Intolleranza al lattosio, i sintomi

Ultimo Aggiornamento: 88 giorni

Introduzione

Il lattosio è uno zucchero presente principalmente nel latte e nei prodotti lattiero-caseari. L’intestino tenue, l’organo dove avviene una delle parti fondamentali della digestione del cibo e dell’assorbimento dei nutrienti, è in grado di produrre un enzima chiamato la lattasi.

Compito principale della lattasi è scindere (rompere) il lattosio in due forme più semplici di zucchero, glucosio e galattosio, che l’organismo è in grado di assorbire nel flusso sanguigno.

Parliamo di intolleranza al lattosio quando un soggetto non è in grado di digerire alimenti che lo contengono, pena la manifestazione di vari sintomi prevalentemente a livello gastrointestinale; la causa più comune è la carenza di lattasi a livello intestinale.

Non si tratta di una patologia grave ed è in genere sufficiente evitare il consumo di alimenti a rischio per prevenire qualsiasi sintomo.

Sintomi

I sintomi dell’intolleranza al lattosio si manifestano con il consumo di questa sostanza e sono:

I sintomi compaiono circa da 30 minuti a 2 ore dopo aver mangiato o bevuto alimenti contenenti lattosio; l’entità dei sintomi può essere lieve o più severa e dipende da:

  • quantità di lattosio consumato,
  • quantità di lattasi disponibile.

Oltre a causare questi sgradevoli sintomi l’intolleranza al lattosio può causare complicazioni di salute se non correttamente gestita, perchè una dieta povera o priva di latte e latticini può esporre al rischio di carenza di:

Se con una buona e regolare esposizione al sole si può demandare al nostro organismo la produzione di una sufficiente quantità di vitamina, per il calcio la situazione può essere più complicata; il calcio è un minerale essenziale a tutte le età, sia per la crescita che per il mantenimento della salute delle ossa. Un’assunzione insufficiente può portare ad avere ossa meno dense e quindi meno resistenti, con una maggior facilità di rottura (osteoporosi).

Alcuni alimenti non derivati del latte che sono tuttavia buone fonti di calcio sono:

  • pesci con ossa morbide che si mangiano, come le sardine in scatola e il salmone,
  • broccoli,
  • alcuni cereali da colazione,
  • tofu (con solfato di calcio).

Quanto lattosio si può consumare senza manifestare sintomi?

La maggior parte dei soggetti con intolleranza al lattosio è in grado di tollerare una certa quantità di lattosio nella dieta, senza quindi la necessità di evitare completamente latte e/o prodotti lattiero-caseari.

Ogni paziente è in grado di tollerare una diversa quantità di lattosio, che deriva da numerosi fattori (principalmente la quantità di lattasi prodotta a livello intestinale).

La letteratura suggerisce che da un punto di vista generale adulti e adolescenti con malassorbimento del lattosio dovrebbero riuscire a mangiare/bere almeno 12 grammi di lattosio alla volta senza manifestare sintomi o con la comparsa di sintomi minori. Questa quantità è contenuta in circa una tazza di latte.

La quantità tollerata può variare anche in base a come viene distribuita durante la giornata e se il consumo avviene o meno a stomaco vuoto (situazione a maggior rischio).

Allergia al latte e intolleranza al lattosio sono la stessa cosa?

No. L’allergia al latte è una reazione del sistema immunitario dell’organismo verso le proteine del latte e i sintomi comprendono

  • orticaria,
  • eruzione cutanea (eczema)
  • e dolore allo stomaco.

È un’allergia comune nei neonati e nei bambini

L’allergia al latte si presenta di solito nel primo anno di vita (e viene poi in genere superata), mentre i sintomi dell’intolleranza al lattosio sono rari prima dell’età di 2 o 3 anni.

 

Fonte principale: NIH

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

Gentile utente, per garantire maggiormente la tua privacy i tuoi contributi potrebbero essere mostrati sul sito in forma anonima.

Leggi le condizioni d'uso dei commenti.

  1. Anonimo

    Salve a tutti…..scusate io so di essere intollerante al lattosio,ma xke mi fa male anke il latte senza lattosio??

    1. Anonimo

      Anche a me succede la stessa cosa!i disturbi per quanto riguarda me sono dolori di pancia e diarrea!

    2. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, intanto tutti gli esseri umani adulti sono più o meno intolleranti al lattosio, perchè dopo lo svezzamento si riducono fisiologicamente gli enzimi che digeriscono il lattosio, per cui assumendolo abbiamo questi sintomi. Se lo si è assunto per anni non è detto che i miglioramenti si abbiano così repentinamente, oppure la causa dei sintomi intestinali va ricercata altrove.

  2. Anonimo

    Gentile dottore ho dei problemi con il late o almeno credo. Ho iniziato ad avere la pancia gonfia male alla pancia. Da oggi però dopo aver mangiato una brioche ho avuto dei crampi fortissimi allo stomaco. Stasera ho mangiato la panna accida con dei crechers e sto male ho nausea e mi viene da rimettere e ho dei crampi allo stomaco molto forti. In questi casi devo fare il test per l intolleranza al latte??oppure è già una dimostrazione è quindi basta che io smetta di mangiare o bere i prodotti che contengono il lattosio ??

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      È la prima volta che ha problemi o le capita tutte le volte che consuma latte e derivati?

    2. Anonimo

      No mi succede ogni volta ma il problema più grave diciamo è stato ieri quando ho mangiato la brioche e mangiato alla sera la panna. Ho avuto davvero dei forti crampi e nausea che non ho mai manifestato quando mangiavo latte o derivati ance se a volte mi poteva venire male alla pancia e a volte nause

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Vale la pena parlarne con il medico e valutare con lui se procedere all’esame.

    4. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, secondo il tariffario del nomenclatore delle prestazioni specialistiche del Lazio intorno ai 30 euro. saluti

La sezione commenti è attualmente chiusa.