Candida: sintomi, cura e prevenzione

Ultimo Aggiornamento: 1637 giorni

Introduzione

La candida (o candidosi) è un’infezione piuttosto comune provocata dalla candida albicans, un fungo saprofita normalmente presente in diversi distretti del corpo umano (bocca, vagina, …) che in determinate condizioni può diventare patogeno (ossia causa di malattia).

La candida di solito colpisce le zone calde ed umide del corpo umano, come ad esempio la bocca (provocando mughetto), e le aree della pelle più soggette a sudorazione e umidità. Quando provoca un’infezione vaginale viene definita candidosi vulvovaginale. Le infezioni vaginali da candida sono molto comuni tra le adolescenti e le donne adulte: il 75 per cento circa delle donne prima o poi nella vita sarà colpita dalla candidosi.

Le infezioni vaginali da candida possono causare: dolore, prurito, rossori, perdite vaginali torbide e di colore bianco, dolore durante la minzione e, a volte, macchie bianche sulla pelle della zona vaginale.

Nella maggior parte dei casi le infezioni da candida possono essere evitate tenendo asciutta e pulita la zona genitale, in caso di infezione il medico può prescrivere una terapia appropriata che faccia scomparire i sintomi in un giorno o due e curi l’infezione entro una settimana.

Foto

http://en.wikipedia.org/wiki/File:Oralcandi.JPG

http://en.wikipedia.org/wiki/File:Oralcandi.JPG

Cause

La candida è normalmente presente in piccole quantità sulla pelle e all’interno della cavità orale, dell’apparato digerente e della vagina, senza causare alcun disturbo. La quantità di candida nel corpo umano è controllata dal sistema immunitario sano e da alcuni batteri buoni.

I sintomi compaiono quando la candida presente nel corpo prolifera in maniera anomala e causa un’infezione. Ad esempio, se il sistema immunitario è indebolito (a causa di una malattia o di farmaci come i chemioterapici, cortisonici, antibiotici), la candida può moltiplicarsi all’interno della vagina e provocare i sintomi della candidosi.

Spesso la proliferazione eccessiva della candida si verifica dopo l’assunzione di antibiotici contro un’infezione batterica (ad esempio un’infezione da streptococco alla gola), poiché gli antibiotici possono eliminare anche quei batteri che normalmente impediscono alla candida di proliferare. La candida può anche crescere eccessivamente nelle donne con la glicemia alta, quindi le donne affette da diabete non monitorato sono maggiormente a rischio di infezioni da candida.

La candida può proliferare negli ambienti umidi e bui, quindi gli abiti (soprattutto la biancheria intima) troppo stretti o fatti di materiali come il nylon che intrappolano il calore e l’umidità potrebbero favorire la comparsa dell’infezione.

Con lo sviluppo e la pubertà i cambiamenti ormonali possono rendere le ragazze maggiormente soggette alle infezioni da candida: a volte queste infezioni si presentano subito prima del ciclo mestruale.

Anche le donne incinte sono maggiormente soggette alle infezioni da candida, ma questa non rappresenta alcun pericolo per la gravidanza.

La candidosi è meno probabile nelle bambine ancora in fase prepuberale, ma è comunque possibile anche nel loro caso; se vostra figlia si lamenta per prurito o per una sensazione di disagio nella zona vaginale è importante consultare il suo medico.

Sintomi

I sintomi variano chiaramente a seconda della zona interessata, le infezioni vaginali possono provocare:

  • dolore,
  • prurito,
  • irritazione,
  • arrossamento,
  • perdite vaginali grigio-biancastre,
  • dolore durante la minzione,
  • macchie bianche sulla pelle della zona vaginale.

In caso di infezioni genitali maschili si rileva:

  • rossore,
  • piccole piaghe,
  • prurito,
  • bruciore.

Per ultimo le infezioni orali (mughetto) presentano sopratutto puntini o macchie bianche in bocca e sulla lingua, facilmente asportabili. Nei neonati può essere causa di fastidio durante la suzione o l’uso del succhiotto.

Cura e terapia

In caso di sintomi di infezione da candida, come il prurito o perdite vaginali anomale, ci si deve rivolgere al medico o al ginecologo. Ci sono anche altre infezioni che possono causare sintomi analoghi, ma richiedono terapie diverse; eventualmente il medico può prelevare un campione di urina (per evidenziare l’eventuale presenza di infezioni dell’apparato urinario) e di fluidi vaginali da esaminare al microscopio.

Vengono di norma prescritte una crema vaginale, delle pastiglie o delle candelette che faranno scomparire velocemente i sintomi in pochi giorni e l’infezione entro una settimana.

Infezioni orali vengono trattate con gel orali o sciroppi specifici. Nei neonati può essere utile l’utilizzo di una soluzione di bicarbonato.

Prevenzione

Nella maggior parte dei casi, è possibile prevenire le infezioni da candidosi vaginale usando saponi non profumati ed evitando gli spray o le lavande vaginali. Per alcune donne alcuni gel da bagno, lozioni o detersivi per il bucato possono causare irritazioni che, a loro volta, possono favorire la comparsa della candidosi. Si consiglia quindi l’uso di prodotti per l’igiene intima delicati e non profumati.

Può anche essere utile indossare biancheria intima di cotone, che non intrappola l’umidità e non impedisce la circolazione dell’aria. Sono poi fattori di rischio abiti troppo stretti e attillati o fatti di materiali come il nylon che possono intrappolare il calore e l’umidità (come i jeans stretti, la biancheria di nylon e i collant).

Dopo il nuoto o l’esercizio fisico effettuato indossando costumi e abiti di cotone molto stretti, è importante cambiarsi velocemente il costume o l’abito umido o sudato per mettersi dei vestiti asciutti.

Traduzione e integrazione a cura di Elisa Bruno

Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. Eufemia

    Salve, buonasera avrei bisogno di un consiglio… Da lunedì ho un bruciore intimo con prurito e bruciore quando faccio la pipì e anche un po di mal di schiena … In attesa che il mio ginecologo torni dalle vacanze, sono andata in farmacia e mi hanno consigliato un detergente intimo e gynocanesten crema… È da tre giorni che ne sto facendo uso,(la crema la uso all’esterno)il prurito è scomparso, ma mi brucia ancora un po quando faccio pipì e anche il mal di schiena, le perdite sono pochissime … Di Cosa può trattarsi?è candida? Ed è normale che ci vogliano un po’ di giorni affinché si allevi il fastidio??? La ringrazio

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Può essere anche cistite visto il bruciore, serve una visita però, così è difficile aiutarla, intanto può provare ad assumere un integratore a base di mirtillo rosso, aiuto valido per la cistite, chieda consiglio al farmacista.

  2. Chiara

    Salve sono in gravidanza.. e già la seconda volta che mi capita.. avevo sottovalutato il tutto ma adesso credo sia importante informarmi e curare… La scorsa volta, ho eseguito anche le analisi alle urine e risultava presente la cistite.. adesso il problema si è ripresentato.. Troppo fastidio. Dolore intenso. Difficoltà anche ad avere rapporti visto il dolore e inoltre le perdite a grumi, soprattutto durante un rapporto veniamo cosparsi da questi pezzettini bianchi simili a ricotta. Cosa dovrei fare??

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Visita ginecologica per una diagnosi certa e le confermo l’importanza di non sottovalutarla data la gravidanza.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Visita medica, se verrà confermata la diagnosi verrà prescritta la cura più appropriata.

  3. Curiosa

    Buonasera, da domenica sto curando la candida (che non mi ha dato nè perdite nè dolore alla minzione, “solo” bruciore, prurito e macchie bianche) con il Gyno Canesten crema. La situazione è molto migliorata peró sia ieri che oggi, dopo aver fatto pipì nel pomeriggio, ho notato piccole tracce ematiche rosate. Il mattino e la sera (almeno ieri sera) non le ho riscontrate. Il ciclo lo aspetto la prossima settimana e mi chiedevo perchè avessi queste piccole perdite (non accompagnate da nessun sintomo). Grazie mille per il consulto.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Potrebbero essere legate all’infezione, oppure a un piccolo capillare rotto per esempio; se persistessero raccomando di sentire il medico.

    2. Curiosa

      Grazie per la risposta. Ho notato che le perdite non provengono dall’interno, bensì da due o tre micro lesioni esterne, una vicino all’orifizio vaginale, una al di sopra del clitoride e una fra vagina e zona anale. Mi danno un sottilissimo bruciore di modesta durata dopo averle “stuzzicate” con tamponamento da asciugamano/carta igienica e aver spalmato creme. Quando vi applico il Gyno Canesten brucia abbastanza, ma anche quando applico la crema Saugella rosa lenitiva alla calendula, anche se in misura minore. Secondo lei cosa devo fare? Provo a non applicare creme per vedere se migliora? Grazie ancora.

    3. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, se la cura prescritta per la candida è terminata, si, non metta più nulla e si lavi con prodotti specifici intimi Saluti.

  4. Sara

    Salve dottore, ha seguito dei tamponi vaginali, sono state riscontrate dei mycoplasmi e candida. La ginecologa mi ha dato la cura con miraclin, antibiotico più fermenti lattici. Domani termino la cura insieme a mio marito, ma da oggi ho un forte bruciore intimo…questo è sinonimo che magari l infezione sta andando via oppure mi devo preoccupare? Grazie mille.

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, può dipendere dai farmaci che ha assunto, potrebbero aver causato secchezza vaginale,ma serve comunque una valutazione ginecologica per valutare la situazione.

  5. Anonimo

    Buona sera dottore le volevò fare una domanda ogni tanto mi capita che dopo un rapporto sessuale il giorno dopo o cmq ore dopo mi escono dei brufoletti intorno al buco. Cosa può essere? ? E preoccupante?

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, probabilmente un’irritazione della zona da depilazione, niente di preoccupante.

  6. D.P.

    Salve. Il mio partner ha riscontrato la candida. Gli sono stati prescritti alcuni medicinali e inoltre gli è stato detto che anche io dovrei seguire una cura, ma io noon ho assolutamente nessun sintomo della candida. La devo seguire ugualmente? Dopo quando tempo si manifesta se sono stata contagiata? Grazie mille.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, sarebbe preferibile seguirla, potrebbe averla senza sintomi.

  7. Anonimo

    Buona sera .. a ottobre dell’anno scorso ho fatto il mio primo pap test e da li ho scoperto di avere la candida lo curata cn ovili pastiglie ecc ma la candida persiste generalmente nn ho mai avuto sintomi e sto continuando a fare pap test +cure tramite prevenzione serena… adesso il 27 vado a ritirarlo. Tra l’altro fino a maggio ho fatto uso regolare di nuvaring x un totale di quasi due anni.. in sti due tre giorni ho fastidio e leggero prurito alle piccole labbra ( io le ho sporgenti ).. senti un po’ di prurito e un leggero bruciore e guardandomi cn lo specchio ho notato che all’uscita del buco o delle perdite filamentose biancastre secondo lei è associato alla candida?? Xk dopo tutto sto tempo e cure fatte nn passa???

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, sì è possibile che sia ancora candida, ha fatto uso di antibiotici recentemente? perchè potrebbero essere la causa della reinfezione; si faccia rivalutare dal ginecologo, se non guarisce si dovrebbe variare la terapia. Saluti.

    2. Anonimo

      Antibiotici no ho però antidolorifici. . E cmq sn in attesa del referro del pap test+colposcopia cHe mi fanno fare finché nn risulta tutto negativo. . Lo ritiro il 27 e ogni volta che vado a ritirarlo xk e da ottobre dell’anno scorso che vado avanti mi danno sempre terapia che sia ovuli o pastiglia.. Ma c’è ancora.. e tra l’altro in questi mesi ho fatto anche tampone vaginale dove eusvito candida albicans.. e infiammazione ma secondo lei può essere che la candida copre un papilloma o qualcosa di più grave?? Tipo malattia a trasmissione sessuale o sarebbe uscito ?? Adesso è tee o quattro mesi che mi fanno la colposcopia assieme al pap test. . Cosa ne pensa?

  8. Anonimo

    Buona sera dottore le volevò chiedere una cosa. . Allora io ho scoperto circa un anno fa di avere la candida e lo scoperto dal primo pap test ho fatto anche un tampone ed risultata candida albicans o fatto cure cn ovuli l’antibiotico ecc ma questa candida persiste l’unica cosa è che io nn ho mai avuto i classici sintomi… Ma ogni tanto solo prurito le perdite anche ogni tanto dei filamenti biancastri ma pochissima roba. . E sto continuando a fare il Pap test da prevenzione serena finché nn risulta negativo.. il problema è che sto frequentando un ragazzo e lo abbiamo fatto senza preservativo quindi so perfettamente che c’è il rischio di averglela attaccata.. Ma la mia domanda è 1 il perché nonostante le cure fatte (in questi giorni o avvertito un po di fastidio e sto usando la crema ginocanesten ) lei continui ad essere li. E 2 ovviamente in sti giorni xhe ho il prurito mi astengo dai rapporti ma se io facessi a lui un rapporto orale rischio di attaccarmi il tutto in bocca?? 3 in sti giorni ho mangiato parecchie schifezze tanti formaggi ecc e possibile che un peggiotemento sia avvenuti x questo o xk ho avuto rappirti in sti giorni?? Prenetto che col mio ex ho sempre avuto rapporti nn protetti in questo anno ( mi sono lasciata da poco) ma nn ho mai avuro pruriti ecc cmq sto cercando anche di cambiare alimentazione e di mangiare meno zuccheri e carboidrati.. lei cosa ne pensa? ?

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, dovrebbe parlarne col ginecologo, è possibile che avendo avuto rapporti non protetti vi stiate ri-contagiando a vicenda, comunque prenderei in considerazione un altro tipo di cura o di via di somministazione del farmaco. Se ha fatto di recente terapie antibiotiche possono aver influito, provocando persistenza o riattivazione dell’infezione stessa. I rapporti orali in questa situazione sono ovviamente sconsigliabili, mi raccomando comunque di valutare il tutto col ginecologo. Saluti.

  9. Nikol

    Buonasera, sono in 27 settimana di gravidanza e purtroppo mi è venuta la candida dopo 2 gg di aver assunto l’antibiotico, devo fare ancora 4 gg per finire il ciclo del antibiotico ma stamattina ho cominciato d’avere forte prurito arrosamenti nella zona vaginale stessi sintomi ogni volta quadro Prendo antibiotici ..ma era da un anno e mezzo che non avevo questo disturbo fin adesso. .so che devo andare a farmi vedere e visitare ma volevo sapere visto che sono in 27 settimane di gravidanza se basta prendere qualcosa in farmacia per diminuire prurito o anzi risolvere senza dover avere una ricetta dal medico ecc

  10. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
    Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

    Buongiorno, è possibile usare alcune creme antimicotiche per cercare di ridurre e eliminare il problema ma è sempre meglio farsi prima valutare da un medico.saluti

  11. Anonimo

    Gentile dottore buonasera
    Volevo chiederle un parere.
    Dunque le premetto che assumo la pillola anticoncezionale, e non è la prima volta che ho un leggero fastidio quale un prurito intimo esterno. Sto utilizzando Gynocanesten detergente e crema per alleviare il fastidio .
    Però dopo essermi lavata , nell asciugarmi ho notato una sorta di “muco bianco ”
    Potrebbe trattarsi di candida dalla descrizione che le ho fatto?
    Grazie dell attenzione

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, le perdite da candida sono sì biancastre, tipo ricotta come consistenza e aspetto. Se il problema si presenta da quando ha iniziato la pillola lo segnalerei al ginecologo, e sarebbe comunque utile una valutazione per capire di cose si tratti nello specifico. Saluti.

  12. Marina

    Salve..da questa mattina credo di avere la candida….ho prurito….dolore…perdite e intorno alla vagina abbastanza gonfio. ..cosa posso fare??

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Visita medica, se verrà confermata l’ipotesi verrà prescritta una cura specifica.
      Per questa sera e domani mattina può lavarsi con il bicarbonato.

  13. Anonimo

    Salve ho un problema e da due mesi che cerco una gravidanza e sono stata molto attenta al l’ovulazione ma dopo avere avuto un rapporto completo il giorno del l’ovulazione il giorno seguente ho avuto perdite di sangue e dopo di ciò ho avuto delle perdite di muco di pessimo odore tipo di pesce marcio ma adesso mi fa male il seno quindi penso che sta arrivando il ciclo penso di essere sterile

Lascia una risposta

IMPORTANTE: In nessun caso la figura del farmacista può sostituire quella del medico, unico professionista con le competenze e la possibilità legale di formulare diagnosi e prescrivere farmaci. Le considerazioni espresse hanno quindi come unica finalità quella di agevolare in ogni modo il rapporto medico-paziente, mai ed in nessun caso devono prenderne il posto.

Gli interventi inviati potrebbero richiedere fino a 15 minuti per essere visibili sul sito.

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.