Isterectomia totale: intervento, conseguenze, convalescenza

Ultimo Aggiornamento: 956 giorni

Link sponsorizzati

Isterectomia

Isterectomia (http://www.flickr.com/photos/pyxopotamus/2507321666/)

Introduzione

Alcune condizioni che colpiscono seriamente la salute della donna richiedono di essere trattate con un’isterectomia. In latino “ister” significa utero e “ectomia” significa rimozione. L’isterectomia è quindi la rimozione chirurgica dell’utero. Il tuo medico può raccomandarti di sottoporti ad un’isterectomia, ma la decisione di sottoporsi o meno a quest’operazione è anche tua.

Questo sommario di riferimento ti aiuterà a capire meglio i benefici e i rischi di questo intervento chirurgico.

Anatomia

Gli organi riproduttivi femminili includono:

  • vagina,
  • utero,
  • tube di Falloppio,
  • ovaie.

Questi organi si trovano nella pelvi, tra la vescica e il retto. Le ovaie hanno due funzioni principali:

  1. La prima è la produzione di ormoni specializzati come estrogeno e progesterone, questi ormoni sono molto importanti nella regolazione della seconda funzione delle ovaie:
  2. l’ovulazione.  L’ovulazione è il rilascio degli ovociti, necessari per la riproduzione.

Questi ormoni preparano anche lo strato interno dell’utero alla gravidanza. Quando un ovocita viene rilasciato scende verso l’utero attraverso le tube di Falloppio, dove può essere fecondato. Se non avviene la fecondazione l’ovocita e lo strato interno dell’utero sono espulsi dal corpo durante il flusso mestruale.

Apparato riproduttore femminile

Apparato riproduttore femminile (http://it.wikipedia.org/wiki/File:Genitali_femminili.gif)

L’utero è un organo a forma di pera che misura approssimativamente 7.5 cm in lunghezza ed è fatto di tre strati: lo strato più interno è detto endometrio. Durante il ciclo mestruale il corpo della donna sessualmente matura fa aumentare le dimensioni dell’endometrio per accogliere l’ovulo in caso di fecondazione; una volta al mese, se non ci sono gravidanze e se le ovaie stanno funzionando correttamente, viene espulso dal corpo.

Quando si avvicina la menopausa i cicli diventano irregolari e alla fine cessano. La menopausa si verifica quando le ovaie smettono di produrre ormoni e di rilasciare ovociti.

Se si verifica una gravidanza il feto trova posto nell’utero fino alla nascita. L’utero è capace di aumentare in modo considerevole le proprie dimensioni e lo strato muscolare intermedio dell’utero è responsabile delle contrazioni a cui segue la nascita del bambino.

Lo strato più esterno dell’utero è detto sierosa, mentre la parte più bassa dell’utero, che si apre nella vagina, è detta cervice. La vagina si apre all’esterno tra l’uretra, che è l’ apertura della vescica urinaria, e il retto.

L’utero è tenuto in sede tramite legamenti specializzati, che aiutano a prevenire che l’utero scivoli in basso nella vagina. La vescica si trova davanti alla vagina e all’utero, i reni drenano l’urina nella vescica attraverso due tubi specializzati detti ureteri.

L’intestino e il retto si trovano sopra e dietro la vagina e l’utero.

Cause

Molte sono le condizioni che possono richiedere un’isterectomia, ricordiamo le principali:

  • Alcune disturbi portano ad un eccessivo sanguinamento mestruale che può causare una significativa perdita di peso. Anche forti crampi e dolore addominale possono accompagnare il ciclo mestruale in modo non sopportabile.
  • Tumori benigni dello strato muscolare dell’utero, noti come tumori fibromiomi, possono causare un sanguinamento così eccessivo. Questi tumori possono raggiungere dimensioni significative causando crampi, dolore e compressione sulle strutture circostanti.
  • Tumori maligni possono coinvolgere l’utero così come le ovaie. I legamenti che tengono l’utero in sede possono diventare lassi, ciò è detto rilassamento pelvico, che può causare la discesa dell’utero in vagina (prolasso uterino).
  • Lo strato interno dell’utero, o endometrio, può crescere in modo anomalo nella cavità addominale (endometriosi). Questa malattia può causare cicatrici e dolore durante l’attività sessuale o i movimenti intestinali. L’endometriosi può causare anche sanguinamento anomalo.
  • Infezioni dell’utero o delle tube di Falloppio possono estendersi alla cavità pelvica, con una conseguente condizione nota come Malattia Pelvica Infiammatoria. Queste infezioni sono di solito trasmesse sessualmente.

Conseguenze

Dopo un’isterectomia una donna non può più rimanere incinta, è quindi molto importante discutere della questione con il tuo ginecologo prima dell’intervento chirurgico se pensi di volere una gravidanza in futuro.
L’isterectomia non influenza invece le sensazioni sessuali, l’attività sessuale può essere ripresa entro alcune settimane e può essere piacevole come prima dell’operazione.
Le malattie trasmesse sessualmente possono invece ancora verificarsi, è quindi molto importante praticare sesso sicuro anche dopo l’intervento.

Procedura

Lo scopo dell’isterectomia è rimuovere l’utero, a volte il chirurgo può decidere di rimuovere anche una o entrambe le ovaie attraverso le tube di Falloppio. Ciò è noto come isterectomia e salpingo-ovariectomia. “Salpinge” significa tuba di Falloppio in Latino; “oopho” significa ovaio in Latino e “ectomia” significa rimozione in Latino.

L’operazione può essere fatta attraverso l’addome (isterectomia addominale) o attraverso la vagina (isterectomia vaginale).

Nell’isterectomia addominale l’incisione può essere verticale sulla linea mediana o può essere trasversale (incisione “bikini”). Entrambe le incisioni di solito guariscono lasciando una cicatrice molto piccola. Le incisioni in una isterectomia vaginale sono dentro la vagina e non si vedono all’esterno.

Il chirurgo discuterà con te di quale incisione sta programmando di usare.

La paziente operata di isterectomia rimane in genere in ospedale per alcuni giorni.

Pericoli

Questa procedura è ormai molto sicura, esistono tuttavia diversi possibili rischi e complicanze molto improbabili, ma possibili. Hai bisogno di saperli nel caso in cui si verifichino, essendo informata puoi aiutare il tuo medico a riconoscere le complicanze precocemente.

I rischi e le complicazioni includono quelli legati all’anestesia e quelli legati al tipo di intervento chirurgico: i rischi legati all’anestesia, ma non limitati ad essa sono:

Questi rischi saranno discussi con te in dettaglio dal tuo anestesista.

Si possono formare coaguli di sangue nelle gambe (trombosi), questi di solito si formano alcuni giorni dopo l’intervento e provocano dolore e gonfiore alle gambe. Questi coaguli di sangue si possono spostare dalle gambe verso i polmoni dove causeranno mancanza di respiro, dolore al petto e possibile morte (embolia polmonare). A volte la mancanza di respiro può verificarsi senza preavviso, è quindi estremamente importante permettere ai medici di sapere se si verifica uno di questi sintomi. Alzarsi dal letto presto dopo l’intervento può aiutare a ridurre il rischio di coaguli di sangue nelle gambe.

Alcuni rischi ci sono in ogni tipo di intervento. Questi includono:

  • Infezione profonda o superficiale.
  • Sanguinamento o durante o dopo l’operazione. Ciò può richiedere una trasfusione di sangue.
  • Una cicatrice cutanea che può essere dolorosa o brutta

Altri rischi o complicazioni sono legati specificamente a questo tipo di intervento, ma anche questi sono molto rari

Raramente le strutture della pelvi e dell’addome possono essere lese durante l’intervento, specialmente se c’è una cicatrice importante di pregressi interventi, endometriosi o malattia pelvica infiammatoria.

E’ molto raro per gli ureteri e per la stessa vescica essere lesi, comunque se ciò accade può essere necessaria un’altra operazione che può portare alla perdita di un rene.

In casi estremamente rari anche l’intestino e i vasi sanguigni possono essere colpiti, necessitando di un’altra operazione.

Allo stesso modo, in casi estremamente rari, i piccoli nervi nella pelvi possono essere lesi con conseguente ridotta sensibilità negli organi sessuali, ciò può condurre a una disfunzione sessuale.

Nelle isterectomie addominali si possono verificare ernie ma ciò è molto raro.

Raramente dopo l’operazione si possono formare connessioni anomale tra la vescica e la vagina o tra il retto e la vagina a causa della cicatrizzazione. Queste sono note rispettivamente come fistole cisto-vaginale e retto-vaginale. Ciò può causare la fuoriuscita di urina o feci dalla vagina. Può essere necessaria un’altra operazione.

L’isterectomia non causa alcun aumento di peso.

Dopo l’isterectomia

  • Dopo l’intervento chirurgico sarai trasferita in sala post-operatoria per alcune ore, dopodiché sarai trasferita nella tua stanza. Il tuo medico ti dirà quanto tempo starai in ospedale, in rapporto al tuo stato di salute, l’età e altri fattori.
  • Potrebbe essere posto un catetere per svuotare la vescica, esso verrà rimosso prima che lasci l’ospedale.
  • La garza posta nella vagina durante l’intervento è di solito tolta dopo alcuni giorni.
  • E’ normale osservare perdite di sangue dalla vagina fino a 10 giorni dopo l’isterectomia.
  • Avrai bisogno di usare assorbenti igienici, meglio se di cotone, per alcune settimane a causa del sanguinamento vaginale e perdite brunastre. Il tuo infermiere ti darà istruzioni addizionali relative alla doccia ed all’alimentazione prima della dimissione dall’ospedale.
  • Avrai bisogno di fare brevi passeggiate per aiutare la circolazione e prevenire la formazione di coaguli di sangue nelle gambe. Anche la tua dieta sarà ripresa gradualmente non appena starai meglio.
  • Dopo aver lasciato l’ospedale, evita sollevamenti o piegamenti fino a quando l’incisione guarisce.
  • Il tuo medico ti dirà quanto tempo ci vuole per far guarire le tue incisioni e quando potrai tornare a lavoro. Questo dipende dall’età,dal tipo di lavoro e dalla condizione medica così come da altri fattori.
  • Puoi riprendere l’attività sessuale entro 6 settimane. Quest’operazione non cambierà la tua vita sessuale né la tua sensibilità.
  • Più probabilmente l’operazione ti libererà dal dolore cronico causato dal problema uterino e non avrai più cicli mestruali.
  • Se non sei ancora andata in menopausa, e se entrambe le ovaie sono state rimosse durante l’intervento, il chirurgo potrebbe prendere in considerazione una terapia ormonale sostitutiva.
  • I sintomi premestruali non saranno influenzati dall’isterectomia se le ovaie non sono state rimosse.
  • Dovresti chiamare il tuo medico nel caso in cui sviluppi:
    • Febbre,
    • Maleodoranti perdite vaginali,
    • Fuoriuscita di materiale dall’incisione,
    • Severo dolore alle gambe,
    • Qualsiasi altro sintomo inusuale.

Terapie alternative

In base alla condizione sottostante possono essere valutati dei trattamenti alternativi prima che il medico raccomandi un’isterectomia.

  • Certe condizioni possono per esempio rispondere alla terapia ormonale. Un eccessivo sanguinamento mestruale e l’endometriosi sono due di queste condizioni.
  • Altre condizioni possono migliorare dopo la menopausa, per esempio i fibromiomi possono regredire dopo la menopausa non essendo più sottoposti all’azione degli estrogeni.

Traduzione ed integrazione a cura di Francesca Giannino


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. margott

    salve dottore, sono stata operata 15 giorni fa’ di isterctomia totale con conservazione degli annessi… sono stata operata per un prolasso uterino causato dal primo parto che ho avuto, ho 39 anni, so’ che mi hanno ancorato la vescica, ma ho tanta paura che puo’ prolassare anche questa….sono stata 12 anni a soffrire per il prolasso uterino ed e’ questo che sicuramente mi impaurisce….

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Comprendo la sua paura, ma con una convalescenza attenta non abbiamo motivo di pensare che succeda.

    2. Anonimo

      grazie della risposta immediata.. ma cosa si intende per convalescenza accurata… devo ancora stare a casa a riposo? quando posso iniziare a fare una vita normale ?..non so’ se posso iniziare a guidare nuovamente la macchina… ho tanta voglia,ma tanta paura

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Esatto, deve riguardarsi e riprendere in modo graduale le attività quotidiane, anche e soprattutto in base alle indicazioni del chirurgo.

  2. Giuliana

    Sono stata operata 4 mesi fa di ischerectomia totale ho 55anni pero’ancora oggi ho dei dolori specie quando in bagno , anche quando ho rapporti con mio marito vorri sapere qualcosa in più

    Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Ritengo sia necessaria una visita per provare a dare risposta ai suoi legittimi dubbi.

  3. bruna

    Buonasera dott volevo sapere per favore ho fatto isterectomia totale tutto bene ho ancora un piccolo ematoma di 2 centimetri ho iniziato ad avere rapporti sessuali con mio marito è normale che lo sperma fuoriesce dopo un po’ mi scuso per la domanda e la ringrazio molto .

  4. Michele

    Buongiorno dottore , mia madre ha 51 anni e il 18 gennaio 2013 è stata operata all’utero e gli hanno tolto appunto utero e anche le ovaie , operazione gli ha consigliato la nostra dottoressa per i suoi continui mal di testa .
    Tutto bene fino a qui , solo che adesso è da almeno una settimana che ha dolore sotto alla pancia e male alla schiena
    Lei ogni sei mesi fa la visita dal ginecologo , adesso l ha fatta a giugno e lei ha fatto presente questi dolori , però il ginecologo ha detto che è tutto apposto e che questi dolori sono dovuti al fatto che si deve ancora cicatrizzare la ferita
    Io data la mia ignoranza , chiedo , ma può essere veramente che a distanza di quasi 2 anni ormai , il motivo sia veramente quello ?
    O purtroppo può essere qualcosa di brutto
    Scusi il disturbo , buona giornata

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      In tutta onestà credo che a distanza di due anni si sia cicatrizzato tutto, ma non dobbiamo necessariamente pensare al peggio; lo faccia presente al medico di base per le opportune indagini.

  5. Michele

    Grazie
    Mia mamma è appena andata dalla dottoressa e gli ha detto che non è niente , gli ha consigliato di comprare degli ovuli o una pomata antinfiammatoria da mettere .
    La pomata per lei è una buona cura ?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, mi sembra che come primo tentativo possa andare benissimo.

  6. Michele

    Ultima cosa poi non la disturbo più , ma quindi i dolori che le vengono a volte (a volte sono fitte o altre volte il dolore persiste per un po) possono essere causati da un’infiammazione ?

  7. marucha

    Ciao, vorrei sapere cosa si fa per curare o controlare il papillon humano..grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Se intende il papilloma virus purtroppo non si può fare molto; è già stato verificato di che ceppo si tratta?

  8. Anonimo

    Devo essere operata di mioma all’utero e c’e la possibilità che mi possono togliere l’utero ..Ho una grande paura che mi può succedere qualcosa ..Sono disperata ho 39 anni …

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Ha paura per eventuali complicazioni dell’intervento?

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non le dico che sia impossibile, ma attualmente gli standard di sicurezza sono davvero elevatissimi.

  9. anna 74

    Mi trovo in ospedale mercoledì devo essere operata di mioma intramurale..Ho un gran terrore che mi può succedere qualcosa post operatorio…Ed inoltre vorrei sapere quanto tempo dovrò restare ricoverata…..

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma non conosco i tempi di convalescenza.

Lascia un Commento

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.