Denti del giudizio ed estrazione

Ultimo Aggiornamento: 2189 giorni

I denti del giudizio, noti anche come terzo molare inferiore e superiore, sono gli ultimi denti che spuntano; di solito questo avviene tra i 17 e i 25 anni nell’età che, almeno teoricamente, potrebbe essere definita età del giudizio.

Dente del giudizio

Dente del giudizio (http://www.flickr.com/photos/scuba04/388774775/sizes/o/)

Gli antropologi hanno scoperto che la dieta primitiva dei primi ominidi provocava un’usura eccessiva dei denti; per compensare quest’usura nella maggior parte dei casi i denti del giudizio avevano abbastanza spazio per spuntare entro la fine dell’adolescenza. La dieta moderna, composta da alimenti più teneri ed unita alla popolarità delle procedure ortodontiche di riallineamento dei denti, produce come risultato archi dentali con meno spazio a disposizione: succede abbastanza di frequente quindi che i denti del giudizio non abbiano spazio sufficiente per spuntare e quindi si vengano a creare alcuni problemi quando gli ultimi quattro molari iniziano a popolare la cavità orale.

Denti inclusi

Se un dente rimane incluso nella gengiva si possono originare complicazioni, come ad esempio:

  • un’infezione,
  • un danno ai denti vicini,
  • formazione di cisti.

Il dente rimane incluso quando non c’è spazio sufficiente nell’arco dentale e quindi la crescita e l’eruzione vengono impedite dalla gengiva sovrastante, dall’osso o da un altro dente.

I denti inclusi possono provocare molto dolore e causare infezioni; possono anche sovraffollare l’arcata dentale oppure danneggiare i denti o le radici circostanti. Si possono verificare problemi più seri se il sacco follicolare che circonda il dente incluso si riempie di liquidi e si dilata fino a formare una ciste. Crescendo, la ciste può annidarsi nella mascella e danneggiare i denti circostanti, l’osso circostante ed i nervi in modo permanente. In alcuni rari casi, se la ciste non viene curata si può sviluppare un tumore dalle sue pareti e potrebbe essere necessario un intervento chirurgico più serio per rimuoverla.

Nonostante ci sia una preoccupazione eccessiva per l’inclusione dei denti del giudizio, una ricerca recente finanziata dall’Associazione americana per la chirurgia orale e maxillofacciale e dalla Fondazione per la chirurgia orale e maxillofacciale ha dimostrato che i denti del giudizio che spuntano fuori dalla gengiva in posizione normale e verticale possono essere soggetti a patologie esattamente come i denti del giudizio che rimangono inclusi.

La domanda che molti ragazzi si pongono è quindi: “devo farmi estrarre i denti che non mi hanno mai causato problemi?”

Non tutti i problemi collegati ai denti del giudizio si manifestano con il dolore né sono visibili, il danno può verificarsi anche senza che ve ne rendiate conto. Quando i denti del giudizio crescono le loro radici diventano più lunghe, i denti diventano più difficili da rimuovere ed è più probabile che si verifichino delle complicazioni. I denti del giudizio inclusi avranno inoltre maggiore probabilità di causare problemi quando il paziente invecchierà.

Nessuno può prevedere se i denti del giudizio causeranno complicazioni ma, se malauguratamente si verificheranno, le circostanze potranno essere molto più dolorose ed i denti molto più difficili da curare. Si stima che circa l’85% dei denti del giudizio prima o poi debbano essere estratti.

È più facile togliere i denti del giudizio quando il paziente è più giovane, perché le radici non sono ancora completamente formate, l’osso circostante è più morbido e ci sono minori probabilità di danneggiare i nervi e le altre strutture circostanti.

L’estrazione dei denti del giudizio in età adulta diventa più complicata perché le radici si sono già sviluppate totalmente (magari danneggiando il nervo) e il tessuto osseo della mandibola o della mascella è più denso.

Vi consigliamo di non aspettare che i denti del giudizio inizino a darvi fastidio, in generale più presto si estraggono i denti del giudizio, più la guarigione è semplice. La ricerca citata in precedenza consiglia caldamente di far estrarre i denti del giudizio durante l’adolescenza, per prevenire possibili problemi futuri e per garantire una guarigione ottimale. I ricercatori hanno scoperto che i pazienti più anziani potrebbero avere maggiori probabilità di malattie, come la parodontite a carico dei tessuti che circondano i denti del giudizio e dei denti circostanti: la parodontite, l’infezione osservata in questa ricerca, può influire negativamente anche sul vostro stato di salute generale.

L’intervento di estrazione dei denti del giudizio

Prima dell’intervento, il chirurgo specialista vi descriverà le modalità dell’estrazione: è il momento adatto per fare domande o per esprimere le vostre preoccupazioni, soprattutto è importante far sapere al medico tutte le malattie di cui soffrite e i farmaci che state assumendo.

La relativa facilità con cui un dente del giudizio può essere rimosso dipende da diversi fattori, compresi la posizione del dente e il grado di sviluppo della radice: i denti del giudizio inclusi potrebbero richiedere un intervento chirurgico un po’ più complicato.

La maggior parte delle estrazioni dei denti del giudizio vengono eseguite presso l’ambulatorio di un chirurgo maxillofacciale in anestesia locale, sotto sedazione oppure in anestesia generale. Sarete voi, insieme al chirurgo, a decidere qual è l’anestesia più adatta per il vostro caso.

Dopo l’intervento potreste avvertire gonfiore e dolore di lieve entità, che comunque fanno parte del normale processo di guarigione. Impacchi di ghiaccio potrebbero far diminuire il gonfiore, mentre i farmaci prescritti dal vostro chirurgo potrebbero aiutarvi a gestire il dolore. Il medico potrebbe consigliarvi di modificare la dieta per i giorni successivi all’intervento, ma in seguito ritornerete all’alimentazione consueta.

Fonte: aaoms.org

Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. Anonimo

    Dottore a fine mese metterò l’apparecchio sul palato. Secondo lei i mal di testa continui passeranno o peggioreranno?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      C’è mai stata una diagnosi esatta relativa al mal di testa?

  2. Anonimo

    Si, una malocclusione dentale. Così dice il mio medico e il mio dentista

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Con il tempo passeranno, immagino che l’apparecchio sia stato proposto proprio per correggere il difetto.

  3. Anonimo

    Gentile dottore, ho tolto ieri un dente del giudizio ed è stato un intervento impegnativo perché era solo parzialmente uscito. Mi è stato dato antibiotico. Mi chiedevo, perché si raccomanda di non fare attività al sole? C’è pericolo di svenimenti o è un luogo comune? Per quanto bisogna sospendere le normale attività? Una settimana?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Gliel’ha suggerito il dentista?
      Di che antibiotico si tratta?

    2. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Buonasera, non vedo la correlazione diretta tra l’attività al sole e l’estrazione del dente del giudizio, probabilmente vuole evitare l’esposizione al calore che favorirebbe un’eventuale infezione, è un’ipotesi, non sono un dentista; chieda direttamente a lui, probabilmente il riposo è raccomandato finchè non toglierà i punti di sutura. Saluti.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Condivido al 100%; Brufen in teoria potrebbe dare fotosensibilità, ma in genere con questa sostanza ci si limita ad evitare le lampade abbronzanti.

    4. Anonimo

      Ringrazio entrambi per la gentile risposta. Mi permetto un’ulteriore domanda . Mi è stata inserita della fibrina nel taglio per aiutare la guarigione. Come si comporta la sostanza? Rimane nel corpo o verrà eliminata? È una sorta di cotone..

    5. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Buonasera, la fibrina è una sostanza prodotta naturalmente dai tessuti durante il processo di guarigione; quelle sintetiche sono sostanze simili, che vengono incorporate e utilizzate come quelle naturali e in parte riassorbite, non si preoccupi. Le auguro una pronta guarigione. Saluti.

  4. Iris

    Buongiorno dottore . Volevo un altro parere se è possibile…
    Allora il 17 giugno 2016 mi è venuto un dolore all ultimo molare sotto a destra, sn stata dal dentista mi ha dtt al 95% bisogna toglierlo perché c’è l infezione ed è marcio, ho preso l antibiotico macladin 500mg per una settimana per togliere l infezione. Tolto.. Un dolore immenso, al dente vicino insomma un altra settimana di macladin e oki 2 volte al giorno. Il dolore ancora Nn è passato. Ho lo stomaco sottosopra,amaro in bocca ecc.. Dottore cosa devo fare? Perché tutto sto dolore? Sarà il caldo? Cosa? Posso sapere se questo antibiotico possa macchiare la mia pelle con il sole dato l estate??

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, il caldo sicuramente peggiore il dolore.
      Oki potrebbe essere causa di rash cutanei a seguito di esposizione al sole.

  5. Anonimo

    Salve Dottore,
    Ho 25 anni, da ieri che ho dolore alla cervicale e mandibola specialmente sinistra per via del dente del giudizio, soffro anche di bruxismo e porto il byte. Da Stamane però mi sento addormentata la parte sinistra della guancia, zona dente fino al naso che arriva fino alla testa. Può essere dovuto al dente? Ho anche la gengiva gonfia. Ho fatto degli sciacqui ma più di tanto non è servito. Conviene che mi rechi ad un pronto soccorso dentistico o che aspetti lunedì per chiamare il mio dentista? La ringrazio

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, si, il senso di addormentamento della guancia potrebbe essere causato dal dente del giudizio, potrebbe esserci un focolaio infiammatorio. Per cui provi ad assumere un antiinfiammatorio. Se tuttavia la situazione peggiora in breve tempo, deve essere valutata da un medico. Saluti

    2. Anonimo

      Grazie mille,
      Ho preso infatti un antinfiammatori. Però i fastidi ancora sono presenti. In settimana contatterò senza meno il mio dentista.

  6. Anonimo

    Salve ho 21 anni e ho un problema che non mi fa vivere bene. Ho continui dolori mandibolari e facciali, anche a livello di testa.. mercoledì metterò l’apparecchio perche mi e stata diagnosticata una malocclusione dentale e probabilmente i dolori sono dovuti a questo. Momentaneamente i denti del giudizio non sono ancora spuntati. Ma potrebbe essere questa la causa? O somo totalmebte fuori strada. Ringrazio in anticipo qualunque dentista o farmacista che sia per la risposta :)

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Non è detto che sia fuori strada, ma i denti del giudizio sono solo una delle possibili cause.

  7. Idiana

    Gent.mo dottore,
    ieri sono andata dal dentista, e ho il dente del giudizio da estrarre perché è cariato.
    Dato che ora andrà in ferie, non riesce con i tempi ad estrarlo ora e mi ha detto che se ho dolore posso prendere oki o aulin.
    Dato che non vorrei ingerire farmaci troppo forti, è possibile applicare sulla gengiva dolente qualche goccia di toradol, quella in fiale per le iniezioni?
    Nel ringraziarla
    Saluti
    Idiana

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Toradol è molto più forte di quanto è stato consigliato e poche gocce sulla gengiva temo che non sarebbero sufficienti.

  8. virginia

    Gentilissimo dottore,in seguito a dolore mandibola dx e sensazione di calore/bruciore zigomo/occhio/orecchio e martellamento tempia ho fatto diversi esami che non hanno evidenziato(a parere dei medici che hanno letto referti)niente di importante.Ultimo esame fatto Dentascann ritirato ieri non è stato visionato da nessun specialista,vorrei un suo cosiglio. Ho 60 anni.
    Grazie.
    ……..Non alterazione morfostrutturali ossee ai canali ossei dei canali mascellari e mandibolari.Entrambi i canali dei nervi mandibolari decorrono sul versante linguale ed entrano in contatto con la radice degli elementi entari 38 e 48.
    Modestaipertrofia della regione tonsillare riniofaringea con tonsilloliti nel contesto.

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, la radiografia non mostra nulla di rilevante se non un ingrandimento delle tonsille e qualche concrezione tonsillare. Il calore e bruciore potrebbero far pensare ad un dolore neuropatico (per esempio nevralgia) ma se altri medici non hanno riscontrato nulla non saprei che suggerirle se non di riparlarne con il suo medico per una nuova valutazione. Saluti

    2. virginia

      La ringrazio dottore.
      Sono stata dall’otorino maxillo facciale,neurologa,dermatologo,dentista.
      Fatto rsm encefalo,ecodoppler +transcranico
      rx acrcate dentarie, stratigrafia temporamandibolare bilaterale
      Esami ematici normali anche reumatest
      Solo osteoporosi accentuata ,ma esami calcio nella norma
      Tiroide ok
      Elettrocardiogramma ok
      Pressione sanguigna braccio sx sempre piu’ bassa dx che non supera mai i100/60.
      L’unica cura che mi ha fatto stare bene è quella dell’otorino e cioè Algix 2 compresse da 60mg e dobetin. Una volta finita terapia dopo 2gg sono riapparsi sintomi.
      Mi hanno prescritto anche Oki
      Destior e tachipirina.
      Ma uno specialista che una volta visionato il tutto e che mi possa indirizzare verso un collega di una branca specifica esiste?(non so se sono riuscita a spiegarmi).
      Ringrazio per l’attenzione.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      L’internista potrebbe essere lo specialista che cerca.

Lascia una risposta

IMPORTANTE: In nessun caso la figura del farmacista può sostituire quella del medico, unico professionista con le competenze e la possibilità legale di formulare diagnosi e prescrivere farmaci. Le considerazioni espresse hanno quindi come unica finalità quella di agevolare in ogni modo il rapporto medico-paziente, mai ed in nessun caso devono prenderne il posto.

Gli interventi inviati potrebbero richiedere fino a 15 minuti per essere visibili sul sito.

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.