Pillola anticoncezionale: quello che serve sapere

Ultimo Aggiornamento: 1045 giorni

Link sponsorizzati

Introduzione

La pillola anticoncezionale (o pillola contraccettiva o, più semplicemente, la pillola) è usata da milioni di donne in tutto il mondo per evitare gravidanze indesiderate. Per la maggior parte di loro la pillola rappresenta un anticoncezionale sicuro e molto efficace.

La pillola ha anche altri vantaggi per la salute, al di là della funzione contraccettiva:

  • contribuisce a mantenere il ciclo mestruale regolare,
  • meno intenso e più breve,
  • e fa diminuire i dolori.

A volte viene utilizzata nella cura di alcuni disturbi che causano forti sanguinamenti e dolori mestruali, come ad esempio i fibromi e l’endometriosi o di altri disturbi causati da squilibri ormonali. Alcuni tipi di pillole aiutano persino a combattere l’acne.

Le pillole combinate possono anche diminuire il rischio di contrarre il tumore all’utero e alle ovaie e migliorare la densità delle ossa durante la perimenopausa.

Funzionamento

La pillola contiene ormoni che impediscono l’ovulazione, e cioè il rilascio dell’ovulo da parte delle ovaie. Gli ormoni inducono altri cambiamenti nell’organismo, che aiutano a impedire la gravidanza:

  • il muco cervicale diventa più spesso, il che rende più difficile allo sperma l’ingresso nell’utero;
  • le pareti dell’utero si assottigliano, e questo rende meno probabile l’impianto di un eventuale ovulo fecondato.

Queste azioni, combinate, diminuiscono le probabilità di rimanere incinte.

Efficacia

La pillola è un contraccettivo molto efficace, tuttavia circa l’8% delle donne che la usano regolarmente rimane incinta nel primo anno di assunzione; la percentuale scende all’1% quando viene assunta rispettando rigorosamente la prescrizione: per essere efficace, infatti, la pillola deve essere assunta tutti i giorni alla stessa ora.

La percentuale inaspettatamente alta di gravidanze nell’uso standard dipende dal fatto che a volte ci si dimentica di prenderla, oppure non viene assorbita dall’organismo per esempio perché il soggetto ha vomitato dopo averla ingerita.

E’ bene sottolineare che la pillola non protegge dalle malattie trasmissibili sessualmente come l’AIDS: per scongiurare i rischi legati a queste malattie è opportuno usare il preservativo.

Tipi di pillole

Qualsiasi tipo di pillola deve essere prescritta da un medico, ma ne esistono due tipi diversi di pillole:

  • pillola combinata, che contiene un estrogeno e un progestinico (praticamente tutte le pillole in commercio, come Arianna, Fedra, Estinette, Yasmin, Yasminelle, Yaz, …)
  • pillole esclusivamente a base di progestinico (esempio Cerazette).

Pillola combinata

La maggior parte delle pillole è combinata, ed in commercio esistono molte marche che differiscono tra loro per il dosaggio e il tipo di estrogeno e di progestinico che contengono. Se una certa pillola procura effetti collaterali si può provare a cambiare marca.

Le pillole in continuo sono un altro tipo di pillola combinata, e sono note anche come pillole a ciclo esteso. Queste pillole riducono il numero di cicli mestruali, o li eliminano completamente. Alcune donne decidono di assumere questa pillola perché vogliono avere meno cicli, o non averne per nulla. In altri casi le pillole a ciclo esteso possono essere un valido supporto nel caso di mestruazioni dolorose o troppo abbondanti.

Come si prende la pillola

Ci sono diverse possibilità per cominciare il trattamento con la pillola combinata, si può iniziare a prenderla il primo giorno del ciclo, oppure durante un giorno a piacere durante le mestruazioni. Se si usa questo metodo, è necessario usare anche un altro sistema contraccettivo durante i primi sette giorni del primo ciclo.

Personalmente consiglio tuttavia di usare un contraccettivo di barriera (preservativo) per tutto il primo mese di assunzione, in questo modo in caso di dimenticanze dovute alla non abitudine, oppure in caso si desiderasse o si dovesse interrompere a metà blister l’assunzione per effetti collaterali gravi, non ci sarebbe il rischio di gravidanze dovute a rapporti nei giorni precedenti.

Qualunque sia il metodo scelto per iniziare, ogni nuova confezione deve essere iniziata lo stesso giorno della settimana in cui si è cominciato il primo blister. Si consiglia di avere sempre a disposizione una confezione di pillole in più e un altro metodo contraccettivo a portata di mano, come ad esempio una scatola di preservativi, nel caso ci si dimentichi di prendere qualche pillola o si perda la confezione che si sta usando.

Le modalità di assunzione dipendono dal tipo di pillola combinata:

  • Pillola a 21 giorni (esempio Yasmin o Yasminelle). Prendere una pillola alla stessa ora tutti i giorni per 21 giorni. Attendere 7 giorni prima di cominciare una nuova confezione. In questa settimana si avrà il flusso mestruale (meglio sarebbe parlare in questo caso di emorragia da sospensione).
  • Pillola a 28 giorni (esempio Yaz). Prendere una pillola alla stessa ora tutti i giorni per 28 giorni. Le prime 21 pillole contengono ormoni. A seconda del tipo di pillola, le altre 7 possono contenere combinazioni diverse di pillole con ormoni e pillole senza ormoni. Ad esempio, una marca può avere quattro pillole con ormoni e tre senza, un’altra tutte e sette le pillole senza ormoni. Nei giorni in cui si assumono le pillole prive di ormoni si avrà il flusso.

Ricordiamo infine il piano di assunzione di pillole particolari (pillole in continuo) che, personalmente, ritengo non siano disponibili in Italia:

  • Pillola a 3 mesi. Prendere una pillola alla stessa ora per 84 giorni. A seconda della marca, le ultime 7 pillole possono essere prive di ormoni o contenere estrogeno. In entrambi i casi in questi giorni, ogni tre mesi, si avrà il ciclo.
  • Pillola a un anno. Prendere una pillola alla stessa ora tutti i giorni per un anno. Con il tempo, il flusso di sangue diminuirà e in alcuni casi scomparirà del tutto.

Quando si inizia a prendere la pillola, ci sono alte probabilità di spotting (perdite di sangue), anche abbondante, nel corso dei primi mesi. Si tratta di un effetto collaterale del tutto normale e temporaneo, legato all’adattamento da parte dell’organismo ai nuovi livelli di ormone. Con le pillole in continuo questi effetti potrebbero durare anche più di qualche mese.

La pillola deve essere assunta nel modo corretto per essere efficace. È importante non saltare mai neanche un giorno, anche se si dovessero verificare perdite di sangue tra un ciclo e l’altro o nel caso di malessere.

Errori di assunzione

È importante sapere che cosa fare se si salta un giorno. La procedura è diversa a seconda del tipo di pillola e occorre leggere con attenzione le indicazioni riportate sul foglietto illustrativo e magari chiedere consiglio al proprio ginecologo.

Con certi tipi di pillole, e a seconda della durata dell’interruzione, può essere necessario ricorrere a un altro sistema contraccettivo oppure prendere in considerazione la contraccezione d’emergenza (pillola del giorno dopo o la pillola dei 5 giorni dopo).

Vomito e Dissenteria

La pillola perde efficacia se non è assorbita dall’organismo, per esempio in caso di episodi di vomito o di diarrea è opportuno usare metodi contraccettivi alternativi in attesa di consultarsi con il proprio medico, anche se di norma si consiglia di assumere una seconda pillola nel caso in cui l’episodio sia avvenuto entro 4 ore dall’assunzione della compressa.

Interazioni con altri farmaci

Alcuni farmaci potrebbero compromettere l’efficacia della pillola: alcuni antibiotici, certi anticonvulsivanti e qualche altro farmaco usato per combattere il virus dell’immunodeficienza umana (AIDS).

Inoltre, le pillole contraccettive possono a loro volta interagire con gli altri farmaci: per questo motivo i medici si informano sui farmaci che la paziente assume e sulle terapie in corso prima di prescrivere la pillola. Se si assumono determinati farmaci, può essere necessario ricorrere a sistemi contraccettivi alternativi, da usare in aggiunta o in alternativa alla pillola.

Rischi

A volte le donne temono di ingrassare se prendono la pillola, ma non è mai stato provato un legame tra l’assunzione della pillola e l’aumento di peso; è comunque esperienza comune che, in modo talvolta poco prevedibile, un po’ di ritenzione idrica possa verificarsi.

La pillola combinata aumenta invece il rischio di soffrire di alcuni disturbi. Alcuni di essi possono essere anche gravi:

Nella maggior parte dei casi il rischio di complicazioni serie legate all’uso della pillola è minimo, ma alcune donne farebbero meglio a evitare di assumere la pillola combinata perché corrono rischi maggiori: ad esempio, le fumatrici con più di 35 anni o le donne esposte a diversi fattori di rischio per le malattie cardiovascolari non dovrebbero mai ricorrere a terapie ormonali combinate. Nell’elenco di seguito sono elencati i casi in cui è opportuno valutare con attenzione, insieme al proprio medico, se è opportuno iniziare a prendere la pillola.

  • Pressione alta,
  • Disturbi cardiaci,
  • Episodi precedenti di trombosi venosa,
  • Compresenza di diversi fattori di rischio per il cuore:
    • età avanzata,
    • fumo,
    • diabete,
    • pressione alta,
  • Cancro al seno,
  • Emicranie con aura; emicranie senza aura in donne con più di 35 anni,
  • Lupus eritematoso sistemico positivo o con positività incerta/sconosciuta agli anticorpi anti-fosfolipidi,
  • Diabete con complicazioni,
  • Tumore al fegato,
  • Cirrosi acuta,
  • Un complesso trapianto d’organo.

Minipillola (Cerazette®, la pillola da allattamento)

Esiste anche un altro tipo di pillola contraccettiva che contiene solo progestinico, indicata per le donne con problemi di salute (come trombosi agli arti inferiori) che impediscono loro di assumere pillole a base di estrogeno. La pillola con solo progestinico può inoltre essere usata subito dopo il parto, già durante l’allattamento.

Come assumerla

La pillola di sola progestinico viene venduta in confezioni con 28 pillole, e tutte contengono l’ormone. Assumere una pillola tutti i giorni alla stessa ora per 28 giorni.

La minipillola, per essere efficace, deve essere assunta tutti i giorni alla stessa ora; per questo motivo può non essere adatta a chi ha difficoltà a rispettare i tempi. Se capita di vomitare od avere episodi di dissenteria grave entro le 4 ore dopo averla ingerita, è necessario prendere una seconda pillola il più presto possibile ed affidarsi eventualmente ad un metodo di contraccezione alternativo secondo quanto indicato dal foglietto illustrativo della pillola in uso.

Benefici

La pillola con solo progestinico presenta anche altri vantaggi per la salute, al di là delle sue proprietà contraccettive: ad esempio le donne che la assumono hanno cicli mestruali meno abbondanti e alcune smettono completamente di avere spotting. Questo può essere un bene per le donne che hanno flussi troppo abbondanti o che soffrono di dolori mestruali.

Rischi

Con la minipillola si corrono meno rischi di complicazioni gravi, ma tuttavia non è indicata per donne che soffrono di lupus o di cancro al fegato. Anche le donne affette da tumore al seno dovrebbero evitare questo tipo di pillola.

Effetti collaterali

La maggior parte degli effetti collaterali è di poco conto e sparisce nel giro di pochi mesi. Essi risultano inoltre attenuati se si assume la pillola alla stessa ora tutti giorni. Ecco i principali:

  • Emicrania,
  • Dolore al seno,
  • Nausea,
  • Flusso irregolare,
  • Cicli irregolari,
  • Aumento di peso,
  • Irsutismo (crescita di peli),
  • Acne.

Può capitare che una donna che prende la pillola progestinica non perda sangue durante il ciclo. Se questo succede e si è sempre assunta la pillola regolarmente, allora bisogna continuare; se invece si è saltato qualche giorno e il ciclo non arriva, occorre consultare il proprio medico.

Non bisogna però smettere di prendere la pillola, la gravidanza è un’eventualità piuttosto remota e continuare a prendere questa pillola pur essendo incinte non fa aumentare il rischio di problemi per il bambino.

Traduzione a cura di Elisa Bruno


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. Anonimo

    Buonasera,volevo chiederle se avendo assunto l’oki due ore dopo l’assunzione della pillola,sono a rischio contraccettivo. Grazie

    1. Anonimo

      Salve.. Volevo chiederle una cosa.. Io questo la prossima settimana inizierei i 7 giorni di pausa di pillola (lybella) e ho deciso di smettere di prendere la pillola passando comunque a un altro metodo concezionale ovvero il preservativo.. Questo mese inoltre ho avuto rapporti completi.. Rischio qualcosa secondo lei?

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      No, a patto di non avere più rapporti non protetti già nei 7 giorni di pausa.

  2. Anita

    Salve Dottore , assumendo Effiprev posso prendere Daflon 500 o può comprometterne l’efficienza contraccettiva?

  3. Anonimo

    Salve.. Volevo chiederle una cosa.. Io questo la prossima settimana inizierei i 7 giorni di pausa di pillola (lybella) e ho deciso di smettere di prendere la pillola passando comunque a un altro metodo concezionale ovvero il preservativo.. Questo mese inoltre ho avuto rapporti completi.. Rischio qualcosa secondo lei?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      No, a patto di non avere più rapporti non protetti già nei 7 giorni di pausa.

    2. Lidia

      Perché è già due mesi che m vengono perdite ma m mancano ancora 5 pillole prima della settimana d ciclo….

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non è detto che sia necessario; lo segnali alla ginecologa, deciderà se cambiare, verificare o aspettare ancora un mese.

Lascia un Commento

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.