Allergia a graminacee ed altri pollini: i 5 rimedi definitivi

Ultimo Aggiornamento: 1898 giorni
Esempio di graminacea

Esempio di graminacea (http://it.wikipedia.org/wiki/File:Hordeum_distichon1.jpg)

Primavera significa boccioli e alberi in fiore, ma per i milioni di persone che soffrono di allergie primaverili significa anche starnuti, congestione, naso che cola e altri problemi e sintomi. All’inizio della primavera il colpevole principale è il vento carico del polline dagli alberi, mentre in tarda stagione è l’erba (molto spesso le graminacee) che inizia a causare problemi. L’aspetto peggiore delle allergia primaverili è che i segni e i sintomi si verificano durante i giorni caldi, secchi o ventilati, quando c’è un sacco di polline e di muffa nell’aria.

Prima di accontentarsi di fiori di plastica e di piante artificiali, provate queste semplici ed efficaci strategie. Non si possono evitare completamente le allergie stagionali, ma è possibile ridurne le conseguenze. Ecco alcuni suggerimenti che vi possono aiutare.

1. Ridurre l’esposizione ai pollini

Ci sono alcune cose che si possono fare per ridurre l’esposizione al polline che scatena l’allergia:

  • Rimanete in casa nelle giornate secche e ventilate. Il momento migliore per uscire è dopo una buona pioggia che aiuta a ripulire l’aria dal polline.
  • Evitare gite e soste prolungate nei prati, sopratutto durante il taglio del fieno per gli allergici alle graminacee.
  • Delegate il lavoro di giardinaggio a qualcun altro, evitate tutto ciò che possa farvi stare a contatto con fiori, alberi o prati (ricchi di graminacee) e che possa produrre allergeni.
  • Lavare spesso con acqua il viso e le altre parti del corpo scoperte dopo l’esposizione.
  • Lavate i vestiti che avete indossato all’esterno, sarebbe bene anche farsi una doccia per sciacquare il polline dalla vostra pelle e dai capelli.
  • Evitate che i vostri animali domestici si mettano sul letto o sul divano . Il polline si attacca al pelo animale.
  • Non appendete il bucato all’esterno. Il polline si può attaccare a lenzuola e asciugamani.
  • Se lavorate all’aperto, indossate una maschera antipolvere.

2. Fare particolare attenzione quando c’è molto polline

Segni e sintomi dell’ allergia stagionale possono aumentare quando c’è molto polline nell’aria. Questi accorgimenti possono aiutare a ridurre l’esposizione al polline:

  • Controllate su Internet le previsioni del polline e i livelli di allergeni da graminacee e altre piante in corso (Il periodo di fioritura delle diverse varietà di polline cambia per zone differenti e, in generale, in pianura avviene prima che in montagna.).
  • Se si prevedono elevati livelli di polline nell’aria, iniziate a prendere i farmaci per l’allergia prima della comparsa dei sintomi.
  • Chiudete le porte e le finestre di notte o in qualsiasi altro momento, quando i livelli del polline sono elevati.
  • Evitate attività all’aperto nelle prime ore del mattino quando i livelli del polline sono più elevati.

3. Mantenere pulita l’aria interna

Non c’è nessun prodotto miracoloso in grado di eliminare tutti gli allergeni dall’aria nella vostra casa, ma questi accorgimenti vi possono aiutare:

  • Mettete l’aria condizionata in casa e in auto.
  • Utilizzare dei filtri specifici contro l’allergia nel vostro sistema di ventilazione.
  • Evitate che l’aria interna si possa asciugare tramite un deumidificatore.
  • Utilizzare un filtro ad alta efficienza per il particolato atmosferico (HEPA) nella vostra camera da letto.
  • Pulite i pavimenti con un aspirapolvere che abbia un filtro HEPA ad alta efficacia contro le particelle aeree.

4. Fare attenzione alla pulizia della casa

Le pulizie di primavera sono un ottimo modo per ridurre gli allergeni in casa. In aggiunta alla regolare routine della pulizia di primavera, questi suggerimenti possono aiutarvi se siete allergici agli acari della polvere:

  • Rivestite i materassi, imballate gli scatoli e usate delle coperture per cuscini a prova di allergia.
  • Lavate lenzuola e coperte con acqua riscaldata ad almeno 50 °C.
  • Passate l’aspirapolvere sui tappeti settimanalmente.
  • Sostituite la moquette con un pavimento in laminato o in altro materiale duro che non raccolga gli acari della polvere e altri allergeni, in particolare nella vostra camera da letto.

5. Allergie Crociate

Alcuni alimenti, in particolar modo vegetali, possono indurre reazioni inaspettate (prurito e gonfiore alle labbra ed in bocca per esempio) perché responsabili di allergie crociate: evitare o consumare in seguito a cottura.

  • I pazienti allergici alle betulacee dovrebbero prestare attenzione a carote, mele, nocciole, pere, finocchi, noci, ananas, ciliege, albicocche, banane, susine, prugne e fragole.
  • I pazienti allergici alle graminacee dovrebbero invece fare attenzione a melone, pomodori, angurie, arance, kiwi ed in alcuni casi anche a avena, frumento, orzo, segala e mais.
  • Infine i pazienti allergici alla compositae evitino sedano, anguria, melone, banana, zucchino, cetriolo, carote e prezzemolo.

Quando consultare il medico

Per molte persone l’uso di farmaci da banco consente di alleviare i sintomi da allergia alle graminacee ed altre piante, ma se le vostre allergie stagionali sono particolarmente fastidiose, potrebbero essere necessari dei test cutanei o degli esami del sangue per scoprire esattamente quali sintomi vengono innescati dagli allergeni. Ciò può aiutarvi a determinare quali passi è necessario intraprendere per evitare che si possa innescare una reazione allergica e può aiutare il medico a determinare quali trattamenti possono funzionare meglio.

Farmaci

Alcuni farmaci per le allergie da banco o sotto prescrizione possono aiutare a controllare i sintomi dell’ allergia stagionale:

Corticosteroidi per via nasale. Disponibili sottoprescrizione, i corticosteroidi spray nasali sono un farmaco efficace per le allergie stagionali e vengono spesso prescritti per affrontare dei sintomi fastidiosi. Alcuni esempi: fluticasone (Flonase), budesonide (Rhinocort), mometasone (Nasonex) e triamcinolone (Nasacort). Non si possono notare miglioramenti se non dopo aver utilizzato questi farmaci per una settimana o giù di lì.

  • Antistaminici. Gli antistaminici aiutano ad alleviare il prurito, gli starnuti e il naso che cola per molte persone che soffrono di allergie, anche se hanno meno effetto sulla congestione da allergia. Fanno parte di questa categoria la loratadina (Claritin®), la cetirizina (Zirtec®), l’ebastina (Clever®, Kestine®), desloratadina (Aerius®, Azomyr®) , …
  • Decongestionanti. Questi farmaci a breve durata sono disponibili sia da banco che sotto prescrizione medica in forma liquida, di compresse e come spray nasali. I decongestionanti orali comprendono farmaci contenenti pseudoefedrina (Reactine®, in associazione ad un antistaminico). I decongestionanti nasali sono per esempio la nafazolina (Rinazina®) la fenilefrina (Nasomixin®) e l’oximetazolina (Actifed®, Vicks Sinex®). I decongestionanti orale possono aumentare la pressione sanguigna, per cui è bene evitarli se si soffre di pressione alta e possono anche aggravare i problemi di prostata. Gli spray decongestionanti nasali devono essere utilizzati solo per pochi giorni. Un uso prolungato può può peggiorare la congestione nasale.
  • Inibitori dei leucotrieni. Il montelukast (Singulair®, Montegen®) è un farmaco antistaminico da assumere sotto prescrizione medica adottato per bloccare l’azione dei leucotrieni, sostanze chimiche del sistema immunitario che causano i sintomi di allergia, come l’eccesso di produzione di muco.
  • Sodio Nedocromile. Questo farmaco, disponibile come spray nasale da banco (Tilade®, Kovinal®), aiuta ad alleviare i sintomi del raffreddore da allergia, impedendo il rilascio di istamina. È più efficace quando viene assunto prima che si sviluppino i sintomi dell’allergia e talvolta devono essere utilizzati fino a tre o quattro volte al giorno.

Altri trattamenti

Altri trattamenti per le allergie stagionali comprendono:

  • Immunoterapia specifica (vaccino per l’allergia). Conosciuta anche come desensibilizzazione, questo trattamento può essere adatto se i farmaci non riescono a controllare i sintomi dell’allergia alle graminacee od altra o se possono causare significativi effetti collaterali.
  • Irrigazione nasale. Per alleviare i sintomi dell’allergia nasale il medico può raccomandare l’ irrigazione nasale (lavaggio nasale). Ciò consente di liberare il naso dal muco e da altre sostanze irritanti tramite l’uso di soluzione fisiologica in fiale o spray.
  • Terapie alternative. Alcune persone sostengono che i probiotici, l’agopuntura e l’ipnosi possano essere d’aiuto contro i sintomi di allergia stagionale, tuttavia non c’è alcuna prova concreta a sostegno dell’efficacia di questi trattamenti.

Traduzione ed integrazione a cura di Francesca Giannino

Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. Anonimo

    Buonasera dottore. Io sono allergica alle graminacee e tra i cibi da evitare, pare, che ci siano le mandorle. Io uso da anni olio di mandorle puro per il corpo e non ho mai avuto nessuna reazione allergica. Potrebbe accadere?? Cioè, in generale è possibile che l’allergia si scatena anche se l’allergene entra in contatto con la pelle? Grazie
    Uso anche una matita per occhi che contiene olio di mandorle….

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Se un qualcosa non le dà problemi lo usi/consumi tranquillamente.

    2. anonimo

      vorrei chiedere ma respirare l’odore in se di piante o polvere potrebbe fare male?

  2. Anonimo

    Buonasera dottore. Vorrei sapere se è possibile che l’allergia, col passare degli anni,possa attenuarsi al punto di scomparire. Grazie per la risposta.

    1. anonimo

      catarro in gola muchi in gola possono dare sintomi fischi in gola?premeto ce li ho sempre la notte questi fischi ma non riesco a capire da dove vengano solo notte fischi la mattina dispnea molto aniosa

    2. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, è possibile (possibile che provengano dal naso), ma va verificato con il medico.

  3. Anonimo

    Salve Dottore, io sono allergico a polli e graminacee.
    Sono anni che prendo un’antistaminico.
    Attualmente prendo il Rupafin (10mg), ecco, quando devo interrompere l’antistaminico?

    Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Nelle stagioni in cui non sono presenti i pollini cui è allergico.

  4. Anonimo

    salve dottore mio figlio è risultato allergico alle graminacee,platano,alberi1,alber2,saprebbe dirmi a cosa corrispondono questi ultimi grazie

  5. franco

    salve dottore da anni soffro di allergia graminace e olivo
    solo che quest anno non so se e allergia o raffreddore
    ho dei sintomi gia’ da 8 giorni tosse naso chiuso e muco
    giallastro e mi e’ venuto a mancare respiro il mio dottore di famiglia dice che e’ allergia ma mi sembra strano perche’
    prendo antistaminico ho preso bentilan e sono sempre lo stesso . distinti saluti franco ho 68 anni

  6. ROCCO

    salve dottore sono allergico alla graminacee e pollini prendo come antistaminico kestine 10 mg (ebastina che si scioglie in bocca) una al di ho iniziato la terapia ieri sera: 1) siccome gioco a calcio vorrei sapere se c’è qualche controindicazione x chi pratica sport? 2) gli antistaminici è meglio prenderli di giorno o di notte?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Nessuna controindicazione.
      2. La sera, per il rischio di un po’ di sonnolenza.

  7. Maria

    Salve dott, sono un po’ di anni che prendo aerius 5mg una al
    Mattino e un’altra alla sera prescritta dal mio medico giustamente ma cosa potrei fare o prendere x decongestionare il naso la fronte mi fa troppo male e continua a colarmi il naso??la ringrazio anticipadamente.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sembra che ci sia una sinusite e le raccomando quindi di sentire il medico; nell’attesa inizi a fare suffumigi con bicarbonato.

  8. kathya

    Salve Dott. Vorrei chiedere cosa devo fare, da 8 anni ho delle allergie ai pollini che peggiorano ogni anno, ho iniziato con delle compresse di telfast 280mg, ma non avevo più sollievo, il medico di base mi ha cambiato farmaco a cetirizina, che prendo una comp. la sera + collirio Zaditen perchè il problema più grosso è il rossore e prurito negli occhi, però anche questo non funziona più e i sintomi sono intensi.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Non sono mai stati provati gli spray cortisonici?

  9. anonymeo

    Ciao dottore sicome c’ho allergia alle polline anni fa facevo la puntura del kenacorth oppure prendo le pattiglie di trimeton cosa mi consigliresti.?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Trimeton non si fa più, valuterei quindi con il medico un antistaminico più recente.

  10. Nita

    Buongiorno, dal 2009 sono risultata allergia ai graminacee. Per 3 anni ho fatto la cura di desensibilizzazione, ma è solo peggiorato!
    ora sono allergica anche a pioppo betulla nocciolo frassino e ontano.
    Vorrei provare una cura omeopatica, lei cosa mi consiglia?

  11. Giusy

    Dottore e il primo anno che ho scoperto di essere allergica al polline. Lo scoperto dopo 2 giorni perché avevo raffreddore, mal di testa e occhi che mi lacrimano. Ma sono andata in farmacia e mi ha prescritto la bentelan. Però vorrei sapere se questa medicina fa effetto o è meglio prendere un antistaminico.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Onestamente del cortisone mi sembra un po’ eccessivo, valuti con il medico un antistaminico.

  12. Anonimo

    Salve Dottore. Ho l’ allergia da inizio primavera e le narici sempre otturate… più o meno quando si potrà togliere? Grazie

  13. Rossella

    Salve dottore. Io sono allergica alle piante di questo periodo e sto prendendo formistin da marzo. . Devo continuarlo ancora a prendere fino alla fine di giugno o devo interrompere la terapia?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Deve assumerlo finchè sente di averne la necessità.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sono farmaci che possono essere usati anche per lunghi periodi.

  14. Mirko

    Buonasera Dr Cimurro, dal 2006 soffro di allergia alle graminacee e parietaria.. ho fatto i regolari vaccini fino al 2009 ma purtroppo ancora oggi ho problemi che si manifestano dalla primavera fino a settembre-ottobre (dipende dal tempo)… come posso cercare di rimediare un po il prurito al naso e gola, tosse secca e a volte al bruciore degli occhi? la sera prendo l’antistaminico PAFINUR 10mg compresse… Grazie e buonasera…

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      In genere quando l’antistaminico non basta si associa un cortisonico in spray nasale.

  15. Mirko

    Ok grazie mille Dr Cimurro… lei ha qualcosa da consigliarmi? poi magari chiedo cosa ne pensa il mio medico…

  16. ale

    Buonasera dottore.. un allergia può causare problemi respiratori? Le chiedo questo xk mi e capitato stammattina di non riuscire a respirare profondamente con la bocca.. una sensazione di chiuso nella parte sinistra con fastidioso prurito all interno.. grazie in aticipo

  17. cosimo

    salve dottore,
    ho riscontrato allergia con piante graminacee di tipo 1e 2 ..lavoro in una ditta(chiusa) ma circondata di piante graminacee e tossisco in continuazione anche prendendo antistaminici(rupafin) e spray (aliflus9) potrebbe darmi qualche consiglio?

    1. Anonimo

      Salve dottore e da l’anno scorso che sono allergica a i pollini e il mio medico ma per scritto antistaminici clarytin ma nn funziona come si deve ,ribes nigrum funziona secondo te ?

  18. Alessandro

    Salve Dottore,
    da qualche mese ho contratto la pitiriasi rosea di Gibert,dopo qualche mese la cosa sembra essersi ribaltata in allergia a betulla;seguendo la cura dell’allergologo e dermatologo con Auris 5mg dopo circa 2 mesi sembrava essersi risolta definitivamente;tale che ho smesso l’antistaminico per 3 giorni… Ora la ricomparsa soprattutto su coscie e arti superiori;a vista sambrano punture di insetto arrossate;
    Secondo un suo parere devo continuare imperterrito con Auris?
    Ma allergia c215 Betv1 e d1 potrebbe scatenare questo fenomeno a livello dermatologico? La cosa sta diventando ossessiva!!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi faccia capire meglio.

      Era tutto OK, poi ha interrotto l’antistaminico ed è ricomparsa?

      Ci sono anche sintomi respiratori?

    2. Alessandro

      Si la situazione era migliorata alla grande,se non qualche leggero ponfo,ho pensato che il problema fosse risolto e ho smesso per tre sere consecutive Auris,il fenomeno è ripartito anche se non al livello iniziale,nessun problema respiratorio. Il fenomeno allergico potrebbe essere legato a reazione crociata visto che ho preso macedonia di frutta in questi ultimi giorni?
      Grazie mille

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Non essendoci problemi respiratori mi stupisce un po’ un’allergia così severa sulla pelle ma, a prescindere dalla causa, temo che debba riprendere l’antistaminico.

  19. Peppa 76

    Mio figlio di 9 anni soffre di allergia alle graminacee da 4 anni con sintomi di naso chiuso come cemento.Ogni anno da marzo a luglio gli somministro Aerius+vari spray nasali..Eltair,Avamis,Kovilen ma con pichi risultati;mi è stato consigliato un vaccino Grazax da iniziare a ottobre.Sono un po scettica!!Lei cosa ne pensa??Grazie.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Purtroppo non ho esperienza diretta sui vaccini, ma in genere non si assiste a vie di mezzo, o i risultati sono brillanti, oppure nulli o quasi.

  20. Alessandra

    Buongiorno Dottore,
    ho 52 anni e sono circa 20 anni che soffro di allergia ai pollini di graminacee e parietaria.
    Sento parlare di allergie crociate.
    1. Possono insorgere in ogni momento?
    2. Finora non ho mai avuto problemi, ma in caso d’insorgenza possono dare subito problemi respiratori gravi o shock anafilattico?
    3. In caso la risposta fosse affermativa, mi conviene eliminare subito gli alimenti a rischio.
    4. Può cortesemente indicarmi quali è meglio togliere dalla tavola?
    La ringrazio infinitamente.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Sì.
      2. No, o quantomeno non che io sappia.
      3. No.
      4. Come sopra.

  21. anonima

    Salve dottore sono.incinta di nove mesi ancora nn.finiti e o un prurito al viso,alla cute dei capelli e alla pancia e.mi sento agitatissima il prurito viene e se ne va..premetto che io sn allergica alla polvere polline muffa gli acheri del materazzo nn so cosa pensare.

    1. Filomena

      Dottore io la notte mi sento mancare l aria e durande il giorno stanutisco e tose cosa può estere

  22. Michela

    Salve dottore buongiorno a lei ,
    Dovrei vaccinare mio figlio in quanto allergico alle graminacee…
    Il vaccino arriverà a casa tramite il corriere…orientativamente i costi del vaccino ? Ho letto cifre importanti… sa darmi indicazioni più precise,a chi posso rivolgermi?
    La ringrazio per l’attenzione.-Michela

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Purtroppo non conosco le cifre esatte, ma le confermo che l’investimento è rilevante; la terapia deve avvenire TASSATIVAMENTE con l’aiuto di un allergologo, che possa intervenire in caso di reazioni allergiche gravi alla somministrazione.

  23. Simona

    Buonasera, sono stata dal medico di base e mi ha detto che per effetto di allergia incrociata alle gramonacee non devo evitare di mangiare nulla se non quello che proprio scatena fastidi e che posso mangiare ad esempio il segale l’orzo il kamut ecc al posto della pasta, oppure quella integrale ecc ecc…ma leggendo qua e la pare che le cose che mi sono state dette in realtà non devo assolutamente mangiare se voglio che il gonfiore si riduca..quindi sono in dubbio..lei cosa ne pensa?

  24. Giuseppe

    Buonasera Dottore, ho provato di tutto ma l’unico farmaco che mi dà sollievo è lo Zirtec ma mi pare di capire che non si può prendere per periodi prolungati.cosa mi consiglia

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Quando necessario in genere vengono avallati anche periodi prolungati di assunzione, ma chiaramente la decisione spetta al medico.

  25. Chicca

    Buongiorno dottore,
    sono allergica alle graminacee da circa 10 anni e finora ogni primavera mi sono curata con gli antistaminici, perchè i sintomi erano molto pesanti, addirittura invalidanti, direi.
    Quest’anno, nonostante il livello dei pollini delle graminacee risulti già alto, ho solo qualche sintomo e molto leggero. Posso pensare che l’allergia sia sparita? Se si, quale può essere il motivo?
    Grazie.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Non illudiamoci ancora, benchè possibile siamo solo all’inizio della stagione.

  26. Anonimo

    Salve. Soffro di allergia alle graminacee e faccio il vaccino sublinguale da un anno più o meno. Non ho mai avvertito reazioni crociate, però ho scoperto da poco questa cosa e non mangio più pomodori da qualche giorno. Dice che posso continuare a mangiarli? Queste allergie crociate possono dare shock anafilattico? E il vaccino sublinguale riduce le probabilitá di avere allergie crociate?

    1. Anonimo

      Inoltre sono allergico a un bel po’ di altre piante (ad esempio cipresso, mimosa,muffa) però tutte a livelli minimi, infatti sul referto sono tutte segnate con una crocetta. Quelle dominanti diciamo che sono le graminacee (4 crocette) e olivo che da tre crocette é passato a 2 in un anno. Quindi anche se ho tutte queste allergie i vaccini antiallergici fanno effetto comunque? (Uso il vaccino antiallergico anche per l’olivo).

    2. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Può fare riferimento alla domanda di Alessandra (7 settembre 2015
      11:56); il vaccino fa effetto per il solo allergene per cui è stato progettato.

    3. Antonio 72

      Salve dottore le chiedo cortesemente se ĺ inizio di una allergia può dipendere anche da una risposta di un idebolimento del sistema immunitario .E poi prendo aerius x graminacee parietaria e ulivo ma non mi fa quasi nulla ,il mio medico mi associa aereosol col clenil x bloccarmi starnuti e naso che cola va bene o bisogna optare x qualcos’altro .grazie.

    4. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1. No, che io sappia no.
      2. Andrebbe benissimo se i risultati fossero soddisfacenti, mentre se ci sono problemi glielo segnali per trovare un equilibrio più adatto al suo caso.

  27. Giuseppe

    Buongiorno dottore,
    Ho 20 anni ed è il primo anno che soffro di allergia, non ho mai fatto le prove allergiche, ma provvederò verso settembre presso l’ospedale.
    Il dottore mi ha dato Rupafin 10mg, e uno spray “Dymista”. Mi ha detto di fare uno spruzzo per narice mattina e sera, ma 3 settimane fa circa avevo il naso internamente tutto rosso e ho iniziato a fare uno spruzzo per narice solo la sera, ottenendo comunque ottimi risultati. Continuo così?
    Sto facendo questa cura da fine marzo che ho manifestato i primi sintomi, l’antistaminico inizia a portarmi sonnolenza e spossatezza. In famiglia sono quasi tutti allergici alle graminacee e parietaria, quindi presumo che anche io dovrei essere allergico a queste 2 cose. Potrebbe dirmi secondo lei fino a quando continuare la cura? Inoltre esiste un sito web su cui è possibile vedere il bollettino dei pollini? Ho trovato “3bmeteo”, ma non so quanto sia affidabile ..
    Grazie!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      In linea di massima sarei per un uso ottimale del farmaco, ma se i sintomi fossero perfettamente sotto controllo può valutare con il medico curante di attenersi alle attuali dosi; sottolineo che portare alla dose suggerita lo spray potrebbe forse permetterle di ridurre l’antistaminico, che le causa sonnolenza.
      La cura andrà continuata fino alla completa remissione dei sintomi e il sito indicato è affidabile.

    2. Giuseppe

      Grazie per la risposta dottore,
      Ho timore di interrompere l’antistaminico, perchè prima di iniziarlo a prendere, avevo una forte lacrimazione agli occhi, tantissimi starnuti (anche 10 di seguito). Inoltre ho dimenticato di dirle una cosa molto importante, la sera quando sta per finire l’effetto dell’antistaminico (lo prendo prima di andare a dormire), ho una tosse leggermente grassa, credo sia un po’ di asma perchè respirando con la bocca, sento un leggero fischio, un paio di sere ho fatto un inalazione di Ventolin 100mg (1 solo spruzzo), nel giro di pochi minuti tutto si è placato, questo però non mi è stato indicato dal medico, ma anche a mio padre capita e sono dovuto ricorrere a questa soluzione.
      Secondo lei potrei provare ad interrompere l’antistaminico e utilizzare solo lo spray e nei casi in cui ho questa tosse fare uno spruzzo di Ventolin?
      Grazie.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      In questo caso no, non lo sospenda, sicuramente non senza il preventivo parere del medico.

Lascia una risposta

IMPORTANTE: In nessun caso la figura del farmacista può sostituire quella del medico, unico professionista con le competenze e la possibilità legale di formulare diagnosi e prescrivere farmaci. Le considerazioni espresse hanno quindi come unica finalità quella di agevolare in ogni modo il rapporto medico-paziente, mai ed in nessun caso devono prenderne il posto.

Gli interventi inviati potrebbero richiedere fino a 15 minuti per essere visibili sul sito.

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.