Erba di San Giovanni (Iperico) e depressione

Ultimo Aggiornamento: 918 giorni

Link sponsorizzati

Introduzione

L’erba di San Giovanni, conosciuta anche come Iperico (Hypericum perforatum), è una pianta con fiori gialli che è usata da secoli per combattere depressione ed ansia. La presente scheda ha l’obiettivo di rispondere ad alcune delle domande più frequenti sull’Iperico e la depressione e riassumere l’evidenze scientifiche delle sue proprietà.

Punti chiave

Gli studi più recenti suggeriscono che l’erba di San Giovanni sia di minimo aiuto nel trattamento della depressione maggiore. Uno studio cofinanziato dal Centro Nazionale per la medicina complementare e alternativa (NCCAM) ha dimostrato che l’erba di San Giovanni non è stata più efficace di un placebo nel trattamento della depressione grave o di moderata gravità. Si trovano invece diverse evidenze sperimentali della sua efficacia nelle forme lievi di depressione.

L’erba di San Giovanni interagisce con alcuni farmaci e queste interazioni possono limitare l’efficacia di entrambe le sostanze.

L’erba di San Giovanni non è una terapia certa per la depressione. Se la depressione non è adeguatamente trattata può diventare grave e, in alcuni casi, può essere causa di  suicidio.

E’ di fondamentale importanza valutare sempre con il proprio medico il ricorso a questo rimedio erboristico.

A proposito dell’erba di San Giovanni

L’Iperico affonda le proprie radici relativi agli usi medicinali in Grecia.; la pianta contiene numerosi composti chimici ed i principi attivi più rilevanti sono l’ipericina e l’iperforina.

Come questi composti effettivamente agiscan non è ancora del tutto chiarito, ma diverse teorie sono state proposte negli anni. L’erba di San Giovanni è stata utilizzata nel corso dei secoli per curare condizioni mentali, dolore neuropatico ed una grande varietà di altre patologie. Oggi, l’erba di San Giovanni è utilizzata per l’ansia, la depressione di entità da lieve a moderata e per i disturbi del sonno.

In Europa, l’erba di San Giovanni è ampiamente usata per la depressione, mentre negli Stati Uniti vi è più che altro un notevole interesse pubblico non supportato da prescrizioni mediche.

La depressione

La depressione è una condizione medica che colpisce quasi 21 milioni di americani adulti ogni anno: umore, pensieri, la salute fisica ed il comportamento possono manifestarne i segni ed i sintomi della depressione comprendono infatti:

  • Persistenti sentimenti di tristezza, ansia, o “vuoto” di sentimenti
  • Sentimenti di disperazione e / o pessimismo
  • Sensi di colpa, senso di svalutazione
  • Irrequietezza o irritabilità
  • Perdita di interesse o di piacere nelle attività che la persona una volta apprezzava
  • Senso di fatica e diminuzione dell’energia
  • Difficoltà di concentrazione, a ricordare i dettagli, e / o a prendere decisioni
  • Insonnia, risveglio mattutino, o sonno eccessivo
  • Troppo appetito, o perdita di appetito
  • Pensieri di suicidio, tentativi di suicidio
  • Dolori persistenti, mal di testa, crampi, problemi digestivi difficilmente curabili.

La depressione si presenta in diverse forme e i suoi sintomi e la sua gravità possono variare da persona a persona. Per esempio:

Nella grande depressione (chiamata anche disturbo depressivo maggiore), i sintomi interferiscono con la capacità della persona di lavorare, studiare, dormire, mangiare, e prendere piacere di attività che una volta ha apprezzato. I sintomi durano per almeno 2 settimane, ma spesso si prolungano per diversi mesi o più a lungo.

Nella distimia (chiamato anche disordine distimico), una forma meno grave ma più cronica di depressione, i sintomi delle persone non sono così invalidanti, ma impediscono loro di agire bene o sentirsi bene. I sintomi durano almeno 2 anni. Molte persone con distimia hanno anche episodi di depressione grave.

Nel disturbo bipolare (chiamata anche malattia maniaco-depressiva ), le persone hanno dei periodi di sintomi depressivi che si alternano o possono coesistere con dei periodi di mania. Sintomi della mania comprendono elevati ed anormali livelli di eccitazione e di energia, e comportamento che impulsivo e inadeguato.

Infine le forme più lievi di depressione rientrano nella categoria delle depressione minore. Nella depressione minore le persone sperimentano gli stessi sintomi della depressione maggiore, ma sono meno lunghi nel tempo e meno invalidanti. I sintomi durano un periodo lungo almeno 6 mesi, ma inferiore a 2 anni continuativi.

La depressione può essere trattata efficacemente con la medicina convenzionale da terapisti, psicologi e con farmaci, tra cui gli antidepressivi, ed alcuni tipi di psicoterapia.

La scienza e l’erba di San Giovanni per la depressione

Le prove scientifiche sull’efficacia dell’erba di San Giovanni per la depressione sono incoerenti. Un’analisi dei risultati di 37 studi clinici ha concluso che l’erba di San Giovanni può avere effetti benefici solo in minima parte per la depressione maggiore. Tuttavia l’analisi ha anche riscontrato che l’erba di San Giovanni può portare notevoli benefici per le persone colpite da depressione minore; queste prestazioni possono essere simili a quelli degli antidepressivi standard. Nel complesso infine l’erba di San Giovanni sembra presentare un minor numero di effetti collaterali rispetto ad alcuni antidepressivi classici.

Effetti indesiderati e rischi

Gli effetti indesiderati più comuni dell’erba di San Giovanni includono secchezza delle fauci, vertigini, diarrea, nausea, aumento della sensibilità alla luce del sole, e stanchezza.

La ricerca ha dimostrato che l’erba di San Giovanni può limitare l’efficacia di alcuni farmaci, tra cui:

  • Antidepressivi
  • Pillola anticoncezionale
  • Ciclosporina, un farmaco che aiuta a prevenire il rigetto da trapianto di organi
  • Digossina, un farmaco utilizzato per rafforzare le contrazioni del muscolo cardiaco
  • Indinavir e altri medicinali usati per controllare l’infezione da HIV
  • Irinotecan e di altri farmaci antitumorali
  • Warfarin e relativi medicinali anticoagulanti

Quando combinata con alcuni antidepressivi, l’erba di San Giovanni può vedere aumentare anche effetti collaterali quali nausea, ansia, mal di testa, e confusione.

Alcune evidenze fanno pensare che possa ridurre la fertilità sia nell’uomo (per riduzione del numero e della motilità degli spermatozoi) sia nella donna; per quanto manchino ancora dati certi, si raccomanda di astenersi dall’uso durante la ricerca di gravidanza.

A maggior ragione è da evitarne l’uso in gravidanza ed allattamento.

Integratori erboristici

La forza e la qualità dei prodotti da erboristeria sono spesso imprevedibili, perchè i prodotti possono differire in termini di contenuti non solo da marca a marca, ma da partita a partita. Le informazioni sulle etichette possono essere imprecise o fuorvianti.
Inoltre, “naturale” non significa necessariamente “sicuro”. Molte sostanze naturali possono avere effetti nocivi, specialmente se sono prese in grandi quantità o se interagiscono con altri integratori o con medicinali soggetti a prescrizione medica.

Fonte: NCCAM


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. Monica

    Gentile dottore ho iniziato ad assumere no dep della esi, causa un periodo di ansia, apatia,soprattutto mattutina e stanchezza. (2 mesi circa).La psicologa dice di non trattarsi di depressione ma la sintomatologia non è molto diversa. Ho sentito ben parlare di questi integratori a base di iperico. Vorrei un parere suo. Potrei risolvere il mio calo d umore e ritrovare un po di entusiasmo ed energia? Grazie.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi perdoni la domanda, mi conferma che non assume pillola o simili?

      Le confermo che l’iperico ha efficacia dimostrata e può effettivamente aiutare in questi casi “leggeri”.

  2. Monica

    No no dottore nessun farmaco perciò ho voluto fare questo tentativo, vorrei tanto stare un po meglio…faccio tutto a fatica ed essendo di norma una molto attiva e solare questo stato d animo mi preoccupa. Lei conosce qualcuno che l ha assunto con riscontri positivi? Cioè fa qualcosina vero? Grazie sempre per la sua disponibilità e competenza

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, le confermo che l’efficacia è scientificamente dimostrata.

  3. Adrea

    Salve Dottore,volevo chiederle se per curare uno stato di forte ansia gli integratori a base di Iperico possono essere utili oppure sono più indicati medicinali come il Quiens.
    Questo perchè ho letto che la dose di Iperico negli integratori è molto ma molto inferiore a quella di un farmaco come il Quiens ed ho paura che il basso dosaggio possa in qualche modo non fare il suo effetto.
    Non le chiedo un parere medico,ma per me sarebbe molto importante sapere se nel corso della sua attività professionale ha notato migliori risultati con l’integratore o con il farmaco per disturbi d’ansia.
    Inoltre per quanto riguarda gli integratori,a grandi linee,in quanto tempo si dovrebbero vedere i benefici?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Dipende da un caso all’altro, in base alle esigenze si valuta la dose; generalizzando molto, basse dosi hanno efficacia inferiore ma minor rischio di effetti collaterali, alte dosi (entro certi limiti) hanno efficacia maggiore ma anche un maggior rischio di effetti collaterali.

      Non esiste un prodotto ideale adatto a tutti.

  4. Monica

    Grazie dottore. Ma mettendo a paragone Griffonia e Iperico quale tra le due piante è più efficace? Inoltre mi aiuta l iperico a ritrovare un po l appetito perso e a migliorare il senso di ansia e paura che mi accompagna in questo periodo?

  5. Monica

    Al di là dei dati scientifici, materialmente ha avuto a che fare con pazienti che l hanno assunto e che effettivamente sono stati meglio?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Iperico.
      2. Potenzialmente sì.
      3. Sì, ma conta di più la letteratura scientifica che i casi visti di persona.

  6. Anonimo

    Dottore,io sto usando Iperico di Aboca.Prima di arrivare al farmaco a base di Iperico acquistabile sola tramite prescrizione (quiens),esiste un integratore o un’altra tipologia di prodotto acquistabile senza prescrizione che abbia una concentrazioone maggiore di Iperico rispetto all’integratore che sto prendendo?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      La tintura madre di iperico permette una totale personalizzazione della dose.

  7. Monica

    Grazie dottore. Le chiedevo se conoscesse qualcuno perché reputo i vari forum poco attendibili e cercavo un po di conforto perché sono totalmente restia ai farmaci, più che altro se non sono più che necessari come nel mio caso, ma nel frattempo non sopporto questo stato d animo che mi accompagna.

  8. Anonimo

    La tintura madre esiste sotto forma di qualche prodotto oppure cosa devo fare.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Gocce, prodotte da diverse aziende. Per la dose faccia riferimento al suo farmacista/erborista.

  9. Anonimo

    Queste gocce hanno quindi una concentrazione di Iperico rispetto a quella presente negli integratori?Mi pùò consigliare qualche nome di gocce all’Iperico,magari indicandomi quelle con la concentrazione maggiore.Grazie.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      La tintura madre può immaginarla come iperico concentrato e, essendo in gocce, la dose può essere personalizzata; ribadisco quindi la necessità di concordare la dose un professionista (io non posso prescrivere cure).

  10. Anonimo

    Ho capito Dottore,ma se vado in farmacia quali gocce devo chiedere.Facendo un giro su internet non ho trovato un nominativo di gocce di tintura madre di Iperico.Se lei mi indicasse almeno il nome di un prodotto,per laq posologia parlo col mio medico.
    Inoltre ho letto che l’estratto secco di Iperico ha un effetto maggiore delle gocce.E’ vero?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Ci sono molte marche che lo producono, ma a patto di sceglierne una affidabile (si lasci consigliare dal farmacista) una vale l’altra anche a livello di posologia. Non hanno un nome commerciale, si tratta di “Tintura madre di Iperico”.
      2. Dipende dalle dosi.

  11. Anonimo

    Quindi se io volessi assumere 300mg di estratto di iperico contenenti 0,3 ipericina per 3 volte giorno,che prodotto dovrei usare?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Con la tintura madre può ottenere la dose che desidera, in alternativa compresse/capsule in base al dosaggio desiderato, ma a questo punto perchè non valuta direttamente con il medico di usare Quiens?

  12. Anonimo

    Si a dire il vero ci sto pensando.
    Io uso questi Opercoli dell’Aboca:
    Ingredienti:
    Iperico (Hypericum perforatum) sommità fiorite polvere, Gelatina, Inulina da Cicoria (Cichorium intybus) radice, Amido di Riso, Iperico (Hypericum perforatum) sommità fiorite estratto liofilizzato.
    INGREDIENTI PER DOSE GIORNALIERA CONSIGLIATA – 2 OPERCOLI
    Iperico sommità fiorite concentrato totale 540 mg
    apporto di ipericina 0,7 mg
    apporto di iperforine non superiore a 4,9

    Per raggiungere il quantitativo di 300mg di estratto di iperico contenenti 0,3 ipericina per 3 volte giorno quanti opercoli dovrei assumere?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Se 2 opercoli contengono 0.7 mg di ipericina significa che 1 opercolo ne contiene 0.35, quindi un opercolo è circa equivalente ad una compressa di Quiens, quindi di fatto quello che sta assumendo è quasi uguale al farmaco.

  13. Anonimo

    Scusi Dottore,allora come mai fanno differenza tra farmaci ed integratori?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Errore mio, ho verificato adesso la composizione di Quiens e mi risulta che siano attualmente 300 mg equivalenti a 0.855 di ipericina, quindi

      una compressa di Quiens è di poco superiore a 2 opercoli Aboca.

      Chiedo scusa per l’imprecisione.

  14. Monica

    Dottore scusi avrei un altro quesito da porle, il no dep contiene 233 mg di iperico e 0.7 di ipericina e poi magnesio Vit b6 triptofano. Non è un po sotto dosato visto che la posologia è di una cps die? Inoltre sto assumendo ignatia compositum heel, i due composti possono essere associati?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Come le dicevo ogni paziente può avere bisogno di dosi diverse e il medico ha la possibilità di scegliere tra dosaggi differenti; in alcuni studi anche il triptofano sembra mostrare effetto antidepressivo, quindi nel formulare quel prodotto si è preferita un’associazione.

      L’ignatia della Heel dovrebbe essere omeopatica, quindi associabile con quello che vuole.

  15. Anonimo

    Salve Dottore,il mio Medico mi ha prescritto il Quiens 300 a base di iperico.Mi ha consigliato di prenderne 2 capsule al giorno.
    Ho visto che la scatola da 30 cp.costa circa 18 euro.
    Ho cercato su Internet ed ho trovato il nervaxon 300 allo stesso prezzo ma contenente 60cp.Mi conferma che sono due nomi diversi per lo stesso medicinale?
    Mi conferma anche che il nervaxon contiene 60 cp allo stesso prezzo del Quiens?
    Grazie.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      A me risultano in commercio entrambi in confezione da 60 compresse, rispettivamente a € 18.00 e € 17.90, la confezione da 30 non è più in commercio.

  16. Monica

    Scusi dottore ma è possibile che il no dep mi causa aumento dell ansia dopo 3 cps?

  17. Monica

    Dottore troppa tachicardia, magari non la provocherà l iperico, ma qualche altro componente del no dep è possibile?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non mi risulta, ma se persistesse provi comunque ad interromperlo.

  18. Monica

    Dottore la capsula del no dep si può aprire e le 4 compresse prendere separatamente? Sramattina l ho espulsa perché non riuscivo a deglutire. Era però già aperta dunque non saprei in effetti se l ho assunta o no. Ci fa qualcosa? Ho interrotto l effetto terap?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non mi è chiarissimo cosa sia successo, in ogni caso se anche non l’avesse presa non è un grosso problema.

  19. Monica

    L ho rimessa perché non riuscivo a deglutire . Si interrompe la terapia? Ero alla 6 cps. Inoltre posso aprirla e prendere le compresse separatamente?Dentro la cps ci sono 4 cpr

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non la aprirei, perchè potrebbe essere gastroresistente.

  20. Monica

    Allora si tratta di una cps che contiene 4 cpr a rilascio differenziato. Potrebbe perfavore verificare?

  21. Anonimo

    Dottore,scusi se mi permetto,ma vorrei fare una precisazione.
    Farmaci a base di iperico come il Quiens contengono 300 mg per capsula di estratto secco di Hypericum perforatum L.
    Un qualsiasi integratore a base di iperico,secondo precise direttive ministeriali,ne può contenere massimo 7mg per capsula.
    Considerato che studi scientifici hanno dimostrato che la dose terapeutica di iperico oscilla tra i 300 e 900 mg/die,assumendo integratori a base di iperico,bisognerebbe assumere tra le 40 e le 120 capsule al giorno.
    Gli integratori sono solo operazioni di marketing,i farmaci curano le patologie.
    Spero di esservi stato d’aiuto.
    Buonasera.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non solo non deve scusarsi, ma la ringrazio per l’intervento.

      Quiens è attualmente registrato come farmaco che richiede ricetta medica ed ogni compressa contiene (da foglietto illustrativo disponibile sulla banca dati AIFA)

      300 mg (contenuto di ipericine totali, espresse come ipericina: almeno 0,855 mg)

      Prendo il primo integratore che ho trovato nella SERP di Google, Armovita Plus dell’Aboca, che secondo il sito ufficiale contiene per 4 opercoli (la dose giornaliera consigliata sulla confezione)

      372 mg (apporto di ipericina 0,7 mg )

      In sostanza 4 opercoli corrispondono a poco meno di una compressa di Quiens, non 40.

      Come da indicazioni Ministeriali infatti

      “l’apporto giornaliero di ipericina, da indicare in etichetta, non deve superare 0,7 mg.”
      http://www.trovanorme.salute.gov.it/norme/renderNormsanPdf?anno=0&codLeg=48636&parte=2&serie=

      È cioè l’ipericina a non dover superare 0.7mg (non 7 mg) come dose giornaliera (non per unità posologica), e non l’estratto di iperico nel complesso (è una differenza sostanziale dato che l’ipericina incide in minima parte sul totale).

      Sul fatto che “gli integratori sono solo operazioni di marketing,i farmaci curano le patologie” sono d’accordo solo parzialmente, in quanto esistono alcune importanti eccezioni: la prima che mi viene in mente, ma non è l’unica, è per esempio il possibile utilizzo di 600 mg di acetilcisteina per unità posologica (bustina, compressa effervescente, …) negli integratori (a volte le ditte ricorrono alla registrazione come dispositivo medico, ma a mio avviso la sostanza non cambia), al pari per esempio di Fluimucil, discorso simile per gli estratti di senna utilizzati come lassativi.

      Se invece pensiamo per esempio agli integratori per dimagrire non posso che essere d’accordo con lei.

  22. WUENDY

    BUON GIORNO DOTTORE,
    VORREI SAPERE SE QUIENS PUO INTERFERIRE CON LA TIROXINA?
    GRAZIE

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non mi risulta, ma va assunto a distanza di almeno 4 ore.

  23. WUENDI

    LO UTILIZZO DA ANNI E MI TROVO VERAMENTE BENE.
    OTTIMO COMO PRODOTTO!!!!!!

Lascia un Commento

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.