirosint. Fatto questo, i dolori al petto non sn passati…anzi..si intensificano sempre di piu. Oggi ho fatto una visita e mi hanno detto che potrebbe essere legato all’adolescenza, fase in cui è normale avere questi dolori… ovvero: la gabbia toracica si sta espandendo e quindi avverti questi dolori e che probabilmente tratti di un dolore muscolare.
    Però non credo molto a cio che dicono…perché se fosse muscolare appena toccherei la zona in cui avverto il dolore dovrebbe peggiorarmi…cosa che nn succede. Io ho male internamente. Questo dolore è costante. A volte è solo nella parte destra del torace altre nella parte sinistra..altre ancora in entrambi i lati. È un dolore allucinante…come se qualcuno mi stesse schiacciando il cuore e il torace..appena faccio un piccolo respiro peggiora ancora di più. Che devo fare? Di che cosa si tratta? È grave?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi è impossibile fare ipotesi concrete, ma certamente un po’ di ansia può influire sensibilmente; il medico di base cosa ne pensa?

    2. Olga

      Il medico di base mi ha consigliato di fare visite in ospedale..ma dice che siano dolorini intercostali. Nulla di più. Credo che non sia l’ansia, anche perché sostengo di essere una ragazza molto tranquilla…non ho mai avuto attacchi di panico in vita mja..e difficilmente qualcosa puo preoccuparmi a tal punto da non riuscire a respirare.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Proceda con le visite come le è stato consigliato, ma senza paura, i dolori intercostali da crescita possono in effetti spiegare i sintomi (che non necessariamente peggiorano toccando la muscolatura).

  9. Mirko

    Buonasera ho 21 anni e da circa una settimana si è presentato un dolore al centro del petto e alla parte sinistra, sento anche una sensazione di chiusura, di pesantezza.
    Sono stato dal medico curante che ha detto pensa siano dolori intercostali, poi due giorni fa sono andato al pronto soccorso dove hanno eseguito elettrocardiogramma, rx torace, ecografia e analisi del sangue dove non è risultato nulla di alterato quindi mi hanno rimandato a casa con una cura di brufen mattina e sera.. il dolore e quella sensazione prima descritta però non passano, cosa potrebbe essere?

    1. Mirko

      Aggiungo che sento dolore principalmente quando premo su alcune zone del petto come nella parte superiore dello sterno e sotto alle costole a sinistra.. grazie e scusi se non mi sono spiegato benissimo.

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      L’ipotesi del medico (dolori intercostali) è condivisibile.

    3. Mirko

      Ero un pò preoccupato perché alcune sensazioni che ho coincidevano con quelle sopra citate (tipo il senso di pesantezza), meglio così, grazie mille Dottore e scusi il disturbo.

  10. walter

    Salve ho 20 anni è da un paio di giorni che ho un dolore forte nel lato destro, premetto che è da poco che mi è passato lo stesso e identico dolore nel lato sinistro circa un mese fa ( probabilmente un dolore intercostale ), però questa volta il dolore sul lato destro è molto più forte e spesso lo sento anche nella schiena dietro lo scapola. A volte non mi permette di muovermi come vorrei con il braccio destro, di più in assoluto sento dolore quando tendo il braccio destro verso l’interno a chiudere le costole e quando lo apro verso l’esterno ad aprire le costole. Probabilmente se domani non mi passa da solo andrò dal medico, intanto se ha un suo parere mi farebbe molto comodo, grazie in anticipo

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Premesso che sì, è indispensabile il parere del medico, ci sono stati traumi? Sforzi?

    2. Giovanni

      Buonasera,
      sono un uomo di 31 anni, sportivo, valori nella norma (battiti 60 al minuto, pressione 70-120, colesterolo, elettrocardiogramma, buoni). Tuttavia da 4 anni, tutte le volte che corro, avverto degli inquietanti dolori che dalla parte sinistra del petto si irradiano fin sopra la spalla sinistra. Il dolore è abbastanza forte ma non al punto da costringermi ad interrompere la corsa. Poi passa non appena mi fermo. Questo si verifica sempre, dopo un quarto d’ora dall’inizio della corsa. Non succede invece se vado in bicicletta, gioco a calcio o salgo le scale (sto all’ottavo piano) di corsa.
      Ovviamente nel corso di questi 4 anni ho eseguito un paio di visite cardiologiche complete, che tuttavia non hanno riscontrato problemi cardiovascolari. I dottori non mi hanno MAI suggerito di fare un test da sforzo, esame che io invece oggi ho prenotato di testa mia. Il medico curante invece mi ha prescritto dei farmaci contro l’ansia perché ha osservato che la mia respirazione non è regolare a causa della forte ansia di cui sono vittima. Farmaci che io non ho mai preso.
      Secondo lei di cosa può trattarsi? Sono molto in ansia e ho paura di soffrire di cuore, in attesa della prova da sforzo, che sarà giorno 26. Ho fatto bene a prenotare l’esame sebbene non mi sia stato richiesto?
      Grazie

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      La mia sensazione è che la causa sia proprio l’ansia, ma mi tenga al corrente sull’esito della prova da sforzo.

  11. Anonimo

    Salve dottore ho 15 anni oggi mio fratello di 10 anni per sbaglio mi è salito sopra il petto con i piedi forte e mi a fatto male ora ho un dolore al.petto quando mi smuove avolte viene e avolte se ne va e quando grido mo fa male cosa può essere ? Soffro d’ansia potrebbe essere che mi sono fissato io ? Ho preso una Tachipirina e poi ho messo la lasonil?

    1. Anonimo

      Un’altra cosa oggi devo andare a gioca al pallone quindi corro e grido posso andare

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Potrebbe essere solo un po’ di ansia, ma se continuasse a fare male raccomando comunque una visita per verificare.

    3. Anonimo

      Dottore sono andato alla guarda medica mi anno visita e mi anno detto sto bene devo prendere solo la Tachipirina grazie

  12. Anna

    Buonasera, circa due anni fa ho incominciato ad avvertire un forte dolore al centro del petto accompagnato da una pressione e da tuffi al cuore, ultimamente il dolore è meno frequente per lo più la mattina appena alzata, la sensazione di pressione e tuffi quelli ci sono sempre va meglio quando sono sdraiato,premetto che sono stata in ospedale monitorata per tre giorni facendo anche una prova da sforzo,mi hanno diagnosticato piccole calcificazione sparse ed estradizione consigliando l,Holter ho 54. Anni mio padre ha avuto un infarto mio fratello 56 ne è morto
    Grazie1

  13. Anna

    No, è previsto per giugno, mia hanno consigliato anche un controllo alla colonna vertebrale

    1. Ann

      No, sto comunque prendendo il pantoprazolo, prendo anche la cardioaspirina e una compressa da. 10 mg per il colesterolo,{non sono grassa, finché non ho avuto questo problema che mi fa sentire subito affaticata ,anche semplicemente camminando , andavo in palestra

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Onestamente non mi sento in grado di formulare giudizi, ma il fatto che in ospedale non sia emerso nulla è sicuramente un motivo di ragionevole tranquillità.

  14. grazia

    buongiorno dottore. E’ da 3 giorni che ho dolore alla parte alta del petto del lato sinistro e al braccio. Ho preso un antidolorifico ma il dolore è sempre uguale. Ad ottobre scorso ho fatto un eco al cuore ed era tutto ok.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Le cause potrebbero essere mille, per esempio un banale dolore muscolare, ma non posso che consigliarle di verificare con il medico (in prima battuta può essere sufficiente anche telefonicamente).

  15. mozzy

    Salve ,ho un dolora dalle cinque circa che parte dal centro del petto sopra il seno e si ripercuote anche dietro nello stesso punto della schiena,si espande verso sinistra daventi e dietro anche verso destra e ho avvertito anche un fastidio alla bocca,non é continuo ma quando viene é molto forte e dura per parecchi minuti,da ieri ho la tosse e da poco é diventata leggermente catarrosa e tossendo avverto un pó di dolore.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Forse reflusso, ma è quasi come tirare ad indovinare; raccomando di verificare con il medico (eventualmente con la guardia medica od al PS in caso di peggioramento dei sintomi).

  16. Silvia

    Buonasera, sono una ragazza di 23 anni e godo di buona salute generale. A causa di extrasistolia ho svolto, nel corso dei mesi, un po’ di esami quali: vari ECG, due holter, ecocolordoppler, ecocardio, visita cardiologica ed esami del sangue; tutto ciò ha evidenziato una tachicardia sinusale ed extrasistolia sporadica. I medici mi hanno detto che sono disturbi comuni e che il mio cuore è sano. Da una settimana, però, ho durante tutto il giorno fastidi e fitte al torace , bocca dello stomaco, e spalle/braccia, che a volte durano qualche secondo, a volte un po’ di più.
    La cosa mi causa parecchia ansia e, nonostante tutti gli esami fatti, sono convinta che sia il cuore.
    Soffro anche di gastrite e reflusso, possono essere rilevanti?
    Non sono ancora riuscita ad andare dal medico a causa del lavoro, mi piacerebbe ricevere un suo consiglio.
    Grazie mille.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Da verificare con il medico, ma sembra un peggioramento del reflusso.

    2. Silvia

      Grazie per il parere, in effetti i fastidi peggiori li ho dopo mangiato e due settimane fa sono stata poco bene per nausea. Inoltre, quando cammino all’aria aperta, sto meglio..forse perché svanisce anche l’ansia. Mi rivolgeró comunque al mio medico. Grazie ancora.

  17. Antonio

    Buongiorno dott. sono un ragazzo di 32 anni da un’anno accusò dolori al petto e al braccio sinistro e mi si addormentano le mani o fatto un ricovero 3 mesi fa e nn è emerso nulla. Ora da circa 2 mesi o sempre questi dolori che si alternano e in più muco schiumoso che espello ogni giorno. Sono stato in pronto soccorso per il muco e giramenti di testa, mi hanno fatto un rx torace con risultato:assenza di lesioni pleurico-polmonari, ombra cardiaca nella norma.poi un’altra visita dall’otoringoiatria con esitò:attualmente faringite cronica. Deviazione a destra del setto nasale.laringoscopia diretta a F.O. odierna negativa per punti sanguinanti faringi-laringei. Dopo tutte queste visite mi hanno detto di fare una visita pneumologia perché fumo 20 sigarette al giorno e sono 15 anni che fumo. O chiesto il perché e mi hanno risposto che potrei avere un tumore hai polmoni. La mia domanda è con questi dolori che o da circa un’anno e menzo il tumore se c’era nn si doveva vedere nel rx. Grazie in anticipo e scusate x la domande.

  18. Antonio

    In finale mi hanno detto ke dovrei fare quella visita col sondino per verificare i bronchi.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi perdoni la domanda, è stata esclusa una forma ansiosa?
      Reflusso gastroesofageo?

  19. Antonio

    Si sono solo preoccupati del muco schiumoso e dei dolori al braccio e la sensazione di pesò sul petto.

  20. Antinio

    Dott. mi scusi ma se accusò questi dolori da un’anno è qualcosa doveva risultare su un rx torace. Tre mesi fa mi sono ricoverato in ospedale per questi dolori. Io mi curavo da un’anneto per infezione cronica dell’intestino cosa ke in ricovero con la seconda colon non c’era più ma c’era un polipetto. Poi due calcoli renali e la tiroide di volume ingrossato con una piccola ciste di 6 mm. Grazie per la sua disponibilità

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Onestamente non credo che sia un tumore, ma il mio parere non conta nulla, raccomando di procedere con gli esami consigliati.

  21. Antonio

    Ho fatto pure le prove allergiche sulle spalle perché una macchia sul polpaccio che mi gratto di continuo e sono allergico al timerosal e al balsamo del Perù credo dì averlo scritto in maniera corretta.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma onestamente temo che sia un caso al di là delle mie competenze.

  22. Antonio

    Mi scusi. La mia domanda era solo se su un rx doveva uscire qualcosa. Grazie della sua disponibilità.

  23. Chiara

    Buongiorno dottore,
    Corca un mese fa ho cominciato a soffrire di mal di stomaco.. Ho fatto diversi accertamenti e alla fine mi hanno detto che soffro di colon irritabile. Più o meno nello stesso periodo mi sono cominciate delle fitte al petto, si erano calmate, ma ora mi stanno tornando. A dicembre ho fatto l’elettrocardiogramma per fare palestra ed è risultato tutto a posto. Per curiosità la settimana scorsa ho fatto gli esami del sangue generali e il medico mi ha detto che non ho problemi. A cosa possono essere dovute le fitte che ho? Ho paura degli infarti

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Reflusso, per esempio, ma non escludiamo che possa essere ansia.

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Senta prima di tutto il medico, per una corretta diagnosi.

  24. Edo

    Salve, un’oretta e mezza fa ho avuto una fitta durata un paio di minuti al centro del petto sul lato sinistro. Dopo 30-40 minuti stessa cosa e adesso mentre scrivo ho lo stesso dolore ma questa volta sta durando da 5-6 minuti.
    Ho 21 anni, sono molto ansioso e mi sto preoccupando assai.
    Stamattina sono andato in bici, vestito un po’ leggero e ho accusato un po’ il vento, ma non credo di aver preso abbastanza freddo da giustificare questo dolore.
    Gradirei un consiglio, una rassicurazione. Grazie.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Un colpo d’aria, un dolore intercostale, l’ansia, … sono tutte cause plausibili, ma ovviamente se persistesse verifichi con il medico.

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non posso escludere nulla, ma con 21 anni non mi sarebbe nemmeno venuto in mente.

Lascia una risposta

IMPORTANTE: In nessun caso la figura del farmacista può sostituire quella del medico, unico professionista con le competenze e la possibilità legale di formulare diagnosi e prescrivere farmaci. Le considerazioni espresse hanno quindi come unica finalità quella di agevolare in ogni modo il rapporto medico-paziente, mai ed in nessun caso devono prenderne il posto.

Gli interventi inviati potrebbero richiedere fino a 15 minuti per essere visibili sul sito.

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.