Allergia ed orticaria cronica: sintomi, cause cure

Ultimo Aggiornamento: 2016 giorni

Link sponsorizzati

Introduzione

Orticaria sulla schiena (http://en.wikipedia.org/wiki/File:Hives_on_back.jpg)

Orticaria sulla schiena (http://en.wikipedia.org/wiki/File:Hives_on_back.jpg)

Probabilmente conoscete già l’orticaria: si tratta di piccoli rigonfiamenti irregolari e arrossati che compaiono sulla pelle provocando un intenso prurito: circa il 20 per cento della popolazione soffre di orticaria almeno una volta nella vita, che spesso compare all’improvviso e dura soltanto per poche ore oppure, più raramente, per più di sei settimane.

In alcune persone non scompare del tutto, oppure sembra passare ma tende a ricorrere con frequenza: può ripresentarsi per mesi oppure, più raramente, per anni. Questo è il motivo per cui questa forma viene definita orticaria cronica, dal punto di vista scientifico orticaria idiopatica cronica; la si definisce tale quando perdura per più di 6 settimane, mentre in caso di durata inferiore si parla di orticaria acuta. Le 2 forme hanno sintomi e manifestazioni molto simili, probabilmente identici, e vengono diagnosticate sulla base della durata.

Questo disturbo non mette in pericolo la vita del paziente, ma può causare preoccupazioni e disabilità.

L’orticaria cronica colpisce entrambi i sessi, però sembra avere una maggiore incidenza tra le donne di mezza età. Il 30 per cento circa degli adulti affetti sono anche colpiti dall’angioedema, in cui il gonfiore si diffonde in zone piuttosto vaste e colpisce con maggior frequenza le labbra oppure le palpebre.

Cause

L’orticaria è una reazione allergica della pelle verso una sostanza che in condizioni normali sarebbe inoffensiva, i casi acuti possono essere scatenati da una o più sostanze, anche molto diverse tra loro, e le più comuni vanno ricercate tra:

  • farmaci,
  • alimenti,
  • morsi o punture d’insetto.

La causa della forma cronica è al contrario spesso difficile da individuare e, sebbene la causa sia attualmente sconosciuta, si pensa che sia legata al sistema immunitario del paziente che scatena la reazione.

Alcune forme di orticaria cronica peggiorano quando il flusso sanguigno aumenta per:

Il peggioramento dell’orticaria è anche abbastanza comune nel periodo premestruale.

Alcuni pazienti sviluppano un’orticaria da pressione in alcune parti del corpo, come conseguenza del lavoro che svolgono: chi sta seduto per gran parte della giornata potrebbe sviluppare l’orticaria sulle natiche, indossando cinture troppo strette potrebbero comparire i segni sull’addome.

Sintomi

La manifestazione della patologia interessa la parte più superficiale della pelle, è caratterizzata dalla comparsa di piccole macchie sulla pelle, chiamati pomfi, di colore rosso, piccole lesioni con bordi spessi che possono anche unirsi; tuttavia il sintomo principale dell’orticaria è il prurito.

Diagnosi

Orticaria da antibiotico (http://en.wikipedia.org/wiki/File:Urticaria_2.jpg)

Orticaria da antibiotico (http://en.wikipedia.org/wiki/File:Urticaria_2.jpg)

La diagnosi inizia con un esame della storia medica del paziente seguita da una visita, il medico prima di tutto controllerà che l’orticaria cronica non sia sintomo di una malattia più grave, come ad esempio l’epatite o l’ipertiroidismo.

Alcuni pazienti affetti sono anche colpiti dall’orticaria vascolitica in cui i capillari, i piccoli vasi sanguigni della pelle, si infiammano. La pelle in questo caso non prude così tanto, ma può durare di più; le zone colpite rimangono arrossate anche dopo che i pomfi sono spariti e il paziente può manifestare dolori articolari o febbre. Questi sintomi potrebbero far pensare al lupus eritematoso sistemico o addirittura a un tumore, ma queste associazioni sono estremamente rare.

Una volta escluse tutte le altre patologie, il medico vi porrà domande sul contatto con sostanze che possono aver scatenato una reazione allergica, anche se una percentuale variabile dal 15 al 20 per cento delle cause croniche è fisica (scatenata dal freddo, dal calore, dalla luce solare o dall’esercizio fisico).

Se dopo aver riassunto la storia medica non si riesce a individuare la causa dell’orticaria si prendono altri provvedimenti: si chiede al paziente di tenere un diario per una o due settimane in cui scrivere tutte le attività, tutti gli alimenti e le bevande assunte, la zona e il momento in cui compare l’orticaria. In questo modo si può individuare la causa.

Il medico può prescrivere degli esami di laboratorio e se si sospetta la presenza dell’orticaria vascolitica può essere prescritta una biopsia della pelle.

Spesso il paziente viene sottoposto ad una dieta con eliminazione degli allergeni, questa dieta non contiene gli alimenti che scatenano con maggiore frequenza reazioni allergiche. La reattività a un particolare alimento viene confermata se i sintomi, dopo essere spariti, ricompaiono una volta che quell’alimento è stato reintrodotto. In parole povere l’alimento specifico che causa il problema viene individuato modificando la dieta del paziente.

Anche in questo modo tuttavia non sempre si riesce a identificare la causa specifica dell’orticaria cronica, in questi casi si dice che la malattia è  idiopatica. I ricercatori sono comunque concordi nell’affermare che la causa potrebbe essere rappresentata dagli anticorpi presenti nel sangue, che reagiscono contro i tessuti dell’organismo.

Durata

Ogni episodio di orticaria dura al massimo 24 ore e spesso scompare nel giro di due, quattro ore.

Cura e terapia

Orticaria allergica sul braccio (http://en.wikipedia.org/wiki/File:Urticaria_arm.jpg)

Orticaria allergica sul braccio (http://en.wikipedia.org/wiki/File:Urticaria_arm.jpg)

Prima di tutto, se la causa è nota, occorre evitarla in modo da prevenire la reazione, se invece la causa è sconosciuta dovrete aspettare che il disturbo regredisca lentamente.

Potete assumere farmaci specifici per tenere sotto controllo il prurito, oggi la maggior parte delle persone usa gli antistaminici non sedativi come, la loratadina (Claritin®), la cetirizina (Zirtec®) Se non fossero sufficienti è possibile aggiungere altri antistaminici come la cimetidina (Tagamet®) o la ranitidina (Ranidil®, Zantac®), farmaci normalmente usati come antiulcera, che bloccano i recettori H2 (ndr: In Italia questo duplice approccio è poco usato). La combinazione di questi due tipi di bloccanti a volte può alleviare meglio i sintomi. La terapia deve essere individualizzata e continuata sotto stretta supervisione medica.

Per le forme più gravi di orticaria possono essere usati antistaminici più potenti, ma occorre prestare attenzione perché causano sonnolenza ed altri effetti collaterali, anche se questi regrediscono con l’uso.

I farmaci corticosteroidi (cortisone) come il prednisone (Deltacortene®) possono tengono sotto controllo i sintomi, vengono però usati di rado perché con l’uso prolungato provocano effetti collaterali gravi; l’approccio ottimale prevede la prescrizione della dose utile minore possibile per il periodo di tempo il più breve possibile.

Sono in corso numerose ricerche, in futuro sarà probabilmente possibile disporre di terapie ancora migliori; negli Stati Uniti per esempio diversi nuovi farmaci sono in attesa di essere approvati, agiscono su cellule della pelle diverse oppure bloccano mediatori diversi dall’istamina e rappresenteranno un’ulteriore possibilità per i pazienti colpiti da orticaria che hanno tratto pochi benefici dai prodotti attualmente in commercio.

Traduzione a cura di Elisa Bruno


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. Anonimo

    Salve,è da luglio che ho questa orticaria venuta dal nulla. Ho fatto test per le allergie e rast alimentare,esami della tiroide e ormonali. Tutto negativo a parte la tiroide un pò “addormentata”come ha detto l endocrinologo. Per 1mese ho preso un antistaminico,poi sostituito da altri perché non faceva più effetto a loro volta sostituito da cortisone,ma anche questo da solo non mi faceva passare il problema. Ormai sono quasi due mesi che prendo antistaminico e cortisone e come provo a eliminare l antistaminico,le bolle ritornano. È diventata una situazione pesante,anche perché questi medicinali mi danno delle fitte al petto e poi ho preso 5 kg in poco tempo. I dottori mi hanno detto di avere pazienza che come è arrivata,va via,ma prendere tutte queste medicine non mi entusiasma. Cosa mi consiglia lei?grazie.

    1. Anonimo

      No nessun altro sintomo e non assumo altri farmaci. Ho passato questa estate lavorando molto,ma ora ho voluto diminuire la mole di lavoro,sono molto più tranquilla ma come smetto i farmaci ricompare l orticaria.

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente hanno ragione i medici consultati, serve tempo e pazienza.

  2. Marianna

    Salve esattamente 15 settembre 2015 mi sono uscite delle bolle sotto al braccio sx inizialmente si presentano come un vero e proprio morso di zanzara prurito bolla rossa e al tatto caldo dopo si sono ristrette ma sparse fino quasi sotto ascella ho preso l’antistaminico e dopo 3giorni è passato ora 15 ottobre 2015. Braccio dx da sotto al polso fino ascella di nuovo stesse bolle grandi rosse prurito inizialmente sembravano sempre un morso ma poi poi mi sono uscite anche delle piccole bollicine con un po di acquiccio dentro che quando premo pungono. Nel palmo della mano sul dito del piede e anche sul sedere delle bolle sempre tipo morso sono preoccupata perché ho notato che è ritornata esattamente dopo un mese. E in tutte due i casi tra pochi giorni ho il ciclo ora ho ripreso l’antistaminico. È stanno svanendo ma. Sono un po penseriosa aiutoooo

  3. miranda

    Salve ho del prurito a livello delle caviglie ed allo stesso tempo in zona inguinale come posso curarmi?grazie cordiali saluti

  4. giusy

    Salve sono giusy già a due volte volge che mi viene l orticaria e nn so da cosa sia causata mangio in bianco e prendo tante medicine non mi vogliono fare le prove allergiche cosa devo fare le

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      In questi casi in genere si agisce con sintomatici (antistaminici e, quando possibile, cortisone).

    2. giusy

      Ma da cosa può essere causata il bagno schiuma o un sapone può fare venire l l’orticaria

  5. milli

    Mio figlio ha orticaria da quando aveva 5 anni adesso ne ha 19 . Non so cosa fare tra tanti medici e tante medicine non abiamo risolto niente. Sono disperata .

  6. Valer

    Buonasera dottore, vorrei un parere: ieri pomeriggio a mio figlio di 3 anni è comparsa improvvisamente orticaria. Ho chiamato il pediatra e mi ha fatto dare prima del cortisone e poi questa mattina dopo la visita gli ha prescritto un antistaminico. Poco fa ho notato che il burrocacao appena comprato è finito. Mi sono ricordata che ieri mattina mio figlio se lo è spalmato su bocca e naso e solo ora penso che possa esserselo ingoiato tutto. Lui dice di averlo ingerito, ma non capisco se lo dice tanto per dire oppure se è vero. Mi chiedo se è possibile che l’orticaria sia la conseguenza di ingestione di burrocacao. Lo farò presente al pediatra. Che ne pensa? Grazie per la risposta.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      L’aveva già usato nei giorni scorsi sulle labbra del bambino? Reazioni locali?

  7. Valer

    Avevo usato su di lui il burrocacao per la prima volta in assoluto il giorno prima e non ho notato reazioni locali. O meglio era già tutto rosso nella zona che va dal naso alle labbra a causa del raffreddore e del suo continuo strofinarsi il naso colante con gli indumenti, quindi non saprei dirle. Ho anche pensato possa essere stato una coincidenza di fattori: un’altra pediatra mi ha prescritto aerius sciroppo per 15 giorni la sera prima della nanna per asciugare il muco a causa di ristagni dovuti alle sue adenoidi ingrossate. Il terzo giorno, ossia sabato sera, non ho più somministrato il medicinale perché il muco da denso era diventato colante e trasparente nonostante l’antistaminico. Quindi mi chiedo se il tutto possa aver scatenato una reazione simile! Cosa ne dice? Può essere? Grazie.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      No, onestamente non credo.

      PS: Il muco era diventato colante e trasparente anche grazie ad Aerius, in questi casi non andrebbe sospeso.

    2. Valer

      Quindi la risposta con aerius era giusta! Io ho sospeso il farmaco perché la dottoressa mi aveva detto che lo avrebbe asciugato, ma non mi ha spiegato che prima si sarebbe fluidificato! In ogni caso, mi permetta un’altra domanda: il ristagno di muco non curato è responsabile di febbre (febbre non elevata)? Grazie di nuovo.

  8. Valer

    Salve dottore, una domanda alla quale non ho trovato risposta da nessuna parte: quanto tempo impiega un bimbo di 3 anni e 16 kg a smaltire un antistaminico come il formistin preso due volte al giorno per soli due giorni? nella dose di 8 gocce due volte al giorno per due giorni? Sono ansiosa per la sonnolenza e l’irritabilità! Inoltre: è normale che il bimbo urina più volte al giorno del solito? Grazie.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Nel giro di 12-24 ore dall’ultima dose dovrebbero sparire tutti gli eventuali effetti collaterali.

  9. marco

    Dopo aver fatto la doccia mi viene un prurito alle braccia è sempre “orticaria” grazie

  10. Luca

    Salve dottore,le volevo dire ho un orticaria da 3 giorni, sto prendendo antistaminico più compressa bentelan, però inizialmente ho fatto anche le siringhe,ma adesso ho notate che quando prendo il bentelan mi fa uscire sempre le macchie poi prendo l antistaminico e si tolgono,non so che fare secondo lei devo smettere con la cura?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      No, non la interrompa senza prima aver sentito il medico, è possibile ma poco probabile che il cortisone faccia peggiorare la situazione.

  11. Maria grazia

    Buona sera e’ da due settimane ormai che ho prurito e poi mi escono dei puntini rossi tipo pizzichi di zanzara , sto prendendo antistaminico il zirtec e mi calma anke il prurito e i puntini vanno via poi dopo due giorni mi torna il prurito e questi puntini cosa faccio continuo a prenderlo ? Da cosa puo’ dipendere ? Cmq nn ho febbre ho solo prurito e puntini rossi :(

  12. Anonimo

    Salve dottore … Ho bisogno di una risposta urgentemente per calmate la mia ansia,, la prego di rispondere prima possibile … La ringrazio anticipatamente ….
    Stasera ho mangiato una torta salata con panna uova comunque tutte cose che mangio in piu c era del pesce surgelato tra cui cozze vongole gamberetti (di cui mangio) in poche quantita e poi anche calamari polipo ( che nn mi piacciono) ma che comunque nemmeno si vedevank era pochissima quantita .. Io mi sono fissata ancora prima di mangiare che mi deve fare qualcosa allergia allora nt ho mangiato tranquillamente e poi mi é spuntato un puntino rosso nella mano ma piccolino r io mi sono allarmata ,,,, l altro ieri uno puntino uguale al seno e al braccio ( ma nn avevo mangiato pesce) …. Puo esser stato il pesce questo puntino nella mano???? E quello nel bravcio e seno?? Lana ? Pigiama? Ho paura vorrei soltanto sapere se posso avere uno shock che e la mia piu grande paura … Il pesce l ho mangiato alle 21;00 …. Ah ma lo senpre mangiato… Grazie anticipatamente

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sono sicuro che la notte è stata passata benissimo dal punto di vista allergico e che di fondo c’era più che altro tanta ansia.

  13. Anonimo

    Si sono ancora viva.. Solo tanta ansia ,,, non so come devo fare sto facendo anche psicoterapia,,, inoltre oggi mi sono alzata tardi ho pranzato e ho misurato la pressione perche mi sentivo le orecchie stonate ma forse mi ero alzata di fretta ed era 89/61 e sono entrata in ansia poi lo rimisurata dopo mezz ora ed era 113/63… L altro giorno dal medico l avevo 100 e mi ha detto che nn e bassa ma ho paura io .. Paura di svenire ce il rischio???

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non c’è rischio e, al suo posto, butterei dalla finestra lo strumento per evitare di misurarla ancora… 😉

  14. manuel

    Dottore io soffro di orticaria e ogni tanto mi viene questo sfogo però o notato che questa orticaria mi viene solo nei periodi freddi associati a forte stress e ansia era un bel Po che non mi veniva ( 4 5 anni ) ora mie ricomparsa volevo sapere cosa posso prendere per il prurito e se lo stress incide

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, lo stress incide moltissimo.
      Mi dispiace, ma non posso prescrivere farmaci.

  15. manuel

    Dottore che test si fa quando sia l orticaria o letto che si effetuano svariati test qualli sono?

  16. manuel

    Salve dottore sono sempre io Manuel volevo aggiornarla. Sono andato dal mio medico e mia raccomandato di stare più sereno e mai anche detto di prendere per 3 giorni la bentelan e per 7 giorni antistaminico ora sto bene non mi vieni più il prurito e neanche i puntini rossi ma secondo lei in base alla cura che sto facendo che tipo di orticaria posso avere?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Impossibile dirlo, la cura prescritta è comune a tutte le forme.

  17. Emanuela

    Salve dott.la scrivo per avere un suo parere per un problema che ha mio marito da oltre 10 anni senza aver risolto e che lo sta distruggendo.Anni fa andando al mare ebbe una scottatura.da allora ha avuto orticaria cronica che subentrava anche in situazioni tipo d imbarazzo.la cosa strana e che qst problema lo avverte solo d inverno e ha capito che facendo doccie calde sudava e stava un po meglio.come se d inverno la pelle nn traspirasse.aspetto con ansia la vostra risposta grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Senza vedere è difficile esprimere giudizi, ma le confermo che sono numerose le patologie di questo genere che peggiorano d’inverno (a causa del freddo la pelle tende a seccarsi); potrei nominare per esempio l’orticaria da stress e la dermatite atopica, ma sarebbe quasi come tirare ad indovinare.

      Potrebbe valere la pena provare con applicazioni preventive di emulsioni idratanti, ma non posso e non voglio in alcun modo sostituirmi al dermatologo.

Lascia una risposta

IMPORTANTE: In nessun caso la figura del farmacista può sostituire quella del medico, unico professionista con le competenze e la possibilità legale di formulare diagnosi e prescrivere farmaci. Le considerazioni espresse hanno quindi come unica finalità quella di agevolare in ogni modo il rapporto medico-paziente.

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.