Rimedi efficaci per l’allergia primaverile al polline

Ultimo Aggiornamento: 85 giorni

Introduzione

Le allergie stagionali, a graminacee ed altre piante, sono molto comuni e colpiscono fino a una persona su cinque; i sintomi più frequenti della cosiddetta febbre da fieno sono:

  • starnuti,
  • naso che cola,
  • prurito agli occhi e lacrimazione.

L’allergia è una reazione immunitaria verso una sostanza esterna, in questo caso verso il polline, una polvere fine liberata dalle piante come parte del loro ciclo riproduttivo. Contiene proteine che possono causare irritazione alle mucose di naso, occhi, gola e seni paranasali (piccole cavità riempite d’aria dietro alle spalle di zigomi e fronte).

Si può essere allergici a:

  • polline degli alberi, rilasciato in periodi specifici di fioritura che possono cambiare a seconda dell’albero o della pianta,
  • polline dell’erba, rilasciato soprattutto durante la fine della primavera e l’inizio dell’estate.

In molti casi i sintomi migliorano con il passare degli anni e fino alla metà dei pazienti notano un qualche miglioramento (ma solo nel 10-20% dei soggetti colpiti si assiste a una completa scomparsa dei sintomi).

Ad oggi non esiste una cura efficace nella totalità dei casi per risolvere definitivamente il problema, ma disponiamo di molti modi per gestire efficacemente il disturbo.

Evitare o ridurre l’esposizione ai pollini

Evitare l’esposizione alle sostanze che scatenano i sintomi è sicuramente il modo più sicuro per prevenire la comparsa di sintomi e disturbi, anche se purtroppo non è sempre possibile o semplice.

In casa:

  • Se possibile rimanere in casa quando la concentrazione del polline nell’aria è elevata (esistono numerosi siti e app per verificarlo).
  • Tenere le finestre e le porte chiuse in casa per evitare che gli allergeni entrino.
  • Evitare di tenere fiori freschi in casa.
  • Passare regolarmente l’aspirapolvere, preferibilmente utilizzando una macchina dotata di filtri specifici.
  • Rimuovere regolarmente la polvere dai mobili, spolverando con un panno umido che permetterà di raccogliere la polvere e il polline depositato.
  • Non fumare e non lasciare che altre persone fumino in casa. Il fumo (attivo e passivo) sono causa di irritazione del rivestimento mucoso di naso, occhi, gola e vie respiratorie in genere, peggiorando così i sintomi.
  • Usare un umidificatore in casa, soprattutto in caso di utilizzo dell’aria condizionata, per evitare un’aria troppo secca.
  • Se possibile evitare di stendere i panni fuori, per ridurre la quantità di polline che verrà trasportato in casa.
  • Sostituite la moquette con un pavimento in laminato o in altro materiale duro che non raccolga gli acari della polvere e altri allergeni, in particolare nella vostra camera da letto.

Fuori casa:

  • Applicare una piccola quantità di vaselina all’entrata delle narici può aiutare a prevenire il passaggio del polline.
  • Evitare di tagliare l’erba, giocare o camminare in zone erbose e boscose, soprattutto la mattina presto, la sera e di notte, quando il rilascio di polline è al suo massimo.
  • Indossare occhiali da sole avvolgenti per impedire che il polline raggiunga gli occhi.
  • Fare la doccia e cambiarsi i vestiti dopo essere all’aperto, per rimuovere gli allergeni dal corpo.
  • Tenere i finestrini chiusi in macchina e accertarsi che il filtro antipolline dell’auto sia sempre in perfetta efficenza.

Tempo atmosferico e allergie

Il periodo dell’anno in cui si manifestano i sintomi dipende dai tipi di polline verso cui si manifesta l’allergia; gli alberi in genere rilasciano polline soprattutto da marzo ai primi di maggio, mentre l’erba da fine maggio ai primi di agosto. Alcune erbacce verso fine estate.

La stagione allergica può quindi durare da marzo a ottobre e, per i soggetti allergici a più tipi di polline, potrebbero rimanere solo 2-3 mesi invernali di sollievo.

In tutto questo la pioggia può influire in modo sensibile sui sintomi, perchè in grado di rimuovere dall’aria la quasi totalità dei pollini sospesi; inoltre nei giorni soleggiati le piante rilasciano più polline di quanto non avvenga nelle giornate piovose o anche solo nuvolose.

Gli allergeni vengono rilasciati soprattutto alla mattina presto, ma con l’aumento della temperatura vengono sollevate verso l’alto con l’aria calda, per poi tornare verso il basso nelle ore serali con la diminuzione della temperatura. Questo significa che i sintomi peggiorano soprattutto a mattino e sera.

In ultimo il vento: nelle zone in cui spira in modo più o meno costante una certa brezza (pensiamo per esempio alle città sul mare) in genere le concentrazioni nell’aria sono inferiori.

Stile di vita e altri rimedi

  1. Ridurre lo stress, secondo un sondaggio condotto da un’organizzazione medica inglese essere stressati significa vedere peggiorare i propri sintomi.
  2. Praticare regolare esercizio fisico può aiutare a ridurre l’entità e l’impatto dei sintomi nel quotidiano; nella stagione allergica è tuttavia consigliabile evitare di praticarlo all’aria aperta, soprattutto al mattino e alla sera. Preferire palestra e piscina.
  3. Mangiare in modo sano, vario ed equilibrato (evitando alimenti a rischio di allergie crociate).
  4. Ridurre il consumo di alcolici, che possono essere causa di peggioramento dei sintomi a causa del loro contenuto in istamina.
  5. Concedersi un sufficiente numero di ore di riposo notturno permette di ridurre l’entità dei sintomi allergici.
  6. Un frequente lavaggio nasale con acqua fisiologica, come per i bambini, può realmente aiutare a ridurre la congestione nasale e lavare via muco e allergeni, responsabili dell’irritazione della mucosa.

Fonte principale: NHS, licensed under the OGL

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

Gentile utente, per garantire maggiormente la tua privacy i tuoi contributi potrebbero essere mostrati sul sito in forma anonima.

Leggi le condizioni d'uso dei commenti.

  1. Anonimo

    Buonasera dottore. Io sono allergica alle graminacee e tra i cibi da evitare, pare, che ci siano le mandorle. Io uso da anni olio di mandorle puro per il corpo e non ho mai avuto nessuna reazione allergica. Potrebbe accadere?? Cioè, in generale è possibile che l’allergia si scatena anche se l’allergene entra in contatto con la pelle? Grazie
    Uso anche una matita per occhi che contiene olio di mandorle….

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Se un qualcosa non le dà problemi lo usi/consumi tranquillamente.

    2. Anonimo

      vorrei chiedere ma respirare l’odore in se di piante o polvere potrebbe fare male?

  2. Anonimo

    Buonasera dottore. Vorrei sapere se è possibile che l’allergia, col passare degli anni,possa attenuarsi al punto di scomparire. Grazie per la risposta.

    1. Anonimo

      catarro in gola muchi in gola possono dare sintomi fischi in gola?premeto ce li ho sempre la notte questi fischi ma non riesco a capire da dove vengano solo notte fischi la mattina dispnea molto aniosa

    2. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, è possibile (possibile che provengano dal naso), ma va verificato con il medico.

  3. Anonimo

    Salve Dottore, io sono allergico a polli e graminacee.
    Sono anni che prendo un’antistaminico.
    Attualmente prendo il Rupafin (10mg), ecco, quando devo interrompere l’antistaminico?

    Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Nelle stagioni in cui non sono presenti i pollini cui è allergico.

  4. Anonimo

    salve dottore mio figlio è risultato allergico alle graminacee,platano,alberi1,alber2,saprebbe dirmi a cosa corrispondono questi ultimi grazie

  5. Anonimo

    salve dottore da anni soffro di allergia graminace e olivo
    solo che quest anno non so se e allergia o raffreddore
    ho dei sintomi gia’ da 8 giorni tosse naso chiuso e muco
    giallastro e mi e’ venuto a mancare respiro il mio dottore di famiglia dice che e’ allergia ma mi sembra strano perche’
    prendo antistaminico ho preso bentilan e sono sempre lo stesso . distinti saluti franco ho 68 anni

  6. Anonimo

    salve dottore sono allergico alla graminacee e pollini prendo come antistaminico kestine 10 mg (ebastina che si scioglie in bocca) una al di ho iniziato la terapia ieri sera: 1) siccome gioco a calcio vorrei sapere se c’è qualche controindicazione x chi pratica sport? 2) gli antistaminici è meglio prenderli di giorno o di notte?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Nessuna controindicazione.
      2. La sera, per il rischio di un po’ di sonnolenza.

  7. Anonimo

    Salve dott, sono un po’ di anni che prendo aerius 5mg una al
    Mattino e un’altra alla sera prescritta dal mio medico giustamente ma cosa potrei fare o prendere x decongestionare il naso la fronte mi fa troppo male e continua a colarmi il naso??la ringrazio anticipadamente.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sembra che ci sia una sinusite e le raccomando quindi di sentire il medico; nell’attesa inizi a fare suffumigi con bicarbonato.

  8. Anonimo

    Salve Dott. Vorrei chiedere cosa devo fare, da 8 anni ho delle allergie ai pollini che peggiorano ogni anno, ho iniziato con delle compresse di telfast 280mg, ma non avevo più sollievo, il medico di base mi ha cambiato farmaco a cetirizina, che prendo una comp. la sera + collirio Zaditen perchè il problema più grosso è il rossore e prurito negli occhi, però anche questo non funziona più e i sintomi sono intensi.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Non sono mai stati provati gli spray cortisonici?

  9. Anonimo

    Ciao dottore sicome c’ho allergia alle polline anni fa facevo la puntura del kenacorth oppure prendo le pattiglie di trimeton cosa mi consigliresti.?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Trimeton non si fa più, valuterei quindi con il medico un antistaminico più recente.

  10. Anonimo

    Buongiorno, dal 2009 sono risultata allergia ai graminacee. Per 3 anni ho fatto la cura di desensibilizzazione, ma è solo peggiorato!
    ora sono allergica anche a pioppo betulla nocciolo frassino e ontano.
    Vorrei provare una cura omeopatica, lei cosa mi consiglia?

  11. Anonimo

    Dottore e il primo anno che ho scoperto di essere allergica al polline. Lo scoperto dopo 2 giorni perché avevo raffreddore, mal di testa e occhi che mi lacrimano. Ma sono andata in farmacia e mi ha prescritto la bentelan. Però vorrei sapere se questa medicina fa effetto o è meglio prendere un antistaminico.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Onestamente del cortisone mi sembra un po’ eccessivo, valuti con il medico un antistaminico.

  12. Anonimo

    Salve Dottore. Ho l’ allergia da inizio primavera e le narici sempre otturate… più o meno quando si potrà togliere? Grazie

  13. Anonimo

    Salve dottore. Io sono allergica alle piante di questo periodo e sto prendendo formistin da marzo. . Devo continuarlo ancora a prendere fino alla fine di giugno o devo interrompere la terapia?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Deve assumerlo finchè sente di averne la necessità.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sono farmaci che possono essere usati anche per lunghi periodi.

  14. Anonimo

    Buonasera Dr Cimurro, dal 2006 soffro di allergia alle graminacee e parietaria.. ho fatto i regolari vaccini fino al 2009 ma purtroppo ancora oggi ho problemi che si manifestano dalla primavera fino a settembre-ottobre (dipende dal tempo)… come posso cercare di rimediare un po il prurito al naso e gola, tosse secca e a volte al bruciore degli occhi? la sera prendo l’antistaminico PAFINUR 10mg compresse… Grazie e buonasera…

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      In genere quando l’antistaminico non basta si associa un cortisonico in spray nasale.

  15. Anonimo

    Ok grazie mille Dr Cimurro… lei ha qualcosa da consigliarmi? poi magari chiedo cosa ne pensa il mio medico…

  16. Anonimo

    Buonasera dottore.. un allergia può causare problemi respiratori? Le chiedo questo xk mi e capitato stammattina di non riuscire a respirare profondamente con la bocca.. una sensazione di chiuso nella parte sinistra con fastidioso prurito all interno.. grazie in aticipo

  17. Anonimo

    salve dottore,
    ho riscontrato allergia con piante graminacee di tipo 1e 2 ..lavoro in una ditta(chiusa) ma circondata di piante graminacee e tossisco in continuazione anche prendendo antistaminici(rupafin) e spray (aliflus9) potrebbe darmi qualche consiglio?

    1. Anonimo

      Salve dottore e da l’anno scorso che sono allergica a i pollini e il mio medico ma per scritto antistaminici clarytin ma nn funziona come si deve ,ribes nigrum funziona secondo te ?

  18. Anonimo

    Salve Dottore,
    da qualche mese ho contratto la pitiriasi rosea di Gibert,dopo qualche mese la cosa sembra essersi ribaltata in allergia a betulla;seguendo la cura dell’allergologo e dermatologo con Auris 5mg dopo circa 2 mesi sembrava essersi risolta definitivamente;tale che ho smesso l’antistaminico per 3 giorni… Ora la ricomparsa soprattutto su coscie e arti superiori;a vista sambrano punture di insetto arrossate;
    Secondo un suo parere devo continuare imperterrito con Auris?
    Ma allergia c215 Betv1 e d1 potrebbe scatenare questo fenomeno a livello dermatologico? La cosa sta diventando ossessiva!!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi faccia capire meglio.

      Era tutto OK, poi ha interrotto l’antistaminico ed è ricomparsa?

      Ci sono anche sintomi respiratori?

    2. Anonimo

      Si la situazione era migliorata alla grande,se non qualche leggero ponfo,ho pensato che il problema fosse risolto e ho smesso per tre sere consecutive Auris,il fenomeno è ripartito anche se non al livello iniziale,nessun problema respiratorio. Il fenomeno allergico potrebbe essere legato a reazione crociata visto che ho preso macedonia di frutta in questi ultimi giorni?
      Grazie mille

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Non essendoci problemi respiratori mi stupisce un po’ un’allergia così severa sulla pelle ma, a prescindere dalla causa, temo che debba riprendere l’antistaminico.

  19. Anonimo

    Mio figlio di 9 anni soffre di allergia alle graminacee da 4 anni con sintomi di naso chiuso come cemento.Ogni anno da marzo a luglio gli somministro Aerius+vari spray nasali..Eltair,Avamis,Kovilen ma con pichi risultati;mi è stato consigliato un vaccino Grazax da iniziare a ottobre.Sono un po scettica!!Lei cosa ne pensa??Grazie.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Purtroppo non ho esperienza diretta sui vaccini, ma in genere non si assiste a vie di mezzo, o i risultati sono brillanti, oppure nulli o quasi.

  20. Anonimo

    Buongiorno Dottore,
    ho 52 anni e sono circa 20 anni che soffro di allergia ai pollini di graminacee e parietaria.
    Sento parlare di allergie crociate.
    1. Possono insorgere in ogni momento?
    2. Finora non ho mai avuto problemi, ma in caso d’insorgenza possono dare subito problemi respiratori gravi o shock anafilattico?
    3. In caso la risposta fosse affermativa, mi conviene eliminare subito gli alimenti a rischio.
    4. Può cortesemente indicarmi quali è meglio togliere dalla tavola?
    La ringrazio infinitamente.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Sì.
      2. No, o quantomeno non che io sappia.
      3. No.
      4. Come sopra.

  21. Anonimo

    Salve dottore sono.incinta di nove mesi ancora nn.finiti e o un prurito al viso,alla cute dei capelli e alla pancia e.mi sento agitatissima il prurito viene e se ne va..premetto che io sn allergica alla polvere polline muffa gli acheri del materazzo nn so cosa pensare.

    1. Anonimo

      Dottore io la notte mi sento mancare l aria e durande il giorno stanutisco e tose cosa può estere

  22. Anonimo

    Salve dottore buongiorno a lei ,
    Dovrei vaccinare mio figlio in quanto allergico alle graminacee…
    Il vaccino arriverà a casa tramite il corriere…orientativamente i costi del vaccino ? Ho letto cifre importanti… sa darmi indicazioni più precise,a chi posso rivolgermi?
    La ringrazio per l’attenzione.-Michela

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Purtroppo non conosco le cifre esatte, ma le confermo che l’investimento è rilevante; la terapia deve avvenire TASSATIVAMENTE con l’aiuto di un allergologo, che possa intervenire in caso di reazioni allergiche gravi alla somministrazione.

  23. Anonimo

    Buonasera, sono stata dal medico di base e mi ha detto che per effetto di allergia incrociata alle gramonacee non devo evitare di mangiare nulla se non quello che proprio scatena fastidi e che posso mangiare ad esempio il segale l’orzo il kamut ecc al posto della pasta, oppure quella integrale ecc ecc…ma leggendo qua e la pare che le cose che mi sono state dette in realtà non devo assolutamente mangiare se voglio che il gonfiore si riduca..quindi sono in dubbio..lei cosa ne pensa?

  24. Anonimo

    Buonasera Dottore, ho provato di tutto ma l’unico farmaco che mi dà sollievo è lo Zirtec ma mi pare di capire che non si può prendere per periodi prolungati.cosa mi consiglia

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Quando necessario in genere vengono avallati anche periodi prolungati di assunzione, ma chiaramente la decisione spetta al medico.

  25. Anonimo

    Buongiorno dottore,
    sono allergica alle graminacee da circa 10 anni e finora ogni primavera mi sono curata con gli antistaminici, perchè i sintomi erano molto pesanti, addirittura invalidanti, direi.
    Quest’anno, nonostante il livello dei pollini delle graminacee risulti già alto, ho solo qualche sintomo e molto leggero. Posso pensare che l’allergia sia sparita? Se si, quale può essere il motivo?
    Grazie.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Non illudiamoci ancora, benchè possibile siamo solo all’inizio della stagione.

  26. Anonimo

    Salve. Soffro di allergia alle graminacee e faccio il vaccino sublinguale da un anno più o meno. Non ho mai avvertito reazioni crociate, però ho scoperto da poco questa cosa e non mangio più pomodori da qualche giorno. Dice che posso continuare a mangiarli? Queste allergie crociate possono dare shock anafilattico? E il vaccino sublinguale riduce le probabilitá di avere allergie crociate?

    1. Anonimo

      Inoltre sono allergico a un bel po’ di altre piante (ad esempio cipresso, mimosa,muffa) però tutte a livelli minimi, infatti sul referto sono tutte segnate con una crocetta. Quelle dominanti diciamo che sono le graminacee (4 crocette) e olivo che da tre crocette é passato a 2 in un anno. Quindi anche se ho tutte queste allergie i vaccini antiallergici fanno effetto comunque? (Uso il vaccino antiallergico anche per l’olivo).

    2. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Può fare riferimento alla domanda di Alessandra (7 settembre 2015
      11:56); il vaccino fa effetto per il solo allergene per cui è stato progettato.

    3. Anonimo

      Salve dottore le chiedo cortesemente se ĺ inizio di una allergia può dipendere anche da una risposta di un idebolimento del sistema immunitario .E poi prendo aerius x graminacee parietaria e ulivo ma non mi fa quasi nulla ,il mio medico mi associa aereosol col clenil x bloccarmi starnuti e naso che cola va bene o bisogna optare x qualcos’altro .grazie.

    4. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1. No, che io sappia no.
      2. Andrebbe benissimo se i risultati fossero soddisfacenti, mentre se ci sono problemi glielo segnali per trovare un equilibrio più adatto al suo caso.

  27. Anonimo

    Buongiorno dottore,
    Ho 20 anni ed è il primo anno che soffro di allergia, non ho mai fatto le prove allergiche, ma provvederò verso settembre presso l’ospedale.
    Il dottore mi ha dato Rupafin 10mg, e uno spray “Dymista”. Mi ha detto di fare uno spruzzo per narice mattina e sera, ma 3 settimane fa circa avevo il naso internamente tutto rosso e ho iniziato a fare uno spruzzo per narice solo la sera, ottenendo comunque ottimi risultati. Continuo così?
    Sto facendo questa cura da fine marzo che ho manifestato i primi sintomi, l’antistaminico inizia a portarmi sonnolenza e spossatezza. In famiglia sono quasi tutti allergici alle graminacee e parietaria, quindi presumo che anche io dovrei essere allergico a queste 2 cose. Potrebbe dirmi secondo lei fino a quando continuare la cura? Inoltre esiste un sito web su cui è possibile vedere il bollettino dei pollini? Ho trovato “3bmeteo”, ma non so quanto sia affidabile ..
    Grazie!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      In linea di massima sarei per un uso ottimale del farmaco, ma se i sintomi fossero perfettamente sotto controllo può valutare con il medico curante di attenersi alle attuali dosi; sottolineo che portare alla dose suggerita lo spray potrebbe forse permetterle di ridurre l’antistaminico, che le causa sonnolenza.
      La cura andrà continuata fino alla completa remissione dei sintomi e il sito indicato è affidabile.

    2. Anonimo

      Grazie per la risposta dottore,
      Ho timore di interrompere l’antistaminico, perchè prima di iniziarlo a prendere, avevo una forte lacrimazione agli occhi, tantissimi starnuti (anche 10 di seguito). Inoltre ho dimenticato di dirle una cosa molto importante, la sera quando sta per finire l’effetto dell’antistaminico (lo prendo prima di andare a dormire), ho una tosse leggermente grassa, credo sia un po’ di asma perchè respirando con la bocca, sento un leggero fischio, un paio di sere ho fatto un inalazione di Ventolin 100mg (1 solo spruzzo), nel giro di pochi minuti tutto si è placato, questo però non mi è stato indicato dal medico, ma anche a mio padre capita e sono dovuto ricorrere a questa soluzione.
      Secondo lei potrei provare ad interrompere l’antistaminico e utilizzare solo lo spray e nei casi in cui ho questa tosse fare uno spruzzo di Ventolin?
      Grazie.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      In questo caso no, non lo sospenda, sicuramente non senza il preventivo parere del medico.

La sezione commenti è attualmente chiusa.