Anisakis e sintomi dell’anisakidosi, diagnosi e cura

Ultimo Aggiornamento: 47 giorni

Introduzione

L’anisakidosi, o malattia del “verme delle aringhe”, è un disturbo causato dall’anisakis, ossia nematodi (vermi) parassiti che si annidano nelle pareti dello stomaco. Il modo migliore per prevenirlo è cercare di non mangiare pesce crudo o poco cotto.

L’anisakidosi è diffusa soprattutto nelle zone dove si mangia abitualmente il pesce crudo, ad esempio in Giappone, tuttavia, da quando mangiare il sushi è diventato una moda, sono stati riferiti casi negli Stati Uniti, in Europa, nel Sud-America e in altre zone.

Chiunque mangi pesce o calamari crudi o poco cotti è in realtà a rischio.

Cause

L’anisakis non può essere trasmesso tra gli esseri umani.

Anisakidosi, ciclo vitale

Anisakidosi, ciclo vitale (http://it.wikipedia.org/wiki/File:Anisakiasis_01_%28Versione_Italiana%29.png)

Alcuni mammiferi marini infetti (ad esempio le balene, i delfini o i leoni marini) defecano nel mare rilasciando le uova del parassita, che diventeranno larve; quest’ultime sono ingerite dai calamari, a loro volta preda dei pesci.

Esistono prove a sostegno del fatto che, se il pesce non viene eviscerato subito dopo essere stato pescato, le larve si possono spostare dall’apparato digerente alla carne. I cicli vitali di tutti i generi di anisakis connessi alle infezioni degli esseri umani sono simili.

I parassiti vengono rinvenuti di frequente nelle carni del merluzzo, dei pesci simili al merluzzo, della passera di mare, del salmone del Pacifico, delle aringhe e della rana pescatrice.

Quando l’uomo mangia pesci, o calamari crudi o poco cotti (il pesce e i crostacei sono le principali fonti di contagio), ingerisce anche le larve dei nematodi; penetrate all’interno dell’organismo le larve invadono l’apparato digerente.

Con le appendici anteriori, le larve dei nematodi presenti nel pesce o nei crostacei si incistano nella parete dell’apparato digerente, a livello della tonaca muscolare (in alcuni casi possono penetrare più in profondità nella parete intestinale, perforarla e raggiungere il resto dell’organismo).

Le larve producono una sostanza che attrae nella zona gli eosinofili e gli altri globuli bianchi dell’ospite. Le cellule ospiti infiltrate formano un granuloma nei tessuti che circondano il parassita. All’interno dell’apparato digerente, il nematode può staccarsi e riattaccarsi più volte alle pareti. Il parassita raramente giunge a maturazione negli esseri umani: di norma viene eliminato spontaneamente entro tre settimane dall’infezione. Se rimane all’interno dei tessuti, finisce per essere rimosso e fagocitato dalle difese immunitarie dell’ospite.

Alla fine quindi muoiono, lasciando una massa infiammata nell’esofago, nello stomaco o nell’intestino.

Alcune persone, dopo o durante l’ingestione di pesce crudo o poco cotto, avvertono una sensazione di prurito in gola: si tratta del verme che si muove nella bocca o nella gola.In questi casi è possibile estrarlo dalla bocca oppure espellerlo tossendo e prevenire così l’infezione.

Altri, invece, avvertono anche lo stimolo a vomitare e riescono così ad espellere il parassita dall’organismo.

Sintomi

Tra i sintomi dell’anisakidosi ricordiamo:

  • dolore addominale,
  • nausea,
  • vomito,
  • distensione addominale,
  • diarrea,
  • sangue e muco nelle feci,
  • febbre lieve.

Nei casi più gravi il paziente soffre di forte mal di pancia, molto simile a quello dell’appendicite acuta, accompagnato da una sensazione di nausea.

Entro alcune ore dall’ingestione delle larve infette è possibile avvertire un forte dolore addominale, nausea e vomito e solo in alcuni casi le larve vengono espulse col vomito. Se invece arrivano nell’intestino si ha una grave reazione immunitaria granulomatosa, da una a due settimane dopo l’infezione: i sintomi sono simili a quelli del morbo di Crohn.

I sintomi possono manifestarsi da un’ora a due settimane dopo l’ingestione di pesce (o molluschi crudi o poco cotti). Di solito, nei pazienti colpiti, viene rinvenuto un solo parassita.

Pericoli

Nei casi più gravi l’anisakiasi è molto dolorosa e può essere risolta solo con l’intervento chirurgico. La rimozione chirurgica dell’anisakis dalla lesione è l’unico metodo sicuro per alleviare il dolore e per eliminare la causa del disturbo, perché in generale non è consigliabile attendere che il parassita muoia.

I sintomi di solito continuano per un po’ dopo la morte del parassita, infatti, durante la rimozione chirurgica, si possono evidenziare lesioni che contengono solo i resti del parassita. È stato inoltre riferito, in seguito a un intervento esplorativo in laparotomia, un caso di stenosi pilorica (restringimento e indurimento del piloro, la valvola che separa lo stomaco dall’intestino) dovuto a un verme non rimosso.

Anche quando sono ben cotte le larve di Anisakis sono molto pericolose per gli esseri umani. Quando infettano il pesce, anisakidi (e le specie imparentate come il verme delle foche Pseudoterranova spp. e il verme del merluzzo Hysterothylacium aduncum) rilasciano diverse sostanze biochimiche nei tessuti circostanti. Spesso, inoltre, vengono ingerite intere, all’interno di un trancio di pesce. Si possono quindi verificare manifestazioni allergiche acute, ad esempio l’orticaria e lo shock anafilattico, accompagnate o meno dai sintomi gastrointestinali. La frequenza dei sintomi allergici connessi al consumo di pesce ha portato a ipotizzare l’esistenza dell’anisakiasi gastroallergica, una reazione allergica acuta mediata dalle IgE.

Nelle persone che lavorano nella catena di conservazione del pesce è stata riscontrata una forma di allergia occupazionale che provoca

  • asma,
  • congiuntivite,
  • dermatite da contatto.

Per i parassiti l’essere umano è l’ospite finale, le larve dell’Anisakis e dello Pseudoterranova non sono in grado di sopravvivere all’interno dell’apparato digerente umano ed alla fine muoiono.

È inoltre possibile che si verifichi la perforazione intestinale, che va affrontata tempestivamente, perché è una situazione di emergenza.

Diagnosi

Nel Nordamerica si arriva alla diagnosi di anisakidosi di norma quando il paziente avverte una sensazione di prurito o bruciore in gola e poi tossisce via o estrae dalla bocca il verme anisakis.

Nei casi in cui il paziente vomita o espelle il parassita tossendo, il disturbo può essere diagnosticato con un semplice esame visivo del nematode (l’Ascaris lumbricoides, il cosiddetto “verme” è un parente terrestre degli anisakis: anche gli anisakis possono risalire nella gola e nelle cavità nasali). Negli altri casi può essere necessario l’endoscopio, cioè un dispositivo a fibre ottiche che permette al medico di esaminare l’interno dello stomaco e la parte iniziale dell’intestino tenue. L’endoscopio è dotato, a un’estremità, di una piccola pinza meccanica che può essere usata per rimuovere il verme. Altri casi ancora sono diagnosticati individuando la lesione granulomatosa con un intervento in laparotomia. Per scoprire il parassita è stato messo a punto un test allergologico RAST, che però non è ancora in commercio.

In alternativa per diagnosticare il disturbo spesso ci si basa sulla storia del paziente, che riferisce di aver mangiato pesce o calamari crudi o non ben cotti. La conferma della diagnosi di norma avviene poi come detto per via endoscopica o radiografica, oppure ancora per via chirurgica se il verme si è già annidato nelle pareti dell’apparato digerente.

Cura e terapia

La terapia dell’anisakidosi consiste generalmente nella rimozione del parassita dall’organismo, mediante endoscopia o intervento chirurgico.

In alcuni casi invece l’infezione guarisce ricorrendo unicamente alla terapia sintomatica, mentre in altri casi, al contrario, può provocare una lieve ostruzione intestinale per la quale può essere necessario l’intervento.

Sono stati infine riportati casi di efficacia di una terapia non chirurgica a base di albendazolo.

Prevenzione

Per prevenire il disturbo è sufficiente evitare il pesce e i calamari crudi o poco cotti.

La Food and Drug Administration consiglia le seguenti modalità di preparazione e conservazione per uccidere i parassiti eventualmente presenti nel pescato:

Cottura (del pesce e dei molluschi)

Il pesce e molluschi vanno cotti bene, devono raggiungere una temperatura interna di almeno 63 °C.

Congelamento (pesce):

  • Ad almeno -20 °C per 7 giorni (in totale), oppure
  • Ad almeno -35 °C fino a solidificazione, poi conservazione ad almeno -35 °C per 15 ore
  • Ad almeno -35 °C fino a solidificazione poi conservazione ad almeno -20 °C per 24 ore.

Traduzione ed integrazione a cura di Elisa Bruno

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. Anonimous

    Salve dottore.. ho comprato un’aringa affumicata sottovuoto. Oggi l’ho aperta e assaggiata appena nella parte della polpa, ma l’odore e il sapore non erano gradevoli, così ho pensato di cucinarla.. l’ho tenuta 30 minuti in forno a 180. Dopo ne ho assaggiato qualche pezzo, ma mi sono accorto che nella zona della pancia c’erano numerosi vermi fiiformi di alcuni cm, comunque morti. Anche non avendoli ingeriti, c’è il rischio di aver ingerito delle uova? E quelle vengono neutralizzate con la cottura o possono dare conseguenze? Grazie

    1. MAURIZIO DELFINO BIANCO

      CARO DOTTORE MI E’ STATO DIAGNOSTICATO ANISAKIS, MA COME E POSSIBILE PERCHE’ IO NON MANGIO PESCE ECROSTACEI NE COTTO NE CRUDO USO SOLO DEI FARMACI DI OMEGA 3 OLIO DI PESCE

    2. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      È stata diagnosticata la presenza del parassita o l’allergia?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Si tratta allora di allergia, viene da pensare ad un contatto casuale in passato (per esempio una contaminazione casuale al ristorante).

  2. Carmen Gori

    Come faccio ha capire di avere preso L ‘Anisakis ? Che tipo di analisi devo fare ?

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Che tipo di analisi ha fatto? ricerca anticorpale?

  3. Grey86

    Salve dottore mio marito a preso l’anisakis a mangiato alici marinate crude non congelate il dottore gli a prescritto normix mi può dare lei un consiglio gli ha detto che è un infezione grave e non sa se con queste compresse riesce a tirarlo fuori da sto problema. Che devo fare mi aiuti.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Purtroppo in questi casi serve più che altro pazienza, raramente si usano antiparassitari perchè non sempre efficaci; Normix è un antibiotico intestinale e probabilmente è stato prescritto per cercare di favorire la proliferazione della flora batterica intestinale buona.

  4. Darix

    Buona sera dottore di recente ho mangiato pesce crudo in tunisia, avendo gia problemi di anticorpi. Come posso sapere se ho preso qualsiasi tipo di virus grazie

  5. Karen

    Salve, due settimane fa ho mangiato tantissimo sushi in un ristorante giapponese con un’amica. Lei non ha avuto nessun disturbo, io circa 3 ore dopo ho iniziato ad accusare mal di stomaco (principalmente una fitta sul lato destro dello stomaco). Per 3 giorni ho continuato ad avere bruciore di stomaco e leggero mal di pancia, ma mai diarrea o febbre. Io ho ricondotto il tutto a un’indigestione e probabile colite così ho assunto riopan gel per lo stomaco e i fermenti lattici e i sintomi sono scomparsi. 10 giorni dopo ho riavuto un leggero mal di pancia e oggi, dopo 2 settimane, ho di nuovo il mal di stomaco sul lato destro. Ho letto i vari commenti e mi è venuto in mente che magari potesse essere colpa dell’ anisakis cronica. Ma mi domando, è possibile avere un’infezione parassitaria con sintomi così lievi e non continui? Attualmente mi trovo all’estero per lavoro, cosa mi conviene fare?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Lo considero poco probabile; colite e/o gastrite possono spiegare i sintomi, ma è consigliabile verificare con un medico.

  6. Giada girar

    Salve , io ieri sera ho mangiato del sushi , ed ero molto gonfia stamattina quando mi sono svegliata ero ancora gonfia e avevo delle fitte alla milza , può essere che io non sia riuscita a digerire? Perché ho anche dei dolorini lievi allo stomaco e un po’ di nahsea

  7. Peppe87

    Salve dottore…io ho appena trovato il battereo nelle alici marinate…si muoveva… ora la mia domanda sorge spontanea… è possibile che io ed i miei abbiamo già in corpo il battereo? Anche se stiamo bene e non abbiamo i sintomi indicati… come possiamo a diagnosticare che nulla si sia annidato nel nostro intestino?
    Il battereo puo essere espulso con le feci stesse? Come possiamo stare tranquilli? Cosa ci consiglia? Aspetto una risposta grazie mille e buona serata

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, intanto è sicuro che sia proprio Anisakis? che non è un batterio intanto, ma un parassita; se fosse effettivamente Anisakis e avete già ingerito il cibo in questione il contagio è ovviamente possibile, ma se non avete sintomi non mi allarmerei, non credo farebbero esami diagnostici su qualcosa di presunto.

    2. Peppe87

      Buonasera dottoressa…dalle foto che ho visto si tratta proprio di anisakis… l ho tolto direttamente dal cibo… ore prima avevamo mangiato lo stesso Cibo… quindi se non ci sono sintomi delle quali sono al.corrente…non c’è da allarmarsi? Può darsi nonostante c era il parassita non per forza resta all interno del nostro intestino? Ho addirittura letto che dopo un tot di tempo muore direttamente con o senza aver provocato danni al nostro interno… è vero?grazie aspetto risposta buonaserata

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Le confermo che non necessariamente causa problemi, quindi se non compaiono sintomi niente panico.

    4. Mery

      Salve dottore io ho mangiato pesce crudo e poco ben cotto e il giorno dopo ho vomitato 2 volte e sn andata solo una volta a diarrea e la seconda volta si è subito normalizzato ,solo il mio stomaco ne ha risentito x il vomito..ho avuto anche la febbre quasi a 39..
      sono andata dal medico curante e mi ha prescritto una scatola intera di bactrim.. siccome sono in viaggio x il messico ho paura di prenderle essendo forti non vorrei k mi venga la candida visto k io ne soffro.. e penso k nn sia una infiammazione ma solo virus perché dovrei prendermi l antibiotico? Posso farne almeno? E prendermi solo dei probiotici? O meglio fare la cura antibiotica ? Cordiali saluti

    5. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Non posso che consigliare di seguire le indicazioni del medico, per metterci al riparo da infezioni gastroenteriche; in genere non danno grossi problemi, a maggior ragione associando un probiotico.

  8. Francesco78

    Salve,ho 38 anni.. ho appena ricevuto dei risultati dagli esami del rast..risulta che 0,28 sono allergico alla caseine e dei valori IGE Totali prick 208 cosa significa?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Dovrebbero essere accanto, oppure nel referto dovrebbe trovare l’indicazione del valore basale.

    2. Francesco78

      Soltanto nell’esame IGE totali Prist ce scritto il riferimento di 100 e il mio valore é di 208, ma nell’esame della caseina non ce scritto il riferimento

  9. Zodack

    Buona sera, una settimana fa, sono andato in un ristorante giapponese con amici ed ho mangiato del pesce crudo. Dopo un paio di giorni ho scoperto che sulla pancia avevo delle bollicine rosse e sul torso tre grandi,macchie rosse, con il centro bianco di pelle squamata. Poi al terzo giorno ho avuto una gran febbre, e mi son venuti dei forti dolori intestinali, con vomito e diarrea che stanno perdurando fino ad oggi, cioè una settimana dopo il ristorante. Mi chiedevo se può entrarci qualcosa il pesce crudo mangiato o è tutt’altra cosa.

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, da quanto raccontato non può essere escluso. Ne parli con il suo medico. saluti

Lascia una risposta

IMPORTANTE: In nessun caso la figura del farmacista può sostituire quella del medico, unico professionista con le competenze e la possibilità legale di formulare diagnosi e prescrivere farmaci. Le considerazioni espresse hanno quindi come unica finalità quella di agevolare in ogni modo il rapporto medico-paziente, mai ed in nessun caso devono prenderne il posto.

Gli interventi inviati potrebbero richiedere fino a 15 minuti per essere visibili sul sito.

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.

Ho preso atto del Disclaimer e dell'Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 del Codice privacy