Lexotan gocce e compresse: effetti, rischi e dosi

Ultimo Aggiornamento: 22 giorni

Introduzione

I farmaci ansiolitici sono medicinali che aiutano a ridurre i sintomi dell’ansia, come

I più comuni ansiolitici sono farmaci noti come benzodiazepine, efficaci nei disturbi d’ansia generalizzati, ma anche utilizzati per le loro proprietà:

  • sedative,
  • ipnotiche,
  • anticonvulsive,
  • anestetiche,
  • miorilassanti.

Nei disturbi di panico o nella fobia sociale (disturbo d’ansia sociale), le benzodiazepine vengono in genere impiegate come farmaci di secondo livello, dopo gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina o altri tipi di antidepressivi.

Tra le benzodiazepine più comunemente impiegate nel trattamento dei disturbi d’ansia ricordiamo:

  • bromazepam (Lexotan®),
  • clonazepam (Rivotril®)
  • alprazolam (Xanax®),
  • lorazepam (Tavor®).

Prezzo e formulazioni

Il farmaco in Italia è venduto nelle seguenti formulazioni (prezzi aggiornati a settembre 2017):

  • Lexotan 1.5 mg compresse oppure capsule: € 5.90
  • Lexotan 3 mg compresse o capsule: € 7,40
  • Lexotan 6 mg capsule: € 9,70
  • Lexotan gocce: € 8.80

Di ogni formulazione è in vendita anche il rispettivo generico, farmaco a base dello stesso principio attivo (bromazepam) ma venduto a prezzo inferiore, nonché alcuni confezionamenti d’importazione (ma sempre prodotti dalla titolare del marchio, Roche SpA).

Effetti

In Italia Lexotan è registrato con le seguenti indicazioni:

  • ansia, tensione ed altre manifestazioni somatiche o psichiatriche associate con sindrome ansiosa.
  • insonnia (cioè per dormire).

I sintomi acuti dell’ansia possono essere trattati con benzodiazepine con emivita breve come Lexotan, ossia con una durata d’azione limitata nel tempo.

Può essere talvolta prescritto anche in caso di attacchi di panico.

Si noti che, a causa dei possibili effetti collaterali che vedremo in seguito, come tutte le benzodiazepine anche Lexotan è indicato solo e soltanto “quando il disturbo è grave, disabilitante o sottopone il soggetto a grave disagio” e dovrebbe inoltre essere usato per il più breve tempo possibile.

Tutte le formulazioni richiedono per l’acquisto la presentazione di ricetta medica ripetibile, con durata di un mese e tre confezioni in totale.

Dosi

Una delle domande più frequenti poste dai pazienti è “Quante gocce di Lexotan per dormire?”.

La dose deve sempre essere stabilita dal medico, in base alla condizione del paziente e alla risposta soggettiva al farmaco.

Da un punto di vista generale le dosi consigliate sono:

  • Lexotan gocce e compresse: mediamente si ragiona attorno a somministrazioni di 1,5 – 3 mg, da ripetere 2-3 volte al giorno;
    • 1.5 mg di Lexotan corrispondono a una capsula/compressa da 1.5 mg oppure a 15 gocce,
    • 3 mg di Lexotan corrispondono a una capsula/compressa da 3 mg oppure a 30 gocce;
  • Lexotan 6 mg capsule rigide: Nei rari casi in cui sia necessaria una dose superiore si può ricorrere alla formulazione da 6 mg in capsule, che prevede la somministrazione di 6-12 mg 2-3 volte al giorno.

Il vantaggio della formulazione in gocce è che permette un aggiustamento della dose molto più fine e granulare (ogni goccia contiene 0.1 mg di bromazepam).

Ansia

Il trattamento deve sempre essere il più breve possibile ed è necessario collaborare con il medico attraverso periodiche e frequenti rivalutazioni; in genere la durata del trattamento con Lexotan non dovrebbe superare i 2-3 mesi, ivi compreso un periodo conclusivo di sospensione graduale.

A differenza dei farmaci antidepressivi, le benzodiazepine possono anche essere assunte al bisogno.

In specifici pazienti potrebbe essere necessario un prolungamento della terapia, che tuttavia deve sempre avvenire dietro stretto controllo medico.

Insonnia

Anche con quest’indicazione il trattamento deve essere il più breve possibile. Quando viene prescritto per dormire in genere la cura dovrebbe prevedere un piano di assunzione compreso tra pochi giorni e due settimane, che quando necessario può essere esteso fino a 4 settimane (compreso il periodo di sospensione graduale).

Il trattamento deve sempre essere iniziato con la dose consigliata più bassa e portato a regime senza superare la dose minima efficace. La dose massima non deve essere superata.

Si noti che Lexotan 6 mg capsule è l’unica formulazione che NON presenta come indicazione l’insonnia.

Dipendenza e tolleranza

Gli ansiolitici come le benzodiazepine, e Lexotan non fa eccezione, sono efficaci nell’alleviare l’ansia e agiscono più rapidamente dei farmaci antidepressivi (o del buspirone) spesso prescritti per la cura dell’ansia.

Il paziente può tuttavia sviluppare tolleranza verso le benzodiazepine se assunte per periodi prolungati; può quindi aver bisogno di dosi sempre maggiori per ottenere lo stesso effetto. Alcuni soggetti diventano perfino dipendenti da questi farmaci.

Per evitarlo, il medico in genere prescrive le benzodiazepine per brevi periodi, pratica particolarmente utile

  • nei soggetti più anziani,
  • in persone con problemi di abuso di sostanze o che tendono a sviluppare dipendenza da farmaci con facilità.

Un soggetto che interrompe bruscamente l’assunzione di benzodiazepine può avere un ritorno dell’ansia o sintomi di astinenza quali:

  • cefalea,
  • diarrea,
  • dolori muscolari,
  • ansia estrema,
  • tensione,
  • irrequietezza,
  • confusione,
  • irritabilità.

Nei casi gravi possono comparire inoltre:

Le benzodiazepine devono quindi essere sempre ridotte gradualmente.

Effetti collaterali

Come qualunque altro farmaco, anche Lexotan può causare effetti collaterali. Tra questi ci sono manifestazioni e rischi anche gravi.

Gli effetti collaterali più frequenti sono la sonnolenza e le vertigini, ma ricordiamo anche la possibilità di comparsa di (elenco non esaustivo):

  • nausea,
  • visione confusa,
  • cefalea,
  • confusione,
  • stanchezza,
  • incubi,

molti dei quali tendono a sparire dopo pochi giorni dall’inizio della terapia.

Riferire al medico uno o più dei seguenti sintomi, se gravi o persistenti:

  • sonnolenza,
  • vertigini,
  • instabilità,
  • problemi di coordinazione,
  • difficoltà di concentrazione o disturbi della memoria,
  • salivazione aumentata,
  • dolori muscolari o articolari,
  • minzione frequente,
  • visione confusa,
  • modifiche delle pulsioni e capacità sessuali.

Contattare immediatamente il medico a fronte di uno dei seguenti sintomi:

  • eruzione cutanea,
  • orticaria,
  • gonfiore di occhi, faccia, labbra, lingua o gola,
  • difficoltà a respirare o a deglutire,
  • raucedine,
  • convulsioni,
  • ittero (pelle e occhi gialli),
  • depressione,
  • difficoltà a parlare,
  • pensieri suicidi o autolesionistici,
  • difficoltà respiratorie.

 

Fonti principali:

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

Gentile utente, per garantire maggiormente la tua privacy i tuoi contributi potrebbero essere mostrati sul sito in forma anonima.

Leggi le condizioni d'uso dei commenti.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      A mio avviso identici, restando su marche affidabili uno vale l’altro. Per la valutazione dell’affidabilità del marchio può fare riferimento al suo farmacista di fiducia.

La sezione commenti è attualmente chiusa.