Test, esami ed analisi prima e durante la gravidanza

Ultimo Aggiornamento: 1459 giorni

Link sponsorizzati

Cercare una gravidanza è uno dei momenti più entusiasmanti nella vita di coppia, che per la prima volta si avvicina alla ricerca di una nuova vita; anche se i progressi medici degli ultimi secoli sono stati enormi, esistono ancora purtroppo alcuni pericoli che possono mettere a rischio la futura vita. Conoscere in anticipo quali esami vi verranno richiesto ed il  loro significato vi permetterà di diminuire sensibilmente i rischi, vivendo 9 mesi tanto intensi quanto emozionanti senza correre rischi evitabili.

Per raggiungere questo scopo è indispensabile essere affiancati da un ginecologo, che vi offrirà tutta l’assistenza necessaria sia che la gravidanza proceda correttamente sia nel caso in cui insorgano problemi.

La prima visita dev’essere effettuata nel momento in cui si decide con il proprio compagno di cercare una gravidanza, non dopo il raggiungimento della stessa.

Il medico provvederà a verificare che l’organismo della futura mamma sia nelle condizioni migliori per prepararsi ad una gravidanza e fornirà preziosi consigli su come cercare di rimanere incinta. Questo incontro è il momento ideale per sciogliere eventuali dubbi, non abbiate quindi timore a fare allo specialista tutte le domande che desiderate.

Il ginecologo prescriverà poi gli esami utili a garantire una gravidanza serena e gli eventuali farmaci od integratori che possano essere utili nel vostro caso per diminuire la probabilità di complicazioni, malformazioni o parto pretermine. Conoscere in anticipo la presenza di eventuali malattie in atto (AIDS, sifilide, …) permetterà al ginecologo di consigliare la terapia più adatta per diminuire il rischio di problemi, mentre nel caso di altre infezioni (come la rosolia o la toxoplasmosi) sarà possibile adottare uno stile di vita che consenta di diminuire la probabilità di esposizione ai microrganismi responsabili.

Una volta constatato di essere rimaste incinta attraverso un test di gravidanza, è poi opportuno fissare immediatamente una nuova visita, che permetterà al medico di verificare che la fecondazione abbia avuto successo e la nuova vita stia crescendo nelle condizioni migliori; in assenza di complicazioni in genere le visite verranno fissate con cadenza mensile o poco più lunga, mentre potrebbe venirvi richiesto di intensificare i controlli verso la fine della gravidanza oppure in caso di presenza di fattori di rischio (età, pressione alta, diabete, …).

Nei prossimi paragrafi elencheremo i più importanti esami e le abitudini da intraprendere per minimizzare i rischio di sviluppare complicazioni; per un approfondimento degli stessi è possibile cliccare, quando presenti, i link colorati verso gli articoli di approfondimento.

Farmaci ed integratori in gravidanza

Acido folico

Nel momento in cui si decide di cercare una gravidanza (idealmente almeno un mese prima) è molto importante iniziare l’assunzione quotidiana di acido folico, una sostanza che il nostro organismo non è in grado di produrre e che è utile per diminuire la probabilità di sviluppare gravi problemi come alcuni difetti del sistema nervoso. E’ stato dimostrato che l’assunzione quotidiana di almeno 400 mcg (equivalenti a 0.4 mg) di acido folico riduce fino al 70% la probabilità di sviluppo di anomalie del sistema nervoso embrionale.

La quantità di acido folico suggerita può essere aumentata a discrezione del ginecologo, a maggior ragione nei casi di famigliarità dei difetti congeniti esposti.

Esami e test in gravidanza

Peso corporeo

Un aumento di peso corretto al termine della gravidanza corrisponde a circa 9-12 Kg, ma le indicazioni del ginecologo possono differire sulla base delle caratteristiche fisiche della neo-mamma e sopratutto sulla base del suo stato di salute generale e su eventuali fattori di rischio presenti (sovrappeso, diabete, …).

Indicativamente, per una mamma di peso corporeo ideale all’inizio della gravidanza, e compreso tra 45 e 60 Kg, possiamo stilare la seguente tabella durante le settimane:

Settimana Min (kg) Medio (Kg) Max (Kg)
14 1,1 1,5 1,9
15 1,6 2 2,4
16 1,9 2,3 2,8
17 2,2 2,8 3,4
18 2,5 3,2 3,9
19 3 3,7 4,5
20 3,5 4,2 5
21 3,9 4,7 5,6
22 4,2 5,2 6,2
23 4,6 5,7 6,9
24 4,9 6,1 7,4
25 5,3 6,6 8
26 5,6 7 8,5
27 6 7,5 9
28 6,3 7,9 9,5
29 6,7 8,3 9,9
30 7 8,7 10,4
31 7,3 9 10,8
32 7,5 9,4 11,3
33 7,8 9,7 11,7
34 8,1 10,1 12,1
35 8,4 10,5 12,6
36 8,6 10,8 13
37 9 11,2 13,5
38 9,3 11,6 14
39 9,4 11,7 14,1
40 9,5 11,8 14,2
Tabella aumento di peso in gravidanza

Tabella aumento di peso in gravidanza

Pressione arteriosa

Un aumento della pressione arteriosa in gravidanza può essere molto pericolosa ed essere sintomi di sviluppo di gestosi, una sindrome pericolosa sia per la mamma che per il feto.

Glicemia

Vi verrà richiesto una o più volte di verificare attraverso un esame del sangue la quantità di zuccheri nel sangue; in alcune donne si rileva infatti una condizione chiamata diabete gestazionale, in cui si osserva un valore troppo elevato della glicemia.

Se non trattato può essere causa di problemi sia per la mamma (infezioni, nausea e vomito, disturbi alla vista, …) che per il feto, che potrebbe richiedere un parto cesareo per un aumento eccessivo del peso e delle dimensioni, oltre ad un aumentato rischio di complicazioni post-parto.

Citomegalovirus

Il citomegalovirus è un virus responsabile di una infezione molto comune, di norma senza sintomi apparenti, ma che se sviluppata in gravidanza può essere causa di problematiche come basso peso alla nascita, ittero, ingrossamento del fegato, … Fra i neonati colpiti in modo grave, circa il 30% va incontro a morte.

A causa di questi pericoli vi verrà prescritto l’esame per evidenziare eventuali infezioni in atto.

Toxoplasmosi

La toxoplasmosi è un’altra infezione molto comune, che tuttavia in gravidanza può avere esiti particolarmente gravi; nel caso venga rilevato attraverso gli esami del sangue che non siete immunizzati verso questo protozoo, vi verranno dati alcuni suggerimenti per ridurre il rischio di contrarre la malattia durante la gravidanza, come evitare di mangiare carne cruda, verdura cruda non lavata a fondo, …

Rosolia

La rosolia sviluppata durante la gravidanza impedisce il corretto sviluppo del feto, anche se il pericolo diminuisce progressivamente con il trascorrere delle settimane.

Sifilide

La sifilide, se non curata, può essere trasmessa al feto con gravi conseguenze per il neonato, fino a determinare in alcuni casi un aborto spontaneo.

HIV

Il virus dell’HIV, responsabile dello sviluppo dell’AIDS, può essere trasmesso dalla madre al bambino sia durante la gravidanza,  che al momento del parto, che durante l’allattamento.

Altre indicazioni

Dieta ed alimentazione

La vostra alimentazione durante la gravidanza è l’unica fonte di sostanze nutritive per la vita che si sta sviluppando: bere molta acqua, aumentare il consumo di frutta, verdura e fibra, diminuire il consumo di dolci, zuccheri, fritti e grassi diminuirà il rischio di sviluppare complicazioni e garantirà uno sviluppo ottimale.

Esercizio fisico

Una costante attività fisica permette al corpo di mantenersi sano e garantire uno sviluppo ottimale al feto, diminuisce inoltre i rischi di complicazioni durante il parto e permette un veloce recupero a seguito dello stesso.

Le attività migliori sono il nuoto, la bicicletta e la passeggiate, ma valutate sempre con il vostro ginecologo cosa praticare e con quali attenzioni.

Eliminare le cattive abitudini

Evitare il consumo di alcool e del fumo in gravidanza vi permette di ridurre drasticamente la probabilità di sviluppo di gravi problemi al feto, che possono portare a complicazioni potenzialmente molto gravi.


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. mary

    buon giorno!volevo chiedere,visto che sono impaziente,se posso fare oggi l’esame al sangue(bhcg).Il mio ultimo ciclo è stato il 19/03/2011…grazie

    1. admin

      Quanti giorni passano, in genere, tra l’inizio di un ciclo ed il successivo?

    1. admin

      Il primo giorno di ritardo, con la prima urina del mattino. Alcuni test permettono in alcuni casi di farlo anche prima, ma un eventuale negativo potrebbe non essere definitivo.

  2. Maria

    Salve, gentilissimi dottori, io e mio marito vogliamo avere un bambino solo che ho fatto il vaccino per la rosolia il 22 agosto e al centro vaccianazioni mi avevano detto di aspettare 3 mesi, adesso sono passati e sono andata dalla mia ginecologa che mi ha detto inanzitutto di non rimanere incinta fino al risultato di un altro rubeo test e poi facendomi una visita mi ha trovato un ectropion flogosato, ectropion credo sia la ”piaghetta” e flogosato che significa?
    puo’ compromettere una futura gravidanza?crede che gia’ 3 mesi siano sufficenti per poter tentare di avere un bimbo?
    grazie, siete gentilissimi
    Una buona giornata

  3. Maria

    ah scusate dimenticavo, mentre faccio la cura con meclom e poi cicatridina, posso avere rapporti con mio marito?:)
    grazie e scusate

    1. admin

      Premesso che non sono ginecologo, ma farmacista, flogosato credo che si riferisca semplicemente al fatto che sia infiammato.
      Condivido poi il parere della ginecologa, che suggerisca la conferma attraverso esami degli attuali valori di anticorpi relativi alla rosolia; nessun problema ad avere rapporti, a patto che siano protetti fino al via libera della ginecologa, ma aspetterei la fine della cura per evitare di infiammare ulteriormente la zona interessata.

  4. mary

    Salve, io e mio marito vogliamo i bambini e prima di provare ho fatto il vaccino per morbillo rosolia e parotite, adesso dop ho ritirato gli esami del rubeo test ed è igg:152 E IGM:0,28, ci possiamo provare secondo lei adesso”? grazie una buona giornata

    1. admin

      Da quanto ha fatto il vaccino?
      Mi riporta cortesemente anche l’intervallo di riferimento dei 2 valori (lo trova sul referto)?

    2. mary

      salve l’ho fatto da 3 mesi..allora rosolia anticorpi igg:152 , metodo elfa, rosolia anticorpi igm 0.28 metodo elfa.
      Grazie buona sera

    3. admin

      I 3 mesi in genere sono considerati sufficienti, ma avrei bisogno per darle un’idea più precisa di avere l’intervallo numerico di riferimento dei valori.
      Il valore elevato degli IgG è identificativo del fatto che in passato è venuta a contatto con il virus (vaccino), mentre le IgM sono gli anticorpi sviluppati nel momento dell’infezione; ma per capire ho bisogno di sapere per che valori sono considerati positivi.

    4. mary

      Salve, purtroppo non cè scritto comunque siete veramente bravi e celeri complimenti davvero. Continuate cosi’, una buona serata e buona domenica.

    5. mary

      no purtroppo neanche questa, comunque mio marito sta’ per andare a prendere ” folina” faccio bene a prenderlo ora l’acido folico?grazie, sempre gentilissimo

    6. admin

      Bravissima, l’acido folico è utilissimo.
      In linea di massima in ogni caso dovrebbero essere rispettivamente positive le IgG (perchè l’organismo conosce il virus, grazie al vaccino), ma negative le IgM; prima di iniziare la ricerca chieda conferma di questa interpretazione alla ginecologa, mentre Folina lo inizi pure da subito.

    7. mary

      grazie, è veramente gentile sto consigliando il vostro sito a molte amiche grazie sempre.Buona sera

  5. Marta

    Salve, quando avevo ritardo di due giorni ho fatto il test (ho avuto solo un rapporto questo mese con il coito interrotto) ed è uscito ”non incinta” , ho sospeso la pillola ad ottobre e dovrebbe essere il mio primo ciclo naturale , adesso il ritardo è di 4 giorni e ancora niente, potrei essere incinta? oppure la causa è che è il primo ciclo naturale dopo la pillola? è strano dopo la pillola sono stata sempre regolare. grazie

    1. admin

      I primi cicli dopo la sospensione della pillola è normale che siano un po’ anomali; il rapporto quanti giorni fa è avvenuto?

    2. Marta

      2 giorni fa dopo che ho fatto il test ed era negativo l’abbiamo fatto completo

    3. admin

      Il test ci permette di essere tranquilli per il rapporto del 12, ma a meno che non stia cercando una gravidanza probabilmente non è stata una grande idea evitare di prendere precauzioni nell’ultimo rapporto.

    4. admin

      In questo caso, non essendo trascorsi 15-16 giorni dal primo rapporto, anche quello rimane potenzialmente a rischio.

    5. admin

      Ok, allora nessun problema, semplicemente per qualche mese non sarà immediato calcolare i giorni fertili perchè il ciclo rimarrà un po’ irregolare.
      In bocca al lupo! ;-)

    6. Marta

      Siiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii e vaiiiiiii!!!! grazie ,grazie, grazie. Crepi il lupo
      buongiorno

    7. mary

      salve, vorrei sapere se il test di gravidanza si puo’ fare solo al primo giorno di ritardo o anche prima (tipo dopo 18 giorni dalle mestruazioni) grazie.

    8. Dr. Cimurro (farmacista)

      A seguito di un rapporto l’ovulo eventualmente fecondato non si impianta prima di 7-10 giorni in utero, dove ha bisogno di ulteriori 3-4 giorni prima di iniziare a produrre quantità rilevabili dell’ormone cercato con i test di gravidanza.
      Questi tempi tecnici spiegano perchè in genere si consiglia di attendere almeno il primo giorno di ritardo: devono infatti passare almeno 14 giorni per rilevare l’ormone dal momento del rapporto e questo tempo è uguale al numero di giorni che passano dal momento dell’ovulazione alla comparsa del flusso mestruale.

      Fare un test di gravidanza prima di questo momento ci da come unica informazione l’esito di rapporti avuti fino a 14 giorni prima, mentre dei rapporti avuti in questo lasso di tempo non possiamo fare ipotesi a meno ovviamente di test positivo.

      Nel suo caso fare un test a 18 giorni dalle ultime mestruazioni avrebbe poco significato perchè ci darebbe informazioni certe solo sui rapporti avuti nei primi 4 giorni di mestruazioni, in cui una gravidanza non è impossibile ma certamente nemmeno probabile.

      Spero che sia chiaro, la teoria è facile ma spiegarlo è più complesso: se non le avessi chiarito le idee me lo dica che provo a spiegarlo nuovamente.

    9. mary

      :) Grazie è stato chiarissimo e mi ha spiegato tutto nei minimi particolari.
      Le auguro un buon Natale gentilissimo dottore.

  6. Maria

    Salve dottore sono al 18 pm di un ciclo di 31 gg , effettuo il test di ovulazione digitale clearblue ma ancora niente faccino, sono ansiosa per non dire disperata. sto desiderando sto maledetto faccino piu’ di qualsiasi altra cosa . Che fare?? grazie dottore mi scusi per lo sfogo morale
    buonasera

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Purtroppo per ora non possiamo fare altro che attendere, magari questo mese il ciclo sarà un po’ più lungo.

    2. Maria

      salve dottore, mi ha sorrisooooooooooooooooooooo :) sono contentissima , grazie al cielo. solo che ho estratto lo stick e la linea dell’estradiolo è piu’ sbiadita ma quella del lh è leggera ed è coperta da sfumature. puo’ aver dato un falso positivo?
      Grazie una buona serata
      Un saluto da Marco e da Maria

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      A meno di casi particolari (per esempio ovaio policistico) un falso positivo è poco probabile.

    4. Maria

      io ho le ovaie con aspetto micropolicistico, uff speriamo per il meglio sono al terzo mese di sospensione pillola proprio perchè avevo il ciclo irregolare prendevo la pillola. grazie dottore e complimenti per la sua gentilezza e professionalità

    5. Dr. Cimurro (farmacista)

      In questo caso purtroppo i test di ovulazione (ed il Persona, se sta usando questo) non sono affidabili.

  7. valentina

    Dottore Salve,con tanto dispiacere le dico che proprio in questo momento mi è arrivato il ciclo. Non so più che fare,la prego mi aiuti,adesso davvero mi sento giù. Non riesco nella più bella delle cose! Se non altro sono state regolari questo mese,anzi di un giorno.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi riassume la situazione: da quanto tempo cerca una gravidanza? Problemi particolari (ovaio policistico, …)? Gravidanze in passato?

    2. valentina

      Dottore ha tante persone che le scrivono,ieri non riuscivo a trovare i miei commenti per contattarla e in una crisi ho lasciato il commento dove capitava… Sono la ragazza dove mi ha lasciato il link della temperatura basale che dovrò vedere lunedì dalle ore 09:00. Mi risponda li come sempre e mi scusi. Valentina

  8. Manuelita

    Buona sera dottore, vorrei chiedere un suo parere…sono in ritardo di qualche gg e mi sta venendo un’ansia terribile…nelle ultime settimane mi è capitato in 3/4 occasioni di bere qualche bicchiere di vino ( anche a stomaco vuoto x aperitivo)… Premetto, non sono un’alcolizzata ma mi piace bere vino quando esco a cena in compagnia (piu o meno 3 bicchieri mangiando..) Ora però, nel dubbio di essere incinta (intanto ho smesso di bere vino!!) ma mi chiedevo se l’aver assunto alcolici nei primissimi gg di una (potenziale) gravidanza, può essere stato un comportamento tanto a rischio… Grazie, attendo una Sua risposta…

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Nessun rischio, ma condivido l’idea di ridurne il consumo se sta cercando una gravidanza.

  9. manuela

    sono una mamma che ha gia una bimba di 4 anni è incinta del 8 mese il mio ginecologo ultimamente di due settimane diciamo ha trovato nel mio esame di sangue Citomegalovirus
    ho letto con attezione gli effetti di questo virus è sinceramente non mi trovo perche la mia ginecologa mi ha dettto che il feto crescie abastanza grande praticamente adesso e di 3 kili e mezzo dovra nasciere alla fine di giugno mi domando se forse lui o lei non è stato effetto di questo virus dato che leggendo ho costatato che doveva essere sotto peso afetti di questo virus percio adesso mi trovo in confusione totale …

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Cerchiamo di mettere un po’ d’ordine:
      1. All’inizio della gravidanza era ricettiva per il virus (cioè gli esami erano completamente negativi)?
      2. Ha ripetuto periodicamente l’esame e solo adesso si è positivizzato?

  10. emy

    sa lve dottore,volevo chiederle un consiglio. il 21 maggio 2012 ho avuto l’ultimo ciclo e tra il 4 e il 5 ho avuto rapporti con mio marito non protetti perchè avevamo deciso di avere un altro figlio.il 17 giugno ho fatto il test ed è risultato positivo,cosi’ il 20 ho fatto il beta ed il valore e di 72,9.ora io le chiedo ,ma il valore delle beta non è basso?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Ha avuto rapporti non protetti solo il 4 ed il 5?
      Per quando aspettava il flusso mestruale?

  11. francy

    buongiorno dottore, sono alla 18 settimana di gravidanza ed e’ gia’ da due mesi che il gine mi ha riscontrato una infezione da ureoplasma e nell’ultimo tampone risulta positivo >10^4 (che sinceramente non so cosa significhi), il mio gine mi ha dato la cura antibiotica per quindici giorni, anticipandomi che comunque e’ difficile debellarlo. leggendo i vari siti mi ha preso una gran paura su cosa potrebbe provocare questo battere… quindi volevo farle una domanda: tenendo il battere piu’ sotto controllo cercando di evitare la sua proliferazione .. che probabilita’ ci sono di un aborto andando avanti con la gravidanza????
    attendo la risposta con ansia, grazie mille

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non so darle percentuali, ma possiamo ragionevolmente sperare che vada tutto bene se seguirà sempre scrupolosamente le indicazioni del ginecologo.

  12. Sara

    Salve ho effettuato gli esami per controllo Rosolia, e ho riscontrato
    IgG Quantitativo 152.00 Qualitativo POSITIVO
    Rosolia IgM NEGATIVO
    vuol dire che sono coperta da vaccino?sono a posto se volessi cercare un bimbo?Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Chieda conferma al ginecologo, ma è esatto; gli IgG sono gli anticorpi di memoria.

  13. PATRIZIA

    sett scorsa ho fatto gli esami del sangue ed era incluso anche il cmv, il risultato
    Ab anti Citomegalovirus IgG POSITIVO
    Ab anti Citomegalovirus IgM NEGATIVO

    Non capisco se devo stare tranquilla o no?
    e se caso risultasse di un infezione passata,puo essere che sia immune al CMV?

    GRAZIE

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, è immune quindi è nella situazione migliore. Chieda comunque conferma al ginecologo.

  14. Manuela

    Buongiorno Dottore, vorrei chiederle se le analisi delle beta tramite prelievo venoso danno risultati attendibili già 10 giorni dopo il rapporto a rischio. Grazie per l’eventuale risposta. Cordiali saluti

  15. luisa

    Salve dottore, ho un ritardo di otto giorni, e ieri ,quindi al settimo giorno di ritardo , ho effettuato il test di gravidanza clearblue digitale che ha dato come risultato “non incinta” ,esaminando però l urina non della mattina!. Volevo domandarle quanto può essere attendibile un test del genere e cosa consiglia dato che le mestruazioni ancora non arrivano ,devo ripetere il test? Sono un po’ in ansia dato che sarebbe una gravidanza non desiderata e purtroppo questo mese io e il mio compagno abbiamo avuto solo rapporti a rischio . Grazie anticipatamente

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Il test è affidabile per i rapporti avuti fino a circa 16-17 giorni prima.

  16. Valeria

    Salve sono all’8a settimana di gravidanza. Non sono immune alla toxo, da analisi fatte 5 mesi fa!!!! La mia ginecologa mi ha detto di fare svariati esami entro la 13a sett ( quando la rivedrò) ma quello per scongiurare che io non abbia contratto la Toxo non è meglio farlo subito quest’ esame?Sono terrorizzata da questa maledetta Toxo!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, anch’io sarei portato a verificare più spesso.

Lascia un Commento

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.