Dialisi peritoneale a domicilio: vantaggi, procedura e rischi

Ultimo Aggiornamento: 191 giorni

Introduzione

Quando i reni non sono più in grado di assolvere alla loro funzione (insufficienza renale), che è quella di eliminare attraverso l’urina le sostanze di rifiuto presenti nel sangue, è necessario ricorrere alla dialisi, una procedura medica in grado di filtrare le tossine dal sangue.

Nella dialisi peritoneale i vasi sanguigni della parete addominale (peritoneo, che più o meno corrisponde alla pancia) assolvono alla funzione dei reni, con l’aiuto di un liquido apposito (dialisato) che viene filtrato dallo spazio peritoneale.

Il medico deciderà l’approccio più adatto per il paziente in base a

  • stato di salute generale,
  • funzionalità renale residua (misurata con gli esami del sangue e delle urine),
  • preferenze personali,
  • situazione domiciliare.

La dialisi peritoneale può essere l’opzione migliore se il paziente non riesce a tollerare i rapidi cambiamenti dell’equilibrio dei fluidi connessi all’emodialisi.

La dialisi peritoneale può non essere indicata se:

  • il paziente ha profonde cicatrici dovute ad interventi chirurgici nella zona dell’addome,
  • è presente un’importante ernia addominale,
  • il paziente non riesce a prendersi cura di se stesso oppure a domicilio non ha nessuno che si prenda cura di lui,
  • il paziente soffre di malattia infiammatoria intestinale o di episodi frequenti di diverticolite.

Vantaggi

Rispetto all’emodialisi, la procedura di filtraggio del sangue usata con maggior frequenza, la dialisi peritoneale presenta diversi vantaggi:

  • può essere eseguita a domicilio del paziente, sul luogo di lavoro oppure anche durante i viaggi, in certi casi anche durante il riposo;
  • è necessaria una minor quantità di farmaci,
  • permette di mantenere la residua funzionalità renale un po’ più a lungo rispetto all’emodialisi,
  • è necessario osservare meno restrizioni alimentari.

Svantaggi

La dialisi peritoneale non può essere eseguita da tutti i pazienti che soffrono di insufficienza renale, perchè sono necessarie una certa abilità manuale (oppure una persona che si prenda cura del paziente), nonché la capacità di prendersi cura di se stessi a domicilio.

Uno dei principali svantaggi di questo approccio è che deve essere eseguito ogni giorno, requisito che alla lunga può diventare stressante.

Può essere causa di aumento di peso.

Alcuni pazienti possono poi accettare con difficoltà la presenza di un sottile tubo (catetere) lasciato in modo permanente a livello addominale (pancia), anche se di norma può essere nascosto sotto i vestiti.

Un altro importante svantaggio è il rischio legato alla possibilità di sviluppare una peritonite (infezione della sottile membrana che riveste l’addome).

Ricordiamo infine che il liquido di dialisi può causare una riduzione dei livelli proteici del sangue, che ha come conseguenza la possibile comparsa di stanchezza e in casi particolari malnutrizione.

Rischi della dialisi peritoneale

La maggior parte delle persone che si sottopone alla dialisi si trova ad affrontare diversi problemi di salute gravi, tra cui le patologie che hanno causato l’insufficienza renale e l’insufficienza renale stessa. La dialisi serve per aumentare la durata media della vita di molti pazienti, però l’aspettativa di vita per chi deve sottoporsi a questa terapia è purtroppo sempre minore rispetto a quella media della popolazione.

Le principali complicazioni della dialisi peritoneale sono:

  • Infezioni. Il problema più frequente per chi si sottopone alla dialisi peritoneale è la peritonite, cioè un’infezione del rivestimento della cavità addominale (peritoneo). L’infezione può anche colpire la zona in cui viene inserito il catetere (tubicino) che permette il passaggio del liquido per la dialisi. Il modo migliore per prevenire questa evenienza è una pulizia scrupolosa dell’attrezzatura utilizzata per la dialisi, oltre a una grande attenzione alla propria igiene durante il procedimento. Contattare immediatamente il medico o il reparto di nefrologia se compaiono:
    • dolore addominale,
    • febbre elevata,
    • sensazione di malessere,
    • brividi,
    • torbidità nel liquido in uscita dalla dialisi.
  • Aumento di peso. Il liquido usato per pulire il sangue con la dialisi peritoneale contiene uno zucchero (destrosio o altro): il paziente quindi può assimilare diverse centinaia di calorie al giorno solo assorbendo parte di questo liquido (dialisato). Le calorie in eccesso possono causare iperglicemia se il paziente soffre di diabete, è quindi importante adeguare la propria a alimentazione e l’esercizio fisico di conseguenza.
  • Indebolimento dei muscoli addominali (ernia). I muscoli dell’addome si possono sforzare e indebolire se si trattengono liquidi nell’addome per lunghi periodi; il sintomo caratteristico è la comparsa di un gonfiore nella pancia, spesso del tutto indolore.

Procedura

Preparazione

Prima di iniziare ad effettuare la dialisi peritoneale il paziente verrà sottoposto a un semplice intervento chirurgico per l’impianto del catetere, il sottile tubicino di plastica che permette il passaggio del dialisato dall’addome all’esterno. L’intervento di impianto del catetere sarà eseguito in anestesia locale o generale. Di solito il chirurgo impianta il catetere all’altezza dell’ombelico.

Il chirurgo probabilmente consiglierà di attendere almeno due settimane prima dell’inizio della dialisi, in modo che la cicatrice intorno al catetere possa guarire completamente.

Nelle prime settimane il paziente viene seguito da vicino dal personale sanitario, che lo aiuterà a prendere confidenza con l’attrezzatura necessaria; solo al termine di questo addestramento, quando il paziente si sentirà sufficientemente confidente, inizierà a praticare personalmente la dialisi peritoneale.

Materiale

Il paziente in genere necessita almeno di:

  • catetere (inserito in modo permanente a livello addominale),
  • tubi per il collegamento tra catetere e sacca con la soluzione,
  • soluzione liquida per lo scambio (dialisato),
  • materiale per garantire igiene e pulizia all’attrezzatura,
  • cycler se viene scelta la dialisi notturna.

Dialisi peritoneale

Durante la dialisi peritoneale una soluzione liquida sterile (dialisato) passa nel catetere e raggiunge l’addome. La soluzione rimane nell’addome per un periodo di tempo stabilito dai medici (tempo di pausa). Durante il tempo di pausa i rifiuti, le sostanze chimiche ed i liquidi in eccesso contenuti nel sangue attraversano i capillari (minuscoli vasi sanguigni) nella membrana che riveste la cavità addominale (peritoneo) raggiungono la soluzione, che contiene uno zucchero in grado dii attirare i rifiuti e i liquidi in eccesso dai capillari del peritoneo verso l’addome.

Il paziente può avvertire un leggero gonfiore addominale dovuto alla presenza del liquido sterile, che tuttavia in genere non risulta fastidioso.

Una volta terminato il tempo di pausa la soluzione, insieme alle sostanze di scarto estratte dal sangue e ai liquidi in eccesso, passa in un sacchetto di raccolta. Il processo di riempimento e di svuotamento dell’addome è detto scambio.

A seconda del metodo prescelto per la dialisi peritoneale è previsto un diverso numero di scambi al giorno. I due schemi di scambi usati con maggior frequenza sono: la CAPD (dialisi peritoneale continua) e la CCPD (dialisi peritoneale continua ciclica). Alcuni pazienti usano una combinazione di questi due metodi.

Dialisi peritoneale continua ambulatoriale (CAPD)

Con questo tipo di dialisi peritoneale l’addome è riempito con il fluido apposito, che poi viene tolto. La gravità fa muovere il dialisato nel catetere e lo fa entrare e uscire dall’addome del paziente, in quanto la sacca con la soluzione liquida viene posta a un’altezza superiore rispetto all’addome del paziente, mentre la sacca per raccogliere il fluido in uscita verrà posta più in basso.

Gli scambi comportano quindi le fasi seguenti:

  1. riempimento dell’addome con il dialisato,
  2. accumulo del fluido nell’addome,
  3. fuoriuscita del fluido.

Il fluido viene scaricato poche ore più tardi e sostituito con il dialisato pulito; lo scambio richiede solitamente circa 30-40 minuti e deve in genere essere ripetuto 3-4 volte al giorno.

Tra uno scambio e l’altro il paziente è libero di continuare le normali attività.

Dialisi peritoneale notturna continua (CCPD)

Nel caso della dialisi peritoneale continua ciclica, un’apparecchiatura apposita (cycler) esegue un certo numero di scambi durante la notte, mentre il paziente dorme.

  1. Il dispositivo riempie automaticamente l’addome con la soluzione per la dialisi,
  2. consente al dialisato di accumularsi
  3. e poi di riversarsi nel sacchetto di drenaggio che il paziente svuoterà la mattina successiva. Una certa quantità di fluido rimarrà nell’addome fino alla notte successiva.

Il trattamento può essere interrotto nel caso in cui il paziente necessiti di urinare durante la notte; nel caso di problemi tecnici o di interruzione dell’energia elettrica ci sono ampi margini di tempo (24 ore) per dare modo al paziente di intervenire o di rivolgersi al reparto di nefrologia.

In questo modo il paziente può muoversi con più flessibilità durante la giornata, ma in compenso deve rimanere attaccato all’apparecchiatura per 8-10 ore durante la notte. Al mattino si inizia con uno scambio, il cui tempo di pausa dura tutta la giornata. Durante la giornata il paziente non deve usare nessuna apparecchiatura.

Il tipo di dialisi peritoneale migliore dipende dallo stile di vita, dalle preferenze personali e dalle condizioni di salute del paziente. È inoltre possibile adeguare il programma di dialisi alle proprie necessità, combinando le due forme sopra presentate; ad esempio, se state facendo la CCPD, potete fare uno scambio in più al pomeriggio per rimuovere i rifiuti e prevenire un assorbimento eccessivo del liquido.

Efficacia

Diversi fattori influiscono sulla capacità della dialisi peritoneale di rimuovere i rifiuti e i liquidi in eccesso dal sangue. Tra di essi ricordiamo:

  • peso e altezza del paziente,
  • velocità con cui il peritoneo filtra i rifiuti (tasso di trasporto peritoneale),
  • volume di dialisato impiegato,
  • numero di scambi giornalieri,
  • lunghezza del tempo di pausa,
  • concentrazione dello zucchero (destrosio) nel dialisato.

Nel caso di pazienti con un peso importante potrebbe essere necessario combinare i due approcci descritti per ottenere un risultato soddisfacente.

Per capire se la dialisi riesce a rimuovere una quantità sufficiente di prodotti di scarto l’équipe medica eseguirà diversi esami; gli esami sono importanti soprattutto durante le prime settimane di dialisi, per capire se state ricevendo un dosaggio sufficiente di dialisato.

  • Test di equilibrio peritoneale (PET). Quest’esame misura la quantità di zucchero assorbita da un sacchetto di soluzione usata, nonché la quantità di sostanze di rifiuto (urea e creatinina) assorbita dalla soluzione durante uno scambio di quattro ore.
  • Test della clearance. Durante quest’esame sono raccolti campioni di soluzione per la dialisi usata e di sangue venoso: la quantità di urea presente nella soluzione usata è confrontata con quella presente nel sangue. Se il paziente riesce a urinare, il medico preleva anche un campione di urina per misurare la concentrazione dell’urea.

Se i risultati degli esami indicano che il programma di dialisi non è in grado di rimuovere una quantità sufficiente di sostanze di rifiuto, il nefrologo può modificare lo schema utilizzato, ad esempio può aumentare il numero di scambi o il volume di soluzione usato in ogni scambio, oppure ancora usare una soluzione con una maggior concentrazione di destrosio.

I risultati della dialisi e lo stato di salute generale del paziente in genere migliorano seguendo un’alimentazione corretta:

  • La dialisi peritoneale può causare una perdita significativa di proteine, è quindi importante che la dieta ne sia particolarmente ricca (carne, pesce, uova); sarà necessario trovare un giusto compromesso nelle quantità, perchè questi alimenti sono spesso anche ricchi di fosforo, che va invece limitato.
  • Il fosforo è un minerale essenziale per il nostro organismo, ma in caso di consumo eccessivo può essere causa di indebolimento delle ossa; poichè la dialisi non ne rimuove a sufficienza dall’organismo, andranno limitati gli alimenti che ne sono eccessivamente ricchi (latte, formaggi, fagioli, …).
  • La quantità di liquidi da assumere quotidianamente andrà valutata con il proprio nefrologo o con un dietologo, per trovare un compromesso adatto alla concentrazione scelta per il liquido usato per la dialisi (che può esporre al rischio di disidratazione o di eccesso di idratazione).
  • Il sodio va limitato il più possibile, eliminando gli alimenti che ne sono ricchi (è presente soprattutto come cloruro di sodio, il comune sale da cucina).
  • Il potassio è un importante minerale con un grande impatto sulla funzionalità cardiaca; in genere ai pazienti dializzati viene consigliato di mangiare alimenti che ne siano ricchi, per evitare carenze (ipokaliemia).
  • Alla luce dell’introito calorico legato alla soluzione per la dialisi, verrà consigliato di prestare attenzione a limitare la propria dieta per evitare pericolosi aumenti di peso.

Queste sono indicazioni generali, ma ogni paziente è un caso unico, che richiede un’attenta pianificazione della dieta con il proprio specialista; a questo proposito si raccomanda di NON assumere alcun integratore se non espressamente prescritto o avallato dal proprio nefrologo, nemmeno se naturale.

Impatto sullo stile di vita

Il paziente che inizia la dialisi probabilmente non sarà più in grado di mantenere gli stessi ritmi lavorativi e le stesse abitudini di prima, anche perchè potrebbe subentrare stanchezza oltre alla necessità di pianificare la propria giornata in base agli scambi necessari.

Nel caso di dialisi peritoneale notturna sarà probabilmente necessario andare a dormire presto e impostare ogni sera il cycler per la notte.

In alcuni casi può essere necessario un supporto psicologico, soprattutto nei primi mesi, ma in genere il paziente in dialisi riesce comunque a mantenere una qualità di vita più che soddisfacente.

Fonte principale: MayoClinic

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

Gentile utente, per garantire maggiormente la tua privacy i tuoi contributi potrebbero essere mostrati sul sito in forma anonima.

Leggi le condizioni d'uso dei commenti.

  1. Anonimo

    Come passare da peritoneale manuale ad automatizzata ?
    Ce una prassi o no?
    Mia madre è in dialisi da 4 mesi.
    Lascio email

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma non posso rispondere via mail.
      In ogni caso sono valutazioni da fare con il nefrologo che la segue, in base al caso ed alle disponibilità della struttura.

  2. Anonimo

    in caso di dialisi perironeale, se si viene colpiti da infezione,che rischi si corrono? Come si combattono? E’ possibile a causa di peritonite passare all’emodialisi? Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Potenzialmente rischi gravi, ma dipende dalle situazioni.
      2. Antibiotici.
      3. Non necessariamente.

    2. Anonimo

      DA 4 MESI IN DIALISI ,SI E’ CONTRATTO UN BATTERIO .”KLEBSIELLA PNEOMANIAE” E DOPO DUE ANTIBIOGRAMMI HANNO SOSPESO LI ANTIBIOTICI ED IO CONTINUO ADAVERE LA KLEBSIELLA CHE PEGGIORERA’ ..QUALE E’ LO SPECIALISTA PIU’ INDICATO….PRECISO CHE NON SI MAI FATTO VIVO ..NESSU SPECALISTA DEI POLMONI, O INFETTIVOLOGO!—COME SI PUO’ CAMBIARE OSPEDALE …..E SE SI PUO’

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Ne parli con il medico di base, per essere eventualmente inviato ad un infettivologo.

  3. Anonimo

    grazie x la pronta risposta,
    le chiedo ancora se è possibile leggere online del materiale che riguarda i casi di infezione e la possibilità di passaggio da Dperitoneale a EmoD,

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Purtroppo non saprei indicarglieli, meglio invece a mio avviso discuterne direttamente con il suo nefrologo (io non mi occupo di questo campo).

  4. Anonimo

    sono in dialisi peritoneale da 5 anni. Quando tempo posso ancora andare avanti. Da premettere che mi trovo bene con questa terapia.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace ma non so aiutarla, è una valutazione che spetta al nefrologo che la segue e che conosce il suo stato di salute.

    2. Anonimo

      M lei risponde sempre solo che non sa niente e non e il suo campo.ma allora eviti.xche le risposte che da non servono gran che.una dializzata che ne sa di certi piu di lei

  5. Anonimo

    volevo capire meglio la periteonale quanto tempo si può fare visto che mio fratello dopo 27 anni dal trapianto dovrebbe ritornare in dialisi e medici gli hanno anche consigliata la periteonale grazie la mia mail xxxxxxxx grazie 1000 io sono il donatore.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Diversi anni; alcune fonti riportano 5-6, ma ci sono casi di pazienti che hanno proseguito anche più a lungo.

  6. Anonimo

    mio fratello fa il dialisi peritonale però sono sorte delle complicazioni
    il catetere fa l’infusione ma non riesce a scaricare il liquido dializzante
    cosa può essere successo? dicono i medici che probabilmente dovrà andare in sala operatoria per rivedere il catetere però ad ora non sanno neanche loro cosa possa essere accaduto!grazie per la risposta

  7. Anonimo

    io faccio dialisi da un anno e mi trovo bene e quella peritonale la faccio di notte

  8. Anonimo

    M lei risponde sempre solo che non sa niente e non e il suo campo.ma allora eviti.xche le risposte che da non servono gran che.una dializzata che ne sa di certi piu di lei

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Lei ha perfettamente ragione, ma mi sembra educato segnalare quando non sono in grado di dare una risposta in modo da evitare al lettore una continua verifica della pagina in attesa di un intervento che non arriverebbe.

      Anche per ovviare alle mie limitate conoscenze in alcuni campi, segnalo che fanno ora parte dello staff del sito anche due medici, che mi permetteranno di offrire un servizio migliore.

      Grazie mille per la sua critica che, molto più dei complimenti, mi aiuta a capire dove poter migliorare.

  9. Anonimo

    Salve a tutti, sono un signore (60 anni) che ha iniziato la dialisi peritoneale ad Aprile di quest’annno (quella automatizzata notturna), i primi giorni mi sentivo benissimo, ero asciutto, perdevo i liquidi in eccesso e al mattino appena terminata avevo solo voglia di farmi una corsa! Anche i valori delle analisi erano ottimi! Poi qualcosa si e’ guastato…ho preso la peritonite, dalle analisi e’ risultato essere un colibatterio. Ho eseguito una terapia antibiotica per 21 giorni e durante questo periodo anche una colonscopia che non ha evidenziato nessuna anomalia! Comunque terminato il periodo con antibiotici poiche’ sembravo guarito ecco che in meno di una settimana il problema si ripresenta (stesso colibatterio) e vengo sottoposto a terapia antibiotica con farmaci differenti e stavolta per un mese (inoltre prendevo il Diflucan e il Normix)! Terminato questo mese non restava che incrociare le dita..ed infatti puntualmente si e’ ripresentata per la terza volta e stavolta con dolori lancinanti alla pancia e febbre altissima! Il nefrologo che mi segue mi ha spiegato che il mio e’ un caso raro poiche’ qualche colibatterio dall’intestino passa attraverso la parete del peritoneo, non perche’ questa sia lesa, ma solo perche’ e’ piu’ sottile in qualche punto e dato che questi batteri si moltiplicano rapidamente in presenza di zucchero (e la soluzione dializzante e’ zuccherina)..morale ora dovro’ eseguire l’emodialisi d’emergenza!

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Buonasera, purtroppo sono casi abbastanza rari ma possibili come complicanza della dialisi peritoneale; spero per Lei che possa guarire e risolvere al più presto, saluti.

  10. Anonimo

    ho 54 anni e dializzo dal mese di aprile tutto bene da un po di giorni mi sto accorgendo che durante lo scambio catturo solo da 150g e a volte 0 cosa puo essere successo grazie

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, dipende molto dalla situazione, non è detto che debba aspettarsi sempre lo stesso esito; ne parlerei comunque col medico che la segue. Saluti.

La sezione commenti è attualmente chiusa.