Parodontite e gengivite: sintomi, rimedi e cura

Ultimo Aggiornamento: 130 giorni

Introduzione

Le malattie parodontali sono un gruppo di patologie a carattere infiammatorio che colpiscono il tessuto superficiale e/o più profondo del dente;

  • quanto il disturbo è limitato alla gengiva si parla di gengivite, un’infiammazione delle gengive,
  • mentre se ad essere colpita è la zona sottostante la condizione prende il nome di parodontite (o periodontite).

Si tratta di disturbi che, se trascurati, possono diventare causa di gravi complicazioni ai tessuti molli e alle ossa che sostengono i denti, fino alla perdita definitiva di uno o più denti.

Un certo grado di infiammazione dei tessuti gengivali è riscontrabile in un’elevatissima percentuale della popolazione, soprattutto adulta, con sintomi più o meno evidenti:

  • sanguinamento durante lo spazzolamento dei denti,
  • alito cattivo.

L’evoluzione della malattia dipende in gran parte dall’attenzione dell’individuo verso l’igiene orale e verso i diversi fattori in grado di influenzare la salute della bocca.

Causa

Le nostre bocche sono fisiologicamente piene di batteri; tutti questi microrganismi, insieme al muco e ad altre particelle, formano costantemente una patina incolore saldamente incollata ai denti (placca), che periodicamente va rimossa attraverso una corretta igiene orale.

La placca non rimossa può indurire e formare il “tartaro”, una sostanza che la sola spazzolatura non è più in grado di rimuovere, ma che va trattata professionalmente da un dentista o da un igienista dentale.

Gengivite

Più a lungo placca e tartaro vengono lasciati sui denti, maggiori sono i danni in grado di causare; la costante presenza dei batteri può causare un’infiammazione delle gengive che prende il nome di “gengivite”.

Si tratta di una condizione caratterizzata da:

  • rossore,
  • gonfiore,
  • tendenza al sanguinamento.

La gengivite è una forma lieve di malattia parodontale, che può facilmente essere risolta con una buona igiene orale e una regolare pulizia dei denti da parte del dentista; di per sé non è causa di perdita del dente.

Parodontite

Quando la gengivite non viene trattata può evolvere a “parodontite” (che significa letteralmente “infiammazione attorno al dente”); in questo caso le gengive si allontanano dai denti causando la formazione di spazi (talvolta chiamate “tasche”) che si infettano facilmente per la loro tendenza a raccogliere residui di cibo, che verranno poi attaccati dai batteri presenti.

Il sistema immunitario del corpo si attiva verso i batteri responsabili della formazione della placca all’interno di queste tasche al di sotto della protezione gengivale, ma le tossine batteriche e la naturale risposta del corpo all’infezione cominciano ad aggredire l’osso e il tessuto connettivo responsabile del mantenimento in posizione dei denti.

Se la condizione non viene trattata le ossa, le gengive e il tessuto che supporta i denti vengono progressivamente distrutti; i denti perdono stabilità e resistenza e devono quindi forzatamente essere rimossi.

Fattori di rischio

  • Insufficiente igiene orale.
  • Fumo. Il fumo è uno dei fattori di rischio più significativi associati allo sviluppo delle malattie parodontali e riduce inoltre l’efficacia dei trattamenti disponibili.
  • Cambiamenti ormonali nelle ragazze/donne. Queste fluttuazioni possono rendere le gengive più sensibili e inclini allo sviluppo di gengivite.
  • Diabete. Le persone con diabete hanno un rischio maggiore di sviluppare infezioni, tra cui  anche quelle parodontali.
  • Altre malattie e relative terapie. Le malattie come l’AIDS e i farmaci usati per trattarlo possono influire negativamente sulla salute delle gengive, così come molte terapie antitumorali..
  • Farmaci. Ci sono centinaia di farmaci che hanno come possibile effetto collaterale la riduzione della produzione di saliva e questo si traduce in una maggior vulnerabilità della bocca a infezioni come gengivite e parodontite.
  • Suscettibilità genetica. Alcune persone sono più inclini a malattie gravi delle gengive rispetto ad altri.

La maggior diffusione delle malattie parodontali si osserva in soggetti di almeno 30-40 anni, in particolare fra gli uomini.

Negli adolescenti è rara la diagnosi si periodontite, mentre possono sviluppare gengiviti, la forma più lieve di infiammazione.

Sintomi

I sintomi caratteristici della gengivite sono:

  • calore, rossore e gonfiore delle gengive,
  • tendenza al sanguinamento durante il lavaggio dei denti.

Molto raramente è presente dolore, salvo che in una variante molto rara di gengivite, la gengivite ulcerativa necrotizzante, è caratterizzata da dolore e sanguinamento spontanei.

Se la gengivite viene trascurata può evolvere in parodontite, condizione caratterizzata da un’infiammazione più profonda che si manifesta con:

  • alitosi,
  • gusto sgradevole in bocca,
  • migrazione e movimento dei denti e relative difficoltà di masticazione,
  • ascesso gengivale.

Si può poi evidenziare la presenza di tasche parodontali.

Si noti che i sintomi caratteristici della parodontite compaiono solo quando la malattia è già in fase avanzata, ritardando quindi l’intervento medico e riducendo il ventaglio delle possibilità di approccio.

Complicazioni

Se non trattata, la gengivite può evolvere a parodontite, condizione che espone il soggetto al rischio di gravi complicazioni:

  • ascessi,
  • arretramento gengivale,
  • aumentata mobilità dei denti,
  • perdita dei denti.

La presenza di malattie parodontali è inoltre stata associata a un aumento del rischio di numerose altre patologie, come ad esempio:

  • malattie cardiovascolari,
  • infezioni polmonari,
  • complicazioni legate alla gravidanza (parto prematuro, per esempio).

Si noti tuttavia che l’osservazione di questo legame deriva da studi osservazionali, quindi non è ancora stato chiarito il legame tra disturbo alle gengive e patologie sistemiche.

Quando contattare il medico

Si raccomanda di procedere regolarmente alla pulizia dei denti dal dentista o da un’igienista dentale e sottoporsi a ulteriore visita in caso di comparsa di sintomi anomali.

Cura e rimedi

L’obiettivo principale del trattamento è quello di controllare e possibilmente prevenire l’infezione; il tipo di trattamento varia a seconda della portata dell’infiammazione, ma il punto fermo di qualsiasi trattamento di malattie parodontali, sia essa una gengivite o una parodontite, è un’impeccabile igiene orale, che prevede:

  • lavarsi i denti almeno due volte al giorno, con particolare attenzione al lavaggio serale,
  • uso di dentifricio a base di fluoro,
  • utilizzo del filo interdentale (o degli scovolini) prima di lavarsi i denti,
  • smettere di fumare,
  • sottoporsi a periodiche detartrasi e visite di controllo dal dentista.

In alcuni casi possono rivestire una certa utilità i collutori a base di clorexidina e disinfettanti analoghi, con l’obiettivo di ridurre la proliferazione batterica nel cavo orale.

Fonte principale: NIH

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

Gentile utente, per garantire maggiormente la tua privacy i tuoi contributi potrebbero essere mostrati sul sito in forma anonima.

Leggi le condizioni d'uso dei commenti.

  1. Anonimo

    I denti del giudizio che spingono possono innescare la comparsa di gengivite?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Non che io sappia, a meno che ovviamente il dolore non sia così forte e prolungato da impedire una regolare igiene orale.

La sezione commenti è attualmente chiusa.