Introduzione alla medicina tradizionale cinese

Ultimo Aggiornamento: 159 giorni

La medicina tradizionale cinese (MTC) ritiene che la malattia possa essere provocata non solo da agenti esterni, ma anche da emozioni negative.

Di fronte alla MTC resto sempre sbalordita: già 3000 anni fa i cinesi riuscirono a creare la medicina psicosomatica così come è chiamata oggi!

Prima di vedere quali possono essere le cause interiori ed esteriori delle malattie è bene ricordare i 5 elementi su cui si fonda l’MTC:

  • Fuoco,
  • Acqua,
  • Terra,
  • Metallo,
  • Legno.

Essi rappresentano forze di ordine attive in tutto l’universo.

In linea di massima si distinguono cinque stati d’animo collegati agli elementi:

  • Paura appartiene all’elemento Acqua. La paura danneggia i reni. Reni deboli significano timori e molti uomini sono timorosi perché è molto debole la loro energia renale.
  • Ira appartiene all’elemento Legno. Ogni eccesso di collera indebolisce l’energia del fegato, preparando così malattie gravi. Questa è una causa frequente dei calcoli alla colecisti. Ripetuti scatti di ira possono provocare l’itterizia.
  • Rimuginio appartiene all’elemento Terra. Le preoccupazioni danneggiano la milza. Ne derivano malattie che corrispondono alla funzione della milza quindi a quella della digestione. Molte ulcere gastriche derivano dalle preoccupazioni e non è solo rilevante la preoccupazione stessa, ma anche la reazione del paziente. Sono molte le persone che tendono a fare di tutto un motivo di preoccupazione e che hanno difficoltà ad uscire da questo circolo vizioso, causa poi di malattia: da un lato le preoccupazioni danneggiano la milza, d’altro canto una milza debole è incline alle preoccupazioni.
  • Tristezza appartiene all’elemento Metallo. La tristezza danneggia i polmoni e rappresenta uno dei fattori fondamentali della malattia polmonare. Inoltre la maggioranza delle malattie polmonari presenta come sintomo momenti di tristezza.
  • Felicità appartiene all’elemento Fuoco. La gioia può danneggiare il cuore: uno sfogo eccessivo di sentimenti consuma l’energia di questo elemento provocandone un lento esaurimento. Anche l’eccesso di emozioni percepito da un’indole paurosa o provocato da un forte spavento agisce sull’elemento Fuoco. Di contro la mancanza di energia dell’elemento Fuoco causa assenza di gioia e provoca depressione, diversa dalla tristezza dell’elemento Metallo, indice invece di un carattere malinconico.

Le cause esterne della malattie sono spesso legate a fattori climatici collegati anch’essi con i 5 elementi:

  • Vento influisce negativamente sul Legno;
  • Afa e caldo influiscono negativamente sul Fuoco;
  • Umidità influisce negativamente sulla Terra;
  • Aridità influisce negativamente sul Metallo;
  • Freddo influisce negativamente sull’Acqua.

Se l’influsso negativo si manifesta in modo superficiale ne deriveranno dei disturbi innocui, se invece il danno penetra negli stati più profondi fino a raggiungere l’organo corrispondente allora possono manifestarsi malattie anche gravi. Nonostante gli influssi esterni possano causare le malattie, un ruolo fondamentale è comunque rivestito dalla psiche. Le lesioni provocate da cause interiori indeboliscono le difese immunitarie dell’individuo rendendolo più vulnerabile. Bach era convinto che la causa primaria di tutte le malattie fosse la mancanza di armonia, la mancanza di spiritualità nella persona. Per lui se c’è armonia c’è anche l’equilibrio psichico ed emotivo.

Per la MTC esistono altri agenti esterni che possono causare la malattia come gli eccessi sessuali, una cattiva nutrizione, eccesso di fatica ecc. come si vede sono eccessi cioè appunto disequilibri.

Romina Marroni

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

Gentile utente, per garantire maggiormente la tua privacy i tuoi contributi potrebbero essere mostrati sul sito in forma anonima.

Leggi le condizioni d'uso dei commenti.

  1. Anonimo

    Salve , ho un calcolo renale di circa 6,7 mm . Volevo sapere se i calcoli una volta formati, con l aiuto di medicine,limoni e tisane varie possano regredire. Grazie

La sezione commenti è attualmente chiusa.