Appendicite: sintomi, diagnosi, dieta e terapia

Ultimo Aggiornamento: 2024 giorni

Link sponsorizzati

http://digestive.niddk.nih.gov/ddiseases/pubs/appendicitis/images/Appendicitis.jpg

http://digestive.niddk.nih.gov/ddiseases/pubs/appendicitis/images/Appendicitis.jpg

In sintesi

  • L’appendicite è un doloroso gonfiore dovuto ad infezione dell’appendice (anche chiamata appendice vermiforme).
  • L’appendice è una borsa grande come un dito attaccata all’intestino crasso e collocata nell’area inferiore destra dell’addome.
  • I sintomi dell’appendicite comprendono: dolore addominale, inappetenza, nausea, vomito, stitichezza o diarrea, incapacità di espellere gas, qualche linea di febbre e gonfiore addominale.
  • Il dottore può diagnosticare la maggior parte dei casi di appendicite con un’anamnesi medica personale ed eseguendo una visita. A volte le prove di laboratorio e gli imaging test servono a confermare la diagnosi.
  • Di solito l’appendicite viene curata rimuovendo l’appendice.
  • L’appendicite è un’emergenza medica che richiede cure immediate.

Che cos’è l’appendicite?

L’appendicite è un doloroso gonfiore provocato da un’infezione dell’appendice.

Che cos’è l’appendice?

L’appendice è una borsa grande come un dito facente parte dell’intestino crasso e collocata nella parte inferiore destra dell’addome. Non è ancora del tutto chiarito il suo funzionamento, anche se alcune teorie ipotizzano che svolga un ruolo di secondo piano nel sistema immunitario, diffuso è il parere  secondo cui sia del tutto inutile.

La rimozione dell’appendice non sembra influire in alcun modo sulla salute di una persona.

Che cosa causa l’appendicite?

Un’ostruzione del lume (l’interno dell’appendice) può causare appendicite. Il muco prodotto retrocede nel lume causando la moltiplicazione dei batteri che normalmente si trovano all’interno dell’appendice. La conseguenza è che l’appendice si gonfia e viene infettata.

Fonti di ostruzione possono essere:

  • feci,
  • parassiti,
  • crescita anormale del tessuto linfatico (per esempio a causa del morbo di Crohn),
  • corpi estranei o noccioli (uva, ciliege, peperoni),
  • tumori.

Un’appendice infiammata probabilmente scoppierà se non viene rimossa. Scoppiando diffonderebbe l’infezione dappertutto nell’addome, causando peritonite.

A chi può capitare?

Tutti possono essere soggetti all’appendicite, ma è più comune in persone tra i 10 e i 30 anni di età.

Quali sono i sintomi dell’appendicite?

La maggior parte delle persone con appendicite manifesta i classici sintomi che qualsiasi dottore può facilmente identificare.

Il sintomo principale è dolore addominale, di solito improvviso, spesso inducendo una persona a svegliarsi di notte: si avverte prima di ogni altro sintomo, inizia vicino all’ombelico e continua più in basso e verso destra. E’ un dolore nuovo e diverso da ogni altro dolore avvertito prima d’ora, peggiora nel giro di poche ore e aumenta d’intensità muovendosi, facendo profondi respiri, tossendo o starnutendo.

Altri sintomi dell’appendicite possono essere:

  • inappetenza,
  • nausea,
  • vomito,
  • stitichezza o diarrea,
  • incapacità di espellere gas,
  • qualche linea di febbre che segue altri sintomi,
  • gonfiore addominale,
  • sensazione che la defecazione allevierà il disagio.

Sintomi che variano e che possono mimetizzarsi con altre cause di dolori addominali includono:

  • ostruzione intestinale,
  • malattie infiammatorie dell’intestino,
  • malattie infiammatorie pelviche e altri disturbi ginecologici,
  • aderenza intestinale,
  • stitichezza.

Come viene diagnosticata l’appendicite?

Un dottore o un altro operatore sanitario può diagnosticare la maggior parte dei casi di appendicite prendendo un’anamnesi medica personale ed eseguendo delle visite mediche. Se una persona presenta i classici sintomi il dottore potrebbe consigliare un immediato intervento chirurgico per rimuovere l’appendice prima che scoppi. Nel caso in cui una persona non presenti la tradizionale sintomatologia, si potrebbe ricorrere a prove di laboratorio e test diagnostici per confermare la diagnosi di appendicite. Le analisi potrebbero anche aiutare a diagnosticare l’appendicite in persone incapaci di descrivere adeguatamente i loro sintomi, come bambini o persone con danni al cervello.

Durante la visita il medico farà delle specifiche domande riguardo i sintomi e lo stato di salute in generale. Le risposte a queste domande aiuteranno ad escludere altre condizioni. Successivamente verrà valutato quando è iniziato il dolore e la sua esatta collocazione e gravità. Può essere utile sapere quando gli altri sintomi sono comparsi

I dettagli sul tipo di dolore addominale sono la chiave per diagnosticare l’appendicite. Il medico valuterà il dolore toccando o facendo pressione su specifiche zone dell’addome, reazioni che possono essere segno di appendicite sono:

  • Contrattura di difesa addominale. La contrattura di difesa addominale avviene quando una persona tende i muscoli addominali durante una visita.
  • Il dottore farà un esame sulla sensibilità al rilascio facendo pressione con le mani sull’addome e poi rilasciando. Una persona potrebbe anche avvertirla come dolore quando l’addome viene urtato, per esempio quando urta contro qualcosa o subisce un colpo.
  • Manovra di Rovsing. Con le dita e il palmo della mano si esercita una pressione sull’addome a livello della fossa iliaca sinistra. Quindi la mano viene spostata progressivamente verso l’alto a comprimere il colon discendente. Se la manovra evoca dolore nella fossa iliaca destra si dice positiva ed è un segno, incostante, di appendicite acuta.
  • Manovra di Psoas. Il muscolo destro psoas investe la pelvi vicino all’appendice. Flettendo questo muscolo si avvertirà dolore addominale se l’appendice è infiammata. Il dottore può valutarlo facendo resistenza con il ginocchio destro quando il paziente cerca di alzare la gamba destra mentre si sta sdraiando.
  • Sintomi del muscolo otturatore. Anche il muscolo otturatore destro passa vicino all’appendice. Il dottore fa un’analisi sui sintomi del muscolo otturatore chiedendo al paziente di sdraiarsi con la gamba destra piegata al ginocchio. Muovendo il ginocchio piegato a sinistra e a destra è costretto a flettere il muscolo otturatore avvertendo cosi dolore addominale se l’appendice è infiammata.
  • Alle donne in età feconda potrebbe essere chiesto di sottoporsi a un esame pelvico per escludere problemi ginecologici, che a volte causano dolori addominali simili all’appendicite.
  • Il dottore potrebbe anche esaminare il retto che può essere sensibile all’appendicite.

Test di laboratorio ed altri esami

Gli esami del sangue servono a verificare segni di infezione, come ad esempio un alto livello di globuli bianchi. Gli esami del sangue possono anche mostrare disidratazione o squilibrio di fluidi e di elettroliti. L’analisi delle urine serve a escludere un infezione del tratto urinario. Il dottore può anche prescrivere un test di gravidanza per le donne.

Una tomografia computerizzata (CT), tramite le imagini del corpo, può aiutare a diagnosticare l’appendicite e altre fonti di dolore addominale. L’ultrasuono è a volte utilizzato per cercare i segni di appendicite, soprattutto in persone molto magre o giovani. Una radiografia addominale è raramente utile per diagnosticare l’appendicite, ma può essere usata per cercare altre fonti di dolore addominale. Le donne in età fertile dovrebbero fare un test di gravidanza prima di sottoporsi a una radiografia o a una tomografia computerizzata, poiché l’uso di radiazioni potrebbe essere dannoso per il feto.

Terapia dell’appendicite

L’appendicite è un’emergenza medica che richiede cure immediate. Chiunque pensi di avere l’appendicite deve consultare il proprio dottore o recarsi al pronto soccorso immediatamente. Una rapida diagnosi riduce le probabilità che l’appendice scoppi, migliorando cosi il tempo di guarigione.

Di solito l’appendicite viene curata rimuovendo chirurgicamente l’appendice. Se si sospetta un’appendicite, spesso il dottore consiglia un intervento chirurgico senza eseguire approfondite analisi diagnostiche. Un immediato intervento chirurgico ridurrà la possibilità che l’appendice scoppi.

L’intervento chirurgico per rimuovere l’appendice viene chiamato appendicectomia e può esere eseguito in due modalità.

  • Il metodo più vecchio prevede una laparotomia, con cui si rimuove l’appendice attraverso una singola incisione nell’area inferiore destra dell’addome.
  • Il nuovo metodo è chiamato video-laparo-appendicectomia, con cui vengono eseguite diverse incisioni più piccole usando speciali strumenti chirurgici appositi per le incisioni per rimuovere l’appendicite. L’intervento chirurgico laparoscopico è causa di meno complicazioni, come infezioni post-operatorie, e permette una ripresa in un tempo inferiore.

Occasionalmente un intervento chirurgico rivela una appendice sana. In tali casi molti chirurghi rimuovono comunque l’appendice per evitare una futura possibilità di appendicite. Raramente un intervento chirurgico rivela un problema diverso, che può anche essere risolto durante la stessa operazione.

A volte intorno all’appendice scoppiata si forma un ascesso, chiamato ascesso appendicolare.  Un ascesso è una massa piena di pus che viene causata dal tentativo del corpo di impedire all’infezione di diffondersi. L’ascesso può essere trattato durante l’intervento o, più comunemente, drenato prima dello stesso. Per drenare un ascesso viene collocato un tubo al suo interno attraverso la parete addominale, la tomografia computerizzata viene usata per trovare il punto preciso. Il tubo del drenaggio viene lasciato nel punto per circa 2 settimane, mentre gli antibiotici vengono dati per curare l’infezione. Da 6 a 8 settimane più tardi, quando l’infezione e l’infiammazione sono sotto controllo, viene eseguito l’intervento chirurgico per rimuovere ciò che rimane dello scoppio dell’appendice.

La cura senza intervento chirurgico può essere fatta se questo non è possibile, se una persona non sta abbastanza bene da potersi sottoporre ad un’operazione per esempio. Alcune ricerche suggeriscono che l’appendicite può migliorare senza interventi chirurgici. Una cura senza intervento chirurgico include antibiotici per curare l’infezione ed una dieta di liquidi o leggera affinchè l’infezione guarisca. Una dieta leggera è povera di fibre e passa facilmente nel tratto gastrointestinale.

Con le cure adeguate la maggior parte delle persone guarisce dall’appendicite e non ha bisogno di apportare cambiamenti nella propria dieta, nell’esercizio fisico o nello stile di vita. La completa guarigione dall’intervento chirurgico avviene in 4-6 settimane. La limitata attivita fisica durante questo periodo serve alla guarigione dei tessuti.

Fonte: NIH.gov


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. Giovanna

    Salve dottore, sono 3/4 mesi circa che ho dolore al fianco dx, mi tira la gamba dx, se premo sulla zona e rilascio mi dà fastidio (come se sentissi un qualcosa che si muovesse all’interno), quando poi ho i colpi di tosse (visto che sono un po’ influenzata) mi fa male l’inguine dx e se da seduta/sdraiata mi fletto in avanti mi fa male. Ora le chiedo ho fatto un’ecografia addominale completa l’11 dicembre, dove il responso diceva “non rilievi ecografici patologici al cardias, all’antro gastrico, alle anse ileali, all’ultima ansa ileale ed alla appendicite ciecale, al cieco ascendente e discendente sigma. Non falde liquide in addome pelvi. Douglas libero. Regolari le vie urinarie e le papille ureterali. Vescica senza ispessimento di parete né aggetti né calcoli. Calcolo mobile di 15mm nella colecisti che presenta regolari dimensioni. Regolari il coledoco, il pancreas e la milza.” Premetto che quando sono a letto mi fa male muovendovi e soprattutto le fitte che arrivano mi tolgono il respiro. Sono stata dal chirurgo il quale toccandomi la pancia ha escluso appendicite, è si vero che quando mi è stata prescritta la visita, era nei tre mesi di dolore, ma quel giorno non avevo nessun disturbo. Premetto che soffro di stitichezza, ma a sto punto la collego all’appendicite (anche se è sempre stato un po’ il mio problema defecare con regolarità). Inoltre anche fare aria mi è difficile e quasi anche doloroso. Insomma può esserci un appendicite e non essere diagnosticata????? Il chirurgo che mi ha visitato a novembre ha escluso un appendicite, soffrendo di stitichezza non è che sia proprio l’appendicite ha procurarla??????e si vero che ho sempre sofferto un po’ stitichezza stando anche 4 gg senza defecare. Mi dica lei cosa posso fare, ho paura che possa andare in peritonite, anche se sento i dolori mi ha detto il chirurgo di non correre sempre al P.S.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non ritengo possa essere appendicite per tre ragioni.
      1. Visita chirurgica (e da quanto ho capito anche dal medico di base, al PS, …).
      2. Esame strumentale.
      3. Tempo trascorso (in tre mesi o sarebbe peggiorata o avrebbe risolto).

      Viene da pensare ad un colon irritato.

  2. Giovanna

    Mi scusi dottore, ma i sintomi della palpazione che provo e le fitte nello starnutire e camminare allora secondo lei sarebbero da attribuire a un colon irritato???? Secondo lei a distanza di un mese dall’ecografia fatta, ritiene opportuno farne un’altra o devo farmi dare un antibiotico dal medico di base????

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Sì, è possibile.
      2. Il medico cos’ha diagnosticato?

  3. Giovanna

    Il medico non ha diagnosticato nulla, dice che i problemi sono legati alla stitichezza. Allora mi illumini Lei, se il mio problema è legato alla stitichezza, ho letto nel suo articolo che l’appendicite ha come sintomi proprio la stitichezza (in cui mi rispecchio), nausea e vomito (che non ho), febbre (che non ho) e gonfiore (invece questo c’è). Quindi??????

    1. Gianna

      Salve dott io mi ritrovo con lo stesso e identico problema di giovanna,ora sono a letto con questo dolore atroce.oggi ho fatto una spasmex fiala si e alleviato un po ma poi e ritornato.lei dice di curare orima la stitichezza,ma come???? ne ho provate di tutti i colori e forse ho esagerato con pillole alle erbe.come curarla

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Prima dei farmaci serve uno stile di vita corretto: frutta e verdura, abbondante idratazione ed esercizio fisico.

  4. Niccolò

    Bambino 11 anni dolore sempre più forte alla pancia saltare tossire e starnuti fanno male trovo un leggero sollievo stando seduto piegato in avanti.

  5. Adela

    Salve, mia sorella é stata operata l’altro ieri per l’appendicite con ascesso appendicolare,é normale il fatto che ogni tanto le sale la febbre a 38, ha la diarrea e problemi a respirare ?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      I problemi di respirazione vanno assolutamente segnalati al medico.

  6. Giuseppe

    Dottore, io sono un ragazzino di undici anni. Da due anni più meno una volta ogni 2/3 mesi quando mangio tanto mi viene un folore sordo sotto le ultime costole leggermente spostato a destra, mia mamma sospetta che sia l appendicite xche lei c’è l aveva nascosto e gli e l hanno trovato dopo poi oggi sono andato dal chirurgo che non ha sottovalutato la possibilitâ. Ma io non credo di avercela visto che non ho nessuno di questi sintomi. Cosa ne pensa?

    1. Giuseppe

      Iniziò dopo pranzo a sentirmi l addome come bloccato poi manmano aumenta e io prendo il maalox nel pomeriggio, di solito non Ceno poi verso le nove e mezza raggiunge il picco poi vado a letto prima di addormentarmi mi rilasso pensò ad altro e di colpo mi passa

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Tenderei ad escludere che si tratti di appendice, ma è sicuramente un disturbo da approfondire con il medico.

  7. ariana

    salve dottore, ho 15 anni
    due sere fa mi è venuto un fortissimo dolore alla pancia,come se mi stessero pugnalando e anche la nausea
    poi la nausea è passata e ora sento pulsare la zona in basso a destra
    se la schiaccio mi fa male…
    potrebbe essere appendicite secondo lei?
    sento un leggero fastidio anche dietro la schiene nello stesso punto

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      È una delle possibili spiegazioni, raccomando di rivolgersi già in giornata al medico.

Lascia una risposta

IMPORTANTE: In nessun caso la figura del farmacista può sostituire quella del medico, unico professionista con le competenze e la possibilità legale di formulare diagnosi e prescrivere farmaci. Le considerazioni espresse hanno quindi come unica finalità quella di agevolare in ogni modo il rapporto medico-paziente, mai ed in nessun caso devono prenderne il posto.

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.