Denti del giudizio ed estrazione

Ultimo Aggiornamento: 2102 giorni

I denti del giudizio, noti anche come terzo molare inferiore e superiore, sono gli ultimi denti che spuntano; di solito questo avviene tra i 17 e i 25 anni nell’età che, almeno teoricamente, potrebbe essere definita età del giudizio.

Dente del giudizio

Dente del giudizio (http://www.flickr.com/photos/scuba04/388774775/sizes/o/)

Gli antropologi hanno scoperto che la dieta primitiva dei primi ominidi provocava un’usura eccessiva dei denti; per compensare quest’usura nella maggior parte dei casi i denti del giudizio avevano abbastanza spazio per spuntare entro la fine dell’adolescenza. La dieta moderna, composta da alimenti più teneri ed unita alla popolarità delle procedure ortodontiche di riallineamento dei denti, produce come risultato archi dentali con meno spazio a disposizione: succede abbastanza di frequente quindi che i denti del giudizio non abbiano spazio sufficiente per spuntare e quindi si vengano a creare alcuni problemi quando gli ultimi quattro molari iniziano a popolare la cavità orale.

Denti inclusi

Se un dente rimane incluso nella gengiva si possono originare complicazioni, come ad esempio:

  • un’infezione,
  • un danno ai denti vicini,
  • formazione di cisti.

Il dente rimane incluso quando non c’è spazio sufficiente nell’arco dentale e quindi la crescita e l’eruzione vengono impedite dalla gengiva sovrastante, dall’osso o da un altro dente.

I denti inclusi possono provocare molto dolore e causare infezioni; possono anche sovraffollare l’arcata dentale oppure danneggiare i denti o le radici circostanti. Si possono verificare problemi più seri se il sacco follicolare che circonda il dente incluso si riempie di liquidi e si dilata fino a formare una ciste. Crescendo, la ciste può annidarsi nella mascella e danneggiare i denti circostanti, l’osso circostante ed i nervi in modo permanente. In alcuni rari casi, se la ciste non viene curata si può sviluppare un tumore dalle sue pareti e potrebbe essere necessario un intervento chirurgico più serio per rimuoverla.

Nonostante ci sia una preoccupazione eccessiva per l’inclusione dei denti del giudizio, una ricerca recente finanziata dall’Associazione americana per la chirurgia orale e maxillofacciale e dalla Fondazione per la chirurgia orale e maxillofacciale ha dimostrato che i denti del giudizio che spuntano fuori dalla gengiva in posizione normale e verticale possono essere soggetti a patologie esattamente come i denti del giudizio che rimangono inclusi.

La domanda che molti ragazzi si pongono è quindi: “devo farmi estrarre i denti che non mi hanno mai causato problemi?”

Non tutti i problemi collegati ai denti del giudizio si manifestano con il dolore né sono visibili, il danno può verificarsi anche senza che ve ne rendiate conto. Quando i denti del giudizio crescono le loro radici diventano più lunghe, i denti diventano più difficili da rimuovere ed è più probabile che si verifichino delle complicazioni. I denti del giudizio inclusi avranno inoltre maggiore probabilità di causare problemi quando il paziente invecchierà.

Nessuno può prevedere se i denti del giudizio causeranno complicazioni ma, se malauguratamente si verificheranno, le circostanze potranno essere molto più dolorose ed i denti molto più difficili da curare. Si stima che circa l’85% dei denti del giudizio prima o poi debbano essere estratti.

È più facile togliere i denti del giudizio quando il paziente è più giovane, perché le radici non sono ancora completamente formate, l’osso circostante è più morbido e ci sono minori probabilità di danneggiare i nervi e le altre strutture circostanti.

L’estrazione dei denti del giudizio in età adulta diventa più complicata perché le radici si sono già sviluppate totalmente (magari danneggiando il nervo) e il tessuto osseo della mandibola o della mascella è più denso.

Vi consigliamo di non aspettare che i denti del giudizio inizino a darvi fastidio, in generale più presto si estraggono i denti del giudizio, più la guarigione è semplice. La ricerca citata in precedenza consiglia caldamente di far estrarre i denti del giudizio durante l’adolescenza, per prevenire possibili problemi futuri e per garantire una guarigione ottimale. I ricercatori hanno scoperto che i pazienti più anziani potrebbero avere maggiori probabilità di malattie, come la parodontite a carico dei tessuti che circondano i denti del giudizio e dei denti circostanti: la parodontite, l’infezione osservata in questa ricerca, può influire negativamente anche sul vostro stato di salute generale.

L’intervento di estrazione dei denti del giudizio

Prima dell’intervento, il chirurgo specialista vi descriverà le modalità dell’estrazione: è il momento adatto per fare domande o per esprimere le vostre preoccupazioni, soprattutto è importante far sapere al medico tutte le malattie di cui soffrite e i farmaci che state assumendo.

La relativa facilità con cui un dente del giudizio può essere rimosso dipende da diversi fattori, compresi la posizione del dente e il grado di sviluppo della radice: i denti del giudizio inclusi potrebbero richiedere un intervento chirurgico un po’ più complicato.

La maggior parte delle estrazioni dei denti del giudizio vengono eseguite presso l’ambulatorio di un chirurgo maxillofacciale in anestesia locale, sotto sedazione oppure in anestesia generale. Sarete voi, insieme al chirurgo, a decidere qual è l’anestesia più adatta per il vostro caso.

Dopo l’intervento potreste avvertire gonfiore e dolore di lieve entità, che comunque fanno parte del normale processo di guarigione. Impacchi di ghiaccio potrebbero far diminuire il gonfiore, mentre i farmaci prescritti dal vostro chirurgo potrebbero aiutarvi a gestire il dolore. Il medico potrebbe consigliarvi di modificare la dieta per i giorni successivi all’intervento, ma in seguito ritornerete all’alimentazione consueta.

Fonte: aaoms.org

Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. Mario

    Buonasera in riferimento a cio’ che ho scritto il 29/12/2015 vorrei sapere se attraverso rx endorale si vede se un dente e” fratturato in due. Il mio vecchio dentista dove sono tornata nuovamente pomeriggio mi ha detto che attraverso rx la frattura non si vede e conferma che il premolare e” da estrarre il secondo dentista dice che e” cariato e forma una spacca tura e si puo’ curare . Pero’ prima deve fare pulizia dentale ed ortopsnoramica ed rx endorale al premolare che mi fa male. Se durante la rimozione carie si dovesse rompere si toglie la meta’ rotto si devitalizza e simette corona. Un dente cariato non dovrebbe fare male anche quando non si tocca? . Perché io provo dolore solo quando il dente e’ toccato. Noi so a chi credere …. Se al primo o secondo dentista.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma io non mi sento in grado di rispondere; compatibilmente con gli impegni lavorativi, riceverà risposta dal Dr. Piana nei prossimi giorni.

  2. Mario

    Oggi sono andato da 3° dentista. Dice che il Premolare ha la cuspide palatina fratturata. Voleva toglierla e poi vedere come andava. Se portava ancora fastidio devitalizzare molare. Tre dentisti. … tre diagnosi diverse. . Quantomeno 2″dicono che non e’ da togliere. Oggi mangiando incisivo si e’ scheggiato. .. sono ritornato dal vecchio dentista che l ha limato un poco….. ma come e’ possibile che dei denti sani non cariati si possano fatturare? Non ci sono delle cure per rinforzare i denti? Dovro’ prendere parere di un quarto dentista?…. sono sfiduciato ….. mi pare di essere nel terzo mondo. ..

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Purtroppo non sempre le situazioni sono così limpide da permettere una diagnosi certa, anche se comprendo perfettamente il suo stato d’animo.

  3. Mario

    Buonasera. … sono andato da un quarto dentista. …. ha fatto rx endorale del 5° premolare che fa male.. il dente non presenta alcuna carie e’ sano….solo che si vede una zona nera alla radice ( una sofferenza) del dente. … lui pensa che magari il dente ha avuto qualche trauma mangiando qualcosa di duro…. quindi potrebbe esserci ma solo x ipotesi una microfrattura al dente non visibile alla rx. . E alla visita. … però alla rx non si vede ne ascesso ne granuloma mi consiglia di aspettare ancora 10 giorni. … se il dolore continua devitalizzarlo. .. e’ questo e’ il primo passo ( cercare di salvare il dente) se eventualmente mentre lo apre e’ rotto estrarlo e fare impianto

  4. Mario

    Ma un dente eventualmente che sta morendo non si può curare con farmaci? E’ giusta la prassi che vuole seguire questo medico? Vorrei pure un parere del dottore. Piana … grazie.. gli altri medici fino ad ora non avevano eseguito nessuna radiografia. ..

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Il Dr. Piana risponderà appena possibile compatibilmente con gli impegni professionali (ricordo che la sua disponibilità sul sito è del tutto volontaria), personalmente mi faccio da parte perchè temo di non essere in grado di aiutarla.

    1. Dott. Piana - Dentista a Verona

      Cercherò di fare una sintesi. La diagnosi di frattura può essere talvolta molto ardua. Le radiografie standard non dicono sempre come stanno le cose. La panoramica ancora meno. Sarebbe utilissima una tac conebeam che lo fa vedere in tridimensionale.
      Supponendo che ci sia la frattura, il destino del dente dipende dal tipo di frattura. Se molto profonda e verticale, occorre estrarre. Se invece è solo un pezzo piccolo si esegue la ricostruzione con o senza cura canalare a seconda di dove si è spinta la rottura.
      Personalmente avrei tolto il pezzo e valutato dopo il dafarsi.
      Purtroppo questa temibile evenienza avviene anche su denti sanissimi .
      Ecco una tac conebeam
      http://www.studiodottorpiana.it/radiologia-dentale-3d/

  5. valeria

    Scusi l’ora dottore ma le volevo chiedere una cosa.. più o meno quest’estate nn ricordo bene ma mi sbra agosto ho fatto la detartrasi dal dentista e mi ha detro che avevo tre carie che io nn sapevo di avere.. le volevo chiedere delle cose 1 se ora queste carie possono essersi aggravate molto 2 ho l’ansia della piorrea lei dice che se avessi avuto un inizio o qualcosa che mi possa portare a quello il dentista se ne sarebbe accorto?? 3 c’è la possibilità che da agosto ad oggi mi sia venuta la piorrea? ?? Io ho 25 anni e lavo almeno 3 volte al giorno i denti e faccio uso di colluttorio.. lei cosa ne pensa?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Se non sono state curate sì, è possibile che siano leggermente peggiorate.
      2. Se ne sarebbe accorto.
      3. Può stare tranquillissimo, ma valuti con il suo dentista di curare le tre carie.

    2. Dott. Piana - Dentista a Verona

      Confermo ciò che ha detto il dott. Cimurro.
      Tenga presente che la piorrea è un processo lento che dà segni tangibili della sua presenza quando si è perso molto terreno. Qualche mese di attesa può avere un significato relativo, ma il vero errore è aspettare anni senza fare niente.
      Il dentista dovrebbe accorgersi….dico “dovrebbe” perchè la cultura parodontale non è purtroppo percepita da tutti i dentisti.
      Comunque a 25 anni è molto raro avere segni robusti di piorrea. 😉
      http://www.studiodottorpiana.it/parodontologia-verona/

  6. Mario.

    Buonasera… faccio riferimento alle mie domande dei giorni precedenti… e come m ha consigliato d.Piana ho fatto tac conebeam. ..le scrivo il referto che mi e’ stato dato” si rileva carie con piccola osteolisi periapicale del 28 si rileva modesta quantita’ di tessuto flogistico nel recesso inferiore del seno mascellare sx..Normale il trofismo osseo. Che vuol dire?.. che il molare giudizio era cariato lo sapevo. Il primo premolare a sx e” stato devitalizzato e messo un perno a causa di una frattura verticale e un fastidio mi da…. pero’ io dal dentista ero andato perche” il problema c’è l ho al premolare 15 a dx e invece nella tac non è stato riscontrato nulla.

    1. Dott. Piana - Dentista a Verona

      ..la tac va visionata dal suo dentista perché i referti dei radiologi sono spesso generici. Il fatto che non si veda nulla potrebbe essere una iniziale buona notizia. Non trova?

  7. Mario

    Buonasera … domani chiamerò il dentista x appuntamento x far visionare tac.

  8. Anonimo

    Buonasera dottore… Devo tirare un molare ormai perso ma per colpa della paura non vado dal dentista preferirei tutt altro ma non il dentista…. Questa mola ormai ha solo una parete e la radice… stasera mangiando della pizza croccantissima ho sentito un forte dolore e poi mi sono accorta che l ultima parete rimasta ha cominciato a dondolare ma mentre dondola provo dolore…. Se per caso si stacca mangiando rischio emorragia?? Ormai per questa settimana non potró andare dal dentista.,. Questo dolore puo essere dal forte morso? Se calma il dolore e cerco di dondolarlo per farlo spezzare cosa succede ? Non mi sento pronta x tirarlo del tutto

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non faccia pasticci, eviti metodi fai fa te e si rivolga con fiducia al dentista.

  9. Anonimo

    Ma se per caso mi cade in questo week end rischio qualcosa? Ho paura io arrivo la e mi viene il panico non so perche

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Non conoscendo precisamente la situazione e non avendo l’esperienza necessaria non mi sento di esprimere giudizi.
      2. Valuti magari un blando ansiolitico con il dentista, da assumere 1-2 ore prima di recarsi presso lo studio.

  10. Anonimo

    Ho chiamato il dentista oggi andró per vedere se per ora mi toglie questo fastidio che dondola per poi togliere la radice penso che questo non farà malissimo … E poi prendo l appuntamento per l estrazione…. Poi mi sono graffiata la gengiva prima per dieci minuti usciva sangue e mi sono spaventata perche alcuni con il sangue si sentono male e ho avuto paura… Ma ormai è passato posso sentirmi male lo stesso? Io non ho mai ansia ma se parliamo di denti mi sento malissimo :-( e ho avuto paura per il sangue di perdere i sensi non credo vero?

  11. Anonimo

    Ok mi faccio prendere dall ansia troppo e se penso ad oggi non lo so.. Ho paura ma non posso nemmeno mangiare.. cerco di rilassarmi …

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi tenga al corrente, vedrà che mi scriverà “l’avessi fatto prima!”.

  12. Anonimo

    Certo la terró al corrente .. Ho attimi che sembra che dovrebbe mancarmi aria non so mi sento agitata puó essere sintomi d ansia ???? Come se dovessi perdere i sensi non so

  13. Anonimo

    Avendo il dolore perche e indolenzito il dottore mi ha detto che magari in questi giorni giocherellando cade da solo e poi andro per la radice

  14. Larissa

    Non mi sono nati ancora i denti del giudizio però la gengiva sopra loro si stacca…cosa mi significa? Non riesco a mangiare perché è anche tanto gonfia

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Onestamente non capisco cosa intenda dicendo che “si stacca”.

    2. Dott. Piana - Dentista a Verona

      Credo di comprendere cosa intende per “si stacca”…facilmente i suoi denti del giudizio tentano di erompere. Ora non so la sua etá, ma sarebbe opportuna una radiografia panoramica per accertarsi che la posizione e lo spazio per la loro uscita sia ideale. Ogni decisione va presa dopo questo accertamento.
      Qui sul link un caso limite!
      http://www.studiodottorpiana.it/topic/denti-del-giudizio-inclusi/

  15. Anonimo

    Buongiorno,
    Ho letto altri commenti di persone che hanno paura del dentista e un pò mi solleva. Spiego. A breve dovrò estrarre il mio unico dente del giudizio mai venuto fuori del tutto ma sempre rimasto x metà coperto dalla spessa gengiva che non si è mai ritirata. X 10 anni sono andata avanti così. E x fortuna mia non mi ha mai dato problemi e dolori fino ad oggi. Ma essendosi spaccato ormai del tutto è consigliabile estrarlo e concordo prima che si metta a fare male meglio agire adesso che la situazione è tranquilla. Il mio problema non è tanto il dente in sé ma la paura dell’intervento. Come mi siedo sulla poltrona inizio ad avere ansia a mille. Già ne soffro e mi curo ma questa paura mi manda in tilt. Ho paura che mi faccia male l’intervento. Non del dolore del dopo che è normale. Ma durante l’intervento. Avrei solo bisogno di un pò di rassicurazioni xkè sono davvero esausta di avere paura. Capisco benissimo che è più la paura che mi fa stare peggio che l’intervento ma non riesco a contenerla. Cosa posso fare e soprattutto mi farà male l’intervento ?!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Segnali queste paure al medico o al dentista, potrebbe venire consigliato un blando ansiolitico da assumere prima dell’intervento; ormai le tecniche anestetiche sono molto sviluppate, vedrà che anche durante l’intervento andrà tutto benissimo.

      Ci tenga al corrente.

  16. giovy

    Dottore è da un po’ di tempo che ho male ai denti al lato sinistro che parte dal molare irradiandosi fino agli incisivi (lato di sotto). Ho notato al molare una piccola crepa, forse una carie ma non so se il dolore dipenda dal molare, dalle gengive o dal pre molare che mi feci otturare 11 anni fa, sta di fatto che al caldo e freddo provo tanto dolore, per non parlare di quando mangio. Il dentista mi ha consigliato un dentifricio adatto per i denti sensibili e una radiografia perché ha detto che adirittura c’è il rischio di devitalizzazione. Ho 21 anni e non vorrei fare la radiografia perché già l’ho fatta al torace a gennaio. Cosa sarà tutto ciò secondo lei? Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non si preoccupi e proceda con fiducia all’esame suggerito, servirà a chiarire la situazione e non sarà esposta a particolari pericoli (in termini di radiazioni).

  17. mery

    Salve dottore. Le vorrei esporre un mio “caso”. In pratica, avevo una carie da devitalizzare che mi ha provocato un dolore assurdo, verso agosto-settembre ed ero corsa da dentista che non avendo tempo mi ha messo la pasta provvisoria ed oggi, rompendosi la pasta ho notato che dentro c’era anche del COTONE, cosa di cui io non me ne ero assolutamente accorta. Il dente è il secondo molare, l’ultimo dente quindi, sull’arcata superiore a destra. Ora sono senza pasta e col dente “libero” e proprio dietro ho notato di avere come un ascesso sulla gengiva e sento come se da quella parte fosse un po’ il palato duro. Domani chiamerò il dentista ma voglio solo sapere se devo preoccuparmi o no..La pasta provvisoria potrebbe avermi procurato qualcosa di grave o peggio, di irrecuperabile?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Stia tranquilla e chiami il dentista, sembra tutto gestibile.

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non essendo io dentista preferisco non valutare queste situazioni, perchè non sento di avere le competenze per farlo.

  18. Anonimo

    Buongiorno dottore, le scrissi il 26 marzo. Sono qua x aggiornarla. Alla fine il dentista mi ha fatto fare la panoramica. Ho fatto visita ieri. Per il momento la situazione è tranquilla il dentista non ha fretta di estrarre anche se mi ha detto che sarebbe meglio farlo in situazione tranquilla che di dolore. Comunque non mi ha messo fretta dice che potrebbe ancora durare del tempo senza dare problemi però non vorrei rischiare troppo. Anche se ho ancora molta paura. Lei cosa mi consiglia di fare ?! La mia intenzione sarebbe quella di aspettare ancora qlk mese se va tutto bene e poi agire. Ma vorrei un suo parere. La ringrazio anticipatamente per la sua enorme pazienza e gentilezza.

  19. Anonimo

    Ovviamente nel mio scritto mi riferisco al dente del giudizio di cui già le parlai ma che mi sono accorta di non avere specificato nell’ultimo scritto. Mi scuso. E grazie mille in anticipo. Cordiali saluti.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi atterrei al consiglio del medico, senza fretta, ma quando capita il momento giusto (magari qualche giorno di ferie dal lavoro o situazioni simili) cercherei di programmarlo.

    2. Dott. Piana - Dentista a Verona

      Lo estragga presto…..in genere col caldo stagionale peggiorano. La paura del male durante l’intervento é immotivata….nei giorni successivi é piú difficile stabilirlo.
      http://www.studiodottorpiana.it

  20. sara

    Buongiorno a tutti,
    vi scrivo in quanto 2 settimane fa ho effettuato l’estrazione dei due denti del giudizio: inferiore e superiore sinistro. è stato un intervento avvenuto in anestesia locale e molto molto complicato in quanto i due denti erano incapsulati, è durato tre ore e mezza. Dopo l’estrazione mi sono gonfiata terribilmente e il periodo post-operatorio è stato molto duro, sono stata quattro giorni a letto, ho assunto la terapia antibiotica e dopo una settimana sono stata meglio. Il problema è iniziato 5 giorni fa, ho iniziato a sentire (in particolare la notte) un forte dolore all’orecchio ed in tutta la zona facciale sinistra, in più da due settimane la parte della lingua sinistra è totalmente anestetizzata non sento nulla, nè gusti e neanche se la mordo.
    Ho contattato il mio dentista e mi ha consigliato di fare una panoramica ed è emerso che un pezzo di radice è rimasta dentro la gengiva superiore sinistra. Quindi vi chiedo il dolore all’orecchio è possibilmente relazionato alla radice rimasta dentro la gengiva? quali sarebbero le implicazioni se non togliessi questa radice, potrebbe riassorbirsi senza problemi? una volta estratta questa radice il dolore all’orecchio sparirà?
    ed inoltre come è possibile che dopo due settimane abbia la sensazione di avere parte della lingua anestetizzata? Ho letto su internet che mosse azzardate del dentista durante l’estrazione potrebbero causare gravi conseguenze come la lesione del nervo linguale o alveolare? la lesione sono solitamente temporanea? se si in quanto tempo tornerà il suo normale funzionamento? Vi chiedo gentilmente di rispondermi in quanto sono un’italiana all’estero e ho effettuato quest’intervento fuori dall’Italia e soprattutto da casa, sono molto preoccupata perchè dovranno nuovamente incidere la gengiva e ho molta paura di non riacquistare sensibilità nella lingua..vi prego aiutatemi

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma non mi sento in grado di esprimere giudizi.

  21. Anonimo

    Buongiorno.
    Volevo avere informazione. Se possibile. Da una panoramica è risultato che ho ancora ben 3 denti da latte ma sotto la gengiva non c’è l’altro non c’è niente. In 40 anni non me ne sono mai accorta ci ho mangiato di tutto insomma trattati come denti normali. Devo anche dire che la mia storia è particolare. Fin da piccola ho cambiato i denti davanti per 3 volte. E non ho due incisivi davanti e mi mancano anche 3 premolari. (Uno sopra e due sotto). Infatti al loro posto ho mantenuto questi molari da latte. Che hanno un pò di radice e sono ben solidi. Insomma li ho da 40 anni. Volevo sapere due cose. Uno se esistono casi come il mio. Il mio dentista ha dei che sono rari quelli in cui si sono cambiati più volte i denti da latte. E due se questi dentini da latte dureranno parecchio. Il dentista mi ha detto di non preoccuparmi non dureranno tutta la vita ovviamente ma avendo un pò di radice non mi devo preoccupare. Ma volevo sentire anche un altro parere e soprattutto se ci sono caso come il mio. Grazie mille già da adesso.

  22. Laura

    Buonasera,
    Da qualche giorno ho un fastidio al dente del giudizio superiore destro e dovrò estrarlo il mese prossimo.
    Questo dente può provocarmi dolori solamente alla tempia sinistra e appunto non la sua (destra)?
    A sinistra ho giá tolto tutti e due i denti del giudizio

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      In linea di massima dovrebbe dare fastidio solo sul lato interessato.

  23. Divina

    Buonasera Dottore, proprio questa mattina mi è stato un molare in alto a sinistra quello prima del dente del giudizio. Sto mangiando gelati in quanto mi hanno detto di evitare di mandare all’interno del “buco” cibo, ho preso antibiotico prima dell’intervento e devo continuarlo per una settimana. Domani proverò con molta calma a lavare i denti e a utilizzare il colluttorio visto che ora mi è impossibile, dato che il buco è grande e la Dottoressa non è riuscita a mettermi i punti e ancora sanguina e il dolore è atroce al momento. Io le ho chiesto come procederemo per tappare il buco e lei mi ha detto che essendoci il dente del giudizio non serve niente in quanto questo prenderà il posto del dente tolto. Ma è vera questa storia? Non c’è pericolo che mi si allentano i denti? Mi mette pensiero questa cosa! Come fa il dente del giudizio a spostarsi in avanti e occupare questo grande buco lasciato da quel dente che era enorme??? La ringrazio!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Onestamente non mi risulta che il dente del giudizio possa fisicamente prenderne integralmente il posto (ma prego il Dr. Piana di correggermi se fossi in errore).

    2. Anonimo

      Perchè non vorrei ritrovarmi con i denti allentati e correre poi a cercare un rimedio!

Lascia una risposta

IMPORTANTE: In nessun caso la figura del farmacista può sostituire quella del medico, unico professionista con le competenze e la possibilità legale di formulare diagnosi e prescrivere farmaci. Le considerazioni espresse hanno quindi come unica finalità quella di agevolare in ogni modo il rapporto medico-paziente, mai ed in nessun caso devono prenderne il posto.

Gli interventi inviati potrebbero richiedere fino a 15 minuti per essere visibili sul sito.

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.