Devitalizzazione di un dente: tutte le risposte

Ultimo Aggiornamento: 866 giorni

Link sponsorizzati

Devitalizzare un dente rientra tra le pratiche mediche studiate dall’endodonzia, parola che deriva dal greco endo, che significa “dentro”, e odontos che significa “dente”. La chirurgia endodontica interviene quindi sull’interno del dente.

Sezione dente molare
Sezione dente molare (http://sr.wikipedia.org)

Per capire meglio in cosa consiste la devitalizzazione di un dente è necessario sapere qualcosa dell’anatomia dei denti: all’interno del dente, sotto lo smalto (la parte bianca) e sotto la superficie più dura (la dentina), c’è un tessuto molle definito polpa: la polpa contiene i vasi sanguigni, i nervi ed il tessuto connettivo e crea i tessuti più duri durante lo sviluppo del dente.

La polpa si estende dalla corona del dente fino alla punta delle radici, dove si connette ai tessuti che circondano la radice. La polpa è molto importante per la crescita e lo sviluppo del dente tuttavia, quando il dente è totalmente sviluppato, può sopravvivere anche senza la polpa perché i tessuti che lo circondano continuano a nutrirlo.

Perchè devitalizzare un dente?

È necessario devitalizzare un dente quando la polpa, il tessuto molle all’interno della camera pulpare, si infiamma o si infetta. L’infiammazione o l’infezione possono avere diverse cause:

  • carie profonda,
  • interventi dentistici ripetuti,
  • dente scheggiato o rotto.

Quando ci si fa male a un dente inoltre la polpa può rimanere danneggiata anche se il dente non presenta rotture o scheggiature evidenti; se non si cura per tempo l’infiammazione o l’infezione della polpa, il dente può iniziare a far male e si può formare un ascesso.

Tra i sintomi a cui fare attenzione troviamo:

  • dolore,
  • sensibilità prolungata al caldo o al freddo,
  • dolore quando si tocca il dente o si mastica,
  • scolorimento del dente e gonfiore,
  • dolore e prosciugamento dei nodi linfatici, come pure dell’osso e dei tessuti gengivali circostanti.

A volte, però, non ci sono sintomi evidenti.

Il chirurgo rimuove la polpa infiammata o infetta, pulisce in profondità l’interno del canale radicolare (il canale all’interno della radice), poi riempie e sigilla la zona. In seguito ritornerete dal dentista,che collocherà una corona o un altro dispositivo di ricostruzione sul dente per proteggerlo e farlo ritornare ad una completa funzionalità.

Dopo l’intervento, il dente ritornerà a funzionare come tutti gli altri.

L’intervento di devitalizzazione

Molti interventi di devitalizzazione vengono eseguiti per alleviare il mal di denti causato dall’infiammazione o dall’infezione della polpa, con le tecniche moderne e l’anestesia la maggior parte dei pazienti dice di non provare dolore durante l’intervento.

Per i primi giorni dopo l’intervento il dente potrebbe essere più sensibile del solito, soprattutto se prima dell’intervento faceva male o c’era un’infezione. Questo disturbo può essere alleviato con farmaci appositi, con o senza obbligo di ricetta. Il dente potrebbe continuare a sembrare un po’ diverso dagli altri per un certo periodo dopo la devitalizzazione tuttavia, se il dente vi fa molto male o pulsa, contattate il vostro dentista.

Procedura di devitalizzazione del dente

Procedura di devitalizzazione del dente (http://fr.wikipedia.org/wiki/Fichier:Root_Canal_Illustration.png)

La devitalizzazione spesso può essere effettuata in una o due visite e comporta questi passaggi:

  1. Il dentista esamina il dente e fa una radiografia, poi somministra l’anestesia locale. Dopo aver addormentato il dente, si colloca sulla zona un piccolo foglio di gomma chiamato “diga”, che isola il dente, mantenendolo libero dalla saliva durante l’intervento.
  2. Si pratica quindi un’apertura sulla corona del dente. Con dei piccoli strumenti si rimuove la polpa nella camera pulpare e nel canale radicolare, preparando la zona per l’otturazione.
  3. A questo punto l’endodontista riempie il canale radicolare con un materiale biocompatibile (di solito è un materiale simile alla gomma, che si chiama guttaperca). La guttaperca viene usata in combinazione con un cemento adesivo, per far sì che il canale radicolare risulti completamente sigilato. Nella maggior parte dei casi l’apertura viene chiusa con un’otturazione temporanea. L’otturazione temporanea verrà rimossa dal dentista prima della ricostruzione del dente.
  4. Dopo questo intervento vi verrà richiesto di ritornare dal dentista per farvi mettere una corona o un qualche altro rivestimento che protegga il dente e gli permetta di funzionare come prima.

Se il dente non è abbastanza forte per reggere il rivestimento il dentista o l’endodontista potrebbero collocare un perno all’interno del dente.

Domande e risposte

Dopo la devitalizzazione dovrò fare più attenzione al dente o dovrò ancora farmelo curare?

Finché il dente non è stato ricostruito dal dentista non dovreste usarlo per masticare o mordere. Il dente non ricostruito è più soggetto a frattura, quindi dovreste andare dal dentista a farvelo ricostruire il più presto possibile. In generale, dovreste seguire una corretta igiene orale, che includa l’uso dello spazzolino e del filo interdentale, regolari controlli e pulizie. La maggior parte dei denti devitalizzati hanno lo stesso arco di vita degli altri denti naturali, in alcuni casi il dente devitalizzato non guarisce, oppure il dolore persiste; spesso, quando ciò avviene, il dente può essere salvato ripetendo la devitalizzazione.

Perché un dente già curato deve subire un altro intervento?

Un nuovo trauma, una carie profonda, un’otturazione imprecisa, fessurata o rotta possono causare una nuova infezione nel vostro dente. In alcuni casi il dentista potrebbe scoprire restringimenti o deviazioni del canale che non avrebbero potuto essere curati durante il primo intervento.

La devitalizzazione è adatta per tutti i denti?

La maggior parte dei denti può essere curata, solo in rari casi il dente non può essere salvato perché, ad esempio:

  • i canali radicolari non sono accessibili,
  • il dente ha una grave frattura,
  • non ha un supporto osseo adeguato,
  • non può essere ricostruito.

Tuttavia, i progressi nel campo dell’endodonzia hanno reso possibile salvare denti che fino a pochi anni fa sarebbero stati irrimediabilmente persi. Quando la devitalizzazione non è efficace, la chirurgia endodontica potrebbe essere in grado di salvare il dente.

Fa male?

Secondo l’Associazione Americana degli Endodontisti (odontoiatri specializzati nel trattamento dei traumi e delle infezioni della polpa dentale), il luogo comune che la devitalizzazione sia dolorosa risale a decenni fa, quando questi interventi facevano veramente male. Al giorno d’oggi, con le tecnologie moderne e il miglioramento delle procedure di anestesia, le devitalizzazioni non sono più dolorose delle semplici otturazioni. Sapere esattamente a che cosa si va incontro durante la devitalizzazione può aiutarvi a diminuire la vostra ansia.

Bisogna andare molte volte dal dentista?

Con la tecnologia odierna la maggior parte degli interventi di devitalizzazione può essere eseguita nel corso di una o due visite ambulatoriali.

Se ho una capsula dovrò necessariamente devitalizzare il dente?

Molte persone credono che, se si ha una capsula su un dente, alla fine il dente dovrà essere devitalizzato: in realtà le capsule non hanno quest’effetto. Se per un dente già coperto dalla capsula è necessaria la devitalizzazione, potrebbe essere perché il dente ha un ascesso oppure perché la carie ha colpito il dente sotto la capsula e ha raggiunto la polpa.

La devitalizzazione è causa di malattie?

Non c’è nessuna prova che dimostri che la devitalizzazione sia causa di malattie; è stato dimostrato che le persone che si sono fatte devitalizzare un dente non sono maggiormente a rischio di problemi rispetto a quelle che non hanno subito quest’intervento.

Durante la devitalizzazione vengono rimosse le radici del dente?

Quando il dentista o l’endodontista eseguono un intervento di devitalizzazione rimuovono la polpa all’interno del dente. Non vanno a toccare le radici del dente.

Le donne incinte possono farsi devitalizzare i denti?

Le donne incinte possono e devono farsi devitalizzare i denti, in caso di necessità. Prima dell’intervento bisogna fare una radiografia, ma l’esposizione alle radiazioni è davvero minima e i raggi X vengono puntati contro la bocca e non contro la zona addominale. Se siete incinte e il dentista deve farvi una radiografia userà una protezione di piombo per salvaguardare la salute del vostro bambino. Gli anestetici usati dal dentista sono sicuri anche per le donne incinte.  Sta a voi ricordare al dentista che siete incinta, prima di fare le radiografie.

Se è il dente è devitalizzato prima o poi cadrà?

Se il dente è stato curato come si deve, se seguite una corretta igiene orale e andate regolarmente dal dentista a farvi controllare, il vostro dente potrà durare per tutta la vita.

Se il dente non fa male è necessario devitalizzarlo ugualmente?

Di solito la devitalizzazione viene eseguita perché il mal di denti è insopportabile, ma in molti casi potrebbe essere necessaria la devitalizzazione anche se il dente non fa male. I dentisti e gli endodontisti sono in grado di riconoscere se la polpa di un dente è infetta o danneggiata. In questo caso, è necessaria la devitalizzazione per salvare il dente.

Meglio la dentiera alla devitalizzazione?

Conservare i denti naturali più a lungo possibile è molto importante per una masticazione corretta. Per rimediare alla caduta dei denti ci sono varie possibilità, come ad esempio le dentiere complete o parziali, gli impianti dentali e i ponti fissi: queste alternative, tuttavia, possono essere molto più care rispetto alla conservazione del dente con la terapia di devitalizzazione.

Traduzione ed integrazione a cura di Elisa Bruno


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. gina luongo

    il mio dentista vuole tirarmi il dente, l’ ottavo perche dice che la carie ha raggiunto la radice. si puo devitalizzare invece che tirare?

    1. reverberi

      secondo me il dentista deve cercare di prevenire la carie con controlli frequenti, purtroppo ad età infantile sarebbe meglio aggiungere una materia alla scuola che parli come conservare al meglio il nostro corpo, sono convinto che ci sarebbe un beneficio per tutta la società,
      in dente devitalizzato per me è come un albero secco.

  2. Maryna

    Gentile dottore, ma secondo Lei e possibile estrare dalla radice di un dente il strumento di vitalizazione spezato?
    Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, può succedere che durante la devitalizzazione si rompa lo strumento all’interno del canale.

  3. viky

    ho un dente devitalizzato rimasto aperto di sopra . il coperchio ke ma messo il dentista è caduto e cosi e rimasto aperto gia da 4 o 5 anni è grave la cosa ?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Nella migliore delle ipotesi rischia infezioni, contatti appena possibile un dentista.

  4. virgi

    Sto subendo un intervento di devitalizzazione ad un molare. Il problema e’ che sono gia 5 sedute che faccio e ogni volta che vado a fare una seduta poi il dente mi fa male per due giorni… nn capisco perche’…devo cambiare dentista?

  5. Laura

    Cosa ne pensa di tutti quegli articoli (la maggior parte americani e tedeschi) per i quali molti dentisti stiano sempre più escludendo la devitalizzazione, a favore di estrazioni dentali? Io da qualche mese ho devitalizzato un dente… ho 25 anni… e a leggere tutte queste relazioni con malattie croniche, tumori (alla mammella ad esempio), etc… mi sono un pò pentita. Sto pensando di rivolgermi da qualcuno per chiedere di estrarre il dente, con legamento compreso… lei cosa ne pensa? E soprattutto, più che dire che sono tutte stupidaggini, dove ci si può informare con dati e statistiche serie?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non ho mai approfondito il discorso, ma se volessi farlo ne parlerei innanzi tutto con il dentista, poi per cercare fonti attendibili PubMed.

  6. Raysia

    Buonasera Dottore, ho fatto una visita di controllo dal mio dentista e avendomi trovato una carie, apparentemente superficiale ma successivamente rivelatasi “a carota”, ho avuto l’otturazione della stessa in due step. Qualche giorno fa mi sono accorta che il dente medicato mi procurava del fastidio sia quando mangiavo e alle volte anche durante la giornata così sono ritornata dal dentista e mi ha detto che probabilmente avrei dovuto fare una devitalizzazione del dente quindi dovrei contattarlo a breve se il fastidio peggiora oppure dovrei comunque tornare da lui tra un mesetto circa per verificare comunque lo stato del dente…adesso vorrei sapere se per una carie apparentemente superficiale sia possibile addirittura dover devitalizzare un dente, la colpa è stata del dentista? avrebbe potuto prevenire o evitare di andare troppo a fondo evitandomi così di doverlo devitalizzare?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      La mia sensazione è che il problema sia stato scoprirla tardi.

  7. sam

    una domanda, la mia ragazza è andata dal suo nuovo dentista per un dolorino nella zona dell ottavo inferiore sinistro, e le ha prescritto antibiotici per 4 giorni, e fin qui non ho nulla da ridire; già che era lì gli ha mostrato il vuoto nella parte alta di un canino causato dalla solita rottura di un’otturazione (fatta dal medico precedente da cui ora non va più) non troppo grande ne doloroso (non le hai mai fatto male e la zona non è arrossata), e lui ha proposto la devitalizzazione; e qui io dico, possibile che senza dolore ne radiografia voglia ricorrere a questo senza neanche prendere in considerazione una nuova otturazione? più che altro mi sono insospettito per il prezzo dell’operazione (che qui non scrivo, ma per intenderci decisamente sotto i 100€ quando di solito sappiamo che può costarne anche 200 abbondanti) sono solo mie preoccupazioni o ho ragione di essere pensieroso? grazie in anticipo

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non sono dentista, ma onestamente non devitalizzerei senza una ragione.

  8. Ania

    Salve…io sto curando un molare facendo la devitalizzazzione.La devitalizzazzione in sé è andata bene ma quando sono tornata dal dentista x kiudere il dente, ha notati ke avevo ancora 1parte del dente nera e quindi ha rifatto quel procedimento cn gli aghetti x toglierlo ma m faceva molto male.Sono ritornata dal dentista x ricostruire 1parte del dente e x quasi 1 settimana dopo m ha fatto male.Sino andata d martedì e il dolore m è passato domenica x farvi capire.Questo è normale? Oltretutto oggi devo ritirnare x kiudere il dente, ma se quella parte continua a farmi male se infila quell aghetto ke può essere? Devo preoccuparmi? Asp la vistra risposta grazie

    1. Anonimo

      Si…anke se a vokte sento cm un fastidio nella gengiva…xo ho paura ke posso confonderlo col dente del giudizio ke dta crescendo storto. ..

    2. Anonimo

      Se oggi vado e qyella parte continua a farmi male cosa può essere?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Condivido la sua osservazione, il dolore potrebbe provenire da un dente accanto quindi lo faccia presente, ma più probabilmente è stato dovuto al lavoro fatto e mi aspetto che il peggio sia passato.

    4. Anonimo

      Grazie x ka risp…se proviene da 1altro dente vicino cs dovrei fare?

    5. Dr. Cimurro (farmacista)

      Lo faccia presente al dentista, potrà valutare se sia così.

  9. Samuela

    Un dente devitalizzato 12 anni fa’ e ricostruito in parte può improvvisamente far male ?

  10. Giuseppe da Lugano CH

    Buongiorno Dottor Cimurro,
    Dopo una caria al dente del giudizio curata 3 anni fa, il problema si è ripresentato circa 3 settimane fa.
    Con il mio med. Dentista che mi cura da più di 20 anni, abbiamo deciso di fare la cura della radice-canalare. Il Dott. nell`ultima seduta mi ha comunicato che in un canale si è rotto un ago che li è rimasto incastrato. Alla fine della cura mi ha detto in caso di gonfiore e dolori di telefonargli. francamente questo modo di procedere non mi sembra sia stato molto corretto da parte Sua.

    La mie domande sono ora cosa succederà? Avrò infezioni?

    Cosa sarebbe consigliato in questo caso, usare il laser per la rimozione? Devo dire di essere molto preoccupato. avrei piacere di ricevere un Suo consiglio.
    Con i migliori saluti.
    Giuseppe da Lugano CH

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Purtroppo può capitare che si rompa e di norma non dà alcun problema, quindi è corretto evitare di trafficare inutilmente per cercare di rimuoverlo.

    2. Giuseppe da Lugano CH

      Grazie mille per la Sua cortese risposta.
      Avrei ancora una domanda in merito: con l`eventuale estrazione
      del dente del giudizio anche l`ago rotto viene estirpato o i canali
      sono più profondi e resta ancora dentro?
      Ancora molte Grazie per la Sua disponibilità.
      Cordiali saluti Giuseppe da Lugano

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Credo che verrebbe rimorso, ma non avendo esperienza clinica non glielo so garantire.

  11. gio

    Ho curato un dente dolorante ho pagato mi fa ancora male torno DSL dentista mi cura di nuovoo stesso dente pago mani fa ancora male oggi devo andarci di nuovo devo di nuovo pagarlo?

    1. gio

      Ma e il dentista o il paziente che deve capire la causa del dolore,io posso dire quale dente mi fa male ma il dentista deve capire il perché,

Lascia un Commento

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.