Ciclo mestruale e mestruazioni: ritardo? Gravidanza?

Ultimo Aggiornamento: 1495 giorni

Link sponsorizzati

Il ciclo mestruale è l’insieme di eventi grazie ai quali, ogni mese, il corpo femminile si prepara alla possibilità di una gravidanza; le mestruazioni sono la fase del ciclo mestruale in cui sangue e le mucose preparate per accogliere l’embrione fuoriescono dalla vagina.

A volte le donne hanno dei problemi nel loro ciclo mestruale, si tratta delle cosiddette irregolarità mestruali (o problemi mestruali). Può capitare che non abbiano il ciclo, che abbiano mestruazioni troppo frequenti, che le mestruazioni siano imprevedibili o che siano dolorose. Quando il ritardo del ciclo mestruale non è dovuto alla gravidanza le irregolarità sono di solito sintomo di un problema più profondo che può avere diverse cause.

Amenorrea

L’amenorrea si verifica quando le mestruazioni non arrivano prima dei sedici anni, oppure quando una donna non ha le mestruazioni per almeno tre mesi consecutivi, pur non essendo incinta.

L’amenorrea non è una malattia, ma è un sintomo di un’altra condizione patologica; tra le possibili cause dell’amenorrea troviamo:

  • esercizio fisico moderato o eccessivo,
  • disturbi alimentari (come ad esempio l’anoressia),
  • stress fisico o psicologico,
  • tumori,
  • problemi ormonali.

Anche le donne che soffrono di sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) possono soffrire di amenorrea.

È importante che vi rechiate dal vostro medico per capire qual è la causa dell’amenorrea, e la terapia dell’amenorrea dipende dal motivo che ha scatenato questa condizione. A volte può essere utile cambiare lo stile di vita, se sono il peso, lo stress o l’attività fisica esagerata che causano l’amenorrea. Altre volte il problema può essere risolto con farmaci e contraccettivi orali.

Oligomenorrea

Questo termine si riferisce ai cicli mestruali poco frequenti, oppure alla situazione in cui si hanno le mestruazioni solo una volta ogni tanto. Proprio come l’amenorrea, l’oligomenorrea in sé non è una malattia, ma è un sintomo di una condizione patologica di più vasta portata. Ad esempio molte donne che soffrono di sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) soffrono anche di oligomenorrea.

Menopausa precoce

La menopausa precoce è l’interruzione del normale funzionamento delle ovaie nelle donne che non hanno ancora superato i 40 anni: le loro ovaie esauriscono la scorta di follicoli e smettono di produrre estrogeno. Le donne in menopausa precoce potrebbero non avere mestruazioni o avere un ciclo molto irregolare, nel loro caso rimanere incinta è difficile, ma non impossibile.

Non esiste alcuna terapia di comprovata efficacia per far funzionare di nuovo normalmente le ovaie, tuttavia, la terapia sostitutiva degli estrogeni fornisce alle donne gli ormoni che il loro organismo non produce, contribuendo così alla regolarità del ciclo mestruale e diminuendo il rischio di osteoporosi.

Fibromi uterini

I fibromi uterini sono i tumori benigni più frequenti nelle donne in età fertile: la maggior parte delle donne colpite da fibromi non ha problemi di fertilità e può rimanere incinta, ma alcune donne potrebbero non essere in grado di rimanere incinte naturalmente.

Per le donne affette da fibromi uterini, che però non presentano sintomi evidenti, potrebbe non essere necessaria alcuna terapia. Alcune donne affette da fibroma hanno mestruazioni abbondanti e alcune potrebbero avere perdite anche tra una mestruazione e l’altra. I farmaci spesso possono alleviare molti dei sintomi dei fibromi, come ad esempio il dolore, e possono addirittura rallentarne o interromperne la crescita. Esistono anche diversi tipi di intervento chirurgico che possono rimuovere i fibromi.

Endometriosi

L’endometriosi si verifica quando le mucose, che normalmente crescono nell’utero, crescono invece all’esterno. L’endometriosi può causare dolore prima e durante i primi giorni del ciclo mestruale. Una percentuale che va dal 30 al 50 per cento delle donne affette da endometriosi è sterile e questo rende l’endometriosi una delle prime tre cause della sterilità femminile. Le donne affette da endometriosi possono anche avere mestruazioni molto abbondanti.

Ci sono diversi modi per curare il dolore, come ad esempio gli antidolorifici, la terapia ormonale e l’intervento chirurgico.

È anche possibile curare la sterilità connessa all’endometriosi: la fecondazione in vitro spesso contribuisce a migliorare la fertilità delle donne affette da questa malattia, la terapia ormonale e gli interventi chirurgici rappresentano altre vie per curare l’infertilità.

Dismenorrea

La dismenorrea si verifica quando il ciclo è doloroso e, ad esempio, si hanno crampi molto forti. Questa malattia di solito non è grave, ma a volte potrebbe essere causata da un’infezione, dall’endometriosi o da cisti ovariche.

A volte, per alleviare i dolori mestruali, è sufficiente usare la borsa dell’acqua calda o fare un bagno caldo. Anche gli analgesici da banco possono aiutare a combattere il dolore. Il vostro medico potrebbe consigliarvi di assumere regolarmente o temporaneamente la pillola anticoncezionale per rendere il ciclo meno doloroso.

I miti legati al ciclo mestruale

Le credenze riguardanti il ciclo mestruale sono diffuse da che mondo è mondo. Negli anni passati si diceva che un’otturazione non rimarrà attaccata al dente se praticata proprio in quei giorni, oppure che la permanente ai capelli non riuscirà bene.

Tutti noi abbiamo sentito misconoscenze  riguardanti le mestruazioni, spesso sappiamo con certezza che questi miti non sono altro che dicerie, però a volte ci sono situazioni in cui non sappiamo se il “si dice” sia vero oppure o no, oppure ci crediamo ciecamente. Avete mai creduto a qualcuna di queste dicerie?

  1. Durante il ciclo non si può andare in piscina. Forse questa credenza ha iniziato a diffondersi quando ancora gli assorbenti interni non erano così diffusi come oggi. Oppure può essere dovuta alla paura del dolore mentre si nuota oppure ancora al fatto che il sangue mestruale potrebbe contaminare la piscina. L’origine del “mito” non ha importanza: in realtà non c’è alcun motivo per cui non si possa andare tranquillamente in piscina durante il ciclo mestruale.
  2. Avere rapporti sessuali durante il ciclo è pericoloso. Alcune donne potrebbero trovarsi a disagio se hanno rapporti durante il ciclo, ma in realtà non c’è alcun problema o pericolo e addirittura in questo modo si possono alleviare i dolori mestruali. In realtà, sebbene non ci siano ancora evidenze scientifiche, i ricercatori hanno associato i rapporti durante il ciclo mestruale con la minore incidenza dell’endometriosi, ma anche a diverse altre ricadute positive sulla salute, tra le quali: maggiore durata della vita, assenza di malattie cardiache, infarto e tumore al seno, aumento delle difese immunitarie, maggiore regolarità del ciclo, controllo del dolore e miglioramento della qualità della vita. I benefici sulla salute dovuti ai rapporti sessuali devono ancora essere studiati con precisione, ma non c’è alcun motivo per non avere rapporti durante il ciclo.
  3. Durante il ciclo non bisogna lavarsi i capelli. Non c’è assolutamente nessun motivo per non lavarsi i capelli, o per non fare il bagno o la doccia, durante il ciclo. In realtà, un bel bagno caldo può essere molto utile per alleviare i dolori mestruali e la tensione premestruale. Durante il ciclo potreste voler evitare l’acqua fredda perché, in teoria, può causare contrazioni uterine che potrebbero aumentare i dolori mestruali, e l’acqua eccessivamente calda perchè potrebbe aumentare il sanguinamento.
  4. Durante le prime mestruazioni non bisogna usare gli assorbenti interni. Si tratta di un’altra falsa credenza. Non c’è nessun motivo per non usare gli assorbenti interni, già durante il primo ciclo mestruale. L’unica precauzione da osservare è quella di leggere attentamente le istruzioni e di inserire l’assorbente nel modo corretto. Se l’assorbente viene inserito nel modo giusto, non fa male e non causa nessun fastidio. Anzi, se è inserito correttamente, non sentirete assolutamente nulla.
  5. Se si hanno rapporti durante il ciclo, non si rimane incinta. Non contate assolutamente su questo teoria! A meno che usiate la pillola, un dispositivo interno o un altro tipo di contraccettivo ormonale, non ci sono giorni sicuri.
  6. Non bisogna fare attività fisica o affaticarsi troppo durante il ciclo. Le mestruazioni sono una funzione normale del vostro organismo. Il ciclo mestruale non è una malattia invalidante: durante il ciclo si possono fare esattamente le stesse cose che si farebbero in qualsiasi altro momento. Una volta il ciclo era visto come una specie di periodo di malattia: le donne stavano a riposo, chiuse in casa, e non facevano vita sociale.

Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. Giovanna

    Salve dottore, ho 22 anni e ho il ciclo in ritardo di 3 giorni.. durante quasi tutti i rapporti che ho avuto questo mese il preservativo è stato messo dopo 2-3 minuti dall inizio del rapporto (le restanti volte dall’inizio), ho fatto un test ed è negativo ma mi accorgo di averlo fatto con troppo anticipo, e il ciclo non accenna ad arrivare.. secondo lei quale rischio corro di una gravidanza indesiderata? Grazie in anticipo..

  2. matreo

    Salve dottore volevo farle una domanda,tempo avevo tipo una specie di pesantezza ai testicoli..andai da un urologo della mutua il quale visitandomi in tre minuti mi disse che era tutto oke si raccomando’ solo di iindossare slip e pantaloni larghi,non tanto contento della veloce visita andai da un altro urologo privato che mi fece una visita ( prostata compresa )il quale mi disse,sospetto varicocele sx..mi fece fare un ecodopler scrotale dal quale non risultò per fortuna nessun tipo di problema. .vasi spermatici ok..flussi vari ok ecc..tornai dal dottore e mi disse che era tutto a posto..a questo punto le chiedo..ovviamente so che ci vorrebbero forse ancora altri tipi di esami..ma tutto questo è un buon segno per la mia fertilità? Grazie dottore e buon ferragosto

  3. matteo

    Ovviamente poi sono miracolosamente guarito..( forse era solo un.problema psicologico)

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, ci permette di pensare che la fertilità sia inalterata.

  4. moreno

    Salve dottore. .è vero che in un periodo fo ansia e di stress il livello del testosterone si abbassa e i alza quello drl cortisolo?magari per poi tornare tutto nella norma?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, nel tempo sono possibili fluttuazioni che rientrano superato il periodo di stress.

    2. moreno

      Ho fatto questa domanda perché da un esame del sangue risultò il livello del testosterone basso e il cortisolo alto..come al solito mi sono documentato su internet e ho letto questa cosa..che ne pensa dottore?

  5. Anonima

    Ho 23 anni e da un anno assumo la pillola anticoncezionale per un problema di ovaio policistico. Dal momento che il mio attuale ragazzo è sano e che prendo la pillola, da circa un paio di mesi abbiamo rapporti non protetti. E’ sempre andato tutto bene, sono sempre molto attenta a non commettere errori… Ma il mese scorso per un breve episodio di cistite ho preso il Monuril per due sere l’ultima settimana prima della sospensione (lunedì e martedì). Martedì sera abbiamo avuto un rapporto completo, anche perché sapendo che il Monuril è definito come disinfettante non ho collegato che potesse avere effetti simili agli antibiotici sulla pillola. Queste situazioni mi creano un forte stress emotivo e avevo paura di essere rimasta incinta e questo mi ha provocato un ritardo del ciclo di un giorno e mezzo, dopodiché ho avuto regolarmente un ciclo abbondante che per il ritardo si è protratto a quasi due giorni dopo la sospensione. Avendo avuto regolarmente il ciclo, il rischio di gravidanza dovrebbe essere cessato, giusto? Mi rendo conto di esagerare i sintomi con la mia ansia, ad esempio ho un leggero dolore al seno nella parte superiore, spiegabilissimo con l’effetto di una maglia messa ieri che premeva proprio in quel punto. Ma non riesco a darmi pace. E ovviamente più leggo a riguardo, più mi faccio suggestionare…
    Mi scuso per il romanzo, ma ho davvero bisogno di essere tranquillizzata!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Premesso che Monuril è un antibiotico a tutti gli effetti, non tutti gli antibiotici interagiscono; nel suo caso direi comunque che non c’è alcun problema.

  6. Anonima

    Sì ma me ne sono resa conto dopo, credevo che fra disinfettante e antibiotico ci fosse una differenza, anche perché mi è stato dato senza prescrizione… La ringrazio, di solito sto molto attenta alle medicine che prendo e a non avere rapporti a rischio in quella settimana, questa volta non ci ho proprio pensato, anche sul foglietto non c’era scritto nulla. Quindi mi posso mettere il cuore in pace? O ritiene che sia necessario fare comunque un test?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non posso darle garanzie, ma a mio parere può stare tranquilla.

  7. vvvv

    Salve dottore,volevo parlarle di una situazione che non mi da pace. Da circa 4 mesi ho sospeso l’assunzione della pillola Yaz,in seguito alla quale ho avuto cicli regolari dopo 29 giorni, avendo sempre rapporti completi con il preservativo,del quale abbiamo sempre verificato l’integrità. In questo mese il ciclo sarebbe dovuto arrivare il 16 agosto ma apparte la comparsa di brufoli,doloretti addominali e qualche crampo alle ovaie del ciclo nessuna traccia. In questo periodo sono sotto stress causa test di ammissione all’università e volevo sapere se potrebbe essere questa una possibile causa del ritardo perchè mi sta salendo l’ansia e la paura di essere incinta. Scusi per il monologo e la ringrazio in anticipo.

  8. vvvv

    Quindi è remota l’ipotesi che sia incinta vero? Cosa posso fare nel frattempo, devo solo aspettare vero? Scusi per la valanga di domande ma sono nel panico più totale anche se so che i rapporti sono stati sempre protetti con preservativi integri e il fatto che stanno ritardando di quasi 5 giorni non mi sta facendo stare tranquilla.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Con preservativi integri sì, la possibilità di gravidanza è assolutamente remota.
      2. Sì, aspettare serenamente.

    2. vvvv

      La ringrazio di cuore. Nel caso in cui entro 10 giorni non si debba ancora presentare la mestruazione,cosa dovrei fare? Il tutto mi sembra strano dato che ho molti sintomi che di solito precedono il ciclo ma del ciclo ancora nulla.

  9. matteo

    Dottore una domanda. .è molto importante alla fine di un concepimento che la donna abbia un orgasmo? E poi un’altra cosa,una volta avvenuto il rapporto la donna può alzarsi magari per lavarsi o meglio restareun po distesi? Sono tutte chichiacchiere da bar??

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. No, la Natura ha voluto che sia di leggero aiuto, ma assolutamente non indispensabile.
      2. Uno studio sembra aver dimostrato l’utilità di restare distese per 10-15 minuti (a prendersi due coccole… ;-) ), ma anche in questo caso non è indispensabile.

  10. mia

    salve dottore, ho 46 anni madre di 2 figli.
    l’ultimo ciclo il 1 di luglio ho fatto il test della farmacia risultato negativo
    non ho nessun sintomo tranne qualche volta un calore attorno alla testa se sono molto agitata .cosa mi consiglia ,si può trattare di premenopausa . per me sarebbe una gioia visto che in questi anni sono stati frequenti e abbondanti da arrivare a raschiamento perché l’utero non si chiudeva mi avrebbero detto se continuava mi avrebbero messo in menopausa togliendomi l’utero.. grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Potrebbe anche essere un ritardo casuale, dovuto per esempio a stress.

  11. Anonimo

    dottore salve sono una ragazza di 28anni preciso che cmq ho il ciclo irregolare alle volte d pochi giorni a volte anche di settimane…. prima del ciclo ho quasi sempre tensione e seno gonfio. capezzolo dolorante al tatto… questo mese gia piu o meno 10giorni fa avevo questo dolore capezzoli e capito che m stavano xtornare…. ora nn ho piu questo dolore e passato e il ciclo nn arriva il seno.m sembra un po piu gonfio ma nn m fa male al tatto… sono sicura di non essere incinta quale motivo è dottore??? sono preoccupata… grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Ai sintomi non do mai particolare peso, se il suo ciclo è spesso irregolare.

  12. Anonimo

    ok dottore grazie ma xche se avevo dolori classici da premestruazioni e da un po slche se ne sono andati e il ciclo non torna… ??un altra domanda dottorr con un ciclo irregolare si puo rimanere incinta? poi lei nell articolo parla che il ciclo puo saltare in presenza di tumori… ma di che tipo?? graxie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Variazioni ormonali.
      2. In certi casi, ma può essere più difficile.
      3. Ovaie, per esempio, ma non c’è davvero motivo di pensare a questa ipotesi.

  13. Anonimo

    grazie mille dottore pero mi scusi non ho capito la seconda risposta…. con un ciclo irregolare e piu difficile rimanere incinta pero cmq si puo .oppure con un ciclo irregolare e sinonimo di infertilita e solo in pochi casi c si riesce? i miei ritardi a volte sono d qualche giorno a un max di 10giorni di ritardo… solo qualche volta saltano come ora piu di 2settimane… grazie dottore

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Nel suo caso (ritardi tutto sommato contenuti) è probabile che l’ovulazione avvenga più o meno regolarmente, quindi la fertilità dovrebbe essere salvaguardata.

  14. Anonimo

    Buongiorno dottore, nelle ultime settimane è capitato che io e la mia ragazza avessimo dei rapporti non protetti, più o meno tre volte, ma in tutte e tre le volte non c’è mai stata eiaculazione da parte mia, qualche giorno fa mi ha detto che ha notato del “liquido ” denso biancastro fuoriuscire dalla sua vagina, le mestruazioni sarebbero dovute arrivare tre giorni fa ma ancora niente… Dobbiamo preoccuparci? Che magari sia stata colpa delle “perdite” che noi uomini abbiamo durante l’erezione e sia fuori uscito qualcosa mentre avveniva il rapporto? Come dobbiamo comportarci dottore?
    Attendo risposta, grazie mille.

    1. Anonimo

      Ps. inoltre non ha nemmeno i sintomi pre-mestruali come gonfiore al seno, dolore alla pancia e così via, l’unica cosa insolita è che le viene la nausea di punto in bianco, proprio da un secondo all’altro ed è costretta a prendere qualcosa per calmatela nausea come magnesia bisurata o geffer. Inoltre è molto emotiva come persona ed è nervosa perché non le sono ancora arrivate… ci stiamo preoccupando… che mi dice?

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Il coito interrotto rimane un metodo a rischio, quindi un test è consigliabile (anche se il ritardo potrebbe essere dovuto a stress, caldo, …).

    3. Anonimo

      Ma non c’è stata eiaculazione nel rapporto, presumo ci siano state delle piccole perdite, quelle che di solito ci sono quando vi è un’erezione…
      Ad ogni modo il test tra quanto è più consigliabile farlo?

    4. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. In alcuni uomini il liquido pre-eiaculatorio contiene spermatozoi.
      2. Se è in ritardo può già fare il test, ma consideri che la risposta è relativa ai rapporti avuti fino a 15 giorni prima circa.

    5. Anonimo

      Speriamo vada tutto bene. Grazie dottore. Comunque non so se le esce perché nona to mettendo il nome, ma sono il ragazzo che la tartassava una sera si e l’altra pure per i problemi di stomaco con la fobia del vomito, beh, aveva ragione, mi sono calmato e tranquillizzato e piano piano sto riuscendo a mangiare sempre qualcosa in più senza stare eccessivamente male, basta una camomilla prima di andare a dormire e mi riprendo dal mal di stomaco, prima invece prendevo anche 7 o 8 magnesite bistrate, meno male mi sono disintossicato da quella porcheria, ormai non la tolleravo più da quanta ne prendevo. Grazie ancora dottore.

    6. Anonimo

      Dottore, 5 giorni di ritardo e ancora nulla, mi ha detto che sta iniziando ad avere dei rumori strani tipo “glu gli gli” per intenderci (scusi l’onomatopea ma non so come esprimermi per il rumore) lei è super nervosa, piange, sbraita, pensa che possa essere incinta?

    7. Anonimo

      Non riesco a convincerla a farlo dottore. Mi ha detto che i rumori sono cessati, non ha più rumori nella pancia come se io corpo stesse lavorando, mi ha detto che si sente gonfissima infatti non ha mai fame. Con oggi sono 8 giorni di ritardo, che questo mese salti?

    8. Anonimo

      Non sappiamo cosa fare. Non vuole fare il test, non vuole andare dal ginecologo, piange, sbraita e basta. Cosa ci consiglia?

    9. Dr. Cimurro (farmacista)

      Test, senza alcun dubbio.
      Tranquillizzala, il rischio tutto sommato è basso e con un test vi scrollate di dosso la paura (e dalla prossima volta preservativo!!!).

  15. Elisa

    Salve dottore, sono nella stessa situazione di Giovanna. Ho un ritardo di tre giorni cosa comunque che è capitata altre volte. Faccio sesso con il profilattico ma nei primi 2-3 minuti no (cosa che premetto non avverrá più). Mi potrebbe dare delle delucidazioni? Dopo quanto tempo mi consiglia di fare il test? Quante sono le probabilitá che io sia incinta? Posso scoprirlo in altro modo oltre che con il test delle urine o del sangue? Non so se devo seriamente preoccuparmi o no anche se il mio ciclo non è mai stato molto regolare e non sto soffrendo di nausea o altro. Grazie per il tempo

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Il test può farlo anche domani con la prima urina del mattino.
      2. Probabilità basse, ma non nulle.
      3. Non ci sono altri modi per verificare.

      Preciso che non sono qui per giudicare, quindi non è necessario che mi “prometta” di non farlo più; condivido al 100% la scelta di indossare in futuro il preservativo da subito, ma non mi permetto di giudicare le scelte di nessuno.

    2. Elisa

      Grazie mille dottore. Per quanto riguarda il test mi saprebbe dire se ci possiamo fidare di farne soltanto uno o ce ne vogliono di più?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Basta uno (tenga conto che dà risposte per i rapporti avuti fino a 15 giorni prima).
      2. Certo.

  16. franca

    salve dottore ho 20 anni e il mio compagno 34 non so come spiegarle la mia situazione ma pochi giorni fa avevo delle perdite bianche liquide… e il 21 mi sono venute le meustrazioni e solo oggi mano a mano stanno andando via a regola mi dovevano venire il 28 agosto come sempre ci sta anche il ritardo e che in questo periodo o avuto rapporti con il mio compagno non usando il preservativo non so se fare il test perche delle perdite di sangue lo ancora …..

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Il flusso è stato uguale al solito per intensità e durata?

Lascia un Commento

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.