Emorroidi: alimentazione, dieta e cura

Ultimo Aggiornamento: 1900 giorni

Una dieta corretta è il primo passo per tutti i pazienti affetti da emorroidi: si sconsiglia l’assunzione dei seguenti cibi e condimenti:

  • speziati o piccanti,
  • formaggi stagionati,
  • insaccati,
  • crostacei,
  • cioccolato,
  • superalcolici,
  • alte dosi di caffè.

Meglio invece puntare su pasti leggeri con abbondante assunzione di fibre (sotto forma di verdure, frutta e cerali) ed acqua, la cui combinazione concorre a formare feci morbide e facilmente evacuabili. Per quanto riguarda l’acqua è essenziale bere almeno 1.5-2 l al giorno, in modo da mantenere idratate le feci e facilitarne in tal modo l’espulsione. Per quanto riguarda i cibi consigliati per una dieta volta al controllo di un problema di emorroidi le linee guida americane raccomandano di assumere fra i 20 g ed i 35 g di fibra al giorno, mentre quantità superiori potrebbero essere causa di meteorismo.

Vediamo quindi un’indicazione di massima del contenuto in fibra di singole porzioni di alimenti di uso comune:

Alimento Fibra (g)
mela 4
pesca 2
pera 4
mandarino 2
asparagi 1.5
broccoli 2
cavoletti di Bruxelles 2
cavolo 2
carota 1.5
cavolfiore 2
spinaci 2
pomodoro 1
zucchini 2.5
piselli 4
fagioli 5
patate 3
pane bianco 2
riso 1

Sempre nell’ottica di intervenire sulla dieta per migliorare il problema emorroidi si consiglia di limitare l’assunzione di alimenti fortemente trasformati, di cui l’alimentazione da fast food ne è un ottimo esempio; questa indicazione nasce dal fatto che cibi molto raffinati sono particolarmente poveri di fibra.

Dal punto di vista della terapia farmacologica s’interviene di norma inizialmente a livello locale con applicazioni di unguenti a base di cortisonici ed anestetici locali (Proctolyn®, Proctosedyl®, Proctosoll®, …), oppure per somministrazione di analoghi preparati ma in forma di supposte, con l’obiettivo di dare sollievo ai principali disturbi causati dalle emorroidi. Quando tra i sintomi è presente anche un sanguinamento più o meno abbondante è preferibile evitare l’uso di cortisone, che ritarderebbe la cicatrizzazione, a favore di prodotti come Ruscoroid®, Preparazione H®, … che non contengono questa sostanza.

Quando i rimedi locali si dimostrano inefficaci è possibile affidarsi a farmaci da assumersi per via orale con funzione capillaroprotettrice, in grado cioè di proteggere la parete dei vasi sanguigni riducendone quindi gonfiore, sanguinamento ed il dolore ad essi associato: di questa categoria si ricordino sopratutto i flavonoidi (ad esempio Tegens® e Venoruton® che non richiedono ricetta medica, Daflon® e Arvenum® da vendersi dietro prescrizione medica).

Da ricordare infine la presenza sul mercato di alternative omeopatiche e fitoterapiche.

Ghiaccio sulle emorroidi? Mai!

E’ credenza comune che per alleviare la sintomatologia delle emorroidi un impacco di ghiaccio possa rivelarsi risolutivo: niente di più lontano dal vero.

Applicare ghiaccio sulle emorroidi provoca infatti un aumento del tono dello sfintere (ano) favorendo la costrizione di vasi sanguigni già fortemente infiammati ed irritati; il ghiaccio infatti, provocando vasocostrizione delle vene (le vene diminuiscono di diametro perché, in un certo senso, si contraggono al contatto con il ghiaccio) aumenterebbe ulteriormente la pressione sanguigna in loco finendo per peggiorare il quadro clinico. Da non escludere poi la possibilità di ustione da freddo per contatto diretto tra il ghiaccio e le mucose.

A fronte quindi di un momentaneo sollievo dovuto al potere anestetizzante del freddo, si corre il rischio di peggiorare una situazione già spiacevole: meglio quindi ricorrere alla somministrazione di farmaci specifici per emorroidi e, in casi più gravi, sentire un parere medico.

Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. roberto

    Gentile Dottore, mi è stato riscontrato un principio di emorridi di primo grado ancora un anno fa… quando vado di corpo purtroppo a volte mi fa prurito all’ano.. secondo Lei, gentalyn beta è utile per alleviare il dolore in quanto emorroidi di primo grado o meglio altri farmaci? grazie.. saluti

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma non posso consigliare farmaci; eviterei Gentalyn Beta (se non espressamente prescritto) perchè in genere l’antibiotico non serve in questi casi.

  2. Sagitario

    Salve dottore . e tre giorni che mi e comparso nella parte anale un emorrodi o una ciste non so cose . però e abbastanza grande non sanguina .o messo della crema ma non si ritira . cosa può essere. Grazie per la risposta.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      L’ipotesi emorroide infiammata è sicuramente la più probabile, ma raccomando una visita medica per una diagnosi esatta.

  3. Anna..

    Salve io un mese fa sono stata operata di emorroidi con la tecnica milligan Morgan ..evavo due piccole emorroidi e una ragade.. Mi é stato dato spyllogel e una crema rettale…sangue non ne perdo più…ho avuto fuori uscite per due tre settimane…il punto é che ho delle escrescenza fuori dall ano che la dottoressa mi ha detto che poi si riassorbono da solo il punto é che é un continuo sgonfiarsi e rigonfiarsi, e quando si gonfiano a volte fanno anche male…e mi danno sensazione di avere qualcosa nell ‘ano…dopo varie visite mi ha detto che stava andando tutto bene e per il gonfiore mi ha dato daflon due volte al giorno per 10 giorni…ma dopo 10 giorni dopo che vado in bagno ancora si gonfia la parte e fa un po male e mi da sensazione di corpo estraneo nell ano..si sono tre escrescenze..é normale? Quanto tempo ci vorrà prima che non si gonfino più o spariscano? Grazie ..io comunque vado in bagno regolare e non duro…nonostante questo avevo avuto un fecaloma la seconda settimana che poi ho espulso

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Purtroppo serve tempo, anche parecchie settimane, l’importante è aver verificato con il medico che tutto proceda secondo previsioni.

  4. Anna..

    Emorroidi interne di 1 o 2 grado..non mi ricordo di preciso il grado ma era 1 o due..magari si sgonfiano un po di giorni e sto bene diciamo e poi si rigonfiano e mi danno problemi , prima di essere operata fuori avevo solo un poco di pelle di ex gavacciolo..adesso tre escrescenze come se fossero emorroidi..e poi da quando ho avuto le emorroidi se cammino tanto che sudo mi si irrita il sedere e prude..anche quando faccio le feci …(ma non sempre) insomma non ho piu avuto un ano normale..neanche dopo essermi operata

    1. Anna

      OK grazie…quindi un mese é poco per essere guarita..? A me quello che da preoccupazione sono quelle escrescenze…ho paura che non vadano più via o che rimanga un sacco di pelle vuota..avrei paura a rioperarmi per toglierla..siccome é stata un operazione dolorosa…ma poi le escrescenze spariscono o rimane pelle? Per colpa di quelle mo sento sempre la fastidiosa sensazione di avere qualcosa nel sedere, come quando avevo le emorroidi..ma l ultima volta mi ha controllata dicendo che dentro non ho niente..allora presumo che quel fastidio siano le escrescenze..e mi ha detto pure che dentro sanguino facilmente perche ho le pareti anali fragili e che non erano le emorroidi a farmi sanguinare…ma a me quello che mi preme é avere quelle cose di fuori che ho da quando mi ha operato prima non le avevo.. E mi danno anche fastidio …

    2. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Dovrebbero andare a sparire, se così non fosse lo segnali nuovamente al medico.

  5. Anna

    Cioè mi danno molto fastidio soprattutto quando si gonfiano di più se no non mi creano problemi…anche se non sono belli da vedere e toccare…vorrei non avere più niente li fuori..

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Dovrebbero andare a sparire, se così non fosse lo segnali nuovamente al medico.

  6. MARCO

    BUON GIORNO
    HO UN BABINO DI 7 ANNI CHE HA LE EMOROIDI
    LI ABBIAMO FATTO LA VISITA E IL MEDICO MI DICE DI OPERARE IO NON SONO PROPRIO CONVINTO LE COSA MI SUGERISCE
    GRAZIE

  7. Alessandro

    Buongiorno dottore
    da due giorni mi é uscita una emorroide esterna della dimensione di una nocciolina. La sto curando con Preparazione H e Daflon. E’ la prima volta che ne soffro, ho 57 anni e svolgo una attivitá piuttosto sendentaria. Vado spesso in bicicletta, la mia passione. Devo evitarla in questo periodo? Quanto puó durare prima che si riassorba il gonfiore?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Sì, potrebbe essere utile evitare la bici per qualche giorno.
      2. Dipende dalla severità del disturbo, se non passasse entro 5-6 giorni (o almeno se non migliorasse significativamente) ne parli anche con il medico per verificare.

  8. Michele.

    Sono stato operato alle emorroidi primo grado da un mese col medoto longo ogni tanto mi sanguina un po perche?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Entro certi limiti piccoli fastidi possono essere ancora normali nel primo periodo, ma raccomando di verificare con il chirurgo.

  9. Luigi

    Sono operato di emorroide merito longo un periodo di 40 giorni posso portare pesi e cosa può succedere?

    1. Salvatore

      Sono operato da 40 giorni alle emorroide posso bere acqua minerale essenziale

    2. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Rispondo a Luigi: deve seguire le indicazioni che le ha dato il chirurgo, non penso si siano problemi per il sollevamento di pesi non eccessivi comunque.
      Rispondo a Salvatore: si, la può bere, segua comunque le indicazioni chirurgiche che le hanno fornito.

  10. Alessandro

    Salve dottore oggi mi è capitato che andando in bagno, dopo aver defecato ho riscontrato di aver avuto una fuoriuscita di un bel po’ di sangue rosso vivo e non solo sulla cara igienica…una leggerissima sensazione di pizzicore all’uscita delle feci l’ho avvertita ma non mi aspettavo un flusso di sangue, tuttalpiù un po’ di rosso su carta ed invece no. Mi sono apprestato a contattare il mio medico spiegandogli l’accaduto, mi ha detto di non preoccuparmi e di passare domani allo studio…sarà grave???

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Buongiorno, potrebbe trattarsi di emorroidi o di una ragade anale, verifichi con il suo medico. saluti

  11. Lily

    Buonasera Dottore,
    Da ormai una settimana ho una piccola emorroide esterna (ogni tanto si sgonfia altre volte si rigonfia) era almeno un anno che non mi capitava.
    Utilizzo proctosoll, purtroppo ornatamente alcuni cibi vietati li ho mangiati.
    Ora sono preoccupata, non so cosa fare, seguo la dieta qualche giorno e metto la crema e valuto cosa succede ?

    Grazie di cuore
    Lily

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, si può provare e vedere come va, se non ha benefici va rivalutata la situazione per capire di che stadio si tratti precisamente e quindi la relativa terapia.

  12. salvatore

    Salve dottore soffro di stitichezza, mi e uscita un emorroide e mi da fastidio cosa devo fare

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Il primo passo è sicuramente curare la stitichezza, con frutta, verdura e abbondante acqua. Indispensabile esercizio fisico.

      Per l’attuale emorroide raccomando di fare il punto con il medico.

  13. Simona

    Buona sera. Soffro di emorroidi da 3 anni e mi vergogno ad andare da uno specialista. Non ho capito se si tratta di emorroidi interni oppure esterni, ma dato l’escresenza che ho penso che siano esterni. Mi capita spesso di provare dolore, e stasera ho perso una quantità di sangue che non ho mai perso fino ad ora. Non faccio altro che documentarmi su internet, e ho tanta paura del cancro al colon

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, purtroppo non c’è molto da dirle se non consigliarle una visita specialistica, per quanto descrive sembrerebbero appunto emorroidi, ma se le tralascia non può far altro che peggiorare, specie se sono già esterne, e probabilmente è a questo che è dovuta la recente emorragia. Mi raccomanda, senta un proctologo, sono medici specialisti e vedono tutti i giorni queste situazioni.

  14. daniella crippa

    salve.in seguito a continue macchioline di sangue sulla carta igienica dopo essere andata in bagno sono andata dal chirurgo e mi ha detto che ho prolasso emorroidale di terzo grado e serve solo l’operazione.preciso che non ho nessun altro disturbo.
    e’ proprio necessario l intervento?
    non ci sono altri metodi?
    grazie per la gentile risposta,

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Purtroppo temo che sia così, per scrupolo può provare a sentire un secondo parere prima di procedere (è necessaria la visita per valutare).

  15. Vittorio

    ho da qualche settimana una emorroide interna che mi scende durante la evacuazione ed e’ molto dolorosa ma rientra subito dopo aver terminato. ho mangiato per un periodo abbastanza lungo cibi piccanti e ricchi di spezie (tipo cinese ed indiano). ho sanguinato dal retto solo alcune volte e breve durata. attualmente ho parlato con un chirurgo e mi ha prescritto daflon 500mg 2 cp x 3 per 2 sett 1 cp x 3 per 2 sett e 1cp x 2 per 2 sett e proctolyn pomata rettale. ho leggeri miglioramenti ma non completi. Chiedo gentilmente se posso assumere anche brufen o altri anti infiammatori e se mi consigliate una pomata piu’ efficace del proctolyn. vorrei sapere se il caffe’ del cappuccino e’ da eliminare. grazie e scusate il disturbo

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Buonasera, gli antiinfiammatori non sono particolarmente indicati e le pomate e creme locali hanno più o meno tutte la stessa efficacia. E’ importante evitare tutti quei cibi che possono dare fastidio, alcool , caffè e cercare di andare in bagno tutti i giorni e mantenere le feci morbide ( assuma almeno 2 litri di acqua e cibi ricchi di fibre). saluti

Lascia una risposta

IMPORTANTE: In nessun caso la figura del farmacista può sostituire quella del medico, unico professionista con le competenze e la possibilità legale di formulare diagnosi e prescrivere farmaci. Le considerazioni espresse hanno quindi come unica finalità quella di agevolare in ogni modo il rapporto medico-paziente, mai ed in nessun caso devono prenderne il posto.

Gli interventi inviati potrebbero richiedere fino a 15 minuti per essere visibili sul sito.

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.