Ciclo mestruale e mestruazioni: ritardo? Gravidanza?

Ultimo Aggiornamento: 1549 giorni

Link sponsorizzati

Il ciclo mestruale è l’insieme di eventi grazie ai quali, ogni mese, il corpo femminile si prepara alla possibilità di una gravidanza; le mestruazioni sono la fase del ciclo mestruale in cui sangue e le mucose preparate per accogliere l’embrione fuoriescono dalla vagina.

A volte le donne hanno dei problemi nel loro ciclo mestruale, si tratta delle cosiddette irregolarità mestruali (o problemi mestruali). Può capitare che non abbiano il ciclo, che abbiano mestruazioni troppo frequenti, che le mestruazioni siano imprevedibili o che siano dolorose. Quando il ritardo del ciclo mestruale non è dovuto alla gravidanza le irregolarità sono di solito sintomo di un problema più profondo che può avere diverse cause.

Amenorrea

L’amenorrea si verifica quando le mestruazioni non arrivano prima dei sedici anni, oppure quando una donna non ha le mestruazioni per almeno tre mesi consecutivi, pur non essendo incinta.

L’amenorrea non è una malattia, ma è un sintomo di un’altra condizione patologica; tra le possibili cause dell’amenorrea troviamo:

  • esercizio fisico moderato o eccessivo,
  • disturbi alimentari (come ad esempio l’anoressia),
  • stress fisico o psicologico,
  • tumori,
  • problemi ormonali.

Anche le donne che soffrono di sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) possono soffrire di amenorrea.

È importante che vi rechiate dal vostro medico per capire qual è la causa dell’amenorrea, e la terapia dell’amenorrea dipende dal motivo che ha scatenato questa condizione. A volte può essere utile cambiare lo stile di vita, se sono il peso, lo stress o l’attività fisica esagerata che causano l’amenorrea. Altre volte il problema può essere risolto con farmaci e contraccettivi orali.

Oligomenorrea

Questo termine si riferisce ai cicli mestruali poco frequenti, oppure alla situazione in cui si hanno le mestruazioni solo una volta ogni tanto. Proprio come l’amenorrea, l’oligomenorrea in sé non è una malattia, ma è un sintomo di una condizione patologica di più vasta portata. Ad esempio molte donne che soffrono di sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) soffrono anche di oligomenorrea.

Menopausa precoce

La menopausa precoce è l’interruzione del normale funzionamento delle ovaie nelle donne che non hanno ancora superato i 40 anni: le loro ovaie esauriscono la scorta di follicoli e smettono di produrre estrogeno. Le donne in menopausa precoce potrebbero non avere mestruazioni o avere un ciclo molto irregolare, nel loro caso rimanere incinta è difficile, ma non impossibile.

Non esiste alcuna terapia di comprovata efficacia per far funzionare di nuovo normalmente le ovaie, tuttavia, la terapia sostitutiva degli estrogeni fornisce alle donne gli ormoni che il loro organismo non produce, contribuendo così alla regolarità del ciclo mestruale e diminuendo il rischio di osteoporosi.

Fibromi uterini

I fibromi uterini sono i tumori benigni più frequenti nelle donne in età fertile: la maggior parte delle donne colpite da fibromi non ha problemi di fertilità e può rimanere incinta, ma alcune donne potrebbero non essere in grado di rimanere incinte naturalmente.

Per le donne affette da fibromi uterini, che però non presentano sintomi evidenti, potrebbe non essere necessaria alcuna terapia. Alcune donne affette da fibroma hanno mestruazioni abbondanti e alcune potrebbero avere perdite anche tra una mestruazione e l’altra. I farmaci spesso possono alleviare molti dei sintomi dei fibromi, come ad esempio il dolore, e possono addirittura rallentarne o interromperne la crescita. Esistono anche diversi tipi di intervento chirurgico che possono rimuovere i fibromi.

Endometriosi

L’endometriosi si verifica quando le mucose, che normalmente crescono nell’utero, crescono invece all’esterno. L’endometriosi può causare dolore prima e durante i primi giorni del ciclo mestruale. Una percentuale che va dal 30 al 50 per cento delle donne affette da endometriosi è sterile e questo rende l’endometriosi una delle prime tre cause della sterilità femminile. Le donne affette da endometriosi possono anche avere mestruazioni molto abbondanti.

Ci sono diversi modi per curare il dolore, come ad esempio gli antidolorifici, la terapia ormonale e l’intervento chirurgico.

È anche possibile curare la sterilità connessa all’endometriosi: la fecondazione in vitro spesso contribuisce a migliorare la fertilità delle donne affette da questa malattia, la terapia ormonale e gli interventi chirurgici rappresentano altre vie per curare l’infertilità.

Dismenorrea

La dismenorrea si verifica quando il ciclo è doloroso e, ad esempio, si hanno crampi molto forti. Questa malattia di solito non è grave, ma a volte potrebbe essere causata da un’infezione, dall’endometriosi o da cisti ovariche.

A volte, per alleviare i dolori mestruali, è sufficiente usare la borsa dell’acqua calda o fare un bagno caldo. Anche gli analgesici da banco possono aiutare a combattere il dolore. Il vostro medico potrebbe consigliarvi di assumere regolarmente o temporaneamente la pillola anticoncezionale per rendere il ciclo meno doloroso.

I miti legati al ciclo mestruale

Le credenze riguardanti il ciclo mestruale sono diffuse da che mondo è mondo. Negli anni passati si diceva che un’otturazione non rimarrà attaccata al dente se praticata proprio in quei giorni, oppure che la permanente ai capelli non riuscirà bene.

Tutti noi abbiamo sentito misconoscenze  riguardanti le mestruazioni, spesso sappiamo con certezza che questi miti non sono altro che dicerie, però a volte ci sono situazioni in cui non sappiamo se il “si dice” sia vero oppure o no, oppure ci crediamo ciecamente. Avete mai creduto a qualcuna di queste dicerie?

  1. Durante il ciclo non si può andare in piscina. Forse questa credenza ha iniziato a diffondersi quando ancora gli assorbenti interni non erano così diffusi come oggi. Oppure può essere dovuta alla paura del dolore mentre si nuota oppure ancora al fatto che il sangue mestruale potrebbe contaminare la piscina. L’origine del “mito” non ha importanza: in realtà non c’è alcun motivo per cui non si possa andare tranquillamente in piscina durante il ciclo mestruale.
  2. Avere rapporti sessuali durante il ciclo è pericoloso. Alcune donne potrebbero trovarsi a disagio se hanno rapporti durante il ciclo, ma in realtà non c’è alcun problema o pericolo e addirittura in questo modo si possono alleviare i dolori mestruali. In realtà, sebbene non ci siano ancora evidenze scientifiche, i ricercatori hanno associato i rapporti durante il ciclo mestruale con la minore incidenza dell’endometriosi, ma anche a diverse altre ricadute positive sulla salute, tra le quali: maggiore durata della vita, assenza di malattie cardiache, infarto e tumore al seno, aumento delle difese immunitarie, maggiore regolarità del ciclo, controllo del dolore e miglioramento della qualità della vita. I benefici sulla salute dovuti ai rapporti sessuali devono ancora essere studiati con precisione, ma non c’è alcun motivo per non avere rapporti durante il ciclo.
  3. Durante il ciclo non bisogna lavarsi i capelli. Non c’è assolutamente nessun motivo per non lavarsi i capelli, o per non fare il bagno o la doccia, durante il ciclo. In realtà, un bel bagno caldo può essere molto utile per alleviare i dolori mestruali e la tensione premestruale. Durante il ciclo potreste voler evitare l’acqua fredda perché, in teoria, può causare contrazioni uterine che potrebbero aumentare i dolori mestruali, e l’acqua eccessivamente calda perchè potrebbe aumentare il sanguinamento.
  4. Durante le prime mestruazioni non bisogna usare gli assorbenti interni. Si tratta di un’altra falsa credenza. Non c’è nessun motivo per non usare gli assorbenti interni, già durante il primo ciclo mestruale. L’unica precauzione da osservare è quella di leggere attentamente le istruzioni e di inserire l’assorbente nel modo corretto. Se l’assorbente viene inserito nel modo giusto, non fa male e non causa nessun fastidio. Anzi, se è inserito correttamente, non sentirete assolutamente nulla.
  5. Se si hanno rapporti durante il ciclo, non si rimane incinta. Non contate assolutamente su questo teoria! A meno che usiate la pillola, un dispositivo interno o un altro tipo di contraccettivo ormonale, non ci sono giorni sicuri.
  6. Non bisogna fare attività fisica o affaticarsi troppo durante il ciclo. Le mestruazioni sono una funzione normale del vostro organismo. Il ciclo mestruale non è una malattia invalidante: durante il ciclo si possono fare esattamente le stesse cose che si farebbero in qualsiasi altro momento. Una volta il ciclo era visto come una specie di periodo di malattia: le donne stavano a riposo, chiuse in casa, e non facevano vita sociale.

Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. ria

    Buonasera Dott.aspettavo il ciclo giorno 5 ottobre di solito mi vengono ogni 28.Ho avuto rapporti non protetti stando ai conti dal 27/28 settembre in poi . Dovrei fare il test?

  2. ria

    Ah! Non ho sintomi solo doloretti mestruali leggerissimi e un po’ di dolore al seno più o meno come sempre…grazie in anticipo

  3. ria

    Anche se sono stati giorni non fertile è possibile? Altre volte non è mai capitato. ..

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      I giorni fertili possiamo provare a prevederli, ma non possiamo avere la certezza che la previsione sia corretta.

  4. matteo

    Buongiorno dottore..come detto in precedenza io ho una infezione da staffilococco aureo..antibiogramma fatto e oggi mi trovo al sesto giorno di antibiotico però qualche fastidio ce l’ho ancora,il dottore me li ha prescritti fino a dieci giorni. .mica sa piu o meno i tempi di guarigione ( ovviamente in maniera grossolana ) per questo tipo di infezione?

  5. matteo

    Ok dottore..un paio di domandine,può alterare la fertilità? E poi io ho ovviamente rapporti con la mia compagna quindi bisogna far fare un tampone anche a lei? Per poi riprendere i rapporti una volta debellata l’infezione?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. L’infezione è nelle vie urinarie? Nella prostata?
      2. Al momento probabilmente non serve tampone, ma lo segnali anche al medico.

  6. matteo

    Dalla spermiocultura non risulta niente di anomalo, credo che l’infezione sia risultata quando hofatto il tampone uretrale,la prostata l’ha visitata con eesplorazione rettale ma non mi ha detto niente di che

  7. matteo

    Ok dottore grazie,l’importante è che sia curabile e che poi debellandola tutto torni nei parametri giusto?

  8. Antonella

    Buonasera dottore vorrei esporle un mio problema.. l’ultima volta che ho avuto un rapporto è stato inizi settembre, successivamente la seconda settimana mi è arrivato cn un giorno di ritardo ma comunque normale il ciclo e facendo il calcolo mi sarebbe dovuto arrivare da 4 giorni, se non sbaglio.. sono preoccupata perché ancora non è arrivato.. lei che dice mi devo preoccupare o comunque è solo stress? Sto ogni minuto a controllare.. grazie mille per la risposta

    1. Antonella

      Mi sono dimenticata di dirle che comunque è da una settimana che ho i sintomi pre ciclo, ovvero mal di schiena mal di pancia seno gonfio e dolorante..

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      L’ultimo ciclo è stato normale per intensità e durata?

    3. Antonella

      Si a me di solito dura 3 giorni quindi il primo giorno e mezzo di intensità normale e poi di meno fino alle macchie marroni..

    4. Anonimo

      Anzi ora che ricordo inizialmente il 12 settembre ovvero il giorno di inizio ciclo mi era arrivato e poi bloccato e poi tornato prima poco e poi normale x 3 giorni

    5. Dr. Cimurro (farmacista)

      Se lo desidera togliamoci il dubbio con un test, se negativo non posso che consigliarle una visita ginecologica per verificare.

    6. Antonella

      Quindi secondo lei non è stress dovuto all’organizzazione del matrimonio al dividermi tra lavoro e casa?

    7. Dr. Cimurro (farmacista)

      Secondo me assolutamente sì, il motivo è stress, ma data la sua insistenza (in senso buono!) nel sottolineare i sintomi possiamo toglierci ogni dubbio.

    8. Antonella

      Mi deve scusare per l’insistenza però sono una persona, insieme al mio fidanzato, molto attenta e quindi mi sono presa d’ansia avendo 4 giorni di ritardo, sopratutto a pochi mesi dal matrimonio.. allora cerco di calmarmi e non pensare più. Non pensavo che lo stress portasse realmente a ritardi.. Grazie mille della disponibilità

    9. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non si deve assolutamente scusare, comprendo la situazione; mi tenga al corrente.

  9. Ely73

    Salve dottore volevo chiedergli un consiglio,oggi come ogni mese è arrivato il ciclo e sono in ansia,x i forti dolori che arriveranno fin dalla prima volta che mi è arrivato.Stò indagando dato il peggioramento del dolore e del coinvolgimento di stomaco e pancia (ca125 negativo)e di solito assumo aulin al picco max del dolore,se nò ritorna. Volevo chiederle,se all arrivo del dolore medio assumo una supposta di tachipina 1000 e solo nel caso il dolore aumentasse lostesso l’aulin,si può fare oppure è meglio di no,assumo anche motilium sciroppo quando riesco a mangiare x nausea ecc e buscopan x la pancia ma non mi fà molto……grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Se il suo medico è d’accordo mi sembra un approccio ragionevole.

    2. Ely73

      grazie dottore….temevo non si potesse fare….perchè sò ke a volte aulin non si può prendere…tipo colla febbre…..

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Infatti onestamente ritengo che ci siano alternative migliori dell’Aulin, il mio assenso era più che altro riferito alla possibilità di provare ad anticipare il dolore con la Tachipirina ed intervenire se necessario dopo qualche ora con un antinfiammatorio.

Lascia un Commento

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.