Emorroidi: cause e sintomi

Ultimo Aggiornamento: 1348 giorni

Link sponsorizzati

Le emorroidi sono un disturbo tipico dei paesi più civilizzati, dove si stima che tra i 45 d i 65 anni ne soffra una persona su due; studi eseguiti anni fa hanno dimostrato che le tribù indigene dell’Africa centrale non conoscevano questa patologia, ciò significa che alimentazione e tipo di vita sono fortemente correlati allo sviluppo delle emorroidi.

Prima tra le cause è probabilmente la stipsi, in quanto sforzi prolungati per provocare l’evacuazione, magari di feci particolarmente dure, favoriscono la comparsa di problemi a livello del distretto emorroidario; anche ripetute scariche di dissenteria possono essere responsabili di un peggioramento del quadro generale.

Altre cause rilevanti sono la familiarità, la situazione ormonale e la posizione del corpo durante la giornata (stazione eretta e ferma oppure seduti ad una scrivania per molte ore al giorno), scarsa attività fisica, sport traumatizzanti per la zona anale come motociclismo e ciclismo, calore intenso a contatto con l’ano (sedile dell’auto lasciata per molte ore al sole), sforzi accentuati (tosse, sollevamento di pesi, …) e, sembra, lo stress.

La gravidanza è inoltre una condizione a forte rischio di sviluppo o peggioramento delle emorroidi.

Non sono infine da dimenticare le emorroidi associate e causate da quadri più gravi: cirrosi epatica, trombosi della vena porta, tumore del retto.

I sintomi più leggeri sono senso di pesantezza, bruciore e prurito; il dolore vero e proprio è di solito piuttosto raro ed associato spesso, ma non sempre, a complicanze. Il sintomo che più spaventa è la presenza di sangue nelle feci o addirittura per gocciolamento: di norma non deve preoccupare e, se abbondante, non deve essere trattato con preparati cortisonici. Se tuttavia il problema persiste si consiglia una visita medica per escludere patologie più gravi.


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. lino

    Salve dottore.da circa tre giorni ho come una pallina gonfia all ano di colore viola da un po di fastidio al tatto e nel sedermi .soffro da anni da piccole emorroidi senza alcun sintomo tranne in rari casi,ma mai cosi grandi.cosa consiglia di fare?attualmente sto prendendo veneruton da 3 giorni ma nn vedo risultato.grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Ottimo, valuti con il medico di associare una crema.

  2. Anonimo

    Salve dottore le scrivo per sapere una cosa…mentre sto seduto o cammino avverto intorno all ano come se avessi la pelle contratta come se fosse secca…mi da fastidio ma bn accuso dolori e nn ho gonfiori…cosa potrebbe essere?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Potrebbe essere solo un’irritazione locale; valuti con il suo farmacista una crema idratante od una pasta per il cambio del pannolino dei neonati, se non passasse entro qualche giorno senta il medico per una diagnosi più precisa.

  3. lino

    Il mio medico mi ha prescritto antrolin crema.quanto tempo puo servire per sparire ?grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Ne avrà sollievo quasi subito, ma potrà servire qualche giorno di pazienza prima di risolvere.

  4. Anonimo

    Dortore ma questa sensazione che le dicevo può sipendere che ieri ho avuto 2^3 scaroxhe diarroiche?

  5. lino

    Salvd dottore,.volevo informarla che dopo 5 giorni il rigonfiamento e ancora presente, anche se meno violaceo e crea leggeri fastidi al tatto…sto assumento con regolarita venoruton bustine e antrolin crema.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Se è almeno minimamente migliorato continui come le ha consigliato il medico.

  6. lino

    Il colore nn e piu lo stssso sembra meno violaceo.solo che il rigonfiamento nn e diminuito .dovrebbe diminuire?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Potrebbe servire più tempo, il cambio di colore indica un possibile miglioramento dell’infiammazione.

  7. lino

    ora e meno violaceo ,ma il rigonfiamento e piu esteso .prima era piu scuro e piu duro.grazie

  8. lino

    ma xchè il rigonfiamento e piu esteso ?sembra allargarsi. anche se il colore nn e piu molto violaceo!.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Aspettiamo di vedere fra qualche giorno come va.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì.

      Il medico che ha potuto visitarla le ha parlato di tempi?

  9. lino

    no,il mio medico nn mi ha parlato di tempi,era solo una domanda perche pensavo che la guarigione era rapida 2 o 3 giorni!cmq nn ho fastidi eccessivi solo questp rigonfiamento a destra ,invece a sinistra noto piccolissime emorroidi e una piccolissima marisca che ho da anni ma nulla di rilevante .

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sicuramente più di 2-3 giorni, ma non sono in grado di quantificarlo esattamente.

  10. Paolo

    Buongiorno dottore,

    ormai e’ qualche settimana che ho questo problema, durante la defecazione fuoriesce anche del muco liquido con qualche macchiolina di sangue (non troppo evidente). Le feci hanno una consistenza molle e ogni tanto ho delle scariche di diarrea.
    Il sangue che si nota e’ prevalentemente nel muco e non nelle feci e inoltre non e’ ben evidente ma e’ come se “colorasse” leggermente il muco liquido.
    Inoltre, durante l’emissione di petiho delle fuoriuscite (qualche volta anche abbastanza consistenti) di muco liquido credo.

    Cosa potrebbe essere?

    Nel pomeriggio andro’ a fare la coprocultura e gli esami del sangue.

  11. franco

    salve dottore.da un paio di anni soffro di ragade anale e piccolissimi emrroidi diagnosticati durante una visita proctologa circa tre anni fà ,anche se durante la visita il medico ha visto solo le piccole emorroidi e una lievissima e neanche convincente ragade.ho periodi alternati buoni e meno buoni.da circa un mesetto durante l evacuazione inizialmente sento come del vetro che taglia, e le feci iniziali sono piu asciutte e duricce.noto del sangue rosso vivo che li avvolge.Con uno specchio e una luce ho notato delle piccole ferite come taglietti una a sinistra ed una a destra e del sangue..ne ho parlato con il mio medico e mi ha prescritto pergidal bustine e antrolin e circa 2 litri di acqua al giorno.ho fatto varie volte questa cura per un po sto meglio ma poi mo rivengono,anche perche la stitichezza lho sempre avuta .secondo lei cosa potrei fare per evitare i sintomi bruciore sangue ecc,?c e la possibilita di una guarigione dopo tanti anni? grazie anticipatamente ..cordiali saluti.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Beve a sufficienza?
      Frutta e verdura?
      Esercizio fisico?

  12. franco

    Poco esercizio fisico, bevo circa 6 o 7 bicchieri D acqua al di, frutta giorni si giorni no.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Deve a mio parere correggere questi tre aspetti, questo permetterà di rendere l’evacuazione più facile prevenendo ricadute.

  13. franco

    Ok, grazie.vole o un altro parere sto assumendo da circa 3 giorni un antibiotico per una prostatica può Influire?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non dovrebbe darle problemi, ma se il medico è d’accordo associ fermenti lattici.

  14. Anonimo

    gent. Dottore, da alcuni anni avverto prurito intorno all’ano, soprattutto quando indosso slip di materiale sintetico o colorato. Ho provato ad utilizzare una crema x emorroidi dell’aboca e crema x irritazione dei bebè. Ma non è cambiato nulla. non è un fastidio continuo. Ci sono dei giorni che non avverto nulla. Esiste qualche crema curativa? non ne ho parlato col medico di famiglia perché temo che inevitabilmente mi prescriverebbe una visita che non farei mai: mi imbarazzerebbe troppo…. mi rivolgo a Lei in quanto fornisce sempre risposte molto competenti ed equilibrate. Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Temo sia innanzi tutto indispensabile usare solo intimo di cotone (e non perizoma/tanga), così come assorbenti solo 100% cotone.

      Soffre di stitichezza?

    2. Anonimo

      no. In salute sto bene. (scusi se ho duplicato la richiesta, ma non riuscivo a trovare quella inviata il giorno 28). Secondo Lei a cosa è dovuto il prurito? grazie

    3. Anonimo

      In tal caso cosa potrei fare senza farmi fare visite? È ovvio che se avessi qualcosa di grave forse troverei il coraggio dì fare una visita all ano.

    4. Dr. Cimurro (farmacista)

      In prima battuta proverei ad adottare le indicazioni riportate nella prima risposta, potrebbero essere sufficienti.

  15. Antonio

    Salve, volevo chiederle un consiglio.
    Da due giorni circa mi si è formata una pallina dura di forma allungata che fuoriesce dell’ano. Ha un colorito normale, ma provoca fastidio (prurito e dolori), sia da seduto; sia quando cammino.
    Cosa può essere?

    1. Anonimo

      Già tempo fa mi si era presentata. Poi sparisce.
      Cosa potrei fare per avere un po di sollievo?

    2. Anonimo

      No sono molto regolare, 2 volte al giorno minimo.
      Può essere dovuto a stress?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, è plausibile, attenzione anche all’alimentazione (cioccolato, affettati, cibi grassi, …).

  16. lorenza

    Salve, è da ieri che dopo l’evacuazione mi sento bruciore all’ano e leggero sanguinamento, e toccando sento come un rigonfiamento esterno molto piccolo; lo stesso sintomo l’ho avuto due anni fa sempre in estate. Di cosa potrebbe trattarsi? Emorroidi?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente sì, emorroidi; cerchi di mantenere morbide le feci (frutta/verdura e molta acqua) e senta il medico per rimedi locali.

  17. Gian

    Buongiorno dottore, ogni volta, dopo l’evacuazione sento un rigonfiamento che piano piano ritorna all’interno. Sono alcuni giorni che ho un fastidioso prurito anale.. Potrebbe trattarsi di emorroidi? Mi capita spesso di avere fitte dolorose e una sola volta mi è capitato di sanguinare.. Attendo una risposta

  18. Gian

    Si dottore mi spiego meglio, è come se fosse una pallina che dall’interno fuoriesce, per ritornare dopo un po’ di nuovo al suo posto.. Mi scusi se non sono molto preciso.

  19. Daniela

    Salve dottore, sono una ragazza di 30 anni. È un periodo, 3/4 mesi circa,che soffro di bruciore rettale… Piccole fitte di lieve entità all ano, un po fastidiose. Vorrei premetterle che sto passando un periodo molto stressante. Questo bruciore è sempre più frequente. Sono leggermente stitica da una vita… Secondo lei che cos’ho? Cosa posso fare per farlo passare?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Forse le emorroidi un po’ infiammate, ma raccomando di verificarlo con il medico; per il momento cerchi comunque di lavorare sulla stitichezza.

  20. max

    Buongiorno Dottore, ho 57 anni da 3 mesi soffro di fitte acute all’ano .con perdite di sangue rosso , che si sono arrestate dopo 30 giorni ,
    attualmente ho dei momenti in cui le fitte sono molte acute che si diramano fino ai glutei e certe volte fino alle gambe
    ,mi hanno prescritto una crema RECTOGESIC
    che metto 2 volte al di’ da 15 giorni . ma il dolore persiste ..
    bevo 2 litri al giorno e mangio frutta verdura e pane integrale
    cammino x 5 km al giorno

    Grazie per la sua disponibilita’

    max

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      È seguito da un proctologo? Abbiamo una diagnosi esatta?

Lascia una risposta

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.