Vitamina C: alimenti, usi, proprietà e controindicazioni

Ultimo Aggiornamento: 530 giorni

Link sponsorizzati

Introduzione

Vitamina C

Vitamina C (http://it.wikipedia.org/wiki/File:L-ascorbic-acid-3D-balls.png)

La vitamina C (acido ascorbico) è una vitamina idrosolubile , necessaria all’ organismo per sintetizzare il collagene in grado di rinforzare le ossa , la cartilagine , i muscoli e i vasi sanguigni e favorisce l’ assorbimento del ferro. Le fonti alimentari della vitamina C sono sopratutto frutta e verdura, in particolare gli agrumi come le arance.

Una grave carenza di vitamina C causa lo scorbuto, una malattia ormai molto rara in grado di provocare conseguenze potenzialmente fino alla morte improvvisa . I pazienti con lo scorbuto sono trattati con somministrazione di vitamina C e devono essere sottoposti a controllo medico.

Sono stati proposti molti usi per la vitamina C , ma pochi sono davvero fondati e confermati da studi scientifici .

In particolare la ricerca su asma, cancro e diabete rimane inconcludente e non è stato trovato alcun beneficio nella prevenzione della cataratta o delle patologie cardiache come l’infarto.

L’ uso della vitamina C nella prevenzione e nel trattamento del comune raffreddore e delle infezioni respiratorie rimane controverso e le ricerche sono in continua evoluzione. Per la prevenzione del raffreddore più di 30 studi clinici comprendenti in totale più di 10.000 partecipanti hanno esaminato gli effetti dell’ assunzione quotidiana di vitamina C, nel complesso non è stata osservata alcuna significativa riduzione nel rischio di sviluppare il raffreddore.

Nelle persone che hanno manifestato il raffreddore durante l’ assunzione di vitamina C non è emersa alcuna differenza nella severità dei sintomi, anche se è stata riportata una riduzione molto piccola nella durata della patologia ( approssimativamente pari al 10% negli adulti e al 15% nei bambini).

In studi particolari, in cui il gruppo di persone esaminato si trovava in circostanze estreme come soldati in operazioni sub-artiche, sciatori e maratoneti hanno mostrato una significativa riduzione del rischio di sviluppare un raffreddore (approssimativamente del 50%). Questo settore merita quindi studi addizionali e potrebbe essere di particolare interesse per gli atleti o per il personale militare .

Numerosi studi hanno esaminato infine gli effetti dell’assunzione di vitamina C a seguito dell’insorgenza dei sintomi del raffreddore, ma senza evidenziare benefici significativi.

Le proprietà della vitamina C

Gli usi di seguito descritti sono stati verificati su persone e/o animali, ma sicurezza ed efficacia non sono stati sempre dimostrati. Alcune di queste condizioni sono potenzialmente gravi e dovrebbero quindi essere esaminate da un operatore sanitario qualificato.

Proprietà accertate

Scorbuto

Lo scorbuto è causato da un deficit alimentare di vitamina C. Anche se raro, può verificarsi in soggetti malnutriti o con aumentato fabbisogno di vitamina C ( come donne in gravidanza o in allattamento), o nei neonati la cui unica fonte di nutrimento è il latte materno. La vitamina C somministrata per via orale o per iniezione è efficace per curare lo scorbuto, quando non disponibile il succo d’ arancia può essere usato per lo scorbuto infantile. I sintomi dovrebbero iniziare a migliorare entro 24-48 ore, con risoluzione entro 7 giorni. Il trattamento dovrebbe essere sotto stretto controllo medico.

Proprietà dimostrate in parte

Prevenzione del raffreddore

Gli studi scientifici generalmente suggeriscono che la vitamina C non prevenga l’ insorgenza dei sintomi del raffreddore, tuttavia in un sottogruppo di studi su persone che vivono in condizioni climatiche estreme o in condizioni straordinarie, come soldati in esercizi sub-artici, sciatori e maratoneti, la vitamina C ha ridotto significativamente il rischio di sviluppare il raffreddore approssimativamente del 50% . Questo settore merita quindi studi ulteriori.

Potenziamento dell’ assorbimento del ferro

In base alla ricerca scientifica attualmente disponibile la vitamina C sembra migliorare l’assorbimento orale del ferro, favorendo quindi anche l’assorbimento degli integratori alimentari di ferro.

Infezioni del tratto urinario (durante la gravidanza)

La vitamina C può ridurre il rischio di sviluppare infezioni del tratto urinario durante la gravidanza . Ulteriori ricerche sono tuttavia necessarie per confermare questi risultati.

Proprietà ipotizzate

Asma

E’ stato suggerito che bassi livelli di vitamina C (o altri antiossidanti) possano aumentare il rischio di sviluppare asma. L’ uso della vitamina C per il trattamento dell’asma è stato studiato a partire dal 1980 (in particolare l’asma indotta da esercizio fisico) anche se i risultati in questo settore rimangono vaghi. Ulteriori ricerche sono necessarie prima di arrivare ad una conclusione.

Ulcere sanguinanti allo stomaco causate dall’ aspirina

I primi risultati suggeriscono che la vitamina C possa alleviare il danno gastrico indotto dall’aspirina, ma sono necessari ulteriori studi in proposito.

Prevenzione del cancro

L’assunzione giornaliera di frutta e verdura ricche in vitamina C è stata associata ad un ridotto rischio di vari tipi di cancro in studi sulla popolazione (in particolare tumori della bocca, esofago, stomaco, colon o polmone), ma non è chiaro se il beneficio derivi specificamente dalla vitamina C presente in questi alimenti e sopratutto non è stata trovata un’ associazione tra l’assunzione di integratori di vitamina C e questo effetto protettivo. Gli esperti raccomandano comunque di aumentare il consumo giornaliero di frutta e verdure ricche in vitamina C come

  • asparagi,
  • frutti di bosco,
  • broccoli,
  • cavoli,
  • meloni,
  • angurie,
  • cavolfiori,
  • agrumi (limoni, arance),
  • cavoli,
  • kiwi,
  • patate,
  • spinaci,
  • pomodori.

Trattamento del cancro

La vitamina C ha una lunga storia di uso combinato nella terapia del cancro anche se ad oggi non c’è alcun risultato definitivo sul beneficio derivante dall’assunzione in tutti i tipi di tumore.

Distrofia simpatica riflessa

Alcuni studi clinici suggeriscono che la vitamina C possa prevenire la distrofia simpatica riflessa nelle pazienti anziane con frattura del polso ed aiutare a ridurre il dolore associato a questa sindrome.

Recupero dall’ esercizio fisico

La vitamina C può prevenire la perossidazione lipidica indotta dagli esercizi di resistenza ed il danno muscolare nei soggetti sani.

Infezione da Helicobacter pylori

Aggiungere la vitamina C alla triplice terapia con omeprazolo, amoxicillina e claritromicina per il trattamento dell’ ulcera gastrica da  Helicobacter pylori potrebbe forse permettere di abbassare la dose di claritromicina, ma ulteriori ricerche sono necessarie per confermare questi risultati .

Cardiopatia ischemica

A causa delle sue proprietà antiossidanti la vitamina C è stata usata nei pazienti con cardiopatia ischemica, i risultati iniziali suggeriscono che la vitamina C possa aiutare il flusso sanguigno cardiaco, ma ulteriori ricerche sono necessarie per confermare questi risultati .

Anomalie metaboliche (alcaptonuria)

L’alcaptonuria è un disordine caratterizzato dall’ assenza dell’enzima omogentisato ossidasi che determina l’ accumulo di omogentisato nel sangue e nelle urine. Alcuni studi riportano che alte dosi giornaliere di vitamina C possano fornire sollievo dai sintomi e rallentare la progressione delle complicanze di questo disordine.

Placca/tartaro sui denti

In studi preliminari sono stati osservati meno casi di tartaro, placca visibile e disturbi di gengive sanguinanti dopo l’ uso di gomma da masticare a base di vitamina C.

Polmonite (prevenzione)

La vitamina C potrebbe giocare un ruolo importante nella prevenzione della polmonite.

Gravidanza

Non ci sono sufficienti prove per concludere che la vitamina C da sola o combinata con altri supplementi sia utile durante la gravidanza ed addirittura potrebbe aumentare la probabilità di nascite pretermine con l’assunzione di supplementi di vitamina C.

Carcinoma della prostata

La vitamina C è stata usata per la cura del cancro alla prostata. I dati attuali sono contrastanti e non è chiaro se la vitamina C sia davvero utile ai pazienti con cancro alla prostata.

Danno alla pelle causato dal sole

La vitamina C e la vitamina E applicate sulla pelle potrebbero prevenire il danno alla pelle UVA-indotto, ma non esistono conferme scientifiche.

Disordini della pigmentazione della pelle

Dati limitati suggeriscono un ruolo della vitamina C nella pigmentazione della pelle.

Prevenzione dell’ictus

Ci sono risultati relativi ad alcuni studi che hanno misurato l’associazione tra l’assunzione di vitamina C e il rischio di ictus. Alcuni studi non hanno riportato benefici, mentre altri rilevano che basse dosi giornaliere di vitamina C possono ridurre il rischio di morte per ictus. Ulteriori ricerche sono quindi auspicabili in questo settore.

Vaginite

Studi preliminari sull’organismo umano mostrano che tavolette vaginali di vitamina C date una volta al giorno potrebbero aiutare le pazienti che soffrono di vaginiti non specifiche.

Usi sconsigliati

Cataratta (prevenzione/progressione)

Anche se studi iniziali sulla popolazione hanno suggerito una riduzione nella formazione della cataratta tra i soggetti che assumono la vitamina C per almeno 10 anni, le ricerche successive non hanno dimostrato alcun beneficio.

Prevenzione del comune raffreddore

Più di 30 studi clinici comprendenti più di 10.000 partecipanti hanno esaminato gli effetti dell’ assunzione quotidiana di vitamina C sulla prevenzione del raffreddore. Nel complesso non è stata osservata alcuna significativa riduzione del rischio di sviluppare il raffreddore. In soggetti che hanno sviluppato la malattia durante l’ assunzione di vitamina C non è stata osservata nel complesso alcuna differenza nella severità dei sintomi, anche se è stata riportata una riduzione molto piccola della durata. Esperimenti di laboratorio nei quali i volontari erano infettati con virus respiratori durante l’ assunzione di vitamina C hanno portato a risultati contrastanti, ma nel complesso hanno riportato piccole o non significative differenze nella severità dei sintomi dopo l’ infezione.

Trattamento del comune raffreddore

Numerosi studi hanno esaminato gli effetti dell’assunzione di vitamina C dopo l’ insorgenza dei sintomi del raffreddore, nel complesso non sono stati osservati significativi benefici.

Prevenzione di cardiopatie

La vitamina C non sembra abbassare i livelli del colesterolo o ridurre il rischio di attacchi cardiaci .Gli effetti sulle placche di colesterolo nelle arterie cardiache (aterosclerosi) rimangono non chiari e solo alcuni studi suggeriscono possibili proprietà benefiche di vasodilatazione (apertura dell’ arteria). Sulla base dell’ attuale evidenza scientifica la vitamina C non è generalmente raccomandata per questo uso.

Supporto nutrizionale (neonati prematuri)

In uno studio randomizzato e controllato non sono stati trovati significativi benefici o effetti dannosi associati ai supplementi di acido ascorbico nei primi 28 giorni di vita .

Utilizzi secondo tradizione

I seguenti utilizzi si basano sulla tradizione o su teorie scientifiche. Spesso non sono stati accuratamente testati sugli esseri umani e la sicurezza e l’efficacia non sono sempre stati dimostrati. Alcune di queste condizioni sono potenzialmente gravi e dovrebbero essere valutate da un medico specialista.

Dosi

La vitamina C è contenuta nelle arance

La vitamina C è contenuta nelle arance (http://www.flickr.com/photos/manicomi/2260527943/)

Le dosi indicate di seguito si basano su ricerche e pubblicazioni scientifiche, sull’uso tradizionale o su opinioni mediche. Molte integratori non sono stati accuratamente testati e la sicurezza e l’efficacia non possono essere provate. Le diverse marche possono realizzarli in modo diverso, con ingredienti variabili, anche all’interno della stessa linea. Le dosi indicate di seguito potrebbero non essere applicabili a tutti i prodotti. Si consiglia di leggere sempre le etichette e di discutere con un medico delle dosi ideali prima di iniziare la terapia.

La vitamina C è inclusa nella maggior parte dei multivitaminici in capsule, compresse o come liquidi. Le dosi giornaliere raccomandate (RDA) riportate di seguito sono state stabilite dall’Istituto statunitense di Medicina dell’Accademia Nazionale delle Scienze degli Stati Uniti, mentre i LARN italiani fanno riferimento a dosi simili od identici.

Adulti (oltre i 18 anni)

La dose giornaliera raccomandata per gli uomini oltre i 18 anni è 90 milligrammi al giorno, per le donne 75 milligrammi al giorno.

Per le donne in gravidanza oltre i 18 anni si consigliano 85 milligrammi al giorno, per le donne in allattamento oltre i 18 anni 120 milligrammi al giorno.

Recentemente alcuni esperti si sono chiesti se la dose giornaliera raccomandata debba essere aumentata ed altri hanno raccomandato dosi più elevate in alcuni soggetti come i fumatori (un’ aggiunta di 35 milligrammi al giorno).

Il limite superiore di assunzione è fissato in 2.000 milligrammi al giorno (2 grammi) in uomini o donne oltre I 18 anni (incluse le donne in gravidanza o in allattamento) .

Scorbuto

La vitamina C somministrata per via orale o per iniezione è efficace per curare lo scorbuto. Negli adulti 100-250 milligrammi per via orale quattro volte al giorno per una settimana sono generalmente sufficienti per migliorare i sintomi e ricostituire le riserve. Alcuni esperti hanno raccomandato 1-2 grammi al giorno per due giorni seguiti da 500 milligrammi al giorno per una settimana . I sintomi dovrebbero cominciare a migliorare entro 24-48 ore , con la risoluzione entro sette giorni . Il trattamento deve essere sotto stretto controllo medico.

Per il deficit asintomatico di vitamina C, possono essere usate dosi giornaliere più basse.

Bambini (sotto i 18 anni)

  • Per i bambini di 0-6 mesi si consigliano 40 milligrammi al giorno,
  • mentre per i bambini di 7-12 mesi sono 50 milligrammi al giorno.
  • Da 1 a 3 anni sono 15 milligrammi al giorno,
  • dai 4 agli 8 anni sono 25 milligrammi al giorno;
  • dai 9 ai 13 anni sono 45 milligrammi al giorno;
  • per i maschi dai 14 ai 18 anni sono 75 milligrammi al giorno,
  • mentre per le femmine dai 14 ai 18 anni sono 65 milligrammi al giorno;
  • per donne gravide dai 14 ai 18 anni sono 80 milligrammi al giorno;
  • per donne in allattamento dai 14 ai 18 anni sono 115 milligrammi al giorno.

Recentemente alcuni esperti si sono chiesti se le dosi giornaliere raccomandate debbano essere aumentate.

A titolo di esempio i dosaggi italiani raccomandati sono:

Età LARN Maschi LARN Femmine LARN
6-12 mesi 35 mg 11-14 anni 50 mg 11-14 anni 50 mg
1-3 anni 40 mg 15-17 anni 60 mg 15-17 anni 60 mg
4-6 anni 45 mg 18-29 anni 60 mg 18-29 anni 60 mg
7-10 anni 45 mg 30-59 anni 60 mg 30-49 anni 60 mg
  • Il livello di assunzione massimo tollerabile non è stato determinato per i bambini di 0-12 mesi e la vitamina C in questo gruppo deve provenire solo dall’ alimentazione per evitare dosi eccessive.
  • Per i bambini da 1 a 3 anni è 400 milligrammi al giorno;
  • dai 4 agli 8 anni è 650 milligrammi al giorno;
  • dai 9 ai 13 anni è 1.200 milligrammi al giorno;
  • dai 14 ai 18 anni è 1.000 milligrammi al giorno (incluse donne in gravidanza o in allattamento).

Scorbuto

Per lo scorbuto/deficit nei bambini sono stati usati 100-300 milligrammi al giorno per via orale in dosi separate per due settimane. I bambini più grandi o più grossi possono richiedere dosi più vicine a quelle raccomandate per gli adulti. Se la vitamina C non fosse disponibile può essere usato il succo d’ arancia per lo scorbuto infantile. I sintomi dovrebbero cominciare a migliorare entro 24-48 ore, con risoluzione entro sette giorni . Il trattamento deve essere sotto stretto controllo medico .

Per il deficit asintomatico di vitamina C possono essere usate dosi giornaliere più basse .

Effetti collaterali

I pazienti devono evitare i prodotti a base di vitamina C se sono sensibili o allergici a uno dei loro ingredienti.

La vitamina C è generalmente considerata sicura alle quantità introdotte con la dieta. Gli integratori con vitamina C sono anche generalmente considerati sicuri nella gran parte degli individui alle quantità raccomandate, anche se ci sono effetti avversi riportati raramente comprendenti nausea, vomito, bruciore di stomaco, crampi addominali e mal di testa. Erosione dentale si può verificare con compresse masticabili di vitamina C assunte cronicamente .

Alte dosi di vitamina C sono state associate a multipli effetti collaterali tra cui:

Più raramente

  • vampate di calore,
  • debolezza,
  • vertigini,
  • stanchezza.

Grandi dosi possono indurre emolisi (distruzione delle cellule del sangue) in pazienti con deficit di glucosio 6-fosfato deidrogenasi.

Alte dosi di vitamina C devono essere evitate in persone con condizioni come la cirrosi, la gotta, acidosi tubulare renale o emoglobinuria parossistica notturna.

La vitamina C per via parenterale (iniettata) può causare vertigini, debolezza, malessere nel sito di iniezione e in dosi elevate può portare ad insufficienza renale (problemi di funzionalità renale). In caso di tossicità dovuta a massiva ingestione di vitamina C la diuresi forzata può risultare utile.

Adulti sani che assumono elevate dosi croniche di vitamina C possono mostrare bassi livelli di vitamina nel sangue quando ne interrompono l’assunzione. Per evitare questa potenziale complicazione le persone che stanno assumendo alte dosi e che desiderano ridurre il loro introito devono farlo gradualmente invece che all’ improvviso . Ci sono rari casi di scorbuto dovuti a tolleranza o resistenza che seguono alla sospensione dopo l’uso a lungo termine ad alte dosi, come nei bambini nati da madri che assumevano vitamina C in più durante la gravidanza .

Gravidanza e allattamento

L’assunzione di vitamina C dall’ alimentazione è generalmente considerata sicuro durante la gravidanza, tuttavia non è chiaro se gli integratori con  dosi che superano quelle raccomandate siano sicuri o utili.

Ci sono rari casi di scorbuto dovuti a tolleranza/resistenza nei bambini nati da madri che assumono vitamina C in più durante la gravidanza.

Le nascite pretermine possono aumentare con i supplementi di vitamina C.

La vitamina C si trova nel latte materno, dati limitati suggeriscono che questo possa ridurre il rischio di sviluppare allergie nell’infanzia.

Interazioni

  • La vitamina C può aumentare gli effetti avversi associati all’ assunzione di paracetamolo (Tachipirina) o antiacidi contenenti alluminio come idrossido di alluminio (Maalox®, Gaviscon®).
  • La vitamina C può aumentare i livelli nel sangue e gli effetti avversi dell’aspirina, mentre l’aspirina può ridurre i livelli ematici di vitamina C.
  • Gli effetti della vitamina C possono essere ridotti dai barbiturici come il fenobarbitale (Luminale®).
  • I supplementi possono ridurre i livelli della flufenazina (Moditen Depot®) nell’ organismo.
  • C’ è una limitata evidenza che alte dosi di vitamina C possano ridurre gli effetti avversi della terapia con levodopa come nausea o cattiva coordinazione .
  • I prodotti a base di nicotina come sigarette, sigari, tabacco masticabile o cerotti alla nicotina possano ridurre gli effetti della vitamina C .
  • Estrogeni per via orale possono ridurre gli effetti della vitamina C nell’organismo . Quando assunti insieme la vitamina C può aumentare i livelli nel sangue dell’etinilestradiolo (che è tra l’altro contenuto in molte pillole anticoncezionali).
  • Gli effetti della vitamina C possono essere ridotti dalle tetracicline come la doxiciclina (Bassado®), minociclina (Minocin®) o tetraciclina (Ambramicina®, Tetralysal®).
  • La vitamina C in alte dosi sembra interferire con gli effetti di diluizione del sangue del warfarin(Coumadin®) abbassando il tempo di protrombina (PT), come notato in casi degli anni settanta, anche se non si sono mai osservate complicazion.
  • Alte dosi di vitamina C non sono raccomandate in pazienti con insufficienza renale. Si consiglia cautela durante l’assunzione di vitamina C e farmaci che possono danneggiare i reni a causa di un aumentato rischio.

Interazioni con estratti vegetali ed altri integratori

  • Quando assunti insieme la vitamina C può aumentare l’assorbimento del ferro nel tratto gastrointestinale, anche se questo effetto sembra essere variabile e può non essere clinicamente significativo .
  • La vitamina C può aumentare l’ assorbimento dei supplementi vitaminici.
  • Elevate dosi di vitamina C possono interferire con l’ assorbimento e il metabolismo della vitamina B12.
  • In teoria elevate dosi di vitamina C possono anche interagire con erbe e supplementi con attività ormonale , antibatterica e anticoagulante .

Traduzione ed integrazione a cura di Francesca Giannino


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. davide

    chi ha scritto l’articolo sulla vitamina c oltre che incompetente è anche in malafede… informati meglio prima di scrivere!

    1. admin

      La fonte mi sembra piuttosto affidabile (U.S. National Library of Medicine
      From the National Institutes of Health) e presenta le 252 fonti bibliografiche su cui si basa il testo, ma se volesse segnalare quello che ritiene non corretto (possibilmente con le ricerche che testimoniano gli errori) sarebbe una critica decisamente più costruttiva ed utile.

    2. Anonimo

      Sono concorde… Seppur non sono io la contestatrice, mi permetto di dirle, che lei ha risposto saggiamente all’accisatore.

  2. Alberto R.

    Dopo la pubblicazione del libro di Linus Pauling sul raffreddore comune, furono compiuti parecchi esperimenti in doppio cieco dai risultati eccellenti. Il primo, fatto a Toronto, in Canada (Anderson, Reid e Beaton, 1972), prese in esame 407 soggetti
    che ricevettero acido ascorbico (1 g. al giorno, con un’aggiunta di 3 g. al giorno
    dall’inizio dell’instaurarsi di qualsiasi malattia) e 411 soggetti che ricevettero
    un placebo.
    Lo studio durò quattro mesi. Il numero dei giorni trascorsi forzatamente a
    casa fu del 30 per cento inferiore, per soggetto, nel gruppo che assumeva acido
    ascorbico rispetto a quello che assumeva il placebo; anche le giornate di assenza
    dal lavoro risultarono inferiori del 33 per cento. Gli autori sottolineano che
    queste differenze hanno un alto significato statistico e sono affidabili per il
    99,9 per cento.
    Posso citare parecchi altri studi.
    Dire che vari studi hanno dimostrato che la vit. C non serve a prevenire il raffreddore, senza citare che altri dimostrano il contrario non è corretto. Inoltre bisognerebbe vedere la quantità di vit. C usata negli studi da voi citati: se il dosaggio è basso, è ovvio che la prevenzione è nulla.

    In quanto ai calcoli renali provocati da alte dosi di vit. C, la vostra affermazione è priva di qualsiasi citazione scientifica. Del resto non è segnalato, in tutta la letteratura medica, un SOLO caso di calcolosi renale a causa di assunzione di grandi quantità di acido ascorbico.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      La ringrazio del suo intervento; segnalo per completezza la bibliografia di riferimento dell’articolo originale

      http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/druginfo/natural/1001.html#References

      di cui segnalo i lavori su cui ha costruttivamente segnalato le sue perplessità:

      Rispetto tuttavia la sua posizione, perchè a differenza del precedente intervento è motivato da referenze bibliografiche e costruttivo; la ringrazio ancora.

  3. Nicola

    Purtroppo devo smentire tassativamente molti dei punti citati in questa trattazione della vitamina c, e non per prove scentifiche ma per esperienza personale: con l’assunzione di 3 grammi al giorno di acido L-ascorbico puro frazionato in 5 dosi, nell’arco di 3 giorni mi è scomparsa: stanchezza alle gambe(facevo un minuto di ciclette e sentivo dolori, adesso non più), gastrite(avevo bruciore allo stomaco non appena ingerivo qualsivoglia cibo, oggi niente), senso di affanno e fame d’aria(probabilmente a causa di una lieve infezione bronchiale diagnosticata mediante vari esami, scomparsa anche questa in 3 giorni), senso generale di stanchezza e debolezza(del tutto scomparso), naso perennemente chiuso(incredibile ma mi si è aperto e non ho più difficoltà a respirare) insomma ero messo veramente maluccio prima dell’assunzione, e se non fosse perchè si chiama vitamina C direi che è un miracolo, perchè vi posso garantire che mi ha del tutto rimesso a nuovo, ma la cosa veramente interessante è l’energia che ti ripristina, quando ti pieghi sulle gambe con dei pesi solitamente senti la fatica e un certo dolorino muscolare, oggi veramente niente di niente, il dolore non lo percepisco, sento soltanto i muscoli che si gonfiano. Non credevo potesse avere degli effetti simili, ho iniziato ad assumerla sotto prescrizione del medico quando ha visto lo stato in cui mi trovavo, ma lui aveva prescritto 1 grammo di cebion al giorno, quando sono andato su internet a cercare informazioni su quali benefici mi avrebbe potuto dare la vitamina C ho trovato diversi pareri contradditori, di chi addirittura ne prende oltre 10 grammi al giorno da decenni, e di chi sostiene che 100mg sono anche troppi, alla fine ho deciso di mantenermi nei 3 grammi, la vitamina C è qualcosa di straordinario. Poi non trovate strano che vengano raccomandate dosi inferiori a 100mg e poi producono integratori da 1 grammo? insomma io resto del fatto che ogniuno deve capire quanta ne necessita per stare bene, quando si è individuata la dose corretta credo che vada bene cosi, senza troppe regole… Ci sono veramente migliaia di documenti scentifici che provano l’efficacia di assunzione ad alte dosi, ad esempio la quantità che assume un fumatore non può essere la stessa di un non fumatore, quindi trovo inutile indicare delle RDA quando ogniuno è diverso.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      La ringrazio di cuore per il suo intervento, ogni testimonianza personale mi è utilissima per aumentare la mia esperienza.

      Mi permetto solo di sottolineare alcuni aspetti molto importanti:
      1. La scienza si basa sulla riproducibilità ed è per questo che per affermare che un farmaco funziona o meno serve l’osservazione di più soggetti possibile.
      2. Le testimonianze in rete (“chi addirittura ne prende oltre 10 grammi al giorno da decenni”) vanno prese sempre con le pinze perchè prive di qualsiasi controllo.
      3. Lungi da me voler sminuire l’efficacia nel suo caso, ma gli esperimenti scientifici condotti a regola d’arte prevedono il cosiddetto metodo “del doppio cieco”, per evitare che l’effetto placebo (http://it.wikipedia.org/wiki/Placebo_%28medicina%29) influenzi le conclusioni; nel suo caso potrebbe comunque esserci stata una carenza di fondo a spiegare i benefici riscontrati, quindi questo miei pareri erano tesi a dare un quadro più completo del problema (che come vede è più complesso di quanto sembra) ed assolutamente non a sminuire la sua preziosa testimonianza.

    2. Nicola

      Grazie per la risposta, e condivido quanto afferma, però andando a frugare in rete ho letto diverse pagine in cui si tratta di test effettuati su persone ed animali che hanno assunto notevoli quantitativi di acido l-ascorbico, e gli effetti riparatori pare non siano proprio da sottovalutare, senza necessità di impiegare livelli esagerati, infatti già con 2-3 grammi/dì hanno riscontrato notevoli benefici. Sa ho pensato anch’io di essere carente di vitamina C, però mangio tutti i giorni frutta e verdura (verdura cotta però, ma non meno di 500-600 grammi al giorno) e quindi sinceramente non posso pronunciarmi, ma le giuro che questo pauroso miglioramento avvenuto in soli 3 giorni di assunzione di vitamina C mi ha lasciato veramente sbalordito, io per primo sono scettico, ma avendolo provato su me stesso non posso che dar ragione a chi sostiene l’importanza di non soffermarsi ai classici 80mg giornalieri. Riguardo l’effetto placebo potrei condividere solo nel caso che avessi assunto tale vitamina dopo aver letto i vari documenti, ma la realtà è esattamente l’opposto, sono andato in rete per trovare una spiegazione alla così improvvisa guarigione che ho avuto, guardi mi spiace che lei non possa essere testimone di quello che mi è successo, le garantisco che in vita mia non ho mai provato una situazione simile. Riguardo lo sport mi ha rimesso veramente in forma, e credo proprio che ero molto carente di questa vitamina, ma a maggior ragione ho capito i benefici che apporta se la manteniamo costante nel nostro organismo, e menomale che me ne sono accorto, non me la farò più mancare di sicuro… L’unico effetto collaterale che ho avuto è che ho dormito veramente male e poco, spero si sitemi anche questo (purtroppo già di mio ho problemi di sonno), ma nonostante tutto, il beneficio degli altri problemi ha compensato questo, infatti quando normalmente dormo poco mi sveglio che mi sembra di aver fatto una guerra, sono praticamente distrutto, invece in questo caso non ho accusato alcun malore, se non un pò di sbadigli e voglia di buttarmi nel letto. Adesso andrò avanti ancora prendendo 3 grammi al giorno, a mio rischio e pericolo, e fra qualche settimana darò la mia testimonianza e vedremo se mi gioverà in altre situazioni (anche gastro intestinali, ultimamente problemi anche li…).

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non condivido tutto ma la ringrazio di cuore, testimonianze come la sua, argomentate ed educate, sono utilissime a me ed a tutti i lettori.

      Aspetto ulteriori aggiornamenti.

    4. GIANNI

      SCUSI LEI E’ UN FARMACISTA SE NON CI FOSSERO I FARMACI E CASE FARMACEUTICHE A FARLI LEI NON ESISTEREBBE COME SOGGETTO LAVORATORE ANDREBBE A ZAPPARE LA TERRA E MANGIARE FRUTTA E VERDURA SICURAMENTE SAREBBE UN TIPO SANO E FORSE MA SICURAMENTE CAMPEREBBE OLTRE I 100 ANNI, LEI HA TUTTE LE MOTIVAZIONI DI DECLINARE UN PRODOTTO CHE LA STESSA NATURA CI HA DATO ATTRAVERSO GLI ALIMENTI
      NOI SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO , INVECE LEI E IL SUO BRUFEN O ALTRA SCHIFEZZA CHE DOPO L’ASSUNZIONE COMPORTANO ALTRE MALATTIE E QUINDI SIAMO POI COSTRETTI A PRENDERE ALTRI FARMACI E POI ANCORA ALTRI , ENTRANDO COSI’ IN UN GIRO VIZIOSO E FAR CRESCERE IL TASSO DI INTERESSE DELLE CASE FARMACEUTICHE E ANCHE I SUOI CHE VENDE VELENI.
      BUONA GIORNATA

  4. Roberto

    mi scusi se sarò un po’ crudo ….
    si legga alcuni LIBRI del Dr.RATH , braccio destro del pluri nobel Linus Pauling sulle scoperte inerenti alla Vit C
    poi vada a vedere la lotta che fa alla lobby farmaceutica ….
    è chiaro che poi si scrivono certe cavolate !!!
    le case farmaceutiche hanno tutto l’interesse a tenere malate le persone e non farle guarire , curando con i farmaci i sintomi e non le cause ….
    Vada a vedersi cos’è la medicina cellulare …
    buona lettura !

  5. Maria

    Il mio oculista è convinto che la luteina non ha alcun beneficio, come prevenzione della cataratta e delle degenerazioni visive, se non è supportata da sufficiente dose di Vit. C, anche sotto forma chimica. Personalmente, ho letto in una rivista medico-scientifica che la Vitamina C è salutare solo se è di origine naturale (es.: dall’acerola), mentre è sempre dannosa la supplementazione di Vit. C in forma chimica. Chi ha ragione, chi ha torto? La cosa pare controversa, e non è di poco conto. In base ai suoi studi, Lei che ne pensa? La ringrazio per la cortese risposta.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Quando si parla di integrazione la vitamina C chimicamente è sempre vitamina C, sia che venga sintetizzata in laboratorio sia che venga estratta da una fonte alimentare; a fare la differenza, si pensa, sono invece diverse altre sostanze presenti nella frutta che possono agire solo quando viene consumata quest’ultima.

      http://www.fondazioneveronesi.it/la-tua-salute/alimentazione-le-tappe-della-salute/vitamine-e-antiossidanti-ecco-perch-frutto-batte-pasticca-1-0/1381

    2. Maria

      Dunque, se ho ben compreso, è più utile assumere Vit. C estratta da fonte alimentare (comunque di sicura provenienza, nonchè titolata), per via di quella “differenza” da Lei citata. Grazie, di cuore.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      In realtà non proprio, semplificando è meglio assumere vitamina C consumando gli alimenti che ne sono ricchi, rispetto a qualsiasi integratore.

  6. alice

    buongiorno, la pediatra dei miei due figli, uno di 7 e una di 2 anni, ha prescritto dibase 100.000 iniettabile come rinforzo delle difese immunitarie per la stagione invernale. una fiala al mese. francamente sono un po scettica lei cosa ne pensa? grazie mille

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Che io sappia le proprietà immunostimolanti sono state ipotizzate, ma ancora non dimostrate.

  7. CLARA

    Gentile Dottore,
    le chiedo delucidazioni sulla vitamina c e le varie interazioni con altri cibi. Mi spiego meglio. Sul web, sia nei ricettari che nei siti che parlano di salute, più volte mi sono imbattuta sul caso della ragazza morta da intossicazione fulminante di arsenico, dovuto all’assunzione contemporanea di vitamina c e crostacei (gamberi in particolare).

    Io assumo vitamina c in compresse masticabili che ho acquistato in erboristeria, ma nessuno mi aveva mai dato indicazioni su quali cibi fare attenzione.
    Lei sa quali altri cibi potrebbero creare reazioni negative sul corpo se associate alla vitamina c?

    La ringrazio e buona serata,
    Clara

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Che io sappia assolutamente nessuno, credo si tratti di leggende metropolitane senza alcun fondamento; ha per caso sottomano un link un cui se ne parla?

  8. CLARA

    guardi credo anche io che sia una leggenda metropolitana,tutto era nato da un tam tam dei social network, dopo un recente fatto di cronaca che ne parlava. Mi rincuora il fatto che anche lei sia del mio parere.

    sono riuscita a recuperare questo articolo
    “I gamberi sono molto delicati e piacciono alla gente. Tuttavia se si mangiano i gamberi insieme alla vitamina C, ciò potrebbe provocare un’intossicazione da arsenico.
    Attraverso esperimenti, i ricercatori hanno scoperto che i gamberi contengono una grande quantità dell’elemento chimico arsenico5. Dopo aver mangiato questo elemento l’uomo non ne è danneggiato. Tuttavia dopo aver assunto anche la vitamina C, tale composto chimico di arsenico5 si trasforma in triossido di arsenico, elemento ad alta tossicità, cioè la cosiddetta anidride arseniosa, che può paralizzare i capillari dei vasi sanguigni e causare l’iperemia e l’interruzione della funzione di cuore, fegato, rene e intestino, provocando la morte degli uomini.”

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Grazie per i link.

      Rimango dell’idea che siano voci prive di fondamento.

    2. niko

      BUONGIORNO DOTTORE,
      Volevo chiederle per quanto tempo si puo’ assumere vitamina c…. 90 giorni di fila sono tanti??

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non c’è un limite particolare a dosi normali, anche se personalmente sono dell’idea che sia più utile puntare su quella assunta con la dieta.

    1. Salvatore

      Dottore che contro indicazioni si potrebbero avere se uno a problemi di reflusso grazie della risposta Salvatore

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      La vitamina C è un acido, quindi assunta tal quale potrebbe in linea teoria peggiorare il reflusso; in realtà assunta ai pasti non dovrebbe essere un grosso problema.

  9. luna

    Vorrei sapere se c’è una cura omeopatica per le vampate di calore, che non interferiscano con il coumadin.
    La ringrazio

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      C’è sicuramente, ma non occupandomi di omeopatia non sono in grado di consigliargliela.

  10. lucia

    sto attualmente prendendo il coumadin, ma in questo momento mi sono ammalata, la mia dottoressa mi ah prescritto l’antibiotico veclam 500mg
    in più x la tosse l’areosol di clenil e fluibron, secondo il suo parere non icombo in conrasto del sudetto coumadin. grazie della cortese attenzione, attendo risposta

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      A mio parere (o, meglio, in base alla scheda tecnica dell’antibiotico) Veclam interagisce o può interagire con Coumadin.

  11. lucia

    si può prendere delle gocce x la tosse (paracodina) se sto assumendo il coumadin. Grazie

  12. micio

    è vero che lo zucchero messo nella spremuta d arancia elimina le sue proprietà . Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Assolutamente no, ma quando possibile lo zucchero andrebbe evitato a prescindere.

  13. Anonimo

    se non ricordo male il corpo utilizza irrisorie quantità di vitamine per metabolizzare lo zucchero bianco ma sono dosi molto basse mentre una spremuta ne contiene ben indubbiamente quantità maggiori. Comunque io ho riscontrato benefici dall’assunzione di zinco e rame(125mg die)+ acido ascorbico(3gr die) contro raffreddore, in particolare in concomitanza di basse temperature o sbalzi termici rilevanti.

Lascia un Commento

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.