Allergia ed orticaria cronica: sintomi, cause cure

Ultimo Aggiornamento: 1575 giorni

Link sponsorizzati

Introduzione

Orticaria sulla schiena (http://en.wikipedia.org/wiki/File:Hives_on_back.jpg)

Orticaria sulla schiena (http://en.wikipedia.org/wiki/File:Hives_on_back.jpg)

Probabilmente conoscete già l’orticaria: si tratta di piccoli rigonfiamenti irregolari e arrossati che compaiono sulla pelle provocando un intenso prurito: circa il 20 per cento della popolazione soffre di orticaria almeno una volta nella vita, che spesso compare all’improvviso e dura soltanto per poche ore oppure, più raramente, per più di sei settimane.

In alcune persone non scompare del tutto, oppure sembra passare ma tende a ricorrere con frequenza: può ripresentarsi per mesi oppure, più raramente, per anni. Questo è il motivo per cui questa forma viene definita orticaria cronica, dal punto di vista scientifico orticaria idiopatica cronica; la si definisce tale quando perdura per più di 6 settimane, mentre in caso di durata inferiore si parla di orticaria acuta. Le 2 forme hanno sintomi e manifestazioni molto simili, probabilmente identici, e vengono diagnosticate sulla base della durata.

Questo disturbo non mette in pericolo la vita del paziente, ma può causare preoccupazioni e disabilità.

L’orticaria cronica colpisce entrambi i sessi, però sembra avere una maggiore incidenza tra le donne di mezza età. Il 30 per cento circa degli adulti affetti sono anche colpiti dall’angioedema, in cui il gonfiore si diffonde in zone piuttosto vaste e colpisce con maggior frequenza le labbra oppure le palpebre.

Cause

L’orticaria è una reazione allergica della pelle verso una sostanza che in condizioni normali sarebbe inoffensiva, i casi acuti possono essere scatenati da una o più sostanze, anche molto diverse tra loro, e le più comuni vanno ricercate tra:

  • farmaci,
  • alimenti,
  • morsi o punture d’insetto.

La causa della forma cronica è al contrario spesso difficile da individuare e, sebbene la causa sia attualmente sconosciuta, si pensa che sia legata al sistema immunitario del paziente che scatena la reazione.

Alcune forme di orticaria cronica peggiorano quando il flusso sanguigno aumenta per:

Il peggioramento dell’orticaria è anche abbastanza comune nel periodo premestruale.

Alcuni pazienti sviluppano un’orticaria da pressione in alcune parti del corpo, come conseguenza del lavoro che svolgono: chi sta seduto per gran parte della giornata potrebbe sviluppare l’orticaria sulle natiche, indossando cinture troppo strette potrebbero comparire i segni sull’addome.

Sintomi

La manifestazione della patologia interessa la parte più superficiale della pelle, è caratterizzata dalla comparsa di piccole macchie sulla pelle, chiamati pomfi, di colore rosso, piccole lesioni con bordi spessi che possono anche unirsi; tuttavia il sintomo principale dell’orticaria è il prurito.

Diagnosi

Orticaria da antibiotico (http://en.wikipedia.org/wiki/File:Urticaria_2.jpg)

Orticaria da antibiotico (http://en.wikipedia.org/wiki/File:Urticaria_2.jpg)

La diagnosi inizia con un esame della storia medica del paziente seguita da una visita, il medico prima di tutto controllerà che l’orticaria cronica non sia sintomo di una malattia più grave, come ad esempio l’epatite o l’ipertiroidismo.

Alcuni pazienti affetti sono anche colpiti dall’orticaria vascolitica in cui i capillari, i piccoli vasi sanguigni della pelle, si infiammano. La pelle in questo caso non prude così tanto, ma può durare di più; le zone colpite rimangono arrossate anche dopo che i pomfi sono spariti e il paziente può manifestare dolori articolari o febbre. Questi sintomi potrebbero far pensare al lupus eritematoso sistemico o addirittura a un tumore, ma queste associazioni sono estremamente rare.

Una volta escluse tutte le altre patologie, il medico vi porrà domande sul contatto con sostanze che possono aver scatenato una reazione allergica, anche se una percentuale variabile dal 15 al 20 per cento delle cause croniche è fisica (scatenata dal freddo, dal calore, dalla luce solare o dall’esercizio fisico).

Se dopo aver riassunto la storia medica non si riesce a individuare la causa dell’orticaria si prendono altri provvedimenti: si chiede al paziente di tenere un diario per una o due settimane in cui scrivere tutte le attività, tutti gli alimenti e le bevande assunte, la zona e il momento in cui compare l’orticaria. In questo modo si può individuare la causa.

Il medico può prescrivere degli esami di laboratorio e se si sospetta la presenza dell’orticaria vascolitica può essere prescritta una biopsia della pelle.

Spesso il paziente viene sottoposto ad una dieta con eliminazione degli allergeni, questa dieta non contiene gli alimenti che scatenano con maggiore frequenza reazioni allergiche. La reattività a un particolare alimento viene confermata se i sintomi, dopo essere spariti, ricompaiono una volta che quell’alimento è stato reintrodotto. In parole povere l’alimento specifico che causa il problema viene individuato modificando la dieta del paziente.

Anche in questo modo tuttavia non sempre si riesce a identificare la causa specifica dell’orticaria cronica, in questi casi si dice che la malattia è  idiopatica. I ricercatori sono comunque concordi nell’affermare che la causa potrebbe essere rappresentata dagli anticorpi presenti nel sangue, che reagiscono contro i tessuti dell’organismo.

Durata

Ogni episodio di orticaria dura al massimo 24 ore e spesso scompare nel giro di due, quattro ore.

Cura e terapia

Orticaria allergica sul braccio (http://en.wikipedia.org/wiki/File:Urticaria_arm.jpg)

Orticaria allergica sul braccio (http://en.wikipedia.org/wiki/File:Urticaria_arm.jpg)

Prima di tutto, se la causa è nota, occorre evitarla in modo da prevenire la reazione, se invece la causa è sconosciuta dovrete aspettare che il disturbo regredisca lentamente.

Potete assumere farmaci specifici per tenere sotto controllo il prurito, oggi la maggior parte delle persone usa gli antistaminici non sedativi come, la loratadina (Claritin®), la cetirizina (Zirtec®) Se non fossero sufficienti è possibile aggiungere altri antistaminici come la cimetidina (Tagamet®) o la ranitidina (Ranidil®, Zantac®), farmaci normalmente usati come antiulcera, che bloccano i recettori H2 (ndr: In Italia questo duplice approccio è poco usato). La combinazione di questi due tipi di bloccanti a volte può alleviare meglio i sintomi. La terapia deve essere individualizzata e continuata sotto stretta supervisione medica.

Per le forme più gravi di orticaria possono essere usati antistaminici più potenti, ma occorre prestare attenzione perché causano sonnolenza ed altri effetti collaterali, anche se questi regrediscono con l’uso.

I farmaci corticosteroidi (cortisone) come il prednisone (Deltacortene®) possono tengono sotto controllo i sintomi, vengono però usati di rado perché con l’uso prolungato provocano effetti collaterali gravi; l’approccio ottimale prevede la prescrizione della dose utile minore possibile per il periodo di tempo il più breve possibile.

Sono in corso numerose ricerche, in futuro sarà probabilmente possibile disporre di terapie ancora migliori; negli Stati Uniti per esempio diversi nuovi farmaci sono in attesa di essere approvati, agiscono su cellule della pelle diverse oppure bloccano mediatori diversi dall’istamina e rappresenteranno un’ulteriore possibilità per i pazienti colpiti da orticaria che hanno tratto pochi benefici dai prodotti attualmente in commercio.

Traduzione a cura di Elisa Bruno


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. fanel

    buongiorno dottore
    sono straniero e spero che mi capisce.ho un orticaria da piu di un messe ,dopo quasi due settimane o fatto bentalan e mi sono per un po scomparse ,ma dopo un giorno mi se riempita din nuovo tutta la pelle .
    Voorei sapere se devo fa i analisi del sangue.
    sto prendendo da due settimane xyzal ma pochi miglioramenti quassi nulla .
    grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Più che analisi dovrebbe cercare di farsi seguire da un medico per capire la causa (alimentare, farmaci, stress, …).

  2. rosa

    mi sa dire come tenere sotto controllo l orticaria.io ho fatto tutti gli analisi possibili e immaginabili ma non ce nulla ho avevo la giardia lambia e mi avevano detto che poteva essere quella ma adesso non ce piu.poi ci sono giorni che non ce e giorni che son piena.cosa posso fare.poi quando ho il ciclo son piena e normale?

  3. vincenzo

    Salve dr. Cimurro Solitamente capita,ma non sempre, dopo aver svolto attività fisica.
    Oggi sono uscito a correre 1/2 ora dopo aver mangiato ( pasta con verdura,pomodoro,uovo sodo,arancia. tutti alimenti che in condizioni normali mangio tranquillamente senza alcuna reazione) al rientro è comparsa l’orticaria che ho eliminato come sempre con una pillola effervescente di bentelan.
    Si può attribuire all’alimentazione o a qualcos’altro?
    Grazie

  4. marika

    14 giorni fa ho preso l’influenza e come consigliatomi dal medico ho preso la tachipirina per abbassare la febbre. Dopo due giorni di tachipirina mi sveglio la mattina con un orticaria molto fastidiosa. Sospendo subito la tachipirina (dopo aver letto sul foglietto che può provocare orticaria) e compro in farmacia un antistaminico. La situazione però non migliora ed essendo di domenica mi reco in pronto soccorso. Mi fanno gli esami del sangue ed è tutto apposto e mi ordinano un antistaminico più forte. Non sono in grado di dirmi però da cosa è stata causata l’orticaria. Il lunedì vado dal mio medico di base spiegando l’accaduto e mi dice che è una reazione allergica alla tachipirina. Ora sono passati 12 giorni dalla comparsa dell’orticaria e sto continuando con gli antistaminici in quanto l’orticaria non è passata. Gli episodi di “rossore e pomfi” non durano molto ma comunque continuano ad esserci. Vorrei sapere se è normale questa cosa, se la causa dell’orticaria è l’influenza o altro e per quanto tempo devo ancora sopportare questi rossori e pruriti.
    In ogni caso appena mi passerà tutto andrò a fare le prove allergiche ai farmaci.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Tutto porta a pensare che la causa sia la Tachipirina, ma al suo posto sentirei il parere di un dermatologo già ora.

  5. Roby

    Buongiorno Dottore,
    Sono stato in cura con Olanzapina per due anni, riducendola gradualmente non ho mai avuto problemi. Dopo qualche settimana dal termine della terapia ho avuto un forte prurito piu’ che altro localizzato sulla schiena, con bruciore se passavo la mano istintivamente sulla pelle per cercare sollievo.Non sapendo cosa fare perche’ ho avuto un incidente e non posso,per il momento, muovermi da casa,ho provato alla disperata un farmaco di un parente : Kestine 10mg. Da due giorni non ho piu’ problemi cutanei.
    La mia domanda e': presumo che il mio corpo reagisca male al fatto che non prendo piu’ olanzapina, secondo Lei,per quanto tempo indicativamente devo assumere questo farmaco per eliminare questo problema di orticaria? (nel foglio illustrativo non c’e’ scritto niente) NB. Appena potro’ mi rechero’ comunque dal mio medico.
    Cordialita’

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Non sono così sicuro che l’orticaria sia legata alla sospensione del farmaco.
      2. Purtroppo non posso prescrivere terapie, mi dispiace.

    2. gabriel

      Buongiorno , dottore sono un ragazzo di 24 ani eda 7 mesi ho disturbi divento rosso praticamente puntini sulla pelle cominciano i palpitationi del cuore e piano piano arrivano anche sti puntini e dopo un ora cosi spariscono mi puo dire cosa puo essere ? E se sce qualcosa di grave ??? Grazie salve

    3. Anonimo

      Non lo so mi sto facendo tutti esami ma l ansia si puo curare se sara questo il problema?

  6. gabriel

    Salve dottore , alla fine mi sono fato gli analisi e il risultato e dientamoeba fragilis come si puo curare ? Come devo fare per eliminare sto parasito ? Grazie mille

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Ci sono farmaci che sono più o meno comunemente usati per l’eradicazione del parassita.

  7. Livia

    Ho sul collo e sul petto e adesso sta salendo anche sul viso delle bollicine che mi danno tanto fastidio,prurito.ho fatto pure delle cure:ho presso antibiotici per 10giorni Augmentin,trei messi fa ela pomata Gentamicina,niente.ho fatto Prick Test valore altissimo1162,fatti test alergie niente,due settimane fa ho presso per 9 giorni Kruxade mi sono uscite di più .tutto sotto controllo di un dermatologo.non so più che fare,ho presso Zirtec per 5 giorni ma niente!!!sono dei picoli brufoli con la punta bianca .la pelle e delicata non supporto che mi tocca niente ne manco i capelli. Che mi può dire?

  8. Massimiliano

    Salve caro dottore….le scrivo solo per avere un parere….per quanto possibile….ieri , stavo liberando casa ( casa presa in affitto per poco per poter stare con la mia bimba, sono da poco separato) e ho mangiato una barretta proteica (non era certo la prima volta)..dopo un primo prurito al cuoio capelluto, ho iniziato a sentire delle vampate, intanto cercavo di sdrammatizzare e di continuare a mettere a posto tutto e cercando di non farmi prendere dal panico, ero solo con mia figlia….comunque ho continuato a mangiare la barretta e il mio corpo è diventato come ustionato…e iniziavo a sentire la pelle del viso tirare..la mia faccia non era proprio gonfia, ma iniziava ad essere come quando si sta troppo al sole e infatti gli occhi erano pesanti e bruciavano…e la fronte mi dava fastidio (proprio tra le sopracciglia)… dopo più di 3/4 d’ora ho preso la bimba e ho sceso dei cartoni per più piani, senza ascensore ( ero in ritardissimo) e ho iniziato a temere fosse una reazione allergica, cosa di cui ero convinto ieri….sono andato da mia madre e mi sono preso 2 antistaminici, mio fratello è allergico ( o meglio lo è diventato)…comunque sia, poi sono apparsi dei ponfi sulla schiena, sul dorsale , ma dopo il viso è tornato quasi normale e comunque io sono scappato a finire il lavoro, con la fretta del caso…consideri che dopo poco son dovuto partire per lavoro in macchina ( non guidavo io)….scusi il mio essere prolisso, per dare il senso di quanto è accaduto, perché inizio a pensare che magari potevo anche avere un briciolo di reazione a una barretta (anche se già mangiata molte volte) ma a quel livello ‘spaventoso’ penso sia stata ‘accelerata/aggravata’ dallo stress….infatti oggi appena mi agito, mi sento fremere come ieri, anzi formicolii,,, e mi viene da grattarmi (anche ora), ma mi trattengo….può essere un orticaria da stress?!?! P.s. appena potrò mangerò la barretta per vedere se davvero poteva esser quella e ovviamente farò i test del caso…ma so che da soli non bastano, non basta vedere se si è predisposti attraverso la risposta immunitaria ( infatti io ho fatto in passato test per le graminacee e risultavano 3 ‘stelle’ e 2 agli acari, ma mai avuto nulla che non abbia chiunque , come uno starnuto….scusi ancora il mio esser prolisso….ma almeno può inquadrare meglio la situazione. Saluti

    1. Massimiliano

      Dimenticavo..mentre ero in macchina per andare da mia mamma sentivo come le labbra ‘paralizzate’,,non erano gomfissime, come gli occhi, ‘solo innaturali’ e prudevano un pochino da dentro…ma lì iniziavo anche a preoccuparmi un pochino!

  9. Massimiliano

    In passato si,,,,,3 anni fa….riconducibili sempre alla situazione “famigliare”… ma può arrivare a scatenarsi in modo tanto violento lo stress?! Era una reazione vera e propria

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Ho la sensazione, ma la prenda solo come ipotesi, che una blanda reazione al momento ci sia effettivamente stata, ma i cui sintomi siano stati enormemente amplificati dalla situazione (stress, ansia dovuta alla nuova situazione, essere solo con la bambina e non potersi far vedere in difficoltà, …).

    2. Massimiliano

      Beh..tanto blanda non penso proprio..ero color bordeaux e bollente….ma ho rivisto gli ingredienti… sempre mangiati…..penso come lei, però, che la mente possa giocare ‘strani’ scherzi……tanto da far diventare blu le labbra….comunque lei è davvero gentilissimo e la ringrazio infinitamente
      P.s. comunque la mangerò appositamente e mi porterò dietro la levocitirazina, dato che limita la sonnolenza…per quanto grave, la mia reazione non è stata da shock anafilattico, non starei qui a parlarne..o sbaglio dottore?!

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Verissimo, ma al suo posto mi porterei dietro un Bentelan se proprio vuole fare la prova.

    4. Marta

      Caro Massimiliano, non voglio sminuire certamente la competenza del Dottore che ti ha già consigliato molto bene citando il Bentelan e tutto il resto, ma mi sento di consigliarti anche di approfondire questo problema da uno specialista; o almeno di fare attenzione al tipo di ingredienti contenuti nella barretta, nel caso ti si ripresentasse tale sintomatologia ingerendo altri tipi di alimenti.
      Ho avuto molte crisi allergiche simili alla tua in passato (tutte documentate, sono finita più volte al pronto soccorso, etc.) che inizialmente mi sono sempre state definite come semplici crisi di panico. La cosa è andata avanti per diverso tempo, la sintomatologia è sempre peggiorata mano a mano che passavano i mesi poiché ho dato poco peso alla cosa, rassicurata dal parere del mio medico curante di allora che aveva definito la cosa come un disturbo ansiogeno; questo “disturbo ansiogeno” mi portava diversi sintomi tra cui edema alle labbra, orticaria, tosse irritativa, rantolii, pustole su tutto il corpo, svenimenti, pressione arteriosa talmente bassa da portare quasi a un collasso, soffocamento, edema della lingua e delle labbra, formicolii alle labbra, vertigini, rossore diffuso, sensazione di calore alle estremità e in viso, nausea (talvolta diarrea improvvisa) e bruciore misto a secchezza delle mucose di occhi, naso e bocca. Questa cosa è andata avanti fino a quando non ho avuto una reazione molto grave e, dato che non ero a casa, mi sono rivolta ad un’altra struttura. Dopo circa 4mg di cortisone ho incominciato a sentirmi gradualmente meglio. Sono stata curata con cortisone per giorni e dopo ho continuato con antistaminici. La causa, poi scoperta e accertata, era una grave allergia all’uovo, portata avanti per anni. Altro che crisi di panico o ansia! Mi è bastato eliminare completamente l’uovo dalla mia dieta per incominciare a sentirmi sempre meglio. Mi sono ristabilita completamente dopo un annetto; a volte mi capita di dover prendere del Bentelan da 1mg per via di qualche cibo “contaminato” ma per il resto non ho più avuto nessuno di quei sintomi da ben tre anni. Quindi non sottovalutare la cosa e se necessario escludi il potenziale rischio di allergie più o meno serie con una visita da un Allergologo o chi di competenza. Meglio fare una visita in più che rimanere col dubbio e trovarti di nuovo in una situazione del genere!

      P.s. Ovviamente una reazione allergica è sempre una cosa che scatena parecchia ansia per chi la vive, quindi una componente di “stress” ci può anche essere eccome, come dice giustamente il Dottore :)

      siamo umani, è normale avere paura, ma se riesci in quei casi cerca di rimanere il più calmo e lucido possibile, di modo da ridurre al massimo i sintomi :) parere personale (non sono un medico, ma solo una persona che deve convivere con un’allergia veramente fastidiosa.. quindi prendimi con le pinze)

    5. Marta

      E grazie ancora a lei per i preziosi consigli e l’articolo molto interessante; del Ranidil non lo sapevo! Ora che lo so chiederò maggiori informazioni al mio medico curante. Soffro di orticaria cronica e fa piacere potersi documentare il più possibile.

      Ho soprattutto apprezzato il fatto che nell’articolo venga fatto presente che i corticosteroidi possono essere dannosi dopo un’uso prolungato. Purtroppo ho potuto testare anche questo sulla mia pelle e credo che questa cosa venga ignorata ancora da molti.

      Grazie ancora :)

    6. Massimiliano

      Scusate se non ho potuto rispondere prima….grazie infinite per i numerosi e preziosi consigli….continuo a pensare che dietro tutto ci sia una forte ansia “ritornata” all’ attacco..infatti ho mangiato di tutto in questo mese E mezzo e mai nulla..però se mi agito mi prudono orecchie e nuca…, se mi calmo passa..potere della mente…Anche se difficile troppo spesso da interpretare

    7. Dr. Cimurro (farmacista)

      Purtroppo è comune che in queste forme si intreccino ansia, stress ed allergie ed è questo che le rende così difficili da diagnosticare/trattare.

  10. simonetta

    Salve dottore, le volevo chiedere cosa pensa della mia esperienza, sono partita un mese fa per lavorare in un’hotel, facevo la lava pentole, dopo 2 giorni di lavoro mi sono venute macchie grandi e rosse sulle braccia, non prudevano, il dopo altri 2 giorni di lavoro sono dovuta andare alla guardia medica del posto per lo sfogo sulle braccia e anche per respiro affannoso, il dottore mi ha riscontrato anche un rantolo nella respirazione, quindi mi ha fatto una puntura di cortisone, la notte seguente sono dovuta ritornare dalla guardia medica sempre per affanno, quindi difficoltà respiratoria, le macchie rosse c’erano ancora nelle braccia, il medico mi ha fatto una puntura di antistaminico e cortisone, è dal 14 aprile che sono rientrata a casa mia, lì a lavorare sono rimasta solo 5 giorni, ora devo sapere cos’ho dall’allergologo, se lei vuole darmi una sua opinione aldilà dalla mia visita specialistica mi farebbe piacere, p.s. adesso ogni tanto mi vengono rossori sul petto che scatenano i dolori al torace, con difficoltà respiratoria

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Viene ovviamente da pensare ad un’allergia, ma non è facile capire a cosa.

    2. simonetta

      spero che mi faccia fare i test per sapere precisamente cosa l’ha scatenata così forte, io sono già allergica ai pollini, acari e graminacee ma non avevo mai avuto cose così forti tanto da avere dolore al petto e fiato corto

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      In attesa di fare eventualmente i test le anticipo che quest’anno ho verificato molti casi di pazienti con reazioni molto gravi, segno probabilmente di una fioritura eccezionale: potrebbe in qualche modo essere collegato.

  11. gianluca

    salve dottore sono tre mesi che soffro di orticaria sono stata anche da un dermatologo che mi a fatto fare una cura di antistaminici cortisone ma il problema persiste le chiedo ma e ub proplema se continuo a fare la cura di cortisobe e antistaminici ??

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Soprattutto il cortisone, alla lunga, qualche problema lo può dare, ma purtroppo in questi casi non ci sono molte alternative.

  12. MAaria

    Buongiorno dottore, le avevo scritto diversi mesi fa. Ma non trovando soluzione alla mia situazione rieccomi a scriverle. Vorrei avere un suo parere riguardo ad un orticaria che mi era stata diagnosticata come da istamina alta e leggera (++) intolleranza al nichel. Ma a distanza di un anno i sintomi non si sono quietati e sono pure un po aumentati benchè la dieta che oramai seguo anche se ero riuscita ad allargarla. Ma è da qualche settimana che mi è impossibile calare i sintomi benchè la dieta. Secondo lei dovrei eseguire nuovamente i test allergici? Potrebbe dipendere da qualcos’altro? a me sembra che sicuramente gli alimenti istamino liberatori siano più pesanti per me ma soprattutto sembra che la digestione sia il momento più tipico dello sfogo, oltre che la sera a volte. E vorrei sapere se il test del sangue opportuno per la celiachia sia sufficiente a stabilirne la sua esistenza.
    La ringrazio molto e buona giornata.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      La celiachia è improbabile che dia orticaria.
      Sul ripetere i test allergici sono un po’ scettico, perchè se i sintomi non sono cambiati non mi aspetto grandi novità.

      Rifarei forse il punto con il dermatologo.

  13. irina

    salve dottore io ho orticarie al sforzo vorei restare incinta posso avere dei problemi?grazie mille

  14. Manu 02

    Buongiorno dottore, mi sento preoccupato xke sono più di un mese che ho un orticaria che va via e ritorna , si concentra maggiormente sulle braccia e localmente sulla pancia, alla prima volta k è comparsa ci siamo diretti in un ospedale e mi hanno detto k era esantema virale, mi hanno dato 20 gocce di Zirtec e dopo pochi giorni è passato, poi dopo una decina di giorni mi è ritornata e allora ci siamo diretti da un dermamtologo k ci ha confermato l orticaria probabilmente da stress o solare datosiche il giorno prima di avere l orticaria ero stato al mare. Mi ha prescritto 22 gocce di Fenistil per 10 gg poi Bentelan da 1 g per 8 gg e una crema cortisonica Flubason da 0, 25 l eruzione è scomparsa dopo pochi giorni anche quì ma ora a distanza di una settimana e mezza è ritornata.
    cosa potrebbe essere ? Aspetto sue notizie.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Purtroppo in questi casi è sempre difficilissimo capirne la causa; assume altri farmaci? Altri sintomi? Stress?

    2. Manu 02

      No , altri sintomi no a parte stanchezza e si effettivamente è questo periodo è stato alqunto stressante.
      Ho i risultati delle analisi fatte al pronto soccorso:
      PCR :9 0/5
      Glicemia: 81 su 106
      LDH: 233 su 227
      Azotemia 18 su 50
      GPT 38 su 78
      GLOBULI BIANCHI 9, 1 su 10
      bilirubina diretta assente
      GOT 26 su 37
      Creatinina 0, 4 su 0, 5
      All ospedale mi hanno fatto una puntura di Trimeton da 1 ml ma dopo un ora il miorurito che nella mia ortcaria è sere stato presente non andava via si attenuava leggermente.
      Grazie ancora e aspetto sue notizie.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Finchè non si troverà una causa diversa, lo stress rimane purtroppo uno dei primi indiziati.

    4. Manu 02

      Dottore, ci sarebbe qualche esame k lei mi consiglia di fare per avere una causa di questa orticaria che sembra ripetersi ogni settimana anche non essendo stressato o nervoso.
      Grazie molte

    5. Dr. Cimurro (farmacista)

      È possibile che verranno eseguiti dei test allergici.

  15. Manu 02

    Buonasera, dottore sono stato dal dermatologo per il fatto dell’orticaria, mi ha riconfermato la sua diagnosi iniziale, ma non mi ha detto la causa, ora continuo con Fenistil e Bentelan ma, l’ eruzione con il prurito sembrano non scomparire.
    Cosa mi può consigliare? Grazie molte

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Purtroppo posso solo consigliarle pazienza, temo che non possa fare altro.

  16. anonimo

    Buongiorno dottore, sono una donna di 52 anni,ogni anno a maggio mi prudeva il naso, mi lacrimavano gli occhi e starnutivo molto. Il mio dottore di base mi prescriveva sempre un antistaminico e dopo una settimana guarivo;quast’ anno invece dopo aver preso l’antistaminico mi sono uscite delle macchie piccole alla schiena e alle braccia.Cosi il dottore di base mi ha dato del cortisone. Dopo qualche giorno le macchie si sono moltiplicate e mi hanno iniziato a dare un fortissimo prurito per molti giorni. Cosi sono andata da un dermatologo che mi ha subito detto di fare delle prove allergiche, pero avendo preso la protezione allo stomaco ( perchè mi faceva male lo stomaco quando prendevo il cortisone; cmq soffro di insufficenza renale) devo aspettare 2 settimane (senza prendere farmaci) per fare le prove allergiche.Intanto ho un fortissimissimo prurito su tutto il corpo e non so più cosa fare. Cosa mi consigliate?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Purtroppo in questo momento deve resistere per arrivare a poter fare le prove allergiche; la doccia fresca può alleviare temporaneamente il prurito.

  17. anonimo

    Grazie lo stesso dottore. Cmq vorrei chiederle un’ altra cosa l’ orticaria e’ infettiva? e l’ acqua di mare aiuta il prutito?

  18. la stessa signora

    e quali cibi dovrei evitare? Grazie per tutto quello che mi sta dicendo

  19. FRANCESCO

    Salve, volevo sottoporre il mio caso.
    Ho 29 anni e dall’età di 19 soffro di un violentissimo prurito su tutto il corpo che si manifesta in occasione di ogni accaloramento:sforzo fisico (sia attività sportiva, sbalzo termico entrando in un ambiente piu caldo, le vampate di una minestra calda sul viso, un’ emozione forte sia negativa che positiva (anche una grossa risata o un pianto di gioia), cibo piccante etc etc…insomma ad ogni “vasodilatazione” ho come cimici su tutto il corpo,grosse vampate di calore, bruciori sottopelle. Gli unici momenti di tregua sono stati un periodo di circa 2 anni nei quali facevo regolarmente 80 vasche di nuoto al giorno, e 15 gg di Cammino di Santiago nei quali percorrevo circa 25 km al giorno). Le mie analisi sono sempre regolari apparte la mia sindrome di Gilbert, che in quanto patologia benigna è stata esclusa da tutti i medici dalle cause di questo fastidio che limita fortemente la qualità della mia vita. La diagnosi principale che mi è stata fatta, è stata quella di ORTICARIA COLINERGICA….ho provato di tutto antistaminici, cortisone, agopuntura oltre a tutti gli accorgimenti antiprurito ma nulla. Ultimanente ho fatta una capillaroscopia (visto il colore viola delle mie mani) con cui mi hanno confermato un Raynaud, ma anche il reumatologo non sa come possa collegarsi col prurito sul resto del corpo. IO CREDO SIA UN PROBLEMA DI MICROCIRCOLAZIONE E FORSE DI REGOLAZIONE TERMICA DEL CORPO A LIVELLO DI SISTEMA NERVOSO. le ho provate davvero tutte: antistaminici di tutti i tipi….mi manca solo il neurologo (compresa agopuntura, yoga)…Attendo fiducioso un parere esperto, Grazie mille

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      La ringrazio della fiducia, ma non posso sicuramente definirmi esperto; immagino siano state fatte tutte le prove allergiche, quindi è corretto sentire un neurologo ed aggiungerei forse anche un immunologo, ma senza particolari illusioni. Posso chiederle se le sia possibile riprendere il nuoto?

    1. FRANCESCO

      Grazie anzitutto della risposta! Le prove allergiche si, le ho fatte tutte, senza riscontrare nulla “fuori posto”. Sto cercando di riprendere il nuoto, ma non è facile perche dopo qualche vasca comincio ad avere questa terribile reazione infiammatoria pruriginosa…della corsa, cosi come degli altri sport non parliamo proprio! almeno durante il nuoto ci si puo fermare e stemperare il disturbo immergendosi nell’acqua piu fredda.
      Crede dunque anche lei che possa essere un discorso autoimmune?
      Francesco

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      In tutta onestà no, ma nei casi di orticaria così “ostinata ed inspiegabile” non lascerei nulla al caso.

    3. Aldo

      Buona sera dottore stamani sono stato punto da un insetto sull’avambraccio e si è gonfiato e arrossato ma stasera un dolore atroce per tutto il braccio cosa sta succedendo

    4. Dr. Cimurro (farmacista)

      Potrebbe essere infezione, usi il ghiaccio e contatti la guardia medica se il dolore fosse insopportabile.

  20. selena

    Io da giovane non ho mai sofferto di nessuna malattia allergica stavo benissimo ,dopo aver partorito mi e stata fatta una inezione per farmi cambiare il gruppo sanguigno ,e per me e arrivato un calvario OrTICAIA CRONICA PUO ESSERE CAUSATA DA QUESTA INIEZIONE

  21. annalisa

    Salve dottore prima di andare a letto ieri sera mi se era gonfiata la palpebra poco dopo ho avuto per la prima volta una reazione orticaria su entrambi le gambe…ma non so a cosa sia dovuto …in caso di un altro sfogo cosa dovrei fare??

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Il primo passo è il medico di base, a meno che la reazione non sia così grave da richiedere il PS.

  22. anna

    salve dottore,circa un mese fa ho dovuto portare mia madre all’ospedale per il gonfiamento del labbro,dopodichè facendo le cure con il bentelan,è tornato tutto nella normalità.Ora sul fianco gli sono riusciti i cosidetti pomfi.Cosa posso fare?inoltre lei è allergica alle graminacee e agli acari.Va bene prendere l’antistaminico.Grazie

    1. anna

      inolltre questi pomfi compaiono solo la sera…come può essere dottore?grazie

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Alla sera c’è un aumento fisiologico di istamina che può spiegare la comparsa dei pomfi, in ogni caso raccomando una visita dermatologica.

  23. Domenico

    Salve Dottore,
    Soffro di orticaria da mesi ormai. Il tutto è iniziato nel mese di Aprile quando avvertivo sensazioni di punture e puntini rossi sul busto quando facevo palestra o di notte quando sentivo caldo. Ho iniziato a prendere Formistin e poi Tinset su consiglio del medico, ma questa terapia non ha portato miglioramenti. Lo stesso dottore poi mi ha consigliato di fare delle punture di cortisone e associarle a dei formistin. Dopo due punture, anche stavolta per mancati miglioramenti, ho sospeso le punture. Con l’arrivare dell’estate e del caldo ho notato che questi fastidi non si limitavano allo sforzo fisico ma anche al caldo, appunto, e al sole. Così mi sono rivolto ad un dermatologo che mi ha, consigliato di tenere un diario con alimenti e l’ora in cui avevo questi fastidi, e intanto assumere degli ayrinal. Anche questa terapia però non ha fruttato miglioramenti e così queste compresse sono state sostituite dal dermatologo con degli Atarax. Dopo circa 10 giorni però mi ritrovo con gli stessi sintomi e senza miglioramenti. Non so che altro provare.
    Le ricapitolo i sintomi : sensazione di punture e punti rossi sul busto, braccia e collo.
    Le cause che ho notato sono : caldo, quando sono in imbarazzo o nervoso, quando sto al sole e esercizio fisico ( entrambi i casi li sto evitando ). Il tutto mi passa mettendo le mani sotto acqua freddo o nei casi peggiori bagnarmi un po’ il busto.
    Se mi consiglia qualcosa gliene sarei davvero grato. ho 20 anni e avere questi fastidi è davvero deprimente e demoralizzante, per non parlare del disagio fisico.
    Aspetto vostre notizie.
    Grazie mille in anticipo per la disponibilità che rivolge a tutti noi.
    Buona giornata

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Purtroppo sembra una reazione al caldo ed al sudore e, in questi casi, non ci sono alternative all’evitare queste situazioni.

      Durante la cura con il cortisone non notava miglioramenti?

    2. Domenico

      Salve, scusate se le rispondo dopo giorno e grazie a lei per la risposta. Comunque di cortisone il medico mi aveva consigliato 1 siringa ogni 15 giorni per un totale di 3. Ne ho fatte soltanto due, appunto perché non ho visto miglioramenti. Per adesso sto evitando queste situazioni ma è molto difficile perché non posso praticamente fare nulla.
      Grazie ancora. Se ha qualche consiglio sono aperto a tutto.
      Buona serata.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Può provare a diminuire gli alimenti ad alto contenuto di istamina, ma non illudiamoci.

  24. marina

    Buongiorno Dottore,
    ho un’orticaria che dura da 2 mesi in seguito ad un annidamento di pidocchi di cui non mi ero accorta e che ho avuto da luglio a fine settembre..nell’ultimo periodo l’orticaria si è estesa in tutto il corpo. Alla mia scoperta dei pidocchi ho subito fatto le cure del caso e ora non ne ho più, ma l’orticaria persiste..cosa può essere?

    1. marina

      l’ho fatto per 1 mese, ma non ho avuto risultati.. i pidocchi sono stati nei miei capelli per 3 mesi senza accorgermene e ho paura che questa sia una reazione a tutte le loro punture e allo stress da grattamento che avevo inconsapevolmente.. o può essere qualcosa di peggio come magari un’infezione sanguigna?

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Rivaluterei con il medico una nuova cura (antistaminica e/o cortisonica).

Lascia un Commento

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.