Allergia a graminacee ed altri pollini: i 5 rimedi definitivi

Ultimo Aggiornamento: 1006 giorni

Link sponsorizzati

Esempio di graminacea

Esempio di graminacea (http://it.wikipedia.org/wiki/File:Hordeum_distichon1.jpg)

Primavera significa boccioli e alberi in fiore, ma per i milioni di persone che soffrono di allergie primaverili significa anche starnuti, congestione, naso che cola e altri problemi e sintomi. All’inizio della primavera il colpevole principale è il vento carico del polline dagli alberi, mentre in tarda stagione è l’erba (molto spesso le graminacee) che inizia a causare problemi. L’aspetto peggiore delle allergia primaverili è che i segni e i sintomi si verificano durante i giorni caldi, secchi o ventilati, quando c’è un sacco di polline e di muffa nell’aria.

Prima di accontentarsi di fiori di plastica e di piante artificiali, provate queste semplici ed efficaci strategie. Non si possono evitare completamente le allergie stagionali, ma è possibile ridurne le conseguenze. Ecco alcuni suggerimenti che vi possono aiutare.

1. Ridurre l’esposizione ai pollini

Ci sono alcune cose che si possono fare per ridurre l’esposizione al polline che scatena l’allergia:

  • Rimanete in casa nelle giornate secche e ventilate. Il momento migliore per uscire è dopo una buona pioggia che aiuta a ripulire l’aria dal polline.
  • Evitare gite e soste prolungate nei prati, sopratutto durante il taglio del fieno per gli allergici alle graminacee.
  • Delegate il lavoro di giardinaggio a qualcun altro, evitate tutto ciò che possa farvi stare a contatto con fiori, alberi o prati (ricchi di graminacee) e che possa produrre allergeni.
  • Lavare spesso con acqua il viso e le altre parti del corpo scoperte dopo l’esposizione.
  • Lavate i vestiti che avete indossato all’esterno, sarebbe bene anche farsi una doccia per sciacquare il polline dalla vostra pelle e dai capelli.
  • Evitate che i vostri animali domestici si mettano sul letto o sul divano . Il polline si attacca al pelo animale.
  • Non appendete il bucato all’esterno. Il polline si può attaccare a lenzuola e asciugamani.
  • Se lavorate all’aperto, indossate una maschera antipolvere.

2. Fare particolare attenzione quando c’è molto polline

Segni e sintomi dell’ allergia stagionale possono aumentare quando c’è molto polline nell’aria. Questi accorgimenti possono aiutare a ridurre l’esposizione al polline:

  • Controllate su Internet le previsioni del polline e i livelli di allergeni da graminacee e altre piante in corso (Il periodo di fioritura delle diverse varietà di polline cambia per zone differenti e, in generale, in pianura avviene prima che in montagna.).
  • Se si prevedono elevati livelli di polline nell’aria, iniziate a prendere i farmaci per l’allergia prima della comparsa dei sintomi.
  • Chiudete le porte e le finestre di notte o in qualsiasi altro momento, quando i livelli del polline sono elevati.
  • Evitate attività all’aperto nelle prime ore del mattino quando i livelli del polline sono più elevati.

3. Mantenere pulita l’aria interna

Non c’è nessun prodotto miracoloso in grado di eliminare tutti gli allergeni dall’aria nella vostra casa, ma questi accorgimenti vi possono aiutare:

  • Mettete l’aria condizionata in casa e in auto.
  • Utilizzare dei filtri specifici contro l’allergia nel vostro sistema di ventilazione.
  • Evitate che l’aria interna si possa asciugare tramite un deumidificatore.
  • Utilizzare un filtro ad alta efficienza per il particolato atmosferico (HEPA) nella vostra camera da letto.
  • Pulite i pavimenti con un aspirapolvere che abbia un filtro HEPA ad alta efficacia contro le particelle aeree.

4. Fare attenzione alla pulizia della casa

Le pulizie di primavera sono un ottimo modo per ridurre gli allergeni in casa. In aggiunta alla regolare routine della pulizia di primavera, questi suggerimenti possono aiutarvi se siete allergici agli acari della polvere:

  • Rivestite i materassi, imballate gli scatoli e usate delle coperture per cuscini a prova di allergia.
  • Lavate lenzuola e coperte con acqua riscaldata ad almeno 50 °C.
  • Passate l’aspirapolvere sui tappeti settimanalmente.
  • Sostituite la moquette con un pavimento in laminato o in altro materiale duro che non raccolga gli acari della polvere e altri allergeni, in particolare nella vostra camera da letto.

5. Allergie Crociate

Alcuni alimenti, in particolar modo vegetali, possono indurre reazioni inaspettate (prurito e gonfiore alle labbra ed in bocca per esempio) perché responsabili di allergie crociate: evitare o consumare in seguito a cottura.

  • I pazienti allergici alle betulacee dovrebbero prestare attenzione a carote, mele, nocciole, pere, finocchi, noci, ananas, ciliege, albicocche, banane, susine, prugne e fragole.
  • I pazienti allergici alle graminacee dovrebbero invece fare attenzione a melone, pomodori, angurie, arance, kiwi ed in alcuni casi anche a avena, frumento, orzo, segala e mais.
  • Infine i pazienti allergici alla compositae evitino sedano, anguria, melone, banana, zucchino, cetriolo, carote e prezzemolo.

Quando consultare il medico

Per molte persone l’uso di farmaci da banco consente di alleviare i sintomi da allergia alle graminacee ed altre piante, ma se le vostre allergie stagionali sono particolarmente fastidiose, potrebbero essere necessari dei test cutanei o degli esami del sangue per scoprire esattamente quali sintomi vengono innescati dagli allergeni. Ciò può aiutarvi a determinare quali passi è necessario intraprendere per evitare che si possa innescare una reazione allergica e può aiutare il medico a determinare quali trattamenti possono funzionare meglio.

Farmaci

Alcuni farmaci per le allergie da banco o sotto prescrizione possono aiutare a controllare i sintomi dell’ allergia stagionale:

Corticosteroidi per via nasale. Disponibili sottoprescrizione, i corticosteroidi spray nasali sono un farmaco efficace per le allergie stagionali e vengono spesso prescritti per affrontare dei sintomi fastidiosi. Alcuni esempi: fluticasone (Flonase), budesonide (Rhinocort), mometasone (Nasonex) e triamcinolone (Nasacort). Non si possono notare miglioramenti se non dopo aver utilizzato questi farmaci per una settimana o giù di lì.

  • Antistaminici. Gli antistaminici aiutano ad alleviare il prurito, gli starnuti e il naso che cola per molte persone che soffrono di allergie, anche se hanno meno effetto sulla congestione da allergia. Fanno parte di questa categoria la loratadina (Claritin®), la cetirizina (Zirtec®), l’ebastina (Clever®, Kestine®), desloratadina (Aerius®, Azomyr®) , …
  • Decongestionanti. Questi farmaci a breve durata sono disponibili sia da banco che sotto prescrizione medica in forma liquida, di compresse e come spray nasali. I decongestionanti orali comprendono farmaci contenenti pseudoefedrina (Reactine®, in associazione ad un antistaminico). I decongestionanti nasali sono per esempio la nafazolina (Rinazina®) la fenilefrina (Nasomixin®) e l’oximetazolina (Actifed®, Vicks Sinex®). I decongestionanti orale possono aumentare la pressione sanguigna, per cui è bene evitarli se si soffre di pressione alta e possono anche aggravare i problemi di prostata. Gli spray decongestionanti nasali devono essere utilizzati solo per pochi giorni. Un uso prolungato può può peggiorare la congestione nasale.
  • Inibitori dei leucotrieni. Il montelukast (Singulair®, Montegen®) è un farmaco antistaminico da assumere sotto prescrizione medica adottato per bloccare l’azione dei leucotrieni, sostanze chimiche del sistema immunitario che causano i sintomi di allergia, come l’eccesso di produzione di muco.
  • Sodio Nedocromile. Questo farmaco, disponibile come spray nasale da banco (Tilade®, Kovinal®), aiuta ad alleviare i sintomi del raffreddore da allergia, impedendo il rilascio di istamina. È più efficace quando viene assunto prima che si sviluppino i sintomi dell’allergia e talvolta devono essere utilizzati fino a tre o quattro volte al giorno.

Altri trattamenti

Altri trattamenti per le allergie stagionali comprendono:

  • Immunoterapia specifica (vaccino per l’allergia). Conosciuta anche come desensibilizzazione, questo trattamento può essere adatto se i farmaci non riescono a controllare i sintomi dell’allergia alle graminacee od altra o se possono causare significativi effetti collaterali.
  • Irrigazione nasale. Per alleviare i sintomi dell’allergia nasale il medico può raccomandare l’ irrigazione nasale (lavaggio nasale). Ciò consente di liberare il naso dal muco e da altre sostanze irritanti tramite l’uso di soluzione fisiologica in fiale o spray.
  • Terapie alternative. Alcune persone sostengono che i probiotici, l’agopuntura e l’ipnosi possano essere d’aiuto contro i sintomi di allergia stagionale, tuttavia non c’è alcuna prova concreta a sostegno dell’efficacia di questi trattamenti.

Traduzione ed integrazione a cura di Francesca Giannino


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. tiziana

    buongiorno dottore, so che questa non è la sezione adatta per esporre il mio problema ma comunque ci provo sperando in una sua risposta. Allora, ho 24 anni e circa una settimana fa, svegliandomi mi sono ritrovata con un prurito fastidiosissimo alle braccia e grattandomi,mi sono ricoperta interamente di bolle.il mattino dopo, il mio viso era gonfissimo , il medico mi ha prescritto cortisone e antistaminico credendo che la mia allergia fosse derivata da un tessuto. il tutto poi è passato in poco tempo. oggi, sono qui con prurito alle braccia accompagnato da bollicine rosse e pelle in rilievo gonfia. non ho naso che cola o simili. solo prurito. prenoterò l appuntamento dalla mia dermatologa. spero vivamente che la mia non sia una allergia al cane o qualche animale , visto che ieri sera ne avevo uno. cosa ne pensa? grazie infinitamente

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Solo sulle braccia?
      Ieri aveva le maniche corte?
      Ci sono aspetti in comune con quello che è successo il giorno prima dell’episodio precedente?

  2. tiziana

    sì solamente sulle braccia. non sono gonfiata nel viso come credevo.. l unica correlazione possibile è magari il fatto che avevo una maglia un po’ pesa e il tessuto potrebbe avermi dato noia. Non saprei..

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, è una spiegazione plausibile; la reazione c’è stata solo dove la maglia veniva a contatto diretto con la pelle?

    2. tiziana

      no perché ad esempio nella pancia o comunque nella schiena non avevo niente..

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      In questo caso tenderei ad escludere anche questa ipotesi.

      Sono passati 5 giorni, ci sono ancora sintomi?

  3. Ema

    volevo sapere, io sono allergico al polline e prendo zirtec tutti i gg.. adesso sto anche provando anche il ribes nero con lo zirtec ma non funziona tanto.. continuo comunque a starnutire e a stare male.. qual è il passo successivo??? devo prendere un altro tipo di antistaminico??? se si quale????

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non posso prescrivere farmaci, ma le confermo che ci sono antistaminici più recenti che danno risultati migliori.

    2. Ema

      grazie della risposta dottor cimurro, quali sono gli antistaminici piu recenti??? non le chiedo di prescrivermi un farmaco come farebbe il mio dottore, le chiedo solo secondo lei qual è tra questi l antistaminico migliore o quale ha il principio attivo migliore.. comunque se le puo servire le do questi dati: ho 15 anni e i sintomi sono starnuti, occhi rossi, tosse, mi cola il naso e sto male.. pratico sport a contatto con la natura, (mtb, enduro, motocross) secondo lei che principio attivo è il migliore con i miei sintomi??? non sopporto piu il dovermi soffiare il naso ogni 5 minuti e stare male.. grazie per la risposta..

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Nei casi come il suo vedo prescrivere spesso antistaminico per bocca (ebastina, des-loratadina, levo-cetirizina, …) ed uno dei tanti spray nasali cortisonici da usare quotidianamente.

    4. Ema

      Grazie mille dottore, ora vedrò di attivarmi e le faro sapere i risultati..

  4. Franco

    Buongiorno Dr. Cimurro,
    non sono sicuro d’essere nella sezione giusta ma provo ad esporle il mio problema sperando comunque in una sua cortese risposta.
    Ho 40 anni, sesso maschile, da circa 10 anni in primavera accuso un anomalo mal di denti che, in tutti questi anni, nessun dentista è mai riuscito a debellare, uno ha persino estratto inutilmente un dente. E’ un mal di denti strano, lo sento in una zona e non in un dente soltanto, ed è localizzato nella parte superiore dx. Spesso è sopportabile e dura un’oretta (nel 99% dei casi in tarda serata), altre volte devo ricorrere ad antidolorifici o altro.
    Soltanto quest’anno ho pensato che la causa potrebbe non derivare dai denti ma da altro ed ho cominciato ad informarmi e tenere sotto controllo altri sintomi. Prima di tutto ho sempre in naso chiuso, non cola e anche se lo soffio non ottengo nessun risultato (ho pensato alla sinusite). Ad oggi sono 2 notti che il mal di denti non si presenta ma da ieri mi è spuntata una lieve congiuntivite che pensandoci bene è comparsa anche l’anno passato anche se in forma molto più aggressiva (a questo punto ho pensato a qualche allergia tipo graminacee che racchiude circa tutti questi sintomi).
    Ieri ho parlato del mal di denti al mio medico di base…dopo un minuto ha concluso che digrigno i denti mentre dormo, mi ha chiamato un dentista presente nello stesso studio associato e lui mi ha detto che risolverò mettendo una “placca” notturna, costo dell’operazione €450 (perdoni la nota polemica, ndr).
    Spero vivamente che lei possa darmi indicazioni in merito.
    Ringraziandola per il servizio che offre a tutti e per la cortese risposta che vorrà fornirmi colgo l’occasione per porgere
    Distinti saluti

    Franco

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Una diagnosi è ovviamente impossibile, ma forse al suo posto sentirei prima un otorino (per l’ipotesi sinusite, che mi sembra plausibile) ed un neurologo (anche se è difficile spiegare la stagionalità del problema).

  5. mirella56

    Buongiorno dott. Cimurro, soffro di naso chiuso , orecchie che prudono e male alla gola, adesso poi sono ko mi è andata via la voce completamente. Il mio medico mi ha prescritto antibiotici e bentelan 1 compressa effervescente al giorno. A parte ora che ho avuto grosso problema alla voce, questo naso chiuso come lo posso curare. Mio papà soffriva di rinite allergica mia nonna aveva l’asma… sono preoccupata, grazie mille saluti

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Ha già iniziato Bentelan? Entro poche ore al massimo dovrebbe aprirsi sensibilmente.

      Utili lavaggi nasali con acqua ipertonica.

    2. mirella56

      grazie mille per il consiglio, bentelan oggi è la 3 pastiglia e comincio a parlare, cordiali saluti

  6. maddalena

    Buongiorno, ho 40 anni e da quando sono piccola sono allergica alle graminacee, mi provocano orticaria se vengo a contatto e starnuti e asma se mi ci trovo in mezzo (tipo campo di grano per intenderci). Tuttavia non ho mai accusato problemi alimentari con il grano, almeno fino ad un paio di anni fa. Da circa due anni avevo una forte dermatite sulle braccia, ma non mi dava prurito, per cui ho trascurato la cosa. ero spesso gonfia, sempre con ritenzione idrica fortissima, soprattutto se mangiavo pasta o pizza la sera. Poi a giugno scorso inizio una dieta per perdere 4-5 chili di troppo, e la dieta prevedeva l’eliminazione momentanea delle farine di grano. Dopo soli tre gg di eliminazione la dermatite si è alleggerita e dopo una settimana era scomparsa. naturalmente non potevo non associare le due cose, era troppo evidente. Con il passare delle settimane mi sono sgonfiata, scomparsa la ritenzione idrica…Insomma ho perso anche 6 chili e sto davvero benissimo. Ne ho dedotto che ho un problema con il grano. Da quando non lo uso più sto benissimo, ma in compenso è diventata molto più violenta la mia reazione quando vengo a contatto con le farine di frumento. In casa preparo spesso dolci o pane e altre cose, usando la farina di grano, non per me ma per altri membri della famiglia. L’ho sempre fatto ma non avevo mai notato particolari reazioni: ora invece, quando preparo queste cose mi viene l’orticaria su mani e polsi, mi riempio di bolle che mi danno bruciore e prurito, insomma l’orticaria vera e propria..starnutisco continuamente mentre preparo e in alcuni casi ho dovuto usare anche ventolin per un inizio di asma. Insomma, sto meglio, ma ho la sensazione che , avendolo eliminato del tutto, mi ha accentuato le reazioni avverse…Possibile? A gennaio farò tutti i test del caso, per avere una diagnosi certa…ma ormai viste le reazioni epidermiche e respiratorie sono certissima che si tratti proprio di allergia. A lei risulta una cosa del genere? cioè che la sospensione di un alimento possa determinare reazioni simili?
    Un cordiale saluto
    Maddalena

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mentre leggevo la sua testimonianza pensavo ad una celiachia oppure ad una sensibilità al glutine, ma in effetti non so spiegarmi questo aggravamento delle reazioni cutanee e respiratorie; mi dispiace, ma purtroppo non so aiutarla, ma se mi tiene al corrente mi fa piacere.

  7. elisa

    Buonasera, mi presento sono Elisa ho 27 anni.. da circa sei anni sono risultata allergica a betulla frutta secca frutta fresca e verdura(la frutta tutta) pelo di gatto e nichel…i miei sintomi si presentano sotto forma di rinite allergica ma anche difficoltà nella respirazione giramenti di testa calo di pressione. Per anni i miei sintomi sono rimasti abbastanza innoqui ma a gennaio di quest anno ho avuto una forte reazione con dei mandarini e da quel giorno i mie sintomi sono aumentati tantissimo, ma sopratutto sono aumentati gli allergeni..non posso nemmeno piu pulire la camera, la polvere mi genera asma giramenti di testa…per non parlare di un grandissimo numero di verdura e la soia…come posso diminuire i sintomi? La situazione sta diventando insopportabile..grazie per l attenzione!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Assume regolarmente antistaminici? È allergica anche agli acari della polvere?

    2. Anonimo

      No gli antistaminici li prendo quando necessario, quando sento che iniziano sintomi strani come naso chiuso..giramenti di testa..da poche settimane a questa parte mi sono resa conto di essere allergica alla polvere..non posso toccare libri vecchi o mettermi a pulire dietro ai mobili in quanto ho reazioni come starnuti, nausea malessere generale..giramenti di testa…piu passa il tempo e piu sn forti le reazioni…sotto stress divento ancora piu sensibile…ci sarebbe una soluzione per diminuire la sensibilità? È un vero stress stare sempre attenta a tutto…

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Purtroppo è impensabile ricorrere ai vaccini con tutti questi allergeni; l’allergologo non le ha consigliato di ricorrere in modo costante all’antistaminico?

    4. Anonimo

      In realtà per il momento mi ha prescritto antistaminici e cortisone da prendere all occorrenza…purtroppo per anni non ho avuto particolari sintomi…evitando quei determinati cibi ho arginato il problema. E’ solo da qualche mese che la situazione sta diventando insostenibile…a dicembre devo finire le ultime analisi con frutta fresca in quanto ormai tutta la frutta mi dà sintomi e non solo..spero vivamente in un miglioramento, anche se ho poche speranze…lei pensa che dovrei prendere regolarmente antistamici?la ringrazio vivamente per i consigli.

    5. Dr. Cimurro (farmacista)

      Se i sintomi stanno diventando così invalidanti è una possibilità da prendere in considerazione.

  8. Rossana

    Volevo sapere se è possibile associare bentelan e montelukast. La bambina di 10 anni, molto allergica agli acari, prende montelukast. Ora in seguito a placche e a tosse ,prima canina ora molto stizzosa , sto seguendo la cura prescrittami qualche anno fa dalla pediatra: antibiotico e bentelal 1 mg per due gg, 0,5 per altri duegg. Ho sospeso però montelukast!!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non l’avrei sospeso, a meno di specifico parere del pediatra.

  9. Luca

    Dottore come è possibile che mi sia stata riscontrata l’allergia alle graminacee mediante Prick test (nr. 14) in ospedale i cui sintomi allergici si sono manifestati particolarmente nel periodo ottobre-gennaio con degli sbalzi di intensità? Pensavo di essere allergico agli acari della polvere ma secondo il referto no. E’ possibile avere una manifestazione in questo periodo per questo tipo di allergene oppure c’è sotto qualche altra allergia non riscontrata?

    1. Luca

      Oltretutto, proprio adesso stavo controllando accedendo al sito dell’Agenzia regionale che si occupa della tutela dell’ambiente che il bollettino settimanale relativi a pollini è sospeso per via delle quantità irrilevanti presenti nell’aria in questo periodo… mi continuano a sorgere sempre più dubbi sull’esattezza del referto…

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Con l’attuale inverno (non freddo) non è così assurdo, anche se qualche dubbio viene.

    3. Luca

      L’allergologo infatti mi ha detto che con questo inverno con una temperatura abbastanza calda per la media, potevo avere sintomi.. ma in ogni caso non mi spiego perché sto meglio dentro casa rispetto all’esterno.

    4. Dr. Cimurro (farmacista)

      Perchè con le finestre chiuse non entra il (poco) polline presente.

    5. Anonimo

      Dottore le chiedo scusa per l’errore di battitura. Sono troppo ansioso e mi sto facendo prendere dalla fretta di avere una risposta da qualcuno… il dubbio più grande è che mi sento meglio all’esterno rispetto che all’interno.

      Nel commento di sopra, ripeto, ho sbagliato a digitare per via dell’ansia che purtroppo non riesco a controllare. Le chiedo chiusura e la ringrazio per la sua disponibilità.

    6. Dr. Cimurro (farmacista)

      Questo in effetti è più strano e capisco perchè supponeva l’allergia agli acari, ma in ogni caso non è motivo di preoccupazione.

    7. Luca

      La ringrazio nuovamente. La preoccupazione sta nel fatto che il medico mi ha detto di dover provvedere al vaccino. Il vaccino, da quello che so, va iniziato qualche mese prima dall’inizio dell’impollinazione e, se non erro, il periodo è marzo-giugno quindi dovrei iniziare il prima possibile. Essendo il vaccino una terapia che dura ben 5 anni, un qualcosa di davvero impegnativo, volevo essere sicuro di quello che faccio e dell’affidabilità del referto. Sono davvero confuso e non so cosa fare…

    8. Dr. Cimurro (farmacista)

      Su questo, non essendo allergologo, preferisco non esprimere giudizi.

    9. Luca

      Ha già fatto troppo fornendomi dei suoi pareri e per questo la ringrazio moltissimo.

  10. tony

    salve dottore circa 10 giorni fa’ oh avuto i primi sintomi di allergia durato piu’ o meno uno due giorni a starnutire e il naso che mi colava e poi mi e calmato domenica invece o avuto bruciore al naso qualche starnuto e freddo nelle ossa. ora dottore cortesemente mi potrebbe dire se puo’ essere allergia oppurre o preso l’ influenza adesso cio’ pure fastidio alla gola e il naso che mi brucia di dentro e da un lato e tappato. a dimenticavo di solito l’allergia a me inizia a fine aprile e mi dura circa un mese allora dottore mi puo’ rispondere per favore.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Quest’anno le confermo che gli allergeni sono già nell’aria (per il caldo anticipato), ma mi è difficile dire se nel suo caso sia questa la causa (il freddo nelle ossa mi però propendere per sindrome influenzale).

  11. tony

    si dottore a ragione anche il farmacista vicino casa mia mi a detto che può’ essere influenza e non allergia perché’ i sintomi di solito sono gli occhi che lacrimano o puritano. ok dottore la ringrazio e
    tanti saluti

  12. Jacopo

    Salve,
    Sono un ragazzo di 15 anni, pratico sport a livello agonistico (ciclismo) spesso mi capita di avere problemi di respirazione , mi ha detto il mio medico che sono asmatico vedendo i risultiati degli esami del sangue , sono allergico alla muffa , graminacee, acari e erba più altro. Prendo antistaminici e ventolin prima di partire per una gara e di ogni allenamento, oggi in gara non mi sentivo molto bene , giramento di testa , caldo , tosse e malessere generale, avendo valori molto alti di allergia anche al polline presente nell’aria cosa mi conviene fare ? Sono sicuro che non sia una semplice influenza perché anche negli ultimi giorni ho questi giramenti di testa quando mi alzo , e spesso mi succede che veda annebbiato.
    La ringrazio anticipatamente

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non conosco la legislazione antidoping, ma forse valuterei di ricorrere al cortisone (che però è doping, quindi andrebbe segnalato) nei giorni peggiori.

  13. Romina

    Buonasera dottore volevo chiederle un consulto: ho 30 anni, femmina, fumatrice.
    Fin da piccola sono allergica al polline..da marzo a giugno un incubo di occhi rossi starnuti e naso rosso..
    Ho fatto visita con allergologa e fatto il vaccino nei mesi di gennaio-febbraio per 3 anni consecutivi. Sono stata molto bene per i successivi 4 anni, senza alcun sintomo di allergia. Ora, giunta al quinto anno e tornato improvvisamente tutto come prima, forse peggio in quanto negli anni sono ingrassata (1.60 cm per 72 kg) , faccio fatica a respirare. E normale che il vaccino abbia terminato i suoi benefici?dovrei rifare un altro ciclo?
    Ricordo poi che la dottoressa mi aveva detto di stare attenta a carote, fragole e mais…che vuol dire?
    La ringrazio

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Questa annata è un po’ particolare a causa del clima di questo inverno, non è detto che sia di nuovo peggiorata, potrebbe essere aumentata la quantità di polline nell’aria.
      2. Il rischio è di sviluppare allergia crociata, ossia che le diano fastidio anche quei vegetali.

  14. Chicca

    Buonasera volevo chiedere un consiglio: sono una ragazza di 19 anni e ho usato reactine per 3 settimane e mezza mentre si dovrebbe usare 2-3 settimane.. Però io prendevo solo una compressa al giorno e non due come indicato.. Questo giovedì ho smesso anche perché non faceva più effetto e oggi ho preso lo zirtec ma non noto benefici.. Cosa posso fare? ho il timore di usare troppi farmaci però ho un’allergia abbastanza forte e fastidiosa! Se mi sa dare un consiglio la ringrazio davvero di cuore

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      In questi casi in genere si associa all’antistaminico uno spray cortisonico.

  15. Gianluca

    Buongiorno

    Soffro di allergia al polline ormai da anni, e purtroppo quest’anno è inviata in anticipo. Attualmente prendo Cetirizina 1 volta al giorno (la mattina) e verso primo mese inizierò 2 volte al giorno (mattina e sera). La notte però ho il naso completamente bloccato (in particolare la parte destra) e non riesco proprio a respirare, si blocca e si sblocca da un momento all’altro. C’è un rimedio per avere un naso un po’ più libero? E per quanto riguarda invece il prurito al palato che quest’anno sembra essere peggiore nonostante la Cetirizina cosa posso fare?

    Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Per entrambi i problemi potrebbe essere di grande beneficio uno spray nasale cortisonico, da valutare con il medico.

    2. Gianluca

      Buonasera,

      Grazie per la celere risposta. Anni fa avevo provato uno spray però mi creava ancora più fastidio e di conseguenza starnuti. È possibile che ci siano spray che aumentano l’allergia e altri invece che aiutano a risolvere il mio problema? Ne ha un paio da indicarmi da chiedere al mio medico? Magari quelli più utilizzati/richiesti

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non posso suggerire farmaci, ma ne parli con fiducia all’allergologo e saprà consigliarle meglio di quanto non potrei fare io.

  16. Matthew

    Salve Dott. sei molto professionale e gentile nel rispondere a tutti, complimenti!! Io sono un ragazzo di 28 anni ed è il primo anno che stò avendo problemi da come ho capito di “allergia”. Prurito al naso e sotto il palato, naso che cola, occhi che lacrimano e starnuti. Mio fratello che già è allergico da qualche anno mi sta facendo prendere l’antistaminico “Kestine” e stò usando come spray “Isomar allergie”. Lei cosa ne pensa?? Va bene oppure meglio qualche altra cosa?? Grazie e buon lavoro.

    1. Matthew

      Grazie per la risposta Dott. è da 2 giorni che prendo Kestine quindi presto per vedere se fà effetto o meno giusto?? quanti giorni devono passare per vedere miglioramenti (sempre se ci saranno)?? mentre per lo spray Isomar non penso faccia chissà cosa, alla fine è acqua di mare. Forse meglio comprare tipo Rinazina antiallergico che è più potente? Grazie e buon lavoro

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      In realtà dovrebbe già vederne un certo beneficio.
      Assolutamente non usi Rinazina od altri vasocostrittori, se proprio non bastasse l’acqua di mare meglio i cortisonici o gli antistaminici (un po’ più leggeri).

Lascia un Commento

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.