Borsite: sintomi, cause, cura e prevenzione

Ultimo Aggiornamento: 1604 giorni

Link sponsorizzati

Introduzione

La borsite è un disturbo che colpisce le borse, i piccoli cuscinetti che si trovano tra le ossa e i tendini o muscoli, in prossimità delle articolazioni. La borsite è in particolare l’infiammazione delle borse.

Le zone colpite con maggior frequenza dalla borsite sono

  • le spalle,
  • i gomiti,
  • il bacino;

il disturbo può anche presentarsi

  • nel ginocchio,
  • nel tallone,
  • alla base dell’alluce.

La borsite si verifica con maggior frequenza in quelle articolazioni che si muovono molto ed in modo ripetitivo.

La terapia di solito consiste nel mettere a riposo l’articolazione colpita e nel proteggerla da ulteriori traumi. Nella maggior parte dei casi il dolore scompare dopo poche settimane di terapia, ma gli episodi ricorrenti di borsite sono tutt’altro che rari.

Cause

Le cause più frequenti della borsite sono i movimenti ripetitivi o le posizioni scorrette che irritano le borse intorno all’articolazione. Tra di essi ricordiamo:

  • Lanciare qualcosa o sollevare qualcosa sopra la testa molte volte di seguito,
  • Appoggiarsi sui gomiti per lunghi periodi di tempo,
  • Inginocchiarsi troppo a lungo, ad esempio quando si pulisce o si posa un pavimento,
  • Stare seduti troppo a lungo, soprattutto su superfici dure.

Alcune borse, come quelle del ginocchio e del gomito, non sono molto profonde, quindi sono maggiormente a rischio di lesioni da taglio che si possono infettare causando la borsite settica.

Fattori di rischio

  • Età: La borsite compare con maggior frequenza nelle persone di mezza età.
  • Lavoro o hobby: Se fate un lavoro o avete un hobby che comporta movimenti ripetitivi o pressione su una borsa, rischierete di più di soffrire di borsite. Tra questi hobby e occupazioni ricordiamo:
    • pulizia di tappeti,
    • posatura di pavimenti e piastrelle,
    • giardinaggio,
    • ciclismo,
    • baseball,
    • pattinaggio su ghiaccio.
  • Altre malattie: alcune malattie e alcuni disturbi aumentano il rischio di soffrire di borsite. Tra di essi ricordiamo:
Grave borsite al ginocchio

Grave borsite al ginocchio (http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Prepatellar_bursitis.JPG)

Sintomi

Se soffrite di borsite, l’articolazione colpita può:

  • Far male o essere più rigida del solito,
  • Far male soprattutto quando la si muove o si preme su di essa,
  • Apparire gonfia e arrossata.

Quando chiamare il medico

È consigliabile consultare il proprio medico se:

  • Il dolore all’articolazione è invalidante,
  • Il dolore dura da più di due settimane,
  • Nella zona colpita si hanno gonfiore, rossore o lividi eccessivi,
  • Il dolore compare all’improvviso ed è lancinante, soprattutto quando si fa esercizio fisico o si sottopone la zona a uno sforzo,
  • Si ha la febbre.

Diagnosi

Prepararsi alla visita

Probabilmente vi rivolgerete in primo luogo al medico di famiglia, che potrà indirizzarvi verso un reumatologo, ovvero un medico specializzato nella cura dei disturbi articolari. Vi consigliamo di scrivere un elenco contenente:

  • La descrizione dettagliata dei sintomi di cui soffrite,
  • Le informazioni sui disturbi di cui avete sofferto in passato,
  • Le informazioni sui disturbi di cui soffrono i vostri genitori e gli altri famigliari,
  • Tutti i farmaci e gli integratori alimentari che assumete,
  • Le domande da rivolgere al medico.

Che cosa farà il medico

Durante la visita il medico eserciterà una leggera pressione su diversi punti dell’articolazione colpita per capire qual è la borsa che causa problemi.

Esami e diagnosi

Diagnostica per immagini

Se la causa del disturbo sembra legata a fattori diversi dalla borsite il medico potrebbe prescrivervi una radiografia della zona colpita. Se la causa è borsite le radiografie da sole non possono fornire una diagnosi certa, ma possono aiutare a escludere altre possibili cause del disturbo.

Esami di laboratorio

La causa della borsite normalmente è il sovraccarico o la pressione sull’articolazione, ma in alcuni casi la causa può non essere evidente. Il medico allora può consigliarvi esami aggiuntivi per escludere altre possibili cause dell’infiammazione e del dolore articolare, ad esempio gli esami del sangue o l’analisi del liquido prelevato dalla borsa infiammata.

Cura e terapia

La terapia della borsite di solito è molto semplice e comprende:

  • Riposo e immobilizzazione della zona colpita,
  • Borsa del ghiaccio per diminuire il gonfiore,
  • Assunzione di farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), come l’ibuprofene (Moment®, Brufen®, Spidifen®, …) o il naprossene (Aleve®, Naprosyn®, Synflex®, …) per alleviare il dolore e diminuire l’infiammazione.

A volte il medico potrebbe consigliarvi la fisioterapia o la ginnastica per rafforzare i muscoli della zona colpita, inoltre potrebbe effettuare delle iniezioni di corticosteroidi (cortisone) nella borsa per alleviare l’infiammazione. Questa terapia di solito allevia rapidamente il dolore e, in molti casi, è necessaria soltanto un’iniezione.

Se la borsite è causata da un’infezione dovrete invece assumere degli antibiotici.

In alcuni casi la borsa deve essere “ripulita” chirurgicamente e solo in rarissimi casi deve essere asportata con un intervento chirurgico.

Prevenzione

Non è possibile prevenire tutti i tipi di borsite, però si possono evitare le situazioni a rischio e diminuire la gravità degli attacchi cambiando il modo in cui si eseguono certi compiti. Ad esempio:

  • Usate un cuscino sotto alle ginocchia. Se, per lavoro o per hobby dovete stare inginocchiati a lungo, usate un cuscino o un supporto per ridurre la pressione sulle ginocchia.
  • Sostenete le ginocchia. Se dormite girati da un lato, vi consigliamo di mettere un cuscino tra le gambe per impedire che il peso della gamba superiore gravi sul ginocchio sottostante.
  • Sollevate i pesi in modo corretto. Quando sollevate un peso piegate le ginocchia. Se non lo fate, la pressione sulle borse del bacino aumenta.
  • Evitate la pressione sui gomiti. Cercate di non appoggiarvi troppo sui gomiti. Invece di appoggiarvi sui gomiti per alzarvi dal letto, cercate di sollevarvi in un altro modo.
  • Usate un carrello. Portare i pesi mette a dura prova le borse delle spalle. Usate un carrello o un carrellino quando dovete portare a casa la spesa.
  • Fate pause frequenti. Alternate i compiti ripetitivi con il riposo o con altre attività.
  • Muovetevi. Cercate di non rimanere seduti a lungo, soprattutto su superfici dure, per diminuire la pressione sulle borse del bacino.

Traduzione ed integrazione a cura di Elisa Bruno


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. Fabio

    Un paio di giorni fa ho iniziato a sentire un dolore al gomito. Dopo poche ore il gomito si è gonfiato, arrossato e risultava caldo.

    Sono stato al presidio medico che subito mi ha diagnosticato una borsite da trattare con antinfiammatori e borse di acqua calda (?).

    Il mio medico mi ha prescritto il brufen 600. Già poche ore dopo aver preso la prima pasticca il gonfiore si è ridotto di moltissimo ed il dolore è scomparso.

    Secondo lei quante dosi devo prendere al giorno? Posso mettere anche una crema cutanea a base di arnica, escina e bromolina? La crio terapia a questo punto è necessaria?

    Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Per le dosi non posso consigliare nulla, deve attenersi a quelle prescritte.
      2. Sì.
      3. Probabilmente no.

Lascia una risposta

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.