Candida: sintomi, cura e prevenzione

Ultimo Aggiornamento: 988 giorni

Link sponsorizzati

Introduzione

La candida (o candidosi) è un’infezione piuttosto comune provocata dalla candida albicans, un fungo saprofita normalmente presente in diversi distretti del corpo umano (bocca, vagina, …) che in determinate condizioni può diventare patogeno (ossia causa di malattia).

La candida di solito colpisce le zone calde ed umide del corpo umano, come ad esempio la bocca (provocando mughetto), e le aree della pelle più soggette a sudorazione e umidità. Quando provoca un’infezione vaginale viene definita candidosi vulvovaginale. Le infezioni vaginali da candida sono molto comuni tra le adolescenti e le donne adulte: il 75 per cento circa delle donne prima o poi nella vita sarà colpita dalla candidosi.

Le infezioni vaginali da candida possono causare: dolore, prurito, rossori, perdite vaginali torbide e di colore bianco, dolore durante la minzione e, a volte, macchie bianche sulla pelle della zona vaginale.

Nella maggior parte dei casi le infezioni da candida possono essere evitate tenendo asciutta e pulita la zona genitale, in caso di infezione il medico può prescrivere una terapia appropriata che faccia scomparire i sintomi in un giorno o due e curi l’infezione entro una settimana.

Foto

http://en.wikipedia.org/wiki/File:Oralcandi.JPG

http://en.wikipedia.org/wiki/File:Oralcandi.JPG

Cause

La candida è normalmente presente in piccole quantità sulla pelle e all’interno della cavità orale, dell’apparato digerente e della vagina, senza causare alcun disturbo. La quantità di candida nel corpo umano è controllata dal sistema immunitario sano e da alcuni batteri buoni.

I sintomi compaiono quando la candida presente nel corpo prolifera in maniera anomala e causa un’infezione. Ad esempio, se il sistema immunitario è indebolito (a causa di una malattia o di farmaci come i chemioterapici, cortisonici, antibiotici), la candida può moltiplicarsi all’interno della vagina e provocare i sintomi della candidosi.

Spesso la proliferazione eccessiva della candida si verifica dopo l’assunzione di antibiotici contro un’infezione batterica (ad esempio un’infezione da streptococco alla gola), poiché gli antibiotici possono eliminare anche quei batteri che normalmente impediscono alla candida di proliferare. La candida può anche crescere eccessivamente nelle donne con la glicemia alta, quindi le donne affette da diabete non monitorato sono maggiormente a rischio di infezioni da candida.

La candida può proliferare negli ambienti umidi e bui, quindi gli abiti (soprattutto la biancheria intima) troppo stretti o fatti di materiali come il nylon che intrappolano il calore e l’umidità potrebbero favorire la comparsa dell’infezione.

Con lo sviluppo e la pubertà i cambiamenti ormonali possono rendere le ragazze maggiormente soggette alle infezioni da candida: a volte queste infezioni si presentano subito prima del ciclo mestruale.

Anche le donne incinte sono maggiormente soggette alle infezioni da candida, ma questa non rappresenta alcun pericolo per la gravidanza.

La candidosi è meno probabile nelle bambine ancora in fase prepuberale, ma è comunque possibile anche nel loro caso; se vostra figlia si lamenta per prurito o per una sensazione di disagio nella zona vaginale è importante consultare il suo medico.

Sintomi

I sintomi variano chiaramente a seconda della zona interessata, le infezioni vaginali possono provocare:

  • dolore,
  • prurito,
  • irritazione,
  • arrossamento,
  • perdite vaginali grigio-biancastre,
  • dolore durante la minzione,
  • macchie bianche sulla pelle della zona vaginale.

In caso di infezioni genitali maschili si rileva:

  • rossore,
  • piccole piaghe,
  • prurito,
  • bruciore.

Per ultimo le infezioni orali (mughetto) presentano sopratutto puntini o macchie bianche in bocca e sulla lingua, facilmente asportabili. Nei neonati può essere causa di fastidio durante la suzione o l’uso del succhiotto.

Cura e terapia

In caso di sintomi di infezione da candida, come il prurito o perdite vaginali anomale, ci si deve rivolgere al medico o al ginecologo. Ci sono anche altre infezioni che possono causare sintomi analoghi, ma richiedono terapie diverse; eventualmente il medico può prelevare un campione di urina (per evidenziare l’eventuale presenza di infezioni dell’apparato urinario) e di fluidi vaginali da esaminare al microscopio.

Vengono di norma prescritte una crema vaginale, delle pastiglie o delle candelette che faranno scomparire velocemente i sintomi in pochi giorni e l’infezione entro una settimana.

Infezioni orali vengono trattate con gel orali o sciroppi specifici. Nei neonati può essere utile l’utilizzo di una soluzione di bicarbonato.

Prevenzione

Nella maggior parte dei casi, è possibile prevenire le infezioni da candidosi vaginale usando saponi non profumati ed evitando gli spray o le lavande vaginali. Per alcune donne alcuni gel da bagno, lozioni o detersivi per il bucato possono causare irritazioni che, a loro volta, possono favorire la comparsa della candidosi. Si consiglia quindi l’uso di prodotti per l’igiene intima delicati e non profumati.

Può anche essere utile indossare biancheria intima di cotone, che non intrappola l’umidità e non impedisce la circolazione dell’aria. Sono poi fattori di rischio abiti troppo stretti e attillati o fatti di materiali come il nylon che possono intrappolare il calore e l’umidità (come i jeans stretti, la biancheria di nylon e i collant).

Dopo il nuoto o l’esercizio fisico effettuato indossando costumi e abiti di cotone molto stretti, è importante cambiarsi velocemente il costume o l’abito umido o sudato per mettersi dei vestiti asciutti.

Traduzione e integrazione a cura di Elisa Bruno


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. Sara

    Buongiorno dottore, in seguito ad una vaginite e dopo averne anche seguito la cura un secondo ginecologo mi ha prescritto una terapia di supporto con gli ovuli monogin vista la mia paura e sospetto che qualche sintomo potesse tornare. Mi chiedevo se fosse normale che questi ovuli mi provocassero bruciore che prima non avevo, soprattutto in prossimità di quando li ho messi ma anche un po’ durante la giornata magari dopo aver fatto pipì o anche lo stesso uso del detergente intimo quando mi lavo. La ringrazio in anticipo per la sua risposta

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      No, non dovrebbe succedere; può essere che ci sia una qualche sostanza che le dà fastidio.

    2. francesca

      O fatto la cura diverse volte senxa esito positivo .come posso convivere con questo fastidioso male.che cura devo fare x guarire

  2. Rosaria

    Salve dottore. A distanza di circa un mese e mezzo posso riprendere il Diflucan 150 per scongiurare possibili ricomparse e visto che comunque ho l’impressione di non essere guarita al 100%. Tra le altre cose prendo la yasminelle e volevo sapere se il diflucan poteva avere qualche controindicazione se assunto insieme alla yasminelle

  3. Ambra

    Buona sera dottore, volevo un consiglio su quali farmaci usare per la candita vaginale…..se devo assumere per via orale delle compresse o semplicemente un ciclo di ovuli e lavande……eventualmente quale casa farmaceutica devo acquistare. La ringrazio anticipatamente.

  4. Anonimo

    Salve, accuso bruciore, prurito e dolori durante i rapporti sessuali alla vagina. Ho fatto una visita ginecologica il mese scorso per problemi ricorrenti di cistite ma la dottoressa a cui mi sono rivolta non aveva riscontrato nessun problema riguardante la candida. Come posso procedere per alleviare il fastidio? Devo nuovamente rivolgermi alla mia ginecologa, oppure c’è un prodotto specifico che posso utilizzare che non necessiti di prescrizioni?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Quello che serve è prima di tutto una diagnosi, quindi il parere della ginecologa è indispensabile.

  5. Laura

    Sto prendendo Levoxacin per curare un’infezione vaginale da stafilococco aureo e arrivata al settimo giorno di 10 credo che mi sia venuta una leggera candida… Ieri sera ho iniziato ad avere un forte prurito in zona anale senza un apparente motivo, ho messo una crema e ho provato a non sfregare troppo, ma mi sono comunque irritata e da stamattina ho un prurito-pizzicore in zona vaginale con perdite e sensazione di umidità continua. La mia ginecologa prima del risultato del tampone per stafilococco mi aveva consigliato Immunovag. Finito l’antibiotico penso di cominciare a usarlo… Le volevo chiedere, secondo lei può essere efficace per eliminare il problema? Non mi sembra forte come candida, solo un po’ fastidiosa.

  6. maria

    Il ginecologo mi ha prescritto acticand 30 quando devo assumerla prima o dopo il ciclo?

  7. Lia

    Buongiorno dottore. Ho acquistato in farmacia la crema Canesten avendo ancora dei fastidi intimi, dopo aver fatto la prima applicazione faccio caso al fatto che sullo scatolo c’è scritto Canesten 1% crema Clotrimazolo, mentre invece sul sito avevo visto Canesten Unidie 1% crema Bifonazolo. Io l’ho applicata sulla vulva, è corretta la prima crema?

  8. lella

    Buongiorno! Sto usando la crema gyno canesten con applicatore interno per un episodio di candida. Avendo un ritardo nel ciclo vorrei fare un test di gravidanza. Le domando se l’esito del test può essere influenzato dalla presenza della crema. Grazie!

Lascia una risposta

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.