Tobradex o Tobral? Informazioni su colliri e pomata

Ultimo Aggiornamento: 217 giorni

Descrizione generale

Tobral e Tobradex sono due colliri comunemente prescritti per trattare varie patologie oculari, tra cui infiammazioni e congiuntiviti.

Contengono entrambi un antibiotico (tobramicina), mentre si differenziano perchè solo Tobradex contiene anche un cortisonico (desametasone); è molto importante non commettere l’errore di pensare che la formulazione con cortisone sia sempre preferibile “perchè più forte”, in quanto potenzialmente causa di gravi complicazioni in presenza di specifiche patologie.

Tobral è indicato negli adulti e nei bambini per il trattamento delle infezioni come le congiuntiviti batteriche e le blefariti.

Si usa Tobradex in caso di infiammazioni oculari quando è necessario un corticosteroide e quando esista un’infezione oculare o il rischio di infezioni oculari negli adulti.

Sono disponibili in forma di collirio e unguento oftalmico, richiedono ricetta medica ripetibile e nessuno di essi è mutuabile.

  • Tobral
    • collirio € 8.40
    • collirio RP € 13.00
    • unguento oftalmico € 10.20
  • Tobradex
  • collirio € 7.60
  • unguento oftalmico € 8.20

Sono poi disponibili formulazioni per l’uso auricolare, non trattati in modo specifico in questo articolo.

Utilizzo del farmaco

Per favorire la guarigione completa dell’infezione oculare, applicare la tobramicina per tutta la durata di trattamento prescritta, anche in caso di scomparsa dei sintomi. Non saltare dosi.

Gocce

Il flacone è riempito solo parzialmente in modo da consentire il controllo accurato delle gocce.

  1. Lavarsi bene le mani.
  2. Rovesciare indietro la testa e, con l’indice di una mano, premere delicatamente la pelle appena sotto la palpebra inferiore; allontanarla quindi dall’occhio per creare uno spazio.
  3. Applicare 1-2 gocce, in base alla prescrizione medica.
  4. Lasciare la palpebra e chiudere delicatamente gli occhi. Non ammiccare. Tenere gli occhi chiusi per un paio di minuti in modo da permettere al farmaco di entrare in contatto con l’infezione.
  • Se si pensa di non avere messo la goccia nell’occhio, ripetere la somministrazione.
  • Per evitare il più possibile di contaminare il farmaco, non porre la punta dell’applicatore in contatto con alcuna superficie (incluso l’occhio). Tenere inoltre il flacone ben chiuso.
  • Se il medico ha prescritto una combinazione di due soluzioni oftalmiche, aspettare almeno 5 minuti tra l’una e l’altra. Aiuterà a impedire che la seconda soluzione “lavi via” la prima.

Unguento oftalmico

  1. Lavarsi bene le mani.
  2. Rovesciare indietro la testa e, con l’indice di una mano, premere delicatamente la pelle appena sotto la palpebra inferiore; allontanarla quindi dall’occhio per creare uno spazio.
  3. Spremere una sottile striscia di pomata in questo spazio (in genere la quantità deve essere pari a un chicco di riso).
  4. Lasciare la palpebra e chiudere delicatamente gli occhi; tenerli chiusi per un paio di minuti in modo da permettere al farmaco di entrare in contatto con l’infezione.
  • Per evitare il più possibile di contaminare il farmaco, non porre la punta dell’applicatore in contatto con alcuna superficie (incluso l’occhio).
  • Dopo aver applicato la pomata di tobramicina, pulire la punta del tubetto di pomata con un fazzolettino pulito e richiuderlo bene.

Dosaggio

La dose del farmaco sarà diversa a seconda della tipologia di paziente, si raccomanda quindi di seguire sempre la prescrizione del medico.

Le seguenti informazioni riportano solo le dosi riportate sulla scheda tecniche, che tuttavia possono venire personalizzate dal medico; se la propria dose è diversa, non cambiarla a meno di specifiche indicazioni mediche perchè il numero di dosi giornaliere, l’intervallo tra di esse e la durata del trattamento dipendono dal problema medico per cui il farmaco viene prescritto.

  • Tobral
    • Collirio: Instillare nel sacco congiuntivale due gocce quattro volte al giorno nelle forme acute e tre volte al giorno nelle forme croniche, secondo prescrizione medica.
    • Unguento: Applicare nel sacco congiuntivale da due a quattro volte al giorno, secondo prescrizione medica.
  • Tobradex
    • Collirio: Instillare 1 o 2 gocce 4-5 volte al giorno secondo prescrizione medica. Agitare prima dell’uso.
    • Unguento: Applicare una piccola quantità (circa 1 cm di unguento) nel sacco congiuntivale 3-4 volte al giorno secondo prescrizione medica. L’unguento può essere usato al posto del collirio la sera prima di coricarsi.

Dose saltata

Nel caso si salti una dose del farmaco, assumerla quanto prima. Se tuttavia è quasi l’ora della dose successiva, non assumere la dose saltata e riprendere il proprio schema terapeutico abituale. Non raddoppiare dosi.

Effetti collaterali

Possono insorgere

  • lacrimazione,
  • arrossamento degli occhi,
  • fastidio oculare,
  • gonfiore/prurito palpebrale.

Se uno qualunque di questi effetti persiste o peggiora, avvertire tempestivamente il farmacista o il medico.

Ricordarsi che il medico ha prescritto questo farmaco ritenendo i benefici più importanti dei possibili effetti collaterali. Molti pazienti fanno uso di tobramicina senza gravi conseguenze.

L’uso prolungato o ripetuto frequentemente può determinare una re-infezione fungina. Non utilizzare il farmaco oltre il tempo prescritto. Contattare il medico se i sintomi peggiorano o ne compaiono di nuovi.

Gravi reazioni allergiche al farmaco sono rare; ricorrere comunque tempestivamente a cure mediche se compaiono. I sintomi di una grave reazione allergica possono consistere in

  • eruzioni,
  • prurito/gonfiore (specie di faccia, lingua e gola),
  • vertigini importanti,
  • difficoltà respiratorie.

Questa non è una lista esauriente dei possibili effetti collaterali. Nel caso di sintomi diversi da quelli elencati, contattare il medico o il farmacista.

Sovradosaggio

Questo farmaco può essere pericoloso se ingerito. Nel caso di sovradosaggio o ingestione sospetti, contattare immediatamente un centro antiveleni o il pronto soccorso.

Bambini

I farmaci sono stati sperimentato nei bambini e, alle dosi efficaci, non hanno mostrato effetti collaterali o problemi diversi rispetto ai pazienti adulti.

Gravidanza

Studi condotti in donne in gravidanza hanno dimostrato un possibile rischio per il feto, quindi l’utilizzo in gravidanza deve sempre avvenire dietro espressa prescrizione del ginecologo.

Allattamento al seno

Non ci sono studi conclusivi nelle donne per capire il rischio per il lattante quando il farmaco è assunto durante l’allattamento. I benefici potenziali vanno bilanciati rispetto ai rischi prima di assumere questa medicina durante l’allattamento.

Farmacologia

Tobramicina

La tobramicina oftalmica è usata localmente per il trattamento delle infezioni batteriche dell’occhio (congiuntiviti, blefariti, …). Funziona uccidendo i batteri.

Può essere usata da sola o con altri farmaci per le infezioni oculari. In gocce o in pomata, può essere usata da sola durante il giorno. Le due formulazioni, poi, possono essere impiegate insieme: le gocce di giorno e la pomata di notte.

Studi in vitro hanno dimostrato che la tobramicina è attiva su ceppi dei seguenti microrganismi:

  • Stafilococchi, inclusi S. aureus e S. epidermidis (coagulasi-positivi e negativi), inclusi i ceppi resistenti alla penicillina.
  • Streptococchi, inclusi alcuni ceppi del gruppo A beta-emolitico, ceppi non emolitici e alcuni S. pneumoniae.
  • Pseudomonas aeruginosa,
  • Escherichia coli,
  • Klebsiella pneumoniae,
  • Enterobacter aerogenes,
  • Proteus mirabilis,
  • Morganella morganii,
  • la maggior parte dei ceppi di Proteus vulgaris,
  • Haemophilus influenzae e H. aegyptius,
  • Moraxella lacunata,
  • Acinetobacter calcoaceticus
  • e alcune Neisseria.

Gli studi di suscettibilità batterica dimostrano che in alcuni casi i microrganismi resistenti alla gentamicina rimangono suscettibili alla tobramicina.

Desametasone

I corticosteroidi sopprimono la risposta infiammatoria a una varietà di agenti e probabilmente rallentano o ritardano la guarigione. Poiché i corticosteroidi inibiscono le difese dell’organismo da infezioni, un farmaco antimicrobico può essere usato in associazione quando si considera questa inibizione clinicamente rilevante.

Il desametasone è un potente corticosteroide.

Non ci sono dati sull’assorbimento sistemico di Tobradex (sospensione oftalmica tobramicina – desametasone); tuttavia, è noto che può esserci un qualche assorbimento sistemico di farmaci applicati nell’occhio.

Se viene somministrata la dose massima di Tobradex  (sospensione oftalmica tobramicina – desametasone) per le prime 48 ore (due gocce in ciascun occhio ogni 2 ore) e si verifica assorbimento sistemico, evento peraltro molto raro, la dose nel giorno di desametasone sarà 2,4 mg.

Se dopo le prime 48 ore vengono somministrate due gocce in ciascun occhio ogni 4 ore, si raggiungeranno 1,2 mg quotidiani di desametasone.

Fonti:

Traduzione a cura della Dr.ssa Greppi Barbara

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

La sezione commenti è attualmente chiusa.