Perdite vaginali e altri disturbi

Ultimo Aggiornamento: 51 giorni

Introduzione

La presenza di secrezioni (o perdite) di muco vaginale chiaro o bianco sono normali e indice di buona salute; questo muco è fisiologicamente prodotto dal collo dell’utero (cervice uterina).

La quantità di secreto vaginale varia con il ciclo mestruale (le perdite sono marroni in genere alla fine del ciclo) e la maggior parte delle donne incinte avrà “secrezioni gravidiche”.

Le perdite sane non hanno né colori né odori pronunciati. Sarà possibile avvertire un senso di bagnato anche fastidioso (soprattutto durante l’ovulazione), ma non si dovrebbe percepire né prurito né dolore nella zona vaginale.

Capire se una perdita è fisiologica oppure no

Qualunque variazione delle perdite può indicare un’infezione vaginale. È bene essere consapevoli di come variano le proprie secrezioni durante il ciclo mestruale e quindi di cosa non è normale.

Sono ovvi segnali di infezione:

  • un cambiamento di colore o consistenza,
  • un cattivo odore improvviso,
  • perdite in quantità inusualmente copiosa,
  • sintomi associati, come un prurito esterno alla vagina o dolore nella pelvi o al pube,
  • sanguinamento dalla vagina inatteso.

In caso di dubbi sul significato delle perdite e se preoccupate, è consigliabile consultare il proprio medico o ginecologo.

Cause comuni di perdite anomale

Le possibili cause di perdite vaginali anomale sono varie, ma in genere le anomalie sono dovute a infezioni. L’infezione è dovuta a:

  • fattori che alterano l’equilibrio naturale dei batteri o lieviti vaginali, come un lavaggio interno della vagina,
  • trasmissione sessuale,
  • biancheria aderente, body con gancetti vari, rapporti sessuali particolarmente frequenti, alcune attività sportive come ciclismo ed equitazione, contraccezione ormonale, stress, diabete o l’assunzione di antibiotici.

Le cause più comuni sono:

Prurito, dolore, bruciore, infiammazione ed arrossamento nel distretto vaginale sono frequenti quanto fastidiosi sintomi di una qualche manifestazione allergica od infiammatoria delle regioni intime; i maggiori responsabili delle allergie sono i materiali sintetici con cui sono realizzati gli assorbenti e proteggislip, oltre al lattice del preservativo ed alcuni detergenti.

Di seguito, una guida che può aiutare a identificare la causa delle perdite, ma è comunque indispensabile consultare il medico per una diagnosi corretta e per avere consigli sul trattamento dell’infezione.

Perdite acquose o bianche con prurito intenso

Secrezioni fluide e acquose, o dense e bianche (come ricotta), possono indicare candida. Questa comune infezione fungina causa prurito intenso e dolore intorno alla vagina. Le perdite possono avere un leggero sentore di lievito, ma non hanno un odore intenso.

Quasi tutte le donne hanno di tanto in tanto questa infezione, che raramente compare per trasmissione sessuale. È di norma facilmente trattata con farmaci antifungini, acquistabili come farmaci da banco in farmacia.

Perdite bianche o grigie con odore di pesce

Secrezioni grigie o con un forte odore di pesce, specialmente dopo un rapporto sessuale, possono indicare una vaginosi batterica (VB). La causa più frequente è la Gardnerella, particolarmente frequente in estate.

La vaginosi indica uno squilibrio dei normali batteri residenti in vagina. In genere, non causa né dolore né irritazione.

Come la candida è molto comune e non è a trasmissione sessuale. È facilmente trattata con antibiotici. Consultare il medico per la prescrizione.

Perdite verdi, gialle o schiumose

La tricomoniasi è un’infezione sessuale frequente causata da un piccolo parassita. Può rendere le secrezioni vaginali schiumose, gialle o verdi. Le perdite possono essere molto abbondanti e possono avere un cattivo odore di pesce. Altri sintomi possibili sono dolore, gonfiore e prurito intorno alla vagina, e dolore durante la minzione.

La tricomoniasi è facilmente trattata con un antibiotico chiamato metronidazolo, prescrivibile dal medico. In caso di tricomoniasi, visitare un consultorio familiare perché può coesistere con altre ITS.

Perdite anomale con dolore o sanguinamento

Consultare tempestivamente il medico o un consultorio se le perdite sono anomale e associate a:

  • dolore nella pelvi,
  • dolore durante la minzione,
  • sanguinamenti tra i cicli o dopo un rapporto sessuale.

Potrebbe essere un’infezione da clamidia o gonorrea (ambedue ITS). La gonorrea può rendere le secrezioni verdi, anche se spesso sono soprattutto evidenti dolore o sanguinamenti. Ambedue le condizioni sono trattabili con antibiotici.

Un’infezione da clamidia o la gonorrea si possono diffondere e causare la malattia pelvica infiammatoria, gravi infezioni dell’utero, delle salpingi o delle ovaie.

Perdite anomale con vescicole intorno ai genitali

L’herpes genitale può essere doloroso, con vescicole rosse o ulcere intorno ai genitali e perdite vaginali anomale. Consultare tempestivamente il medico o un consultorio. È possibile essere sottoposte a un ciclo di compresse antivirali, che interrompono la moltiplicazione del virus herpes, ma i sintomi tendono comunque a recidivare.

Bambine e donne post-menopausa

Perdite vaginali anomale prima della pubertà sono rare. Se succede è necessario consultare il medico. Una causa frequente è un tipo di vulvite (infiammazione dell’area della vulva), causata da infezione streptococcica.

Perdite anomale sono rare anche nelle donne anziane. Perdite anomale improvvise dopo la menopausa richiedono una visita medica tempestiva. Sono possibili cause:

  • un’infezione a trasmissione sessuale (ITS),
  • polipi cervicali, ossia neoformazioni non cancerose dell’utero o della cervice,
  • un dispositivo intrauterino (spirale o IUD).

È importante anche escludere un cancro della cervice o endometriale.

Igiene della vagina

La vagina si pulisce da sé, quindi non è necessario lavarla all’interno (lavanda vaginale). Questa operazione può alterare l’equilibrio naturale di batteri e funghi intravaginali e dare origine a candida o a vaginosi batterica.

Il dolore vaginale o perdite vaginali anomale possono anche essere causate da abusi di sapone profumato, bagno schiuma e gel doccia. Non lavare mai la vagina con composti molto profumati. Usare saponi leggeri e acqua calda per lavare delicatamente l’area intorno ai genitali.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. ansiosa

    Salve nel mese di maggio dopo aver fatto abuso di antibiotici ed altri medicinali ho avuto tanti problemi tipo diarrea dolori da tutte le parti ansia ecc..e ho avuto anche problemi con il ciclo in quanto sempre regolare ma scarso e cin durata a volte due giorni poi quattro a anche normale 5/6 giorni ma l’ultimo ciclo che ho avuto il 18/10 sempre scarso ha avuto durata di 6 giorni ma con colore tipo fragola e quando si e tolto ho e ho delle macchie marroncine quando vado in bagno e mi pulisco mi devo preoccupare

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Da verificare ovviamente con il medico, ma ansia e farmaci possono spiegare le alterazioni mestruali.

      Se ci sono stati rapporti non protetti farei un test per scrupolo.

  2. Skiki

    Buonasera, volevo chiedere un parere
    L’altro giorno durante un rapporto ho avute piccole perdite scure, quasi marroni, non ho sentito dolore, ieri dopo un altro rapporto ho iniziato ad avvertire un fastidio esterno, come un bruciore, che ora è diventato prurito
    Non ho più avuto perdite scure, ma chiare, che però non mi sembrano diverse alle solite
    Ho pensato che le perdite scure fossero dovute alla fine recente del ciclo, peró il fatto del prurito e del bruciore iniziano a preoccuparmi

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Potrebbe essere una leggera infezione vaginale, raccomando di non trascurarla e di sentire il ginecologo.

  3. Simona

    Salve dottore volevo sapere se le perdite gialine dense durante l ovulazione sono normali…cerco un bimbo ormai da un bel pò e inizio a mettermi il cuore in pace😞….premetto che ho avuto un aborto spontaneo a febbraio 2016….e ho 42 anni…..ho altri tre figli…ma la voglia di maternità e immensa….la ringrazio in anticipo per la sua risposta

  4. anna

    Gentile Dottore, mi rivolgo a lei per avere un chiarimento in merito al mio problema perché nessuno mi aiuta e sto male. È da due mesi che ho un forte bruciore alla vagina, ho fatto gli esami delle urine e l’unico valore con la stellina è la conducibilità 2,6*. Il medico mi ha detto che non è cistite e mi vuole prescrivere un calmante per il bruciore. Ma non mi serve un calmante, voglio guarire. Ho 32 anni e l’ultima visita ginecologica l’ho fatta a gennaio dell’anno scorso. Almeno, mi spieghi cosa è la conducibilità bassa nelle urine? La ringrazio. Cordiali saluti.

  5. ale

    salve,
    sono un pò di mesi che mi controllo, ho fatto due volte i tamponi per clamidia, germi comuni, tricomonas, candida ma è uscito tutto negativo.
    io continuo ad avere irritazione quando urino, perdite e cattivo odore, cosa mai avuta fino a pochi mesi fa. ho fatto un pap test recentemente e è uscito negativo a patto della flora coccoide.
    come mi devo comportare? il medico dice che non ho nulla, ma io sono convinta che qualcosa non va.
    grazie.

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Ha fatto una visita ginecologica? Se comunque la visita e gli esami eseguiti sono negativi non saprei cosa consigliarle, per l’irritazione a livello urinario farei un esame urine per completezza diagnostica.

  6. Lilis

    Salve,io ho avuto dei giorni molto stressanti,ho avuto un rapporto e dopo il rapporto sono andata in bagno e mi è uscita una valanga di Sangue scuro tendente al marrone,è passata una giornata e ancora perdo sangue e ho dolori alla pancia,mi devo preccupare???

  7. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
    Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

    Salve se non aspettava il ciclo è meglio sentire il ginecologo. saluti

  8. VC

    Buongiorno io avrei una domanda!Un po’ di mesi fa ho fatto la visita ginecologica e la dottoressa mi ha detto che ho un ovaio policistico anche perché avevo ritardi tra 10 15 giorni quasi ogni mese dopo ho fatto una cura che lei mi ha dato e ha iniziato a regolarizzarsi il ciclo. Io vorrei tanto un bambino… però questo mese dopo aver avuto il ciclo normale come sempre ho iniziato ad avere delle perdite prima sembrava tipo la pipì poi dopo sono diventate sia trasparente che bianchi però molto frequenti dalla mattina alla sera che io non ho mai avuto tutte queste perdite! Cosa potrebbe essere mi devo preoccupare? Grazie mille in anticipo

    1. Anonimo

      Al inizio hanno iniziato liquide tipo la pipì poi elastiche e trasparente e adesso sono bianche

    2. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Finchè sono elastiche sono segno di giorni fertili, poi possono cambiare perdendo di significato.

  9. CC

    Salve dott. ,
    Io sono molto preoccupata. Due giorni fa dopo aver avuto un rapporto con in mio ragazzo che non è stato un vero e proprio rapporto completo in quando sono avvenute giusto due o tre penetrazioni, ho avuto delle perdite marroni, e la mattina dopo ho iniziato ad avere dei crampi alla pancia sulle parti laterali ma non al centro inoltre anche all’altezza dello stomaco… oltre a questo ho avuto anche delle perdite gialle come quelle che ho prima dell’arrivò delle mestruazione… altro sintomo un bruciore alla vagina qundo toccata all’interno… la prego mi dica cosa potrei avere sono molto preoccupata… la mia pancia è durissima

    1. CC

      Mi sono inoltre dimenticata di dire che il mio ciclo è finito circa 7 giorni fa

    2. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Potrebbe essere un’infezione vaginale, ma raccomando di verificare già in giornata con il medico.

    3. CC

      Poco fa ho avuto in altra perdita però bianca e la pancia mi si è sgonfiata…potrebbe comunque essere lo stesso problema ?

    4. CC

      Ho notato ch la pancia mi si gonfia la mattina quando mi alzo.. ce quando mi sveglio è gonfia

    5. CC

      No c’è quando mi sveglio alla mattina è gonfia e poi durante la giornata si sgonfia

    6. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Onestamente non saprei fare ipotesi, mi dispiace, ma provi a verificare se mangiando più lentamente e masticando più a lungo alla sera possa andare meglio.

    7. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Ipotesi infezione possibile, serve la visita medica.

Lascia una risposta

IMPORTANTE: In nessun caso la figura del farmacista può sostituire quella del medico, unico professionista con le competenze e la possibilità legale di formulare diagnosi e prescrivere farmaci. Le considerazioni espresse hanno quindi come unica finalità quella di agevolare in ogni modo il rapporto medico-paziente, mai ed in nessun caso devono prenderne il posto.

Gli interventi inviati potrebbero richiedere fino a 15 minuti per essere visibili sul sito.

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.

Ho preso atto del Disclaimer e dell'Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 del Codice privacy