Bocca secca (xerostomia): cause, rimedi e pericoli

Ultimo Aggiornamento: 995 giorni

Link sponsorizzati

Introduzione

Avere la bocca secca è un problema piuttosto diffuso che, a prima vista, può sembrare poco più di un fastidio. La bocca secca, però, può impedire di sentire il sapore di ciò che si mangia e può incidere negativamente sulla salute dei denti. Il termine medico che indica la bocca secca è xerostomia.

La bocca secca espone a rischio di infezioni

La bocca secca espone a rischio di infezioni (http://www.flickr.com/photos/exalthim/2557952204/sizes/s/in/photostream/)

La bocca secca è la sensazione che non ci sia sufficiente saliva nella bocca e tutti, di tanto in tanto, ne soffriamo, ad esempio quando siamo nervosi, di cattivo umore o molto stressati, tuttavia avere la bocca secca per la maggior parte del tempo può essere molto fastidioso e può causare gravi problemi di salute.

Se la produzione di saliva è ridotta o si interrompe, la bocca secca può causare problemi, perché la saliva contrasta per esempio la formazione delle carie: la saliva, infatti, limita la proliferazione dei batteri e lava via le particelle di cibo, ma serve anche a migliorare il senso del gusto e a facilitare la deglutizione. Gli enzimi contenuti nella saliva sono infine fondamentali per la digestione.

La terapia della xerostomia dipende dalla causa del problema, ma la bocca secca spesso è un effetto collaterale dei farmaci assunti. La bocca ricomincia a essere normale modificando il dosaggio o cambiando farmaco.

Cause

La xerostomia ha diverse cause, tra cui ricordiamo:

  • Farmaci. Centinaia di farmaci, tra cui alcuni di quelli in vendita in farmacia senza ricetta, hanno come effetto collaterale la xerostomia. Tra i farmaci che con maggior probabilità provocano la bocca secca ricordiamo:
    •  gli antidepressivi e gli ansiolitici,
    • gli antistaminici,
    • i decongestionanti,
    • gli antiipertensivi,
    • gli antidiarroici,
    • i miorilassanti,
    • i farmaci per l’incontinenza urinaria,
    • i farmaci per il morbo di Parkinson.
  • Età. L’invecchiamento non è un fattore di rischio per la bocca secca, però gli anziani assumono con maggior probabilità i farmaci che possono provocare la xerostomia. Gli anziani, inoltre, corrono maggiori rischi di soffrire di problemi di salute in grado di causare la bocca secca.
  • Terapia antitumorale. I chemioterapici possono alterare la composizione della saliva e la quantità di saliva prodotta, provocando la secchezza delle fauci. La radioterapia alla testa e al collo può danneggiare le ghiandole salivari, causando una consistente diminuzione della produzione di saliva.
  • Lesioni ai nervi. Una lesione o un intervento chirurgico che causa danni ai nervi della testa e del collo è anche in grado di provocare la xerostomia.
  • Altre patologie. La bocca secca può essere provocata da determinate patologie (o terapie), come la syndrome di Sjögren, il diabete, il morbo di Parkinson, l’HIV/AIDS, l’ansia e la depressione. L’ictus e il morbo di Alzheimer possono dare l’impressione di avere la bocca secca, anche se le ghiandole salivari funzionano normalmente. Il russamento e il fatto di respirare con la bocca aperta possono contribuire al problema.
  • Tabacco. Il tabacco, sia da fumare sia da masticare, può far peggiorare i sintomi della xerostomia.

Sintomi

Se non producete una quantità sufficiente di saliva, noterete probabilmente uno o più dei sintomi seguenti:

  • Bocca secca ed appiccicosa,
  • Sensazione di bruciore alla bocca
  • Saliva spessa e viscosa,
  • Piaghette o fessure ai lati della bocca,
  • Labbra secche,
  • Sensazione di gola secca,
  • Lingua secca e ruvida,
  • Alito cattivo,
  • Difficoltà a parlare e a deglutire,
  • Mal di gola,
  • Alterazione del senso del gusto,
  • Infezione micotica nella bocca,
  • Aumento della placca, delle carie e dei problemi alle gengive,
  • Nelle donne che soffrono di xerostomia il rossetto tende ad aderire ai denti.

Quando chiamare il medico

Se avvertite i segni e i sintomi della bocca secca, prendete un appuntamento con il vostro medico di famiglia o con il dentista.

Diagnosi

Ecco alcune informazioni che vi aiuteranno a prepararvi alla visita e a prevedere che cosa farà il medico o il dentista.

Che cosa fare

  1. Fate un elenco di tutti i sintomi di cui soffrite, compresi quelli che apparentemente non sembrano collegati al motivo per cui avete prenotato la visita.
  2. Mettete per iscritto tutte le informazioni importanti che vi riguardano, compresi i motivi di stress o i cambiamenti recenti nella vostra vita, che potrebbero aver contribuito alla comparsa della bocca secca.
  3. Fate un elenco di tutti i farmaci prescritti dal medico, delle vitamine, degli integratori e dei farmaci da banco che state assumendo.
  4. Fate un elenco di domande da rivolgere al medico.

Che cosa farà il medico

Il medico o il dentista probabilmente vi faranno diverse domande, tra cui:

  1. Quando ha iniziato ad avvertire i sintomi?
  2. I sintomi sono continui o intermittenti?
  3. Recentemente ha iniziato ad assumere qualche nuovo farmaco?
  4. Fuma o mastica tabacco?
  5. Beve alcolici?
  6. C’è qualcosa che le sembra alleviare i sintomi o stimolare la produzione di saliva?
  7. C’è qualcosa che sembra far peggiorare i sintomi?

Che cosa fare in attesa della visita

Per aumentare la quantità di saliva prodotta:

  • Bevete qualche sorso d’acqua ogni tanto o masticate un chewing gum senza zucchero.
  • Ricordate di lavarvi sempre i denti per prevenire la formazione di carie.
  • Per alleviare considerevolmente i sintomi, cercate di evitare il più possibile il tabacco.

Esami e diagnosi

Per capire se soffrite di xerostomia, il medico o il dentista esamineranno la vostra bocca e vi chiederanno informazioni sui vostri problemi di salute passati.

In alcuni casi, per diagnosticare la causa del problema, potrebbero essere necessari gli esami del sangue, gli esami di imaging delle ghiandole salivari o la misurazione della quantità di saliva prodotta.

Cura e terapia

Se il medico ritiene che la causa della bocca secca sia da imputare ai farmaci, probabilmente cambierà il dosaggio o vi farà cambiare medicinale, passando a un altro che non provochi i sintomi.

Il medico, inoltre, potrebbe prescrivervi la pilocarpina o la cevimelina, che stimolano la produzione di saliva.

Nei casi più gravi, per prevenire le carie, il dentista può costruire su misura una specie di copertura per i denti, riempita di fluoro, da indossare durante la notte.

Stile di vita e rimedi pratici

Se il medico non è riuscito a diagnosticare o a risolvere la causa del disturbo, i consigli seguenti possono aiutarvi ad alleviare i sintomi della xerostomia e a mantenere i vostri denti in buona salute.

  1. Bevete acqua o bevande senza zucchero durante i pasti, per facilitare la masticazione e la deglutizione. Riuscirete anche a sentire meglio il gusto degli alimenti.
  2. Evitate gli alimenti speziati o salati che possono far male alla bocca, se già si soffre di bocca secca.
  3. Masticate un chewing gum od una caramella senza zucchero: le caramelle agli agrumi, alla cannella o alla menta sono le più indicate.
  4. Cercate di assumere meno caffeina, che può far seccare molto la bocca. Evitate quindi le bevande che la contengono come il caffè, il té ed alcuni tipi di bevande gasate.
  5. Evitate gli alimenti zuccherati o acidi e le caramelle, perché favoriscono le carie ai denti.
  6. Evitate completamente il tabacco, sia da fumare sia da masticare.
  7. Bevete frequentemente qualche sorso d’acqua o tenete in bocca un cubetto di ghiaccio per idratare la bocca.
  8. Provate i sostitutivi della saliva in vendita in farmacia senza ricetta. Cercate prodotti a base di carbossimetilcellulosa o di idrossietilcellulosa.
  9. Evitate gli antistaminici e i decongestionanti da banco, perché potrebbero far peggiorare i sintomi.
  10. Respirate con il naso, anziché con la bocca.
  11. Di notte usate l’umidificatore nell’ambiente in cui dormite.

Se soffrite di bocca secca dovrete fare particolarmente attenzione alla salute dei denti. Ricordate di:

  1. Lavare delicatamente i denti almeno due volte al giorno,
  2. Passare il filo interdentale tutti i giorni,
  3. Usare un dentifricio a base di fluoro, chiedete al medico se ve ne può prescrivere uno che vi sia utile.
  4. Usate un colluttorio a base di fluoro o un gel a base di fluoro prima di andare a dormire, ma non usatene che contengano alcool perché può far seccare la bocca.
  5. Cercate di evitare gli alimenti appiccicosi e dolci; se non riuscite a evitarli, lavatevi i denti subito dopo averli mangiati.
  6. Andate dal dentista almeno due volte all’anno. Il dentista potrebbe anche consigliarvi di usare un gel a base di fluoro: il gel, disponibile in farmacia su ricetta, è una specie di dentifricio e serve per prevenire le carie.

Medicina alternativa

Le ricerche sull’agopuntura hanno dimostrato che questo rimedio alternativo potrebbe essere utile per chi soffre di xerostomia provocata da diversi fattori, soprattutto dalla radioterapia. L’agopuntura comporta l’inserimento di minuscoli aghi in diversi punti dell’organismo, a seconda della zona che presenta il disturbo.

Traduzione ed integrazione a cura di Elisa Bruno


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. Johnny

    Salve dottore, ho 17 anni ed ho la bocca secca da un paio di mesi, spesso ho senso di acidità dopo i pasti, lavo i denti 3, anche 4 volte al giorno, ma nonostante ciò a volte credo di non avere la bocca del tutto fresca e profumata.. questo non mi é stato d’aiuto nei rapporti sociali, determinando un senso di amarezza e depressione che non sono stati proprio un toccasana…

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Viene il dubbio che tutto sia legato a reflusso gastroesofageo.

    2. johnny

      Veramente il senso di acidità l’ho avuto solo un paio di volte e mangiando più sano riesco ad evitarlo, credo che il problema sia legato alla mia testa… Ultimamente sono stato molto stressato e con ciò é peggiorato il fastidio.. Sto evitando di fumare (anche se fumavo una volta ogni tanto per togliermi lo sfizio) e sinceramente parlando qualche sabato ho fumato anche qualcosa di diverso dalla sigaretta… Comuqmue sia ho paura che vivendo meglio il problema rimanga

  2. ilary

    salve dottore,io soffro di bocca secca e alitosi da anni,ho provato ad usare tanti prodotti tra cui collutorio ecc. come posso risolvere questo problema? grazie

    1. Anonimo

      nessuno !…vado dal dentista periodicamente.ma non ho mai esposto questo problema che ho perche mi imbarazzo..

    2. Anonimo

      intanto bevo poco durante il giorno..non so se questo puo influire x quanto riguarda la secchezza della bocca

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, bere poco influisce moltissimo, ma l’unico modo per andare a fondo del problema è parlarne con il medico (il dentista per primo).

  3. Anonimo

    okey! intanto esiste qualche collutorio o qualche altra cosa che mi puo consigliare per far aumentare la salivazione o devo sottopormi prima ad una visita dal dentista?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      In farmacia può trovare un gel sostitutivo della saliva.

  4. Anonimo

    Salve dottore!
    Mi chiamo Paolo, da circa una settimana mi sento la bocca asciutta, provo a bere o a mangiare qualcosa, ma il problema persiste.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Beve a sufficienza nell’arco della giornata?
      Stress?

  5. S

    Salve dottore, ho 22 anni e da aprile ho sempre la lingua bianca si vede la platina! anche quando la lavo, all’indomani puntualmente è bianca, a volte mi sento anche la bocca secca, vorrei sapere un suo parere al riguardo, premetto che da gennaio ho avuto sempre linee di febbre per mesi avevo un virus! grazie in anticipo

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi concentrerei sul reflusso, almeno in prima battuta, la causa potrebbe essere quella.

    2. S

      quindi per lei non c’entra niente col fatto del virus, perchè c’è l’ho da quel tempo e non se ne andata più via!

  6. Sara

    Buonasera, in seguito ad un carcinoma del cavo orale ho la salivazione azzerata. per trovare sollievo uso il gel BIOTENE ma è in fascia C ed è totalmente a mio carico. Vorrei chiede re se può essere riconsiderato in fascia A e cosa posso fare. Per me è essenziale. La ringrazio

  7. eros z.

    Ho sempre la bocca secca. Prendo anche psicofarmaci. Cosa devo fare?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Potrebbero essere proprio i farmaci purtroppo; beve a sufficienza durante il giorno?

    2. Anonimo

      Si,bevo tantissimo.i antidepressivi prendo da 8 anni,pero in 6 mesi sono diminuito di 15 kg. Sono forse sopradosato ora?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Benchè per entrambi sia riportata la possibile perdita di peso, in genere è davvero molto più comune osservare un sensibile aumento; il medico come giustifica questa diminuzione?

  8. Nicola

    Salve dottore, ogni tanto la sera ho gola secca e appiccicosa..respiro solamente con la bocca e “forzo” a mandar giù la saliva per paura che mi manchi il respiro! Grazie saluti

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Tutto sommato a me sembra un po’ di ansia, ma vale la pena provare a mangiare leggero, non escludo che sia un po’ di reflusso gastroesofageo a darle noia.

  9. Richard

    Salve dottore, sto assumendo l’antibiotico Claritromicina 250 mg compresse. Ne assumo una ogni dodici ore. Dopo averla presa per tre giorni, ho la bocca secca con poca salivazione. Crede che dipenda dall’antibiotico? Grazie dottore

  10. Richard

    Sto assumendo la claritromicina per una bronchite, penso dovuta a
    sbalzo di temperatura. Tengo a precisare che io ho un po’ di bronchite cronica e quando subentra un’ulteriore bronchite, il medico mi ha detto di prendere questo antibiotico. Grazie.

  11. Luca

    Salve ho 30 anni soffro di reflusso da anni e gastrite cronica leggera. Prendo esomeprazolo da 40 la mattina e gaviscon dopo i pasti. Da tempo ho quasi sempre la bocca secca e le labbra secche, lingua bianca e difficoltà a deglutire. È tutto dovuto al reflusso? Soffro anche a volte di ansia e bevo pochissimo e so che non va bene. E forse lavorando in un call center e parlando moltissimo tutti i giorni peggioro la cosa. Ceno anche alle 23 quasi tutti i giorni. A volte soffro anche di diarrea e pancia gonfia leggo che è un effetto dell esomeprazolo forse. Tra l altro dormo srmpre a bocca aperta per il naso sempre chiuso. C’è qualcosa che possa fare per migliorare questa cosa fadtidiosissima? Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Ansia e disidratazione, agirei quindi almeno inizialmente su questi due aspetti.

    2. Luca

      Grazie dottore, pensa che potrebbe comunque essere causato anche dal reflusso e dall esomeprazolo?

  12. Luca

    Grazie. Glielo dico perché almeno secondo il mio medico la lingua bianca e la difficoltà a deglutire sono da reflusso. Ho provato anche a fare un tampone linguale ma non risulta niente.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Certamente è possibile, non mi fraintenda, ma prima di pensare ad aumentare le dosi dei farmaci proverei senza dubbio a bere di più, e più spesso, a maggior ragione se di lavoro parla per molte ore consecutive.

Lascia un Commento

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.