Prolattina alta: sintomi, valori, cause, cure

Ultimo Aggiornamento: 1267 giorni

Introduzione

La prolattina è un ormone prodotto dall’ipofisi, la ghiandola situata alla base del cervello. La prolattina, oltre a essere importante per la crescita e lo sviluppo del seno, ha come funzione principale quella di stimolare la produzione del latte dopo il parto. In condizioni normali è presente in piccole quantità nel sangue (anche in quello degli uomini) ed è tenuta sotto controllo da un altro ormone, la dopamina, che ne inibisce la produzione.

Durante la gravidanza, però, i livelli della prolattina aumentano in modo significativo; poi, dopo il parto, la concomitanza tra l’aumento dei livelli di prolattina e la diminuzione improvvisa dell’estrogeno e del progesterone fa sì che l’organismo riesca a produrre il latte.

L’iperprolattinemia è un disturbo dato dall’eccesso di prolattina nel sangue e può colpire sia le donne che non aspettano un figlio sia gli uomini.

L’iperprolattinemia è un disturbo relativamente frequente, tra le donne in età fertile con ciclo mestruale assente e bassi livelli di FSH, circa un terzo soffre di iperprolattinemia.

Fino al 90% delle donne che soffrono di galattorrea, soffrono anche di iperprolattinemia.

Cause

L’aumento dei livelli di prolattina è causato da un concorso di cause:

  • Uso di determinati farmaci, come alcuni antidepressivi, antipsicotici e farmaci per il controllo della pressione prescritti frequentemente,
  • Uso di prodotti erboristici, come il fieno greco, i semi di finocchio e il trifoglio rosso,
  • Irritazione della gabbia toracica (causata da cicatrici chirurgiche, dal fuoco di Sant’Antonio o semplicemente da un reggiseno troppo stretto),
  • Stress,
  • Consumo di alcuni alimenti,
  • Esercizio fisico,
  • Sonno (i livelli di prolattina sono massimi durante la notte),
  • Stimolazione dei capezzoli,
  • Ipotiroidismo (tiroide meno attiva del normale),
  • Tumori dell’ipofisi. Sono tumori molto piccoli, ma da soli provocano circa il 30 per cento dei casi di iperprolattinemia.

In circa un terzo dei casi di iperprolattinemia non si riesce a risalire a una causa.

Sintomi

  • Nelle donne l’iperprolattinemia fa diminuire la produzione di progesterone dopo l’ovulazione, con eventuali successive irregolarità nell’ovulazione oppure oligomenorrea (ciclo mestruale più raro del solito); l’iperprolattinemia può addirittura far cessare del tutto il ciclo mestruale o provocare la galattorrea, cioè la produzione di latte.
  • La galattorrea può anche colpire gli uomini, inoltre l’iperprolattinemia maschile può causare impotenza, diminuzione della libido e infertilità.

Valori

Quando presenti è necessario sempre fare riferimento all’intervallo di normalità riportato sull’esito dell’esame, ma possiamo comunque provare a riportare dei valori di massima: nella donna adulta vanno da 0 a 20 (nanogrammi per centimetro cubo di sangue), mentre nella donna incinta o che ha appena partorito possono arrivare fino a 400. Se, dopo il parto, la donna non allatta i valori scendono nel giro di due settimane, mentre se allatta si normalizzano entro 3 mesi.

Nell’uomo i valori soglia sono leggermente inferiori (alcune fonti indicano 12 ng/ml, con una media pari a circa 6-7 ng/ml).

Segnalo infine di porre attenzione alle unità di misura usate, che possono differire tra esami e fonti diverse.

Il sonno, lo stress o uno sforzo fisico intenso fanno aumentare il livello di prolattina nel sangue.

(Fonte: Gynevra.it)

Diagnosi

Se il ciclo salta o le mestruazioni sono irregolari, se producete latte o avete problemi a rimanere incinta, in modo particolare se voi o il vostro compagno manifestate un qualunque sintomo dell’iperprolattinemia, il medico può prescrivervi un esame del sangue per misurare il livello di prolattina. Se è alto, il medico generalmente vi farà ripetere l’esame, a digiuno e quando sarete meno stressati.

Se il livello della prolattina risulta ancora alto, il medico vi prescriverà alcuni esami necessari per escludere problemi alla tiroide o ai reni.

Se anche la tiroide e i reni funzionano normalmente, la risonanza magnetica (MRC) o la TAC (tomografia assiale computerizzata) sono in grado di identificare eventuali tumori dell’ipofisi che potrebbero causare il disturbo.

Se la risonanza magnetica o la TAC scoprono un nodulo, questo sarà classificato secondo le sue dimensioni. Se è piccolo, è detto microadenoma, mentre se ha un diametro maggiore a 1 centimetro è detto macroadenoma.

Cura e terapia

La terapia dell’iperprolattinemia dipende dalla causa del disturbo, se il medico non riesce a diagnosticare una causa o se avete un microadenoma o un macroadenoma ipofisario, la terapia principale è farmacologica.

I farmaci usati con maggior frequenza sono il Parlodel® (bromocriptina) e il Dostinex® (cabergolina): il medico all’inizio prescriverà il dosaggio minimo e lo aumenterà gradualmente finché i livelli di prolattina non ritorneranno alla normalità. La terapia continuerà finché non riuscirete a rimanere incinta. Per l’eventuale interruzione della terapia durante la gravidanza è opportuno consultare il medico.

Tra gli effetti collaterali più frequenti del Parlodel® troviamo il capogiro, la nausea e il mal di testa. Come ulteriori effetti collaterali possono anche presentarsi: congestione nasale, vertigini, costipazione, crampi addominali, affaticamento, vomito e, in rari casi, sintomi neurologici come le allucinazioni. L’aumento graduale della dose riduce gli effetti collaterali.

Per cercare di diminuire gli effetti collaterali, è inoltre possibile assumere il Parlodel® sotto forma di tavolette o supposte vaginali prima di andare a letto (anche se non è approvato dalla FDA).

Dostinex® può essere assunto due volte alla settimana e ha molti meno effetti collaterali del Parlodel®, però è più costoso; inoltre i ricercatori hanno espresso dubbi su presunti problemi delle valvole cardiache causati dal Dostinex® assunto a dosaggi elevati. Il pergolide è stato volontariamente ritirato dal mercato statunitense proprio per questo problema.

La scelta di non curare le donne affette da iperprolattinemia con cause non diagnosticate o con tumori ipofisari di piccole dimensioni è accettabile. Analogamente, non sembra esserci alcun rischio se si assume la pillola anticoncezionale in caso di ciclo irregolare o per prevenire la gravidanza.

L’intervento chirurgico è necessario solo nei rari casi di tumori ipofisari di grandi dimensioni che non migliorano con la terapia farmacologica. In caso di tumore ipofisario di grandi dimensioni, è consigliabile eseguire controlli periodici con la risonanza magnetica o la TAC.

Se soffrite di ipotiroidismo, il medico vi prescriverà la terapia sostitutiva con gli ormoni tiroidei, che dovrebbe riportare alla normalità i livelli di prolattina. Se il farmaco o i farmaci che state assumendo sono responsabili dell’iperprolattinemia, il medico cercherà di scoprire se sono disponibili terapie alternative. In alcuni casi potrebbe essere necessaria la terapia ormonale sostitutiva per normalizzare i livelli dell’estrogeno.

 

Traduzione ed integrazione a cura di Elisa Bruno

Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      È il primo step, il meno invasivo, delle tecniche di fecondazione assistita.

  1. Anonimo

    Devo prendere cmq degli ormoni 0er farla???perché se è così. ..non posso per l adenoma…

    1. Anonimo

      Buongiorno dottore, ho un problema di Prolattina alta 2,69_ 13,1 sono un uomo, può essere causa di mancata erezione?

  2. Giusy

    A ok benissimo….dove la fanno???sempre in un centro assistito??grazie di avermi aiutato…

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      In alcuni casi anche il ginecologo privato può effettuarla; ne parli comunque prima con il suo ginecologo, non è detto che sia fattibile od utile nel suo caso specifico.

  3. Rosy89

    Buongiorno dottore, ho allattato x 16 mesi e ieri dopo 4 mesi mi è venuto in mente di premere il capezzolo e ho notato ke esce ancora qualche goccina di latte solo dal seno destro!!! X far andare via il latte ho preso 1 pasticca di dostinex. Nn so potrebbe essere qualche residuo dell’ allattamento o è impazzita la mia prolattina????

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Capita abbastanza spesso nelle donna che hanno allattato a lungo, non si preoccupi (senta comunque il medico per conferma).

    2. Anonimo

      Grazie mille, anche perché da 2 mesi il ciclo è tornato regolare adesso ho un giorno di ritardo e sto cercando il secondo figlio. Mi stavo preoccupando appunto x la prolattina

  4. Anna

    Salve Dottore .volevo un informazione da lei.. circa 5 settimane fa avevo la prolattina alta (78,2) ho contattato il mio ginecologo mi ha prescritto mezza pasticca di dostinex a settimana. Dopo un mese ho rifatto la prolattina e oggi e (4.4) dopo 10 gg dal prelievo ho fatto la risonanza magnetica con Mdc..e il referto dice: Andenoipofisi di volume complessivamente nei limiti del possibile,;minima bozzatura del profilo gliandolare superiore e laterale destro per la presenza di una minuta (circa5mm) areola rotondeggiante ipovascolare rispetto al penducolo ipofisario
    Penducolo ipofisario in asse
    Regolare morfologia della neuroipofisi
    Il chiama ottico e gli spazi liquori parasellari sono nei limiti..
    Questo è il referto mi devo preoccupare? …
    Ps: ho fatto anche il progesterone il 23 giorno e a (16,08)..
    Aspetto una sua risposta Grazie di cuore

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma per scelta non esprimo mai giudizi sui referti ecografici.

  5. sonia

    Salve dott volevo un suo parere ho fatto l esame della prolattina e il risultato e 58,0 ng/ml. puo dirmi se e alta. Gz

  6. sonia

    Mesturazioni 5,0-35,0
    Menopausa 3,0-35,0
    Che significa puo darmi una spiegazione gz.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, è un pochino alta; probabilmente prima di approfondire le possibili cause (le trova descritte nell’articolo) il medico suggerirà di ripetere il dosaggio in 2-3 tempi (a volte lo stress incide moltissimo sul risultato).

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      La mancanza di ovulazione può dipendere dalla prolattina alta.

  7. Emanuele

    Salve dottore. Un mese fa ho fatto un esame della prolattina ( la mattina presto con un solo prelievo ) per un problema di ginecomastia. La prolattina risulta 23,52 , presi in considerazione come valori “normali ” 4-15. Ora naturalmente farò della visite di accertamento, ma si può queso considerare un caso di ioerprolattinemia ?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente no, ma per verificare potrebbe venirle consigliato di ripetere il prelievo (questa volta in due tempi).

  8. sonia

    Dott posso rimanere incinta cn questi risultati prolattina 58,0e valori di riferimento mesturazioni 5,0-35,0
    Menopausa 3,0 -35,0 gz

  9. sonia

    Salve dott volevo chiederle dv incominciare a prendere dostinek 1compressa a settimana x la prolattina ma se prendo questa pasticca posso prvare ad avere una gravidanza oppure dv aspettare che finisco la cura gz

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente può provare, ma è una valutazione/decisione che spetta alla ginecologa.

  10. marika

    Salve dott volevo un suo consiglio ho problemi di stitichezza prendo ogni 2giorni una pasticca le dieci erbe ma sto cercando di avere un bimbo queste pasticche sn un problema se le continuo a prendere gz in anticipo.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Alcune delle sostanze contenute si preferisce non assumerle in gravidanza.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Ne parli con il ginecologo o con il medico, valuteranno se farla continuare con quello o se passare ad altro da poter continuare anche una volta incinta (io non posso prescrivere nulla).

      Ovviamente raccomando abbondante frutta e verdura, acqua ed esercizio fisico.

  11. delia

    Salve, io ho spesso mal di testa-stanchezza- e gonfiore palpebrale. Mi pare i sintomi peggiorino poco prima del ciclo. Rmn negativa,nessun adenoma, tiroide ok solo tsh che tende a salire ma eurotirodeo. Prolattina un po fuori dal limite (prelievo in tre tempi fatto), progesterone che fa un grande picco/sbalzo. (Ciclo prima ogni34gg, ora anche 40e oltre o assente x qualche mese)..ovaie ok da controllo. Pensa il.gonfiore oculare possa dipendere dagli ormoni? X i reni ho effettuato solo ecografia ed e’tutto nella norma.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, viene da pensare che sia comunque legato alla sindrome premestruale.

  12. anonima

    salve dottore. mio marito a fatto la spermografia .valore di riferimento 11 milioni di spermatozoi .lui ne ha solo 2milioni.nn riesco e restare incinta il gine mi ha detto ke dovrò fare l inseminazione artificiale. premetto ke gia o un bambino .ma ne volevo un altro .nn riuscimo cke mio marito nn ha piu la tiroide tolta anni fa .e quindi il gine mi ha consigliato quedto .premetto ke la farò .io ho 30anni mio marito 38.volevo sapere a fare la fecondazione assisitita quante probalilita ci sono di gemellare ? adesso deve fare un po di esami e dopo la faro attendo sua rispost grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Purtroppo non ho a disposizione statistiche precise, mi dispiace.

    2. anonima

      le spiego .dle zie di mia mamma anno gemellato tutte .2miei cugini pure.e la mamma di mia suocera pure .cosa dice le possibilita sono alte ? attendo sua risposta

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sembrano parentele non troppo dirette (come potrebbero esserle mamma e nonna materna), quindi probabilmente la possibilità è pari a quella di qualsiasi altra donna.

  13. Anonimo

    Sto facendo degli analisi approfonditi per la prolattina perché non riesco a rimanere incinta …dopo dovrò prendere uno dei due farmaci che ho preso da ragazza …volevo sapere quale dei due ha meno effetti collaterali ?grazie e quanto costano ?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sceglierà il ginecologo in base a diversi fattori, ma se ben dosati sono in genere ben tollerati.

  14. Michele

    Salve dottore il mio psichiatria per DOC mi ha associato per poco tempo il dobren da 50 mg, mezza pasticca la mattina per 10gg e mezza a mezzo giorno. Dopo solo metà pasticca per altre 10× gg. Questa dose per solo 20 gg potrebbe aumentare la mia prolattina con effetti collaterali o dopo l interruzione tutto tornerà normale? Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente non ci saranno disturbi od interferenze sul sistema endocrino e, anche se ci fossero, saranno comunque reversibili.

  15. Kassandra

    Buonasera Dottore, allora li pongo quello che mi succede da 5 anni che cerco di rimanere in cinta, non potendo sono andata dal medico e mi hanno dato da fare degli esami, tutto apposto ma dagli ultimi esami del sangue che ho fatto mi è uscito un ipotiroidismo con anticorpi positivo è una iperprolattinemia alta.
    vorrei un suo consiglio visto che questo è nuovo per me, mi devo preoccupare? È rischioso per me è Riuscirò a rimanere in cinta? Spero la sua risposta buonasera.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non si deve preoccupare, in linea di massima riuscirà a rimanere incinta; al momento serve un po’ di pazienza perchè è necessario indagare e correggere questi due aspetti.

  16. OLGA

    BUONA SERA DOTTORE , SONO UNA DONNA DI 41 ANNI DA 14 ANNI HO UN MICROADENOMA ALL’IPOFISI CHE NON MI HA MAI PROVOCATO NESSUN DISTURBO ALL’EPOCA HO SCOPERTO DI AVERLO PER VIA DEL CICLO IRREGOLARE HO FATTO L’ESAME DELLA PROLATTINA IL VALORE ERA ALTO E L’ENDOCRINOLOGO MI HA CONSIGLIATO UNA RISONANZA .OGGI NON PRENDO PIU IL DOSTINEX DATO CHE L’HO PRESO PER DODICI ANNI E IL MICROADENOMA RISULTA DALL’ULTIMA RISONANZA SOVRAPPONIBILE ,PERO’ L’ENDOCRINOLOGO MI HA CONSIGLIATO DI FARE IL CONTROLLO DELLA PROLATTINA OGNI SEI MESI , L’ESAME PERO’ MI HA DETTO CHE LO DEVO FARE MEDIANTE LA FLEBO IN DIVERSI DOSAGGI PER ESSERE VERITIERO . ORA IO LE CHIEDEVO MA L’ESAME DELLA PROLATTTINA VA EFFETTUATO PER ESSERE VERITIERO SOLO CON LA FLEBO E A 3 DOSAGGI ?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, fatto così è sicuramente molto più affidabile.

  17. OLGA

    VA BENE LO STESSO CON AGOCANULA OPPURE BISOGNA UTILIZZARE LA FLEBO OBBLIGATORIAMENTE ?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Credo che lo specialista intendesse proprio l’ago, che viene inserito in vena e lasciato lì per il tempo dei tre prelievi.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Si attenga scrupolosamente alla prescrizione dello specialista, presentandola in ospedale/laboratorio o dal medico curante se prescriverà l’impegnativa.

  18. 0102

    Dottore ma é vero Che il farmaco eurotirox puö abbassare anche la prolattina? Io ho ipotiroidismo subclinico con tsh un pö sopra i valori ( al centro mi hanno prescritto eutirox e mi hanno detto che questa pastiglietta dovrebbe abbassare anche un pó la prolattina..ma é possibile che abbia capito male? Cosa c’entra la prolattina con la tiroide?

  19. 0102

    Grazie dottore tutto chiarissimo. Ho un lieve ipotiroidismo che in vista di un percorso pma sto curando con questa pastiglia e la prolattina un pó sopra i valori e mi é stato detto che regolando il tsh scenderá anche lei..infatti da quando ho iniziato la cura ho le mestruazioni piú regolari cosa che prima non avveniva ma non só se questo é dato da eutirox o da alcune bustine che mi hanno dato comunque sono felice😊. Grazie mi ha chiarito parte dei miei dubbi. A volte i medici non vanno molto a fondo pensano a curare e giustamente non a dare troppe spiegazioni. Le auguro una splendida giornata!

  20. Anonimo

    Dottore salve le espongo la mia situazione. Al ritiro delle analisi del ferro, emo cromo e prolattina ho riscontrato delle anomalie per la sideremia (49 ed il minimo era 50) per la ferritina a 5,89 e la prolattina a 33,7 mentre il valore massimo era 26,5.
    Per quanto riguarda ferritina e sideremia che credo siano pressocchè parte dello stesso problema, cioè ho una carenza di ferro in buona sostanza (o sbaglio?) e non credo che sia una cosa pericolosa. La prolattina mi preoccupa molto. Ovvio che andrò dal mio medico, però cosa ne pensa? Qualche mese fa era pure un po’ più alta. Mi preoccupa perché ho paura che possa essere la conseguenza di qualche tumore al cervelletto.

    1. Anonimo

      Ho fatto comunque una ecografia alla tiroide tempo fa e non ho problemi.

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Lo scarso aumento della prolattina potrebbe essere legato allo stress del momento; credo che il medico non lo considererà un problema o, al limite, potrebbe decidere di verificare con un prelievo in due tempi.

      Sì, potrebbe invece esserci una carenza di ferro di cui andranno indagate le cause.

  21. Anonimo

    Anche nelle scorse analisi la prolattina era alta ed io ho paura perché penso ad un tumore. Comunque da cosa potrebbe dipendere la carenza di ferro oltre che ad un ridotto consumo di carne? Spesso mi gira la testa. E mi viene male a respirare con annesso peso alla bocca dello stomaco

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Come detto credo che la prolattina non sia un problema.
      Se è donna potrebbe essere un problema legato a mestruazioni abbondanti.

    2. Anonimo

      Ad essere sincera le mie mestruazioni sono del tutto irregolari e a volte pure scarse sia in quantità che flusso.

    3. Anonimo

      Ad essere sincera le mie mestruazioni sono molto irregolari e scarse sia per quantità che flusso. Quindi? Adesso cosa ne pensa?

Lascia una risposta

IMPORTANTE: In nessun caso la figura del farmacista può sostituire quella del medico, unico professionista con le competenze e la possibilità legale di formulare diagnosi e prescrivere farmaci. Le considerazioni espresse hanno quindi come unica finalità quella di agevolare in ogni modo il rapporto medico-paziente, mai ed in nessun caso devono prenderne il posto.

Gli interventi inviati potrebbero richiedere fino a 15 minuti per essere visibili sul sito.

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.