Mestruazioni e ciclo mestruale, tra sintomi e gravidanza

Ultimo Aggiornamento: 20 giorni

Cos’è la mestruazione?

Le mestruazioni è un sanguinamento che si verifica più o regolarmente nella maggior parte delle donne in età fertile; il sangue proviene dall’utero in seguito allo sfaldamento dello strato superficiale dell’endometrio, il tessuto che lo ricopre.

Una donna può avere nella propria vita fino a 480 mestruazioni o più, tra il menarca (prima mestruazione) e la menopausa.

Per convenzione il primo giorno di mestruazione rappresenta anche l’inizio del ciclo mestruale (giorno uno).

Sintomi della mestruazione

Prima, durante e dopo le mestruazioni, le donne possono provare sensazioni estremamente varie. Tra i sintomi più comuni troviamo:

Per fortuna è possibile provare anche sensazioni positive, come ad esempio:

  • sollievo,
  • senso di libertà,
  • euforia,
  • sensazione di nuovo inizio,
  • rinvigorimento,
  • sensazione di connessione con la natura,
  • energia creativa,
  • aumento del desiderio e orgasmi più intensi.

I crampi uterini sono uno dei dolori più frequenti che le donne sperimentano durante le mestruazioni. I crampi possono essere di due tipi:

  1. gli spasmi probabilmente sono causati dalle prostaglandine, le sostanze chimiche che regolano la tensione muscolare. Alcune prostaglandine facilitano il rilassamento, mentre altre causano la costrizione. Una dieta ricca di acido linoleico e linolenico, che si trovano nelle verdure e nel pesce, fa aumentare quelle prostaglandine che aiutano a rilassare i muscoli.
  2. I crampi congestivi provocano la ritenzione dei liquidi e dei sali minerali. Per prevenirli evitate i prodotti a base di farina e di latte, l’alcool, la caffeina e lo zucchero.

False mestruazioni

A volte di parla di false mestruazioni nel caso di perdite che si verificano, al posto del normale flusso mestruale, in una donna incinta.

Nella donna incinta la produzione di beta HCG e di progesterone impedisce la comparsa della mestruazione, ma possono effettivamente verificarsi sanguinamenti negli stessi giorni in cui si attendeva la mestruazione.

Non è chiaro il motivo per cui questo succeda, probabilmente ci sono alla base ragioni ormonali, ma è tutto sommato abbastanza frequente.

L’evento va comunque sempre segnalato al ginecologo, perchè in alcuni casi potrebbe essere l’inizio di aborto.

Come si riconoscono le false mestruazioni?

Sono in genere piuttosto scarse, solo raramente abbondanti, spesso con andamento irregolare (anzichè prevedibile come nel caso di una normale mestruazione); in caso di dubbi è possibile procedere a un test di gravidanza, che risulterà positivo se la donna fosse incinta (anche se fatto durante le perdite), o negativo in caso contrario (anche se fatto durante la mestruazione).

Talvolta possono essere perdite da impianto (vedere paragrafo successivo).

Perdite da impianto

Le perdite da impianto in genere è l’emissione di una ridotta quantità di sangue che si verifica indicativamente da 10 a 14 giorni dopo il concepimento; si verifica probabilmente nel momento in cui l’ovulo trova il suo posto nell’utero (cioè si impianta) e può verificarsi proprio nei giorni in cui si attendeva il ciclo mestruale; possono essere talvolta la spiegazione delle cosiddette false mestruazioni, ma si tratta pur sempre di piccole perdite.

Cos’è il ciclo mestruale?

Il ciclo mestruale è il periodo compreso tra l’inizio di una mestruazione e quella successiva; la successione delle diverse fasi è finemente regolata a livello ormonale e l’obiettivo è quello di preparare l’organismo ad accogliere un’eventuale gravidanza.

Nella prima metà del ciclo (fase follicolare) i livelli di estrogeno (un ormone femminile) iniziano a salire e questo stimola la produzione di tessuto sulle pareti dell’utero, che si prepara ad accogliere l’embrione in caso di fecondazione. Contemporaneamente uno o più ovuli nelle ovaie iniziano a maturare.

Più o meno al quattordicesimo giorno (su un ciclo di 28 giorni) l’ovulo viene liberato dal suo follicolo protettivo e lascia l’ovaio (ovulazione).

A questo punto l’ovulo si mette in viaggio attraverso le tube di Falloppio, verso l’utero, con la speranza di incontrare uno spermatozoo in grado di fecondarlo. Se questo avviene l’ovulo fecondato raggiungerà l’utero, dove si impianterà dando inizio alla gravidanza, diversamente l’organismo femminile darà il via alla mestruazione circa 14 giorni dopo, per poi ricominciare immediatamente un nuovo ciclo. Pochi giorni prima della mestruazione i livelli ormonali diminuiranno improvvisamente e il rivestimento ispessito dell’utero verrà eliminato con il flusso mestruale.

Quanto dura il ciclo mestruale?

Il ciclo mestruale dura mediamente 28 giorni, ma la durata di un ciclo normale può variare da 21 a 35 giorni negli adulti e da 21 a 45 giorni durante l’adolescenza.

L’ascesa e la caduta dei livelli di ormoni durante il mese controllano il ciclo mestruale.

La lunghezza del ciclo mestruale (il numero di giorni che intercorrono tra il primo giorno della mestruazione e il primo giorno della mestruazione successiva) è determinato dal numero di giorni che l’ovaio impiega per rilasciare un ovulo. Una volta che l’ovulo è stato rilasciato, mancano circa 14 giorni alla mestruazione, e questo vale per quasi tutte le donne.

Questo significa che l’ovulazione cade al quattordicesimo giorno solo per le donne con cicli di 28 giorni, negli altri casi di verifica circa 14 giorni PRIMA della mestruazione successiva.

Anticipo e ritardo delle mestruzioni

Ci sono molte ragioni per cui una mestruazione può anticipare, tardare o saltare del tutto, ma una variazione occasionale può essere del tutto normale e non deve preoccupare; la maggior parte delle donne ha un ciclo di circa 28 giorni, ma è del tutto normale e comune avere un ciclo leggermente più corto o più lungo (da 24 a 35 giorni).

Un’alterazione di questa regolarità può essere dovuta per esempio a:

Prima mestruazione

Quando una bambina nasce ha già nel suo organismo tutti gli ovuli che le serviranno, e anche di più, per un totale di circa 450.000; gli ovuli sono conservati nelle ovaie e ciascuno è rivestito da una piccola sacca (il follicolo).

Durante la pubertà, quando la bambina si sviluppa, l’organismo inizia a produrre diversi ormoni che fanno maturare gli ovuli ed in questo modo si verifica il primo ciclo mestruale (menarca): i cicli si ripeteranno per anni e termineranno soltanto con l’arrivo della menopausa.

L’età della sua comparsa va dai 10 ai 16 anni, con un’età media di 12 anni; in genere la prima mestruazione compare circa due anni dopo l’inizio della comparsa dello sviluppo del seno.

Sindrome premestruale

Le donne sanno che cos’è la sindrome premestruale da millenni, tuttavia negli ultimi trent’anni circa le industrie farmaceutiche hanno individuato e creato un mercato, per poter curare questa normale fase del ciclo come se fosse una vera e propria malattia. Queste industrie da allora traggono profitto dalla vendita di farmaci e terapie.

L’espressione sindrome premestruale si riferisce all’insieme di sintomi e sensazioni, causati dall’innalzamento dei livelli ormonali, che le donne sperimentano prima del ciclo mestruale (e a volte anche durante).

Una delle forme più comuni di sindrome premestruale è caratterizzata da

  • ansia,
  • irritabilità,
  • sbalzi d’umore.

Queste sensazioni di solito regrediscono con la comparsa delle mestruazioni. È molto probabile che questa forma sia collegata all’equilibrio tra estrogeno e progesterone.

  • Se predomina l’estrogeno si ha l’ansia,
  • invece se prevale il progesterone si può soffrire di depressione.

La voglia di alimenti zuccherati, l’affaticamento e il mal di testa indicano una forma diversa di sindrome premestruale. Oltre che di zucchero le donne possono aver voglia di cioccolato, pane bianco, riso, dolci e pasta. Queste voglie di cibo possono essere causate dall’aumento della reazione all’insulina, collegato all’innalzamento dei livelli ormonali prima delle mestruazioni.

In questo caso si può soffrire dei sintomi caratteristici del basso livello di zuccheri nel sangue: il cervello segnala che manca la benzina.

Una dieta corretta che contenga carboidrati complessi (preferibilmente sotto forma di varietà integrali) fornirà un flusso costante di energia al cervello e contrasterà gli alti e bassi delle variazioni dello zucchero nel sangue.

Quando compare la menopausa

Le donne di solito hanno mestruazioni fino alla menopausa, che si verifica in genere ad un’età compresa tra 45 e 55 anni.

Una donna in menopausa non avrà più ovulazione, quindi non avrà più mestruazioni e non sarà più in grado di rimanere incinta.

Come per il menarca e il ciclo mestruale, anche modi e tempi della menopausa possono variare da donna a donna e questi cambiamenti possono verificarsi in modo molto graduale nell’arco di diversi anni.

Il ciclo mestruale di solito subisce molti cambiamenti, alcuni lenti ed altri improvvisi, prima di interrompersi definitivamente. Il ciclo può diventare irregolare, ravvicinato oppure più distanziato del solito. È possibile saltare uno o due cicli, oppure avere spotting (sanguinamento, perdite tra un ciclo e l’altro).

Molte donne, durante il ciclo, perdono una gran quantità di sangue che spesso si raccoglie in grandi coaguli. Quando ci si avvicina alla fine dei cicli mestruali è possibile non avere l’ovulazione per uno o diversi cicli: in questo caso l’endometrio non riceve il messaggio ormonale che gli comunica di interrompere l’ispessimento, quindi continua ad ispessirsi finché uno sviluppo maggiore del solito non causa la comparsa di un flusso particolarmente intenso.

Tra i sintomi della menopausa troviamo:

  • vampate di calore,
  • cambiamenti nel sonno,
  • mal di testa o emicrania,
  • aumento dell’energia e della creatività e/o cambiamenti dell’umore.

Come nel caso della sindrome premestruale, alcuni di questi sintomi sono dovuti agli squilibri ormonali causati da un’alimentazione scorretta.

Si può fare sesso durante la mestruazione?

Si, nella maggior parte dei casi non ci sono particolari controindicazioni, ma alcune donne (e/o alcuni uomini) possono sentirsi a disagio, oppure opporsi per motivi religiosi.

È bene poi sottolineare che aumenta il rischio di trasmissione di malattie sessualmente trasmesse come l’HIV, ovviamente nel caso in cui la donna ne sia affetta.

È improbabile, ma non impossibile!, rimanere incinta se si hanno rapporti sessuali non protetti durante la mestruazione, questo perché gli spermatozoi possono sopravvivere nel corpo di una donna per un massimo di sei-sette giorni.

Esiste la doppia ovulazione?

Sì, è possibile che si verifichi una doppia ovulazione (cioè che arrivino a maturazione due ovuli), ma questo può avvenire solo e soltanto in contemporanea e non in diversi momenti del ciclo.

È uno dei possibili meccanismi attraverso cui possono nascere due (o più) gemelli.

Quando devo contattare il medico per un problema di ciclo mestruale?

  • Non fosse ancora comparsa la prima mestruazione a 15-16 anni.
  • Non si fosse avviato il ciclo mestruale entro 3 anni dall’inizio della crescita del seno, o se il seno non abbia iniziato a crescere al più tardi ai 13 anni.
  • Non compaiono mestruazioni per 90 giorni o più.
  • Il ciclo diventa molto irregolare.
  • Il ciclo ha durata inferiore ai 21 giorni o superiore ai 35.
  • La mestruazione persiste da 7 giorni o più.
  • La mestruazione è molto abbondante, tanto da richiedere la sostituzione di un assorbente ogni 1-2 ore.
  • Presenza di sanguinamenti tra una mestruazione e l’altra.
  • In presenza di dolori forti durante la mestruazione.

In caso di comparsa di febbre durante l’utilizzo di assorbenti interni rivolgersi immediatamente in Pronto Soccorso.

Mestruazioni abbondanti e lunghe

La durata media di una mestruazione è di circa 4-5 giorni, con un flusso più abbondante nei primi 2-3 giorni; si tratta tuttavia di valori ampiamente variabili e soggettivi, potrebbe non esserci alcun problema legato a eventuali mestruazioni molto abbondanti.

Da notare inoltre che modi e tempi del ciclo possono variare negli anni, ma per alcune donne potrebbe essere necessario intervenire per:

  • trattare o prevenire l’anemia da carenza di ferro causata da gravi emorragie,
  • ridurre un sanguinamento che causi stress, dolori o problemi a livello sociale/professionale.

In questi casi il primo tentativo è attraverso l’uso di farmaci:

Nella maggior parte dei casi è possibile trovare un buon compromesso attraverso l’uso di questi medicinali, diversamente si possono valutare approcci più invasivi.

Si può rimanere incinta durante la mestruazione?

Sì, è possibile, soprattutto (ma non solo) nel caso di donne con cicli particolarmente brevi.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

Gentile utente, per garantire maggiormente la tua privacy i tuoi contributi potrebbero essere mostrati sul sito in forma anonima.

Leggi le condizioni d'uso dei commenti.

  1. Anonimo

    Buonasera, ho avuto un rapporto il 14/08 non protetto. A fine agosto mi è arrivato il ciclo e anche quello successivo. Sono due settimane che sento dei colpetti in pancia ho fatto il test ma risulta negativo. Ieri mattina ho avuto il ciclo ma oggi è già quasi passato… consigli?

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Escluderei la gravidanza, potrebbero essere crampi/movimenti intestinali più intensi, è una situazione abbastanza aspecifica per pensare a qualcosa di preciso.

    2. Anonimo

      Salve,io ho fatto la visita al 12 il dottore mi ha detto che avevo ovulato da pocco,al 16 sono arrivate le mestruazioni,scarse non come solito,al 18 sono finite,di norma non dovrebbe passare 14 giorni prima che arrivino dopo l’ovulazione?il mese di ottobre sono saltate le mestruazioni,mi chiedevo se fosse qualcosa che non va..grazie in anticipo

    3. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Si generalmente le mestruazioni arrivano dopo 2 settimane dall’ovulazione per cui è insolito. Se continua ad avere alterazioni del ciclo deve rifare il punto della situazione con il ginecologo. saluti

    4. Anonimo

      Buonasera ho una domanda da farvi l’ultimo ciclo mi è venuto il trenta ottobre e dopo con mio marito ho avuto rapporti completi nella settima di fertilità, ma dal giorno dell’ovulazione ho dei mal di pancia come il ciclo,ovviamente non ho ancora nessun ritardo visto che dovrebbero arrivare per fine settimana inizio settimana prossima,perché la curiosità è tanta visto che vogliamo un secondo bambino una mezz’ora fa ho fatto il test clearblu ma è uscito scritto NON INCINTA, secondo voi devo aspettare ancora oppure devo rasserenarmi che.anche questo mese salta la gravidanza?

    5. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Se il test è stato fatto ad almeno 20 giorni dai rapporti dovrebbe essere attendibile; aspetti le mestruazioni, se non dovessero presentarsi ripeterei il test.

    6. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, in tal caso deve attendere ancora qualche giorno e ripetere il test. saluti

    7. Anonimo

      Grazie mille…cmq ho un’altra domanda da farvi,visto che il ciclo dovrebbe arrivare x questo fine settimana o inizio settimana prossima ieri sera ho avuto un rapporto completo con mio marito influisce sull’uscire INCINTA?

    8. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      In teoria no, perché non dovrebbe essere in fare ovulatoria.

    9. Anonimo

      Buona sera io ho una domanda il 13 settembre ho avuto rapporto con mio marito a inizio ciclo il rapporto e stato completo da allora il ciclo arriva regolare ma non abbondante come al solito ora mi vedo gonfia mal di schiena e una boglia di semi di zucca potrei essere in cinta

    10. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Non sono sintomi propriamente da gravidanza, se ha avuto il rapporto a inizio ciclo tra l’altro non era in fase fertile; se ha un ritardo faccia il test, ma almeno a 20 giorni dal rapporto.

    11. Anonimo

      Salve, sono circa due mesi che ho nausea in tutte le ore del giorno, sbalzi d’umore dolori intercostali, alla spina dorsale e ai reni, con crampi addominali e continuò ad urinare. Ho avuto le mestruazioni il mese scorso, erano scarse e hanno avuto durata breve, questo mese invece, andavano e venivano. Ho fatto un test alle 8.30 di sera ed è risultato negativo. Consigli?

    12. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Il test è affidabile? Dopo quanto tempo dai rapporti a rischio è stato eseguito? Comunque non sono per forza sintomi da gravidanza, sono anche abbastanza aspecifici, farei una valutazione medica, potrebbe anche trattarsi di problemi renali (coliche?renella?) o alterazioni ormonali, le ipotesi sono diverse e vanno valutate.

  2. Anonimo

    Salve dottore,volevo togliermi un dubbio..in pratica io ho sempre avuto il ciclo regolare e aspetto il ciclo tra 6 giorni con esattezza..ieri sera mi è uscita una piccola goccia di sangue cosa potrebbe essere secondo lei? Mi tolga questo dubbio gentilmente.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente non è nulla di significativo in assenza di altri sintomi, ma ovviamente senta anche il parere del ginecologo.

  3. Anonimo

    Buonasera dottore, non ricordo quando me venuto il ciclo mese scorso, ora sono sicura che gia’ domani arriva perche’ macchio comunque mi sembra molto inanticipo ripeto non ricordo il giorno preciso ma penso intorno al 18..ho 43 a cosa puo’ essere questo sbalzo. Mi venivano in anticipo al. Massimo 3gg ma nn tanto.grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Un anticipo/ritardo occasionale in genere non è un problema.

    2. Anonimo

      Non mi preoccupa ma la mia domanda era quale puo’ essere la causa qualcosa avra’ influito? Ansia non so’

    3. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Le cause di un anticipo o ritardo sono tantissime e spesso rimangono misconosciute senza che sia per forza un problema; se dovessero diventare alterazioni importanti e persistenti nel tempo serve una visita ginecologica per cercarne le cause.

  4. Anonimo

    Inizio delle sue ultime mestruazioni il 25 ottobre. Il 1º novembre durante un rapporto il preservativo si è rotto senza che io venissi, l’abbiamo cambiato subito e abbiamo proseguito. Il suo ciclo è regolare e di solito è di 28 giorni. C’è qualche rischio?

    1. Anonimo

      Ed è legato alla presenza di spermatozoi nel liquido prespermatico giusto? Ma essi non dovrebbero essere talmente pochi da non poter rappresentare un rischio concreto? Soprattutto essendo relativamente lontani dall’ovulazione.

    2. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Teoricamente sì, praticamente l’esperienza dimostra che non è sempre così; nel suo caso comunque il rischio è abbastanza basso.

  5. Anonimo

    Buongiorno dott./essa,
    Volevo sapere è possibile essere in cinta e avere un ciclo normale? Cioè che arriva regolarmente e dura 4/5 giorni?
    Grazie in anticipo

    1. Anonimo

      Ma durante tutti i 9 mesi si potrebbe avere il ciclo o sono nel primo mese di gravidanza ?

    2. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Sono possibili delle perdite, ma non si tratta ovviamente di vera mestruazione, sono situazioni da verificare direttamente col ginecologo.

  6. Anonimo

    Io parlo del ciclo vero e proprio! È possibile? Quella che dura 4 giorni o più, che arriva regolarmente. Può essere?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Come le ho detto sopra è poco probabile, ma non impossibile (ma in genere solo per 1-2 mesi al massimo); quando si verificano questi casi comunque di norma il flusso è più scarso e breve.

      In ogni caso se c’è il dubbio può fare il test.

  7. Anonimo

    Buonasera, ho 20 anni, ho sempre avuto il ciclo irregolare, di solito viene dopo 33-35 giorni, l’ultimo ciclo L’ho avuto il 20 ottobre, è da ieri che sto male… nausea, forti giramenti di testa e forte mal di pancia e febbre a 38, poco fa ho visto che il ciclo è iniziato, solo che ho un mal di pancia strano cioè è molto più forte del solito, cosa potrebbe essere? Cosa mi consiglia di fare?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Se i sintomi sono particolarmente anomali vale la pena rivolgersi alla guardia medica (in PS nel caso di dolore molto severo).

  8. Anonimo

    Buona sera io sto usando i cerotti evra e ho finito ieri 25/11 l’ultimo cerotto ma la stessa sera ho avuto rapporti completi ….ce qualche probabilità di essere incinta?? Grazie per chi risponde

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Se è sempre stato in sede, quindi usato correttamente no, nessun rischio.

  9. Anonimo

    Buongiorno,stamattina ho trattenuto parecchio l’urina una volta urinato mi sono rimessa a letto nella parte destra ho trovato un rigonfiamento come una palla dopo un po è sparito!cosa può essere??ho fatto la visita ginecologica settimana scorsa era tutto apposto!!fra pochi giorni mi deve venire il ciclo

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Magari un po’ di aria nell’intestino, ma se la rilevasse di nuovo la verifichi con il medico per escludere ernia, linfonodi, …

    2. Anonimo

      Io l’anno scorso sono stata operata di ernia ombelicale a causa di una gravidanza!può essere condotta a quello??sto notando che ora non si presenta piu

  10. Anonimo

    Salve, ho avuto il ciclo il 15 ottobre, ho avuto un rapporto a rischio tra il 21-22 ottobre. L’11 novembre ho fatto un test negativo. Il 15 novembre torna il ciclo (pensando fosse quello falso ho fatto un test il 17 novembre, di mattina negativo) il ciclo è finito il 21 novembre. Non convinta ieri il 27 novembre ho fatto un altro test (verso le 19) negativo. Posso stare tranquilla? Grazie.

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, se ha avuto il ciclo e l’ultimo rapporto non protetto è stato quello del 22 ottobre, si, ritengo che possa stare ragionevolmente tranquilla.saluti

    2. Anonimo

      Il test che ho fatto ieri l’ho appoggiato su un ripiano con le finestre di controllo verso il basso in modo da non vedere (perché avevo timore del risultato) e dopo 2 minuti ho controllato, devo ripeterlo? A distanza di più di un mese penso si sarebbe visto qualcosa ugualmente giusto?

    3. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve , si se era negativo ritengo possa essere definitivo. saluti

    4. Anonimo

      Con rapporto a rischio intendo una penetrante di pochissimi minuti, il ciclo l’ho avuto, il test l’ho fatto (due settimane dopo il ciclo) a più di un mese negativo immagino si sarebbe visto qualcosa giusto? Adesso aspetto il ciclo il 15 dicembre e da questa settimana avverto dolore al seno (sono regolare e mi fa male sempre una settimana prima) da allora non ho avuto rapporti, quello che ho avuto non può essere un falso ciclo giusto? Il seno aveva smesso di farmi male quando è finito. Grazie

    5. Anonimo

      Il dubbio del falso ciclo mi è venuto perché mia sorella il 25 novembre ha scoperto la gravidanza (nonostante la pillola) ed era già di 5 settimane, mi ha detto che il 13 ottobre ha avuto il ciclo ma era a causa dell’impianto…come è possibile? Se fosse stato così doveva essere a più di 5 giusto?

    6. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Conta il risultato del test in questo caso e può fidarsi del risultato.

  11. Anonimo

    Salve sto provando ad avere un figlio; ho avuto il 28 piccole perdite rosse e pensavo che fossero perdite da impianto giorno prima le ovaie m facevano male cioè accusavo spilli conficcati poi questa mattina la grande delusione mi sono venute. A questo punto cosa mi è successo?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente nulla di particolare, se non un ciclo occasionalmente anomalo, ma ovviamente verifichi con il medico.

  12. Anonimo

    Buongiorno,
    ho avuto un rapporto non protetto il 19 novembre e il 22 mi è arrivato il ciclo. Durato 5 gg e abbondante come al solito.
    Il 21 avevo la visita dalla ginecologa che mi ha prescritto Loette (pillola anticoncezionale) solo che nonostante la fine del ciclo ho ancora qualche perdita. é normale?..o sono incinta?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente sono effetti collaterali (comuni) della pillola, ma senta comunque il parere del ginecologo.

  13. Anonimo

    Buonasera ho 43 anni, e’ da alcuni mesi che il ciclo arriva in anticipo mese scorso nn ricordo ma almeno 10gg in anticipo ora dovevano venire il 12 ma oggi mi sono venute, c’ e’ tanro anticipo anziche’ 12 oggi?, cosa significa? Grazie

  14. Anonimo

    Dimenticavo ho mal di testadurante il ciclo( nn tutti i giorni il mal di testa), a volte mi viene mal di testa quando sta ‘ x finire il ciclo mese scorso mal di testa me’ durato 2 giorni di fila.

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Le cause sono diverse, sbalzi ormonali, stress…dovrebbe appurare la situazione con un controllo ginecologico.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      No, non necessariamente (mi dispiace essere così vago, ma in base alla sola descrizione non è possibile essere più concreti).

  15. Anonimo

    Grazie dottore, no non e’ stato vago, anzi molto chiaro, grazie dottore.

  16. Anonimo

    Buonasera, sono in panico!
    Ho iniziato il 17/11 a prendere lantibiotico venamox . Io prendo la
    Pillola ginoden ho avuto rapporti scoperti . Il 28/11 mi è arrivato il ciclo. Ho da 2 giorni dolori al seno… mi devo preoccupare? Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      L’antibiotico che sta assumendo potrebbe ridurre l’efficacia della pillola, suggerirei quindi un test di gravidanza e senta comunque il parere del ginecologo.

    2. Anonimo

      Ma io l’ho preso dal 16 al 19 novembre e basta e ho avuto il ciclo il 29/11… potrei essere a rischio?

    3. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      salve, se ha fatto la terapia antibiotica dal 16 al 19 novembre e poi ha avuto regolarmente il ciclo verosimilmente non corre rischi. Probabilmente sono fastidi ovulatori. Senta comunque il ginecologo. saluti

La sezione commenti è attualmente chiusa.