Abortire in casa comprando farmaci su Internet

Ultimo Aggiornamento: 1491 giorni

Link sponsorizzati

Ho appena letto una notizia che mi ha letteralmente sconvolto: molte donne residenti in Paesi come l’Irlanda del Nord in cui l’aborto è proibito o strettamente controllato si sarebbero rivolte al sito WomenonWeb.com per acquistare farmaci abortivi da utilizzare a casa. Una ricerca del British Journal of Obstetrics and Gynaecology riporta che:

  • Circa l’8% delle donne che ha comprato le medicine per abortire sul sito non le hai poi prese.
  • Il 58% delle donne intervistate si e’ detta grata a Women on the Web per averle aiutate.
  • Quasi l’11% si e’ dovuto comunque ricoverare e ricorrere a un intervento chirurgico per completare l’aborto, o perché i farmaci non hanno completamente funzionato o per emorragia eccessiva.

Women on Web spedisce i farmaci solo nei Paesi dove l’aborto e’ fortemente limitato ed alle donne che dichiarano di essere incinta da meno di nove settimane, come se una dichiarazione fatta attraverso il PC, magari da una minorenne, potesse avere un qualche valore; è proprio questo il lato della situazione che trovo più pericoloso, la totale mancanza del rigoroso controllo medico che servirebbe per gestire situazioni di questo genere. Il farmaco può finire in mano ad adolescenti, alla malavita ed a donne in situazioni difficili che avrebbero innanzi tutto bisogno di altri supporti.

Inoltre sapere che in un caso su 10 la donna debba comunque ricorrere al trattamento ospedaliero (magari perchè ben oltre le nove settimane) non fa che confermare la pericolosità di tale pratica.

Sono senza parole, voi cosa ne pensate? Fatemi sapere anche se non siete d’accordo con me!


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. MlleKurette

    Non sono per niente d’accordo con te. Women on Web offre un servizio prezioso, comprare farmaci abortivi attraverso internet è l’unica speranza di abortire in maniera non letale, per le donne che lo devono fare clandestinamente a causa della legge restrittiva vigente nel loro paese. Caso mai c’è da restare sconvolti del fatto che in tanti paesi un diritto fondamentale come quello all’aborto medicalmente assistito viene negato.

  2. admin

    Grazie per la tua testimonianza, anche se non condivido accetto il tuo pensiero.
    Personalmente non condivido l’aborto in quanto tale, ma riconosco il diritto di una donna di pensare diversamente. Quello che davvero mi spaventa è la superficialità con cui avviene la vendita, pensa all’assunzione del farmaco al 6-7 mese di gravidanza…

  3. mirko

    dottore ho 15 anni ho avuto un rapporto non protetto con la mia ragazza di 15 e ieri a scoperto di essere incinta i suoi genitori e i miei non hanno preso la notizia molto bene i suoi l’hanno detto di perderlo cosa posso fare

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      C’è ancora un certo tempo davanti per prendere una decisione, posso solo consigliare di pensarci serenamente e non prendere decisioni affrettate.

  4. mirko

    giusto come dice lei ma siccome siamo minorenni non si può fare niente e poi nessuno si mette a togliere una vita vero? ma lei che dice io non lo fatto apposta ma mio papa mi ha detto disgraziato vergognati lei mi direbbe come a mio papa o davvero e un guaio interminabile

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma per motivi di responsabilità non posso proprio consigliarle cosa fare; potrebbe magari valere la pena parlarne in consultorio, dove senza in alcun modo giudicare te e la tua ragazza vi spiegheranno tutte le strade che avete davanti e vi aiuteranno a prendere una decisione.

  5. mirko

    grazie ancora dottore si in consultorio e andata con i suoi e l’anno messa in contato con il ginecologo i suoi genitori si stanno convincendo i miei non tanto ma le domandano tutto se va bene io vado a scuola anche lei dice io vado lo stesso ma fino a quanto mesi può andare ?pure tutti e nove

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Se se la sente sì, non è un grosso problema da quel punto di vista.

  6. lola

    salve dottore devo fare una domanda per mia cugina ha scoperto di essere incinta e ha avuto un litigio con tutti tranne con me non so che le passato per la testa presa dallo sconforto e andata in bagno infilandosi un aggeggio al int………..per provocarsi l’aborto io sono passata da la ho forzato la porta del bagno e lo vista svenuta in un lago di sangue non sapevo come aiutarla e ho chiamato il 118 che l’anno soccorsa e pulita generalmente le stanno facendo flebo contro infezioni ha rischiato di morire ? e stato un gesto folle ? avrebbe bisogno di un aiuto?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sicuramente ha bisogno di aiuto immediato, il rischio è stato molto elevato.

  7. Anonimo

    Ciao ero contenta di avere finalmente un fratellino o sorellina mia madre di 44 anni sin da subito non era decisa io ho detto no che non succede niente voglio che nasca perche non mi piace restare figlia unica mi aveva promesso che per la 1 eco.. sarei andata con lei e non aspettavo altro ho 13 anni e ho dovuto fare gli esami a scuola al ritorno mio padre mi ha detto che era in ospedale perche era caduta dalla scala di casa e ha perso il fratellino\a io sono rimasta scontenta e triste ieri sera ho sentito mio padre che parlava con mia madre chiedendole il perche si e buttata dalla scala provocandosi tutto lei stessa ,lei rispondeva che non aveva scelta che avendo 44 anni ci sarebbero stati problemi e che non si sentiva di affrontare tutto .io mi sono arrabbiata si chiederà perche una 13 enne come me ragioni come una adulta ma volevo a tutti i costi quel fratellino\a e poi non c’era motivo di preoccuparsi perche poteva fare l’amniocentesi invece di trarre decisioni affrettate e di fare danno io a mia madre non la capisco più ,sarebbe stato bello assistere alla nascita e tenerlo in braccio e adesso io che faccio? mia madre deve essere seguita?

  8. Anonimo

    Scordavo di dire che voglio che mi risponde il Dottore e non nessun altro..

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma sono situazioni che non ho le competenze per affrontare.

  9. esperienze vissute

    Mi sono trovata giro vagando a cliccare questa pagina leggendo il commento di sopra che mi ha riportato e rivivere un esperienza vissuta.
    Ascolta cara ragazzina ti comprendo il Dottore non ha potuto darti delle risposte perche non ha le competenze per affrontarle io posso darti più di 1 risposta ,ero anche io una ragazzina che non vedeva l’ora che nascesse il fratellino anche se ne avevo altri 2 belli grandi mia madre anche essa grande di età a differenza di tua madre lei ne aveva 47 suonati e per giunta fumava quando venne a sapere che il piccolino sarebbe nato down e andata fuori di ragione e non stava più bene era contorta nel suo ragionare era stata costretta a letto a riposo ma la sua rabbia la portata a non prendere i consigli del suo dottore e faceva degli sforzi faceva faticose faccende di casa non stava a riposo a iniziato a lamentarsi di dolori frequenti e di perdite finendo col perderlo completamente in seguito si e attribuita dei sensi di colpa che era troppo grande,che ha sbagliato a fumare che per colpa sua sarebbe nato down che non voleva fare soffrire nessuno che forse era stata una scelta giusta era confusa in seguito e stata supportata da un aiuto psicologico , ero anche io 13 enne e come te capivo tutto ,tua madre forse aveva paura che per l’età sarebbe nata qualche complicanza al piccolo e ha preso decisioni affrettate e la sua confusione in generale l’ha portata al gesto azzardato di cadere volontariamente dalla scala come racconti sicuramente solo tua madre sa cosa sentiva cosa provava nel suo stato d’animo prova con la tua famiglia di farla supportare con un aiuto psicologico avrà modo di parlarne esprimendo quello che sente riuscire a venirne a capo aiutandola ad superare il suo dramma .In fine ti dico che ci potranno essere alte possibilità e magari forse non resterai figlia unica e riavrai tuo fratello\a con te . Una ragazza ormai cresciuta con esperienza che assomiglia .

Lascia un Commento

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.