Eutirox (levotiroxina): effetti ed altre informazioni

Ultimo Aggiornamento: 106 giorni

Introduzione

L’ormone tiroideo levotiroxina (commercializzata come Eutirox®, Tirosint®, …) è impiegato per il trattamento dell’ipotiroidismo, condizione contrassegnata da una produzione insufficiente di ormoni da parte della ghiandola tiroide. La levotiroxina è anche usata per curare l’ipotiroidismo congenito (cretinismo) e il gozzo (ingrossamento della ghiandola tiroide).

La levotiroxina è usata con la chirurgia e la terapia con iodio radioattivo anche per trattare il cancro della tiroide. La molecola appartiene a una categoria di farmaci denominata ormoni e funziona sostituendosi all’ormone tiroideo di solito prodotto dall’organismo.

Senza ormone tiroideo l’organismo non è in grado di funzionare correttamente, lo sviluppo fisico può essere stentato, può mancare energia e possono manifestarsi

  • stanchezza eccessiva,
  • stipsi,
  • aumento di peso,
  • caduta di capelli,
  • secchezza e ispessimento della pelle,
  • aumentata sensibilità al freddo,
  • dolori articolari e muscolari,
  • cicli mestruali abbondanti o irregolari,
  • depressione.

La levotiroxina, dosata e assunta correttamente, corregge tutti questi sintomi.

Nel presente articolo parleremo indifferentemente di levotiroxina od Eutirox (il farmaco più comunemente prescritto), ma il lettore tenga presente che le considerazioni fatte valgono per qualsiasi farmaco a base di questo principio attivo.

Modalità di assunzione

La levotiroxina viene assunta per bocca, sotto forma di

  • gocce,
  • flaconcini,
  • compresse
  • o capsule.

Di norma viene prescritta una volta al giorno a stomaco vuoto, da mezz’ora a un’ora prima di colazione.

Seguire con attenzione le istruzioni del foglietto illustrativo del farmaco; consultare il medico o il farmacista per eventuali chiarimenti. Assumere la levotiroxina esattamente come prescritto e non assumerne meno o più spesso di quanto stabilito dal medico.

Per quanto riguarda le capsule e le compresse si raccomanda di inghiottirle intere; non masticarle, né frantumarle.

In passato, quando c’era la necessità di somministrare compresse a lattanti, bambini o adulti non in grado di inghiottirle, queste venivano frantumate e mescolate con un cucchiaino da tè di acqua naturale; ad oggi è invece disponibile la formulazione in gocce che permette di aggirare questi problemi, migliorando drasticamente il corretto dosaggio del farmaco.

Il medico inizia in genere la terapia con una dose di Eutirox bassa, che alzerà gradualmente fino a raggiungere il corretto equilibrio, misurato attraverso periodici esami del sangue.

La levotiroxina permette di controllare l’ipotiroidismo, ma non lo guarisce.

Ci possono volere diverse settimane prima di osservare modifiche dei propri sintomi, ma si raccomanda di:

  • continuare ad assumere la levotiroxina anche se ci si sente ancora bene,
  • non interromperne l’assunzione senza il parere del medico.

Sintomi persistenti

Un sotto-insieme di pazienti affetti da ipotiroidismo, seppur trattati con dosi adeguate di levotiroxina, riferisce una persistenza dei sintomi nonostante il raggiungimento di livelli normali di TSH.

In questi pazienti sono necessarie ulteriori indagini di laboratorio e cliniche, perché i sintomi possono essere dovuti ad altre cause. Inoltre, è importante controllare la loro terapia ed eventuali integratori alimentari, perché i livelli di ormone tiroideo nei soggetti trattati con levotiroxina possono essere influenzati da numerosi medicinali.

Attenzioni alimentari

Seguire una dieta normale, sana.

Alcuni cibi e bevande, in particolare quelli contenenti soia, noci e fibre alimentari, possono interagire con la levotiroxina; l’ormone va quindi preso da mezz’ora a un’ora prima di colazione.

Mancata assunzione di una dose

Prendere la dose appena ci si accorge della dimenticanza, se tuttavia è quasi l’ora della dose successiva, non assumere la dose saltata e riprendere il proprio schema terapeutico abituale.

Non assumere una dose doppia per compensare quella saltata.

Generici

Memorizzare il nome commerciale o il nome generico del proprio medicinale e non cambiare marca senza consultarsi con il medico o il farmacista, perché ciascuna marca di levotiroxina potrebbe contenere una quantità di principio attivo leggermente diversa.

Si noti che non c’è alcun problema o pericolo a scegliere un generico, a patto di usare sempre la stessa marca per garantire un corretto equilibrio dei livelli circolanti di ormoni tiroidei (fonte: AIFA).

Effetti collaterali

Eutirox, come tutti i farmaci, può causare effetti collaterali.

Riferire al medico uno o più dei seguenti sintomi, se gravi o persistenti:

  • perdita di peso,
  • tremore,
  • cefalea,
  • nausea,
  • vomito,
  • diarrea,
  • crampi allo stomaco,
  • nervosismo,
  • irritabilità,
  • insonnia,
  • sudorazione eccessiva,
  • aumento dell’appetito,
  • febbre,
  • variazioni nel ciclo mestruale,
  • insofferenza al caldo,
  • caduta di capelli temporanea, soprattutto nei bambini durante il primo mese di terapia.

In presenza di uno dei seguenti sintomi, chiamare il medico immediatamente o ricorrere al pronto soccorso:

  • dolore precordiale (angina),
  • battito cardiaco (polso) rapido o irregolare.

È essenziale andare a tutti gli appuntamenti con il medico e con il laboratorio. Il medico prescriverà alcuni esami di laboratorio per controllare la risposta alla levotiroxina.

Gravidanza

L’americana FDA (Food and Drug Administration, l’organismo USA equivalente al nostro Istituto Superiore della Sanità) ha classificato la levotiroxina come categoria di gravidanza A.

Poiché non sono stati dimostrati maggiori rischi di malformazioni congenite nelle donne incinta in trattamento con levotiroxina, la terapia dovrà proseguire durante la gravidanza.

Inoltre, in caso di diagnosi di ipotiroidismo durante la gestazione, si dovrà immediatamente iniziare la terapia, perché l’ipotiroidismo è associato con una maggiore frequenza di complicanze, quali aborto spontaneo, pre-eclampsia e parto prematuro.

Il fabbisogno di ormone tiroideo è maggiore per tutta la durata della gravidanza. Si raccomanda quindi che le donne incinta aumentino il dosaggio di levotiroxina secondo le modalità che verranno consigliate dall’endocrinologo. Esami di funzionalità tiroidea dovranno essere eseguiti periodicamente durante tutta la gravidanza.

Allattamento al seno

Benché il latte materno contenga una minima quantità di ormoni tiroidei, questi non influenzano i livelli plasmatici del neonato.

Non esistono inoltre ad oggi riscontri che Eutirox possa causare un qualunque evento negativo al lattante o alla madre durante l’allattamento.

Poiché sono necessarie concentrazioni adeguate di ormone tiroideo per mantenere una lattazione normale, si raccomanda di somministrare dosi corrette di levotiroxina durante l’allattamento al seno.

Eutirox fa dimagrire?

L’ormone tiroideo non dovrebbe essere usato per trattare l’obesità in soggetti con funzione tiroidea normale. Eutirox non ha effetti sul peso in individui con tiroide normale, mentre può dare effetti collaterali molto gravi, soprattutto se assunto associato ad anfetamine.

Fonti:

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

Gentile utente, per garantire maggiormente la tua privacy i tuoi contributi potrebbero essere mostrati sul sito in forma anonima.

Leggi le condizioni d'uso dei commenti.

  1. Anonimo

    salve mi hanno scitto l’obless io sono stata operata di tiroide totale e prendo 1 compressa al gg volevo sapere se l’obess puo crearmi probklemi con l’eutirox??

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Se assunto a distanza di almeno 4 ore non dovrebbe creare problemi.

  2. Anonimo

    La ringrazio dottore. Quindi non importa che disturbi l’endocrinologo per chiederglielo dunque giusto? Grazie stavo in pensiero…

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Farei comunque il punto almeno con il medico di base.

  3. Anonimo

    Buona sera volevo chiederle un consiglio ( torno proprio adesso dall’endocrinologo ma mi sono dimenticata di chiederlo) .dunque assumo eutirox ogni mattina per ipotiroidismo sub clinico in vista di una gravidanza. Al momento il mio tsh é perfetto (1.70). Sono in cura da un agopuntore per sinusite per cercare di eliminare l’abitudine ai vasocostrittori…lui mi ha prescritto granuli di hydrastis canadensis da assumere tre volte al giorno ( subito prima di colazione, al pomeriggio e prima di andare a letto). Ci possono essere interazioni tra questi granuli e l’assunzione di eutirox? La ringrazio

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Da un punto di vista chimico i rimedi omeopatici non contengono alcun principio attivo, non hanno quindi interazioni con i farmaci.

  4. Anonimo

    io prendo da anni l’eutirox, dopo una operazione di quasi totale asportazione della tirodide. Dopo vari cambi per trovare il dosaggio corretto, io ho ancora difficoltà a prendere l’eutirox a stomaco vuoto, come tutti gli altri farmaci in realtà (OKI, Nimesulide, Aspirina C dolore e infiammazione, e altri di questa natura..mi spaccano lo stomaco, anche se presi in concomitanza con quelli a protezione dello stomaco). Perciò la bevo a colazione al mattino, quando bevo un caffelatte e mangio qualche biscotto. Questo può influenzare l’effetto?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, perchè influenza l’assorbimento; verifichi regolarmente il TSH.

La sezione commenti è attualmente chiusa.