Sterilità maschile ed infertilità femminile: cause e rimedi

Ultimo Aggiornamento: 1360 giorni

Link sponsorizzati

Sterilità (od infertilità) è il termine usato dai medici per indicare la situazione in cui le donne non riescono a rimanere incinte e gli uomini non sono in grado di fecondare una donna, dopo almeno un anno di tentativi.

Si parla di sterilità femminile per le donne in età fertile che non riescono a rimanere incinta o che sono in grado di avere una gravidanza, ma non riescono a portarla a termine. Le donne prossime alla menopausa oppure già in menopausa non vengono definite sterili.

Cause

La sterilità non ha un’unica causa: per portare a termine una gravidanza, infatti, occorre una ben precisa concatenazione di eventi;  semplificando, perché la gravidanza abbia successo, sono necessari i seguenti fattori:

  1. Le ovaie femminili devono essere in grado di produrre un ovulo vitale,
  2. che successivamente deve essere in grado di ridiscendere le tube di Falloppio.
  3. L’uomo deve essere in grado di eiaculare,
  4. e il suo sperma deve poter risalire le tube di Falloppio.
  5. Lo spermatozoo e l’ovulo devono unirsi, affinché avvenga la fecondazione.
  6. L’ovulo fecondato deve potersi impiantare all’interno dell’utero
  7. e deve essere nutrito dall’organismo.

Solo in questo modo il feto si sviluppa e cresce, finché il bambino è pronto per nascere.

Se si verificano problemi non occasionali in uno qualsiasi degli aspetti sopra descritti, allora si può parlare di sterilità. La causa di infertilità può essere maschile o femminile; può essere provocata da fattori sconosciuti o essere una combinazione di fattori diversi. In alcuni casi la sterilità può essere causata anche da fattori ambientali, mentre in altri casi la causa principale di infertilità risiede in malattie genetiche oppure in altri problemi di salute.

In alcuni casi i medici non sono in grado di individuare le cause dell’infertilità maschile (o femminile) e per alcune cause accertate di sterilità non esistono terapie efficaci.

Sterilità femminile

Come già detto, affinché una donna sia fertile, si devono verificare contemporaneamente diverse condizioni. Se anche solo una di esse non è verificata, oppure non si verifica per il periodo di tempo necessario, la gravidanza non può iniziare, oppure può avere termine prima del parto.

La maggior parte dei problemi di sterilità nelle donne è causata da problemi ovulatori, tra le malattie che colpiscono l’ovulazione troviamo:

  • la menopausa precoce, in cui le ovaie smettono di funzionare prima dell’età normale in cui dovrebbe iniziare la menopausa,
  • la sindrome dell’ovaio policistico (PCOS), in cui le ovaie non rilasciano l’ovulo con regolarità oppure non producono un ovulo sano e vitale. Nelle donne affette dalla PCOS l’utero potrebbe non essere pronto ad accogliere l’ovulo sano e fecondato, causando quindi la sterilità,
  • blocco delle tube di Falloppio, dovuto a endometriosi, malattia infiammatoria della pelvi o intervento chirurgico
  • problemi fisiologici della parete uterina,
  • fibromi uterini.

Il rischio di infertilità nelle donne può anche aumentare a causa di determinati fattori legati all’ambiente ed allo stile di vita, come ad esempio i seguenti:

  • età,
  • stress,
  • dieta inadeguata,
  • sovrappeso o peso insufficiente,
  • fumo; consumo di droghe o di alcool,
  • terapie farmacologiche,
  • tossine ambientali,
  • malattie genetiche,
  • altri problemi di salute, come ad esempio malattie sessualmente trasmissibili.

Sterilità maschile

Affinché un uomo sia fertile il suo liquido seminale (sperma) deve essere pronto per assolvere alla sua funzione: raggiungere l’ovulo e fecondarlo. A prima vista il processo potrebbe sembrare più semplice rispetto a quello della fertilità femminile, ma anche la fertilità maschile, per esistere, deve soddisfare alcune condizioni:

  1. Occorre avere un’erezione e mantenerla,
  2. produrre spermatozoi in quantità sufficiente,
  3. avere una quantità sufficiente di liquido seminale affinché gli spermatozoi possano raggiungere l’ovulo
  4. e produrre spermatozoi funzionanti che si muovano nel modo giusto.

Un problema relativo anche soltanto a una di queste condizioni contribuisce a provocare l’infertilità..

Come per la sterilità femminile, anche quella maschile può essere causata

  • da problemi fisici, come ad esempio da testicoli che non producono sperma in quantità sufficiente,
  • da problemi ormonali,
  • oppure da fattori relativi allo stile di vita o all’ambiente, come ad esempio quelli contenuti nella seguente lista:
    • età,
    • stress,
    • esposizione dei testicoli a temperature elevate, che fanno sì che gli spermatozoi risultino meno mobili e abbiano quindi più difficoltà a fecondare l’ovaio. Ad esempio il criptorchidismo è la malattia in cui i testicoli non scendono correttamente nello scroto, sebbene di solito non influisca sulla possibilità di avere e mantenere l’erezione, il criptorchidismo significa che i testicoli si trovano all’interno del corpo, che ha una temperatura più alta rispetto allo scroto. Per alcuni uomini, anche indossare la biancheria troppo stretta può aumentare la temperatura dei testicoli,
    • fumo, consumo di droghe o di alcool,
    • terapie farmacologiche,
    • tossine ambientali,
    • malattie genetiche, come la sindrome di Klinefelter,
    • altri problemi di salute.

Diagnosi di infertilità

Sebbene l’impossibilità di rimanere incinta sia un sintomo importante, la sterilità può essere diagnosticata soltanto da un medico. Coloro che temono di essere sterili dovrebbero rivolgersi al proprio medico, compresi:

  • le coppie che hanno tentato di concepire un figlio per un anno, senza alcun risultato,
  • le donne che soffrono di irregolarità mestruali, o che sono affette da endometriosi o fibromi uterini,
  • le donne che sono rimaste incinte ma hanno avuto più di un aborto spontaneo o hanno messo al mondo un bambino morto,
  • gli uomini e le donne con determinate malattie genetiche.

Le cure per la sterilità

Ci sono molte terapie diverse per risolvere i problemi di fertilità, come ad esempio:

  • terapie farmacologiche,
  • interventi chirurgici,
  • inseminazione intrauterina/artificiale (alla donna viene iniettato liquido seminale appositamente preparato, proveniente dal marito, dal partner o da un donatore),
  • tecniche di riproduzione assistita, come ad esempio la fecondazione in vitro.

Nella maggior parte dei casi i medici curano la sterilità con trattamenti farmacologici o con interventi chirurgici volti a rendere nuovamente funzionanti gli organi riproduttivi. Anche i cambiamenti nello stile di vita possono contribuire a migliorare la fertilità, ad esempio potrebbe essere utile

  • ridurre lo stress,
  • modificare la dieta,
  • smettere di far uso di droghe o alcool
  • oppure ridurre la temperatura dei testicoli.

Traduzione a cura di Elisa Bruno


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. anonimo

    Salve dottore
    È possibile che io possa essere sterile. Anche se sono rimasta incinta .? Ho avuto un aborto alla 8 settimana il suo cuoricino non batteva più. Ho una paura tremenda di non rimanere incinta.
    buona serata. ..

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      La terribile esperienza che ha dovuto superare ha un unico aspetto che possiamo salvare, la certezza che la coppia (lei compresa, quindi) non è sterile.

  2. Debora

    Salve dottore qst e il terzo mese ke cervo di rimanere incinta fino a oggi nulla sto aspettando il ciclo l ultimo e stato 22 e durat 2giorni e irregolare lo aspettavo per il 18 ma ancora nulla solo ke io sn sterile e in qst settimana sto soffrendo di diarrea e tanta pipì ma sintomi di ciclo nulla?pio dirmi qualcosa grazie

    1. Anonimo

      Volevo dire stitica scusami ho scritto 2volte il commento anke quello anonimo io sn debora grazie

    2. Anonimo

      No sono solo sette giorni essendo ke ho sempre irregolare non lo fatto ancora!devo??ma qst sintomi. Esistono in una presunta gravidanza?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Ai sintomi non do alcun peso.
      Senza illuderci, forse un test lo farei.

    4. Dr. Cimurro (farmacista)

      A patto di lasciar passare almeno 6-7 ore dall’ultima pipì può farlo anche questa sera.

  3. nina

    salve dottore ho 27 anni e sono sposata da 7 anni il problema sono io ho la sindrome de l’ovaio policistico i primi anni abbiamo provato molte volte, io restavo incinta ma precocemente subivo aborto spontaneo ho perso in tutto 8 gravidanze il ginecologo mi ha confermato la sindrome del’ovaio policistico non ci siamo mai arresi e 2 mesi fa avevo scoperto di essere incinta ma ancor prima di sperare vado in bagno e succede di nuovo il tutto per tutte quelle volte che sono stata in ospedale per la pulizia vedevo delle partorienti che davano alla luce i figli invece io non potevo tenere in braccio nessuno dottore facevo pena andavo nelle culle e guardavo i neonati e piangevo a cosa serve un matrimonio senza figli ? a niente ! il ginecologo mi ha detto di aver rischiato molto per 8 aborti avuti in poche distanze penso di far pena a chi fin ora mi ha visto piangere come una bambina dovrò accettarlo? cordialmente..

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non mi piace sentire “il problema sono io”, invece c’è un problema che la coppia sta cercando di risolvere.

      Posso chiedere altezza e peso?
      Sono state fatte analisi per poliabortività? Mi riesce difficile credere ad 8 aborti per ovaio policistico.

  4. nina

    altezza 1,60
    peso 60
    no gli analisi per poliabortività no
    il fatto è che avere un figlio sarebbe tutto ho insistito io per tanti tentamenti 8 volte ci ho creduto con tutta l’anima ma li perdevo spontaneamente ricordo che sono 7 anni che fallisco non tiene non tiene e non tiene ho rischiato apposta e il problema sono io

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Ritengo assolutamente indispensabile fare i dovuti accertamenti per poliabortività, ritengo assolutamente improbabile che la causa sia l’ovaio policistico.

  5. nina

    dottore il ginecologo diceva è ovaio policistico e io ho creduto fin ora mi sono fidata se lei ritiene improbabile che la causa sia quella posso assolutamente cambiare ginecologo ? non mi aveva fatto fare neanche gli analisi per poliabortalità sto iniziando a dubitare forse il vero problema non mi e stato davvero indivituato?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non sono ginecologo, questo mi preme sottolinearlo, ma 8 aborti è un numero elevatissimo e che richiede a mio avviso assolutamente indagini più approfondite.

  6. biagio

    salve dottore sono sposato dal 1986 e nno o figli mi dicono che sono sterile ox questo abbiamo fatto addozione x un minore ma il lo vorrei dare io a mia moglie o fatto anche un piccolo intervento come la biopsia testicolare ma mi anno detto che nno ce possibilità ma io lo vorrei dare un bel bimbo a mia moglie mi sa dire se ce possibilità adesso che o 44 anni e lei 41 anni aspetto vostre notizie grazie siamo andati in molti ginecologhi e anno sempre visitato mia moglie ma non me solo una volta un ginecoloco mi a dato dei farmaci erano compresse piccole che dovevo prendere una volta al giorno e o letto che servivano x la sterilita non che il medico a finito di distruggere i miei spermastozoii aspetto vostre notizie grazie se ce un centro che mi possa aiutare

    1. biagio

      scusa se vi scrivo di nuovo x la risposta la puo mandare alla mia posta eletronica xxxxxxxx grazie dottore

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Si è mai rivolto ad un andrologo?

      Mi dispiace, ma non posso offrire il servizio di risposta via mail.

  7. santina

    salve dottore non so se ricorderete vi avevo scritto più di 1 anno fa perche non riuscivo ad avere figli dopo tutte quelle cure che pensavo non funzionassero adesso sono al 3 mese di gravidanza e sono felicissima ricordo quando le speranze arano perse ma ora e molto più bellissimo grazie tante distintamente

  8. anna

    sera dottore io da 5 anni non riesco a rimanere incinta ho il ciclo irregolare e doloroso ed ancora oggi non sono andata dal ginecologo quali esami devo fare

  9. Anonimo

    Salve dottore..ha da piu di un anno che cerchiamo di avere un figlio ma niente..io ho fatto dei controlli e anchw prelievo è l’ovulazione ce stata. .mio marito xo ha fatto i prelievo e la ginecologo c ha consigliato d andare da un andrologo x via di alcuni valori alti..cosa può essere m devo preoccupare

  10. Fabio

    salve ho quasi 23 anni e dalla nascita ho la tetraparesi spastica….. secondo lei sono sterile o posso avere figli?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Credo che possa essere fertile, ma in tutta onestà non lo so con sicurezza.

  11. Anonimo

    Buonasera dottore, sto cercando con mio marito un bimbo ormai da poco più di un anno e mezzo… ho avuto un aborto sei mesi fa tra la settima e l’ottava settimana , purtroppo anche se i medici mi hanno detto che l’aborto indica che la coppia è fertile, io non sono tranquilla… ho dei dubbi. 1) Perché per esempio la mia ginecologa non mi ha fatto fare esami per l’aborto? 2) Inoltre, se avessi un ovaio policistico, lei me l’avrebbe detto? 3) Cioè si vede dall’ecografia? 4) Quali sono gli esami da fare per l’aborto? 5) Posso agire autonomamente o serve la richiesta della ginecologa?
    Ho 37 anni, sono alta 1,68 e peso circa 68 kg… dovrei perdere almeno 3 kg ma ce la posso fare, non fumo, cerco di condurre una vita sana ma sono molto ansiosa e stressata… inoltre ho letto che il vino fa male per il concepimento, io ne bevo un bicchiere a settimana , 6) devo eliminarlo ? Ho già eliminato da mesi la caffeina…ne bevo due , tre tazze a settimana…
    Chiedo scusa per le numerose domande, ma lei mi dà sempre buoni consigli!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Dopo 1-2 episodi di aborto non si fa alcun esame, purtroppo capita più spesso di quanto si pensi.
      2. Se ha già fatto un’ecografia sì.
      3. Sì.
      4. Nel suo caso ancora nessuno.
      5. Idem.
      6. A queste dosi non è un problema.

  12. Anonimo

    Ho capito…grazie molto…
    Ho sentito parlare dei fiori di Bach come terapia per ritrovare relax , buonumore e quindi per favorire in qualche modo le possibilità di concepimento…cosa ne pensa?

    1. Anonimo

      Cosa posso fare per rilassarmi? Posso bere delle tisane particolari? Ogni tanto assumo seredial compresse , potrebbe creare problemi ?

    2. Anonimo

      Io ho iniziato ad andare spesso in bici però non a livello agonistico…. vado a passeggio per le vie fuori dalla città , più in campagna …a contatto con la natura… va bene lo stesso?

Lascia un Commento

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.