Balanite: sintomi, cura e cause

Ultimo Aggiornamento: 1602 giorni

Introduzione

La balanite è un’infezione od infiammazione della pelle della sommità del pene (glande). Negli uomini non circoncisi, la zona è coperta da una striscia di pelle, il prepuzio. La balanite può colpire sia gli uomini circoncisi sia quelli non circoncisi, con una maggiore frequenza in questi ultimi. I ragazzi in generale si ammalano solo se il prepuzio è molto stretto e difficile da tirare indietro.

Cause

La balanite può essere causata da diverse infezioni e malattie della pelle, tra cui ricordiamo:

  • Infezioni da lieviti (Candida) o da batteri che vivono sulla pelle. Sono la causa più frequente.
  • Infezioni a trasmissione sessuale, come l’herpes genitale,
  • Irritazione della pelle, causata dal sapone, dai detergenti o dalle creme spermicide,
  • Malattie benigne della pelle, come la psoriasi,
  • Alcuni tipi di tumore alla pelle (molto rari).

In teoria tutti gli uomini possono ammalarsi, però il disturbo si manifesta con maggior frequenza in chi ha il prepuzio stretto, difficile da tirare indietro e tra chi non fa abbastanza attenzione all’igiene intima. Il diabete può far aumentare il rischio, soprattutto se non si riesce a controllare bene la glicemia. L’iperglicemia causa un aumento degli zuccheri presenti nelle urine, l’urina ricca di zuccheri che entra in contatto con il glande e il prepuzio crea un ambiente favorevole alla proliferazione dei lieviti e dei batteri, quindi chi soffre di diabete non adeguatamente controllato ha maggiori difficoltà a combattere le infezioni.

Se il disturbo è ricorrente, può essere causato da un’infezione da lieviti (candida) trasmessa e ritrasmessa tra i partner durante i rapporti (effetto ping-pong).

Sintomi

Tra i sintomi della balanite ricordiamo:

  • Eruzione cutanea rossastra e infiammata sul pene o sotto il prepuzio,
  • Prurito o bruciore nella zona colpita,
  • Perdite biancastre, grumose o giallastre dalla pelle colpita o dal prepuzio.

Durata

La maggior parte dei casi di balanite reagisce alla terapia entro tre, cinque giorni.

Quando rivolgersi al medico

Contattate il medico se:

  • Soffrite di balanite che non risponde alle normali pratiche igieniche né ai farmaci antimicotici senza ricetta.
  • Il farmaco prescritto sembra inefficace.
  • La balanite continua a ripresentarsi.
  • Soffrite di diabete. La balanite, infatti, può essere un segnale di problemi di controllo del glucosio.

Diagnosi

Il medico di solito è in grado di riconoscere la balanite con un semplice esame visivo, in alcuni casi può essere necessario prelevare un tampone o un campione di pelle da esaminare al microscopio o da inviare in laboratorio per ulteriori esami che confermino la diagnosi.

Se la balanite non risponde alla terapia, oppure presenta caratteristiche diverse da quelle di un’infezione tipica, il medico può consigliarvi di farvi visitare da un dermatologo (specialista di malattie della pelle) o di effettuare una biopsia della pelle. Durante la biopsia sarà prelevato un piccolo campione di pelle che successivamente sarà esaminato in laboratorio. La biopsia serve per capire se i sintomi sono causati da un’infezione o da un disturbo dermatologico meno comune.

Cura e terapia

Il tipo di terapia dipende dalla causa del disturbo.

Se il problema è causato da un’infezione da lieviti, vi verrà prescritta una crema antimicotica. Il clotrimazolo è un farmaco molto efficace, disponibile in farmacia senza ricetta, ed è anche impiegato per curare la candida vaginale e il piede d’atleta. Applicatelo sulla zona colpita due o tre volte al giorno per dieci giorni. Il medico potrà anche prescrivervi una terapia antimicotica più potente, per uso topico (in crema) o orale.

Se l’infezione è di origine batterica, vi verrà prescritta una crema antibiotica e dovrete pulire bene la zona colpita. In alcuni casi potrebbero essere necessari degli antibiotici per uso orale.

Se la pelle è infiammata ma non infetta, dovrete tenerla asciutta e pulita ed evitare i saponi o i prodotti che potrebbero aggravare il disturbo. In alcuni pazienti una crema a base di cortisone può aiutare a risolvere il problema più velocemente, tuttavia il cortisone può far peggiorare alcuni tipi di infezione, quindi è meglio non usarlo a meno che non sia stato prescritto dal medico.

Spesso la circoncisione può essere utile per prevenire le infezioni ricorrenti, soprattutto negli uomini non circoncisi che hanno un prepuzio stretto e difficile da tirare indietro. Una volta iniziata la terapia, di norma è possibile avere rapporti, ma i contatti sessuali possono irritare o infiammare la zona colpita. Più raramente il contatto sessuale può causare l’effetto ping-pong, cioè la reinfezione continua tra i partner: in questo caso, entrambi i partner devono sottoporsi contemporaneamente alla terapia, per prevenire le ricadute.

Prevenzione

Chi non è circonciso dovrebbe fare particolare attenzione all’igiene intima, ad esempio ricordandosi di ritrarre completamente il prepuzio.

Traduzione ed integrazione a cura di Elisa Bruno


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. PAKY 2015

    CARISSIMO DOTT. CIMURRO SONO UN PO DI SETTIMANE CHE HO DELLE MACCHIE ROSSE SUL GLANDE E LA PELLE DEL PREPUZIO SI E’ RISTRETTA E MI PORTA BRUCIORE E PRURITO E DOLORE A VOLTE, ANCHE SE SOPPORTABILE, LA PELLE E’ DIVENTATA SENSIBILE E DOPO UN EREZIONE TROVO TAGLIETTI SPARSI CHE MI FANNO MALE DA PREMETTERE CHE SONO DIABETICO COSA POSSO USARE PER LENIRE QUESTI PROBLEMI. LA SALUTO E LA RINGRAZIO DEI CONSIGLI CHE POTRA’ DARMI.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma purtroppo non posso consigliare alcun rimedio/farmaco.

    2. Luca

      Penserei ad un Lichens sclerotrofico…
      meglio contattare immediatamente un dermatologo/urologo! Non è grave ma bisogna curarlo il prima possibile! Buona giornata

    3. gips

      Salve dott da molto tempo che ho delle macchie al pene. Sono 3 macchie una più piccola dall’altra che mi consiglia di fare?

  2. danilo

    Salve Dottore, penso di essere allergico ai profilattici o al suo lubrificante.
    i guanti per mai in lattice non mi danno messun problema, ma a volte mi succede che mi si formino delle macchioline rosse di forma irregolare sul glande che non causano nessun prurito o disurbo.
    queste macchie sono in leggero rilievo guardandolo bene in varie posizioni e condizioni di illuminazione e passano dal rosso scuro al rosa fino a scomparire del tutto se non uso più profilattici per almeno un mese…
    i rilievi a volte son più visibili e a volte meno…idem la macchia che si schiarisce e torna scura di volta in volta.
    cosa può essere secondo lei? perchè solo il glande e non tutto ol pene? se fosse l’olio lubrificante a dare questo problema risolverei con i prolilattici in altri materiali? ultima domanda…quelli di altri materiali riducono la sensibilità ulteriormente?
    Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Il glande è più sensibile in quanto mucosa, quindi più soggetto a reazioni; un tentativo con un preservativo anallergico vale la pena di essere fatto.

  3. Amedeo

    Salve dottore, ho da un po di tempo delle escrescenze bianche sulla pelle e nn riesco ad aprirla molto, e fa male piu di qualche volta….spero di essermi fatto capire almeno un po…grazie arrivederci

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Le escrescenze sono sul pene?
      Ha avuto rapporti non protetti con partner a rischio?

  4. Andrea

    Salve quelle visite che le avevo detto le ho fatte ancora nn mi hanno dato i risultati ma dopo che mi hanno ordinato ognuno un farmaco diverso …da dopo chele ho scritto ke sn andato dal dermatologo ke mi ha dato la crema e le pillole x le difese immunitarie ecc.. Ieri sera dopo due mesi sono stato cn una ragazza… Pero nn abbiamo avuto un rapporto…mi ha solo toccato e fatto venire…quand sn arrivat a casa avevo sul glande 3-4 puntini rossi..e se abbasso la pelle tutta rossa come un irritazione!!! Io sto facendo le cure e qui nn cambia niente sn davvrro preoccupato..è ancora gonfio

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma onestamente non saprei davvero più cosa dire tra visite e cure…

  5. Luca

    Salve dottore è una decina di giorni che ho difficoltà col glande ,la pelle attorno si è ristretta ,fino ad allora non ho mai avuto di questi problemi,cosa può essere….grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Raccomando di rivolgersi con una certa rapidità al medico, potrebbe essere un’infezione con il rischio di fimosi.

  6. luca

    Mi scusi dottore,da cosa può essere dipeso?In 45 anni non ho mai avuto di questi problemi,grazie ancora

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Rapporti con partner a rischio, cattiva igiene intima oppure più semplicemente una banale infezione (che può capitare a tutti) trascurata nel tempo.

  7. Andrea

    Sono ancora io dottore… Purtoppo ho continuato la cura del dermatologo peró sn due gg che è peggiorato le avevo detto che mi eran uscit un po d puntin rossi…ora invece mi ho tutto il glande pieno di macchie e puntini rossi e quando l’abbasso anche tutto rosso intorno…provo un prurito enorme…e quando mi si gonfia è cm se mi scoppiasse… Ed è gonfio!! Ora la dermatologa mi ha detto di lavarmi cn un olio e mettere vasellina bianca e mi ha dato delle pillole… È l ennesi cur nuova ed è il 4 gg che la faccio e ancora niente! Sono disperato! 3 mesi e nn riesco ad uscirne in nessun modo!! Sono sndato a fare la visita direttamente li da lei a roma e sn della calabria

  8. Anonimo

    Buonasera dottore, da circa due giorni mio marito ha notato dei puntini rossi sul glande , non sono piccoli ma medi. Ce ne sono pochi .
    Io non ho la candida, anzi sto benissimo. Una curiosità è che da una settimana sta usando il mio detergente intimo perché ha finito il suo. Io uso ginocanesten e mi trovo benissimo , lo prendo in farmacia. Lui ne usa uno a ph più acido. Potrebbe essere questa una probabile causa. Tengo a precisare che non ha nè dolore nè prurito, nè bruciore. Se ne è accorto guardandosi.
    Grazie in anticipo e buonanotte.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Senza vedere è difficile giudicare, potrebbe anche non essere nulla di importante e/o significativo; per il detergente in genere non è un grosso problema, i genitali maschili sono in genere più “tolleranti” di quelli femminili.

    2. Anonimo

      Quindi potrebbe essere anche candida, anche se io non ho ancora i sintomi?

    3. Anonimo

      Inoltre, secondo lei, può provocare disturbi per una donna usare il ginocanesten detergente tutti i giorni?

    4. Dr. Cimurro (farmacista)

      Ho speranza che non sia nulla.
      Va benissimo usarlo come unico detergente.

  9. Mirko

    Salve dottore, le chiedo veramente di prestarmi attenzione e provarmi a dare una soluzione perché questo problema sta diventando insopportabile. Premetto che ho avuto rapporti non protetti con la mia partner. Da molti mesi si manifesta un problema che aumenta o diminuisce di intensità da periodo a periodo (a volte sembra quasi passato del tutto, altre volte un disastro). I sintomi sono: puntini rossi sul glande, secchezza del glande (a volte la pelle diventa squamosa), difficoltà di erezione (soprattutto nel mantenerla), sensazione del pene come di “esausto” e alito perennemente cattivo. Il dottore mi aveva prescritto una pomata antimicotica che non è servita a nulla, mi ha prescritto due pastiglie per via orale da prendere una a distanza di 4 giorni dall’altra…e anche queste nulla. Ho fatto un tampone uretrale per finalmente vedere se si riusciva a trovare qualcosa ed è risultato del tutto negativo. Informandomi su internet ho dedotto che sia una candida da intenzione da funghi (…probabilmente potrà non essere questo)….mi dica lei cosa devo fare…io e la mia compagna non abbiamo pace da 1 anno quasi…e anche lei ha estrema secchezza vaginale e perdite bianco-giallastre. Come ultima soluzione avevo pensato di fare un tampone sulla superficie del glande….ma vorrei veramente risolvere sta cosa senza farlo; mi dica lei…attendo una sua risposta.

    Grazie
    Mirko

  10. danilo

    Salve dottore circa un mese fa sono andato in pronto soccorso per curare una micosi sull’inguine e sui testicoli che mi è guarita attraverso la cura con travocort e daktarin ho fatto la cura per 10 giorni più 7 altri giorni per evitare recidive fino qui tutto bene però ho utilizzato la stessa cura al pene per una balenite da sfregamento nn sto avendo ne rapporti né facendo autoritari però guarisce e si irrita ma nn so che fare lavo le parti intime con detergente per bambini poiché ho una pelle molto sensibile secondo lei da cose dipende e come posso risolvere con un tampone potrei vedere da cosa dipende oppure nn guarisce mai più.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Visita dermatologica, non faccia tamponi se non prescritti perchè potrebbero essere inutili.

  11. domenico

    salve dott.
    ho spesso l infezione od infiammazione della pelle della sommità del pene (glande), perche ho abbastanza stretto il prepuzio, mi consigli un intervento per la circoncisione?
    grazie buona giornata

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      La situazione non mi è chiarissima, ma se i problemi sono frequenti e le è stata consigliata questa soluzione direi di procedere.

  12. sergio

    BUONA SERA PREG SSIMO..DOTT..CIMURRO..SONO SERGIO SI RICORDA HO” AVUTO IL RAPPORTO CON UNA BELLISSIMA BALLERINA A LUGLIO DELL” ANNO SCORSO SENZA PRESERVATIVO. HO” FATTO TUTTI I MESI PER NOVE MESI I TEST DELL” HIV E TUTTO NEGATIVO POI HO” FATTO IL TEST DELLA SIFILIDE COME MI AVEVA CONSIGLIATO LEI ED E RISULTATO NEGATIVO..MMA PERO” IO SENTO SEMPRE I STESSI SINTOMI MAL DI TESTA IL GLANDE SCURO COLORE VIOLACCIO LINFONODI AL LINGUINE E ASCELLARE MALE ALLE OSSA MALE AGLI OCCHI ALLE ARTICOLAZIONI.. E DELLE. MACCHIETTE ROSSE E ROSE SUL PETTO E PANCIA E MI BRUCIA LE BRACCIE ..LLA RINGRAZIO MOLTO PER LA SUA CORTESE DISPONIBILITA” E GENTILEZZA BUONA SERA E GRAZIE DI CUORE

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      A mio parere è ansia, ma ovviamente l’ultima parola spetta al medico.

  13. Francesco85

    salve dotttore ho un problema da circa 3/5 mesi.. le spiego, premettto che tra pochi giorni ho visita chirurgica, ma mi piacerrebbbe sapere dei miei sintomi lei cosa ne pensa.. ho 29 anni e mai sofferto di problemi al pene ma sob mesi che nnn ci sto capendo nulla.. in erezione sotto il glande e parte iniziale dell asta mi sta capitando che la pelle si apra come se fossse diventata sottile al tal punto da aprirsi nell erezionee o mentre faccio sesso portandomi bruciore e problemi psicologici da nnn riuscir a far sessso.. inoltre ho notato che la pelle che copre il glande e diventat secca e screpolata cosa mai successa prima, come se nnn fosse piu elastica come prima.. com dicevo ho prenotat una visita chirurgica ma nel fratttempo cosa ne pensa leii?? secondo i miei sintomi?? sper di esser stato chiar.. grazie mille :))

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Perchè chirurgica? Onestamente avrei sentito un dermatologo, in quanto sembra un’infezione.

    2. francesco85

      si.. ma il mioo medic curante mi ha detto che un chirurgo puo consigliar se c e bisogno di un intervento.. queste spacccature che si formano mi porta prurito ma stranamente si chiudono per poi aprirsi di nuovo.. soprattutto quand faccio sesso come se la pelle nnn fosse piu forte nnn so spiegarle ma sper di esseree stato chiaro.. ma potrebbe esser caso di un possibile intervento o e da escluderee?? grazie

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Onestamente non credo, ma se il suo medico ha potuto vedere di persona è probabile che abbia ragione lui.

  14. marco

    mi prude il glande e mi si arrossisce ho preso la lomexin crema ma non mi passa poi urino poco e densa

  15. giuseppe

    Egregio dott. Cimurro, ho 75 anni, Ho sempre praticato con cura l’igiene intima e non ho mai avuto alcun disturbo o problema nei rapporti sessuali. Casualmente da quando, due anni fa, ho iniziato a prendere in modo continuativo una pillola di “Urorec” al giorno a causa di una “ipertrofia prostatica benigna” mi è capitato tre volte, ed oggi è in corso la quarta apparentemente in fase conclusiva, di notare un leggero ingrossamento del pene e del glande ed un ispessimento, con conseguente perdita di elasticità, della parte sommitale del prepuzio; con qualche difficoltà forse sono riuscito a vedere un certo arrossamento del glande. Il tutto accompagnato da una secrezione leggermente odorante. Durata del “fastidio” una decina di giorni, curando l’igiene iniettandomi acqua con una siringa, e poi tutto ritorna alla normalità. Le chiedo banalmente se ci potesse essere una certa incompatibilità con la terapia in corso. Oppure dato che quando mi capita di urinare fuori casa mi asciugo il glande con la carta igienica, questa, casualmente, potrebbe essere causa di irritazione?
    Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, sono più portato a pensare che il problema derivi dalla carta.

  16. uretek

    Salve Dottore, ho spesso necessità x lavoro di pisciare dove capita e non essendo in bagno non posso neanche asciugarmi con la cartagenica…
    secondo lei può portare a malattie o infezioni alla lunga?
    queto lo faccio da quansi un anno da quando lavoro il corriere.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Il rischio esiste, si tenga a portata di mano un disinfettante per le mani da usare prima di urinare.

    2. uretek

      Salve Dottore, ma io intedevo x la cappella che resta bagnata..il pisello non lo tocco sulla cappella ma su tubo.
      ogni tanto le mani le lavo con l’acqua del rubinetto sotto il camion ma non posso lavare anche il posello x strada.
      a volte mi prudono le palle e a casa le lavo con lo sciampo antiforfora al catrame e passa subito.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Confermo quanto scritto sopra, è molto importante che anche l’asta venga maneggiata con mani assolutamente pulite; per i residui di pipì non si preoccupi, con un’igiene intima regolare non è un grosso problema.

  17. Luigi

    Gentile dott
    Per prima volta sono apparse anche a me piccoli puntini rossi su tutto il glande causando irritazione. Può consigliarmibse visitare un dermatologo o un’andrologo? Grazie

  18. vincenza.

    Salve dott.vorrei. un aiuto ,sono già. 3 mesi che o delle mache ,a cechi rossi sulla mano,.oggi. ne trovato uma piu grandi. Sulla addome. Sempre a cechi. Cosa mi può. Dire ?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Impossibile fare ipotesi senza vedere, mi dispiace.

  19. mirco

    Salve dottore..volevo chiederle cortesemente un parere tecnico-specifico:consultandomi su internet e non solo,credo di aver contratto una forma di Balanite pressochè anomala in quanto la mia sintomatologia concerne solo la presenza di una patina biancastra sul glande e sulle pareti del prepuzio,e null’altro.Sebbene cio mi duole dire che è una situazione che fatica molto a migliorare,ho provato Balanil e Micoschiuma Pharma ma sono risultati del tutto inefficienti.Secondo il suo parere a quale tipologia di Balanite corrisponde il mio caso?Quali farmaci posso adoperare per contrastare questi spiacevoli fenomeni,poiche sono un paio di mesi che combatto contro di loro senza apprezzabili risultati?Confido nel suo indispensabile consiglio..saluti

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Serve una diagnosi esatta per individuare la cura migliore e questa è possibile solo al medico dopo una visita di persona.

  20. Lino

    Dottore sono un paio di giorni che la pelle attorno al glande si e ristretta e si è arrosata ho delle makkie biankastre ke ricoprono il glande nn ho avuto rapporti

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Forse una balanite, ma in ogni caso non va trascurata e le raccomando di rivolgersi ad un medico.

Lascia una risposta

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.