Colonscopia: preparazione, procedura, dolore, …

Ultimo Aggiornamento: 931 giorni

Link sponsorizzati

Cos’è la colonscopia?

http://www.cancer.gov/Templates/db_alpha.aspx?CdrID=45648

http://www.cancer.gov/Templates/db_alpha.aspx?CdrID=45648

La colonscopia è una procedura utilizzata per visualizzare l’interno del colon e del retto. La colonscopia serve a rilevare tessuti infiammati, ulcere e crescite anomale.

La procedura viene utilizzata ad esempio per cercare i segni precoci di tumore del colon-retto e può aiutare i medici a diagnosticare inspiegabili cambiamenti delle abitudini intestinali, dolore addominale, sanguinamento dall’ano e perdita di peso.

Tratto da un commento, ricevuto in data 19.01.2011:

Buonasera a tutti: rilascio la presente solo a titolo di testimonianza visto che ieri ho posto il quesito della possibilità di eseguire la colonscopia senza sedazione
Oggi pomeriggio ho eseguito il tutto e, al di là del risultato lascio un commento circa l’esecuzione che è la cosa che preoccupa forse la maggior parte del pubblico:

Tenuto conto che ognuno di noi ha una propria soggettività sulle sensazioni di fastidio e soglia del dolore, l’esame inizia con un appropriato trattamento della regione anale con sostanza gelatinosa per agevolare al meglio l’ingresso della sonda così da non dare particolare dolore al momento dell’entrata; si sente più che altro una sensazione di fastidio (ovvia) e una pressione a livello anale data dalla spinta della sonda verso il retto e dall’aria che viene insufflata per distendere le pareti dei tessuti – Per tutta la prima parte del colon, iniziando dal retto e passando per il sigma e per tutto il tratto del colon discendente e del trasverso si avverte solo un aumento della pressione di cui accennavo prima ma non un dolore vero e proprio, forse in certi momenti una lieve sensazione di mal di pancia ma leggero questo fino alla cosiddetta flessura epatica ovvero nella grande curva un po’ angolata che conduce al colon ascendente a circa 8-10 cm dal cieco; in quest’ultimo tratto il dolore si fa più acuto e corrisponde a un forte mal di pancia che peraltro si avverte più nella zona del colon discendente che non nella zona dove effettivamente la sonda si trova – Nel corso dell’estrazione della sonda si avverte anche un certo fastidio da sfregamento nella zona anale che va attenuandosi man mano che l’apice della sonda raggiunge il retto e la zona delle emorroidi
Ad estrazione avvenuta resta una sensazione di gonfiore (senza dolore) determinato sempre dall’aria insufflata che viene espulsa, a seconda dei soggetti, nel giro di una mezz’ora o di qualche ora

Tempo di esecuzione: nel mio caso circa 50 minuti di sola ispezione – Non ho subito prelievi di tessuto

Conclusioni: personalmente ho richiesto di eseguire il tutto senza sedazione, a conti fatti forse un leggero stordimento farmacologico eviterebbe la sensazione di dolore più elevato che si percepisce nell’esplorazione dell’ultima parte di intestino (ascendente/cieco) che magari solo per soggettività, ho ritenuto di elevata intensità considerato che potrei anche aver avuto qualche aderenza determinata da un precedente intervento di appendicectomia

Mario

Cos’è il colon e cosa il retto?

Il colon e il retto sono le due parti principali dell’ intestino.

Durante la digestione il materiale indigerito entra nel colon dall’intestino tenue sotto forma di materiale semisolido; da qui le scorie si spostano verso l’ano, mentre il colon elimina parte dei liquidi ancora presenti e forma le feci.

Il retto è di circa 6 centimetri di lunghezza e collega il colon all’ano. Le feci lasciano infine il corpo attraverso l’ano. I muscoli e i nervi nel retto e nell’ano controllano i movimenti intestinali.

Preparazione alla colonscopia

Il medico o l’ospedale di solito forniscono istruzioni scritte su come prepararsi alla colonscopia. Il processo è chiamato preparazione intestinale.

Tutti i residui solidi devono essere eliminati dal tratto gastrointestinale seguendo una dieta povera di fibre nei 3 giorni prima dell’esame, evitando quindi di assumere frutta, verdura e alimenti integrali.

Sono invece concessi: carne, pesce, formaggi e altri latticini, salumi.

I pazienti non devono infine bere bevande contenenti colorante rosso o viola, mentre non c’è problema bevendo:

  • brodo o minestre senza grassi,
  • acqua,
  • caffè liscio,
  • tè liscio,
  • bevande sportive come il Gatorade,
  • gelatina.
http://it.wikipedia.org/wiki/File:Rectal_bulb_syringe.jpg
http://it.wikipedia.org/wiki/File:Rectal_bulb_syringe.jpg

Un lassativo e/o un clistere possono essere richiesti il giorno prima della colonscopia.

I lassativi prescritti sono di solito sotto forma di pillole o polvere sciolta in acqua (spesso sotto forma di buste da sciogliere in 4 l di acqua, per esempio Selg Esse, Isocolan, Polietilnglicole ABC), mentre il clistere viene eseguito mediante somministrazione di liquidi salini attraverso l’ano, utilizzando uno speciale contenitore di lavaggio.

La sera precedente l’esame sono concessi thè zuccherato, camomilla o comunque una dieta esclusivamente liquida. I farmaci prescritti per un’eventuale terapia in corso possono invece essere assunti anche il mattino dell’esame.

I pazienti devono informare il medico delle loro condizioni mediche e dei farmaci, le vitamine o gli integratori assunti regolarmente, tra cui:

  • aspirina,
  • farmaci per l’artrite od antinfiammatori,
  • fluidificanti del sangue,
  • farmaci per il diabete,
  • ferro.

Come viene eseguita la colonscopia?

Durante la colonscopia i pazienti, accomodati su un lettino ospedaliero od una barella, si devono adagiare sul lato sinistro del corpo: nella maggior parte dei casi un leggero sedativo e degli antidolorifici aiutano a mantenere i pazienti rilassati. Una seduzione più profonda può essere richiesta per aumentare la compliance del paziente (ossia la collaborazione e l’adesione alla procedura del soggetto). Il medico ed il personale medico dovrebbero monitorare i segni vitali dei pazienti e cercare di rendere l’esame il più confortevole possibile.

Il medico inserisce lentamente nell’ano il colonscopio (una sonda lunga, flessibile ed illuminata) e lo guida attraverso il retto e nel colon. L’intestino viene gonfiato con anidride carbonica per offrire al medico una maggior visuale. Una piccola telecamera montata sulla sonda trasmette un’immagine che proviene dall’interno, consentendo al medico di esaminare attentamente il rivestimento intestinale.

Il medico può chiedere al paziente di spostarsi periodicamente in modo che la zona di esplorazione possa essere regolata per una migliore visualizzazione.

Il sanguinamento e la perforazione dell’intestino crasso sono possibili, ma non comuni, complicazioni della colonscopia.

Asportazione di polipi e biopsia

Un polipo è una piccola escrescenza che può svilupparsi sulla parete del colon od in altri tratti dell’intestino; i polipi sono comuni negli adulti e di solito sono innocui tuttavia, la maggior parte dei tumori colon-rettali, comincia come un polipo.

Rimuovere polipi precocemente durante la colonscopia è quindi un modo efficace per prevenire il cancro.

Il medico può anche prelevare campioni di tessuti anormali che vengono rilevati durante l’esame. La procedura, detta biopsia, consente al medico di osservare scrupolosamente il tessuto con un microscopio per individuare eventuali segni di malattia.

Il medico rimuove i polipi e raccoglie del tessuto da sottoporre a biopsia utilizzando piccoli strumenti. Se si verifica sanguinamento, è possibile fermarsi mentre la sonda passa nella zona. La rimozione dei tessuti e le cure per fermare l’emorragia di solito sono indolore.

Recupero

La colonscopia può durare fino a 60 minuti, anche se spesso si risolve più velocemente. Crampi o gonfiore possono verificarsi durante le prime ore dopo l’esame.

Il sedativo deve avere il tempo di essere smaltito dal corpo. I pazienti possono avere bisogno di rimanere in ospedale per 1 o 2 ore dopo l’esame, mentre il recupero completo è previsto per il giorno successivo.

I pazienti che manifestano uno qualsiasi di questi effetti indesiderati dovrebbero contattare il proprio medico immediatamente:

  • gravi dolori addominali,
  • febbre,
  • perdite intestinali con sangue,
  • vertigini,
  • debolezza.

Si consiglia infine di non guidare per 12 ore dopo la colonscopia per consentire al sedativo di essere smaltito.

A che età dovrebbe essere eseguita la colonscopia?

La colonscopia come routine per la ricerca dei segni precoci di cancro dovrebbe essere eseguita a 50 anni per la maggior parte delle persone, prima se c’è nella storia di qualche familiare un tumore del colon-retto, una storia personale di malattia infiammatoria intestinale o altri fattori di rischio.

Il medico può consigliare i pazienti su quanto spesso eseguire una colonscopia.

Colonscopia e dolore: fa male?

In linea generale la colonscopia, più che dolorosa, è sicuramente fastidiosa.

In alcune circostanze, per esempio in presenza di particolari conformazioni dell’intestino, l’esame può essere effettivamente doloroso; per ovviare a questa problematica è sempre più frequente il ricorso a diversi tipi di sedazione:

  • cosciente o vigile, in cui il paziente rimane consapevole di quanto sta accadendo;
  • profonda, in cui il soggetto difficilmente è in grado di rispondere a stimoli esterni;
  • anestesia generale, il paziente è del tutto incosciente.

La sedazione cosciente è la scelta più frequente, in cui viene somministrato un farmaco ad effetto sedativo ed un potente antidolorifico.

Una sedazione profonda, benchè richieda la presenza di un anestesista, presenta l’indubbio vantaggio di permettere al paziente di non conservare ricordi sgradevoli relativi alla procedura, con una possibilità maggiore che si presti nel futuro ad ulteriori controlli.

La colonscopia virtuale

La colonscopia virtuale è un’alternativa basata su tecniche radiologiche non invasive che consente un’esplorazione virtuale del colon attraverso una TAC all’addome, previa introduzione di aria all’interno del lume intestinale attraverso un piccolo catetere inserito attraverso l’ano.

Effettuata l’analisi, un software apposito consente la visualizzazione delle immagini in 3 dimensioni, permettendo quindi un’analisi medica accurata e sopratutto in differita.

L’esame dura circa 10 minuti e richiede lo stesso tipo di preparazione visto per la tradizionale, non prevede  invece somministrazione di antidolorifici o tranquillanti.

Data la natura della procedura, in caso di rilevazione di polipi o tumori del colon, questi verranno rimossi attraverso una colonscopia tradizionale.

Allo stato attuale non è tuttavia possibile garantire per ogni caso un’efficacia paragonabile alle tecniche tradizionali, quindi la colonscopia virtuale si pone come complemento all’analisi tradizionale quando quest’ultima sia stata incompleta oppure come alternativa in pazienti a grave rischio di complicanze (pazienti anziani, patologie a carico del cuore, …).

L’esame è riconosciuto dal sistema sanitario nazionale italiano.

Da un recente sondaggio presentato al congresso statunitense DDW 2012 (Digestive Disease Week), è tuttavia emerso che 90 pazienti sottoposti a colonscopia tradizionale e virtuale nello stesso giorno, interrogati su quale metodica fosse risultata più gradita, hanno risposto per il 77% di preferire il controllo tradizionale.

Sono conclusioni in parte soprendenti, ma che confermano il fatto che se l’esame è praticato con adeguata sedazione non risulta essere più fastidioso dell’alternativa virtuale (Fonte: Medicitalia)

In sintesi

  • La colonscopia è una procedura utilizzata per visualizzare l’interno del colon e del retto.
  • Tutti i solidi devono essere eliminati dal tratto gastrointestinale seguendo una dieta liquida il giorno prima dell’esame.
  • Durante la colonscopia un sedativo, un antidolorifico ed eventualmente altri farmaci aiutano a mantenere i pazienti rilassati.
  • Un medico può rimuovere polipi ed eseguire la biopsia di tessuti anormali durante la procedura.
  • Non si consiglia la guida per 12 ore dopo la colonscopia per consentire al sedativo di essere eliminato dal corpo.
  • La procedura difficilmente comporta molto dolore, tuttavia il fastidio può essere rilevante; per ovviare a questo esistono diversi approcci di sedazione.
  • La colonscopia virtuale, al momento, risulta essere un complemento più che una reale alternativa alla tradizionale.

Traduzione ed integrazione da NI a cura della Dr.ssa Elisa Campana


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. lucia

    dottorr le scrissi qualche gg fa ….sono passati tre gg dalla colonscopia ma il dolore al lato sx lo sento ancora chiamai il ge e mi disse di stare tranquilla ma ora oltre al dolore che inizia quando devo andare in bagno ho visto qualche filamento di sangue nelle feci ma dopo tre gg?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Tre giorni sono ancora pochi; il dolore sta peggiorando o magari (almeno leggermente) migliorando?

  2. lucia

    devo dire che di notte dormo quando mi sveglio sto meglio ma appena vado in bagno ricomincia il dolore parte sinistra a volte diminuisce a volte e’ forte secondo lei questi dolore andra’ via?nella prima colonscopia non ho avuto questi problemi!!!!

  3. lucia

    scusi dottore per l’ insistenza….al momento del risveglio nn avevo dolore ma l’ho avverto subito dopo che vado in bagno….ho chiamato nuovamente il ge che mi ha effettuato colonscopia ha detto che sicuramente il colon e’ ancora risentito dall’esame ma….dopo quattro gg!!!!le volevo chiedere ho un pensiero x la testa…nn e’ che c’e’ qualch
    e perforazione?dal giorno dopo cmq vado in bagno regolarmente e faccio aria dottore puo’ dpiegarmi perfavore?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Il fatto che al risveglio non sentisse più dolore è un ottimo segnale, vedrà che ogni giorno andrà meglio del precedente.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      A mio parere no, ma più del mio conta quello dello specialista.

    2. lucia

      ma dottore lui mi dicr che e’ – un indolenzimento a causacdell’esame ma volevo sapere se era perforazione sarebbe vista nello stesso giorno o massimo due giusto?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Stia serena, al di là del dolore che non metto in dubbio, si sta davvero facendo prendere dal panico e questo non può che peggiorare i sintomi.

    4. lucia

      dottore stamattina mi sono svegliata con un mal di pancia fortisdimo ho fatto aria poi sonovandatavin bsgno due voltrcon feci nn formate…tutt’ ors accuso questo msl di pancia io ho psurs che sia uns conseguenza dells colonsvopia?cosa devp fare?

    5. lucia

      dottorr ieri quel dolore mi toglieva il fiato ma stanotte ho dormito bene….ma non capisco perche’ appena devo andare in bagno si ripresenta il dolore sl lato sx dell’ombellico e basso ventre…dottore mi puo”‘ dire xfavore se la perforazipne in quanto tempo avviene dalla colonscopia perfavore mi dia questa informaxione e poi wuali sono i sintomi? io cmq vado in bagno e faccio aria…wuest’ultima con un po’ di difficolta’

  4. lucia

    e poi che tipo fi esami devo fare x controllare questo dolore al lato sx devo fare dei raggi o ecografia?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Se fosse perforato se ne sarebbe già accorta (febbre, sangue, …); soffre di stitichezza?

  5. lucia

    no dottore ne febbre e sangue….no nn soffro di stitichezza il giorno dell’esame emettendo aria vidi solo dei filamenti piccoli di sangue ma penso sia normale poi vado in bagno gia’ dal giorno dopo dell’esame quindi posso stare tranquilla?sto prendendo ibs active e neocarvi per un mese ma da quando prendo questi integratori sento sempre aria….quindi il dolore al fianco sinistro puo’ essrre che sia un po’ indolenzito ancora?ma da una settimana dall’esame?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, può essere indolenzito, inoltre l’ansia è causa di contrazione involontaria dei muscoli che può causare dolore e prolungare i tempi.

  6. Isa

    Buongiorno Dottore Cimurro…Un consiglio….devo passare la colonscopia , l’ultima volta il lassativo ,( Citrafleet) mi ha dato dolore forti , anche alle braccie e gambe con problemi respiratorio (iperventilazione?)Non c’è un altro lassativo meno aggressivo? posso prendere nello stesso tempo un analgesico? Grazie ….

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Nessun problema per l’analgesico, valuti magari con il medico Moviprep o simili.

  7. isa

    Dottore ho visto Moviprep , vorrei evitare il solfato…Lei che pensa di Movicol? Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Purtroppo non è sufficiente ad una completa pulizia intestinale.

  8. isa ...

    Ho no!!!Dovro ancora passare da questi dolori ..vabbé……Grazie Dottore Cimurro……Buonagiornata ..

Lascia una risposta

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.