I giorni fertili per la ricerca di una gravidanza

Ultimo Aggiornamento: 2262 giorni

Esiste molta disinformazione sul periodo fertile di una donna, molte di noi ricordano che durante le lezioni di educazione sessuale a scuola venne detto che è possibile rimanere incinta in qualsiasi giorno del ciclo mestruale. Dire a delle adolescenti che possono rimanere incinta praticamente sempre può essere un modo efficace per spingerle a rimandare i rapporti sessuali, ma l’informazione è ben lungi dall’essere veritiera.

Le maggiori probabilità che l’uovo venga fecondato si hanno con rapporti 2-3 giorni prima dell’ovulazione, ma come fare a sapere quando ha inizio l’ovulazione? E quando e quanto spesso è necessario avere rapporti?

Predire l’ovulazione ed il mito del quattordicesimo giorno

Spesso si sente dire che l’ovulazione avviene il quattordicesimo giorno del ciclo mestruale (considerando il giorno uno il giorno d’inizio delle mestruazioni), il problema è che molte donne non hanno l’ovulazione il quattordicesimo giorno. Normalmente l’ovulazione cade tra il decimo ed il ventesimo giorno (o ancora più tardi se il vostro ciclo è irregolare).

Perciò come predire l’ovulazione? Esistono molti metodi, inclusi kit appositi per scoprire l’ovulazione o tenere traccia della temperature corporea. Ci sono vantaggi e svantaggi per ognuno di questi metodi, ma i ginecologi dicono che il miglior giorno per avere rapporti sessuali quando si pianifica una gravidanza è quando si nota la comparsa di una maggiore quantità di muco cervicale. Il muco cervicale è una secrezione che somiglia a bianco d’uovo e di solito appare nei giorni precedenti all’ovulazione.

Osservare il muco cervicale per sapere quando avere rapporti sessuali

Una ricerca effettuata presso l’Università della North Carolina aveva come obiettivo l’individuazione del miglior metodo per la predizione del giorno fertile, il risultato è stato temperatura corporea basale affiancata all’osservazione dei cambiamenti del muco cervicale.

Quello che è stato scoperto è che, indipendentemente dal giorno in cui avveniva l’ovulazione, la gravidanza aveva più possibilità di aver luogo se la coppia avesse avuto rapporti sessuali in un giorno in cui il muco cervicale era presente. Questo potrebbe accadere perché il muco cervicale aiuta lo spermatozoo a sopravvivere e a raggiungere l’ovulo. Ci sono tuttavia altri motivi per cui aspettare il giorno fertile può non essere il miglior modo per rimanere incinte.

Perché aspettare l’ovulazione non è il miglior metodo

A volte siamo ossessionate dall’idea di avere rapporti al momento giusto e ce ne dimentichiamo negli altri periodi del ciclo: il sesso inizia a diventare fastidioso e non più una conseguenza naturale dell’amore e della comunicazione. Questa situazione può mettere il rapporto in condizioni di enorme stress.

Al di là di questo vi sono altri motivi per non aspettare, che poggiano su basi più scientifiche. Cercando di monitorare il tempo con il solo fine dell’ovulazione, si ha un maggior rischio di mancare l’opportunità. Aspettando i segnali dell’ovulazione potrebbero passare inosservati o manifestarsi quando non è possibile avere rapporti.

Studiosi sostengono che facendo sesso nei sei giorni precedenti all’ovulazione si ha la maggiore probabilità di aver successo nel tentativo; pianificando di fare sesso due o tre volte a settimana, indipendentemente dai segnali di fertilità, consente di avere almeno un rapporto durante il periodo dei sei giorni. Questo è meno stressante che provare a fare sesso in un giorno particolare.

Dal punto di vista maschile

Infine recenti studi hanno mostrato che dopo un’astinenza di dieci giorni la qualità e la quantità dello sperma diminuisce sensibilmente. I picchi di qualità e quantità dello sperma si hanno di solito dopo uno o due giorni di astinenza.Se avete aspettato a fare sesso finché non avete visto i segni dell’ovulazione e non avete fatto sesso nei giorni precedenti lo sperma del vostro partner potrebbe non essere fertile. Voi potreste essere nel vostro periodo fertile ma potrebbe essere il vostro partner a non esserlo.

Fonte: Libera traduzione da About.com

Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. CHIARA

    Salve dottore, ho 38 anni, ciclo regolare e dieci mesi fa mi è stato diagnosticato un piccolo mioma all’utero di 8 mm, la ginecologa mi disse che non era necessario intervenire chirurgicamente ma ovviamente tenerlo sotto osservazione. Volevo sapere se la presenza di questo mioma potrebbe ostacolare un concepimento? Grazie

  2. Elena

    buongiorno dottore, tra il 18 e il 19 settembre dovrei avere il ciclo, sono solitamente regolare, ogni 28 gg, tuttavia da un paio di gg ho una sorta di infiammazione alla zona lombare della schiena, dei dolori anche da ferma, e, considerando che nei gg prima del ciclo mi capita di andare in bagno di più e con più scioltezza, noto una certa difficoltà e più episodi di stitichezza.
    La mia ultima mestruazione è iniziata il 22 ago e ho avuto rapporti liberi il 27 ago, il 2 e il 3 settembre, poi altri gg più lontani da questi, (11 e 12 sett). Mi interrogo se ci potrebbe essere una possibilità di essere in attesa anche se non ho nausee ed ho comunque quei dolori lievi al basso ventre tipici del ciclo mestruale. molte grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Se ha avuto rapporti non protetti è possibile, ma ai sintomi (in ottica gravidanza) non hanno peso.

    2. Elena

      per cui solo in caso di eventuale ritardo potrei pensare di effettuare un test? O farlo adesso darebbe già una risposta?

  3. Trilly

    Salve Dottore ho 20anni e ho avuto rapporto completo con il mio ragazzo,a distanza di una settimana prima che mi venissero le mestruazioni…quindi non ero fertile?Quindi potrei uscire incinta prima delle mestruazioni?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Il calendario NON è un buon metodo anticoncezionale, perchè non può avere la certezza che il flusso si presenti quando previsto (e quindi non può avere la certezza sui giorni fertili).

    2. Trilly

      Quindi mi sta dicendo che il rischi ci potrebbe essere di mettere in atto una gravidanza prima del ciclo??Io premetto che ho un ciclo irregolare,non è mai preciso,mi arrivano sempre dopo ma mai prima…E da quando ho avuto il rapporto non protetto sto avendo male alle ovaie e forti dolori alla schiena,potrebbero essere anche dolori mestruali?Quindi in caso di ritardo devo fare il test??

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, può rimanere incinta.
      Test a 18-20 giorni dal rapporto.
      Troppo presto per avere sintomi.

    4. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Non do mai troppo peso a questi sintomi, perchè possono avere significati diversi.

    5. Trilly

      Quindi questi sintomi sono associate all’arrivò delle mestruazioni??Se fosse una gravidanza in atto non dovrei averli??

Lascia una risposta

IMPORTANTE: In nessun caso la figura del farmacista può sostituire quella del medico, unico professionista con le competenze e la possibilità legale di formulare diagnosi e prescrivere farmaci. Le considerazioni espresse hanno quindi come unica finalità quella di agevolare in ogni modo il rapporto medico-paziente, mai ed in nessun caso devono prenderne il posto.

Gli interventi inviati potrebbero richiedere fino a 15 minuti per essere visibili sul sito.

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.