Cortisone: a cosa serve, effetti collaterali, …

Ultimo Aggiornamento: 177 giorni

Introduzione

I corticosteroidi sono un gruppo di ormoni naturali e sostanze sintetiche chimicamente omogeneo, simile al cortisolo (ormone umano prodotto dalla ghiandola surrenale), con importanti proprietà antinfiammatorie e immunosoppressive che vengono ampiamente sfruttate in medicina.

I farmaci corticosteroidi, tra cui

mostrano un notevole potenziale nel trattamento di una serie di patologie anche molto diverse tra loro, dalle manifestazioni allergiche al lupus e all’asma.

Il rovescio della medaglia è che i corticosteroidi portano con sé anche la possibile comparsa di effetti collaterali; di concerto con il proprio medico è possibile intraprendere misure per ridurre tali rischi, in modo che i benefici del trattamento superino le possibili complicazioni.

Tra i corticosteroidi la differenza più importante da conoscere è la seguente:

  • Glucocorticoidi: Controllano il metabolismo di carboidrati, proteine e grassi, hanno azione antinfiammatoria ed antiallergica.
  • Mineralcorticoidi: Controllano i livelli di acqua ed elettroliti (sodio, potassio, …) nell’organismo, agendo prevalentemente a livello dei reni.

Poichè ogni farmaco può manifestare entrambi questi effetti in modo più o meno marcato, la prescrizione medica dipenderà anche da questi aspetti, in modo da massimizzare i benefici terapeutici e ridurre gli effetti collaterali.

I corticosteroidi (d’ora in poi nell’articolo li chiameremo anche cortisone e/o cortisonici) sono disponibili in più formulazioni, incluse

  • compresse e capsule,
  • polveri e soluzioni per la somministrazione parenterale,
  • creme topiche e lozioni per le malattie cutanee,
  • gocce per le applicazioni locali in occhi, orecchie e naso,
  • soluzioni per aerosol e liquidi o schiume per applicazioni rettali.

Fra i cortisonici più diffusi (con il loro anno di approvazione per l’uso negli Stati Uniti) ricordiamo

  • cortisone (1950),
  • prednisone (1955),
  • prednisolone (1955),
  • metilprednisolone (1957),
  • desametasone (1958),
  • betametasone (1961),
  • idrocortisone (1983).

Spesso si è preoccupati all’idea di assumere cortisone:

Palesare le proprie preoccupazioni al proprio medico curante, segnalargli tutti i farmaci e gli integratori a base di erbe che si stanno assumendo e seguirne con scrupolo le indicazioni, vi aiuterà a ridurre al minimo il rischio di effetti collaterali, beneficiando al contempo dei preziosi effetti terapeutici.

Le paure più frequenti

Il cortisone fa ingrassare?

Purtroppo può succedere in caso di terapie prolungate, perché può aumentare l’appetito e la ritenzione idrica (si trattengono liquidi). In questi casi è utile una dieta controllata e l’eventuale associazione di diuretici.

Fa gonfiare il viso?

Sempre e solo nel caso di trattamenti prolungati per bocca, il cortisone tende ad accumulare il grasso corporeo su addome, collo e viso, dando al volto il caratteristico aspetto a “luna piena”. Gli arti invece tendono ad assottigliarsi, perchè vengono eliminate le proteine e la massa muscolare si riduce.

Abbassa le difese immunitarie?

Sì, è un immunosoppressore e come tale può ridurre le difese dell’organismo (di solito in modo più o meno proporzionale a dosi e durata della terapia); i pericoli sono in genere trascurabili, ma in determinate condizioni il medico potrà prescrivere antibiotici e/o antivirali e/o antimicotici.

Non fa dormire!

I corticosteroidi sono talvolta associati ad un leggero aumento dell’eccitabilità.

Il cortisone fa male alla pelle?

  • Nei pazienti giovani può talvolta verificarsi un peggioramento dell’acne,
  • mentre negli anziani è comune notare un aumento della fragilità della pelle;
  • raramente è causa di irsutismo (aumenti dei peli).

Non esistono alternative?

Sicuramente sì, in determinati pazienti od in specifiche situazioni è possibile ricorrere a farmaci diversi, ma la straordinaria efficacia e velocità di azione rendono questa classe di farmaci insostituibile e la scelta come medicinali di elezione per la cura di numerose patologie.

A cosa serve

I cortisonici riproducono gli effetti degli ormoni prodotti fisiologicamente nel corpo umano dalle ghiandole surrenali, poste sopra i reni. Assunti a dosi superiori ai livelli normali dell’organismo i corticosteroidi sopprimono l’infiammazione, questo permette di ridurre i segni e i sintomi di stati infiammatori, come l’artrite e l’asma.

Questi farmaci deprimono anche il sistema immunitario, effetto che può aiutare a tenere sotto controllo situazioni in cui il sistema immunitario attacca erroneamente i tessuti dell’organismo (malattie autoimmuni).

Vengono quindi ampiamente usati in medicina fondamentalmente per le loro potenti attività antinfiammatorie e immunosoppressive, tra le indicazioni cliniche all’uso dei corticosteroidi, ci sono tra le altre:

  • asma,
  • lupus eritematoso sistemico,
  • artrite reumatoide,
  • psoriasi,
  • malattie infiammatorie intestinali,
  • sindrome nefritica,
  • cancro,
  • leucemia,
  • trapianto d’organi,
  • epatite autoimmunitaria,
  • reazioni d’ipersensibilità,
  • shock cardiogeno e settico,
  • nonché, ovviamente, le sindromi di carenza glucocorticoide come il morbo di Addison e il panipopituitarismo.

Le principali molecole

Vediamo ora una carrellata dei principali farmaci disponibili; l’aspetto importante è che ogni molecola ha diversa potenza e diversi effetti mineralcorticoidi e glucocorticoidi, che si rifletteranno quindi in diversi utilizzi e soprattutto differenti effetti collaterali.

Il cortisone (Cortone Acetato®) è un glucocorticoide ad azione di breve durata, usato nel trattamento dell’insufficienza delle ghiandole surrenali e di condizioni allergiche e infiammatorie. Il cortisone è disponibile in forma di compresse da 25 mg, dose considerata il fabbisogno giornaliero fisiologico negli adulti. Ha proprietà sia glucocorticoidi che mineralocorticoidi.

L’idrocortisone (Colifoam®, Cortinal®, Flebocortid®, Foille insetti®, Lanacort®, Locoidon®, Mixotone®, Proctosedyl®, Proctosoll®, Sintotrat®, …) è un glucocorticoide ad azione rapida e di breve durata, usato nel trattamento dell’insufficienza delle ghiandole surrenali e di condizioni allergiche e infiammatorie. L’idrocortisone ha la stessa struttura chimica del cortisolo ed è quindi il più simile all’ormone prodotto dalle ghiandole surrenali umane. È disponibile in numerose forme farmaceutiche, soprattutto ad azione locale (aerosol, colliri, gocce otologiche, preparazione rettali, …). Per via endovenosa, l’idrocortisone ha un ruolo fondamentale nella terapia acuta di gravi reazioni e shock di origine allergica. Ha proprietà sia glucocorticoidi che mineralocorticoidi.

Il prednisone (Deltacortene®, Lodotra®) è un glucocorticoide sintetico ad azione intermedia, ampiamente utilizzato nella terapia di infiammazioni gravi, malattie autoimmuni, reazioni di ipersensibilità e rigetto di trapianto. Il prednisone viene convertito dal fegato in prednisolone, la sua componente attiva. È disponibile in forma di compresse. Quattro volte più potente del cortisolo, il prednisone è usato in dosi variabili; la dose da 5 mg è considerata il fabbisogno giornaliero nell’adulto.

Il prednisolone (Deltacortenesol®) è un glucocorticoide sintetico ad azione intermedia, ampiamente utilizzato nella terapia di infiammazioni gravi, malattie autoimmuni, reazioni di ipersensibilità e rigetto di trapianto. È disponibile in diverse formulazioni per la somministrazione sistemica. Quattro volte più potente del cortisolo, il prednisolone è usato in dosi variabili; la dose da 5 mg è considerata il fabbisogno giornaliero nell’adulto.

Il metilprednisolone (Advantan®, Depomedrol®, Medrol®, Solumedrol®, Urbason®, …) è un glucocorticoide sintetico ad azione intermedia, ampiamente utilizzato nella terapia di infiammazioni gravi, malattie autoimmuni, reazioni di ipersensibilità e rigetto di trapianto. Il metilprednisolone è disponibile in forma di compresse, formulazioni iniettabili e topiche. Cinque volte più potente del cortisolo, il metilprednisolone è usato in dosi variabili; la dose da 4 mg è considerata il fabbisogno giornaliero nell’adulto. Ha minime attività mineralocorticoidi.

Il triamcinolone (Aftab®, Aureocort®, Dirahist®, Kenacort®, …) è un glucocorticoide sintetico ad azione prolungata, usato in soluzioni topiche e aerosol per la terapia di allergie e reazioni di ipersensibilità e il controllo di stati infiammatori, nonché in formulazioni parenterali per il trattamento di reazioni di ipersensibilità, shock e infiammazioni gravi. Le formulazioni orali del triamcinolone includono compresse da assumere per bocca. Esistono diverse formulazioni iniettabili. È cinque volte più potente del cortisolo come attività glucocorticoide, ma ha anche minime attività mineralocorticoidi.

Il desametasone (Cloradex®, Decadron®, Etacortilen®, Luxazone®, Soldesam®, …) è un glucocorticoide sintetico ad azione prolungata, usato per via parenterale per il trattamento di gravi reazioni di ipersensibilità e shock e per il controllo di gravi stati infiammatori, nonché in soluzioni topiche (per orecchi e occhi), come aerosol e lozioni o creme per la terapia locale di allergie e infiammazioni. È disponibile in varie formulazioni iniettabile ed è venticinque volte più potente del cortisolo come attività glucocorticoide, ma ha anche minime attività mineralocorticoidi.

Il betametasone (Beben®, Bentelan®, Betabioptal®, Celestone®, Diprosalic®, Diprosone®, Ecoval®, ) è un glucocorticoide sintetico ad azione prolungata, usato in soluzioni iniettabili per il trattamento di reazioni allergiche e di ipersensibilità, nonché per il controllo di gravi stati infiammatori. La forma iniettabile del betametasone è disponibile con il nome commerciale Celestone; esistono poi vari preparati generici sotto forma di sciroppi e compresse effervescenti per uso orale, clisteri e schiume per uso rettale, aerosol per impiego nasale e respiratorio, creme e lozioni per uso topico. Il betametasone è venticinque volte più potente del cortisolo come attività glucocorticoide, ma ha anche minime attività mineralocorticoidi.

Molecola Att. glucocorticoide Att. Mineralcorticoide Dose (mg)
Cortisol 1 1 20
Cortisone 0.8 0.8 25
Prednisone 4 0.8 5
Prednisolone 4 0.8 5
Methylprednisolone 5 0.5 4
Triamcinolone 5 0 4
Betamethasone 25 0 0.75
Dexamethasone 25 0 0.75

Modi di assunzione

  • Per bocca: compresse, capsule o sciroppi aiutano a trattare l’infiammazione e il dolore associati con alcune condizioni croniche, come l’artrite reumatoide e il lupus.
  • Tramite inalatore e spray intranasale: queste formulazioni aiutano a controllare l’infiammazione associata all’asma e alle allergie nasali, riducendo drasticamente il rischio di effetti collaterali.
  • Tramite applicazioni topiche: creme e unguenti possono aiutare a guarire varie patologie della pelle, senza dare in genere effetti indesiderati.
  • Per infiltrazione: questa modalità è usata per trattare segni e sintomi quali il dolore e l’infiammazione delle tendiniti.
  • Per iniezione: agendo a livello sistemico ed in modo rapido sono preferite nei casi di emergenza (grazi reazioni allergiche), nonchè per il controllo di artrite reumatoide ed altre patologie che colpiscono l’intero organismo.
  • Uso oftalmico, ossia negli occhi, attraverso la somministrazione di colliri o unguenti oftalmici.

Effetti collaterali

Come tutti i farmaci, anche i cortisonici comportano il rischio di effetti collaterali. Conoscendo i possibili effetti indesiderati, il paziente può adottare misure per controllarne l’impatto sulla propria salute, ma è importante sottolineare che il medico pianificherà una terapia in grado di

  • massimizzare gli effetti terapeutici (controllo del dolore, riduzione degli effetti allergici, miglioramento della respirazione, …)
  • minimizzare i rischi per la salute.

In altre parole, si cercherà di ottenere il miglior rapporto rischio/beneficio possibile e verranno quindi prescritti solo quando gli effetti positivi supereranno i rischi.

La probabilità che compaia un determinato effetto collaterale dipende in larga misura da questi aspetti:

  • Forma farmaceutica del cortisone assunto: Compresse, gocce e sciroppi sono legate ad un rischio superiore rispetto a spray, iniezioni od applicazioni locali.
  • Dose: Maggiore è la dose, maggiore sarà il rischio di comparsa di effetti indesiderati.
  • Durata del trattamento: Più lungo sarà il trattamento, maggiore sarà la probabilità di andare incontro ad effetti collaterali anche importanti.
  • Età: Bambini e persone anziane sono più inclini a sviluppare alcuni disturbi, ma per esempio in giovane età è possibile sospendere più rapidamente la cura rispetto ad un adulto (che dovrebbe scalarla in modo più lento).

Aerosol, spray nasali e puff

In genere sono farmaci privi di effetti collaterali alle dosi comunemente usate, talvolta possono comparire

Sciacquare la bocca con acqua (o acqua e bicarbonato) dopo aver utilizzato il farmaco può aiutare a prevenire il mughetto orale e l’utilizzo del distanziatore con il farmaco può aiutare a prevenire molti altri problemi.

Ci sono anche alcune evidenze legate al possibile sviluppo di infezioni toraciche come la polmonite nei soggetti affetti da broncopneumopatia ostruttiva (BPCO), aspetto che vale la pena di essere discusso con il medico.

Steroidi per via inalatoria ad alte dosi possono a volte causare alcuni degli effetti collaterali più gravi (comuni alle cure in compresse), ma è un’evenienza rara.

Iniezioni ed infiltrazioni

Quando il cortisone viene iniettato in muscoli e articolazioni può causare rossore, dolore e gonfiore nel sito di iniezione, effetto che in genere scompare entro pochi giorni.

Potrebbe essere consigliato riposo per evitare di manifestare debolezza ed altri problemi a muscoli e tendini dove è stata praticata l’infiltrazione

A causa del rischio di effetti collaterali sistemici le iniezioni di steroidi sono spesso somministrate solo a intervalli di almeno sei settimane (ma questo dipende dalla molecole scelta).

Quando il cortisone viene iniettato in vena i possibili effetti indesiderati sono sovrapponibili alle cure per bocca (vedi paragrafo successivo).

Compresse, gocce, sciroppi

Quando il ciclo di trattamento è occasionale e breve (inferiore alle tre settimane circa) è molto improbabile andare incontro ad effetti collaterali importanti, tuttavia è talvolta necessario proseguire più a lungo ed in questi casi è più probabile manifestare effetti indesiderati.

Ricordiamo quindi i più comuni:

  • aumento dell’appetito, che può potenzialmente portare ad un aumento di peso, se si ha difficoltà a controllare ciò che si mangia
  • acne
  • astenia
  • disturbi del ciclo mestruale
  • sbalzi d’umore e rapidi cambiamenti di umore, talvolta aggressività ed irascibilità
    comparsa di lividi a causa di una pelle più delicata e sottile,
  • debolezza muscolare
  • ritardata guarigione delle ferite
  • ritenzione idrica
  • aumento del deposito di grasso e liquidi in viso (faccia a luna piena) e tronco (gobba di bufalo), acne, comparsa di smagliature (sindrome di Cushing)
  • indebolimento delle ossa (osteoporosi)
  • diabete (o peggioramento del diabete esistente)
  • alta pressione sanguigna
  • glaucoma e cataratta (malattie degli occhi)
  • ulcere dello stomaco (può essere prescritto un farmaco aggiuntivo chiamato un inibitore della pompa protonica (PPI) per ridurre questo rischio)
  • problemi di salute mentale, quali depressione, pensieri suicidi, ansia, confusione e allucinazioni (contattare immediatamente il medico se si verifica uno di questi problemi)
  • aumento del rischio di infezioni, in particolare varicella, herpes zoster e morbillo (evitare il contatto ravvicinato con chiunque abbia un’infezione e consultare immediatamente il medico se si pensa di essere stati esposti)
  • ritardo di crescita nei bambini

La maggior parte degli effetti collaterali dovrebbero migliorare se siete in grado di ridurre il dosaggio o eventualmente interrompere l’assunzione del farmaco.

Sono consigliabili regolari controlli per i principali disturbi (diabete, pressione alta e glaucoma) se esiste la necessità di assumere il farmaco per lungo tempo.

Riduzione del rischio di effetti collaterali da corticosteroidi

Per massimizzare i benefici dei farmaci corticosteroidi con il minimo rischio possibile il medico suggerirà di:

  1. Provare ad assumere dosi inferiori o intermittenti. Le più recenti formulazioni di cortisone sono disponibili in dosi e durate di azione variabili. Informarsi con il proprio medico sul possibile abbassamento del dosaggio, su farmaci a durata breve o sull’assunzione per bocca di corticosteroidi a giorni alterni invece che giornalmente.
  2. Passare a farmaci non per bocca; ad esempio, per l’asma, i corticosteroidi inalati raggiungono direttamente le superfici polmonari, riducendo le quantità al resto del corpo e determinando meno effetti collaterali.
  3. Fare scelte sane durante la terapia. Se in trattamento corticosteroideo per un periodo prolungato, discutere con il proprio medico come ridurre al minimo gli effetti collaterali. Potrà essere necessario ridurre l’apporto calorico o aumentare l’attività fisica per evitare l’aumento di peso. L’esercizio può aiutare a ridurre la debolezza muscolare e i rischi di osteoporosi. L’assunzione di calcio, vitamina D e farmaci per la rigenerazione ossea possono minimizzare l’assottigliamento osseo dovuto ai corticosteroidi.
  4. Fare attenzione durante la sospensione della terapia. L’assunzione di corticosteroidi orali per periodi prolungati può indurre le ghiandole surrenali a produrre meno ormoni steroidei naturali. Il medico può ridurre il dosaggio gradualmente per consentire alla ghiandola di ripristinare una normale funzionalità. Se la dose viene ridotta troppo rapidamente, è possibile sentirsi stanchi, doloranti e confusi.
  5. Soppesare rischi e benefici dei corticosteroidi

Benché possano causare una serie di effetti collaterali,i farmaci cortisonici possono anche alleviare l’infiammazione, il dolore e il fastidio associati a varie differenti malattie e condizioni. Adottando con l’aiuto del medico scelte che riducano al minimo gli effetti collaterali, è possibile ottenere benefici significativi associati a rischi ridotti di disagi.

Astinenza e riduzione del dosaggio

Se migliora il controllo della malattia o se compaiono effetti collaterali gravi, il medico può diminuire la dose con estrema gradualità per prevenire sintomi “dirompenti” e permettere alle ghiandole surrenali di ristabilire il proprio funzionamento. In caso di assunzione prolungata di cortisone, quindi, non interrompere il farmaco bruscamente e seguire le raccomandazioni del medico.

Durante il riadattamento dell’organismo alla dose steroidea ridotta, potranno essere percepibili sintomi di astinenza. Tra questi, si possono annoverare

  • difficoltà respiratorie dovute al peggioramento della malattia,
  • stanchezza,
  • depressione,
  • dolore muscolare e articolare.

In caso di difficoltà respiratorie, o se alcuni dei sintomi precedenti sono gravi, occorre avvertire il medico. Gli effetti collaterali non respiratori di solito scompaiono entro qualche settimana o mese.

Se la dose è stata ridotta o interrotta di recente, può essere necessario un breve ciclo steroideo in caso di malattia o lesione grave, o di chirurgia importante. In questo periodo, le ghiandole surrenali non sono funzionanti a pieno regime e non sono in grado di far fronte a una condizione di stress. Ciò è importante dopo l’assunzione di compresse cortisoniche nel corso dell’ultimo anno o dopo un trattamento acuto nelle ultime due settimane. Se in trattamento steroideo, è necessario avvertire il proprio medico.

Alcuni soggetti non reagiscono normalmente ai farmaci steroidei. Possono essere necessari test particolari e un aggiustamento della dose di farmaco.

Fonti

Traduzione a cura della Dr.ssa Greppi Barbara

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

Gentile utente, per garantire maggiormente la tua privacy i tuoi contributi potrebbero essere mostrati sul sito in forma anonima.

Leggi le condizioni d'uso dei commenti.

  1. Anonimo

    È pericoloso prendere Dirahist in preparazione a un esame che devo fare? Ho paura che si alzi la glicemia (mia nonna è diabetica).

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      A meno che non sia lei stesso/a diabetico/a, l’assunzione occasionale del farmaco non comporterà alcuna variazione degna di nota ai valori glicemici.

  2. Anonimo

    Ho dovuto fare una cura a mio figlio (prescritta dal pediatra) di 5 giorni di Bentelan. Gli creerà problemi alla crescita?

  3. Anonimo

    Buongiorno a tutti..Ho un problema ad un dente demoralizzato (forse male)il dolore a tratti è lancinante e purtroppo sempre presente tant è che la notte non dormo e sono ormai 4 gg .da venerdì ho iniziato sotto parere del mio dentista la cura con augmentin per ridurre l infezione associata ad antidolorifici a base di iboprufene.purtroppo no fanno effetto e stanotte ho dovuto fare una puntura di toradol che ha attutito il dolore x solo4h. Mi è stato prescritto il deltacortene (in sostituzione di altri antidolorifici) oltre l antibiotico e devo iniziare stamane.Volevo sapere se il deltacortene mi attutirà il dolore perchè è realmente insopportabile.cordiali saluti

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Quando ha fatto la devitalizzazione? può essere ancora presto, il deltacortene è un antinfiammatorio (cortisone), per cui riducendo l’infiammazione agisce anche sul dolore.

  4. Anonimo

    Pippo . Salve dottore volevo sapere se il deltacortene porta cistite e tremori

  5. Anonimo

    Salve ho un ipertiroidismo che curo con topazole e inderal .. l’iperdiroismo mi ha portato ansia è un po’ di depressione..che ancora curo con daparox 5 gcc e pasaden 10gcc la sera.. oggi ho un brutto raffreddore e tosse.. posso prendere un deltacortene ?

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Il cortisone non serve per curare il raffreddore, sentirei comunque il medico per una terapia palliativa-sintomatica.

  6. Anonimo

    L’oncologo come inizio terapia per una opacità polmonare legata ad una leucemia linfoproliferativa di tipo B che ha prodotto un linfocito mi ha prescritto 1+1 cp di Medrol 8 mg per sette giorni. Ho difese immunitarie ridotte al lumicino possono ulteriormente diminuire con questo cortisone?

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, immagino che l’oncologo abbia valutato bene il rapporto rischi /benefici e le abbia prescritto una terapia adatta al suo caso. In questa sede senza conoscere bene il caso non possiamo dire più di tanto. saluti

  7. Anonimo

    Buongiorno, sto assumendo Deltacortene per tiroidite sub acuta, 10gg dosaggio 25, ora sono passata a 12.5 e devo proseguire per due settimane X poi scalare ancora. E’ possibile che il cortisone porti ad avere delle perdite ematiche prima del ciclo? (15 gg circa)
    Grazie

    1. Anonimo

      buongiorno sono mono rene e volevo sapere se posso usare il bentelan come antiinfiammatorio.
      grazie

    2. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Solo se espressamente prescritto (ma è la stessa risposta che darei a qualsiasi altra persona, in quanto l’uso del cortisone viene valutato caso per caso in base al rapporto rischio/beneficio).

    3. Anonimo

      salve , devo assumere deflan 30mg per 15 giorni per grave forma di laringite associata ad afonia. 5 giorni 3 pastiglie, altri 5 due pastiglie, e una per ultimi 5. se faccio attività fisica cardio fitness 3-4 volte a settimana, non mangio carboidrati con farine bianche ed evito formaggi ed insaccati vari, ingrasserò lo stesso?
      grazie per la risposta.
      Manu

    4. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Mangi normalmente, non sono certo 15 giorni a essere causa di aumento significativo di peso; al limite attenzione al sale, lo riduca, e se proprio vuole si tolga qualche dolce se presente.

La sezione commenti è attualmente chiusa.