Vitamina K: alimenti, fonti, usi, proprietà, pericoli

Ultimo Aggiornamento: 77 giorni

A cosa serve

Vitamina K1

Vitamina K1 (http://en.wikipedia.org/wiki/File:Phylloquinone_structure.svg)

Il nome vitamina K si riferisce a un gruppo di sostanze liposolubili (che si sciolgono cioè nei grassi) chiamati naftochinoni . La vitamina K1 (fitonadione) è la forma naturale della vitamina, che si trova nelle piante e fornisce la principale fonte di vitamina K all’uomo attraverso il consumo alimentare. I composti della vitamina K2 (menachinoni) sono invece prodotti dai batteri nell’intestino umano e forniscono una quantità più piccola e insufficiente rispetto al fabbisogno umano.

La vitamina K1 è anche prodotta commercialmente per uso medico (per esempio Konakion®, VitaK Plus®).

La molecola è necessaria per la normale coagulazione nell’uomo, più nel dettaglio è necessaria al fegato per produrre i fattori necessari al sangue per coagulare correttamente. Il deficit della vitamina K o gravi disfunzioni epatiche (per esempio una severa insufficienza epatica) possono condurre a deficit dei fattori della coagulazione e un aumentato rischio di sanguinamento.

Proprio a questo scopo è somministrata di routine ai neonati, che nascono con una fisiologica carenza.

Un altro uso purtroppo piuttosto comune è il trattamento dell’avvelenamento da topicida negli animali domestici, in particolare cani e gatti.

Cibi e alimenti: dove si trova?

Gli alimenti ricchi in vitamina K comprendono:

  • ortaggi a foglia verde (come spinaci, broccoli, asparagi, crescione, cavoli, cavolfiore, piselli),
  • fagioli,
  • olive,
  • colza,
  • soia,
  • carne,
  • cereali,
  • prodotti caseari.

La cottura non rimuove quantità significative di vitamina K da questi alimenti.

Carenza

Una carenza di vitamina K è rara, ma può condurre a problemi di coagulazione e ad eccessivo sanguinamento. Le persone a rischio di carenza comprendono:

  • soggetti con malnutrizione cronica (inclusi i soggetti con dipendenza dall’alcol),
  • soggetti affetti da condizioni che limitano l’assorbimento delle vitamine alimentari come ostruzione biliare, celiachia, colite ulcerosa , fibrosi cistica, …

In aggiunta alcuni farmaci possono ridurre i livelli di vitamina K alterando la funzione epatica o distruggendo la flora intestinale (i normali batteri intestinali) che produce la vitamina K (per esempio antibiotici, salicilati, farmaci anti-convulsivanti e alcuni sulfamidici) oltre all’orlistat (Alli®, Xenical®), che limita l’assorbimento intestinale dei grassi.

In caso di carenza si va incontro a:

  • difficoltà di coagulazione (per esempio sanguinamento gengivale, formazione di lividi, …),
  • osteoporosi.

Le dosi giornaliere da assumere possibilmente con l’alimentazione consigliate dai LARN per la popolazione italiana sono le seguenti:

  • Neonati 10 μg
  • Bambini e ragazzi
    • 1-3 anni 50 μg
    • 4-6 anni 65 μg
    • 7-10 anni 90 μg
    • 11-14 anni 130 μg
    • 15-17 anni 140 μg
  • Adulti
    • 18-59 anni 140 μg
    • dopo i 60 anni 170 μg
  • Gravidanza e allattamento 140 μg

Neonato e malattia emorragica

Il deficit di vitamina K nei bambini può condurre alla malattia emorragica del neonato, anche nota come sanguinamento da deficit della vitamina K. Anche se fino alla metà dei neonati possono avere un qualche grado di deficit di vitamina K a causa di

  • ridotto passaggio attraverso la placenta,
  • assenza di batteri nell’intestino nei primi giorni di vita,
  • incapacità di sintesi epatica dei fattori della coagulazione,
  • scarso contenuto di vitamina nel latte materno.

Poiché un supplemento di vitamina K ha dimostrato di poter prevenire il problema nei neonati e nei bambini piccoli, si raccomanda di somministrare l’integratore a tutti i neonati come da indicazioni ospedaliere.

Antidoto per il Coumadin

Il Warfarin (Coumadin®) è un anticoagulante che funziona inibendo i fattori della coagulazione dipendenti dalla vitamina K. Il farmaco è prescritto ai soggetti con varie condizioni come la fibrillazione atriale, portatori di valvole cardiache artificiali, precedenti di embolia, … Di solito sono richiesti regolari esami del sangue per valutare il grado di diluizione del sangue, usando un test per il tempo di protrombina (PT) o l’ International Normalized Ratio (INR).

Poichè la vitamina K riduce l’efficacia del farmaco, alle persone che assumono il warfarin viene consigliato di evitare alimenti con alto contenuto di vitamina (come le verdure a foglia verde) e di evitare integratori che la contengano.

Al contrario la vitamina K è usata per trattare l’overdose o l’eccesso degli effetti anticoagulanti del warfarin e per invertire gli effetti del farmaco prima della chirurgia o altre procedure.

Eccesso e interazioni

L’assunzione di dosi eccessive non sembra essere legata a particolari effetti collaterali nel soggetto sano, ma sono note diverse possibili interazioni farmacologiche.

L’interazione più pericolosa è legata, come illustrato sopra, alla contemporanea assunzione di Coumadin (warfarin), un farmaco usato per fluidificare il sangue; la co-somministrazione di vitamina K ne riduce l’efficacia con aumento del rischio di formazione di trombi.

Alcuni antibiotici possono ridurre i batteri nell’intestino umano (che producono una piccola quantità del fabbisogno umano di vitamina K). Gli antibiotici ad ampio spettro, in particolare i sulfamidici come il Bactrim®, possono abbassare i livelli di vitamina K e aumentare il rischio di deficit in persone che non ne assumano adeguate quantità.

La Colestiramina (Questran®) e i farmaci a base di orlistat (Alli®, Xenical®, Beacita®, …) possono ridurre l’ assorbimento della vitamina K per via orale e aumentare il fabbisogno.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

Gentile utente, per garantire maggiormente la tua privacy i tuoi contributi potrebbero essere mostrati sul sito in forma anonima.

Leggi le condizioni d'uso dei commenti.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Questa è una sua valutazione personale o è emerso da analisi delle feci?

  1. Anonimo

    Riguardo la presenza di cibo nelle feci , lo potuto constatare io difatti voglio fare un pop- test ma ripeto non ho vomito , nè diarrea, nè dolori addominali , qualche calcolo biliare ? O pure qualche sprua esotica ?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente è proprio il suo metabolismo; il medico cosa ne pensa?

  2. Anonimo

    Non ho parlato , adesso ho contatto una nutrizionista che mi ha detto di sentire un gastroenterologo .

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Condivido, anche se in prima battuta il medico di base è sufficiente.

  3. Anonimo

    Sé faccio solo gli esami degli escrementi potrà bastare per intravedere il malassorbimento ?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Non è detto che ci sia un malassorbimento, anche perchè non c’è diarrea.

  4. Anonimo

    Dottore mi deve scusare sono molto fragile nei miei pensieri , e perchè sono ansioso , mi scusi tanto.

  5. Anonimo

    dottore lei che e’ gentilissimo e preparatissimo, sin da piccolo ho problemi nella coagulazione del sangue, infatti se mi ferisco ci mette una vita a smettere di sanguinare.

    il mio medico dice che non c’e nulla da fare ….

    lunedi dovrei fare un operazione alle gnegive e quindi con sangue che NON smettera’ mai , per prevenire devo prendere queste pastigile di warfarin servono nel mio caso ?

    senza spendere soldi con gli alimenti riesco lo stesso ?

    aiutooo, grazie Mario

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      La ringrazio per la fiducia, ma tengo sempre a sottolineare che NON sono medico.

      Non deve assolutamente assumere Coumadin, perchè il sangue faticherebbe ancora di più a coagulare; valuti invece con il dentista di portare invece con sè un antiemorragico (come Urugurol o Tranex).

  6. Anonimo

    buongiorno dottore io assumo il coumadin da circa un anno i valori sono abbastanz buoni 2.7 i.n.r anche perchè faccio molta attenzione nell’alimentazione a volte 2.4 2. 5 la mia domanda è mi sono messo a dieta da due settimane ed hò perso già tre kg premetto che ero in sovrappeso di tantissimo e lo sono ancora infatti sono alto u metro e sessanta è peso attualmente 80 kg ne pesavo 83 vorrei arrivare a pesarne almeno 67 la mia dieta è di 1200 kalorie al giorno ho 61 anni compiuti è giusto tutto ciò? poi infine vorrei farle una domanda potrei nella mia dieta assumere tre o quattro noci al giorno? prchè mi dicono che aiutano ad assorbire i grassi la ringrazio anticipatamente spero solo che abbia scritto correttamente grazie ancora buona giornata!!!!!! Nicola…..

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1. La dieta è stata prescritta da un dietologo?
      2. Non aiutano ad assorbire i grassi, sono esse stesse ricche di grassi “buoni”.

  7. Anonimo

    la dieta me la sto facendo da solo attenendomi alle calorie ma mangiando di tutto all’infuori di quello che il coumadin mi vieta grazie!!!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1200 kcal è abbastanza aggressiva e, essendoci anche delle esigenze mediche, le consiglierei di farsi seguire da un medico.

  8. Anonimo

    bungiorno dottore vorrei chiederle se asumendo il coumadin potrei prendere una tavoletta ogni settimana delle dieci erbe per aiutare l’organismo grazie!!!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      La prenderebbe perchè c’è davvero la necessità di contrastare la stitichezza?

    2. Anonimo

      si infatti faccio fatica e con quelle tavolette risolvo abbastanza grazie spero di poterle prendere

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Ultima parola al medico, ma non dovrebbero esserci problemi se assunta a distanza di almento 5-6 ore da Coumadin; Coumadin lo assume verso le 17, giusto?

      Le dieci erbe lo assuma la sera prima di andare a dormire.

  9. Anonimo

    salve dottore vorrei sapere per cortesia se posso mangiare dei bulbi che si chiamano lampascioni non so quali vitamine hanno tengo a precisare che assumo il coumadin grazie!!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Onestamente non ne conosco la composizione; se controlla regolarmente l’INR in ogni caso si accorge immediatamente in caso di problemi.

    2. Anonimo

      si dottore il couadin lo assumo alle 17 grazie della vostra cortesia buona giornata

  10. Anonimo

    BUONGIORNO dottore vorrei sapere per cortesia io assumo il coumadin oggi ho mangiato il risotto con funghi e zafferano se il zafferano potrebbe alterare i miei valori dell’I.N.R. sono alquanto preoccupato di ciò inoltre se le cipolle e i cipollotti potrei mangiarle nei limiti dei cento grammi o qualcosa in più grazie vi auguro na buona giornata…

  11. Anonimo

    buongiorno dottore vorrei sapere se posso mangiare le fave sechhe senza le verdure assumo il coumadin e non so se possono farmi del male grazie buona giornata!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Il contenuto in vitamina K non è elevatissimo, ma non consumi comunque porzioni eccessive e verifichi regolarmente l’INR.

  12. Anonimo

    buongiorno dottore le rivolgo gentilmente una domanda io per un anno ho assunto il coumadin i valori erano ottimi I.N.R 2.4 anche quelli degli ultimi tre mesi gli stessi valori questo farmaco lo assumevo perchè avevo avuto una trombosi venosa cn embolia polmonare da ieri andando a portare i miei esami del sangue ed urina in cardiologia dove fui ricoverato mi hanno detto di sospendere il coumadin e di assumere il xarelto da 20 mg dicendomi di non assumere per un giorno la dose del coumadin e di assumere subito il giorno dopo il xarelto la mia domanda in merito è con questo medicinale posso mangiare tutto cioè anche insalate a foglie larghe e quant’altro che prima non potevo? la ringrazio spero solo di avermi spiegato bene scusatemi ancora buona giornata a voi!!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Ultima parola al medico, ma si ritiene che gli alimenti con vitamina K non siano più un problema con Xarelto.

  13. Anonimo

    buongiorno dottore da sei mesi il mio medico curante mi ha prescritto il medicinale dibase… vorrei sapere se devo assumerlo anche nel periodo estivo visto che dovrei andare al mare in quel periodo grazie … buona giornata a lei

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      A meno di diverso parere medico sì, ma vale la pena chiederglielo espressamente.

  14. Anonimo

    buongiorno dottore io assumo il tegretol da 200 mg da sei anni purtroppo oggi mi è capitato di assumere per errore doppia dose cosa può succedere mi devo preoccupare? inoltre dovrei prendere la tachipirina da 500mg perchè ho mal di testa da ieri sera posso prenderla o devo aspettare a stasera? grazie buona giornata!!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Magari un po’ di sonnolenza, non dovrebbe avere altri problemi ma senta anche il medico (se lo dovesse assumere più volte al giorno le dirà come fare).
      2. Direi che può assumerla.

  15. Anonimo

    Salve a voi tutti,
    Soffro di lievi crisi epilettiche da sette anni, sono in cura con il Tegretol 200mg una al mattino e una alla sera da sei anni e le crisi sono ormai sparite da 4 anni.

    In questi ultimi quattro giorni, sono stato colpito da un virus influenzale, infatti ho le tonsille infiammate, tosse grassa e orecchie tappate, dopo quattro giorni, visto che non mi passava, ho preferito andare dal dottore.

    Il dottore mi ha somministrato:

    – Bentelan 1 mg (compresse effervescenti)
    da prendere 2 insieme per 2 giorni e poi, dopo i due giorni, una al giorno fin che non finisce il flacone.

    – Antibiotico, 1 al giorno per 2 giorni (non ricordo il nome, perché arriva oggi in farmacia e si sono tenuti la carta)

    Quello che mi preoccupa è il Bentelan perché nelle precauzioni di impiego c’è scritto che “La terapia corticosteroidea può peggiorare l’epilessia”.
    Secondo voi, a cosa vado incontro?

    Grazie di cuore per le risposte

    1. Anonimo

      Salve, la dose di cortisone che sta assumendo è molto bassa per cui i rischi sono veramente modesti, a mio avviso può stare ragionevolmente tranquillo.
      Saluti

  16. Anonimo

    buonasera dottore io da un paio di giorni ho la pressione bassa prendo da alcuni anni la pastiglia per la pressione alta da una settimana circa sto bevendo una tisana di melissa e finocchietto può essere questa tisana la causa della mia pressione bassa? cordiali saluti

La sezione commenti è attualmente chiusa.