Secchezza vaginale ed intima: cause, sintomi e rimedi

Ultimo Aggiornamento: 1870 giorni

Link sponsorizzati

Introduzione

La secchezza vaginale è un problema frequente nel periodo pre e post menopausa, anche se una lubrificazione vaginale insufficiente può presentarsi a qualsiasi età. La secchezza vaginale può essere sintomo di atrofia vaginale (vaginite atrofica), ovvero dell’ispessimento e dell’infiammazione della mucosa vaginale dovuti a un calo degli estrogeni. Insieme alla secchezza vaginale si può soffrire di prurito e bruciore intorno all’apertura e nella parte inferiore della vagina.

La secchezza vaginale può rendere difficoltosi i rapporti. La maggior parte del lubrificante è un fluido trasparente che fuoriesce dalle pareti dei vasi sanguigni che circondano la vagina, quando si è eccitati c’è un maggior afflusso di sangue verso gli organi genitali e quindi la secrezione vaginale aumenta. Tuttavia i cambiamenti ormonali dovuti alla menopausa, alla gravidanza e all’allattamento possono alterare questo processo.

Cause

Le pareti vaginali sono rivestite da uno strato sottile di secrezione trasparente, la maggior parte di questo lubrificante naturale è prodotta dalle pareti dei vasi sanguigni che circondano la vagina. I cambiamenti ormonali dovuti al ciclo mestruale e all’invecchiamento influiscono sulla quantità e sulla consistenza di questo fluido. La secchezza vaginale può avere molte cause diverse, tra cui ricordiamo:

Diminuzione dei livelli di estrogeni

La diminuzione dei livelli di estrogeni è la causa principale della secchezza vaginale. Gli estrogeni, gli ormoni femminili, contribuiscono a mantenere in salute il tessuto vaginale, perché mantengono la lubrificazione, l’elasticità dei tessuti e l’acidità, fondamentali fattori di difesa naturale contro le infezioni vaginali e delle vie urinarie. Quando i livelli di estrogeni calano, diminuiscono anche le difese naturali e le pareti vaginali si assottigliano, diventano meno elastiche e più fragili.

I livelli di estrogeni possono diminuire per molte ragioni diverse:

  • Menopausa o perimenopausa,
  • Gravidanza,
  • Allattamento,
  • Effetti collaterali della terapia antitumorale (radioterapia, terapia ormonale e chemioterapia),
  • Intervento chirurgico di rimozione delle ovaie,
  • Disturbi immunitari,
  • Fumo di sigaretta.

Farmaci

I farmaci antiallergici e antinfluenzali, come pure alcuni antidepressivi, possono far diminuire l’idratazione di diverse parti dell’organismo, compresa la vagina. Anche gli antiestrogeni, ad esempio quelli usati per curare il tumore al seno, possono provocare la secchezza vaginale.

Sindrome di Sjörgen

In questa malattia autoimmune, il sistema immunitario attacca i tessuti sani. La sindrome di Sjörgen causa secchezza oculare e della bocca, ma anche secchezza vaginale.

Lavande vaginali

Se si irriga l’interno della vagina con una preparazione liquida (lavanda), l’equilibrio chimico della zona risulta compromesso e può verificarsi un’infiammazione (vaginite). La vagina può diventare secca o irritata.

Sintomi

La secchezza vaginale può essere accompagnata da sintomi come:

  • prurito,
  • bruciore,
  • dolore,
  • dolore o lieve sanguinamento durante i rapporti,
  • stimolo frequente o urgenza di urinare.

Quando chiamare il medico

La secchezza vaginale è un problema per molte donne, che però non ne parlano volentieri con il proprio medico.

Se la secchezza vaginale ha ricadute negative sulla vostra vita, in particolare sulla vita sessuale e sulle relazioni con il vostro partner, vi consigliamo di parlarne con il medico o con il ginecologo. Anche se non siete più giovanissime, non siete costrette a convivere con il disagio dovuto alla secchezza vaginale.

Diagnosi

Per giungere alla diagnosi di secchezza vaginale di solito sono necessari:

  • Visita ginecologica. Il ginecologo procede all’analisi visiva dei genitali esterni, della vagina e del collo dell’utero e inserisce in vagina due dita coperte da un guanto per palpare gli organi e andare alla ricerca di eventuali sintomi di malattie.
  • Pap test. Il ginecologo raccoglie un campione di cellule del collo dell’utero da esaminare al microscopio. Contestualmente può anche raccogliere un campione di secrezioni vaginali per controllare se ci sono sintomi di un’infezione vaginale (vaginite) o per confermare un cambiamento legato a carenza di estrogeni.
  • Esame delle urine. Serve per diagnosticare eventuali problemi delle vie urinarie, se soffrite di sintomi urinari associati alla secchezza vaginale.

Cura e terapia

Estrogeni vaginali

In generale, è più semplice curare la secchezza vaginale usando gli estrogeni per uso topico (vaginale) anziché quelli per uso orale. Gli estrogeni applicati in vagina possono entrare in circolo più facilmente, ma in minime quantità. Gli estrogeni per uso vaginale, inoltre, non fanno diminuire il livello di testosterone (fondamentale per una corretta funzionalità sessuale) come invece avviene se si assumono estrogeni per via orale.

Gli estrogeni per uso vaginale sono in commercio in diverse forme:

  • Crema: viene applicata direttamente in vagina usando un applicatore, di solito di sera prima di andare a dormire. il medico vi indicherà la quantità e la frequenza di applicazione, di solito una volta al giorno nelle prime settimane e in seguito due o tre volte a settimana.
  • Anello. Un anello di plastica morbida e flessibile è inserito in profondità in vagina da voi stesse o dal vostro medico. L’anello rilascia una dose elevata di estrogeni e deve essere sostituito ogni tre mesi circa.
  • Tavolette. La tavoletta viene inserita in vagina usando un apposito applicatore usa e getta. Il medico vi dirà con quale frequenza usarle, ad esempio una volta al giorno nelle prime due settimane e poi due volte a settimana.

Se la secchezza vaginale è accompagnata da altri sintomi della menopausa, ad esempio da vampate di calore lievi o forti, il medico può consigliarvi la pillola, il cerotto o una crema a base di estrogeni, oppure un anello con un’alta dose di estrogeni combinati con un progestinico. Chiedete al vostro medico se la terapia ormonale può fare al caso vostro e quale tipo può essere più adatto.

Stile di vita e rimedi pratici

  • Usate un lubrificante o un prodotto idratante,
  • Per rimediare alla secchezza vaginale, provate a usare uno di questi prodotti disponibili in farmacia, ad esempio:
    • Lubrificanti. I lubrificanti a base acquosa lubrificano la vagina per diverse ore. Applicate il lubrificante all’ingresso della vagina oppure sul pene del partner prima del rapporto.
    • Prodotti idratanti. Questi prodotti imitano le secrezioni vaginali naturali e alleviano la secchezza fino a tre giorni con una sola applicazione. Usateli come protezione continua dalle irritazioni provocate dalla secchezza vaginale.

Imparate a conoscervi

La secchezza vaginale temporanea durante i rapporti può indicare che non siete abbastanza eccitate: prendetevi più tempo per godervi l’intimità con il partner e far sì che il vostro corpo si ecciti e ci sia una lubrificazione ottimale. Può essere utile dire al vostro partner che cosa preferite e che cosa vi fa sentire meglio; per una miglior lubrificazione può anche essere utile avere rapporti con frequenza maggiore del solito.

Prodotti da evitare

Probabilmente sarete tentate di provare qualsiasi cosa pur di alleviare il disagio, tuttavia vi consigliamo di non usare i prodotti seguenti per curare la secchezza vaginale, perché potrebbero irritare la vagina.

  • Aceto, yogurt o altri tipi di lavanda,
  • Creme per le mani,
  • Saponi,
  • Bagnoschiuma.

Traduzione ed integrazione a cura di Elisa Bruno


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. Maya

    buongiorno dottore, ho 53 anni e sono in menopausa, soffro di secchezza vaginale durante il rapporto e per alleviare questo fastidio uso dell’olio di mandorle dolci, questo mi aiuta molto però dopo mi viene sempre la cistite, premetto che i rapporti sessuali solo ogni 2 mesi con lo stesso uomo e quando non c’è le infezioni non le ho. Come posso fare per risolvere questo problema anche perché solo il pensiero di avere un rapporto mi diventa pesante. Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non garantisco che possa risolvere il problema, ma proverei con lubrificanti specifici ed applicati esternamente anche a livello dell’uretra.

  2. marina

    Io ho avuto l’asportazione dell’utero e mi hanno accorciato la vagina quindi oltre alla menopausa ho anche altri problemi di penetrante. Cosa posso fare ho 52 anni mio marito 53 spero che non sia grave.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma non posso che consigliare di segnalare la situazione al chirurgo per valutare con lui le possibili strategie.

  3. francesca

    Sono due giorni che dopo aver urinato ho un bruciore vaginale continuo a fare i lavaggi con sapone intimo ma vedendo che non mi passa ho iniziato ha mettere la crema vaginale secondo lei che sintomi e bruciore vaginale o potrebbe essere di nuovo la cistite?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Che crema sta applicando?
      Sente il bisogno urgente di urinare spesso?

  4. francesca

    Il nome della crema e ginocanestren al inizio sentivo il bisogno di urinare spesso

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Questa crema serve per curare la candida, che è problema diverso; sentirei il medico per chiarire bene la causa del fastidio e procedere quindi in modo più mirato.

  5. Rita

    Buongiorno dottore, marito accusa da tempo il fastidio di secchezza .. esistono lubrificanti anche per l’uomo?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi faccia capire meglio, lo avverte durante il rapporto o la pelle del pene è secca?

  6. morgana

    Sono quattro mesi che ho dei bruciori vaginali . Prima pensavo che erano le emorroidi infiammate e mi prendevanoun po tutto sono andata dal proctologo mi ha dato una cura ma niente dal ginecologo altra cura niente non so piu che crema usare ne ho provate tante niente . Non so cosa fare . Lo stress puo causare questi sintomi ? C mi consigli grazie.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, lo stress può incidere sicuramente.

      I due specialisti consultati che diagnosi hanno formulato?

  7. morgana

    Il proctologo mi ha detto che erano emorroidi di secondo grado non da operare. Mi ha dato una cura. Sto meglio ma i bruciorili ho ancora. La ginecologa ha detto solo che ero un po irritata miha dato delle lavande e dgli ovuli . Pero’ dopo mesi ancora adesso ho dei bruciori . Ci sara’ pure qualcuno un medico che mi risolva il problema … Sto diventando isterica.. Sempre questo logorio… In oltre non l ho detto prima ho male anche all osso sacro ho fatto lastre artrosi . Grazie.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Tornerei dal ginecologo per una rivalutazione, anche se le confermo che lo stress incide moltissimo.

  8. uomo

    quanto ho raporto con mia moglia mi facio male quando lo mete dentro che gel potrei usare

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Un qualsiasi che trova in farmacia, uno dei più usati è quello della Durex (compatibile con il preservativo, se necessario).

  9. Anna carrera

    Buon giorno vorrei un consiglio.sto usando gyino canesten ma leggendo i commenti penso che non sia adatta al.mio problema o 53 anni sono in menopausa da cinque anni e non avuto mai problemi del genere adesso mi ritrovo con secchezza vaginale non sapendo.cosa usare o fatto di testa mia pero vorrei sapere se devo staccare crema gyno. Canesten.cosa posso usare so benissimo che ci vuole una visita ma per il momento non posso mi da un consiglio o anche emorroide ma non molto grave puo essere associata a questo problema grazie per la risposta

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Un lubrificante/idratante che potranno consigliarle in farmacia.

  10. Donna

    É da qualche giorno che mi é venuto un forte prurito…dopo qualche giono accuso di una secchezza fortissima che mi provoca prurito ma nn come i primi giorni…ho cominciato ad usare un sapone con ph5 ..ma nn vedo risultati…che consiglio puo darmi?comunque ho 26 anni

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Visita ginecologica o dermatologica, potrebbe essere un’infezione e serve una diagnosi esatta.

  11. giovanna

    buona sera dottore usando replens gel vaginale é normale avere delle perdite chiare che però diventano giallastre a volte quasi verdine quando si seccano sugli slip ? Ho smesso per un pò dì tempo il gel ed erano sparite ora da ieri ho riprovato e sono ricomparse perciò la causa è quella volevo solo sapere se é un effetto collaterale grazie

  12. Antonia

    Buongiorno! È da un po di tempo che quando provo ad avere rapporto con il mio partner, soffro di bruciore e dolore intensi tanto da impedirne tale.
    Premetto che ho 20 anni.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Visita ginecologica.

      Le cause possono essere diverse e, a meno che non vengano trascurate, in genere non preoccupanti.

  13. Francesca.

    Io ho secchezza vaginale,sto facendo dei bidé senza niente. Tra 3 giorni mi arriva il ciclo,secondo lei cosa devo fare? Non voglio andare né dal medico né dal ginecologo. In casa ho la polvere “daktarin dermatologico”. Cosa mi consiglia?
    Qualcuno può aiutarmi?

  14. Francesca.

    Tre quattro giorni. Perdite bianche,come tutti i giorni d’altronde, prurito. 16 anni.
    Non voglio andare dal medico,né ginecologo.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Se passando il ciclo non dovessero passare i sintomi sarà indispensabile una visita medica, in caso contrario non sarà possibile capire la causa e quindi trovare la cura più appropriata.

  15. Francesca.

    Ma lei essendo farmacista non mi può consigliare un detergente intimo o altro da usare?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Quando c’è un problema è innanzi tutto necessario capire quale sia la causa.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Se le mani non sono pulite possono essere veicolo di infezione.

  16. Antonella

    Salve Dottore,
    Io soffro da un po’ di tempo di prurito e fastidio intimo. Ho fatto un tampone e il risultato è stato candida albicans. Per curarla il mio ginecologo ha prescritto sia a me che a mio marito il Trimikos. Ieri mi sarebbe dovuto venire il ciclo, ma ancora nulla. La cistite può provocare un ritardo? E poi volevo chiederle quale detergente intimo mi consiglia di usare per questo problema che ho tanto spesso e per la secchezza intima. Infine, posso usare durante i rapporti una crema lubrificante? O questa mi impedisce di restare incinta.
    La ringrazio anticipatamente.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. La sua non è cistite, ma infezione vaginale; potrebbe in alcuni casi provocare leggeri ritardi.
      2. Humanelle, Saugella, GynoCanesten detergente, … ne esistono moltissimi di validi, si fidi del suo farmacista.
      3. Usi preferibilmente Conceive Plus, un lubrificante specifico per favorire la corsa degli spermatozoi.

  17. Vanessa

    Ho iniziato a prendere la pillola anticoncezionale Estinette da un mese e mezzo. Dall’inizio del secondo mese ho notato una secchezza vaginale che non ho mai avuto nel corso della mia vita sia durante i rapporti che nell’autoerotismo.. ovviamente la cosa mi causa disagio perché provo dolore durante il rapporto ed anche il mio partener. A parte i lubrificanti locali, che sono una soluzione a breve termine, esiste un rimedio che risolva questo problema definitivamente? O devo smettere per forza di prendere la pillola?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Il ginecologo può provare a suggerire una pillola diversa.

  18. piccola17

    Salve dottore.. Questa mattina ho avuto un rapporto profondo con mio marito ma durante il rapporto ho avvertito dolore cosa mai successa. Come se mi avesse urtato l’utero! Durante il rapporto e’ passato ma finito il rapporto ha iniziato a farmi male la pancia nella zona pelvica sull’utero e ancora adesso sento dei pizzicotti proprio li dentro l’utero! Nn e’ che e’ successo qualcosa? Nn ho avuto perdite di nessun tipo! Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Magari è stato toccato con eccessiva veemenza il collo dell’utero, ma in linea di massima non succede nulla.

  19. Pina

    Ho subito un’isterectomia parziale ad ottobre,a causa di un carcinoma in situ provocato da papilloma virus, e per la seconda volta provo fastidio intimo dopo un rapporto !Ho usato un detergente allo yogurt,questa potrebbe essere la causa?Grazie dott

  20. Javier

    Buona sera dottore non ho capito bene e non so se c’entra niente comunque vorrei sapere se la secchezza vaginale centri qualcosa con il mio problema.
    Quando ho un rapporto con la mia compagna la sua vagina è molto secca diciamo poco lubrificata ed il mio pene fatica ad entrare.
    Questo episodio si sta verificando molto spesso ultimamente mentre prima era diverso, il nostro rapporto durava molto di più mentre adesso ho lo stimolo di venire subito ed infatti è proprio questo che mi succede non so cosa devo fare mi dia consiglio Perfavore
    Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Un lubrificante vaginale può aiutare entrambi i problemi.

  21. pandora

    Gent.mo Dottore non ho rapporti sessuali da diversi anni ho 54 anni e sono in menopausa ora ho riscoperto l amore ma credo di non essere piu in grado di avere rapporti perche ho una secchezza vaginale direi imbarazzante mi puo dare un consiglio

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Acquisti con fiducia un lubrificante vaginale (ce ne sono anche specifici per la menopausa) ed andrà tutto benissimo (consideri che in fase di eccitazione ci sarà comunque una produzione fisiologica di lubrificante.

  22. caterina

    Buona pomeiggio, io ho 27 anni, 2 figlie e soffro di secchezza e calo del desiderio!

    Ho da qualche mese una nuova relazione e quindi il desiderio dovrebbe essere al massimo invece soffro di questi problemi lo stesso!
    Lo stress potrebbe essere una causa?
    Ho fatto, 2/3mesi fa una visita cinecologica e un pap test e la ginecologa mi ha trovato una candida portata da basse difese immunitarie!
    Cosa posso fare per la secchezza?
    (Neache in fase di “eccitamento” migliora!!)
    Grazir mille

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Sì, lo stress può incidere, ma segnali comunque il sintomo al medico per le analisi del caso.
      2. Può ricorrere all’uso di lubrificanti, ma segnali anche questo aspetto al ginecologo.

  23. Antonio

    Dottore sono fidanzato da 2 anni e non ho mai tradito la mia donna, da quando ci siamo messi insieme abbiamo sempre avuto problemi con il sesso anche perché alla mia ragazza non si lubrificava la vagina quando avevamo dei rapporti sessuali….purtroppo lei non si è mai voluta controllare avendo problemi di disagio a parlare con un medico di qst problema.. in 2 anni lo abbiamo fatto comunque è or se una settimana k mi si è infiammato il prepuzio e il mio medico mi ha detto che ho la candida… una domanda ma per caso non è che la mia ragazza ha sempre avuto la candida dandogli qst problema di idratazione e irritazione (dolore) e nella distanza di 2 anni i sintomi sono apparsi anche a me???

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non è escluso e sarebbe davvero indispensabile una visita ginecologica per verificare.

Lascia una risposta

IMPORTANTE: In nessun caso la figura del farmacista può sostituire quella del medico, unico professionista con le competenze e la possibilità legale di formulare diagnosi e prescrivere farmaci. Le considerazioni espresse hanno quindi come unica finalità quella di agevolare in ogni modo il rapporto medico-paziente, mai ed in nessun caso devono prenderne il posto.

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.