Colonscopia virtuale: preparazione e altre domande frequenti

Ultimo Aggiornamento: 92 giorni

Introduzione

La colonscopia virtuale, anche detta colon‑TC, è una procedura basata sull’uso associato di raggi-X e computer per la generazione di immagini del retto e dell’intero colon. La colon‑TC può evidenziare tessuti irritati e gonfi, ulcere e polipi (formazioni di tessuto che crescono sul rivestimento dell’intestino).

Questa procedura è diversa dalla colonscopia tradizionale, che permette l’osservazione dall’interno del retto e di tutto il colon tramite un colonscopio, ossia un tubo lungo, sottile e flessibile dotato a un’estremità di luce e di una piccola telecamera.

A differenza della colonscopia, quella virtuale non richiede sedazione o anestesia, ma purtroppo non garantisce pari efficacia in fase di diagnosi.

Retto e colon

Il retto e il colon sono parti del tratto gastrointestinale, una serie di organi cavi uniti a costituire un lungo tubo attorcigliato dalla bocca fino all’ano (l’apertura di circa 25 mm attraverso cui le feci fuoriescono dal corpo).

L’organismo digerisce il cibo tramite i movimenti dei muscoli del tratto gastrointestinale, insieme al rilascio di ormoni ed enzimi.  Gli organi che costituiscono il tratto sono nell’ordine:

  • bocca,
  • esofago,
  • stomaco,
  • intestino tenue,
  • intestino crasso (composto da appendice, cieco, colon e retto)
  • e ano.

Talvolta viene usato il termine “visceri” per indicare l’intestino.  L’ultima parte del tratto gastrointestinale, ossia il tratto inferiore, include l’intestino crasso e l’ano.

Negli adulti l’intestino crasso è lungo circa 150 cm; la sua funzione è l’assorbimento dell’acqua e dei nutrienti residui del cibo parzialmente digerito dall’intestino tenue. L’intestino crasso quindi trasforma scorie liquide in una massa solida, le feci.

Le feci passano dal colon al retto.  Negli adulti, il retto è lungo circa 15-20 cm ed è situato tra l’ultima parte del colon (chiamata sigma) e l’ano.  Il retto accumula le feci fino alla defecazione.  Durante quest’ultima, le feci passano dal retto all’ano.

Indicazioni alla colonscopia virtuale

La colonscopia virtuale viene eseguita nei seguenti casi:

Il gastroenterologo (medico specializzato in malattie del sistema digerente) può richiedere una colonscopia virtuale anche come screening del cancro del colon.

Lo screening è la ricerca di malattie tramite esami specifici in soggetti asintomatici e può permettere di identificare una malattia in fase precoce, quando ci sono maggiori probabilità di cura. Da notare che tuttavia non esistono dati sufficienti a definire pienamente l’efficacia della colonscopia virtuale come strumento di screening del tumore al colon, per cui in genere si preferisce la ricerca di sangue occulto nelle feci seguita eventualmente da sigmoidoscopia o colonscopia.

Lo screening per questa forma tumorale coinvolge in genere soggetti indicativamente tra i 50 e i 70 anni, oppure più giovani nel caso di soggetti con una storia familiare di cancro del colon, in portatori di malattie infiammatorie croniche dell’intestino (patologie croniche che causano irritazione e ulcere del tratto intestinale) o di altri fattori di rischio per il cancro del colon.

Preparazione alla colonscopia virtuale

Colloquio con il gastroenterologo

Nel programmare una colonscopia virtuale il soggetto dovrà riferire al gastroenterologo le proprie condizioni di salute ed eventuali terapie, compresi i farmaci di auto-medicazione, vitamine e integratori, in particolare:

Dovrà essere comunicata un’eventuale gravidanza in corso, perché il feto in sviluppo è particolarmente sensibile ai raggi-X. Il tecnico di radiologia dovrà adottare precauzioni speciali per ridurre al minimo l’esposizione, ma in questo caso il gastroenterologo potrà suggerire una procedura alternativa, come la colonscopia.

Pulizia dell’intestino

Al soggetto verrà verranno fornite apposite istruzioni scritte da seguire a casa per la preparazione dell’intestino. Le istruzioni tendono a ridurre o eliminare le feci presenti nell’intestino.

Con una preparazione intestinale completa il soggetto alla fine evacuerà feci liquide trasparenti (le feci solide all’interno del colon possono impedire l’acquisizione di scansioni TC nitide del rivestimento intestinale).

Le istruzioni in genere prescrivono l’assunzione di una dieta liquida senza fibre per 1-3 giorni prima della procedura, mentre vietano bevande contenenti coloranti rossi o color porpora.  Sono inoltre precisati l’inizio e la fine della dieta liquida senza fibre.

È in genere possibile bere o mangiare:

  • brodo privo di grassi,
  • acqua,
  • caffè nero o tè, senza panna o latte,
  • integratori idro-salini.

È poi necessario assumere lassativi e sottoporsi a clistere la sera prima dell’esame.

  • Il lassativo è un farmaco che rende le feci molli e aumenta i movimenti intestinali.
  • Il clistere consiste nell’introduzione rapida di acqua o lassativi nel retto tramite speciali bottiglie.

Lassativi e clisteri possono provocare diarrea, quindi è consigliabile seguire la preparazione a casa.

I lassativi di solito vengono assunti sotto forma di pillole o polveri sciolte in acqua; in alcuni casi sarà necessarioassumere lassativi in forma liquida in grandi quantità fino a 4 litri e oltre) a orari stabiliti.  È possibile trovare questi aspetti della preparazione dell’intestino difficili, ma è importante eseguire la preparazione fino in fondo e con scrupolo, perchè se la preparazione è incompleta le immagini non saranno chiare.

Il soggetto dovrà contattare il gastroenterologo se compaiono effetti collaterali tali da impedire il completamento della preparazione.

Assunzione del mezzo di contrasto

La notte prima della procedura il soggetto dovrà bere un liquido contenente uno speciale colorante, chiamato mezzo di contrasto.  Il mezzo di contrasto è visibile ai raggi-X e può aiutare a distinguere i polipi dalle feci.

Si raccomanda in ogni caso di fare sempre riferimento alle indicazioni di preparazione fornite dal proprio ospedale.

Esecuzione

La colonscopia virtuale viene eseguita in ambulatorio o in ospedale da un radiologo (medico specialista in immagini).  Non è necessaria l’anestesia.

Per l’esame il soggetto verrà fatto sdraiare su un lettino mentre il radiologo inserisce un tubo sottile attraverso l’ano nel retto.  Il tubo serve a insufflare aria nell’intestino crasso per migliorare la visualizzazione.

Il lettino verrà fatto scivolare in un dispositivo a forma di tunnel con cui il radiologo acquisisce le immagini radiografiche.

Il radiologo può chiedere di trattenere il fiato varie volte durante l’esame per ottenere immagini ferme; chiederà anche al soggetto di girarsi su un fianco o sullo stomaco in modo da acquisire immagini dell’intestino crasso da angolazioni diverse.

La procedura dura circa 10-15 minuti.

Dopo l’esame

È possibile che compaiano crampi o gonfiore durante la prima ora dopo l’esame, ma sia il recupero delle normali attività che il ripristino di una dieta normale sono immediati.

A seguito dell’esame le immagini verranno interpretate da un radiologo, che valuterà i risultati redigendo una relazione che verrà poi messa a disposizione del gastroenterologo; in caso di riscontri anomali si potrà valutare una colonscopia tradizionale.

Quando contattare il medico

Rivolgersi in Pronto Soccorso nel caso in cui a seguito di colonscopia virtuale comparissero:

  • intenso dolore addominale,
  • febbre,
  • sangue nelle feci o sanguinamento dall’ano,
  • vertigini,
  • debolezza.

Rischi della colonscopia virtuale

I rischi della colonscopia virtuale sono:

  • l’esposizione a radiazioni,
  • la perforazione (un foro o una lacerazione del rivestimento del colon).

L’esposizione alle radiazioni può causare tumori ma, benché non sia nota la dose di radiazioni massima tollerabile, si ritiene che il rischio associato a questi tipi di esame sia contenuto e comunque inferiore ai benefici attesi.

L’insufflazione di aria nel colon comporta un piccolo rischio di perforare il rivestimento intestinale (la perforazione richiederebbe un intervento chirurgico).

Vantaggi e svantaggi

La colonscopia virtuale mostra tutto l’addome (l’area tra il torace e le anche) e può mostrare anomalie anche al di fuori del tratto gastrointestinale; in teoria questi reperti possono richiedere ulteriori approfondimenti, aumentando spese e ansia.

Rispetto alla colonscopia tradizionale, quella virtuale presenta i seguenti vantaggi:

  • non richiede l’inserimento di un endoscopio per tutta la lunghezza del colon, con evidenti benefici per il paziente in termini di accettazione dell’esame e comfort durante lo stesso,
  • non è necessaria l’anestesia, il soggetto può riprendere le proprie attività normali o andare a casa dopo la procedura senza necessità di accompagnatori,
  • durata inferiore,
  • il radiologo può usare una colonscopia virtuale per visualizzare l’interno di un colon ristretto a seguito di infiammazioni o per la presenza di un polipo.

Gli svantaggi della colonscopia virtuale rispetto ad altre forme di screening invece sono:

  • richiede comunque una preparazione dell’intestino e l’inserimento di un tubo nel retto,
  • il radiologo non può prelevare campioni tessutali o polipi, né arrestare un sanguinamento conseguente a un’eventuale perforazione,
  • se l’esame evidenziasse un polipo o un tumore si renderebbe necessaria la colonscopia per confermare o trattare l’anomalia; con la colonscopia, trattamento e diagnosi possono essere eseguiti nella stessa sessione d’esame,
  • la colonscopia virtuale può essere meno efficace della colonscopia nel rilevare alcuni polipi,
  • può interferire con dispositivi medicali impiantati, che il paziente dovrà precedentemente segnalare a gastroenterologo e radiologo,
  • non può essere eseguita in gravidanza.

Fonte principale: NIH

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

La sezione commenti è attualmente chiusa.