Vitamina D: alimenti, carenza, usi, controindicazioni

Ultimo Aggiornamento: 311 giorni

Introduzione

Vitamina D3 (colecalciferolo)

Vitamina D3 (colecalciferolo) (http://it.wikipedia.org/wiki/File:Colecalciferolo.jpg)

La vitamina D si trova in molte fonti alimentari come pesce, uova, alcuni latti addizionati e olio di fegato di merluzzo. Anche il sole contribuisce significativamente alla produzione giornaliera di vitamina D e, appena 10 minuti di esposizione, si pensa siano sufficienti a prevenirne la carenza. Il termine vitamina D si riferisce a differenti forme di questa vitamina e due di esse sono importanti nell’uomo: ergocalciferolo (vitamina D2) e colecalciferolo (vitamina D3). La vitamina D2 è sintetizzata dalle piante, la vitamina D3 è sintetizzata dall’ uomo nella pelle, quando è esposta ai raggi ultravioletti B della luce solare. Gli alimenti possono essere arricchiti con vitamina D2 o D3.

La principale funzione biologica della vitamina D è mantenere normali i livelli di calcio e fosforo nel sangue e favorisce l’assorbimento del calcio contribuendo a formare e mantenere le ossa forti. Recentemente la ricerca ha suggerito anche che la vitamina D possa fornire una protezione dall’ osteoporosi, ipertensione, cancro e diverse malattie autoimmuni.

Il rachitismo e l’ osteomalacia sono classiche malattie da deficit di vitamina D, nei bambini il deficit causa il rachitismo che evolve in deformità scheletriche. Negli adulti il deficit di vitamina D può portare all’osteomalacia, che provoca debolezza muscolare oltre a quella ossea. I soggetti ad alto rischio di deficit di vitamina D comprendono gli anziani, gli obesi, i bambini allattati esclusivamente al seno senza integrazione di vitamina D (Ditrevit®, per esempio) e coloro che hanno un’esposizione solare limitata. Anche i soggetti che presentano sindromi da malassorbimento di grassi ( per esempio fibrosi cistica) o patologie infiammatorie intestinali (per esempio il morbo di Crohn) sono a rischio.

Le proprietà della vitamina D

Vitamina D ed ossa

Vitamina D ed ossa (http://www.flickr.com/photos/8331761@N07/2625764562/)

Gli usi di seguito descritti sono stati verificati su persone e/o animali, ma sicurezza ed efficacia non sono stati sempre dimostrati. Alcune di queste condizioni sono potenzialmente gravi e dovrebbero quindi essere esaminate da un operatore sanitario qualificato.

Proprietà accertate

Ipofosfatemia familiare

L’ipofosfatemia familiare (bassi livelli di fosfato nel sangue) è una rara malattia ereditaria che consiste nella compromissione del trasporto dello ione fosfato nel sangue e nel ridotto metabolismo della vitamina D nei reni. L’ipofosfatemia familiare è una forma di rachitismo. Assumere la vitamina D3 per via orale insieme a supplementi di fosfato è una terapia efficace per il trattamento delle malattie ossee in soggetti con ipofosfatemia familiare. La gestione deve essere sotto controllo medico.

Ipofosfatemia correlata alla sindrome di Fanconi

La sindrome di Fanconi è un difetto dei tubuli prossimali del rene ed è associata ad acidosi tubulare renale. L’assunzione di vitamina D per via orale è efficace nel trattamento dell’ipofosfatemia associata alla sindrome di Fanconi.

Iperparatiroidismo dovuto a bassi livelli di vitamina D

Alcuni pazienti possono sviluppare un iperparatiroidismo secondario ai bassi livelli di vitamina D. Il trattamento iniziale per questo tipo di iperparatiroidismo è proprio la somministrazione della vitamina stessa. Per i pazienti con iperparatiroidismo primario o refrattario è comunemente raccomandata la rimozione chirurgica delle paratoroidi. Gli studi suggeriscono anche che i supplementi di vitamina D possano ridurre l’incidenza dell’ipoparatiroidismo in seguito a chirurgia per iperparatiroidismo primario (asportazione parziale o totale delle paratiroidi).

Ipocalcemia dovuta a ipoparatiroidismo

L’ipoparatiroidismo (ridotti livelli ematici di ormone paratiroideo) è raro e spesso è dovuto alla rimozione chirurgica delle paratiroidi. Alte dosi orali di diidrotachisterolo (DHT), calcitriolo, o ergocalciferolo (tutte diverse forme di vitamina D) possono aiutare ad aumentare le concentrazioni sieriche del calcio nei soggetti con ipoparatiroidismo o pseudoipoparatiroidismo.

Osteomalacia (rachitismo degli adulti)

Gli adulti con deficit severo di vitamina D perdono il contenuto minerale osseo (“ipomineralizzazione”) e avvertono dolore alle ossa, debolezza muscolare e osteomalacia (fragilità ossea). L’osteomalacia può essere riscontrata tra i pazienti anziani con diete carenti in vitamina D, soggetti con ridotto assorbimento di vitamina D o con inadeguata esposizione solare (come quelli che vivono in latitudini con mancanza stagionale della luce solare), pazienti con chirurgia gastrica o intestinale, con malattia ossea alluminio–indotta, con patologia epatica, o con patologia renale con osteodistrofia renale. Il trattamento per l’osteomalacia dipende dalla causa sottostante alla malattia e spesso include il controllo del dolore e un intervento chirurgico ortopedico, cosi come la vitamina D e gli agenti leganti il fosfato .

Psoriasi

Differenti approcci sono usati nel trattamento delle placche cutanee della psoriasi, tra cui ricordiamo la terapia della luce, la riduzione dello stress, idratanti o acido saliciclico per rimuovere le aree squamose cutanee. Per casi più severi i trattamenti possono includere la luce UV-A, psoralene più luce UV-A (PUVA), retinoidi come l’isotretinoina (Roaccutan®), i corticosteroidi o la ciclosporina (Sandimmun®). L’analogo sintetico della vitamina D3 calcipotriolo (Daivonex®, Psorcutan®) sembra controllare la crescita delle cellule della pelle ed è usato per placche cutanee moderatamente severe, in particolare per le lesioni cutanee resistenti alle altre terapie o localizzate sul viso. Alte dosi di becocalcidiolo (un analogo della vitamina D) usato sulla pelle può essere utile nel trattamento della psoriasi.

Rachitismo

Il rachitismo si sviluppa nei bambini con deficit di vitamina D dovuto a una dieta carente, una mancanza di luce solare o entrambi. Anche i bambini nutriti solo con latte materno (senza supplementi di vitamina D) possono sviluppare il rachitismo. Anche se oggi è raro, in parte grazie alla disponibilità di latte arricchito con vitamina D, c’è stato un recente incremento del rachitismo nei bambini che vivono in latitudini con periodica mancanza di luce solare stagionale. L’ergocalciferolo o il colecalciferolo sono efficaci per il trattamento del rachitismo da deficit di vitamina D. Il calcitriolo dovrebbe essere usato nei pazienti con insufficienza renale. Il trattamento deve essere sotto controllo medico .

Proprietà dimostrate in parte

Debolezza e dolore muscolare

Il deficit di vitamina D è stato associato a debolezza muscolare e dolore sia in adulti che in bambini. Una ricerca limitata ha riportato il deficit di vitamina D in pazienti con dolore lombo-sacrale: i supplementi possono ridurre il dolore in molti pazienti .

Osteoporosi (generale)

Senza sufficiente apporto di vitamina D, il calcio assorbito è inadeguato e la conseguente elevata secrezione di PTH dalle paratiroidi causa un aumentato riassorbimento osseo. Ciò può indebolire le ossa e aumentare il rischio di fratture. I supplementi di vitamina D si sono mostrati efficaci nel rallentare la perdita ossea e ridurre le fratture, in particolare quando assunta con il calcio.

Osteodistrofia

L’osteodistrofia renale è un termine che si riferisce a tutti i problemi dell’osso che si verificano in pazienti con insufficienza renale cronica. Il calcifediolo per via orale o l’ergocalciferolo possono aiutare a gestire l’ipocalcemia e a prevenire l’osteodistrofia renale in soggetti con insufficienza renale cronica sottoposti a dialisi.

Proprietà ipotizzate

Osteomalacia anticonvulsivante-indotta

E’ stato riportato che i supplementi di vitamina D2 riducano la frequenza delle crisi negli studi iniziali. Ulteriori studi sono necessari per confermare questi risultati .

Prevenzione del cancro al seno

Alte dosi di vitamina D possono potrebbero essere associati a un rischio leggermente ridotto di sviluppare il cancro al seno.

Prevenzione del cancro

Ricerche limitate suggeriscono che gli analoghi sintetici della vitamina D possano giocare un ruolo nel trattamento del cancro, tuttavia rimane non chiaro se il deficit di vitamina D aumenti il rischio di cancro o se un aumentato introito di vitamina D sia protettivo contro alcuni tumori. Fino a che studi addizionali non verranno condotti, è prematuro consigliare l’uso regolare di supplementi di vitamina D per quest’uso.

Cancro colorettale

I dati di una metanalisi suggeriscono che i supplementi di vitamina D possono prevenire lo sviluppo del cancro colorettale. Altre ricerche sono necessarie in questa area.

Osteoporosi corticosteroidi–indotta

Alcune evidenze indicano che gli steroidi (cortisonici) possano alterare il metabolismo della vitamina D, contribuendo ulteriormente alla perdita ossea e allo sviluppo di osteoporosi associati agli steroidi. C’è un evidenza limitata che la vitamina D possa essere utile alla forza muscolare nei pazienti che assumono steroidi a lungo termine .

Diabete

  • Diabete tipo 1:è stato riportato che i bambini che assumono il calcitriolo durante il primo anno di vita sono meno a rischio di sviluppare il diabete tipo 1 rispetto ai bambini nutriti con minori quantità di vitamina D. Altri studi associati hanno suggerito che usare olio di fegato di merluzzo come fonte di vitamina D possa ridurre l’incidenza del diabete tipo 1. C’è attualmente un’insufficiente evidenza per elaborare una chiara conclusione in questa aree.
  • Diabete tipo 2: in studi recenti è stato dimostrato che negli adulti che assumono supplementi di vitamina D migliori la sensibilità all’insulina. Ulteriori ricerche sono necessarie per confermare questi risultati .

Prevenzione delle cadute

Studi multipli hanno trovato risultati contrastanti sugli effetti della vitamina D nella prevenzione delle cadute. Altri studi sono necessari .

Osteodistrofia epatica

Vari gradi di malassorbimento del calcio possono verificarsi in pazienti con malattia epatica cronica a causa della malnutrizione e del deficit di vitamina D. La vitamina D per via orale o iniettata può giocare un ruolo nella gestione di questa condizione .

Alta pressione del sangue (ipertensione)

Bassi livelli di vitamina D possono giocare un ruolo nello sviluppo dell’ipertensione. E’ stato notato infatti che la pressione del sangue è spesso elevata durante l’inverno, ad una maggiore distanza dall’equatore ed in soggetti con pigmentazione scura della pelle. L’evidenza non è chiara ed un paragone con metodi più comprovati per ridurre la pressione arteriosa non è stato condotto. I pazienti con ipertensione dovrebbero quindi essere seguiti da un operatore sanitario qualificato.

Ipertrigliceridemia

C’è insufficiente evidenza in questo settore .

Immunomodulazione

Evidenze preliminari suggeriscono che la vitamina D e i suoi analoghi come l’alfacalcidolo possano agire come agenti immunomodulatori. Ulteriori studi sono necessari per confermare questi risultati .

Riduzione della mortalità

L’introito di vitamina D può essere associato a una riduzione nella mortalità totale. Ulteriori evidenze sono necessarie per confermare quest’associazione .

Sclerosi Multipla

Gli scienziati hanno rilevato tassi di sclerosi multipla più bassi in aree con maggiore luce solare e più alto consumo di pesce ricco in vitamina D. Le ricerche preliminari suggeriscono che i supplementi a lungo termine di vitamina D riducano il rischio di sviluppo di questa malattia, tuttavia studi addizionali sono necessari prima che una valida conclusione possa essere raggiunta.

Sindrome mielodisplastica

C’è insufficiente evidenza in questa area .

Osteogenesi imperfetta

L’osteogenesi imperfetta è una malattia genetica che consiste nello sviluppo di ossa insolitamente fragili che si rompono facilmente, spesso sotto carichi che le ossa normali sopportano facilmente, a causa di una malfunzione nella produzione corporea del collageno. L’appropriato introito di calcio e vitamina D è essenziale per mantenere le ossa forti.

Osteoporosi (pazienti con fibrosi cistica)

L’osteoporosi è comune nei pazienti con fibrosi cistica (a causa del malassorbimento dei grassi che porta a deficit di vitamine liposolubili come la vitamina D). La somministrazione di calcitriolo per via orale sembra aumentare l’assorbimento del calcio e ridurre le concentrazioni del paratormone.

Miopatia prossimale

C’è insufficente evidenza in quest’area.

Disturbo affettivo stagionale

Il Disturbo Affettivo Stagionale è una forma di depressione che si manifesta durante i mesi invernali, forse a causa di una ridotta esposizione alla luce solare. In uno studio è stato trovato che la vitamina D sia migliore della terapia con la luce nel trattamento del SAD. Ulteriori studi sono necessari per confermare questi risultati.

Verruche senili

In uno studio iniziale le verruche senili sono state trattate con vitamina D3 topica .

Disordini della pigmentazione cutanea (lesioni pigmentate)

Le applicazioni di unguenti di vitamina D3 sulla pelle, in combinazione con intense frequenze radio-pulsate, può essere utile bel trattamento di lesioni pigmentate associate alla neurofibromatosi 1 (NF1).

Denti

La perdita di materiale osseo dal dente è correlata alla perdita di osso in siti non orali. La ricerca suggerisce che l’introito di calcio e vitamina D miranti a prevenire l’osteoporosi possa avere un effetto benefico in questo senso.

Deficit di vitamina D (bambini e madri che allattano)

Un’evidenza clinica di alta qualità suggerisce che alte dosi di supplementi di vitamina D fornite alle madri che allattano possano migliorare il livello di vitamina D sia della madre che del bambino. Ulteriori ricerche sono necessarie per confermare questi risultati.

Aumento di peso (postmenopausale)

I supplementi di vitamina D (in combinazione con il calcio) possono avere effetto sull’aumento di peso in post-menopausa. Le evidenze suggeriscono che ciò sia particolarmente vero in donne che assumono inadeguate quantità di calcio, ma sono necessari ulteriori studi.

Usi sconsigliati

Forza muscolare

Il colecalciferolo per via orale non sembra aumentare la forza muscolare o migliorare le prestazioni fisiche negli uomini anziani sani che non sono carenti in vitamina D.

Cancro alla prostata

C’è un’evidenza preliminare basata su studi di laboratorio e sull’uomo che alte dosi di vitamina D possono essere utili nel trattamento del tumore alla prostata. Questo settore è sotto attiva investigazione, ma una chiara evidenza del beneficio non è ancora disponibile .

Utilizzi secondo tradizione

I seguenti utilizzi si basano sulla tradizione o su teorie scientifiche. Spesso non sono stati accuratamente testati sugli esseri umani e la sicurezza e l’efficacia non sono sempre stati dimostrati. Alcune di queste condizioni sono potenzialmente gravi e dovrebbero essere valutate da un medico specialista.

  • Cheratosi attinica,
  • fratture dell’anca associate al morbo di Alzheimer,
  • spondilite anchilosante,
  • disordini autoimmuni,
  • malattia di Graves,
  • iperparatiroidismo in dialisi renale,
  • ipocalcemia,
  • tetania ipocalcemica,
  • perdita ossea correlata al trapianto di rene,
  • disordini metabolici (sindrome metabolica),
  • disordini del sistema nervoso (emicorea),
  • osteite fibrosa in dialisi,
  • artrite reumatoide,
  • scleroderma,
  • carcinoma a cellule squamose,
  • lupus eritematoso sistemico,
  • disturbi vaginali (atrofia),
  • vitiligine.

Dosi

Le dosi indicate di seguito si basano su ricerche e pubblicazioni scientifiche, sull’uso tradizionale o su opinioni mediche. Molte integratori non sono stati accuratamente testati e la sicurezza e l’efficacia non possono essere provate. Le diverse marche possono realizzarli in modo diverso, con ingredienti variabili, anche all’interno della stessa linea. Le dosi indicate di seguito potrebbero non essere applicabili a tutti i prodotti. Si consiglia di leggere sempre le etichette e di discutere con un medico delle dosi ideali prima di iniziare la terapia.

Adulti (oltre i 18 anni)

È particolarmente difficile fornire delle indicazioni precise per la vitamina D per la popolazione adulta italiana perchè, a meno di condizioni particolari, l’esposizione alla luce solare è in genere più che sufficiente a coprire le richieste dell’organismo. In ogni caso, per coloro che per qualsiasi motivo non possano godere di una sufficiente sintesi, le linee guida americane consigliano 5 microgrammi (200 UI o Unità Internazionali) al giorno per tutti gli individui (maschi, femmine, donne in gravidanza o in allattamento) al di sotto dei 50 anni. Per tutti i soggetti dai 50 ai 70 anni sono invece raccomandati 10 microgrammi al giorno (400 UI). Per gli individui sopra i 70 anni sono suggeriti 15 microgrammi al giorno (600 UI).

Bambini (sotto i 18 anni)

I livelli di assunzione raccomandati nei bambini prevedono che in neonati fra i 6 e gli 11 mesi l’apporto sotto forma di integratori non dovrebbe essere inferiore a 10 µg/die (400 UI).

Nell’età compresa fra l’anno ed il periodo dell’adolescenza, se non si verifica una adeguata esposizione al sole, si consiglia un apporto di vitamina D non inferiore a 10 µ g al giorno.

Gravidanza e allattamento

L’introito adeguato raccomandato per le donne in gravidanza è lo stesso delle donne adulte non gravide. Alcuni autori hanno suggerito che il fabbisogno durante la gravidanza possa essere maggiore di queste quantità, in particolare negli individui privi di esposizione solare, anche se ciò non è stato ancora chiaramente dimostrato. A causa dei rischi di tossicità da vitamina D qualsiasi considerazione sulle dosi giornaliere più alte di vitamina D deve essere discussa con un medico .

La vitamina D è tipicamente bassa nel latte materno e per prevenirne il deficit e il rachitismo nei bambini nutriti esclusivamente con il latte materno, sono necessari dei supplementi cominciando entro i primi due mesi di vita .

Effetti collaterali

Si deve evitare o usare cautela in caso di nota sensibilità alla vitamina D o ad uno dei suoi analoghi e derivati .

Effetti avversi e avvertenze

La vitamina D è in genere ben tollerata alle dosi raccomandate. Uno studio ha trovato una maggiore probabilità di sonnolenza diurna per i pazienti trattati con analoghi della vitamina D.

La tossicità da vitamina D può essere causata da un costante ed eccessivo introito di questa vitamina e può condurre a ipercalcemia ed eccessiva perdita ossea. I soggetti a rischio sono quelli con iperparatiroidismo, malattia renale, sarcoidosi, tubercolosi o istoplasmosi. L’ipercalcemia cronica può condurre a complicazioni gravi o anche pericolose per la vita e deve essere gestita da un medico. I sintomi iniziali dell’ipercalcemia possono includere nausea, vomito e anoressia (perdita d’appetito/peso) seguiti da poliuria (eccesso di diuresi), polidipsia (eccesso di sete), debolezza, affaticamento, sonnolenza, cefalea, secchezza delle fauci, sapore metallico, vertigini, acufene (ronzio nelle orecchie) ed atassia (instabilità). La funzione renale può essere alterata e possono realizzarsi calcificazioni metastatiche (depositi di calcio negli organi) in particolare nei reni. Il trattamento comprende la cessazione dell’introito di vitamina D o calcio e l’abbassamento dei livelli di calcio sotto stretto controllo medico, con frequente monitoraggio dei livelli di calcio. L’acidificazione delle urine e i corticosteroidi possono essere necessari.

Interazioni

L’ipermagnesemia (alti livelli di magnesio nel sangue) può svilupparsi quando gli antiacidi contenenti magnesio sono usati insieme alla vitamina D, in particolare in pazienti con insufficienza renale cronica .

Una riduzione degli effetti della vitamina D può verificarsi con l’uso di certi farmaci anti-convulsivanti, poiché essi possono indurre gli enzimi microsomiali epatici e accelerare la conversione della vitamina D in metaboliti inattivi.

Sulla base del meccanismo d’azione l’uso della vitamina D e del calcio insieme può alterare la risposta infiammatoria .

L’assorbimento intestinale della vitamina D può essere alterato con l’uso di alcuni farmaci:

  • I pazienti in terapia con colestiramina o colestipolo devono essere avvertiti di far passare quanto più tempo possibile tra l’ingestione di questi farmaci e la vitamina D.
  • L’uso dei corticosteroidi (cortisonici) può causare osteoporosi e deplezione di calcio con la somministrazione a lungo termine .Questa deplezione di calcio crea un maggiore bisogno di entrambi i supplementi sia calcio che vitamina D (che è necessaria per l’assorbimento del calcio).
  • La vitamina D deve essere usata con cautela nei pazienti che assumono la digossina perchè l’ipercalcemia (che può derivare da un eccessivo uso di vitamina D) può far precipitare ritmi cardiaci anomali.
  • L’assorbimento intestinale della vitamina D può essere alterato con l’uso di oli minerali .
  • L’orlistat (Alli® o Xenical®) può ridurre i livelli della vitamina D). I pazienti devono prendere in considerazione di assumere un multivitaminico con vitamine liposolubili almeno due ore prima o dopo l’orlistat o al momento di andare a coricarsi.
  • La rifampicina aumenta il metabolismo della vitamina D e ne riduce i livelli nel sangue. Il bisogno di supplementi di vitamina D con la rifampicina non è stato accuratamente studiato, anche se possono essere necessari.
  • I lassativi stimolanti possono ridurre l’assorbimento della vitamina D alimentare, quindi devono essere limitati a un uso a breve termine se possibile .
  • La simultanea somministrazione dei diuretici tiazidici e della vitamina D ai pazienti ipoparatiroidei può causare ipercalcemia che può essere transitoria o può richiedere l’interruzione della vitamina D.

Interazioni con erbe e supplementi alimentari

Sulla base del meccanismo d’azione, l’uso della vitamina D e del calcio insieme può alterare la risposta infiammatoria .

La vitamina deve essere usata con cautela nei pazienti che assumono erbe con azione sul cuore, poiché l’ipercalcemia (che può risultare da un eccessivo uso di vitamina D) può far precipitare anomalie del ritmo cardiaco .

La vitamina D è necessaria per l’assorbimento del calcio. La vitamina D è spesso inclusa nei prodotti dei supplementi di calcio.

Traduzione ed integrazione a cura di Francesca Giannino

Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. LAURA

    Salve dottore sono a scriverle per avere un altro parere in merito alla mia situazione. Sto cercando una gravidanza e soffro di ovaio policistico tra i vari esami ho dosato la vit.d3 il risultato é 11rif ( .carenza meno di 10/ insufficenza 10-29),il mio medico Endocrinologo mi ha prescritto dibase 25000 un flaconcino ogni 15 giorni per 4 mesi poi dovrò ripetere il dosaggio. La mia paura é sorta oggi perché ho sentito parlare dei pericoli legati alla tossicità di alte dosi di vit.d. Secondo lei la prescrizione che mi é stata fatta é giusta con i miei valori? Quello che mi sembra strano é che sono di carnagione abb scura e adoro stare al sole, in estate almeno una volta a settimana forse la mia carenza é legata all’ovaio policistico? Spero di ricevere rassicurazioni.un caro saluto

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      La carenza è legata probabilmente ai mesi invernali, quando l’esposizione al sole è minima.

      Ha segnalato all’endocrinologo che sta cercando una gravidanza?

  2. LAURA

    Certo che ne é al corrente, mi sono rivolta a lui proprio per risolvere il problema dell’ovaio policistico in vista di una futura gravidanza. Lei ritiene giusto che nel mio caso vada integrata con dosi cosí alte? Credevo che mi fosse stata data proprio per migliorare la situazione per quel problema.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non sono in grado di valutare se nel suo caso specifico la dose sia troppo alta, ma sul fatto che sia da integrare non ci sono dubbi; eventualmente valuti la dose prescritta anche con il ginecologo.

    2. LAURA

      Lo faro’ grazie. Proprio oggi dovró assumere un flaconcino peró mi é sorto un dubbio: Mercoledì mi sono sottoposta ad una seduta di depilazione laser posso ugualmente prendere di base oggi o é meglio che aspetti qualche giorno in piú? Mi sono dimenticata di chiedere…

  3. Anonimo

    Salve dottore io ho fatto circa 1 anno fa la densitometria ed era tutto ok.. se la densitometria e andata bene c’è la possibilità che io sia carente di vitamina d?

    1. Anonimo

      Ah dimenticavo sempre x la celiachia o controllato il fattore reumatoide Er era ok!.. può essere che sn carente di vitamina d?

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Potrebbe comunque essere carente, per verificare è necessario dosarla con l’esame specifico.

  4. Silvia

    Gent.mo Dott., un paio di anni fa ho fatto l’esame della Osteoporosi ed è risultato un piccolo inizio. L’ortopedico mi ha consigliato di prendere Natecal D3 600mg +400 U.I. e tutt’ora ancora prendo 1 compressa al giorno di mia iniziativa.
    Ho problemi anche di paradontite, che tengo sotto controllo, andando spesso dal dentista. La mia domanda è : faccio bene a continuare ad assumerla? E facendo gli esami del sangue può alterare un valore? Esempio quello della glicemia.
    La ringrazio e la stimo moltissimo.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      La glicemia non dovrebbe esserne alterata, ma valuti con il medico la situazione, può essere che sia sufficiente fare qualche ciclo ogni tanto.

  5. Monia

    salve dottore io ho 39 anni e mia mamma 60 e siamo carenti di vit D la mia è 10 e mia mamma 18….il nostro medico ci ha prescritto 25.000ui un flaconcino al mese, ma leggendo altre risposte mi sembra insufficente per ottimizzare questa carenza almeno a 80 ..90…premetto che per il mio medico nuovo di zecca è sufficente mettersi al sole un pò per tornare alla norma….secondo lei possiamo assumere 2 flaconcini al mese almeno per 5 o 6 mesi e poi rifare il dosaggio? Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Il suo medico nuovo di zecca ha ragione, basterebbe una regolare esposizione al sole per rientrare della carenza… Per ora mi atterrei alla dose prescritta, cercando aumentare appunto anche l’esposizione.

      Non confronti gli altri casi che trova in rete, potrebbero essere legati a situazioni differenti (magari con maggiori fattori di rischio per osteoporosi, per esempio).

  6. Paolo

    Buon giorno sono un uomo di 33 anni da 5 mesi convivo con un senso di sbandamento di testa vuota una specie di vertigini….ho fatto varie visite dallotorino e non mi anno riscontrato niente a livello delle orecchie solo un po rosse…ho preso il.vertisec con alti e bassi.ho fatto una rm alla testa ed é tutto a posto fatto anche visita neurologica e va tutto ok…solo nelle.analisi del.sangue é uscito la vitamina d basso con valore 25.7 con valore di riferimento 30-100
    Sto prendendo dei flaconcini di vitamina d.volevo chiedere questi sintomi che ho possono essere collegati alla vitamina?

    1. Anonimo

      Ferro a posto stress penso di no ho notato che ho la pressione che si aggira sui 110 60

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Ovviamente raccomando di verificare con il medico, ma la causa potrebbe essere questa.

  7. Gina.

    Salve dottore sto prendendo la vitamina d perché sono carente il mio medico mi detto che la vitamina d mangia il calcio e’vero?grazie.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      In un certo senso sì, è vero, ma quando è tutto in equilibrio (ed i livelli sono ottimali) tutto funziona perfettamente.

  8. Roberto

    Salve Dott.ho fatto di recente la analisi del sangue tutto perfetto valori a posto tranne la vita.d che ha un valore 4 la d3 e 0la d2 ho 48 anni ed ecco perché si spiega questo male alle ossa che ho cosa devo una bella cura?? Bastano gli integratori??? E con la cura magari scritta dal mio medico riuscirò a far tornare i valori giusti della vita.d???

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, con una corretta integrazione (ed una maggior esposizione al sole) riuscirà sicuramente a risolvere.

  9. A

    Salve, ho preso oggi una fialetta da 300.000 di dibase, ordinata dal medico per carenza di vitamina d. dopo averla presa ho avuto sonnolenza e dormito per qualche ora, adesso mi sono svegliata con molta sete. come devo comportarmi?

    1. Anonimo

      grazie. quindi può capitare? sono ancora un po’ “intontita” ma meno di prima

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, può succedere, chiaramente se persistesse lo segnali al medico.

    3. Anonimo

      Continuo ad avere una sete incontenibile, secondo lei aspetto domani per vedere come va o devo rivolgermi a qualcuno?

    4. Dr. Cimurro (farmacista)

      Contatti telefonicamente la guardia medica, ma è probabilmente causato dal farmaco assunto.

    5. Anonimo

      Si è sicuramente per il farmaco. Mi chiedevo se basta bere acqua e domani passa o devo rivolgermi alla guardia medica già ora

    6. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ieri sera non ho più potuto rispondere.

      Va meglio questa mattina?

  10. romina

    buonasera dott.
    ho ritirato oggi gli esami , è la prima volta che eseguo quello della vitamina D risultato 5,20 ,
    come mi devi comportare? ho 40 anni , carnagione molto chiara , e sto cercando una nuova gravidanza dopo un cesario del 2010
    grazie . arrivederci

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Lo segnali al medico, verrà prescritta un’integrazione.

      Per quanto possibile cerchi di esporsi un po’ di più al sole.

  11. Glory

    Dottore ,dopo 4 mesi ho ripetuto le analisi per l osteopenia . La vitamina D ,in 4 mesi di integrazione si è alzata di poco , da 26 a 33 . Da agosto (quando ho scoperto di avere ipovitamonosi ) a novembre era quasi triplicata passando da 9 a 26 e in quei mesi avevo integrato solo con dibase ( 25000 ogni 15 gg ) anche se c era stata l esposizione a sole tutto agosto e settembre . Da novermbre in poi aumento dell integrazione passando a dibase 50000 ogni 20 giorni piu biochinol ( che fornisce gia da solo il 150 % della dose quotidiana giornaliera di vit D ) tutti i gg ,dunque un integrazione molto alta ,ma ora con delusione vedo che la vitamina si è alzata di poco .Che ne pensa di questo aumento leggero dei valori?Puo’ il sole essere piu determinante di un aumento dell integrazione? ora le scrivo anche nella pagina sulla ferritina ,avendo dato anche quella .

  12. Glory

    Dibase sempre durante il pranzo e mai con acqua ma con cibo, biochinol francamente quando capita, ma mai al mattino a digiuno . Anche il biochinol va preso ai pasti ? Cmq aggiunto che di biochinol nno sono stati 4 mesi effettivi , perchè qualche gg puo capire che salti e per circa un mese a gennaio non l ho preso avendo avuto una forte influenza e avendo gia preso troppi farmaci in quelle settimane .

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Per favorire l’assorbimento della vitamina D questa andrebbe sempre assunta con del cibo.

  13. Glory

    Dottore assumendo anche ferro quanto deve essere la distanza con biochinol? Ogg ho assunto semi di pompelmo gse stamattina ( per infiammazione intima) e ferro fast mezz ora fa dopo cena …. non so nemmeno io a quale integratore dare la priorita adesso come adesso

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non dovrebbero darsi fastidio, ma è buona norma distanziare sempre tutto di qualche ora (quando possibile).

    2. Glory

      Dottore leggo nei commenti postati da altri utenti qui sopra, che alcuni eseguono anche l esame della vitamina D2 ma a me non l hanno mai prescritto , secondo lei serve avendo osteopenia ?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Onestamente a seconda dello specialista vedo prescritto uno, l’altro od entrambi, ma purtroppo non so dirle con che criterio vengano scelte.

    4. Glory

      Dottore sto assumendo Ferrograd ma oggi è anche il giorno di Dibase 50000, lei trova delle interazioni tra i due ?

    5. Dr. Cimurro (farmacista)

      No, ma li assuma a distanza di qualche ora almeno.

  14. Anna

    Buonasera Dottore sono una ragazza di 26 anni nell ultimo anno ho spesso carenza di vitamina d Integrando con dbase il valore si alza ma poi si riabbassa e quando questo succede il paratormone si alza ad esempio ora il valore e 24 riferimenti 20 ‘ 30 insufficienza paratormone 240 riferimenti 40 75 l endocrinologo mi ha consigliato dbase 300000 per due mesi e poi continuare con 100000 per tre mesi associando la carenza di vitamina d all intolleranza al glutine che ho scoperto di avere solo tre mesi fa
    La mia perplessità e sul valore del paratormone .ma non è un valore eccessivamente alto??lei e d accordo con la diagnosi e la terapia consigliata?
    La ringrazio anticipatamente
    Distinti saluti

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Il paratormone è strettamente legato al metabolismo della vitamina D e, correggendo quest’ultima, anche il paratormone dovrebbe andare a posto.

      Si attenga alla dose consigliata e adesso, con l’inizio delle belle giornate, cerchi di esporsi al sole per quanto possibile.

    2. Anonimo

      Grazie mille dottore ma anche secondo Lei la carenza di vitamina d è associata all intolleranza al glutine e lattosio ?
      Grazie ancora

  15. donatella

    Assumo una fialetta di d base 25.000 ogni 15 gg. Domani dovrei assumerne una solo che martedì ho le analisi per controllare il valore mi chiedevo: É meglio che rimandi l’assunzione a dopo l’esame per non falzare l’esito? Devo controllare il valore eventualmente x ridurre la dose in vista dell’estate.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, potrebbe valere la pena sentire il medico telefonicamente per aspettare il prelievo.

  16. elisabetta

    Salve….una fialetta di Dibase da 25000 a pranzo e la prima iniezione in assoluto di reumaflex 15mg dopo cena, lo stesso giorno, sono compatibili?
    GRAZIE

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Anche se non mi risultano interazioni particolari, se fosse possibile cercherei forse di distanziarli di qualche giorno.

  17. Anonimo

    Salve ho una carenza di.vitamina d.a 15
    Il.medico.mi ha prescritto di base da 100.000 u in.fiale 1 ogni quindici giorni.
    Come.si assume? In piu appena.inizio la cura mi ha detto di assumere per i primi due giorni una fiala. Ho paura che le dosi siano troppo alte,cosa ne pensa?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Si fidi delle dosi prescritte, è normale iniziare con dosi elevate.

  18. Anonimo

    Puo essere la cura prescrittami compaTibile con la ricerca di una gravidanza?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      È da valutare con attenzione la dose con il ginecologo, un eventuale sovradosaggio potrebbe essere un problema.

  19. Alessia

    Dottore buongiorno la dottoressa mi ha prescritto dbase 1 fiala da 100000 u 1 volta a settimana per 6 settimane io ho la distonia generalizzata cosa ne pensa Lei?la vitamina è a 23 grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non vedo problemi, ma la distonia g. non è una malattia che conosca approfonditamente.

  20. Sonia

    Gentile dottore, ho scoperto di avere la vitamina d bassa. Il valore e’ 23,30. Il mio medico mi ha prescritto Di base 50.000 ogni 15 giorni. Volevo chiederle se ci sono interazioni con i medicinali che prendo per curare l’ansia e cefalea con aura che mi procuranno instabilita’ fisica. I medicinali sono 1 pasticca di depakim crono 300, 2,50 milligrammi di Lorans e 2/3 di Trittico. Inoltre dopo aver ingerito la fiala di Dibase la mia instabilità’ fisica mi sembra aumentata. È’ possibile oppure è’ solo suggestione visto che era la prima fiala di Dibase che prendevo. La ringrazio tanto

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente un po’ di suggestione; Depakin potrebbe limitare l’assorbimento di vitamina D.

    2. Sonia

      Dottore la ringrazio tanto e se mi permette ne approfitto per chiederle se la dose di Di base le sembra giusta per i miei valori di vitamina D cioè’ 23.30 e se devo continuare ad assumerla in queste dosi nonostante il Depakim. Dottore premetto che non sono un po’ restia a prendere medicinali ma quando sono necessari faccio un piccolo sforzo e li prendo. Grazie tante di nuovo

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Li prenda tranquillamente, anzi, vedremo se sarà sufficiente al prossimo controllo.

  21. marta

    Buongiorno Dottore, il mio bambino di 4 mesi prende il Lutein D3 , a tal proposito vorrei farle 2 domande:
    1) visto che beve latte artificiale arricchito di vitamina d, non sarebbe sufficiente?
    2) sulla confezione del Lutein c’è scritto di non assumere dopo 4 settimane dall’apertura. Se assunta oltre fa male o non fa niente?
    Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Molti bambini sono carenti di vitamina D, non ci sono problemi a sommarli.
      2. Il rischio è di una ridotta efficacia.

Lascia una risposta

IMPORTANTE: In nessun caso la figura del farmacista può sostituire quella del medico, unico professionista con le competenze e la possibilità legale di formulare diagnosi e prescrivere farmaci. Le considerazioni espresse hanno quindi come unica finalità quella di agevolare in ogni modo il rapporto medico-paziente, mai ed in nessun caso devono prenderne il posto.

Gli interventi inviati potrebbero richiedere fino a 15 minuti per essere visibili sul sito.

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.